...

Sangue e Misteri

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

Sangue e Misteri
AVIS &
PRESENTANO:
SANGUE
E
MISTERI
Un gioco di ruolo sulle problematiche degli anni venti e trenta del vecchio secolo
A cura di Cristoni Andrea, Malmusi Enrico, Bruzzi Matteo, Chierici Luca
V1.4.4
Indice analitico
Introduzione........................................................................................................................................3
- Cos'è un gioco di ruolo.....................................................................................................................3
- Premessa............................................................................................................................................4
- Lessico & Abbreviazioni..................................................................................................................5
Ambientazione....................................................................................................................................6
- I Ruggenti Anni Venti......................................................................................................................6
- Il Proibizionismo..............................................................................................................................7
- Il Gangsterismo................................................................................................................................8
- Il Gangster per eccellenza: La Storia di Al Capone......................................................................8
Gli Esordi..........................................................................................................................9
Gli Anni del Successo......................................................................................................9
La Caduta.......................................................................................................................10
La Fine............................................................................................................................11
- La fine del Proibizionismo.............................................................................................................11
- La Storia del Ku Klux Klan..........................................................................................................12
- Il B.O.I.: Bureau Of Investigation................................................................................................18
- La donna negli anni '20.................................................................................................................21
- La nascita di un fenomeno: il Jazz................................................................................................24
- Un Decennio di Storia e Curiosità in pillole.................................................................................27
Il Sistema di Gioco............................................................................................................................28
- Il Sistema Percentuale a Gradi......................................................................................................28
- Come si usa la tabella.....................................................................................................................29
- Creazione del personaggio.............................................................................................................30
Parte descrittiva.............................................................................................................30
Attributi dell'Agente......................................................................................................31
Parti vitali e Punti Benessere........................................................................................32
Le Attitudini...................................................................................................................33
Armi Bianche e da Fuoco..............................................................................................37
- Gestione del gioco: Regole e Affini...............................................................................................38
Il Round e le tipologie di Azioni...................................................................................38
Attributi o Attitudini?...................................................................................................39
L'Agilità e l'Iniziativa....................................................................................................40
Il tiro Freddezza.............................................................................................................41
Bonus e Malus................................................................................................................41
Mirare o colpire alla cieca?...........................................................................................42
Bonus al Danno..............................................................................................................43
Quando soppraggiunge la morte?................................................................................43
L'avanzamento dei personaggi.....................................................................................44
Appendice A – Tabella dell'Equipaggiamento...............................................................................45
Appendice B – Tabella delle Armi..................................................................................................46
Appendice C – Gli Stati Uniti..........................................................................................................47
Appendice D – Avventura Il Vigilantes ........................................................................................48
Bibliografia........................................................................................................................................56
Ringraziamenti..................................................................................................................................57
Scheda del Personaggio....................................................................................................................59
GNU Free Documentation License..................................................................................................60
2
V1.4.4
Introduzione
Cos'è un gioco di ruolo:
Fin da piccoli abbiamo giocato cercando di far finta di essere un'altra persona, come
quando si perdevano interi pomeriggi a guardie e ladri oppure a imitare i cow boy che davano la
caccia agli indiani. In questi casi abbiamo interpretato una figura che non eravamo veramente noi,
un po' come fanno gli attori quando seguendo un copione e le direttive di un regista eseguono quelle
che in un film vengono chiamate parti! Il gioco di ruolo, quindi a differenza di altri giochi di società
o con intenti ludici, permette di affinare l'interpretazione di un ruolo che non ci appartiene per
davvero, come facevamo già da bambini, ma aggiungendo delle regole che permettono di evitare
litigi o discussioni che porterebbero via solo del tempo.
Immaginatevi di essere un soldato nella seconda guerra mondiale, un killer al quale è
stato dato un importante compito da assolvere oppure un'importante spia a livello mondiale che
deve salvare il mondo: voi come vi comportereste? Quali sarebbero le vostre scelte davanti a
problemi che difficilmente vi si potrebbero parare davanti nella vita reale? Il gioco di ruolo
(abbreviato d'ora in poi in Gdr per comodità), quindi da possibilità di interpretare ruoli che sfuggono
alla vita di tutti i giorni, e di sperimentare emozioni stando seduti tranquillamente intorno a un
tavolo con i propri amici... Infatti l'essenza stessa dei gdr è proprio quella di sviluppare
l'interpretazione, la recitazione di una parte che ci inventiamo noi calata in un contesto che potrebbe
essere benissimo quello che più preferite: ogni gdr ha un suo background o ambientazione dove
potrete sviluppare e dipanare le vostre trame (avventure), come succede nel teatro, al cinema, in un
film o in un libro...
Si gioca ai gdr quindi soprattutto per divertirsi e per stare insieme ai propri amici, per
passare dei bei momenti in compagnia di persone che hanno la vostra stessa passione. Chissà quante
volte avrete letto un libro o visto un film che per l'intreccio narrativo vi hanno colpito in maniera
particolarmente vivida, e vi siete detti: <<Ah io avrei agito in maniera differente dal
protagonista...>>; <<Mah secondo me faceva meglio ad assecondarli...>>. Con un gdr potrete
finalmente dire e far fare al vostro protagonista quello che vorreste fare voi. Questo ovviamente non
vuol dire che ogni giocatore possa fare quello che gli pare, ma semplicemente che all'interno di una
ambientazione ci saranno delle regole ben precise che vi spiegheranno cosa potete fare e cosa non
potete fare: immaginatevi un film ambientato nell'antica Grecia in cui la battaglia delle Termopili
fosse stata fatta coi carri armati... Ovviamente c'è qualcosa che non va o che non è stato rispettato, e
a meno che non sapeste già che il regista intendeva fare un fantasy ci rimarreste male: lo stesso vale
per i gdr!
Nel gdr però a differenza di altri giochi non ci sono nè vincitori nè vinti, al massimo
possiamo dire che vince chi si diverte, per ottenere questo risultato bisogna che il gruppo con cui si
abbia intenzione di intraprendere questa sfida vada d'accordo e che si possa avere la disponibilità di
una stanza dove possiate passare del tempo in tutta tranquillità. Occorreranno dei dadi delle matite e
dei fogli dove potrete prendere appunti, e ovviamente tanta fantasia e voglia di fare qualcosa di
diverso. Il gdr è differente dal giocare a guardie e ladri, ovvero non c'è bisogno di corrersi dietro
oppure di impugnare oggetti come facevamo da piccoli, le scene di combattimento quindi basterà
solamente immaginarle, poi sta alla bravura del vostro regista affinché voi non vi annoiate...
Come si fa ad iniziare?
Se siete un gruppo di amici inanzitutto decidete chi tra di voi si debba leggere
completamente questo manuale, apprendendo abbastanza bene le meccaniche di gioco e
3
V1.4.4
l'ambientazione. Questa persona verrà chiamata master ovvero il regista delle vostre avventure, egli
vi aiuterà a creare il vostro alter ego che in questo caso prenderà il nome di personaggio giocante
(d'ora in avanti abbreviato a pg). Il master vi aiuterà nella creazione della scheda del personaggio,
nella quale saranno segnate delle statistiche che vi permetteranno di personalizzare il vostro pg
differenziandolo da quello dei vostri amici. Come nella vita reale ci sono i biondi e i castani, quelli
alti e quelli bassi, così potrete divertirvi a interpretare la parte di un pg completamente differente da
come siete tutti i giorni!
Al master il dovere di dirvi dove ha intenzione di eseguire la sua avventura, di decidere
se per quella che ha in mente ci sono delle limitazioni particolari, per esempio: vorrei che tutto il
gruppo sapesse almeno usare la pistola; vorrei che in questa avventura ci fosse uno molto abile in
fotografia! Al giocatore spetta il compito di dare una storia della vita passata del suo pg, questo
passaggio permette di sentirsi più affine alla vostra creatura: stabilendo chi era nel passato, avrete
delle linee guida per quello che sarà il suo futuro.
Una volta che avrete tirato i dadi per la creazione del pg, deciso che cosa ha fatto nel
passato, e dove sarà ambientata la campagna (una serie di avventure che sono legate tra loro da un
filo conduttore), potete iniziare a giocare. L'interpretazione in molti gdr è importante, e risulta più
gradevole anche per voi se invece di limitarvi a dire: <<Lo guardo e gli dico che non vale nulla>>
dite col vostro master: "Lo fisso negli occhi arrabbiato come non mai e poi dico: <<Esteban non
vali nulla!>>".
Purtroppo le prime volte non sarà così facile come sembra, ma vedrete che più vi
appassionerete al gioco più vi verrà spontaneo comportarvi in scioltezza.
Premessa
Il gioco di ruolo che vi prestate a leggere è un beta: ovvero ancora in fase di
elaborazione presso l'associazione ludica Oltretempo che sta collaborando con l'Avis sezione di
Vignola. Lo scopo di questo progetto è quello di introdurre i ragazzi delle scuole medie fino a
comprendere coloro che vanno all'università, e perché no anche quelli che già lavorano da tempo,
all'interno delle tematiche che l'Avis tratta da tempo: l'alcolismo, la droga, le malattie del sangue
con un metodo puramente ludico. Si cercherà, usando il gioco di ruolo, di calare i giocatori
all'interno di un'epoca che è stata tra le più problematiche del secolo scorso: i cosiddetti ruggenti
anni '20 americani! In questo periodo, dove vigeva la legge del proibizionismo, il caos e la
corruzione dilaganti hanno permesso a persone come Al Capone di diventare uno tra i più famosi
gangster dell'epoca. I ragazzi interpreteranno la parte di agenti del B.O.I.. Il loro compito sarà non
solo quello di risolvere le indagini a loro affidate, ma anche quello di cercare le prove per poter poi
smantellare legalmente questi gruppi mafiosi e i loro loschi traffici.
Cosa serve per giocare?
Per giocare a Sangue e Misteri occorre inizialmente una persona che prendendo il nome
di Master o Arbitro ha il compito di leggere e comprendere questa versione delle regole. Questa
figura ha il compito di creare l'avventura che i giocatori andranno ad affrontare, ma soprattutto è
l'arbitro indiscusso per quanto riguarda la gestione delle regole. Inoltre è sempre lui che decide quali
sono i tiri che dovranno eseguire i giocatori per riuscire nelle varie azioni. Serve poi un gruppo di 56 ragazzi interessati a passare un paio di ore in compagnia, così come un paio di dadi percentuali
(dado a dieci facce, uno con le decine l'altro con le unità), copie per tutti i giocatori della scheda in
fondo al manuale infine matite e gomme. Ora munitevi di molta fantasia: i giochi di ruolo sfruttano
la fantasia di chi crea la storia, ma soprattutto l'immaginazione dei giocatori che aiutati dalla
narrazione del Master, possono decidere quando arriva il loro momento per interagire nella storia.
4
V1.4.4
Esempio di gioco: Luca sta correndo dietro a un teppistello che contrabbandava alcolici, mentre
lo sta inseguendo entrano in un vicolo e il teppista afferra un bidone e lo butta all'indietro. Luca
decide che prova a schivarlo, quindi deve riuscire in un test di Schivare nel quale ha 55%: lancia i
dadi percentuali, ottiene un 37%: è riuscito a evitare il bidone e continua il suo inseguimento!
Il compito dei giocatori e dei loro alter ego, i loro p.g., è quello di smantellare le attività
illegali di Gangster che negli anni 20-30 del vecchio secolo in America, hanno fatto il bello e cattivo
tempo. “Gli Intoccabili” il film gangster del 1987 diretto da Brian De Palma, è un perfetto esempio
di quello che i giocatori si troveranno ad affrontare, riusciranno a smascherare questi traffici illeciti?
Lessico & Abbreviazioni
Attitudini: Sono i valori numerici riferiti a quelle abilità che nel corso della storia del vostro P.g.
avete sviluppato, e più nello specifico servono laddove gli attributi sono troppo poco specifici per
determinare l'esito di un'azione.
Attributi: Sono i valori numerici che definiscono grossolanamente quello che riesce a fare il vostro
P.g., e vi danno anche un'idea di quanto possano essere agili oppure forzuti.
Critico: Particolare tiro del dado che indica un'azione ben riuscita e che ha perfino del miracoloso.
Insomma se fate un critico non potevate fare di meglio, l'azione che volevate interpretare vi è
riuscita al meglio: per farvi un esempio, potreste essere riusciti a colpire con una coltello l'asso di
cuori attaccandolo al muro tra tutte le carte di un mazzo da poker lanciato in aria!
Dadi: La base del gioco. Mentre a Risiko si usano tre dadi a sei facce, con i valori che vanno da
Uno a Sei, qui è richiesto l'utilizzo di due dadi %: due dadi a dieci facce con uno che segna le decine
e uno che segna le unità.
Fumble: Dall'inglese una buona traduzione che rende l'idea potrebbe essere "devastante". A
differenza del Critico è un tiro del dado su un'attitudine del vostro P.g. che non vi è riuscita
particolarmente bene, anzi l'esito dell'azione è stato catastrofico, siete inciampati, o avete mancato
clamorosamente il bersaglio.
G.d.R.: Acronimo che sta per Gioco di Ruolo, abbreviazione usata spesso come sinonimo per
indicare questa stessa attività ludica.
Master: Colui che dirige il gioco e la narrazione è l'arbitro che vi permette di districarvi tra le
regole del presente manuale.
P.g.: Acronimo di Personaggio giocante, l'alter ego del giocatore all'interno del mondo di Sangue e
Misteri.
P.n.g.: Acronimo di Personaggio non giocante, è il master infatti che gestisce tutti quei personaggi
che non sono tenuti dai giocatori. I P.n.g. si distinguono in due differenti tipologie, quelli secondari,
che servono solo da contorno alle storie e quelli primari che sono i veri antagonisti dei P.g..
Scheda del P.g.: Una sorta di carta d'identità del vostro alter ego, riporta principalmente le
caratteristiche e le abilità con le quali riuscite a interagire con la "realtà" dell'avventura.
5
V1.4.4
Ambientazione
I Ruggenti anni Venti
Questo periodo di appena 10 anni (1920 – 1930), è considerato il migliore, sia dagli
storici che dagli economisti, della storia Americana in quanto precede prima la grande depressione
che colpì le borse di tutto il mondo e poi, come tutti sappiamo, lo scoppio della Seconda Guerra
Mondiale. Ci sarebbe da scriverci un tomo sulle innovazioni e su quanto accaduto in questi anni, ma
qua elencheremo solo una serie di avvenimenti che speriamo possano tornarvi utili per capire
meglio l'atmosfera del gdr che andremo a presentare.
La prima cosa che dovete capire è che in quegli anni vigeva la ferrea legge del
Proibizionismo, ma cos'è esattamente? In un periodo di crescente puritanesimo e di una sempre più
vistosa presenza di disordini sociali causati dall'alcol, il 16 gennaio 1919 il Governo degli Stati
Uniti si vide costretto a ratificare, tramite il XVIII emendamento, la legge per cui "la produzione, la
vendita e il trasporto di alcolici viene vietata". L'anno seguente la legge divenne effettiva,
nonostante il massimo dissenso della popolazione, che continuò a far uso di alcolici ritrovandosi in
appositi bar clandestini (chiamati speak-easy).
Fu così che il Proibizionismo fu la culla del fenomeno del Gangsterismo, che si dedicò
al contrabbando di alcolici; i disordini e malumori causati da tale legge spinsero il Governo degli
Stati Uniti a porre, il 05/12/1933 col XXI Emendamento fine all'era del proibizionismo. Detto
questo aspettatevi un'epoca dura, dove i malviventi e i mafiosi cercavano di vendere e di aumentare
al massimo gli introiti di questa redditizio commercio, arrivando anche a casi di rivalità con
sparatorie per le strade dove anche gli innocenti venivano coinvolti.
Nel gioco di ruolo che vi state apprestando a svolgere, fate parte di una forza di polizia
che ha giurisdizione su tutta la nazione: la cosiddetta B.O.I.. Questa misteriosa sigla è quella che
presto diventerà l'attuale F.B.I.! Esattamente i vostri alterego i cosiddetti Personaggi Giocanti,
saranno agenti del B.O.I. a cui già all'epoca e anche storicamente era stato dato il mandato di
controllare e cercare di dare un giro di vite a questo problema dilagante che sembrava non avere
fine. Infatti in quegli anni il B.O.I., come tra l'altro si vede anche nel film degli “Intoccabili”,
collaborava attivamente con la polizia locale e con gli sceriffi per cercare di stanare i ritrovi, ma
soprattutto le bande!
Questo periodo non è solo sparatorie e illegalità: il jazz sta prendendo piede e se prima
era solo limitato nei bar riservati ai neri, ora sta diventando un fenomeno di costume sociale, le
donne da poco possono votare anche loro (risale infatti proprio in questi anni la decisione del
Senato Americano di riconoscere anche a loro tale diritto). Insomma il popolo americano è dentro a
un vero e proprio Boom Economico: appaiono i frigo elettrici, il tostapane, il telefono diventa di uso
comune anche se certe zone rimangono ancora isolate e c'è tanta voglia di divertirsi.
Andiamo a presentare meglio questo decennio, illustrandovi come in soli dieci anni ci
siano così tante cose da cui prendere spunto per le vostre avventure (o campagne), che sicuramente
prima di rimanere a corto di idee avrete percorso in lungo e in largo l'America dei ruggenti anni
Venti.
6
V1.4.4
Il Proibizionismo
Il termine Proibizionismo indica sia un provvedimento che un periodo della storia
Statunitense in cui era legalmente proibito (tramite il XVIII emendamento) produrre, importare,
esportare e vendere bevande alcoliche.
Verso la fine degli anni '10, in un periodo di crescente puritanesimo e su forte pressione
delle così dette società di temperanza (ovvero gruppi religiosi e gruppi politici caratterizzati in
genere da un forte moralismo e fondamentalismo rispetto alle posizioni sostenute: alcuni di questi
erano "Woman's Christian Temperance Union", "Anti-Saloon League", "American
Temperance Society", "Daughters of Temperance", "Prohibition Party", "Scientific
Temperance Federation" e "New York Society for the Suppression of Vice") e di una sempre
più vistosa presenza di disordini sociali causati dall'alcol, il Governo degli Stati Uniti si vide
costretto a ratificare, tramite il XVIII emendamento, la legge per cui "la produzione, la vendita e il
trasporto di alcolici viene vietata".
La "New York Society for the Suppression of Vice", giusto per far capire il clima
dell'epoca, riuscì tramite il suo fondatore Anthony Comstock, dopo anni di pressioni al Congresso
degli Stati Uniti, a far promulgare una legge che proibiva la spedizione a mezzo posta di stampe
erotiche di ogni tipo (libri, riviste, foto, giornali, perfino pubblicazioni riguardo al controllo delle
nascite e testi di biologia che mostrassero rappresentazioni accurate del corpo umano), e addirittura
di corrispondenza epistolare privata con accenni o riferimenti di natura sessuale; vi fu persino un
tentativo di vietare nei musei le statue e i quadri di nudo.
Nello stesso clima di moralismo inviso ad ogni tipo di uso, anche moderato, di qualsiasi
sostanza alterante già nel 1914 venne bandito tramite l'Harrison Narcotics Act l'uso dell'oppio, al
quale si aggiunse il bando sull'alcool tramite il Volstead Act del 1919 e, come già detto, con il
XVIII Emendamento degli Stati Uniti, entrato in vigore il 16 gennaio 1920. La sera del 15 gennaio
in tutti gli Stati Uniti decine migliaia di persone si riversarono nei negozi per fare rifornimento delle
ultime bottiglie legalmente in vendita. Già a mezzanotte e tre quarti del 15 gennaio, a Chicago, una
banda armata assaltò un treno e rapinò un carico di whiskey dal valore di 100.000 dollari, dando
così ufficialmente i natali al contrabbando e al mercato nero sugli alcolici!
Le prime conseguenze logiche della proibizione, di qualunque sostanza, sono infatti la
sua comparsa (spesso in forma adulterata, impura e realmente pericolosa in quanto non soggetta a
controlli sanitari e qualitativi) sul mercato nero relazionato al traffico criminale, oltre al suo
aumento esponenziale di valore in quanto la proibizione sancisce un'apparente rarità del prodotto
che i narcotrafficanti, istituiti in cartelli, mantengono in piedi così come i prezzi standardizzati.
Il Senatore Andrew Volstead, che promosse la legge, dichiarò all'indomani dell'entrata
in vigore della legge sul Proibizionismo: "I quartieri umili presto apparterranno al passato. Le
prigioni e i riformatori resteranno vuoti. Tutti gli uomini cammineranno di nuovo eretti, tutte le
donne sorrideranno e tutti i bambini rideranno. Le porte dell'inferno si sono chiuse per sempre".
Dal giorno successivo il prezzo dell'alcool schizzò alle stelle, facendo nascere il conseguente
mercato nero.
La legge passò nonostante il massimo dissenso della popolazione americana, che
continuò a far uso di alcolici ritrovandosi in appositi bar clandestini (chiamati speak-easy). Nel giro
di quattro anni l'esempio di proibire gli alcolici venne seguito da altri dodici stati e la media
nazionale dei consumi alcolici crollò da ventisette litri a quattro litri a persona. Dopo l'istituzione
del Proibizionismo, infatti, milioni di americani volevano però continuare a bere erano disposti a
pagare quanto richiesto dal mercato nero per farlo; il prezzo degli alcolici aumentava di dieci volte
7
V1.4.4
dopo l'acquisto all'ingrosso in paesi dov'era ancora legale, come il Canada o il Messico, e il
conseguente contrabbando in territorio statunitense. Sovente gli alcolici arrivavano con barche via
mare, altre volte (fenomeno questo che, ad un certo punto, divenne molto diffuso) venivano
direttamente istituiti laboratori clandestini, perfino nei boschi, dove si realizzavano birra o surrogati
del whiskey e di altri superalcolici, chiamati generalmente "Moonshine", adulterati con vari
coloranti e liquidi da taglio. Alla fine del 1920, anno dell'entrata in vigore della legge, nella sola
New York erano presenti 32.000 Speak-easy, contro i soli 15.000 bar legittimi di prima della
proibizione!
Il Gangsterismo
I "ruggenti anni venti" furono indissolubilmente collegati alla nascita del fenomeno noto
come Gangsterismo. Figura di spicco assoluto fu Al Capone: la sua fortuna infatti, così come quella
di molti altri criminali conclamati e non, fu raggiunta tramite i proventi del traffico di alcool,
sfruttando la proibizione e la conseguente crescita esponenziale del prezzo, oltre al fatto che
essendo la sostanza in questione non controllata ed illecita era possibile utilizzare metodi estranei al
comune mercato per imporre il proprio prodotto e/o ottenere condizioni più favorevoli in generale.
All'inizio Capone si rifornisce da importatori della Florida, di New York, di Detroit o
dai distillatori clandestini di Chicago, per poi rivendere gli alcolici agli Speak-easy, questo garantiva
all'esercizio commerciale prezzi più favorevoli e tagliava, a favore dell'offerente, la concorrenza di
altre bande criminali. Anche l'esclusiva, a differenza che nel mercato legale, era ottenuta con mezzi
spesso coercitivi, applicando una legge propria che esulava governo e polizia, la quale tra l'altro
veniva sistematicamente corrotta. Fra le bande iniziarono violenti scontri a colpi di Thompson nelle
strade delle città allo scopo di guadagnare territorio (esattamente come accade oggi fra le bande
legate al narcotraffico); chi avesse voluto entrare nel mercato avrebbe dovuto armarsi e strutturare
un'organizzazione criminale per competere con quelle esistenti.
Si trattava di un giro d'affari nell'ordine dei miliardi di dollari dell'epoca, esentasse;
Capone era il numero uno del business nella città di Chicago, con un accertamento fiscale datato
1927 di oltre cento milioni di dollari (pari all'incredibile somma di circa un miliardo di dollari
odierni). I proventi del "narcotraffico" di Capone vengono reinvestiti in altre attività, legali ed
illegali, vanno a pagare la sua candidatura in politica e il controllo che egli esercitava sul Municipio,
perfino nella figura del Sindaco William "Big Bill" Hale Thompson, Jr., e sulla polizia.
"Ho fatto i soldi fornendo un prodotto richiesto dalla gente. Se questo è illegale, anche
i miei clienti, centinaia di persone della buona società, infrangono la legge. La sola differenza fra
noi è che io vendo e loro comprano. Tutti mi chiamano gangster. Io mi definisco un uomo d'affari",
ebbe a dichiarare Capone durante una delle frequenti interviste che ormai rilasciava come
personaggio pubblico.
Nel 1929 il Congresso votò un ampliamento alla legge sul Proibizionismo: ritenendo
che la stessa non avesse funzionato, per quasi un decennio, a causa della sua blandezza, si approvò
una norma che stabiliva pene detentive anche per chi consumasse alcool, mentre fino a quel
momento erano vietate solo la produzione, l'importazione e la vendita. La teoria era che, se si
arrestava chi beveva, ci sarebbero state meno vittime dell'alcool e dei crimini correlati.
Fino a quel momento, innegabilmente, gli unici che stavano traendo guadagno a vario
titolo dalla proibizione (schema non differente da quanto accade con i moderni proibizionismi),
erano coloro i quali l'avevano concepita e coloro i quali la sfruttavano per evaderla.
Si aprì così una fase di forte belligeranza fra la polizia e le bande criminali, in risposta
8
V1.4.4
ad efferati atti di sangue come la Strage di San Valentino e al conseguente malcontento
dell'opinione pubblica, che iniziava a domandarsi se proibire una sostanza fosse il modo più
razionale per arginare gli eventuali problemi collegati al suo consumo.
Il 14 febbraio 1929, infatti, la banda di Al Capone tese un agguato per sterminare quella
del concorrente Bugs Moran: travestiti da poliziotti i suoi uomini fecero irruzione in un garage al
2122 di North Clark Street, sede del quartier generale della North Side Gang, organizzazione
capeggiata in passato da Dean O'Banion e guidata poi da George "Bugs" Moran, principale
concorrente di "Big Al" nel mercato degli alcolici. Allineati i sette presenti lungo un muro, come per
un normale controllo di polizia, li fucilarono alla schiena. L'episodio resta a tutt'oggi uno dei più
cruenti regolamenti di conti della storia della malavita e destò all'epoca un forte scandalo
nell'opinione pubblica, passata alla storia come la "Strage di San Valentino".
Venne istituito un regime di tolleranza zero nei confronti della "droga" e degli
"spacciatori": la polizia sparava sensazionalisticamente ai barili sui camion, spaccava a
manganellate le bottiglie nei locali sotto gli occhi dei media, ingaggiava frequenti conflitti a fuoco
in strada con i Gangster. Le vittime fra gli agenti furono molte, così come quelle fra i cittadini
inermi, ai quali bastava un gesto equivoco per finire sotto i proiettili della polizia: la Commissione
Wickersham, istituita dal Presidente USA Hoover, documentò decine di casi di vittime civili.
Il Gangster per eccellenza: La Storia di Al Capone
Gli esordi
Figlio di emigranti di Castellammare di Stabia (Napoli), crebbe in un ambiente
degradato. Entrato in conttatto con piccole gang di microcriminalità minorile, fu espulso dalla
scuola dopo aver aggredito e percosso un docente, ed entrò a far parte della banda dei "Five
Pointers" di Frankie Yale.
Fu in questo periodo che gli fu attribuito il soprannome di "Scarface", a causa di una
vistosa cicatrice sulla guancia sinistra. Lavorando per Frankie Yale, Capone fu arrestato una prima
volta per reati contravvenzionali. In seguito uccise due uomini, ma, protetto dall'omertà, non ne fu
mai accusato. Nel 1919, dopo aver gravemente ferito un esponente di una banda rivale, Yale lo
inviò a Chicago, Illinois, per calmare le acque.
Qui nella città che lo vedrà partecipe della sua stessa storia, Al Capone si mise al
servizio di Johnny Torrio, vecchio sodale di Yale nonché nipote di Big Jim Colosimo (altro noto
gangster italo-americano), che gli affidò la gestione delle scommesse clandestine. Presto Capone
sarebbe divenuto il suo braccio destro, acquisendo la gestione di tutte le attività illegali della banda.
In violazione di una lunga tregua, Torrio fu vittima di un attentato perpetrato dalla gang
rivale guidata da Dean O'Banion; gravemente ferito e psicologicamente scosso, il boss passò lo
scettro del potere ad Al Capone con unanime consenso degli interessati (anche della banda rivale),
che lo chiamavano ora "the big fellow".
Gli anni del "successo"
Il "successo" fu tale che alla sovranità sul crimine di Chicago e dintorni Capone poté
presto affiancare anche una posizione di supremazia economica e di potere sulle aree di sua
influenza. Investì infatti parte dei ricavati delle attività illecite in attività del tutto legali, separando
le gestioni contabili e potendo quindi contare su introiti di copertura (ma non meno rilevanti di
quelli originari).
9
V1.4.4
Venuti che erano gli anni del Proibizionismo, la copertura gli consentiva di avere più
agevole accesso agli ambienti istituzionali, nei quali doveva procacciarsi con la corruzione la
protezione politica che consentisse al business degli alcolici di prosperare. Uno dei politici sul suo
libro-paga era il sindaco William "Big Bill" Hale Thompson, Jr., il quale, ad un dato momento, gli
consigliò di lasciare la città.
Chicago era infatti sotto i riflettori di tutta la nazione per il tasso di criminalità e per
l'impudenza ormai leggendaria delle gang, e Capone stesso - sia pure senza che nessuna specifica
accusa gli fosse stata ufficialmente mossa - era popolarmente considerato il maggior responsabile di
questo malsano clima. Capone contribuiva in effetti non poco a rendere la metropoli animata,
ordinando innumerevoli omicidi (spesso di testimoni di crimini) ed anzi avendo ideato per queste
operazioni una tecnica specialistica consistente nel prendere in locazione un appartamento di fronte
alla casa della vittima e facendola colpire con fucili di precisione da selezionati cecchini.
Sempre opera di Capone, che nel frattempo si era trasferito in Florida, fu la cosiddetta
"Strage di San Valentino", con la quale il 14 febbraio del 1929 cinque dei suoi uomini irruppero
travestiti da poliziotti in un garage al 2122 di North Clark Street, sede del quartier generale della
North Side Gang, organizzazione capeggiata in passato da Dean O'Banion e guidata poi da George
"Bugs" Moran, principale concorrente di "Big Al" nel mercato degli spiriti; allineati i sette presenti
lungo un muro, come per un normale controllo di polizia, li fucilarono alla schiena. L'episodio resta
a tutt'oggi uno dei più cruenti regolamenti di conti della storia della malavita.
Ad alimentare però una certa mitologia di Capone, vennero alcune iniziative che si
sarebbero potute dire demagogiche, sebbene pare che effettivamente fossero mosse da animo
sincero: la gravissima crisi economica del 1929 aveva spinto sul lastrico milioni di statunitensi,
letteralmente costretti alla fame, e Capone ordinò alle sue aziende "lecite" della ristorazione e
dell'abbigliamento di distribuire gratis cibi e vestiti a chi ne avesse bisogno. Ciò non evitava che
l'espansione del suo impero criminale proseguisse con violenza, addirittura con l'acquisizione
armata di nuovi insediamenti come il suburbio di Forest View, subito popolarmente rinominato in
"Caponeville", nel quale gli uomini della sua gang giravano armati per le strade quasi fossero una
forza di polizia. Qui, sempre nel 1929, lo stesso Capone fu arrestato per possesso illegale di un'arma
da fuoco.
La caduta
Nel 1930 Al Capone, che da poco era entrato nella lista dei maggiori ricercati dell'FBI,
fu dichiarato "nemico pubblico numero 1" della città di Chicago. Studiando il modo di
neutralizzarlo, visto che non si riusciva ad attribuirgli crimini diretti per la sua esperta capacità di
organizzarli (oltre che per la protezione omertosa, per cui era sempre munito di alibi), si dibatté
negli Stati Uniti circa l'opportunità di tassare i redditi provenienti da attività illecita.
Ottenuto l'avallo legislativo, si assegnò al caso una squadra di agenti federali del
Dipartimento del Tesoro, comandata da Eliot Ness e composta da un pool di super-esperti e
incorruttibili funzionari che si erano guadagnati il nomignolo di "Intoccabili". Questi si misero alle
costole di Capone analizzando ogni più piccolo movimento finanziario sospetto, ma Capone non
aveva nulla di intestato, agiva sempre con prestanome e le contabilità illecite erano gestite con
cifrari, perciò il boss restava sufficientemente tranquillo.
Finché non si trovò, per caso, un piccolo fogliettino nel quale il nome di Capone era
citato. Fu la chiave di volta dell'intera operazione, potendo quel piccolo errore essere sfruttato per
porre in collegamento fra loro molte altre prove raccolte ed allestendo quindi un piano accusatorio
alquanto vasto, tradottosi nel rinvio a giudizio per evasione fiscale, con 23 capi d'accusa. La difesa
10
V1.4.4
di Capone propose un patteggiamento, che fu però rifiutato dal giudice. Provò allora a corrompere la
giuria popolare, e forse stava riuscendo nell'intento, ma questa fu sostituita all'ultimo momento, la
sera prima del processo, da una completamente nuova. La nuova giuria lo giudicò colpevole solo di
una parte dei reati ascrittigli, comunque abbastanza perché gli fosse irrogata una condanna a 11 anni
di carcere ed una multa pesantissima.
La fine
Inviato ad Atlanta, Georgia, dov'era forse la più dura delle carceri statunitensi, Capone
vi si accomodò senza grandi fastidi, ottenendo con la corruzione lussi e privilegi e, di fatto, la
possibilità di continuare a governare i suoi interessi anche dalla reclusione. Per questo fu poi inviato
ad Alcatraz, dove la gestione fu più seria, tutti i contatti con l'esterno vennero davvero interrotti e
Capone non ebbe altra speranza che i benefici per la buona condotta; diventò così un detenuto
modello, evitando di farsi coinvolgere in rivolte ed isolandosi dagli altri detenuti.
Fu ad Alcatraz che gli furono diagnosticati i primi segni di una forma di demenza
causata dalla sifilide, precedentemente contratta, e fu internato in una struttura ospedaliera
carceraria. Liberato nel 1939, dopo un supplemento di cure presso un ospedale, si ritirò in Florida
dove l'incedere del problema mentale gli impedì di seguire le sue originarie attività. Molti pensano
invece che la sua precoce fine fu dettata dallo scotto per la sconfitta subita e dunque da un suo
conseguente blocco mentale che gli impedì di proseguire la sua attività criminale. Nel 1947 ebbe un
colpo apoplettico e dopo una breve agonia morì di arresto cardiaco.
La fine del Proibizionismo
I più grossi finanziatori dell'"Anti-Saloon League", coloro che apportarono i maggiori
capitali e quindi consentirono all'istituzione di poter fare pressioni sul Congresso, ossia Henry
Bourne Joy della casa automobilistica Packard ed il magnate del petrolio John D. Rockefeller,
passarono dalla parte del movimento per la fine del Proibizionismo. Ciò fu determinato dal fatto che
chi voleva bere, dopo l'entrata in vigore del Proibizionismo, poteva tranquillamente farlo ancora; i
lavoratori scarsamente produttivi a causa dell'alcool lo erano ancora meno a causa dei beveroni
adulterati che ingerivano (è dovuta al Proibizionismo, ad esempio, l'insorgenza dell'avvelenamento
da alcool del legno); tramite la proibizione e il relativo decuplicarsi dei prezzi correlato al mercato
nero, i cittadini spendevano per bere molti più soldi di prima.
Joy e Rockefeller uscirono quindi dalla Anti-Saloon League e confluirono nella neonata
"Association Against the Prohibition Emendament". Joy ebbe a dichiarare "Ho fatto un errore.
Mi sono stupidamente sbagliato. L'America deve aprire gli occhi". Inizialmente infatti questi
magnanti erano a favore della legge in quanto pensavano che vietando non solo l'alcol, ma anche
tutte quelle sostanze che alterano i sensi, gli operai non avrebbero potuto bere prima di lavorare o
sul posto di lavoro, aumentando e rendendo così più efficiente la produttività; inoltre e perché
avrebbero speso i loro soldi in beni prodotti dalle imprese, piuttosto che sperperarli nei bar!
Altro motivo fondamentale per il cambio fronte dei grossi imprenditori, oltre al
riscontro delle incoerenze della proibizione, fu che il Governo degli Stati Uniti, avendo perso
svariati miliardi di dollari l'anno con la cancellazione della tassazione sulle bevande alcoliche, fu
costretto ad istituire una nuova tassa che penalizzava le grandi imprese e i contribuenti più ricchi.
Passarono così al fronte antiproibizionista anche colossi come la dirigenza di General Motors e il
presidente della banca J.P. Morgan Guarantee Trust Co., Charles Hamilton Sabin. Cosa non si fa
quando ti tassano le tue di tasche!
11
V1.4.4
La moglie di Charles Hamilton Sabin, Pauline Morton Sabin, fu una grande sostenitrice
della Temperanza, affermando: "Sono favorevole pensando ai miei ragazzi. Penso che un mondo
senza liquori sarebbe un bel mondo".
Dopo l'esplosione degli Speak-easy e del Whiskey, più pratico da trasportare della meno
potente birra nelle neonate fiaschette da tasca, molte donne iniziarono a cambiare idea. Nel maggio
1929 la Sabin organizza un incontro presso un albergo di Chicago, rivolto a mogli e madri di
famiglie dell'alta società; in quell'occasione dichiarò: "Non vogliamo che i nostri ragazzi crescano
nell'atmosfera degli Speak-easy. Prima del proibizionismo i miei figli non avevano accesso
all'alcool, ora lo trovano ovunque". Da quell'esperienza nacque la WONPR, Women Organization
for National Prohibition Reform, lega antiproibizionista che dopo due anni contava 300.000
adesioni, dopo quattro anni un milione e mezzo.
La Sabin tiene perfino un discorso al Congresso degli Stati Uniti, dove viene applaudita
da tutti i Parlamentari, molti dei quali, avendo raggiunto quella posizione tramite le Società di
Temperanza, non osavano parlare contro la proibizione per quanto convinti della sua erroneità e
pericolosità sociale. Il Presidente Hoover, eletto nel 1928, non vuole prendersi la responsabilità di
abrogare la legge, limitandosi ad istituire la Commissione Wickersham per indagare sui risultati
della proibizione. Bisognerà aspettare Roosvelt che, nella campagna elettorale del 1932, dichiarerà
di voler cancellare il Proibizionismo, ottenendo in questo modo l'appoggio della Sabin e di tutto
l'elettorato ad essa collegato.
Alle ore 17.27 di martedì 5 dicembre 1933, viene sancita la fine del XVIII
Emendamento e del Volstead Act: milioni di Americani si precipitarono ad acquistare l'alcool
liberalizzato e regolarmente tassato, facendo impennare le entrate del Governo: vengono creati circa
un milione di posti di lavoro collegati all'industria degli alcolici. Migliaia di affiliati a bande
criminali correlate al mercato nero dell'alcool videro andare in fumo, da un giorno all'altro, un
business da miliardi di dollari!
La storia del Ku Klux Klan
Un'altra piaga sociale che imperversò in questo decennio (oltre al gangsterismo), fu
l'attività di un'organizzazione che, volendo negare i diritti inalienabili di parità sociale e di libertà
dei neri d'America, compì stragi e abusi, per impedire che questa equità si realizzasse. Il Ku Klux
Klan è un'organizzazione che accentra in sé tutto il razzismo dell'epoca, e la voglia di una parte del
popolo americano, specialmente dei ceti più abbienti e medio borghesi, di emarginare chi è diverso
da loro. Questa setta vera e propria esalta, come solo il Nazismo in Germania fu in grado di fare,
l'egemonia e la purezza della razza bianca, e per queste motivazioni è una delle pagine più buie
della storia americana. In questo gruppo che arriverà ad avere anche potere politico, tale da
permettere loro anche una sorta di impunità per le loro azioni, esoterismo, rituali di iniziazione,
croci infuocate e cappucci bianchi si mescolano in una potente miscela di razzismo non solo contro
i neri, ma contro tutte le minoranze che approdano in quegli anni negli Stati Uniti.
Per capire al meglio questa follia, questo gruppo nato, quasi per scherzo, subito dopo la
guerra di secessione, come valvola di sfogo per i giovani soldati suddisti delusi e sconfitti, bisogna
partire da veramente molto lontano. Ma andiamo a vedere com'è nato il tutto.
Tutto comincia il 24 dicembre 1865 a Pulaski, una cittadina del Tennessee. Sei giovani,
tutti "campioni" della buona borghesia agraria della società sudista ed ex ufficiali dell'esercito
confederato, si riuniscono nello studio del giudice Jones, padre di Calvin uno del gruppo. Gli altri
convenuti si chiamano John Kennedy, John Lester, James Crowe, Richard Reed e Frank Cord. Nella
riunione i giovani ufficializzano in un atto fondativo la nascita di una confraternita segreta. Dopo
12
V1.4.4
pochi giorni una seconda riunione, tenutasi in quello stesso studio che diventerà il primo "den"
(covo) della confraternita, battezza "la società segreta". Kennedy, Lester e Crowe propongono di
chiamare l'organizzazione segreta "Ku Klux", una libera traslitterazione del greco "Kωklos", che
significa cerchio, per estensione circolo, gruppo (il nome Ku-Klux-Klan potrebbe essere anche
un'onomatopea. Esso indica il rumore del fucile quando si prepara il colpo in canna). Tutti
concordano su quel nome, si decide però di aggiungere il termine "Klan" (clan con la K per
assimilazione), sembra in omaggio alla massoneria scozzese (proprio nella massoneria di rito
scozzese degli alti gradi il 33° grado vi era simboleggiato dall'undicesima lettera dell'alfabeto
ripetuta tre volte: k k k = 11+11+11).
Il principale passatempo della congrega diventa la beffa, l'insulto e il macabro scherzo
all'odiato "negro". Cominciano così col mascherarsi con tuniche e cappucci a punta bianchi e, con
cavalli bardati come ad un torneo medievale, iniziano a sfilare per le vie della loro sonnolenta
cittadina seminando il panico fra i superstiziosi neri del luogo. Già alla loro prima uscita notturna lo
spettacolo improvvisato dai sei giovani ha un'enorme risonanza tra le duemila anime della cittadina
di Pulaski. Da questo momento quasi tutte le notti della sonnolenta cittadina si riempiono di sfilate
di cavalieri bianchi al galoppo, di fantasmi e di spiriti di morti che all'improvviso appaiono davanti
alle case della gente di colore del luogo. Eccitati dai successi delle parate, i sei "immortali"
decidono di trasformare i loro "scherzi" in veri e propri atti di intimidazione nei confronti dei neri.
Dopo un altro paio di scherzi la piccola congrega dei cavalieri bianchi passa alle intimidazioni:
bastava che un nero guardasse una ragazza bianca o rispondesse in modo irriverente ad un bianco,
che subito scattava la punizione.
La segretezza della setta e i rituali misteriosi iniziarono ad esercitare un fascino
irresistibile tra i bianchi, specialmente tra quelli più direttamente toccati dall'abolizione della
schiavitù. Col passare del tempo, infatti, dall'iniziale gruppetto composto da sei persone si uniscono
altri klansmen e nuovi "den" iniziano a sorgere nei paesi vicini. Non sapendo chi fossero i primi
klansmen, ogni nuovo covo si sentì libero di fondare la propria loggia con propri regolamenti e
proprie finalità. Nell'aprile del 1867, nella stanza numero 10 del Maxwell House Hotel di Nashville,
il Ku Klux Klan conobbe il suo storico battesimo sotto gli auspici del suo primo vero grande capo,
l'ex generale confederato Nathan Bedford Forrest, che assunse il titolo di "Gran Wizard".
La comparsa di questo losco individuo fece compiere alla congregazione il suo salto di
qualità. Nathan Bedford Forrest era stato un generale della cavalleria confederata, ma prima ancora
era stato un trafficante di schiavi. Finita la guerra americana si era integrato perfettamente
nell'aristocrazia delle piantagioni. Alto e con la barba nera, era divenuto famoso perchè accusato del
feroce massacro di Fort Pillow, in cui furono sterminate le truppe di colore fatte prigioniere nella
battaglia. Razzista di costituzione, egli non digerì mai l'abolizione della schiavitù, ma soprattutto
non assimilò mai il principio per cui i neri rappresentassero i bianchi nelle legislature del Sud. Al
primo congresso del Klan la struttura dell'organizzazione fu organizzata in "Reami" (uno per ogni
Stato), governati da un "Gran Dragone" e con otto "Idre". I "Reami", a loro volta, si suddividevano
in "Distretti", alle dirette dipendenze di un "Gran Gigante" assistito da quattro "Folletti", e poi in
"Den" in cui dirigeva un "Gran Ciclope" coadiuvato da due "Falchi della notte".
Alla fine del 1867 la congregazione contava già oltre 550.000 adepti, quasi la totalità dei
maschi adulti del Sud degli Stati Uniti. Il Klan si era soprattutto ramificato in Florida, Georgia,
Carolina del Sud, Louisiana, Alabama, Mississippi, arrivando sino al Texas e Arkansas. Col passare
del tempo gli scopi del Klan divengono più precisi. Lo statuto della congregazione già prevedeva
che scopo dell'organizzazione segreta doveva essere quello di aiutare le vedove e gli orfani dei
soldati confederati caduti in guerra:
<< Io, di fronte all'immacolato Giudice del Cielo e della Terra, e sui Santi evangelisti di Dio Onnipotente,
di mia libera volontà e iniziativa, aderisco ai seguenti sacri e imprescindibili obblighi:
13
V1.4.4
1. siamo dalla parte della Giustizia, dell'Umanità e della Libertà costituzionale come lasciata a noi in
eredità dai nostri Padri nella sua purezza;
2. contrastiamo e rifiutiamo i principi del partito (repubblicano) radicale;
3. promettiamo vicendevole mutuo soccorso in malattia, difficoltà e disagio economico;
4. le amiche donne, le vedove e le loro famiglie riceveranno sempre il nostro particolare riguardo e la
nostra tutela.
Se un qualsiasi membro dovesse divulgare o causare la diffusione di una qualunque delle suddette
promesse, incorrerà nel destino del traditore in un terribile castigo, ossia: Morte! Morte! Morte! >>.
A parte queste "promesse", in realtà gli obiettivi dell'organizzazione erano tutt'altro che
caritatevoli: essere sì solidali con le vittime degli "Unionisti", ma soprattutto mantenere la
supremazia della "razza" bianca, colpita nell'orgoglio dalle leggi sull'abolizione della schiavitù dei
neri. Il primo congresso del Klan si pose tre obiettivi politici concreti e inderogabili:
–
rovesciare le amministrazioni locali appena elette, impedire ai neri di andare a votare;
ostacolare i cosiddetti "carpetbaggers", ossia gli americani del Nord che andavano al Sud per
reclutare manodopera.
–
Nella logica perversa del Klan, l'unico modo per assolvere questi compiti era il ricorso
al terrore e alla violenza. Linciaggi, stupri, torture (la più praticata era quella di marchiare a fuoco
tre "K" sulla spalla della vittima), impiccagioni, incendi di case e scuole per i neri, passarono
all'ordine del giorno. Ora, visto che i cavalieri del Ku Klux Klan erano mascherati, nulla risultò più
semplice che incolpare i neri dei delitti commessi dalla confraternita: la copertura del volto delegava
qualsiasi responsabilità. E' impossibile stabilire con precisione il numero dei delitti commessi dal
primo Ku Klux Klan: chiunque poteva indossare un cappuccio e vendicarsi di qualcuno.
Ufficialmente si è a conoscenza solo di alcuni dati stabiliti dalla commissione di indagine aperta dal
Senato degli Stati Uniti. Dal rapporto della commissione si evince che la Carolina del Sud e la
Florida furono i due epicentri dell'attività terroristica del Klan. Nella Carolina del Sud la
commissione verificò che in nove contee, nell'arco di sei mesi, la confraternita degli incappucciati
aveva linciato e assassinato trentacinque persone di colore, mentre aveva picchiato fino a trecento
altri neri e insultato, ferito, mutilato o stuprato altre cento uomini e donne della comunità di colore.
I neri si difendevano come potevano, arrivando ad ammazzare solo quattro bianchi, mentre sedici
furono malmenati. Nessun caso di stupro di donne bianche ad opera di neri fu segnalato dalla
commissione al Senato.
Anche Nathan Bedford Forrest, il "Gran Wizard" dell' "Impero Invisibile" comparve
dinanzi alla commissione del Senato che indagava sul Klan. Egli non ammise di essere il capo della
congregazione o di farne parte, tuttavia nel suo interrogatorio ammise la sua convinzione sulla
legittimità degli scopi del Klan. Con una faccia tosta pari alla sua bassezza morale, affermò a chi lo
interrogava: «C'è una grande insicurezza nella gente del Sud. Moltissimi uomini del Nord arrivano e
creano alleanze in tutto il Paese. I negri tengono riunioni segrete notturne e vanno in giro a turbare
la quiete, stanno diventando molto insolenti e la gente del Sud è molto allarmata. [...]. Alcuni di
questi negri hanno violentato delle signore e dopo essere stati processati e rinchiusi nel penitenziario
sono stati liberati in pochi giorni. C'è molta insicurezza nel Paese, e credo che quest'organizzazione
[il Ku Klux Klan] sia sorta per proteggere il debole, senza alcuna intenzione politica». Con molta
arroganza Forrest aveva difeso e giustificato la confraternita degli incappucciati, con molta codardia
si dichiarava estraneo all'organizzazione.
Di fronte all'ondata di crimini xenofobi e anticostituzionali commessi dai klansmen, il
Congresso degli Stati Uniti prese una serie di provvedimenti legislativi noti come "Ku Klux Act",
14
V1.4.4
approvati per placare il razzismo e difendere i diritti civili della gente di colore. Tra le altre azioni
del Congresso fu istituito anche il "Freedmen's Bureau", un organismo specifico per aiutare gli ex
schiavi nel reinserimento nella società. Anche molte istituzioni religiose fornirono assistenza agli ex
schiavi, la più nota era l'American Missionari Association, che forniva maestri e scuole per i neri
americani. Chiaramente queste ultime due istituzioni furono le più bersagliate dal Klan, perchè
impersonavano l'esatto opposto della politica razzista della congregazione dei cavalieri mascherati.
Nonostante il Congresso americano facesse intervenire anche le truppe federali a difesa
dei neri e della Costituzione statunitense, la violenza gratuita del Klan non cessò. Lo stesso Forrest
aveva perso il controllo del Klan, o forse non l'aveva mai avuto. Così, appena il "Gran Wizard"
decretò lo scioglimento della confraternita la violenza dei membri del Klan, sdegnati da questa
decisione, non ebbe freni. Il Congresso statunitense e il presidente americano Ulysses Simpson
Grant allora decisero il ricorso alla legge marziale e, grazie a questa mossa, il Klan iniziò ad
accusare il colpo cominciando a sfaldarsi. Quello che comunque concedeva una "certa" vittoria alla
congregazione e, quindi, annullava le motivazioni ideologiche che permettevano al Klan di
sopravvivere, arrivò proprio dal presidente degli Stati Uniti d'America. Infatti, nel 1866 il presidente
Andrew Johnson aveva bloccato con un veto il "Civil Rights Bill" che avrebbe garantito
definitivamente ai neri d'America il loro diritto al voto (occorrerà aspettare un altro secolo per veder
attuati definitivamente in legge quei diritti civili negati alla gente di colore!). Nel 1871 il Klan come
istituzione, o meglio come sigla condivisa, scomparve. Il razzismo, invece, continuò a sopravvivere.
Nel 1915 il Ku Klux Klan risorse. A guidarlo fu il figlio di un ex klansmen, ex soldato,
ex "apprendista pastore" della Chiesa metodista ed ex venditore di giarrettiere da donna
dell'Alabama: William Joseph Simmons. L'atto che consacrò la rinascita della congregazione arrivò
la notte del "Giorno del Ringraziamento" del 1915. Quella notte Simmons, con una quindicina di
adepti, salì sulla cima della Stone Mountain, una grossa collina situata nei pressi di Atlanta e
nell'oscurità della notte bruciò una grossa croce posizionata di fianco a un grezzo altare di pietra su
cui aveva appoggiato la bandiera americana, una Bibbia aperta, una spada ed una borraccia d'acqua
di fiume "sacro". Da questo momento la croce in fiamme entra a far parte dell'iconografia del Ku
Klux Klan. In quella stessa notte Simmons si autoproclamò "Gran Wizard dell'Impero Invisibile",
obbligando gli adepti presenti a quella cerimonia a prestare giuramento di fedeltà a lui e al redivivo
Ku Klux Klan. Il giuramento consisteva in nove domande e segnerà tutta la storia del redivivo Ku
Klux Klan. Le domande ai gli adepti dovevano rispondere affermativamente ed erano
approssimativamente queste:
Sei un bianco, nativo americano e cittadino americano?
Sarai ambiziosio così tanto da mostrarti serio e non egoista?
Sarai assolutamente contrario a tutto quello che è estraneo alla cultura americana?
Stimi gli Stati Uniti d'America e le sue relative istituzioni al di sopra di qualunque altro governo?
Farai rispettare la supremazia degli Stati Uniti d'America?
Credi nei principi del Klan e sarai fedele alle sue direttive ed agli altri klansmen?
Credi nella supremazia della "razza bianca" e ti prodigherai per tenerla sempre altra?
Accetti tutti gli usi e costumi del Klan?
Obbedirai fedelmente a quanto i dirigenti del Klan ti comanderanno?
Ammaliato dalla magia della lettera "K", Simmons la utilizzò come portafortuna in tutte
le parole relative al Klan: una riunione della congregazione era chiamata "Klonvokation", ed era
presieduta da un "Kloncilium"; un covo locale era invece chiamato "Klavern", governato da un
"Gran Ciklope" (presidente) e gestito da un "Kaliff" (vicepresidente), un "Klokard" (conferenziere),
un "Kludd" (cappellano), un "Kligrapp" (segretario), un "Klabee" (tesoriere), un "Kladd" (maestro
delle cerimonie), e con diversi "Klager" (sentinelle interne) e "Klexter" (sentinelle esterne) e, infine,
un "Klokann" (comitato interno). Il contributo di adesione che i novelli klansmen dovevano pagare
era chiamato "klecktoken". Molti si convinsero che i problemi economici e di sicurezza pubblica
15
V1.4.4
fossero legati alla presenza dei neri, degli ebrei e di altre minoranze presenti nel Paese. Alcuni
aderirono subito all'iniziativa di Simmons. Inizialmente, però, il nuovo Klan non ebbe notevole
"successo", attirando poche migliaia di seguaci. Quando la confraternita stava sul punto di
autoestinguersi, Simmons incontrò due loschi personaggi che cambiarono il corso degli eventi:
Edward Young Clarke e la sua amante Elizabeth Tyler. Nel 1920 il trio decise di attuare
un'operazione di marketing in grande stile per rinsaldare l'organizzazione.
La prima trovata fu la pubblicazione di un libro-manifesto ideologico della congrega, il
"Kloran"; la seconda fu quella relativa alla vendita di "acqua d'iniziazione di fiume sacro".
Quest'ultima trovata fu dichiarata indispensabile per entrare a far parte del Klan, poichè nel
cerimoniale d'iniziazione l'adepto si doveva bagnare con questo liquido "speciale" (una specie del
rito del battesimo). L'acqua fu venduta a dieci dollari l'ampolla. Calcolando che ogni klansmen
doveva necessariamente acquistare il "Kloran" e l' "acqua di fiume sacro" e che nel giro di dieci anni
il Klan arrivò a contare oltre due milioni di iscritti, si può ben comprendere la fortuna che il trio
riuscì a mettere da parte. Il meccanismo di reclutamento di adepti alla setta era piuttosto semplice:
prima si inviavano esperti oratori pseudo ministri di culto della Chiesa Cristiana Battista ad
annunciare la prossima Apocalisse. Dopo una battente propaganda arrivava lui, il "Gran Wizard"
William Simmons, che chiedeva a quei creduloni di arruolarsi nella propria "milizia" formata da
cavalieri bianchi e cristiani in vista dell'imminente battaglia contro il male.
Negli anni Venti del Novecento, tra il Ku Klux Klan e alcuni circoli tedeschi di estrema
destra si stabiliscono rapporti di scambio e d collaborazione all'insegna del razzismo anti-nero e
anti-ebraico. Ma fu una collaborazione solo teorica, anche se effettivamente una loggia del Klan
viene fondata in Germania, anche se non si tratta di un evento molto significativo. Il nuovo
governatore del Klan organizza la congregazione scrivendo anche un particolare giuramento che
l'adepto doveva recitare, che si concludeva grossomodo così:
<< Se, tuttavia, denuncio pubblicamente gli obiettivi di questo sacro ordine, diverrò vittima della
vendetta del Klan. Tutte le mie ossa saranno rotte, i miei occhi saranno cavati e il mio corpo
scomposto e gettato >>.
La scenografia utilizzata nelle adunate comprendeva una bandiera imperiale tedesca e
uno stiletto (pugnale corto) appoggiati su di un grezzo altare e una fonte d'acqua dove gli adepti si
bagnavano il capo. Le cerimonie di iniziazione sono tenute nelle foreste o su colline lontane dalle
città. Nei pensieri perversi e razzisti del nuovo Ku Klux Klan c'era la lotta a tutto ciò che era alieno
alla tradizionale cultura del nordamerica, insomma tutto ciò che minacciava "la purezza americana":
quindi, oltre ai neri (ora rappresentati dalla "National Association for the Advancement of the
Colored People"), anche ebrei, cattolici, immigrati di ogni origine (specie italiani, poichè nella
contorta logica del Klan facevano parte di una congiura papista per la conquista degli Stati Uniti
d'America), socialisti e comunisti.
A questo punto si aggiunse alla "comitiva" formata da Simmons-Clarke-Tyler un altro
losco individuo: un grasso dentista texano di nome Hiram Wesley Evans. Da questo momento
(siamo nel 1923) il secondo Ku Klux Klan visse un grande momento di gloria e successo (anche se
in negativo per chi ragiona!) sino al 1939. Evans fu nominato da Simmons "Kligrapp generale", una
sorta di segretario generale dell'organizzazione. Nel giro di poco tempo Evans relegò Simmons ad
un ruolo puramente nominale di "Gran Wizard Imperiale", sbarazzandosi anche di Clarke e della
signora Tyler, ormai nei guai per contrabbando di whisky e per aver turbato l'ordine pubblico (in
pratica furono sorpresi insieme seminudi e completamente ubriachi).
Il nuovo segretario generale organizzò il Klan a sua misura ed immagine, trasformando
la confraternita da una setta patriottica in un partito in grado di acquisire potere politico ed
esercitare pressioni sul sistema democratico statunitense. Nel 1923 Evans arrivò persino a far
16
V1.4.4
marciare pubblicamente per le strade di Kolomo, nel "nordico" Stato dell'Indiana, centinaia di
migliaia di persone incappucciate. Klansmen arrivarono sino al Senato e persino alla carica di
Governatore in diversi Stati.
Il secondo Ku Klux Klan poteva ancora definirsi segreto, ma in realtà non fu mai
un'organizzazione esclusiva poichè i nomi degli iscritti erano noti e facilmente appurabili. Le stesse
decisioni prese dai "Kloncilium" portavano i membri del Klan a farsi riconoscere. Ad esempio: una
misura ripetutamente adottata dalla setta fu quella del boicottaggio economico. In pratica alle
riunioni venivano indicati i negozianti sgraditi e per questo boicottati sino all'uscita dal commercio,
oppure nelle vetrine dei negozi degli adepti del Klan veniva ben esposto un cartello con su scritto
"TWK" ("Trade with Klan") per esortare i membri della confraternita a trattare affari solo tra di
loro. La relativa ricercatezza del secondo Klan non impedì, comunque, che fossero commessi
crudeli manifestazioni di razzismo, come omicidi, linciaggi ed altre violenze gratuite. Anzi,
l'insuccesso del disegno napoleonico di Evans va addossato proprio alla condotta criminale dei
dirigenti dell'organizzazione, coinvolti in ogni tipo di reato, dalla ricettazione e contrabbando allo
stupro. Così, dopo milioni di adesioni, arrivarono ogni giorno migliaia di defezioni.
Il caso più eloquente della condotta criminale dei dirigenti del Klan, ma anche del potere
che si acquisiva entrando a far parte della confraternita, è forse quello di David Stephenson, "Gran
Dragone" dello Stato dell'Indiana e di altri quattordici Stati. Nel 1920 Simmons incaricò Joe
Huffington di organizzare il Klan nello Stato dell'Indiana. Huffington stabilì il suo quartier generale
a Evansville, reclutando un giovane commesso, David Curtis Stephenson, come suo aiutante. Da
commesso di legnami per la L.G. Julian Coal Company, Stephenson riuscì, grazie al suo carisma, ad
acquisire potere all'interno del Klan, tanto da essere nominato nel 1922 "Gran Dragone" dello Stato
dell'Indiana. Divenuto dirigente della confraternita, Stephenson acquisì potere anche al di fuori del
Klan, occupandosi di scambio di voti per appoggiare ora quello ora quell'altro politico. Il "Gran
Dragone" dell'Indiana era così potente che non a torto, al culmine della sua carriera, potι
affermare:<< Io sono la legge in Indiana >>.
Stephenson di fatto s'impadronì di tutto il governo locale, diventando milionario e
concedendo ai suoi klansemen cariche politiche. I suoi modi di fare erano megalomani, tanto che al
"Konklave" organizzato il 4 luglio 1923 a Kolomo atterrò con il suo aereo privato color oro e,
vestito con un abito color porpora, venne il suo discorso osannato dai partecipanti. Il potere
economico e politico del "Gran Dragone" dell'Indiana ebbe però una breve durata. Infatti nel 1925
Stephenson fu coinvolto in uno scandalo che segnò in maniera indelebile la vita del Ku Klux Klan,
non solo nello Stato dell'Indiana ma in tutti gli Stati Uniti. In pratica il dirigente fu coinvolto nel
rapimento e nell'assassinio di una giovane segretaria: Madge Oberholtzer. Conosciuta in un party
del politico Ed Jackson, fu rapita dagli uomini di Stephenson presso la stazione di Irvington, nelle
vicinanze di Indianapolis. Madge Oberholtzer fu ripetutamente stuprata e mutilata da Stephenson.
La donna fu morsa così tante volte che durante il processo fu descritta come "morsicata da un
cannibale". Madge Oberholtzer denunciò il losco individuo prima di suicidarsi con del veleno.
Processato, Stephenson fu arrestato e incolpato di stupro, rapimento e omicidio di secondo grado in
una pubblica causa che vide l'intera opinione pubblica dello Stato dell'Indiana direttamente
interessata alla vicenda. Stephenson fu condannato a trentuno anni di reclusione e imprigionato in
un carcere del Michigan. La vicenda Stephenson-Oberholtzer influì notevolmente sulle successive
defezioni che iniziarono ad arrivare da ogni parte degli Stati Uniti.
Non solo, lo stesso ex "Gran Dragone" dell'Indiana contribuì anche al definitvo
tramonto del Ku Klux Klan. Infatti Stephenson, meditando sulla mancata azione dei politici che
aveva appoggiato o creato sulla sua liberazone dal carcere, divenne informatore dello Stato
rilevando tutti i dettagli della corruzione che aveva sparso nello Stato dell'Indiana. Le rivelazioni di
Stephenson mandarono in carcere un membro del congresso, il sindaco di Indianapolis John Duvall,
lo sceriffo di Marion County e altri funzionari. Molti politici e funzionari pubblici furono costretti
17
V1.4.4
alle dimissioni per aver ricevuto favori e doni dal Klan. Il governatore dello Stato Ed Jackson fu
salvato unicamente grazie all'immunità prevista dallo Statuto delle limitazioni. L'ex "Gran Dragone"
uscì di prigione nel 1956.
Nel frattempo la direzione del Klan era passata a James Arnold Colescott, un veterinario
che nel 1939 prende le redini della congregazione degli incappucciati con l'obiettivo di dare al Ku
Klux Klan un'impronta nazifascista. Proprio sotto la presidenza di Colescott, nel 1944 arrivò il
colpo di grazia per l'organizzazione. Infatti il "Gran Wizard" James Colescott si vide recapitare dal
fisco una multa di ben 685mila dollari per le tasse non pagate dalla congregazione negli anni Venti.
Poichè l'organizzazione era già alla deriva totale e non disponeva di quella somma, il 28 aprile 1944
in una "Klonvokation" tenutasi ad Atlanta fu deciso lo scioglimento definitivo della prima
incarnazione dell'antico Ku Klux Klan. Nonostante lo sciogliemento, quello che restava del Klan
diventò una schiera di piccole organizzazioni separate e rivaleggianti l'una con l'altra.
Il B.O.I.: Bureau Of Investigation
L'attuale F.B.I., acronimo in italiano di "Ufficio Federale di Investigazione", all'epoca
dei ruggenti anni Venti si chiamava semplicemente B.O.I.: Bureau Of Investigation. Il BOI si è
sviluppato da una forza di Agenti Speciali creata il 26 luglio 1908 dal Segretario Generale Charles
Joseph Bonaparte (1851 – 1921), durante la presidenza di Theodore Roosevelt. All'inizio fu
chiamato solo Bureau Of Investigation (BOI), nel 1932 gli fu dato il nome di United States Bureau
of Investigation. Fu con l'anno seguente che venne collegato al Bureau of Prohibition e fu
ribattezzato Division Of Investigation (DOI - Divisione di Indagine) prima di diventare infine FBI
nel 1935.
Durante la cosiddetta "guerra al crimine" nel decennio '20 - '30, gli agenti dello BOI
catturarono o uccisero un certo numero di noti criminali che avevano commesso rapimenti, rapine e
omicidi in tutti gli Stati Uniti, tra i quali: John Dillinger, Baby Face Nelson, Kate Ma Barker,
Alvin Karpis e George Machine Gun Kelly. Inoltre svolse un ruolo importante nel limitare le
azioni e l'influenza del Ku Klux Klan. In più attraverso il lavoro di Edwin Atherton, il BOI riuscì a
fermare un intero esercito di neo-rivoluzionari Messicani lungo il confine californiano nel 1920.
Tre furono i direttori del BOI, che si frapposero alla dilagante criminalità di questo
decennio:William J. Flynn per il periodo dal 1919 al 1921, William J. Burns dal 1921 al 1924, ma
fu J. Edgar Hoover -che diresse il Bureau dal 1924 al 1972- che diede la spinta maggiore alla
crescita di questa agenzia. Quando John Edgar Hoover, ventinovenne avvocato dipendente del
Ministero della Giustizia, prese in mano le redini del Federal Bureau of Investigation, gli Stati Uniti
vivevano un momento storico in cui la corruzione e il malcostume erano così diffusi da far scrivere
a un giornale dell'epoca che "la cloaca nazionale stava davvero per traboccare". Correva l'anno
1924.
I primi tre anni di Proibizionismo avevano favorito una crescita esponenziale del
gangsterismo, che traeva profitti enormi dal commercio clandestino di bevande alcoliche. Ma non
bisogna pensare che solo la grande sete fosse la causa della strada a precipizio su cui si era
incamminata l'America. I favolosi Anni Venti, ritmati dal charleston e dal jazz, in un immenso
carnevale che sembrava non dovesse mai finire, avevano come contraltare il dilagare della
delinquenza, della prostituzione, della speculazione selvaggia, della corruzione, tutti fenomeni
inevitabili in una società che sembrava in preda ad una febbre di successo, di guadagno facile a tutti
i costi, favorita anche da un'immigrazione frenetica ed irregolare.
La legittima difesa dell'autonomia dei singoli stati rispetto al governo di Washington si
traduceva spesso in una frammentazione delle forze poste a tutela della legge, e a questa
18
V1.4.4
frammentazione avevano tentato di porre rimedio, già dal 1908, il presidente Theodore Roosevelt e
il procuratore generale, Bonaparte, con l'istituzione del Bureau of Investigation, il servizio
investigativo del Dipartimento della Giustizia. Ma il Bureau, che con il suo successore, William
Taft, assunse l'attuale denominazione di Federal Bureau of Investigation, non si sottrasse a quel
clima di rilassatezza che abbiamo tratteggiato prima e ben presto divenne una specie di servizio
spionistico interno, ad uso e consumo dei politicanti più potenti, che lo usavano per assumere
informazioni sugli avversari politici.
La presidenza di Harding, politico dalla fama molto discutibile, già proprietario del
Daily Star, e la nomina da parte di questi di Daugherty, magistrato chiacchieratissimo, alla carica di
Procuratore Generale, segnarono probabilmente il punto più basso della Storia degli Stati Uniti negli
Anni Ruggenti. Era il 1921, e sembrava che nulla potesse fermare il processo di dissolvimento di
una società allo sbando. Poi accaddero alcune cose. Il 2 agosto 1923 il presidente Harding morì di
polmonite e Calvin Coolidge, grigio vice-presidente, si trovò all'improvviso al timone; nessuno gli
dava due soldi, ma Coolidge mostrò invece di avere le idee chiare.
Uno dei suoi primi atti fu il licenziamento del Procuratore Generale Daugherty, e la
nomina a questa carica (corrispondente a quella di Ministro della Giustizia) dell'avvocato Harlan
Fisk Stone, uomo sul quale non esisteva la minima ombra, decano della facoltà di legge
dell'Università di Columbia. Quest'ultimo a sua volta mise mano alla scopa, invitando alle
dimissioni il direttore del Bureau, Burns, sotto il quale il servizio investigativo del Dipartimento
della Giustizia era prosperato come luogo di assunzione per raccomandati politici che trascorrevano
il loro tempo occupandosi di molte faccende e di poche indagini. Restava ora da trovare il nuovo
direttore; Stone aveva messo gli occhi su un dipendente del suo ministero, quel giovane avvocato
taciturno, perennemente imbronciato, ma gran lavoratore e sul quale nessuno poteva fare alcun
pettegolezzo: John Edgar Hoover, nato a Washington il 1° gennaio del 1895, di famiglia
presbiteriana. Il 10 maggio del 1924 il Procuratore Generale convocò Hoover nel suo ufficio, e gli
offrì la carica di direttore supplente del Bureau. Il giovanotto tacque per qualche istante, più che
altro per vincere la cronica timidezza che gli causava spesso attacchi di rossore al viso.
Poi disse che accettava, ma a determinate condizioni. "E quali sarebbero queste
condizioni?" chiese Stone. "Il Bureau non deve aver nulla a che fare con la politica e non deve
servire a nessuno per trarne vantaggi politici. Le nomine e le promozioni dovranno avvenire
secondo i meriti di ciascuno, tenuto conto delle capacità e della dedizione al lavoro. Inoltre il
Bureau dovrà render conto del proprio operato solo al Procuratore Generale." "Benissimo - fu la
replica di Stone - Buon lavoro!" Probabilmente né il vecchio procuratore né il giovane neodirettore
potevano immaginare di aver scritto la prima pagina di un romanzo che sarebbe durato quarantotto
anni; perché solo la morte, avvenuta il 1° maggio 1972, avrebbe potuto separare le vite di John
Edgar Hoover e del Federal Bureau of Investigation. Molti dei vecchi agenti, abituati alla direzione
di Burns, presero la nomina di quel giovanotto quasi come uno scherzo. In pochi mesi si sarebbero
accorti che quel taciturno avvocato era un rullo compressore che aveva ben chiaro ciò che voleva
fare; e lo fece.
I primi tre mesi di attività furono occupati da Hoover nello studio dei fascicoli personali
di ogni dipendente del Bureau; poi iniziarono a fioccare i licenziamenti, e dopo i primi
licenziamenti, le dimissioni di chi iniziava a capire che era cambiata l'aria. Per entrare al Bureau
veniva ora richiesta la laurea in legge, o una preparazione culturale equivalente, l'attitudine fisica e
una moralità inattaccabile. Iniziò un'effettiva selezione degli aspiranti, che venivano sottoposti a un
primo corso di sei mesi, al termine del quale si valutava l'attitudine a svolgere l'attività di agente.
Da come Hoover si muoveva, si sarebbe detto che quell'incarico era ciò che aspettava da
sempre e a cui si era già scrupolosamente preparato, spinto da quella caratteristica che
sottolineavamo in apertura: l'odio per il delitto. Il direttore dell'BOI non si soffermò mai più di tanto
19
V1.4.4
su indagini psicologiche o sociologiche. Per lui il criminale era un individuo che "deve essere
scoperto subito, guardato, vigilato e, una volta preso, processato e condannato senza pietà". A
questa visione schematica e manichea di un fenomeno complesso come il crimine, Hoover
accoppiava però capacità organizzative non comuni.
Un'altra delle sue creature fu l'accademia di Quantico del BOI, che aveva il compito di
formare uomini capaci non solo di sparare per primi senza fallire il bersaglio, ma anche di condurre
un'indagine avvalendosi dei più moderni mezzi scientifici. Nei laboratori del BOI la chimica, la
tossicologia, la balistica divenirono alleate dell'investigazione criminale.
Il primo fenomeno contro cui il BOI si trovò a dover lottare fu, come dicevamo, il
gangsterismo, che nel periodo proibizionista aveva conosciuto un'enorme crescita di profitti e di
potenza. Ai Grandi Imperi (principalmente quelli di Cosa Nostra e di Al Capone) e
all'organizzazione del Sindacato del Crimine si affiancava una criminalità più spicciola, formata da
cani sciolti scatenati e sanguinari, imbaldanziti da un clima morale in cui il disprezzo per la legge
era ai massimi livelli. Due nomi per tutti: George Kelly, detto "Kelly Mitragliatrice" , specializzato
in banche e sequestri di persona e sospettato dell'uccisione di agenti di polizia a Kansas City (finì
all'ergastolo il 12 ottobre del '33); John Dillinger, ladro, rapinatore e assassino, ucciso dagli agenti
del BOI il 22 luglio del '34 a Chicago. Per curiosità ricordiamo che il primo dei due gentiluomini
citati fu quello che inventò il nomignolo di G-Men (uomini del Governo), tuttora usato per indicare
gli agenti del BOI.
Nei primi tempi il problema maggiore per il BOI fu quello di... poter agire contro questi
tipi di delinquenza. Non scordiamoci infatti che il Bureau è un organo federale, e negli USA la
legislazione penale e la sua applicazione sono competenze dei singoli stati. Una delle prime
preoccupazioni di Hoover fu quindi quella di trovare le motivazioni giuridiche per poter agire,
sollecitando via via al Procuratore Generale (che se ne face promotore al Congresso) l'adozione di
nuove norme che, senza urtare la suscettibilità e lo spirito di autonomia degli Stati, mettessero il
B.O.I. in condizioni di operare. Ciò era tanto più urgente considerando le carenze degli organi locali
di polizia, la loro diffusissima corruzione, nonché la grande spezzettatura di competenze, per cui per
un delitto potevano trovarsi ad indagare uomini dello sceriffo di contea, o vice sceriffi addetti a
zone rurali, agenti della polizia cittadina, o della polizia statale, ove esistente, spesso in
competizione tra loro, a tutto vantaggio dell'impunità dei criminali.
Le competenze del B.O.I. si allargavano con la creazioni di nuove fattispecie di reati
federali, ma nel frattempo Hoover non stava alla finestra, agendo dove poteva. Ad esempio,
Dillinger, forse il più feroce tra gli scatenati cani sciolti di quegli anni di fuoco, divenne di
competenza del BOI per la sbadataggine di aver superato un confine di Stato al volante di un'auto
rubata: un reato federale. Al Capone, vero Re del crimine, maestro di organizzazione e di
corruzione, ritenuto responsabile, direttamente o indirettamente, di oltre un centinaio di omicidi, fu
incastrato da Hoover come evasore fiscale: anche questa era materia di competenza federale.
Certamente Hoover avrebbe preferito vedere Al Capone sulla sedia elettrica, ma la lunga condanna
detentiva subita per i reati tributari mise definitivamente fuori gioco Scarface.
Dove il B.O.I. poteva, collaborava con le polizie locali; e proprio la generalizzata
disorganizzazione di queste indusse Hoover, all'inizio degli anni '30, ad organizzare, presso
l'Accademia del B.O.I., corsi di addestramento alla tecnica investigativa per gli ufficiali delle polizie
locali. Questi corsi si affiancavano alla collaborazione che gli agenti del B.O.I. offrivano già su tutto
il territorio degli States, soprattutto in materia di identificazione, con grande utilizzo dell'archivio
delle impronte digitali.
L'America provinciale e chiusa, l'America degli Stati Uniti, ma Separati, si rendeva
conto che il Bureau era sempre più sinonimo di applicazione della legge, puntuale e rigorosa, con
20
V1.4.4
agenti addestrati a tecniche rigorose di indagine e a non arrendersi mai. Hoover trasmetteva ai suoi
uomini il suo credo, che traspare molto chiaramente dai giudizi che il Direttore del BOI spesso
esprimeva. Qualche esempio? Il dottor Moran, medico arrestato per avere curato segretamente
diversi gangster era un uomo "affogato nel vizio più lurido"; i sequestratori di persone erano "un
sordido problema nazionale"; l'epitaffio di Hoover sul cadavere di Dillinger fu questo: "era un
botolo ringhioso, meschino e fanfarone, avido e taccagno, preoccupato solo di sé stesso".
In qualche occasione Hoover non mancò neanche di esprimere il suo profondo fastidio
per gli avvocati che si assumevano la difesa dei criminali. Il delitto era qualcosa da distruggere,
prima che si realizzasse l'incubo di una Città del Crimine. Non è un caso se l'azione del B.O.I. nel
suo primo decennio fu efficacissima contro il crimine che potremmo definire "ordinario" (ma non
per questo meno feroce e pericoloso), ma non riuscì mai ad estirpare realtà criminali complesse
come Cosa Nostra, che infatti subì dei fieri colpi solo quando Joe Valachi, convinto ormai di essere
condannato a morte dai suoi ex amici, si decise a cantare. Infatti, a prescindere dalla difficoltà
intrinseca a penetrare un ambiente chiuso come quello degli immigrati dell'Italia meridionale, da cui
Cosa Nostra ebbe origine, la mentalità di cui era pervaso il Bureau era quella militar-moralista del
suo Capo.
E questa mentalità forgiava senza dubbio degli uomini tutti d'un pezzo, rigorosi fino
all'ossessione nell'assolvere i propri compiti, ma non favoriva certo quello sforzo di comprensione e
di penetrazione psicologica indispensabile per capire, e necessario anche per combattere, realtà
diverse e distanti. Dopo il primo decennio, l'opera di Hoover non poteva che suscitare ammirazione.
Il Bureau era ormai un organo efficiente, aveva contribuito validamente alla distruzione del
gangsterismo, aveva formato non solo i propri agenti ma anche centinaia di poliziotti locali dei vari
stati. I laboratori del B.O.I. e l'archivio delle impronte digitali costituivano dei punti di riferimento
preziosi per ogni indagine criminale. I casi di corruzione o di malcostume all'interno dell' F.B.I.
erano infinitamente minori a quelli fisiologici in qualsiasi organo di polizia, ed erano subito oggetto
di repressione.
La donna negli anni '20
Prima di passare ai punti storici salienti di questo approfondimento, bisogna fare una
doverosa premessa. In questo lasso temporale il ruolo della donna sta finalmente ricevendo, dopo
mille avversità, i primi riconoscimenti dei diritti. Dovranno passare molti decenni e molte battaglie
prima che possano definirsi equiparate all'uomo. Tutto questo perché la parità dei sessi non era
percepita dai contemporanei anzi, quando i primi movimenti femministi (stiamo parlando del tardo
1800) protestavano attivamente con cortei o manifestazioni in pubblica piazza, per farle smettere
entravano in azione i poliziotti armati con tanto di manganello. Potrà sembrare quasi incredibile, ma
all'epoca così come venivano discriminati i neri, solo perché avevano la pelle di un colore
differente, alle donne non era permesso votare o eseguire lavori compreso l'insegnamento nelle
scuole.
Per questi motivi storici non vi sono ancora agenti di sesso femminile all'interno del
B.O.I.. Come si vede però nel film diretto dal regista Clint Eastwood "J. Edgar", il loro ingresso in
questi uffici c'è, ma sono sempre ruoli secondari o marginali quali segretarie, addette agli archivi o
al peggio svolgono la mansione di donne delle pulizie. Non tutte però avevano la fortuna di poter
lavorare in posti così prestigiosi, molte finivano per essere esclusivamente "angeli del focolare",
babysitter o cameriere. Andiamo però con ordine e ripercorriamo le tappe principali di questa lotta.
Già con la Rivoluzione Francese abbiamo la testimonianza di una femminista: Olympe
de Gouges, una drammaturga che visse durante l'epoca del Terrore. Questa combattiva donna si
dedicò con sorprendente convinzione e fervore alla difesa dei diritti delle donne. Nel Settembre del
21
V1.4.4
1791, rivolgendosi a Maria Antonietta, scrisse la sua opera “Dèclaration des droits de la femme et
de la citoyenne”. Il titolo dell’opera fa già capire che si tratta di una imitazione critica della famosa
Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino del 1789. Pubblicò anche un'altra opera: "Le
prince philosophe", nel quale rivendicava i diritti delle donne. Ma la sua opera non si limitò
solamente a scrivere, ella iniziò anche ad organizzare attivamente gruppi di donne. La sua azione
tuttavia fu interrotta quando nelle sue critiche prese di mira Robespierre, il capo della Rivoluzione,
tanto che nel 1793 venne ghigliottinata.
Tutto l'800 è segnato dalle lotte delle attiviste femminili: si arrivarono a creare veri e
propri circoli culturali aventi come scopo l'informazione e la sensibilizzazione delle masse di fronte
a questa discriminazione. Il movimento per i diritti delle donne ebbe particolare successo in
Inghilterra dove con la riforma del 1832 e con l'approvazione della legge "Corporations Act", del
1835, alle donne venne concesso il diritto di voto, anche se era limitato alle elezioni locali, mentre
per quelle nazionali non era ancora possibile esprimere una propria preferenza. A fronte di questo,
seppur scarso, successo le varie organizzazioni del Regno Unito arrivarono nel 1897 alla creazione
di un'unico movimento finalmente a livello nazionale volto a chiedere il suffragio femminile.
Questo movimento nazionale si estese anche in altri paesi dove le esponenti di questa
corrente di pensiero vennero chiamate "suffragette" prendendo origine direttamente dal nome del
comitato inglese: National Union of Women's Suffrage - Società Nazionale per il suffragio
femminile. La fondatrice, Millicent Fawcett, cercò di convincere anche gli uomini ad aderire al
movimento, perché erano i soli, in quel momento storico, che legalmente potessero concedere il
diritto di voto, ma ebbe scarso successo. I progressi sul piano del riconoscimento sociale, in quel
primo periodo, furono però molto limitati, tale situazione rimase inalterata fino al 1918. In
quell'anno il parlamento britannico approvò la proposta del diritto di voto limitato alle mogli dei
capifamiglia con certi requisiti di età (sopra i 30 anni), in questo modo si ottenne un'altro obbiettivo.
Sarà solo più tardi, con la legge del 2 luglio 1928, che il suffragio fu esteso a tutte le donne inglesi.
Anche in America il movimento delle suffragette mise le proprie radici, una delle
esponenti più attive fu Alice Stokes Paul, una donna che riuscì nel 1912 a laurearsi in scienze
politiche all'università della Pennsylvania, portando una tesi in cui trattò in maniera coraggiosa la
posizione legale delle donne nel medesimo stato. Appena laureata si iscrisse al "National American
Women Suffrage Association" e qui assieme ad altre attiviste condusse una campagna per il diritto di
voto alle donne. Lottò contro una mentalità assai bigotta e molto maschilista (ma purtroppo
perfettamente inquadrata in quelli che furono quegli anni), in maniera assai determinata e
coraggiosa arrivando perfino a rischiare la vita in prima persona.
L'opinione pubblica spesso scambiava per pazze queste donne, e si credeva che avessero
seri problemi, tanto da rinchiuderle nei manicomi o costringerle a sedute terapeutiche da psicologi.
Tutto ciò cambiò radicalmente con lo scoppio della Prima Guerra Mondiale: con gli uomini
impegnati al fronte, furono proprio le donne a ricoprire molti ruoli vacanti. Esse riuscirono con i
fatti a dimostrare che non erano da meno degli uomini. I tempi quindi finalmente erano giunti a una
svolta tanto che il diritto al voto femminile fu sancito nel 1920 con il Diciannovesimo
Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti d'America.
L'attivismo femminile non si fermò solo al diritto di voto, ma ebbe anche altre questioni
come per esempio il riconoscimento legale di poter gestire i propri beni. Detto così sembrerebbe una
cosa ovvia e magari anche scontata. Basti sapere che questo diritto, alle donne americane, venne
sancito solo nel 1848 quando fu votato il "Married Women’s Property Act" che conferisce alle
donne sposate il diritto ad amministrare liberamente i propri beni. Nei cosidetti "Ruggenti anni
Venti" quindi, nonostante i riconoscimenti ottenuti sul campo, solo nelle grosse città ci furono dei
significativi ma ancora modesti cambiamenti, mentre nelle realtà meno aperte o lontane dai focolai
delle proteste, tutto rimase inalterato ancora per lunghi anni. Se da un punto di vista legale le donne
22
V1.4.4
iniziarono ad avere li stessi diritti degli uomini, è sempre durante questi anni che esse riuscirono a
rinnovare profondamente il anche il loro modo di essere.
Nascono, nel mondo del cinema. le cosidette "vamp": termine che è la contrazione della
parola vampiro. In questo caso viene usata per indicare la donna di successo, la "femme fatales",
colei che ammalia e dopo aver sedotto l'uomo l'abbandona senza remore. La donna che può
permettersi ogni capriccio e ha uomini pronti a soddisfare ogni suo desiderio. Alcune icone di
questo movimento furono sicuramente Greta Garbo (al secolo Greta Lovisa Gustafsson), la quale
divenne famosa non solo per la sua attività di attrice, ma anche per l'inconfondibile stile di
abbigliamento. Si può quasi affermare che vestendo spesso anche pubblicamente con abiti comodi,
giacca e cravatta, pantaloni dal taglio decisamente maschile inventò un suo stile: lo stile Garbo.
Anche l'attrice Marie Magdalene "Marlene" Dietrich, contribuì a sdoganare la figura
della donna spietata, della divoratrice che sa quello che vuole. Grazie al cinema la donna potè
finalmente rilanciare la sua figura e vestirsi in maniera più provocante e sensuale. Nel campo della
moda fu però Coco Chanel, al termine della Prima guerra mondiale, che fondata la "Chanel Modes"
impose la sua presenza sul mercato. Nasce il prototipo della "garçonne", che Chanel interpretò
insieme a Patou. Coco Chanel, attraverso la moda, rappresentò il nuovo modello femminile che
stava sviluppandosi nel 900: una donna dinamica,che lavorava e che non poteva più essere schiava
dell'abbigliamento costrittivo della Belle Époque.
« Fino a quel momento avevamo vestito donne inutili, oziose, donne a cui le cameriere dovevano
infilare le maniche; invece, avevo ormai una clientela di donne attive; una donna attiva ha bisogno
di sentirsi a suo agio nel proprio vestito. Bisogna potersi rimboccare le maniche. »
"Coco Chanel, Storia illustrata della moda e del costume, 2001, p.222"
La stilista sosteneva che «la vera eleganza non può prescindere dalla piena possibilità
del libero movimento». Per l'utilizzo di materiali umili e per l'ispirazione che traeva dalle figure
legate alla vita lavorativa, Chanel venne rinominata la regina del "genre pauvre", una “povertà di
lusso". Lei liberò le donne dai corsetti e dalle complicate impalcature per cappelli, donando loro
abiti comodi per intraprendere una vita quotidiana dinamica. Dal 1913 fino al 1930, Chanel portò la
lunghezza delle gonne sotto il ginocchio, abbassò il punto vita, promosse l'utilizzo del jersey e dello
stile alla marinara, e per finire introdusse l'utilizzo dei pantaloni femminili. Chanel creò la nuova
donna del XX secolo, una donna che afferma la propria femminilità non per contrasto, bensì per
paradosso, attraverso la rivisitazione di abiti maschili. Prendendo i vestiti maschili e dando loro una
piega femminile, Coco diede anche un significante contributo al movimento femminile.
I movimento femministi americani dopo l'emanazione del "XIX emendamento"
scomparirono. Questo fu dovuto in parte alla soddisfazione di aver vinto "la guerra contro gli
uomini", ma anche perchè, dopo la Prima Guerra Mondiale, si diffuse tra le donne un sentimento di
ritiro dalle lotte sociali. Le femministe del tempo fecero 3 scoperte:
1) le donne non votavano come un blocco compatto, quindi cadde il mito "del Voto delle
Donne";
2) diversi elementi del movimento femminista vennero accantonati dopo il raggiungimento del
voto;
3) le giovani donne avevano perso interesse per le riforme sociali e ne avevano invece
acquistato per la ribellione ai canoni della socità.
In particolare questa ribellione ai canoni dettati dalla socità ben presto divenne uno stile
di vivere e le giovani donne divennero le "flappers". Chi erano costoro? Esse erano solite portare i
23
V1.4.4
capelli corti, lisci o a boccoli, sotto raffinati cappellini, le gonne corte sopra il ginocchio o lunghe
con uno spacco da capogiro e facevano largo uso di make-up soprattutto in pubblico. Erano giovani,
in una sola parola "moderne": donne che ostentavano la loro giovinezza e criticavano le generazioni
più vecchie perchè accettavano i luoghi comuni sulle donne.
I contemporanei videro questo fenomeno composto da ragazze frivole, di facili costumi,
molto belle e sensuali all'apparenza ma vuote dentro. Il comportamento delle flappers era
considerato bizzarro all'epoca, ma contribuì a ridefire il ruolo delle donne. L'immagine era quella di
una giovane donna che, di notte, frequentava Jazz clubs dove ballava in maniera provocatoria,
fumava sigarette attraverso lunghi bocchini, e flirtava liberamente. Andavano in bicicletta,
guidavano le auto e bevevano alcool apertamente, un atto provocatorio e coraggioso allo stesso
tempo nel periodo americano del Proibizionismo. Baciarsi in pubblico e lasciarsi andare in effusioni
pesanti divennero pratiche molto più frequenti che nell'Età Vittoriana. I Petting Parties, dove le
effusioni sessuali erano l'attrazione principale, erano popolarissimi. A dispetto delle apparenze però
furono le prime a lavorare fuori casa ed a sfidare i ruoli tradizionali delle donne nella società di
allora.
Le flappers con il loro modo di fare, furono sicuramente il simbolo di una rivoluzione
sociale, che non comprendeva solo il modo di vestire, ma anche il modo di percepire ed interagire
con il mondo che circondava la società degli anni ruggenti e dell'era jazz.
La nascita di un fenomeno: il Jazz
Se nel cinema assistiamo alla nascita di nuove figure soprattutto femminili, la musica
non è da meno: anche qui vi sono state delle grandi innovazioni.In particolare si impose, tra tanti, un
nuovo stile musicale che con i suoi particolari ritmi e la sue sonorità è passato alla storia. Questo
genere da dove veniva? Come ha fatto a diffondersi?
Come sempre, per apprendere appieno un fenomeno di questa portata bisogna fare un
piccolo passo indietro. Il jazz affonda le sue radici in quello che è il patrimonio tradizionale della
musica afroamericana. Le sue basi sono una miscela dei tratti residui della musica dell'Africa
occidentale, a cui vengono accostati in maniera efficace:
–
forme musicali folk tipiche del Nuovo Mondo;
–
la musica europea popolare come la classico-leggera del '700-'800
Il contributo della musica europea è quello di aver fornito stili e forme musicali quali
inni, marce, valzer,quadriglie e perfino prendendo spunti dalla danza, dal repertorio teatrale di
stampo leggero e dalle composizioni liriche. Elementi più teorici come l'armonia, sia che essa fosse
un repertorio di accordi, sia che fosse legata alle forme musicali del vecchio continente,
contribuirono anche loro alla formazione di questo genere. Tra gli elementi di musica popolare nera
che hanno influito sul jazz vi sono la musica per banjo dei "minstrel show1 ", i modelli ritmici
sincopati derivati dalla musica latino-americana, lo stile pianistico dei musicisti da taverna del
Midwest e le marce e gli inni suonati dalle bande di ottoni nere alla fine dell'Ottocento.
_____________________
Note di approffondimento:
1
I minstrel show (o minstrelsy), erano una forma di spettacolo statunitense che consisteva in una miscela di sketch
comici, varietà, danze e musica, interpretati da attori bianchi con la faccia dipinta di nero, cioè in Blackface o
(specialmente dopo la guerra civile americana) da Afroamericani sempre con la faccia dipinta di nero. I Minstrel show
rappresentavano i neri in maniera stereotipata, e quasi sempre offensiva: in questi spettacoli erano immancabilmente
mostrati come ignoranti, pigri e superstiziosi, e veniva accentuato in maniera caricaturale il loro amore per la musica.
24
V1.4.4
In origine, il jazz era suonato da piccole bande intineranti o da pianisti. Il repertorio,
oltre al ragtime e alle marce,comprendeva inni, spiritual e blues. I gruppi suonavano in occasioni di
ritrovo quali picnic, matrimoni, parate e funerali.Il ritmo era di rado modificato da sincopi e
accelerazioni. Successivamente il blues e il ragtime ebbero un'origine indipendente dal jazz, e
continuarono a evolversi parallelamente a esso, ma nonostante ciò, questi generi ne influenzarono lo
stile e le forme andando a costituire importanti basi per l'improvvisazione jazzistica.
Verso l'inizio del Novecento nacque il primo jazz pienamente documentato: il suo
epicentro fu nella città di New Orleans, nello stato della Louisiana. Nel jazz di New Orleans, le
componenti principali avevano queste funzioni: la cornetta o la tromba presentavano la melodia, il
clarinetto sosteneva il controcanto e il trombone seguiva il fraseggio ritmico e le note fondamentali
degli accordi. A questo trio di base, la tuba o il contrabbasso fornivano la linea del basso e la
batteria l'accompagnamento ritmico.
Le prime incisioni di jazz risalgono al 1917 e si devono a un'orchestra bianca di New
Orleans, The Original Dixieland Jazz Band, che fece immediatamente scalpore all'estero e negli
Stati Uniti, al punto che il termine "dixieland" finì per indicare lo stile di New Orleans suonato dai
bianchi. Seguirono altri due gruppi, uno nero e uno bianco: a partire dal 1922 i "New Orleans
Rhythm Kings" e nel 1923 la "Creole Jazz Band" diretta da King Oliver. Altri importanti esponenti
di questo stile furono i trombettisti Bunk Johnson e Freddie Keppard, il saxofono soprano
Sidney Bechet, il batterista Warren "Baby" Dodds, e il pianista e compositore Jelly Roll
Morton. Il musicista più influente formatosi nella "scuola" di New Orleans fu però la seconda
tromba di King Oliver: Louis Armstrong.
"Satchmo" Armstrong fu uno straordinario e talentuoso improvvisatore. Egli ebbe il
merito indiscusso di aver modificato la scena del jazz portando il solista in primo piano. Tanto che
nei suoi gruppi di incisione, gli "Hot Five" e gli "Hot Seven", dimostrò che l'improvvisazione nel
jazz poteva andare ben al di là dei semplici esercizi di stile arrivando a creare nuove melodie
partendo semplicemente dalla successione armonica del motivo iniziale. L'impatto che ebbe su
questo nuovo genere fu tale che la sua figura divenne il modello per tutti i cantanti successivi, non
solo per il modo in cui alterava le parole e le melodie delle canzoni, ma anche per come
improvvisava senza testo, usando semplicemente la voce come uno strumento, con la tecnica dello
"scat2".
Molti musicisti di New Orleans, primo tra tutti Armstrong, si trasferirono
successivamente a Chicago dove diedero vita a uno stile composto da ritmi più tesi e trame più fitte
oltre che da una maggiore attenzione ai solisti. Tra i maggiori esponenti di questo stile vogliamo
ricordare il trombonista Jack Teagarden, il banjoista Eddie Condon, il batterista Gene Krupa e il
clarinettista Benny Goodman. Sempre tra gli esponenti di queste nuove sonorità, a Chicago, vi
erano anche Bix Beiderbecke, il cui approccio lirico alla cornetta offrì un'alternativa allo stile
trombettistico di Armstrong. Molti musicisti di Chicago in seguito si insediarono a New York, altro
centro importante del jazz di quegli anni.
Tra gli strumenti che contribuirono alla diffusione e al successo del jazz vi fu il
pianoforte. Il quartiere newyorkese di Harlem divenne il centro di uno stile solistico molto tecnico e
trascinante noto come "stride piano". Ne fu pioniere James P. Johnson, al quale si deve il merito di
aver lanciato Fats Waller che in poco tempo divenne il più noto pianista stride.
___________________
Note di approffondimento:
2
La tecnica dello "Scat", consiste nell'imitazione di strumenti musicali con la voce, tramite la riproduzione di fraseggi
simili a quelli strumentali. Per questo non prevede l'uso di parole compiute, bensì di fonemi privi di senso dal suono
accattivante, che il cantante utilizza in chiave ritmica oltre che melodica.
25
V1.4.4
Il musicista più innovativo degli anni Venti, paragonabile sicuramente ad Armstrong, e
presente in alcune delle migliori incisioni di quest'ultimo, fu il pianista Earl "Fatha" Hines, dotato
di una sbrigliata e imprevedibile fantasia. Il suo stile finì inesorabilmente per influenzare molti
pianisti della generazione successiva come Teddy Wilson (che negli anni Trenta avrebbe suonato
con Benny Goodman e Art Tatum) che sfruttò il suo talento sbalorditivo soprattutto come solista.
Nei "Ruggenti anni Venti", molti musicisti ebbero l'idea di trovarsi a suonare assieme;
prendendo a modello le orchestre da ballo diedero vita alle cosiddette "big bands", orchestre che
ebbero la loro massima espansione tra il 1930 e il 1940. Tra le innovazioni rispetto allo stile di New
Orleans, oltre a nuovi ritmi più fluidi, i musicisti usavano brevi frasi melodiche, i riff, secondo un
modello di chiamata e risposta in cui erano impegnate le varie sezioni strumentali. Lo sviluppo delle
"big band" nel jazz fu grazie all'opera soprattutto di artisti del calibro di Duke Ellington e Fletcher
Henderson. Quest'ultimo e il suo arrangiatore, Don Redman, contribuirono introducendo la
partitura scritta, ma si sforzarono anche di fare proprie le qualità di improvvisazione,caratteristica
della musica degli organici più piccoli. In questo furono aiutati da solisti estremamente dotati come
ad esempio Coleman Hawkins, talento del sax tenore.
L'importanza del jazz però non è incentrata solo sui grandi artisti che hanno contribuito
alla sua creazione. Difatti si può tranquillamente affermare che si sia legato in modo indissolubile
all'icona di questo decennio anche se tale legame pare essere diventato uno stereotipo.
Effettivamente quando si realizzano film ambientati in quest'epoca, all'interno degli Speak-easy
troviamo: i Gangster che pianificano o vi trovano rifugio, la banda di afroamecani che suona
intrattendo i vari clienti e l'immancabile ragazza del Boss perfettamente identificabile nella figura
della temibile Vamp. Un luogo comune o ciò ha davvero un riscontro storico?
Gli Speak-easy erano un ritrovo per gente che voleva divertirsi, ognuno di essi cercava
di specializzarsi o avere prodotti di cui la concorrenza non disponeva ancora. Fu così che la musica,
soprattutto quella nuova, quella più trasgressiva prese velocemente piede e venne introdotta anche
in questi locali, dove non si faceva che fumare e bere. Questi locali spesso erano anche il luogo di
ritrovo preferito dalle Flappers e di rimando anche dai ragazzi che facevano a gara per attirare
l'attenzione di queste giovani e provocanti modelli di sensualità. Non erano i saloon dell'epopea
Western, ma posti a volte anche di gran classe gestiti dalla malavita la quale per prima aveva
interesse che non vi scoppiassero risse e nei quali si tenesse un basso profilo. Tutto ciò per evitare
che la polizia eseguisse delle retate che avrebbero potuto rovinare i loro "affari".
Tra luoghi comuni e storia, si può portare un dato significativo sulle origini di questo
genere. La migrazione degli afroamericani dal Sud al Nord degli Stati Uniti, che ebbe luogo tra il
1910 e il 1920, portò con sé molti musicisti di New Orleans, come già accennato, attratti dai
maggiori guadagni che venivano offerti ai musicisti al Nord. Tra le cause di questa "emigrazione"
contribuì, anche la decadenza dell'intrattenimento di New Orleans, che viene fatta coincidere
simbolicamente con la chiusura di "Storyville",uno dei più importanti quartieri a luci rosse della
città la cui chiusura avvenne nel 1917 ad opera del Ministero della Guerra. La tradizione vuole che
il jazz fosse nato e avesse prosperato proprio nei bordelli di quel quartiere. L'importanza di
Storyville per il jazz può sembrare esagerata, ma è certo che molti protagonisti vi suonarono e che,
forse anche a causa di questo, fin dagli inizi il jazz ebbe una pessima reputazione.
26
V1.4.4
Un Decennio di Storia e Curiosità in pillole
1919: Viene presentata al Congresso degli USA la legge sul Proibizionismo; Prima trasvolata
atlantica dove vengono percorsi 3.000 Km in 16 ore e 12 minuti; Compaiono i "Grease-Guns",
mitra artigianali per gangster; Si incomincia a usare il paracadute;
1920: Approvata la legge sul Proibizionismo; I Bolsevichi vincono la "rivoluzione russa"; Nasce la
prima stazione radiofonica; Viene prodotto il Tè in bustina; Viene accordato il diritto al voto alle
donne negli U.S.A.;
1921: Rorschach inventa i famosi test sulle macchie d'inchiostro; Inizia l'inflazione del Marco
tedesco, la KDKA inizia le radiocronache di avvenimenti sportivi; Viene coniata la parola Robot;
1922: Riprende l'attività del Ku Klux Klan; L'insulina viene sintetizzata in laboratorio; Entra in
servizio la prima affrancatrice postale automatica; Viene inventato lo sci d'acqua; Mussolini marcia
su Roma;
1923: L'amministrazione Harding è travolta dallo scandalo del "Teapot Dome"; Il Marco tedesco si
stabilizza; Ripetuti atti di violenza del Ku Klux Klan in Georgia; Si apre la tomba di
TutanKhamon; viene messo a punto il vacino per la pertosse;
1924: Leopold e Loeb vengono condannati per il rapimento e l'omicidio di Bobby Franks;
Compaiono i fazzoletti Kleenex e i primi contenitori di cartone per le uova;
1925: W. Pauli formula il principio d'Esclusione; Viene fondata la I.G. Farben; Nascono in
germania le temute S.S.; Nel famoso "Processo alle Scimmie" John Scopes è condannato per aver
insegnato teorie evoluzionistiche nelle scuole pubbliche del Tennesse, disciplina vietata dalle leggi
di quello stato; Si diffonde l'uso degli aerei per il trattamento antiparassitario delle coltivazioni;
1926: Il Dr. Goddard lancia il primo razzo a combusibile liquido; Primo orologio subaqueo Rolex;
1927: Charles A. Lindbergh sorvola in solitario l'Atlantico da New York a Parigi senza scalo; Viene
prodotto il primo film sonoro "Il suonatore di jazz"; Compaiono i juke-box con comando a distanza
e il tostapane elettrico; Avviene l'esecuzione di Sacco e Vanzetti, anche se innocenti (verranno
riabilitati solo nel 1977);
1928: Si sperimentano le prime trasmissioni televisive; La spedizione Byrd parte alla volta
dell'Antartide; Vengono inventati la telescrivente, il celophane impermeabile e il contatore Geiger;
Scoperta la vitamina C;
1929: Il 24 ottobre crolla la Borsa di Wall Street; Il dirigibile Graf Zeppelin compie il giro del
mondo; Compare la prima pellicola da 16 mm a colori; Vengono inventati il nastro adesivo e il
clacson multitonale per automobili;
1930: L'invenzione dei flash mette fine all'epoca delle esplosioni di magnesio durante le conferenze
stampa; Vengono commercializzati i primi prodotti alimentari congelati; Viene scoperto Plutone;
compaiono i primi ombrelli telescopici;
27
V1.4.4
Il Sistema di Gioco
Il sistema Percentuale a gradi
Nel tentativo di rendere questo gioco differente da quelli già in commercio, si è cercato
di creare un regolamento, un sistema, che sfrutti il dado percentuale in maniera completamente
innovativa. Ricordiamo che attualmente i regolamenti in uso col dado percentuale, vengono
adoperati con notevoli differenze dal Richiamo di Cthulhu, Rolemaster, Girsa, Stormbringer e dal
Gioco di Ruolo di John Doe, tutti marchi già registrati e qua nominati solo a puro scopo illustrativo.
Se tale sistema fosse già stato individuato siamo pronti a rimetterci sopra a lavorare per creare un
ulteriore sistema che si adegui a questo scopo. Ricordiamo che questo gioco non é a scopo di lucro
ma solo finalizzato a trattare tematiche legate a gravi problemi come l'alcolismo, l'assunzione di
droghe e lo sfruttamento in tutte le sue forme. Il sistema “Della Percentuale a Gradi” è il frutto
dell'inventiva dei membri dell'Associazione Ludica Oltretempo di Castelnuovo Rangone (Mo), per
poter usufruire di tale regolamento (che non siano per scopi di lucro), si può richiede tale
autorizzazione inoltrando un'email al seguente indirizzo [email protected]
Il Sistema della Percentuale a Gradi prevede che ogni valore associato all'attributo o
all'attitudine sia suddiviso come nella seguente tabella:
Come si può notare nella pagina in fondo al manuale questa tabella è presente anche
vicino alle attitudini in modo tale da dare al giocatore un'immediata consultazione durante le partite
stesse, per capire qual'è il grado del risultato ottenuto.
28
V1.4.4
Come si usa la tabella:
Generalmente quando si ha uno scontro di attitudini tra un personaggio giocante e uno
usato dal master (o con un'altro pg), con una mera percentuale a volte è difficile capire chi è riuscito
nel suo tiro. Esempio di gioco: Andrea sta rincorrendo un criminale che è scappato dalle scale
anticendio (un classico), il criminale (interpretato dal master) fa un tiro atletica per saltare dalla
fine della scaletta fino a terra, Andrea invece arrivatogli vicino vuole provare a prenderlo per le
spalle prima che si tuffi, quindi anche questo è un tiro su atletica. Il master guarda il valore del
criminale che possiede in atletica 45%, tira i dadi percentuali e fa 44%, ci riesce ma ora tocca ad
Andrea a provare ad acciuffarlo. Andrea guarda le statistiche di Philp Boucher il suo agente
dell'Fbi e vede che in atletica ha 50%, tira e ottiene 24%, è riuscito ad afferrarlo. Come si svolge
allora l'azione?
Usando invece il sistema a gradi si hanno quattro livelli di risultato che sono immediati
e facilmente individuabili. Prentendo come esempio la situazione sopra esposta, ora la scena si può
gestire così: il criminale ha ottenuto 44 su 45% un terzo grado di successo, quindi ha eseguito
un'azione lenta e facilmente prevedibile. Andrea con il suo personaggio invece ha ottenuto un 24 su
un 50%, ha eseguito un secondo grado di successo, quindi avendo eseguito un secondo grado è
riuscito ad afferrarlo per primo.
In definitiva il grado di successo determina come sia venuto il tiro:
I Grado: l'azione è riuscita in maniera magistrale, se l'azione era in contrapposizione con un
avversario occorre un tiro altrettanto fortunato per riuscire a eludere questo successo;
II Grado: l'azione è riuscita normalmente, e non ha richiesto grossi sforzi, in contrapposizione con
un avversario o si fa un tiro più basso nel secondo grado o un primo grado.
III Grado: l'azione è prevedibile e quasi al limite dell'insuccesso. In contrapposizione si può
vincere se si fa un secondo o un primo livello, in caso di grado uguale si guarda il valore più basso
ottenuto.
Fuori Grado: l'azione è fallita e quindi non si è riusciti nell'intento che ci si era dati.
Nota Bene: Un valore di 01 è sempre un primo grado, 100 o meglio 00 indicano un fallimento
critico, la pistola si inceppa, si è inciampati, o ancora non si conosce la tal nozione.
In combattimento poi quando si cerca di schivare o parare un colpo il grado aiuta
nell'assegnazione del danno che è così ripartito se si ottiene tale risultato per schivarlo o per pararlo:
(Attacco)
(Attacco)
(Attacco)
I Grado
II Grado
III Grado
(Difesa)
(Difesa)
(Difesa)
(Difesa)
I Grado
Evitato
Evitato
Evitato
II Grado
Metà danno
Evitato
Evitato
III Grado
¾ di danno
Metà danno
Evitato
Fuori Grado
Preso tutto
Preso tutto
Preso tutto
Nella speranza che il sistema sia chiaro, ricordiamo che il gioco si basa su un grado di
realismo il più verosimile e vicino alla realtà. Il master dovrebbe essere in grado di gestire al meglio
le scene più complicate, non solo, qualora vi siano delle regole o delle perplessità riguardo a quanto
qui riportato non esitate a contattarci.
29
V1.4.4
Creazione del Personaggio
Come già accennato, in questa versione, il giocatore si ritroverà nei panni di un agente
del B.O.I., una delle agenzie di investigazione più importanti per la sicurezza del territorio
americano che, in quegli anni, contribuì in maniera determinante ad ostacolare e assicurare alla
giustizia sia i malviventi che i rispettivi capi. Il giocatore si calerà negli anni del Proibizionismo,
trovandosi ad affrontare una serie di tematiche purtroppo ancora attuali, quali l'immigrazione
clandestina, lo spaccio di droghe e alcolici, la discriminazione razziale, e lo sfruttamento del lavoro
minorile e della prostituzione. Sarà compito suo individuare le basi di queste organizzazioni ed
eliminarle: per farlo, dovrà indossare i panni di un agente dell'epoca, creandosi il suo alter ego.
Vediamo come procedere nel compilare la scheda andando per punti (la scheda per giocare la
troverete comodamente in fondo al manuale):
Parte descrittiva:
Nome Giocatore: qui va inserito il nome della persona fisica che si accinge a fare l'investigatore.
Serve per riconoscere immediatamente di chi è il personaggio creato;
Nome del personaggio: equivale a nome e cognome dell'alter ego del giocatore. In linea di massima,
dovrebbe essere americano, ma sono accettabili anche nomi italiani, in quanto, all'epoca, in America
si contavano numerose ondate di immigrazione. Evitare nomi buffi come “Gatto” oppure come
“Portone”: rovinerebbero l'atmosfera e darebbero poca credibilità al personaggio;
Professione: al momento è stato deciso che il ruolo è quello di agenti del B.O.I.. Non solo, i
giocatori avranno tutti lo stesso grado. Non è detto, però, che non vi siano degli ampliamenti del
gioco anche per altre professioni, sempre integrate all'interno degli anni 20-30;
Sesso: visto il clima e il maschilismo imperante si può essere solo di sesso maschile;
Età: quanti anni ha il personaggio. Tenendo conto che a 30 si è nel pieno delle forze e che, in fase di
creazione, non vi sono delle modifiche da apportare ai valori, si possono creare agenti freschi di
accademia (minimo quindi consentito è 21 anni). In alternativa, è possibile creare anche agenti
vicini alla pensione (55 anni massimo consentito): in questo caso, dare un occhio alla seguente
tabella:
Anni/Mod % Forza
Fisico
Agilità
Percezione Intelligenza Leadership Freddezza
31 – 45
-10%
-10%
-10%
-15%
+10%
+10%
+10%
46 – 55
-25%
-25%
-25%
-30%
+15%
+15%
+15%
Percorso di studio: sono gli studi e gli esami che ha affrontato l’investigatore, indica quindi quali
saranno le attitudini in cui eccelle. Un investigatore che ha studiato legge, difficilmente avrà gli
stessi gradi nelle attitudini di un ingegnere meccanico: sono due differenti tipologie di cammini
scolastici che mirano a formare persone con un bagaglio culturale differente. Verrano spiegati più
ampiamente nel paragrafo sulle Attitudini.
Luogo di nascita: la città americana dov'è nato il personaggio;
Descrizione fisica del personaggio: una breve descrizione in cui si specificano il colore degli occhi,
della pelle e possibili cicatrici.
30
V1.4.4
Attributi dell'Agente:
Sono sette voci con le quali si crea l'ossatura del proprio alter ego cartaceo/immaginario
nel mondo di Sangue e Misteri. Sono tutte importanti, ma ogni giocatore deve essere libero di
distribuire i punti di cui dispone come meglio crede, soprattutto se vuole giocare nei panni di
un'investigatore più capace di ammaliare e convincere le persone, piuttosto che portato per le
attività fisiche. Andiamo a vederli brevemente:
Forza: indica la capacità di eseguire sforzi, quali per esempio sollevare pesi;
Fisico: è il vigore, la costituzione, ovvero quanto è robusto e sano l'agente;
Agilità: misura la sua capacità fisica di scatto, corsa e il coordinamento corporeo;
Percezione: è l'unione dei 5 sensi: vista, udito, tatto, gusto, olfatto;
Intelligenza: per tutti quei tiri in cui serve fare un calcolo, ricordare dei dettagli o ragionare;
Leadership: una miscela tra carisma e persuasione, la capacità di farsi seguire dagli altri;
Freddezza: capacità di mantenere i nervi saldi. Un esempio ottimale potrebbe essere durante una
sparatoria: un tiro riuscito permette di ragionare con una lucidità impressionante e di pianificare
accuratamente le mosse.
Per determinare gli attributi, si hanno a disposizione in creazione 420 punti % da
distribuire tra le 7 voci riportate nella scheda. La distribuzione di questo punteggio deve essere
eseguita tenendo conto di queste due semplici regole:
1) l'ammontare dei punti va assegnato "5 punti alla volta". Così facendo, non potrete avere,
per esempio, Fisico al 33%, ma al massimo al 30% oppure al 35%.;
2) considerando l'età del personaggio, e quindi calcolando già eventuali bonus e malus,
un'attributo non potrà mai essere inferiore al 20%, oppure superare la soglia del 100%.
Bisogna pensare per bene a come suddividere questo punteggio, perché, una volta creato
completamente l'investigatore, solo determinati eventi in gioco potranno modificare questi valori: la
vecchiaia ovviamente è tra questi! Si chiede ai giocatori un po' di buon senso: inutile avere forza al
massimo quando a intelligenza e freddezza vengono dati dei 20%, non aiuta né il giocatore né la
storia. Come al solito, ogni parola è riservata al master.
Esempio di creazione: Saverio vuole creare l'agente Kevin Savage, un duro che non lascia nulla al
caso, sempre vigile e intelligente. Desidera però che non sia proprio portato per la corsa, nonostante
abbia appena 25 anni e sia ancora in salute. Ecco quindi che suddivide i suoi punti in questo modo:
- Forza
60
- Fisico
50
- Agilità
45
- Percezione
70
- Intelligenza
60
- Leadeship
65
- Freddezza
70
Il totale è perfettamente 420 punti. Un investigatore bilanciato, ma carente proprio sul piano fisico,
come voleva Saverio...
31
V1.4.4
Parti Vitali e i Punti Benessere:
Come si può notare osservando la scheda, si è deciso di suddividere il corpo umano in
nove parti vitali: testa, torso, addome, braccia, mani e gambe. In termini di regole, ognuna di queste
parti ha una serie di punti ferita localizzati, chiamati "Punti Benessere". Alla partenza, essi indicano
le corrette funzionalità corporee dell'investigatore. Questi valori sono strettamente correlati con il
grado segnato nell'attributo del Fisico e possono essere determinati in questo modo:
Con un valore da 20 a 55 (nella media umana), distribuire:
Testa
3 punti benessere
Torso
5 punti benessere
Addome
5 punti benessere
Braccio destro
3 punti benessere
Mano destra
2 punti benessere
Braccio sinistro
3 punti benessere
Mano sinistra
2 punti benessere
Gamba destra
4 punti benessere
Gamba sinistra
4 punti benessere
−
Con un valore da 60 a 85 (taglie straordinarie), distribuire:
Testa
3 punti benessere
Torso
6 punti benessere
Addome
6 punti benessere
Braccio destro
4 punti benessere
Mano destra
3 punti benessere
Braccio sinistro
4 punti benessere
Mano sinistra
3 punti benessere
Gamba destra
5 punti benessere
Gamba sinistra
5 punti benessere
−
Con un valore nell'Attributo da 90 a 100 (taglie più uniche che rare), distribuire:
Testa
4 punti benessere
Torso
7 punti benessere
Addome
7 punti benessere
Braccio destro
5 punti benessere
Mano destra
4 punti benessere
Braccio sinistro
5 punti benessere
Mano sinistra
4 punti benessere
Gamba destra
6 punti benessere
Gamba sinistra
6 punti benessere
−
Per segnare comodamente questi quantitativi, si consiglia di annerire i riquadri in
eccedenza, per poi aggiornare la scheda con delle " X " o con delle " / " appena si riceve del danno.
In caso di perdite momentanee di Punti Benessere, causate da una botta o un colpo di
pistola, rimandiamo il master al paragrafo Bonus e Malus per la gestione di un personaggio ferito.
Esempio di creazione: A questo punto Saverio, dopo aver visto che il valore di Fisico del suo
investigatore rientra nella media umana, procede ad annerire le caselle secondo lo schema della
prima suddivisione.
32
V1.4.4
Le Attitudini:
Abilità e specializzazioni, tutto ciò che ha appreso l’investigatore nel corso della sua
vita. Ogni personaggio sarà più competente in determinati campi rispetto ad altri: difficilmente,
infatti, un medico potrà avere la stessa capacità di trovare legalmente delle scappatoie al pari di
un'avvocato penalista.
Per determinare le Attitudini, per prima cosa il giocatore si deve fare un'idea su quale
"Percorso di studio" ha affrontato il proprio agente per essere arrivato a lavorare per il B.O.I.. In
molti giochi, è il mestiere che determina i punti da assegnare alle abilità, ma qui, poiché la "classe"
è la stessa per tutti i giocatori, si è pensato di differenziare la creazione potendo far scegliere ai
giocatori tra differenti tipologie di studi. Ogni percorso possiede una differente distribuzione dei
punti percentuali; inoltre, vengono indicati per ognuno di essi due attitudini che sono il perno di
quella tipologia di studi. Il giocatore deve sentirsi libero di poter decidere qual è delle due proposte
il suo campo più specifico. I percorsi sono stati creati per offrire una linea guida generica, di mera
ispirazione, non sono binari dai quali non si può assolutamente uscire. Vengono illustrati di seguito:
Accademia Militare: Atletica e Usare Armi (Pistole / Fucili) – L’investigatore è uscito da una delle
tante accademie militari sparse sul territorio americano. Siete agili e scattanti, portati per il rigore
marziale, e sapete usare le armi con molta più competenza che i vostri colleghi. Ci possono essere
svariati motivi per cui l'esercito non vi ha accettato, ad esempio una raccomandazione vi ha portato
al Bureau perché espressamente richiesti.
Chimica: Accademiche e Scienze – Siete abili nella ricerca, molti dei composti chimici di
quest'epoca non hanno segreti per voi. L'azione potrebbe non essere il vostro forte, ma i vostri
colleghi riconoscono che il vostro apporto analitico, soprattutto quando si tratta di rilevamenti,
identificazione del tipo di esplosivo o di veleno usato, è fondamentale nella risoluzione di molti
casi.
Economia: Convincere e Ragioneria – Affaristi, esperti di economia, contabili. Il vostro operato si
rivela molto utile quando è lo stesso Ministero delle Entrate che chiede aiuto all'agenzia per capire
se in un libro contabile vi sono delle irregolarità. Anche i conti bancari non sfuggono ai vostri
controlli. Un agente con queste capacità può essere molto utile in missioni in cui c'è da indagare sul
riciclaggio di denaro sporco o sul traffico di alcolici.
Ingegneria: Elettronica e Meccanica – Tecnici del suono, radiofonisti, meccanici e ingegneri
servono all'agenzia in quanto spina dorsale che sta alla base di ogni azione investigativa. Riuscire a
mettere in moto la macchina, intercettare telefonate, riparare il telegrafo, appurare cosa si è rotto
nella macchina che ha causato la morte del soggetto dell'indagine. Compiti che solo una persona del
genere può essere chiamata a risolvere.
Legge: Giurisprudenza e Raggirare – Avvocati, giuristi, impiegati del Procuratore, tutte persone che
possono entrare a far parte del B.O.I. in quanto soggetti di maggior rilievo all'interno della struttura
grazie alle conoscenze possedute. Ricordiamo che lo stesso J. Hoover prima di diventare il
leggendario direttore che la storia ci ha tramandato era un modesto impiegato del Procuratore
Generale!
Linguistica: due Lingue a scelta – A prima vista questi agenti sembrerebbero inutili, ma proprio
grazie alla loro capacità di comprensione sono molto richiesti e hanno spesso possibilità di mettere
in pratica i loro studi. Capire lingue come l'italiano e il tedesco nell'america multiculturale che si
stava formando in quegli anni è fondamentale per il corso delle indagini, soprattutto quando
coinvolgono quartieri in cui testimoni non parlano l'inglese.
33
V1.4.4
Medicina: Medicina e Primo Intervento – Coroner, medici legali, dottori che si inseriscono
nell'organico dell'agenzia come supporto. In molte squadre c'è sempre bisogno di un agente che
sappia determinare (magari aiutando il medico del paesino qualora il caso sia in un luogo sperduto),
le cause della morte e stabilire l'ora del decesso. Sappiate però che questo tipo di percorso all'epoca
era ancora in fase sperimentale: ci sono già dei grandi passi avanti, ma difficilmente vedrete una
scena del delitto non calpestata o il cadavere rimasto intatto.
Psicologia: Empatia e Ascoltare – Esponenti della nascente Criminologia, Psicologi, Esperti di
comportamento umano, sono usati soprattutto nei casi in cui il rapporto umano è estremamente
necessario. Riuscire a calmare una madre a cui è stato rapito un figlio, darà sicuramente più
informazioni sui rapitori che malmenarla o addormentarla. Questo tipo di agente trova la sua
valenza anche quando si deve cercare di capire se chi si ha davanti sta mentendo o semplicemente
nascondendo una parte della verità.
Per determinare i gradi che andranno distribuiti nei vari "Percorsi di Studio" presentati,
si tenga conto di queste semplici regole:
1) Decidere quale attitudine del percorso è la primaria, cioè quella che si è approffondito in
maniera esaustiva, e qual è quella secondaria. Quest'ultima indica una competenza non
totale. Nella primaria mettere direttamente 90%, nella secondaria 80%;
2) Nelle restanti attitudini si hanno da distribuire un totale di 820 punti %;
3) Questo totale, come già detto per gli attributi, va assegnato "5 punti alla volta": in questo
modo, non sono possibili gradi complessivi in un attitudine di 34% o 57%;
4)
Non vi è un grado minimo, molti attributi possono essere lasciati a 0. Il massimo grado
percentuale che si può mettere è del 75%.
5) Si possono aumentare anche le attitudini primarie e quelle secondarie seguendo questa
tabella:
Attitudine Primaria
Attitudine Secondaria
Da 90% a 95% costa 20 punti %
Da 80% a 85% costa 20 punti %
Da 95% a 100% costa 40 punti %
Da 85% a 90% costa 40 punti %
Diamo ora uno sguardo più nello specifico alle varie attitudini che si trovano sulla
scheda, riportandole con al fianco una breve descrizione.
Accademiche: Tutte quelle conoscenze che potrebbero essere in mano all'agente sono racchiuse in
questa voce, da quelle scolastiche a quelle riguardanti i suoi interessi personali, come, per esempio,
la storia di un quartiere o di una città.
Ascoltare: Un'orecchio allenato. Saper cogliere anche brani di conversazione dietro una porta può
essere molto utile, soprattutto quando da dietro un ingresso si potrebbe sentire il cane di una pistola
che viene caricato.
Atletica: Il coordinamento fisico rientra in questa attitudine. Fare la pertica, eseguire delle flessioni
o intrufolarsi attraverso un tombino fognario stretto sono tutte prove specifiche di atletica.
Bassifondi: Un buon investigatore deve sapere come muoversi in mezzo alla feccia, ma soprattutto
34
V1.4.4
come orientarsi in un quartiere malfamato. L'attitudine in questione indica quanto profondamente
l'agente riesce a districarsi nei meandri dello spaccio e del mercato nero, se conosce il tal nome o se
sa cosa commercia davvero quel piccolo negozio.
Borseggiare: A discapito della legalità, un furto può giustificare la riuscita di un'indagine che
altrimenti rischierebbe di naufragare. Sicuramente, quindi, mettere le mani su un particolare indizio
che porterebbe all'acquisizione di informazioni vitali per l'indagine è spesso inevitabile...
Camuffarsi: Essere in grado di travestirsi, passare per qualcun'altro, ma anche riuscire a passare
inosservati è una capacità che si ottiene con quest’attitudine. Un'agente che riesce a mimetizzarsi
perfettamente in ogni ambiente, o anche all'interno di un gruppo di criminali, è molto utile, in
quanto permette l'accesso a notizie che potrebbero cambiare la svolta delle indagini.
Convincere: L'arte di riuscire a far passare i propri ragionamenti come gli unici validi. Vendere un
elettrodomestico a una casalinga che non è convinta o riuscire a far parlare un testimone spaventato,
tutti esempi che si possono risolvere con questa attitudine.
Elettronica: Non è solo saper svitare una comune lampadina, ma tentare di capire che cos'è che ha
causato l'eventuale interruzione di energia o quale filo riparare affinché la radio riprenda la cronaca
audio del vostro incontro di Boxe.
Empatia: Per capire se chi ci parla mente oppure si trova a disagio in vostra presenza. Più nello
specifico, empatia serve a dare una grossolana idea delle emozioni che sta esternando il soggetto in
esame.
Equitazione: Negli anni '20 c'erano già le macchine, ma non erano ancora presenti tutto il territorio
americano. Contee remote o indagini da effettuare sul confine col Canada rendono il cavallo l'unica
scelta possibile. Il saper stare in sella, lanciare la vostra cavalcatura al galoppo e non essere
disarcionati quando si spaventa.
Etichetta: Il galateo, il modo di fare quando si è a tavola o a cena da personaggi illustri. Sapere qual
è il bicchiere in cui versare il vino e quale quello per l'acqua potrebbe permettervi di evitare
spiacevoli figure a un banchetto di gala della polizia.
Fotografia: All'epoca, le macchine fotografiche erano molto complesse. Saperle usare bene permette
di fare fotografie incriminanti in cui l'immagine risulti nitida, in quanto una foto, a quei tempi,
risultava sfocata solo in camera oscura;
Furtività: Intrufolarsi, muoversi silenziosamente e nascondersi dietro una colonna sono tutti esempi
che possono spiegare al meglio come funziona questa attitudine. Generalmente alta nei malfattori,
ma utilizzata dagli agenti durante pedinamenti o nelle azioni in cui è necessario muoversi senza fare
troppo rumore.
Giurisprudenza: La conoscenza delle leggi e sapere a cosa va incontro una persona se insiste nel
perpetrare determinate azioni ritenute illegali possono essere ottimi incentivi per far collaborare i
"picciotti" più ignoranti, magari spaventandoli con le descrizioni delle pene in cui potrebbero
incappare.
Guidare: Questa attitudine è seguita da spazi lasciati appositamente bianchi, in quanto il giocatore
può decidere, in base alla propria storia passata, cos'è capace di guidare. Generalmente, sono quattro
le tipologie di mezzi: Aerei, Mezzi Pesanti (trattori e cingolati), Navi o Natanti, Macchine.
35
V1.4.4
Intimidire: Attitudine usata soprattutto durante gli interrogatori o per spaventare abbastanza un
usciere da poter entrare in determinati posti.
Lingue: Sapere altre lingue oltre all'inglese potrebbe essere un buon biglietto di ingresso all'interno
del B.O.I.! Un'agente che sa parlare italiano, tedesco o cinese potrebbe essere agevolato
nell'infiltrazione o negli interrogatori laddove altri non riescono a capire quello che viene detto.
Meccanica: Questa abilità permette all'investigatore di riuscire ad aggiustare o riparare oggetti che
rientrano in questo campo. Effettivamente, in un'epoca che sta muovendo i primi passi nella
creazione di macchinari sempre più complessi, è richiesta una buona conoscenza dei motori e di
altri marchingegni.
Medicina: Le basi e le conoscenze generiche di anatomia umana e la capacità di riconoscere una
determinata patologia vedendo i sintomi di un malato rientrano in questa attitudine, che ricopre un
ruolo molto più specifico che non la mera accademica.
Notare: Non tutte le persone colgono, con un esame preliminare, tutte le sfumature di quello che gli
occhi percepiscono. Investigatori capaci di percepire immediatamente dettagli o riconoscere quello
che stanno cercando vi riescono in quanto dotati di un'alto grado in questa attitudine.
Nuotare: Attitudine che permette non solo di stare a galla, ma anche di cavarsela nel caso in cui
dovesse capitare di finire in acqua.
Primo Intervento: Steccare un braccio rotto, fermare un’emorragia, fasciare in modo corretto una
ferita, suturare con il filo i due lembi di un taglio profondo sono tutte attività che si possono fare
riuscendo in questo tiro.
Ragioneria: Un buon agente deve essere in grado di capire se dai libri mastri di una ditta, di un
albergo o di una qualsiasi rivendita vi sia traccia di operazioni in nero. Non solo, anche l'analisi dei
conti correnti rientra in questo campo.
Raggirare: A differenza di Convincere, questa attitudine sfrutta la capacità e la faccia tosta del
personaggio che cerca di spacciare una menzogna a chi l'ascolta come verità. Ovviamente, chi
ascolta può eseguire un test in empatia per notare se chi gli parla gli sta mentendo oppure no.
Rissa: Attitudine che permette di essere in grado di partecipare a una rissa o a un pestaggio. Un
valore basso indica che il personaggio sa a malapena tirare i pugni in maniera efficace, un alto
punteggio invece significa che è un boxer o rissaiolo di professione.
Schivare: La capacità di evitare un colpo, abbassarsi in tempo per evitare un gancio o un bastone
che potrebbe rovinarvi la testa, o anche la capacità di buttarsi a terra per schivare una raffica di
mitragliatore sono tutti buoni esempi per evitare di morire durante un'indagine.
Scienza: Questa attitudine riflette le conoscenze in campo scientifico del p.g.. L'uso dei reagenti per
ottenere determinati effetti, sapere qual é l'antidoto migliore per annullare gli effetti di un veleno,
creare un antidoto per i casi futuri sono ottimi esempi per l'uso di questa attitudine.
Sopravvivenza: Sapersi orientare, accendere un fuoco, andare a caccia in mezzo a un bosco, o anche
solo sapere quali sono i frutti velenosi e quali invece si possono mangiare sono tutti casi in cui si
sfrutta appieno questa attitudine.
Usare Armi: In America, fin dai tempi della corsa all'oro, erano in pochi i civili che non sapevano
usare un fucile o una pistola e, anche se quelli dannatamente bravi erano un'elite, questa capacità di
36
V1.4.4
reperire armi è rimasta radicata anche nei giorni nostri. Durante il proibizionismo, però, era difficile,
per chi non era un agente o un poliziotto, procurarsi un'arma: esistevano i mercati neri, ma spesso ci
si imbatteva in truffe. Con questa abilità si può imparare a maneggiare con destrezza le seguenti
specializzazioni: pistole, fucili, mitragliatori. L'abilità ovviamente comprende anche la possibilità di
destreggiarsi con le armi bianche (pugnali, spade, stocchi ecc.).
Tutte queste attitudini sono il completamento della scheda dell'agente. Individuano quali
sono i campi delle sue conoscenze acquisite nel suo passato, frutto magari di addestramento o anche
di passioni personali: un agente del B.O.I. potrebbe avere tranquillamente nuotare a livelli alti in
quanto nel tempo libero gli piace insegnare questa attività ai più piccoli, oppure avere
sopravvivenza alta perchè suo padre era una guardia forestale. Ogni punteggio rispecchia un
avvenimento nella storia passata del personaggio.
Armi Bianche e da Fuoco
In questo apposito spazio vanno segnate le armi e le rispettive caratteristiche a
disposizione dell'agente, che potrete trovare in fondo al volume.
Arma: Basta riportare il nome dell'arma che si sta usando;
Grado Attitudine: Per avere già segnato al fianco dell'arma il valore che avete nell'attitudine Uso
Arma. Riportate quindi quanto siete bravi nell'uso delle armi;
Danno: Indicare quale dado, con relativi bonus, possa fare la vostra arma;
Gittata: Indica quanto lontano può sparare o essere lanciata la vostra arma;
Cadenza di fuoco: Ricopiare sulla scheda quanti colpi può sparare in un round la vostra arma,
(soprattutto pistole);
Caricatore: Utilizzato solo per pistole o mitragliatori, indica quanti colpi possono essere esplosi
prima che dobbiate ricaricare;
Inceppamento: Nei ruggenti anni Venti non è facile che le pistole abbiano la funzionalità di quelle
moderne, tranne le colt a tamburo. Le prime semiautomatiche erano solite incepparsi, soprattutto i
mitragliatori come i Thompson;
Integrità: A differenza di coltelli e di spade, le pistole di quell'epoca non erano molto robuste: attenti
a che non vi cadano troppo spesso di mano, potrebbero danneggiarsi irreparabilmente.
E con questo abbiamo finito la creazione della scheda, il vostro agente del B.O.I. è
pronto!
37
V1.4.4
Gestione del gioco: Regole e Affini
Sangue e Misteri vi trasporta nel decennio del Proibizionismo, facendovi calare nei
panni degli integerrimi G-men, uomini del governo, agenti dell'allora giovanissima F.B.I., che
all'epoca portava il nome di B.O.I.. I vostri nemici saranno la corruzione, i criminali e soprattutto gli
spacciatori che infrangono quotidianamente le leggi americane, facendo veramente come nel caso di
Al Capone il bello e il cattivo tempo.
Dopo aver creato la scheda dell'investigatore, siete pronti per iniziare, da qua in avanti
però dovrebbe essere tutto quanto di competenza del Master, di colui che avrà l'onore, ma anche il
dovere, di creare l'avventura che vi vedrà coinvolti. Come in tutti i giochi di ruolo anche Sangue e
Misteri si affida a una regolamento che vi permetterà di rendere su carta la realtà, in modo tale da
poter interagire con quello che vi circonda.
Consigliamo vivamente ai master di creare principalmente storie in puro stampo
investigativo dove saranno gli indizi a farla da padrone, e cercare di assegnare i corrotti alla
giustizia. Anche le sparatorie sono necessarie, qua si vede il bravo master che riesce a bilanciare al
meglio tutti questi aspetti. Tenete conto che questo gdr cerca il più possibile di essere attinente con
la realtà dove un proiettile in una gamba non ti permette di correre, e un colpo di fucile alla mano te
la sbrindella. A questo punto dopo avervi accolti andiamo a vedere la gestione nel suo complesso di
Sangue e Misteri.
Il Round e le tipologie di Azioni
Partiamo dalla base, spiegando l'unità di misura temporale di questo gioco. Un Round è
un lasso di tempo che dura appena all'interno del tempo di gioco sei secondi. Mentre nella nostra
realtà potrebbe durare anche interi minuti, questo perché un giocatore potrebbe metterci un po'
prima di decidere cosa far fare al proprio investigatore. il Round è l'unità base temporale in cui il
vostro personaggio può interagire con quello che lo circonda.
In questa unità di tempo è possibile compiere un'azione ordinaria, per esempio estrarre
dalla fondina una pistola, chinarsi, buttarsi a terra, iniziare a correrre, oppure mentre si sta già
correndo girarsi bruscamente di lato. Anche voltarsi di 180° è un'azione che si può fare in un solo
round, così come cambiare la mano con cui si tiene l'arma, salire una scala di fretta, o accendere la
macchina. Altri esempi di azioni che si possono compiere in un round sono:
1) mettersi a sedere così come alzarsi;
2) accendersi una sigaretta;
3) aprire un libro che si tiene già in mano;
4) azionare un coltello a serramanico;
5) sbucciare una banana;
6) tirare un pugno a qualcosa o a qualcuno che si ha a portata di mano;
7) lanciare / scagliare o addirittura sparare un colpo di pistola;
8) prendere di mira un bersaglio;
9) prendere il portafogli dalla tasca dei pantaloni.
Solitamente se il vostro personaggio si trova a dover gestire un interrogatorio o a cercare
indizi assieme ai suoi compagni la narrazione può procedere più o meno speditamente in base a
quello che sono le decisioni del master. In questo tipo di situazioni non c'è bisogno che ogni singolo
giocatore dica al master ogni volta che tocca a lui, che fa quella determinata azione, basta descrivere
brevemente quali sono le intenzioni del personaggio:
<< Mi metto a cercare impronte di sangue sul tappeto... >>
38
V1.4.4
Questo è un esempio di azione prolungata nel tempo, che il master risolverà in una sola descrizione
di quello che in questo caso potrebbe trovare:
<< Non trovi tracce di impronte insanguinate, ma ti rendi conto che questo tappeto è molto
vecchio, ma anche che non viene spolverato da un sacco di tempo! >>
Esistono differenti tipi di azioni che un vostro giocatore può far intraprendere al suo
agente oltre a quelle già affrontate. Ora prenderemo in esame quel tipo di azioni che potranno
capitarvi più comunemente da dover gestire.
Azioni contrastate semplici: ricordatevi cercate sempre di dare un taglio cinematografico
all'avventura, quando avviene un contrasto semplice fate eseguire un singolo test a ogni
partecipante. Chi esegue il grado più basso ha vinto. Questo tipo di azioni si ha per esempio quando
si contrappongono raggirare ed empatia. Esempio: Se il personaggio di Carlo vuole provare a
ingannare una guardia per lasciarla entrare in un museo oltre l'orario di chiusura cercando di
convincerlo che ha l'autorizzazione della polizia locale, è un tiro su raggirare per Carlo e un tiro su
empatia della guardia per evitare che ci caschi.
Azioni contrastate prolungate: quando un vostro giocatore dichiara che intende interrogare
un'altro soggetto e questo cerca attivamente di resistere alle pressioni psicologiche o quando uno sta
cercando un'altro individuo invece che si sta nascondendo, questi sono tutti esempi di azioni
prolungate. In questo caso vi sono master che fanno tirare più volte, altri che vanno alla meglio delle
tre, noi per cercare di semplificare il tutto vi consigliamo di far effettuare un'unico tiro, sia per
velocizzare la situazione, sia per rendere la scena più interpretativa. Cercate di enfatizzare il tiro
traducendolo in una scena, aiutandovi con il grado effettuato. Esempio: Nuovamente il personaggio
di carlo intraprende un braccio di ferro con un suo collega durante la pausa pranzo. Tirano in forza
entrambi e Carlo ottiene I Grado, il suo collega un misero III Grado. Sapendo che il I è un successo
strepitoso, mentre il III corrisponde a un azione eseguita in maniera superficiale il master narra
quanto segue: "Nonostate tutto l'impegno e la lotta sia proseguita senza un vincitore per svariati
minuti, alla fine con un atto di forza del personaggio di Carlo, di cui nessuno sospettava nulla, egli
riesce a prevalere sull'avversario".
Queste sono le principali tipologie di azioni che come master sarete chiamati a gestire,
vi ricordiamo che il buonsenso e l'attinenza con la realtà devono essere considerate in primo piano
rispetto alle regole. Ogni gioco di ruolo usa un modello matematico col quale viene riprodotta, o
meglio, si tenta di riprodurre un modello di realtà. Il nostro gioco, quindi, non fa nessuna eccezione,
anzi siamo perfettamente a conoscenza del fatto che spesso si possano venire a creare situazioni che
non sono trattate dalle presenti regole. In quel caso il master, unico arbitro, dovrebbe essere capace
di ricorrere al buonsenso e cercare di rendere la scena più realistica possibile.
Attributi o Attitudini?
Passiamo ora agli argomenti più inerenti alle meccaniche del manuale. Come futuri
master di questo gioco prima o poi dovrete rispondere a una domanda che potrebbe darvi non pochi
grattacapi. Infatti molti giocatori, durante le demo svolte, ci hanno chiesto se era meglio testare con
gli attributi o con le attitudini, visto che i primi spesso avevano dei valori più alti. La risposta è
molto semplice: un test effettuato in un'attitudine (anche nel caso sia minore rispetto all'attributo a
cui è legata), in caso positivo o di successo, darà sempre un risultato migliore.
Molto semplicemente un test su Scienza permetterà al giocatore di ricevere informazioni
più approffondite e complete che con un semplice tiro su intelligenza. Avete mai visto uno
scienziato che esamina un campione di sangue osservandolo a occhio nudo? Questo significa che da
39
V1.4.4
bravi master dovrete sempre incentivare i vostri giocatori a usare le attitudini, dando quindi maggior
spessore - utilità a quello che scoprono. Nel caso che un giocatore non abbia messo nessun grado in
una determinata voce, significa semplicemente che non ha conoscenze in quel campo e quindi non
può effettuare la prova.
Quando si usano gli attributi? In determinate occasioni non ci sono attitudini correlate a
quello che il vostro giocatore vuol far eseguire al suo agente. Sollevare un peso, evitare di urlare
mentre gli stanno mettendo in trazione un'articolazione che si è slogata, resistere a un clima rigido
sono tutti esempi di tiri da effettuare direttamente con l'attributo correlato. Vi esporremo qualche
esempio affinché possiate capire al meglio:
−
−
−
−
−
continuare a correre nonostante si sia dato fondo alle proprie riserve: è un test di Fisico;
sollevare o scagliare oggetti particolarmente pesanti: è un test di Forza;
ricordarsi di un particolare che in quel momento sfugge: è un test di Intelligenza;
cercare di attirare l'attenzione di un vasto pubblico: è un test di Leadership;
capire se il tea che viene offerto da una vecchietta non sia avvelenato: è un test di Percezione.
L'agilità e la freddezza hanno una funzione più specifica andiamo a esaminarle.
L'Agilità e l'Iniziativa
Questo test serve per gestire al meglio le scene di combattimento. Un conto è raccontare
e tessere la trama della storia quando i personaggi parlano tra loro, la situazione cambia quando per
esempio avviene una sparatoria! In tal caso se i giocatori coinvolti incominciano a essere in tanti c'è
bisogno di determinare chi è il primo che inizia a sparare. In questa situazione si deve procedere in
questo modo:
−
Il master, o chi per lui, fa eseguire un tiro a tutti i suoi giocatori e al contempo tira anche per i
suoi p.n.g. e viene stilata una classifica in base a chi ha eseguito il risultato più basso. Costui sarà
quello che agirà per primo;
−
A questo punto, si deve chiedere in senso orario (o antiorario come preferite) al gruppo quale
sarà l'azione dei loro P.g.;
−
Il master annuncia che si inizia con il combattimento e se nella lista sono presenti uno o più suoi
P.n.g. vi dice cosa faranno esattamente;
−
Partendo quindi con il personaggio che ha eseguito il risultato minore si risolve la lista.
Potrebbe capitarvi una scena del genere:
Antonio che gestisce l'investigatore William Herman è il terzo nella lista, ha dichiarato quando è
toccato a lui che avrebbe sparato al criminale con la giacca a scacchi verde e gialla (orribile: solo
per questo motivo il p.n.g. merita di essere colpito...), ma al momento della risoluzione effettiva
della lista il personaggio di Elisa l'investigatore Jason Trowald, che aveva dichiarato che si
nascondeva dietro a un tavolo ribaltato è stata scoperta dal criminale in questione che gli si è
gettato addosso in un frenetico corpo a corpo. In questo caso ad Antonio non resta che cambiare
l'intento o posticipare l'azione.
Cambiare l'intento serve per non perdere la priorità acquisita nella lista, e permette di
effettuare un'altra azione, ma con un malus di -20% di base all'attributo o all'attitudine interessata.
Posticipare l'azione significa che ci si cava dalla lista e si può intervenire in qualsiasi
40
V1.4.4
momento, ovviamente solo dopo che nella lista si è giunti al proprio turno attivo. Uno che è quarto
nella lista può intervenire nel turno dal quinto in poi.
L'agilità in definitiva serve per determinare la velocità con cui i personaggi dei vostri
giocatori agiscono all'interno della scena di combattimento.
Il tiro Freddezza
Tra tutti gli attributi la freddezza è quella che svolge un ruolo più diretto delle altre.
Questo perché all'interno della scheda non vi sono attitudini che si rifanno a questa voce e in
secondo luogo perché solitamente questo tipo di tiro viene richiesto per verificare quale sarà la
reazione dell'investigatore. Non sempre si rimane lucidi e attivi mentalmente, soprattutto in
situazioni di forte stress emotivi o fisici. Le persone reagiscono in maniera differente davanti a una
minaccia: c'è chi ha la lucidità di reagire, chi si imobilizza, chi reagisce ma in maniera del tutto
avventata. Cosa fareste voi se all'improvviso vi sentiste puntare la canna di una pistola alle spalle?
Il test sulla freddezza è richiesto per vedere se il personaggio rimane lucido o commette
delle sciocchezze in simili frangenti. Sarebbe estremamente limitativo cercare di imbrigliare in una
tabella tutte le situazioni possibili e immaginabili che potrebbero capitare durante una sessione di
gioco. Cerchermo quindi di darvi una regola che si possa addattare facilmente alle vostre esigenze
di gioco.
Ogni volta che l'investigatore di un vostro giocatore si trova in una situazione che
potrebbe sfuggirgli di mano, o potrebbe danneggiarlo seriamente dovete fargli effettuare un test su
Freddezza. Vi sono quattro possibilità:
−
Primo Grado: in questo caso non solo si rimane lucidi, ma grazie a un incredibile sangue freddo
l'azione di reazione viene eseguita con un bonus di +15%. Es.: il personaggio di Mirco, l'agente
Smith si trova disarmato con le spalle al muro, mentre un bandito armato di coltello lo sta
minacciando. Mirco dichiara di volergli tirare un calcio in mezzo alle gambe con tutte le sue
forze. Il master gli concede un tiro freddezza per vedere se in quel momento riesce a pensare
come liberarsi. Tira e il risultato è un 1° Grado. Al tiro di rissa per vedere se lo colpisce il
master assegna quindi al P.g. Di Mirco un bonus di +15%.
−
Secondo Grado: si riesce a rimanere lucidi, ma nell'eventuale tiro per reagire non vi sono ne
bonus ne eventuali malus.
−
Terzo Grado: un risultato del genere permette ancora una reazione da parte dell'investigatore
coinvolto, ma in maniera goffa e il più delle volte solo abbozzato. Si ha quindi un malus di -15%
al successivo tiro da effettuare.
−
Fuori Grado: l'investigatore è sopraffatto dall'insicurezza e miriadi di piani stanno passando
velocemente per la sua testa. L'indecisione e la paura di lasciarci la pelle è tale che non riesce a
muoversi. Si perde l'azione che si voleva intraprendere.
Bonus e Malus
Ogni azione ha una sua complessità, allacciarsi una scarpa non richiede neppure un tiro,
lo si fa e basta, così come mangiare o bere, azioni talmente quotidiane da essere sbagliate solo in
casi veramente eccezionali: un malato con una febbre a 40° non riesce a mangiare il brodo da solo,
un individuo legato a una sedia è abbastanza evidente che non riesca a grattarsi il naso! Ogni azione
corrisponde quindi a un grado di riuscita, proporzionale alla difficoltà e allo stato del personaggio:
41
V1.4.4
Livello di difficoltà
Bonus/Malus all'attributo o all'attitudine in questione
Banale
/*
Semplice
+30%
Facile
+20%
Normale
/ *1
Difficile
-20%
Complicato
-30%
Impossibile
-60%
Assurdo
/*
* non si fa neppure tirare nel caso di Banale è un successo automatico, nel caso di Assurdo non riesce in quanto appunto assurdo che riesca.
*1 non vi sono da applicare ne bonus ne malus.
Questi modificatori sono da applicare a discrezione del master, ovviamente cercare di
colpire un bersaglio in una notte in cui la luna è oscurata dalle nuvole, c'è nebbia e sentite solo un
rumore in lontananza all'interno di un bosco è sicuramente un'azione assurda, così come colpire con
un calcio chi è già svenuto per terra (poco professionale) è un'azione banale.
Un'azione difficile potrebbe essere cercare di colpire chi è nascosto dietro un muro e fa
capolino per sparvi a vostra volta, di contro se prendete la mira per un round sarà più facile che
riusciate a colpire il vostro obiettivo. I bonus e i malus possono essere aggiunti e sotrratti tra di loro,
per esempio, immaginate la situazione per cui avete studiato matematica, lavorate da anni in banca,
ma ora vi stanno puntando alla tempia un revolver e vi stanno chiedendo 12.500 dollari:
normalmente sarebbe un'azione facile per voi contare fino a quella somma, ma un revolver piantato
davanti alla faccia vi rende agitati, rendendo la vostra situazione assai difficile. In questo caso bonus
e malus si annullano, cosa diversa se il rapinatore avesse chiesto non al contabile, ma a un cliente lì
presente di prelevare tale cifra!
Mirare o colpire alla cieca?
Questa è una bella domanda, molto probabilmente saranno molti i giocatori che vi
chiederanno cos'è meglio, noi possiamo dirvi che durante uno scontro a fuoco, difficilmente si è in
grado di prendere la mira, molto spesso si spara alla cieca o anche solo per far fuoco di copertura.
Mirare potrebbe costarvi la vita, a meno che non siate in posizione sopraelevata, siate dotati di un
buon fucile, e il bersaglio non sappia della vostra presenza. In tal fortuito caso è molto meglio
prendere la mira!
Come già detto per prendere la mira serve un round, significa che si potrà essere attivi
dal prossimo turno, a meno che non si disponga di fucili o di pistole semiautomatiche che vi
permettono di sparare con più colpi per round. Ovviamente prendere la mira con una Gatling o un
Thompson è estremamente difficile visto il rinculo e la potenza di fuoco, solitamente se avete tra le
mani un'arma del genere si spara nel mucchio, alla cieca.
L'azione di mirare sposta la vostra difficoltà di un livello, quindi se un bersaglio per voi
è "complicato" da colpire, quando prendete la mira arrivate a "difficile", ovviamente "impossibile" e
"assurdo" non vengono contemplati, nessuna arma esistente può permettervi di colpire qualcosa
oltre la sua massima gittata!
Colpire alla cieca invece significa che i tiri da fare aumentano: se colpite il vostro
bersaglio (e questo ovviamente non riesce a schivare, nel caso sia una persona), tirate i dadi
percentuali nuovamente e guardate nella vostra scheda a quale parte del corpo corrisponde il
risultato dei dadi. Per il resto il calcolo dei danni si fa ugualmente.
42
V1.4.4
Bonus al Danno
Non tutte le persone quando hanno in mano un'arma fanno lo stesso danno... Infatti in
base alla forza del proprio personaggio si possiede un bonus che viene applicato ai danni inferti solo
quando si impugnano armi contundenti o armi bianche.
Questo per il semplice motivo che una massa muscolare maggiore, permette di generare
più potenza al momento dell'impatto; ovvio che un giocatore, così come nella realtà, potrà decidere
di dosare la sua forza. In tal caso sarà il giocatore a riferire il master prima di aver lanciato il danno
quanto del suo Bonus al Danno vuole aggiungere al Danno complessivo.
Andiamo a vedere i modificatori:
Forza del personaggio
Bonus al Danno
20-40
Nessun modificatore
45-60
"+1"
65-85
"+2"
90-00
"+3"
Quindi come è evidenziato dalla tabella, un P.g. con forza 75 può dichiarare al master
quando sta per tirare il dado per il danno da un +1 a un +2 in base a come si vuole regolare, e a
quali effetti vuole ottenere con il suo colpo.
Quando sopraggiunge la morte?
Va bene, i più superstiziosi tra di voi staranno già toccando ferro, però ora ci tocca
parlare anche di questa eventualità che potrebbe benissimo capitare. In Sangue e Misteri e per il
realismo che ci siamo imposti, è possibile morire in seguito anche a complicazioni, o a perdita
massiccia di punti benessere, ma andiamo a vedere nel dettaglio come e quali sono i modi per i
quali dovrete farvi una scheda nuova.
1) se un arto perde tutti i punti benessere dallo shock il vostro personaggio sviene;
2) se nel caso sopracitato non si ferma l'emorragia, si continuerà a perdere un punto benessere a
turno. Nel caso si arrivi a perdere più del doppio dei punti l'arto è considerato perduto e da
amputare;
3) se ancora una volta l'emorragia non viene bloccata e il personaggio perde tutti e nove i Punti
Benessere dell'arto il vostro personaggio finisce in ipotermia e sopraggiunge in un dado da 4 di
round l'arresto cardiaco.
Questa casistica vale per le braccia e per le gambe, mentre la situazione è totalmente
differente per torso, addome e testa. Se nel torso e nell'addome si perdono tutti i punti vita così
come nella testa sopraggiunge la morte immediatamente, dopotutto quelli sono le parti dove risiede
la maggior parte degli organi vitali.
Quanto sopra citato vale sia per i danni di tipo da taglio che per quelli da arma da fuoco,
questi lacerano la carne, la trapassano facendo fuoriuscire il sangue, mentre per i danni da impatto è
differente, in quanto quel tipo di ferita crea contusioni o distorsioni. In tal caso si proceda in questo
modo:
43
V1.4.4
1) se un'arto perde il doppio dei punti benessere dallo shock il vostro personaggio sviene, a meno
che il colpo non venga inferto alla testa in tal caso avviene la morte per trauma cranico;
2) se la ferita non viene prontamente stabilizzata si rischia che l'emorragia si propaghi andando ad
aggravare la situazione;
3) se l'arto perde tutti e nove i punti benessere è da considerare inutilizzabile e quindi da amputare.
L'avanzamento dei personaggi
In Sangue e Misteri non c'è un vero e proprio aumento di livello, ma un miglioramento
delle attitudini, che riflette una maggiore competenza in un determinato campo. Alla fine di una
missione, o di un arco narrativo in cui il Master decide che sia giunto il momento di farlo, può dare
ai giocatori un punteggio % da distribuire nelle attitudini per migliorare le loro schede. Questo
procedimento nella realtà è assimilabile all'esperienza che si apprende man mano che si
sperimentano nuove attività o si apprendono nuove conoscenze.
Un Master, quando arriva il momento di premiare i propri giocatori, dovrà dare
equamente i punti % previsti tenendo conto per ogni partecipante di alcuni criteri specifici quali
l'attinenza al passato dell'investigatore, l'interpretazione del p.g. e anche le brillanti idee che ha
avuto.
I punti da distribuire sono illustrati in questo semplice elenco:
•
•
•
•
5 punti %: questo punteggio va dato a chi ha semplicemente partecipato all'avventura,
magari anche passivamente, lasciando il proprio investigatore in completa balia degli eventi
narrati;
10 punti %: tale quantitativo deve essere dato a coloro che hanno dimostrato una buona
interpretazione del proprio personaggio. A chi all'interno del gruppo si è distinto per buone
idee, ma soprattutto con le sue azioni è riuscito a risolvere situazioni di stallo;
15 punti %: vanno dati in premio a chi da solo è riuscito a ribaltare l'avventura che si era
arenata, ha avuto una serie di idee che hanno permesso la buona riuscita dell'indagine, ha
pensato a una strada alternativa di risoluzione a cui voi non avevate minimamente pensato.
20 punti %: colui che riceve questa % è sicuramente un signor giocatore! Da solo ha risolto
l'indagine, ha trovato il colpevole dopo un ragionamento degno del grande investigatore
Sherlock Holmes...
Questi punti devono essere distribuiti 5 % alla volta, come già detto alla creazione del
personaggio, non si possono avere attitutudini al 43%, al massimo al 40% o al 45%. Inoltre non si
possono distribuire più di un massimo del 10% nella stessa voce. Portare i punteggi delle attitudini
primarie e secondarie ha un costo differente:
Attitudine Primaria
Attitudine Secondaria
Da 90% a 95% costa 30 punti %
Da 90% a 95% costa 25 punti %
Da 95% a 100% costa 45 punti %
Da 95% a 100% costa 40 punti %
44
V1.4.4
APPendice A
Qua di seguito metteremo una breve tabella con quello che era possibile reperire nei
negozi dell'epoca, compreso perfino i prezzi di locande o stanze di hotel. Ovviamente questi prezzi
sono lungi dall'essere esatti, abbiamo spulciato libri e internet, dopo tutto è un gioco di ruolo, non
un trattato sull'economia degli anni '20, speriamo però che questa appendice possa essere d'aiuto ai
master nel loro lavoro di arbitri e narratori.
Abbigliamento e
accessori
Stivali
Prezzo
$4
Trasporti e
Comunicazioni
Biglietto
miglio
aereo
Prezzo
per
$0.13
Completo da donna
$4-$13+
Benzina al gallone (3,80
litri)
$0.18
Completo da uomo
$13-$26+
Biglietto
per
transatlantico di linea
$12-$100+
$0.02-0.07
Cappotto in pelliccia
$570
Corriera per miglio
Cappotto trench
$11
Telegramma per parola
Scarpe uomo/donna
$1-$5+
$0.05 se internazionale
$0.25
Pneumatici treno da 4
$5-$10
Occhiali
$9
Biglietto ferroviario per
miglio tratte concluse in
giornata
$0.05
Monocolo
$6
Attrezzature varie
Prezzo
Smoking
Orologio da polso
Orologio da taschino
$26-$50
Sveglia da comodino
$3
$3
Proiettili conf. da 50
$0.30
$21+
Proiettili x shotgun
Prezzo
Bicicletta
Appartamento al mese
$12-$55
Binocolo 8x
Pane, Pagnotta
$00.05
Cinepresa da 8mm
Coca Cola 33cl
$0.05
Catena al metro
Vitto e alloggio
Retta annuale collage
Camera d'albergo, per
notte
Casa con tre vani
Pasto spaccio
$200-$2,500
$0.25-$3
$3,000
$0.12-$0.25
Conf. Da 25 $0.70
$20-$40
$25
$30-$50
$0.50
Lucchetti
$1
Sigarette pacchetto da 20
Torcia, 2 pile
$0.15
$1 le pile $0.05 l'una
Maschera antigas
$5
Caffè
$0.05
Lanterna a kerosene
$4
Pasto cucinato a casa
$0.66
Borsa e kit medico
$20
$0.25-$1+
Atrezzi
fabbro/falegname
Pasto al ristorante
per
$9
Quartino di latte
$0.10
Macchina da scrivere
$20-$45
Biglietto del cinema
$0.30
Macchina fotografica
$5-$40
Rullino con 8 foto
$0.20
Whisky goccio/bottiglia
$0.25/$5
45
V1.4.4
Appendice b
Che agenti del B.O.I. potete essere se non avreste le vostre armi? Qui elencheremo una
breve serie di armi che potrete assegnare non solo ai vostri giocatori, ma anche ai vostri p.n.g., in
modo tale da rendere i vostri scontri sempre più agguerriti.
Armi da lancio
Danno
Gittata
Cadenza Caricatore Inceppamento Integrità
di fuoco
Prezzo
Sasso
1d2
Da 4 a 16 m
1
/
/
/
/
Fionda
1d3
Da 5 a 20 m
1
/
/
3
$0.5
Quadrello x
balestra
1d4
Da 8 a 24 m
1 su 2
/
/
Frecce x Archi
1d4+1
Da 7 a 21 m
1
/
/
3
$3-$6
Pugnale da lancio
1d3
Da 4 a 16 m
1
/
/
/
$2
Armi bianche
Danno
Gittata
Spada
1d4+2
/
/
/
/
/
$12
Stocco
1d2+1
/
/
/
/
/
$20
Pugnale
1d3+1
/
/
/
/
/
$2
Mannaia
1d4+1
/
/
/
/
/
$3
$5
5
Armi Contundenti Danno
Gittata
Cadenza Caricatore Inceppamento Integrità
di fuoco
Cadenza Caricatore Inceppamento Integrità
di fuoco
Prezzo
Prezzo
Bastone
1d3
/
/
/
/
5
/
Sfollagente
1d3+1
/
/
/
/
7
$3
Tirapugni
1d2+1
/
/
/
/
/
$0.4
Pistole
Danno
Gittata
Calibro 22
1d4
10 m
3
6
100
6
$25
Derringer Cal. 25
1d4+2
3m
1
4
100
5
$12
Calibro 32
1d4+3
15 m
3
6
100
10
$15
Cal. 32 automatica 1d4+3
15 m
3
8
99-100
8
$20
Cadenza Caricatore Inceppamento Integrità
di fuoco
Prezzo
Revolver cal. 38
1d4+4
15 m
2
6
99-100
10
$25
Pistola cal.38
1d4+4
20 m
3
17
99-100
8
$30
Revolver cal. 45
1d4+5
15 m
1
6
100
10
$30
Fucili, Mitra &
TNT
Danno
Gittata
Fucile Cal. 22
1d6+2
30 m
1
6
99-100
9
$13
Fucile Cal. 30
2d6
50 m
1
6
98-100
8
$19
Fucile Cal. 45
1d8+3
80 m
1 su 3
1
100
12
$5
Shtogun Cal. 20
2d6
20 m
1o2
2
100
12
$35
Thopson
2d6+1
20 m
1/raffica
33
96-100
8
-
Dinamite
4d4
lanciare
1
1
/
3
$3
Cadenza Caricatore Inceppamento Integrità
di fuoco
46
Prezzo
V1.4.4
Appendice c
Gli Stati Uniti
47
V1.4.4
Appendice D
Modulo avventura completo: "Il Vigilantes"
Qua di seguito siamo lieti di inserirvi l'avventura che abbiamo realizzato per il nostro
primo torneo ufficiale di Sangue e Misteri. Questa sezione, per una consultazione più facile e
immediata verrà suddivisa in quattro parti.
−
−
−
−
−
1° parte – Premessa;
2° parte – Antefatto con cronologia degli eventi;
3° parte – Avventura;
4° parte – Raccolta delle principali schede dei P.n.g.;
5° parte – Indizi da dare ai P.g..
Sentitevi liberi, come sempre, di omettere o ampliare la storia secondo il vostro più
totale estro. I fatti qui riportati sono puramente inventati, ma inseriti in un contesto storico che ha
avuto un grande riscontro e una grande importanza anche in quest'epoca. Passiamo finalmente a
quello che veramente è il nucleo centrale di questa sezione.
1° Parte – Premessa
L'avventura che vi apprestate a fare, per tipologia di struttura e per come deve essere
affrontata si differenzia da molte altre che avrete masterizzato. Se invece notate che quanto qui
proprosto rientra nel vostro metodo di masterizzare potete andare direttamente alla 2° parte! Per
quelli invece che si stanno approcciando a questo ruolo per la prima volta consigliamo di leggere
quanto segue. Perché questa storia lascierà a voi Master molto spazio di manovra, ma al contempo
state attenti perché anche i giocatori potranno avere la possibilità di spaziare davvero tantissimo.
Ovviamente raccomandiamo di essere capaci di improvvisare, se il momento dovesse richiederlo.
Altra doverosa raccomandazione è quella di non tarpate mai le ali a quei giocatori che si
divertono a "disturbare il gioco" o a far intraprendere azioni assolutamente inutili ai loro
investigatori. Una cosa che abbiamo notato spesso è che dicendo, con questi individui, frasi come
"non potete", "il vostro personaggio non lo farebbe mai", "non ci riesci!" il giocatore tende a
diventare molesto e a interrompere l'atmosfera che avete così faticosamente creato iniziando
dissertazioni sui massimi sistemi filosofici, scomodando Platone o Jung. Quindi se un vostro
giocatore decide che il suo personaggio se ne frega del gruppo e vuole prendere il treno, andare a
Quantico e uccidere Hoover può farlo! Si renderà conto che non è così facile come sembra in più ne
pagherà le conseguenze: lo ucciderete nello scontro armato con la scorta del capo del B.O.I..
Questa essendo un'avventura strutturata per un torneo, ha un tempo massimo per essere
finita: ovvero per scoprire chi è il colpevole. Potrebbe essere curioso o stimolante per voi Master,
oltre che per i vostri giocatori, vedere se nel lasso di tempo di tre ore reali (tempo che abbiamo dato
anche ai nostri partecipanti) essi riescano a risolvere il caso. Detto questo immaginate quindi di
essere un master e di svolgere un vero e proprio torneo. Riuscirete a fare meno di un gruppo che l'ha
risolta in sole due ore?
In ultima analisi c'è chi potrebbe chiedersi cosa succede ai p.g. se dovesse passare il
tempo prestabilito. Molti tornei sono legati alla morte dei personaggi: salta tutto in aria, muoiono
avvelenati perché non hanno trovato l'antidoto... Altre missioni sono legate alla fuga dell'avversario
con il suo relativo guadagno. In questo caso non c'è nulla di tutto questo, abbiamo cercato di
distaccarci dalla massa, cercando di creare qualcosa che immergesse i giocatori in una
partecipazione totale.
48
V1.4.4
2° Parte - Antefatto con cronologia degli eventi
- Pomeriggio del 12 Maggio 1923: Muore sulla strada, perforata da oltre una decina di colpi di
mitra, la figlia del capo della polizia Manuel Irving, della città di Pittsburg. Sarà l'ennesima vittima
di una delle tante sparatorie tra clan di gangster a cui la polizia non riesce a trovare un colpevole.
- Pomeriggio 14 Maggio 1923: Funerale della figlia di Manuel: Shelly Irving. Al funerale partecipa
pure uno dei due maggiori Capi della malavita cittadina, Jack Costella. Purtroppo non essendoci
prove certe delle sue attività criminali, ciò gli permette di girare impunemente per la città. Irving
viene portato via da un suo amico altrimenti avrebbe dato scandalo cercando di saltargli addosso. La
notizia non trapela neppure sulla stampa.
- Sera del 21 Febbraio 1924: Manuel Irving dopo aver elaborato il lutto in maniera del tutto
personale arriva a prelevare irregolarmente armi dal deposito dei casi di omicidio del suo distretto.
Preleva un mitragliatore Thompson, uno shotgun, e una pistola calibro 45. Di questo ammanco
verrà incolpato Henry Dighill, che nonostante si sia proclamato innocente, viene arrestato e
incarcerato per collusione con la criminalità. Viene infatti appurato che Henry sottrasse già altre
volte reperti dall'archivio del distretto per pagarsi i debiti di gioco.
- Pomeriggio del 18 Aprile 1924: Manuel grazie al ruolo che ricopre dichiara rottamato un
cellulare della polizia, in realtà alla sera lo porta in un magazzino preso con un prestanome e
presentando un documento falso. Da qui opererà tutte le sue azioni illegali.
- Sera 29 Giugno 1924: Scompare una cassa di dinamite dalla miniera di carbone locale. Nel
pomeriggio del 30 Giugno, scoperto il furto, vengono licenziati due neri perché ritenuti colpevoli
del furto, non faranno in tempo ad arrestarli che verranno impiccati da esponenti del Ku Klux Klan
locale. Ovviamente i responsabili dell'impiccagione non verranno mai ritrovati. La notizia
dell'impiccagione di questi delinquenti non appare neppure nei giornali nazionali, ma sulla stampa
locale, il Pittsburgh Press.
- Notte del 12 Febbraio 1925: L'idea di ripulire la sua stessa città facendosi giustizia da solo dopo
due anni è arrivata a compimento: nessuno può più avere elementi utili che gli permettano di risalire
a lui. In particolar modo nessuno può collegarlo ai furti visto che sono stati trovati dei colpevoli.
Durante la notte stessa Manuel Irving si reca con un furgone ford grigio a una distilleria clandestina
e la fa saltare letteralmente in aria, usando la dinamite presa a suo tempo.
- Notte del 6 Aprile 1925: Un'altra distilleria clandestina fa il botto. La stampa del Pittsburg Press
incomincia a parlare di una faida senza precedenti tra le due bande che si contengono i commerci
illegali della città.
- Notte del 12 Giugno 1925: Una bisca clandestina gestita dalla famiglia Durton salta per aria. Tra
le fiamme dell'espolosione, la gente fugge in strada ma viene presa a mitragliate. Chi sopravvive
racconterà alle forze dell'ordine di un tipo incappucciato a bordo di un furgone grigio/nero che si
allontanava nella notte sparando all'impazzata su quelli che uscivano.
- Notte del 5 Agosto 1925: Uno speak-easy salta letteralmente per aria. Non ci saranno
sopravvissuti. La stampa nazionale inzia a interessarsi a questi fatti e si incomincia a parlare del più
sanguinoso tra i regolamenti di conti che si stanno tenendo in America.
- Pomeriggio del 6 Agosto 1925: Manuel Irving oramai pensando di essere al di sopra di ogni
sospetto manda una lettera anonima al direttore del Pittsburg Press, Mike Donovan, dove gli
preannuncia un giro di vite sulla malavita organizzata. (vedi lettera nella 5° parte).
49
V1.4.4
- Mattino dell'8 Agosto 1925: Mike Donovan manda un telegramma al B.O.I., il direttore Hoover
leggerà di persona nel primo pomeriggio il messaggio. Donovan l'ha spedito perché sa della
rinomata incompetenza della polizia locale e, visto il messaggio firmato "il Vigilantes", chiede
l'intervento di un gruppo di federali che risolvino in maniera definitiva la situazione che si è creata
nella sua beneamata città.
- Pomeriggio del 9 Agosto 1925: Hoover chiama nel suo ufficio il gruppo di investigatori dopo una
preliminare raccolta di indizi, e spiega loro quanto sta accadendo nella città di Pittsburg. Dovranno
rivolgersi al capo della polizia locale, Manuel Irving. Egli sarà quindi il referente degli investigatori
per tutto il periodo dell'indagine. In serata i pg partono da Quantico per arrivare nella ridente città di
Pittsburg.
- Pomeriggio del 12 Agosto 1925: Arrivo del gruppo degli investigatori alla stazione di Pittsburg,
dove vengono accolti da Manuel in persona. Iniziano le indagini del gruppo.
3° parte – Avventura
Hoover chiama nel suo ufficio, nella città di Quantico, gli investigatori. Egli sarà chiaro
e conciso: il gruppo viene mandato a Pittsburg non in vacanza, ma per risolvere questo
pericolosissimo caso. "Nessuno deve mettersi al di sopra della legge, per di più far saltare in
aria delle proprietà dello stato" dirà lo stesso Hoover con enfasi . La legge va rispettata, nessuno
può affermare impunemente di esserne al di sopra, ma cosa ancora peggiore nessuno può essere
giudice, giuria e boia assieme. Cercate di apparire inflessibile e ricordatevi: Hover era un'uomo tutto
d'un pezzo, non userà tanti giri di parole e spiegherà chiaramente al gruppo che devono andare in
fondo a questione. Ordina, inoltre, che appena arrivati drovranno andare direttamente dal direttore
del Giornale del Pittsburg Press, Mike Donovan, in quanto ha l'originale della lettera del Vigilantes.
Poco prima di congedarli dirà in ultima istanza che per tutto il loro tempo di permanenza in quella
città saranno accompagnati dal capo della polizia Manuel Irving loro referente per questo caso.
Scaletta delle opzioni:
Pomeriggio del 15 Agosto 1925 ore 16.30: Arrivo dei personaggi alla stazione dei treni
di Pittsburg. Il capo della polizia li sta aspettando assieme al suo attendente il Sergente John
Delaway. Dopo le presentazioni e i saluti di rito Manuel Irving chiederà loro se vogliono essere
portati subito nell'hotel che è stato loro assegnato oppure vogliono incominciare immediatamente le
indagini. NOTA AI MASTER: i giocatori che diranno partiamo immediatamente e andiamo alla
sede del Pitsburg Press per parlare con Mike Donovan, si stanno comportando come ha ordinato
loro Hoover. Chi vuole andare in hotel per appoggiare i bagagli invece non ha ancora ben chiaro
cosa significa lavorare sotto quel direttore. In ogni caso, sarà lo stesso Capo della polizia Manuel
Irving a portarli dal direttore del giornale. Andate direttamente al punto 1.
−
Pomeriggio del 15 Agosto 1925 ore 16.45: Arrivo dei pg alla sede del Pitsburg Press. Per
descrivere al meglio e rendere bene questo arrivo ai vostri giocatori ditegli cio:
"La sede locale del giornale è nel caos. I giornalisti e le scrivanie sembrano non essere mai state
così trafficate, già dalla reception avete modo di vedere che sono tutti in fermento. Siete riusciti a
farvi dire dalla signorina preposta all'ingresso dove si trova l'ufficio del direttore. Notate tutti che
avere un dinamitardo in città ha aumentato, e anche di molto, la tiratura di questo quotidiano.
Tutti a partire dai semplici imbrattacarte e perfino i telefoni è un continuo di gente che parla, ulra
o sgomita per scrivere l'articolo migliore. In mezzo alla confusione, riuscite però ad arrivare
davanti alla porta che vi ha indicato la segretaria, a grandi lettere leggete Mike Donovan
Direttore. A farvi strada è lo stesso Manuel Irving, che urlando più del giornalista alla vostra
destra vi fa entrare."
50
V1.4.4
I pg parleranno con Mike Donovan, il direttore del giornale, che consegnerà loro la lettera del
Vigilantes (dare il foglio Inidizi 1). Altre informazioni non ne hanno.
NOTA PER IL MASTER: A quei pg che chiedono le bozze degli articoli dove si parla delle
esplosioni dare loro il reperto indicato come "indizio 2".
Se chiedono gli articoli Mike indicherà loro di andare a parlare con un suo giornalista
"Andrew Sullivan" che ha intervistato alcuni testimoni sopravvissuti ai primi attentati del Vigilantes.
Il giornalista, che è in mezzo alla bolgia dirà ai giocatori di scendere al bar proprio di fronte
all'ingresso del giornale. Qui tra gente di classe e borghesi medio alti, dirà loro che molti testimoni
da lui sentiti hanno detto che il furgone assomigliava molto a un cellulare della polizia riverniciato
di grigio. La pista del cellulare della polizia potrebbe portare i giocatori direttamente in centrale di
polizia, per controllare il registro dei modelli di cellulare in loro possesso. Manuel aiuterà
attivamente i p.g., ma sarà sull'attenti, effettivamente questo passaggio è l'unico dove ci ha messo
direttamente il suo intervento senza poter far ricadere la colpa su qualcuno. Se i giocatori effettuano
quindi un test di Empatia e ottengono almeno un I o un II grado, dite loro quanto segue:
"Mentre Irving cerca di spiegarvi come mai recentemente un cellulare della polizia apparentemente
ancora in buono stato sia stato in realtà dismesso, vi rendete conto che il suo racconto non è del
tutto convincente, anzi sembra proprio che stia palesemente mentendovi".
A questo punto andate direttamente al paragrafo Fase finale e vedete come se la cavano
i vostri giocatori. Altrimenti continuate a seguire lo schema qui proposto dell'avventura.
−
Pomeriggio del 15 Agosto 1925: Usciti dalla redazione del Pittsburgh Press, e magari anche
dopo aver parlato con Andrew, se vi sembra il caso usate ancora una volta il capo della polizia
come motore dell'avventura. Sarà proprio lui che proprorrà cosa fare, ma solo se vedete che i pg
hanno tante teorie ma poche idee pratiche. Se i p.g. non sanno dove sbattere la testa egli
proprorrà di andare a fare un'ulteriore sopraluogo al sito ancora trassennato dell'ultima
esplosione. A questo punto vedrete e soprattutto capirete se i giocatori son venuti per fare
l'avventura o semplicemente per divertirsi a vedervi impazzire. Se accettano l'invito arriveranno
al luogo dell'ultima esplosione: una scena di pura devastazione attornia i personaggi. La rimessa
che ospitava lo speak-easy è completamente crollata. C'è ancora una discreta puzza di bruciato,
chi effettua un tiro Notare stando dentro al I o al II livello scopre quanto segue:
"Vedi un candelotto di dinamite inesploso che fuoriesce dalle macerie. Sembra che la polizia locale
ancora una volta abbia fatto le cose tanto al braccio. Preso in mano vedi che il candelotto reca il
nome di una ditta mineraria la "Pittsubrgh Mine Inc". Marchiare la dinamite non è così strano,
infatti serviva a segnalare chi la usava e a chi era destinata/autorizzata a farne uso."
Ora i pg hanno due strade:
1. Tornare al giornale da Mike Donovan ad esporre il fatto e il ritrovamento effettuato. Egli
si ricorda perfettamente che nel Giugno del 1924 due neri erano stati impiccati perché
accusati del furto di una cassa di dinamite proprio di quella ditta, le indagini però non
hanno portato a nulla. Manuel dichiarerà che quanto appena detto dal direttore del
giornale corrisponde a verità. E' stato lui a fare le indagini, ma non avendo piste certe il
caso oramai è stato archiviato.
2. Chiedere direttamente, magari facendosi portare dal capo della polizia al distretto per
vedere se era stato denunciato un furto del genere. Manuel collaborerà e spontaneamente
dirà di aver indagato nel Giugno del 1924 sull'impiccagione ad opera di ignoti. Egli è
conscio che probabilmente chi ha impiccato questi neri sono degli appartenenti al Ku
51
V1.4.4
Klux Klan, ma non avendo testimoni, non essendoci nessuno disposto a collaborare la
pratica è stata archiviata per mancanza di elmenti su cui indagare. In centrale però risulta
la denuncia della cassa di dinamite, anche se quest'ultima non è mai stata ritrovata. La
denuncia è stata sporta da Timothy Douglas che è il responsabile della ditta "Pittsubrgh
Mine Inc". Se i giocatori indagano su questa pista lasciateli fare. Interrogare Timothy è
solo una perdita di tempo, uno perché non c'entra nulla con l'impiccagione, due perché è
passato troppo tempo!
Comunque arrivati a questo punto, anzi in entrambi i casi (o è stato svolto il punto 1. o
il punto 2.), se i p.g. dichiarano che, mentre Manuel spiega cosa sia accaduto durante quell'indagine
da lui condotta direttamente, vogliono eseguire un test di Empatia per capire se sta nascondendo
qualcosa, riceveranno questa risposta (in caso di I o II livello):
"vedi che Manuel non sembra convincente, anzi man mano che spiega qual'è stato il suo ruolo in
quest'indagine, sembra tacere alcuni dettagli. Inoltre a tratti sembra confondersi, come se non
avesse ben chiaro come siano andati gli eventi. Cosa, però, ancora più sospetta, non ti torna
assolutamente il fatto che una persona così precisa e pignola abbia fatto archiviare così in fretta
qualcosa come l'impiccagione di due persone. Eppure Manuel ti sembra il ritratto perfetto del
paladino della giustizia!"
NOTA PER I MASTER: Fate attenzione a dove sono i giocatori a questo punto. Se sono in centrale
e cercano di farlo parlare magari facendo ricordo alla forza bruta o minacciandolo direttamente con
le armi (tenete conto che è sempre il capo della polizia) verrebbe automaticamente aiutato dai suoi
uomini! E a trovarsi automaticamente dalla parte del torto ci finirebbero i p.g..
Fase finale
Entriamo quindi ora nel vivo dell'avventura. Basta che il tiro riesca ad almeno un vostro
giocatore. State attenti, spesso vi troverete a improvvisare, ma giunti a questo punto vi sono due
possibili strade che gli investigatori, posti davanti a questa scoperta, possono intraprendere:
1. Cercano di farlo confessare arrivando a minacciarlo fisicamente, magari qualcuno prova
anche a tirargli un cazzotto. Peggio ancora arrivano a puntarli le pistole contro. In tal caso
se gli intimano di parlare e di spifferare tutto, magari pensando che egli sia semplicemente
un basista o uno che collabora col Vigilantes, ci sarà uno scontro inevitabile. Questa
opzione porterà Manuel a una scelta drastica: proverà a difendersi, ovviamente nessuno si
lascia colpire senza reagire. Se scatta la sparatoria gestitela come meglio credete, ricordatevi
però che è sempre un capo della polizia, sara anche Il Vigilantes, ma non si metterebbe mai
a sparare sulla folla indifesa. Potrebbe darsi alla fuga, in questo caso andate direttamente al
punto 2., ma se i vostri giocatori sono più veloci di lui gestite lo scontro come spiegato nelle
regole dell'iniziativa.
2. Se le pressioni continuano, ma sono sempre verbali e non ancora fisiche, Manuel realizzerà
che non ha modo di eludere dei federali, soprattutto dei mastini come sembrano essere i
p.g.. Quindi l'unica alternativa pare una fuga precipitosa, fate in modo di sfruttare appieno
l'ambiente che avete. Se siete nel suo studio, e l'avete messo al primo piano, fate compiere a
Manuel un bel balzo fuori dalla finestra accompagnandolo con uno scatto degno di un
centometrista, lanciarsi fuori dalla finestra, solo se sono al primo piano e di far scattare un
bel inseguimento in macchina per le vie di Pittusburgh. Un inseguimento in macchina
sarebbe un ottimo riempitivo. Quando lo beccano potreste tornare al punto 1.
Se riescono ad avere la meglio su di lui e a farlo quindi confessare senza ucciderlo, importante
perché se l'ammazzano finisce tutto e non hanno risolto nulla, otterrano un'ottimo finale per la loro
52
V1.4.4
avventura. Arrivati a questo punto giocatevela sul parlato, anzi cercate di rendere al meglio il
bisogno di giustizia di questo individuo la cui unica colpa è quella di aver voluto troppo bene
all'unica figlia che abbia mai avuto. Manuel ovviamente dirà agli investigatori della morte di sua
figlia e quindi visto che la polizia non poteva far nulla, in quanto sia lui che i suoi colleghi avevano
le mani legate, si è eretto al di sopra della legge. UN CONSIGLIO: Provate a movimentare
quest'ultima parte cercando di irretire (portare) i p.g. dalla parte di Manuel! Chi cede non è dalla
parte della legge e sicuramente non sarà tra i migliori agenti di Hover, qualora lo dovesse venir a
scoprire. Chi invece rimmarrà ligio agli ordini di Hoover e lo conesegnerà nelle mani della giustizia
otterrà sia una menzione speciale direttamente dal Procuratore Generale.
Dettagli:
Prevedere tutto quello che possono fare 5/6 giocatori è praticamente impossibile.
Sappiate che Manuel è comunque una persona buona, non ucciderebbe degli innocenti, ma solo
coloro che sono collusi con la mafia e la criminalità. Visto che Manuel ha l'ordine di seguire e di
essere a totale disposizione dei giocatori usatelo come meglio credete, muovetelo come una persona
intransigente e dedita al suo lavoro. Ha perso una figlia e vorrebbe vedere "puniti" i colpevoli. Siate
subdoli, non dite come li vorrebbe punire, fategli dire semplicemente saranno puniti... I giocatori
non sono mai stati in questa città, è per questo che devono sfruttare le conoscenze di Manuel. Se
vedete il gruppo di giocatori perdersi in un bicchiere d'acqua, fatelo portavoce di idee che possono
far andare avanti la storia, del resto siete voi che la conoscete. Ingegnatevi, sentite liberi di
improvvisare ma cercate di non stravolgere gli eventi qui presentati, quelli sono la catena della
storia e servono per farla procedere al meglio.
Tenete conto di questi piccoli dettagli:
- La criminalità della città ci pensa bene dal farsi notare in strada Manuel, anche se usando metodi
poco ortodossi, ha raggiunto una sua utilità: gli speak easy deserti anche di giorno. Se i giocatori
decidono di andare a parlare con dei soffia/informatori della polizia faranno fatica a trovarne, stanno
ben nascosti.
- Avete tre ore dove dovrete bilanciare giri a vuoto e gli indizi sparsi per l'avventura. Il candelotto di
dinamite se non lo trovano, ancora una volta usate Mamuel facendolo trovare a lui. Cercate di
renderlo subdolamente contrariato per l'inefficenza dei suoi uomini. Chi effettua un tiro empatia per
vedere se mente, potrebbe addirittura far finire prima l'avventura, cavatevela con un'inseguimento se
i pg non riescono a bloccarlo.
53
V1.4.4
5° parte – Indizi da dare ai P.g.
Qui di seguito metteremo tutti i reperti che potrete dare ai vostri giocatori direttamente
in mano, per aumentare il grado di immedisimazione e aiutare l'ambientazione.
Reperto 1. La lettera del Vigilantes:
S aL v E
so
No
IL
VI g I La N
Ann
LE
Cri
sulla
Qu & sta
t U tt I
O
A
Pr E
Le
t ES
mio
Me ri to
N
Di Re tto Re
città
Un ci o
SO no
si
ONI
Gi Ro
gRan
UN
So No
Di
Vite
Di
MI na li tà
Quegli
N
es Plo
IO
St A to
a
FAr
Es Plo dere
Edifici
Fi ni To
Ho
sto
54
V1.4.4
Reperto 2. Gli estratti del Pittsburgh Press
Stralci e bozze di giornali del Pittsburgh Press
Notte del 12 Febbraio 1925: Durante la notte un furgone nero viene visto allontanarsi da
una distilleria clandestina la quale immediatamente dopo stando ai testimoni salta
letteralmente in aria.
Notte del 6 Aprile 1925: Un'altra distilleria clandestina fa il botto. L'articolo del Pittsburgh
Press incomincia a parlare di faida senza precedenti tra le due bande che si contengono i
commerci illegali della città.
Notte del 12 Giugno 1925: Una bisca clandestina gestita da una dei due Gangster salta per
aria, la gente tra le fiamme viene presa a mitragliate! Chi è sopravvissuto racconta al
giornalista di aver visto un tipo incappucciato che da un furgone nero mentre si allontanava
nella notte sparava all'impazzata su quelli che uscivano.
Notte del 5 Agosto 1925: Uno speak-easy salta per aria. Non ci saranno sopravvissuti.
L'articolo ultimo della serie incomincia a parlare del più sanguinoso tra i regolamenti di
conti che si stanno tenendo in America.
Reperto 3. Mappa di Pittsburgh
55
V1.4.4
Bibliografia
Per i paragrafi sul Proibizionismo, Il Gangsterismo, La fine del Proibizionismo
http://it.wikipedia.org/wiki/Proibizionismo
Per il paragrafo Il Gangster per eccellenza: La Storia di Al Capone
http://it.wikipedia.org/wiki/Al_Capone
Per il paragrafo La storia del Ku Klux Klan
http://www.parodos.it/potpourrikkk.htm
Per il paragrafo sulla storia del B.O.I.
- Nel covo dei gangster, di John Edgar Hoover - Giulio Beltrami editore, Firenze 1939
- La storia dell' FBI,di Don Whitehead - Sugar Editore, Milano 1958
- FBI, di Renzo Rossotti - Casa Editrice M.E.B., Torino 1972
- La Mafia e lo Stato, di Emanuele Macaluso - Editori Riuniti, Roma 1972
- Parlar chiaro, di Spiro T. Agnew - Edizioni del Borghese, Milano 1971
Per il paragrafo La donna negli anni '20
- http://it.wikipedia.org/wiki/Suffragette
- Per la parte riguardante Olympe De Gouges ringraziamo il blog:
http://www.hotinfo.it/cultura/libri/potere-alle-donne-olympe-de-gouges-una-interferenzafemminista/
- http://it.wikipedia.org/wiki/Alice_Paul
- http://www.paritamolise.it/dati/3001---Le%20tappe%20fondamentali%20del%20cammino
%20della%20donna.pdf
- http://it.wikipedia.org/wiki/Greta_Garbo
- http://it.wikipedia.org/wiki/Coco_Chanel#Gli_anni_venti
- http://moda.san.beniculturali.it/wordpress/?moda=1921-1930-i-%E2%80%9Cruggenti
%E2%80%9D-anni-venti
- http://digilander.libero.it/twenties/htm/flapper.htm
- http://www.swingdancegenova.net/blog/?r=55&hl=it
Per il paragrafo La nascita di un fenomeno: il Jazz
- http://www.verolanuova.com/rbv/slow-hand/musicajazz.htm#Jazz
- http://it.wikipedia.org/wiki/Minstrel_show
- http://it.wikipedia.org/wiki/Scat
Per il paragrafo Un Decennio di Storia e Curiosità in pillole
Si rimanda il lettore a http://it.wikipedia.org e a www.google.it in generale
Per l'appendice C Gli Stati Uniti D'America
Si rimanda il lettore al sito di ricerca per immagini di www.Google.it
56
V1.4.4
RINGRAZIAMENTI
Eccoci arrivati alla fine di questo manuale. Al momento dei ringraziamenti a chi ci ha
permesso di realizzare questo gioco di ruolo, che non ha pretese: se non quella di essere un prodotto
frutto della collaborazione con l'Avis, una realtà di volontariato a cui penso vada riconosciuto un
grande merito per l'attività che svolge. Siamo orgogliosi come associazione ludica di portare avanti
questo progetto, la cui vera difficoltà non è stata tanto nella ricerca delle nozioni storiche per creare
l'Ambientazione, ma nella ricerca e individuazione di un sistema di gioco fluido e immediato.
Speriamo di esserci riusciti.
Avis non è solo donare il sangue, ma è solidarietà, volontariato nella sua forma più
estesa della parola, tanto che questo gioco è l'ennesima prova di quanto le attività di questa
organizzazione siano differenziate. Sostanzialmente già in molti ci hanno detto che assomiglia al
"Richiamo di Cthulhu", ma possiamo giustificarci dicendo che la nostra opera, nonostante l'epoca
sia la stessa, è però molto più incentrato sul lato storico. Non troverete quindi cultisti che vogliono
risvegliare Grandi Antichi, ma dovrete sgominare bande mafiose o fermare linciaggi del Ku Klux
Klan che sono i veri problemi e la dura realtà che i vostri personaggi dovranno affrontare.
Abbiamo cercato di renderlo il più possibile realistico, nella speranza quindi di potervi
dare un buon lavoro e farvi passare un paio di ore divertenti, passiamo finalmente all'elenco.
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
Primo tra tutti ringraziamo il Presidente Avis Vignola (MO) Donini Federico, che con la sua
passione per i giochi di ruolo (sì è uno di noi...), ha reso possibile la realizzazione di questo
progetto;
Pino Ligabue per averci gentilmente concesso il suo tempo, e aver disegnato il pinguino Sherlock
Holmes che campeggia sulla copertina del volume che stringete tra le mani;
L'Avis Comprensorio di Vignola per aver creduto in questo progetto;
L'Avis Giovani di Modena, per averci dato la possibilità sia nel 2011 che nel 2012 di partecipare
al Play supportandoci e sopportandoci;
A tutti i ragazzi del 3M di Modena soprattutto Monty e Sister per aver direttamente testato e
provato con mano la precedente versione di questo prodotto, Liga per averci fatto pubblicità
perfino sul suo giornale, e a tutti quelli che ci hanno permesso di essere presenti in questi anni in
fiera;
La Fabiana che oltre ad averci sopportato si è letta l'intero volume e ce l'ha ridato corretto.
Doveroso un ringraziamento e scuse a profusione per gli orrori ortografici da lei riscontrati;
Un ringraziamento anche a tutti quanti insieme per non fare uno sgarro a nessuno: Biccio alias
Gazzotti Fabrizio, Ballot Alias Ballotta Luca, l'Ely alias Relandini Elisa per aver letto e corretto
le nuove sezioni di questo manuale;
Magma alias Malmusi Enrico per aver stampato e ristampato le prime bozze di questo manuale,
per aver creato la suddivisione dei livelli del dado percentuale, e infine per averci segnalato
PdfEdit il programma con il quale abbiamo creato le prime bozze della scheda;
Il Divin Sautek alias Bruzzi Matteo per aver fatto da master durante manifestazioni e
presentazioni di questo gioco. Soprattutto per averlo testato quando ancora era nelle fasi iniziali
di elaborazione;
Damlin alias Chierici Luca per aver aiutato Magma nella creazione della tabella dei gradi
percentuali a livelli. Vogliamo però ricordarci soprattutto di questa persona per averci fatto ridere
e sollazzare con l'interpretazione del suo primo personaggio. Eccovi la scena incriminata...
"L'investigatore di Damlin legge su una lettera, scritta dallo Sceriffo, le motivazioni per cui egli
non era presente nel suo ufficio. Purtroppo, da quanto trapela dallo scritto, la figlia dello Sceriffo
è incinta e il padre giustamente è andato con lei all'ospedale. La lettera prosegue presentando,
quindi oltre a questa situazione, anche le scuse dello Sceriffo per non essere potuto andare ad
accoglierli alla stazione del treno, e di non poterli aiutare ad avviare l'indagine. L'investigatore di
57
V1.4.4
–
–
–
–
–
–
Luca, una volta letto il messaggio, si volta e riferisce ciò al gruppo: << Lo sceriffo è incinta! >>;
Albi alias Bergamini Alberto per averci fatto da playtester, aver affrontato assieme a noi la
confusione della prima presentazione "ufficiosa" di "Sangue e Misteri" al Play 2011. Non solo
ma anche per essersi letto tutta la parte sulla creazione della scheda e averne corretto il contenuto
da orrori di ortografia;
Al Bovo, di cui basta il soprannome, per averci consigliato sia nella stesura delle regole che per
aver fatto da cavia come betatester. Inoltre è stato anche master di questo gioco fin dalle sue
prime apparizioni. Come se non bastasse lo ringraziamo anche per averci fatto da revisore
dell'avventura che troverete in allegato al manuale;
Un ringraziamento va anche a tutta la compagnia della "Terra di Mezzo" nello specifico a Luca
(l'Oste) e alla Moira (l'Ostessa) in particolare per la pazienza che hanno nell'ospitarci una volta al
mese;
In ordine sparso ringraziamo anche coloro che hanno partecipato ai betatest, alle demo, allle
varie sessioni nonché al 1° Torneo Ufficiale: Panino, Johnny, Romello, Lady Tapa, Tapi, Bonne,
Giulio, Ablavoski, Ablavoski's girlfriend, Stasio (il gongolante umile discepolo di De Mauris),
Pranda, Pappy, Jack "il campione in carica di Sangue e Misteri", Boni, Pigna, Thomas,
Piteccho, Giorgiana, Davide G., Fabio L., Claudio F., Fantus;
Wikipedia e Internet: se non ci fossero stati la ricerca di materiale storico sarebbe stata tre volte
più lunga e faticosa;
Infine un ringraziamento al Presidente dell'Oltretempo De Mauris che ha avuto l'intuizione del
sistema di gioco, creando il Sistema Percentuale a Livelli. Se qualcosa a livello di meccaniche
non funziona dovrete maledire soltanto lui.
P.s.: ringraziamo anche chi in questi anni è venuto alle manifestazioni a giocare, e a consigliarci su
come migliorare quanto già fatto finora...
58
V1.4.4
AVIS E OLTRETEMPO
SCHEDA DEL GIOCATORE
ATTRIBUTI
Nome del Giocatore:
Forza
Percezione
Nome del Personaggio:
Fisico
Agilità
Intelligenza
Professione:
Freddezza
Leadership
Percorso di Studio:
Sesso:
Età:
Luogo di Nascita:
Descrizione fisica del personaggio:
PARTI VITALI
Annerire le caselle eccedenti i propri valori di Benessere di ogni singola parte del corpo
ATTITUDINI
ARMI BIANCHE E DA FUOCO
❒
❒
❒
❒
❒
Armi
Grado
Attitudine
Danno
Gittata
Cadenza di
fuoco
Caricatore
Inceppamento
Integrità
____________
____________
____________
____________
____________
_____
_____
_____
_____
_____
_____
_____
_____
_____
_____
_____
_____
_____
_____
_____
_____
_____
_____
_____
_____
_____
_____
_____
_____
_____
_____
_____
_____
_____
_____
_____
_____
_____
_____
_____
E' permesso fotocopiare/stampare questa scheda solo per uso personale - Versione 2.0
59
V1.4.4
GNU Free Documentation License
Version 1.3, 3 November 2008
Copyright (C) 2000, 2001, 2002, 2007, 2008 Free Software Foundation, Inc.
<http://fsf.org/>
Everyone is permitted to copy and distribute verbatim copies
of this license document, but changing it is not allowed.
0. PREAMBLE
The purpose of this License is to make a manual, textbook, or other
functional and useful document "free" in the sense of freedom: to
assure everyone the effective freedom to copy and redistribute it,
with or without modifying it, either commercially or noncommercially.
Secondarily, this License preserves for the author and publisher a way
to get credit for their work, while not being considered responsible
for modifications made by others.
This License is a kind of "copyleft", which means that derivative
works of the document must themselves be free in the same sense. It
complements the GNU General Public License, which is a copyleft
license designed for free software.
We have designed this License in order to use it for manuals for free
software, because free software needs free documentation: a free
program should come with manuals providing the same freedoms that the
software does. But this License is not limited to software manuals;
it can be used for any textual work, regardless of subject matter or
whether it is published as a printed book. We recommend this License
principally for works whose purpose is instruction or reference.
1. APPLICABILITY AND DEFINITIONS
This License applies to any manual or other work, in any medium, that
contains a notice placed by the copyright holder saying it can be
distributed under the terms of this License. Such a notice grants a
world-wide, royalty-free license, unlimited in duration, to use that
work under the conditions stated herein. The "Document", below,
refers to any such manual or work. Any member of the public is a
licensee, and is addressed as "you". You accept the license if you
copy, modify or distribute the work in a way requiring permission
under copyright law.
A "Modified Version" of the Document means any work containing the
Document or a portion of it, either copied verbatim, or with
modifications and/or translated into another language.
A "Secondary Section" is a named appendix or a front-matter section of
the Document that deals exclusively with the relationship of the
publishers or authors of the Document to the Document's overall
subject (or to related matters) and contains nothing that could fall
directly within that overall subject. (Thus, if the Document is in
part a textbook of mathematics, a Secondary Section may not explain
any mathematics.) The relationship could be a matter of historical
connection with the subject or with related matters, or of legal,
commercial, philosophical, ethical or political position regarding
them.
The "Invariant Sections" are certain Secondary Sections whose titles
are designated, as being those of Invariant Sections, in the notice
that says that the Document is released under this License. If a
section does not fit the above definition of Secondary then it is not
allowed to be designated as Invariant. The Document may contain zero
60
V1.4.4
Invariant Sections. If the Document does not identify any Invariant
Sections then there are none.
The "Cover Texts" are certain short passages of text that are listed,
as Front-Cover Texts or Back-Cover Texts, in the notice that says that
the Document is released under this License. A Front-Cover Text may
be at most 5 words, and a Back-Cover Text may be at most 25 words.
A "Transparent" copy of the Document means a machine-readable copy,
represented in a format whose specification is available to the
general public, that is suitable for revising the document
straightforwardly with generic text editors or (for images composed of
pixels) generic paint programs or (for drawings) some widely available
drawing editor, and that is suitable for input to text formatters or
for automatic translation to a variety of formats suitable for input
to text formatters. A copy made in an otherwise Transparent file
format whose markup, or absence of markup, has been arranged to thwart
or discourage subsequent modification by readers is not Transparent.
An image format is not Transparent if used for any substantial amount
of text. A copy that is not "Transparent" is called "Opaque".
Examples of suitable formats for Transparent copies include plain
ASCII without markup, Texinfo input format, LaTeX input format, SGML
or XML using a publicly available DTD, and standard-conforming simple
HTML, PostScript or PDF designed for human modification. Examples of
transparent image formats include PNG, XCF and JPG. Opaque formats
include proprietary formats that can be read and edited only by
proprietary word processors, SGML or XML for which the DTD and/or
processing tools are not generally available, and the
machine-generated HTML, PostScript or PDF produced by some word
processors for output purposes only.
The "Title Page" means, for a printed book, the title page itself,
plus such following pages as are needed to hold, legibly, the material
this License requires to appear in the title page. For works in
formats which do not have any title page as such, "Title Page" means
the text near the most prominent appearance of the work's title,
preceding the beginning of the body of the text.
The "publisher" means any person or entity that distributes copies of
the Document to the public.
A section "Entitled XYZ" means a named subunit of the Document whose
title either is precisely XYZ or contains XYZ in parentheses following
text that translates XYZ in another language. (Here XYZ stands for a
specific section name mentioned below, such as "Acknowledgements",
"Dedications", "Endorsements", or "History".) To "Preserve the Title"
of such a section when you modify the Document means that it remains a
section "Entitled XYZ" according to this definition.
The Document may include Warranty Disclaimers next to the notice which
states that this License applies to the Document. These Warranty
Disclaimers are considered to be included by reference in this
License, but only as regards disclaiming warranties: any other
implication that these Warranty Disclaimers may have is void and has
no effect on the meaning of this License.
2. VERBATIM COPYING
You may copy and distribute the Document in any medium, either
commercially or noncommercially, provided that this License, the
copyright notices, and the license notice saying this License applies
to the Document are reproduced in all copies, and that you add no
other conditions whatsoever to those of this License. You may not use
61
V1.4.4
technical measures to obstruct or control the reading or further
copying of the copies you make or distribute. However, you may accept
compensation in exchange for copies. If you distribute a large enough
number of copies you must also follow the conditions in section 3.
You may also lend copies, under the same conditions stated above, and
you may publicly display copies.
3. COPYING IN QUANTITY
If you publish printed copies (or copies in media that commonly have
printed covers) of the Document, numbering more than 100, and the
Document's license notice requires Cover Texts, you must enclose the
copies in covers that carry, clearly and legibly, all these Cover
Texts: Front-Cover Texts on the front cover, and Back-Cover Texts on
the back cover. Both covers must also clearly and legibly identify
you as the publisher of these copies. The front cover must present
the full title with all words of the title equally prominent and
visible. You may add other material on the covers in addition.
Copying with changes limited to the covers, as long as they preserve
the title of the Document and satisfy these conditions, can be treated
as verbatim copying in other respects.
If the required texts for either cover are too voluminous to fit
legibly, you should put the first ones listed (as many as fit
reasonably) on the actual cover, and continue the rest onto adjacent
pages.
If you publish or distribute Opaque copies of the Document numbering
more than 100, you must either include a machine-readable Transparent
copy along with each Opaque copy, or state in or with each Opaque copy
a computer-network location from which the general network-using
public has access to download using public-standard network protocols
a complete Transparent copy of the Document, free of added material.
If you use the latter option, you must take reasonably prudent steps,
when you begin distribution of Opaque copies in quantity, to ensure
that this Transparent copy will remain thus accessible at the stated
location until at least one year after the last time you distribute an
Opaque copy (directly or through your agents or retailers) of that
edition to the public.
It is requested, but not required, that you contact the authors of the
Document well before redistributing any large number of copies, to
give them a chance to provide you with an updated version of the
Document.
4. MODIFICATIONS
You may copy and distribute a Modified Version of the Document under
the conditions of sections 2 and 3 above, provided that you release
the Modified Version under precisely this License, with the Modified
Version filling the role of the Document, thus licensing distribution
and modification of the Modified Version to whoever possesses a copy
of it. In addition, you must do these things in the Modified Version:
A. Use in the Title Page (and on the covers, if any) a title distinct
from that of the Document, and from those of previous versions
(which should, if there were any, be listed in the History section
of the Document). You may use the same title as a previous version
if the original publisher of that version gives permission.
B. List on the Title Page, as authors, one or more persons or entities
responsible for authorship of the modifications in the Modified
Version, together with at least five of the principal authors of the
Document (all of its principal authors, if it has fewer than five),
62
V1.4.4
unless they release you from this requirement.
C. State on the Title page the name of the publisher of the
Modified Version, as the publisher.
D. Preserve all the copyright notices of the Document.
E. Add an appropriate copyright notice for your modifications
adjacent to the other copyright notices.
F. Include, immediately after the copyright notices, a license notice
giving the public permission to use the Modified Version under the
terms of this License, in the form shown in the Addendum below.
G. Preserve in that license notice the full lists of Invariant Sections
and required Cover Texts given in the Document's license notice.
H. Include an unaltered copy of this License.
I. Preserve the section Entitled "History", Preserve its Title, and add
to it an item stating at least the title, year, new authors, and
publisher of the Modified Version as given on the Title Page. If
there is no section Entitled "History" in the Document, create one
stating the title, year, authors, and publisher of the Document as
given on its Title Page, then add an item describing the Modified
Version as stated in the previous sentence.
J. Preserve the network location, if any, given in the Document for
public access to a Transparent copy of the Document, and likewise
the network locations given in the Document for previous versions
it was based on. These may be placed in the "History" section.
You may omit a network location for a work that was published at
least four years before the Document itself, or if the original
publisher of the version it refers to gives permission.
K. For any section Entitled "Acknowledgements" or "Dedications",
Preserve the Title of the section, and preserve in the section all
the substance and tone of each of the contributor acknowledgements
and/or dedications given therein.
L. Preserve all the Invariant Sections of the Document,
unaltered in their text and in their titles. Section numbers
or the equivalent are not considered part of the section titles.
M. Delete any section Entitled "Endorsements". Such a section
may not be included in the Modified Version.
N. Do not retitle any existing section to be Entitled "Endorsements"
or to conflict in title with any Invariant Section.
O. Preserve any Warranty Disclaimers.
If the Modified Version includes new front-matter sections or
appendices that qualify as Secondary Sections and contain no material
copied from the Document, you may at your option designate some or all
of these sections as invariant. To do this, add their titles to the
list of Invariant Sections in the Modified Version's license notice.
These titles must be distinct from any other section titles.
You may add a section Entitled "Endorsements", provided it contains
nothing but endorsements of your Modified Version by various
parties--for example, statements of peer review or that the text has
been approved by an organization as the authoritative definition of a
standard.
You may add a passage of up to five words as a Front-Cover Text, and a
passage of up to 25 words as a Back-Cover Text, to the end of the list
of Cover Texts in the Modified Version. Only one passage of
Front-Cover Text and one of Back-Cover Text may be added by (or
through arrangements made by) any one entity. If the Document already
includes a cover text for the same cover, previously added by you or
by arrangement made by the same entity you are acting on behalf of,
you may not add another; but you may replace the old one, on explicit
permission from the previous publisher that added the old one.
The author(s) and publisher(s) of the Document do not by this License
give permission to use their names for publicity for or to assert or
63
V1.4.4
imply endorsement of any Modified Version.
5. COMBINING DOCUMENTS
You may combine the Document with other documents released under this
License, under the terms defined in section 4 above for modified
versions, provided that you include in the combination all of the
Invariant Sections of all of the original documents, unmodified, and
list them all as Invariant Sections of your combined work in its
license notice, and that you preserve all their Warranty Disclaimers.
The combined work need only contain one copy of this License, and
multiple identical Invariant Sections may be replaced with a single
copy. If there are multiple Invariant Sections with the same name but
different contents, make the title of each such section unique by
adding at the end of it, in parentheses, the name of the original
author or publisher of that section if known, or else a unique number.
Make the same adjustment to the section titles in the list of
Invariant Sections in the license notice of the combined work.
In the combination, you must combine any sections Entitled "History"
in the various original documents, forming one section Entitled
"History"; likewise combine any sections Entitled "Acknowledgements",
and any sections Entitled "Dedications". You must delete all sections
Entitled "Endorsements".
6. COLLECTIONS OF DOCUMENTS
You may make a collection consisting of the Document and other
documents released under this License, and replace the individual
copies of this License in the various documents with a single copy
that is included in the collection, provided that you follow the rules
of this License for verbatim copying of each of the documents in all
other respects.
You may extract a single document from such a collection, and
distribute it individually under this License, provided you insert a
copy of this License into the extracted document, and follow this
License in all other respects regarding verbatim copying of that
document.
7. AGGREGATION WITH INDEPENDENT WORKS
A compilation of the Document or its derivatives with other separate
and independent documents or works, in or on a volume of a storage or
distribution medium, is called an "aggregate" if the copyright
resulting from the compilation is not used to limit the legal rights
of the compilation's users beyond what the individual works permit.
When the Document is included in an aggregate, this License does not
apply to the other works in the aggregate which are not themselves
derivative works of the Document.
If the Cover Text requirement of section 3 is applicable to these
copies of the Document, then if the Document is less than one half of
the entire aggregate, the Document's Cover Texts may be placed on
covers that bracket the Document within the aggregate, or the
electronic equivalent of covers if the Document is in electronic form.
Otherwise they must appear on printed covers that bracket the whole
aggregate.
8. TRANSLATION
Translation is considered a kind of modification, so you may
distribute translations of the Document under the terms of section 4.
64
V1.4.4
Replacing Invariant Sections with translations requires special
permission from their copyright holders, but you may include
translations of some or all Invariant Sections in addition to the
original versions of these Invariant Sections. You may include a
translation of this License, and all the license notices in the
Document, and any Warranty Disclaimers, provided that you also include
the original English version of this License and the original versions
of those notices and disclaimers. In case of a disagreement between
the translation and the original version of this License or a notice
or disclaimer, the original version will prevail.
If a section in the Document is Entitled "Acknowledgements",
"Dedications", or "History", the requirement (section 4) to Preserve
its Title (section 1) will typically require changing the actual
title.
9. TERMINATION
You may not copy, modify, sublicense, or distribute the Document
except as expressly provided under this License. Any attempt
otherwise to copy, modify, sublicense, or distribute it is void, and
will automatically terminate your rights under this License.
However, if you cease all violation of this License, then your license
from a particular copyright holder is reinstated (a) provisionally,
unless and until the copyright holder explicitly and finally
terminates your license, and (b) permanently, if the copyright holder
fails to notify you of the violation by some reasonable means prior to
60 days after the cessation.
Moreover, your license from a particular copyright holder is
reinstated permanently if the copyright holder notifies you of the
violation by some reasonable means, this is the first time you have
received notice of violation of this License (for any work) from that
copyright holder, and you cure the violation prior to 30 days after
your receipt of the notice.
Termination of your rights under this section does not terminate the
licenses of parties who have received copies or rights from you under
this License. If your rights have been terminated and not permanently
reinstated, receipt of a copy of some or all of the same material does
not give you any rights to use it.
10. FUTURE REVISIONS OF THIS LICENSE
The Free Software Foundation may publish new, revised versions of the
GNU Free Documentation License from time to time. Such new versions
will be similar in spirit to the present version, but may differ in
detail to address new problems or concerns. See
http://www.gnu.org/copyleft/.
Each version of the License is given a distinguishing version number.
If the Document specifies that a particular numbered version of this
License "or any later version" applies to it, you have the option of
following the terms and conditions either of that specified version or
of any later version that has been published (not as a draft) by the
Free Software Foundation. If the Document does not specify a version
number of this License, you may choose any version ever published (not
as a draft) by the Free Software Foundation. If the Document
specifies that a proxy can decide which future versions of this
License can be used, that proxy's public statement of acceptance of a
version permanently authorizes you to choose that version for the
Document.
65
V1.4.4
11. RELICENSING
"Massive Multiauthor Collaboration Site" (or "MMC Site") means any
World Wide Web server that publishes copyrightable works and also
provides prominent facilities for anybody to edit those works. A
public wiki that anybody can edit is an example of such a server. A
"Massive Multiauthor Collaboration" (or "MMC") contained in the site
means any set of copyrightable works thus published on the MMC site.
"CC-BY-SA" means the Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0
license published by Creative Commons Corporation, a not-for-profit
corporation with a principal place of business in San Francisco,
California, as well as future copyleft versions of that license
published by that same organization.
"Incorporate" means to publish or republish a Document, in whole or in
part, as part of another Document.
An MMC is "eligible for relicensing" if it is licensed under this
License, and if all works that were first published under this License
somewhere other than this MMC, and subsequently incorporated in whole or
in part into the MMC, (1) had no cover texts or invariant sections, and
(2) were thus incorporated prior to November 1, 2008.
The operator of an MMC Site may republish an MMC contained in the site
under CC-BY-SA on the same site at any time before August 1, 2009,
provided the MMC is eligible for relicensing.
ADDENDUM: How to use this License for your documents
To use this License in a document you have written, include a copy of
the License in the document and put the following copyright and
license notices just after the title page:
Copyright (c) YEAR YOUR NAME.
Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document
under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.3
or any later version published by the Free Software Foundation;
with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts.
A copy of the license is included in the section entitled "GNU
Free Documentation License".
If you have Invariant Sections, Front-Cover Texts and Back-Cover Texts,
replace the "with...Texts." line with this:
with the Invariant Sections being LIST THEIR TITLES, with the
Front-Cover Texts being LIST, and with the Back-Cover Texts being LIST.
If you have Invariant Sections without Cover Texts, or some other
combination of the three, merge those two alternatives to suit the
situation.
If your document contains nontrivial examples of program code, we
recommend releasing these examples in parallel under your choice of
free software license, such as the GNU General Public License,
to permit their use in free software.
66
V1.4.4
Fly UP