...

Bozza di contratto Posizione Organizzativa Area Tecnica e del

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

Bozza di contratto Posizione Organizzativa Area Tecnica e del
CONTRATTO INDIVIDUALE PER IL CONFERIMENTO
DELLA POSIZIONE ORGANIZZATIVA
L’anno 2014 (duemilaquattordici), il giorno ___ ( ___________ ) del mese di agosto, presso la sede
dell’Ente-Parco Regionale Migliarino, San Rossore, Massaciuccoli, in Pisa, località Cascine
Vecchie (Tenuta di San Rossore) - codice fiscale 93000640503 (di seguito denominato: EnteParco), con la presente scrittura privata, avente per le parti forza di legge,
TRA
il Dott. Andrea Gennai, nato a Pisa il 12/07/1970, in qualità di Direttore dell’Ente-Parco, con sede
in Pisa, località Cascine Vecchie (Tenuta di San Rossore), ove domicilia per ragioni d’ufficio,
abilitato a stipulare i contratti in nome e per conto dell’Ente-Parco, che rappresenta ai sensi dell’art.
107, 3° comma, del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267,
E
l’arch. Andrea Porchera, nato il nato il ______________ a _________ e residente a ______(___),
via _____________ ___ - codice fiscale _________________ (di seguito denominato: dipendente);
PREMESSO
-
che il Direttore dell’Ente-Parco, con proprio provvedimento n. 320 del 26/05/2014, ha
determinato di attribuire, tramite Selezione per Titoli tra il personale di ruolo di questo Ente
Parco, appartenente alla categoria D, secondo criteri prestabiliti, per un periodo di anni 5
(cinque), eventualmente prorogabili, l’incarico della Posizione Organizzativa denominata
“Coordinatore Area Tecnica e del Territorio”;
-
che con successivo provvedimento n. 374 del 13/06/2014, il Direttore ha corretto un errore
formale del precedente atto, indicando l’esatto valore economico delle posizioni organizzative;
-
che, con successiva determinazione n. 496 del 20/08/2014, il Direttore dell’Ente Parco ha
attribuito per anni 5 (cinque), a far data dal 25/08/2014 e fino al 24/08/2019, l’incarico della
Posizione Organizzativa denominata “Coordinatore Area Tecnica e del Territorio” all’Arch.
Andrea Porchera, dipendente di ruolo di questo Ente Parco, in qualità di “Architetto” e
attualmente inquadrato alla categoria funzionale D1, con posizione economica D3;
-
che nei suddetti provvedimenti sono stati definiti i valori economici spettanti alla Posizione
Organizzativa “Coordinatore Area Tecnica e del Territorio”, di seguito denominata P.O.;
SI CONVIENE E STIPULA QUANTO SEGUE
1 - INQUADRAMENTO
L’Ente-Parco conferisce al dipendente l’incarico per la P.O. denominata “Coordinatore Area
Tecnica e del Territorio”, trattandosi di posizione lavorativa che richiede lo svolgimento delle
funzioni di cui all’art. 8, comma 1, lettera a), del CCNL del 31/03/1999, con assunzione diretta di
elevata responsabilità di prodotto e di risultato.
pag. 1/3
La P.O. “Coordinatore Area Tecnica e del Territorio”, oltre che a mantenere le funzioni di
Responsabile del Servizio “Pianificazione del territorio”, svolge i seguenti compiti, attuando le
indicazioni e gli ordini del Direttore, secondo i documenti di programmazione:
- coordina i Responsabili per l’analisi delle problematiche interne ai Servizi e per il
raggiungimento degli obiettivi assegnati, con confronto mensile con il Direttore;
- assiste la Direzione nella predisposizione del Piano per la Qualità della Prestazione
Organizzativa e formula al Direttore elementi utili per la valutazione del grado di
raggiungimento degli obiettivi raggiunti dal personale dei Servizi coordinati.
- segue, per conto del Direttore, le procedure ed i settori espressamente delegati con atto scritto;
- predispone gli atti e gli adempimenti di ordinaria amministrazione, propri del Direttore, in caso
di assenza temporanea sia del Direttore stesso che della titolare della P.O. denominata
“Coordinatore Area Amministrativo - Contabile”.
2 - DURATA DELL’INCARICO
L’incarico ha la durata di anni 5 (cinque), eventualmente revocabile; decorre dal 25/08/2014 e scade
il 24/08/2019. L’incarico può essere prorogato.
3 - RETRIBUZIONE
Il conferimento dell’incarico di cui al presente contratto comporta l’assegnazione al dipendente di
una “retribuzione di posizione”, pari ad €. 10.363,67 lorde, su base annua, per tredici mensilità,
rapportata alla durata effettiva dell’incarico di posizione organizzativa. Tale trattamento assorbe
tutte le indennità previste dal vigente CCNL, compreso il compenso per il lavoro straordinario. Al
dipendente spetta anche una “retribuzione di risultato” nella misura del 10% della retribuzione di
posizione, pari ad €. 1.036,37. L’erogazione della retribuzione di risultato è subordinata alla
valutazione positiva dell’attività del dipendente, ai sensi dell’art. 9, comma 4, del CCNL del
31/03/1999. Le parti danno atto che il valore complessivo della retribuzione di posizione e di
risultato (nella misura massima di euro 11.400,00) non è inferiore all’importo delle competenze
accessorie e delle indennità assorbite per effetto del conferimento dell’incarico di cui al presente
contratto.
4 - SEDE DI LAVORO
L’attività lavorativa viene espletata presso la sede dell’Ente Parco, Tenuta di San Rossore (Pisa),
località Cascine Vecchie; la presenza in servizio della P.O. sarà confermata dall’utilizzo
dell’orologio marcatempo ivi ubicato. In funzione di eventuali provvedimenti di modifica della
dotazione organica o di organizzazione del lavoro comportanti diversa assegnazione, la sede di
lavoro può mutare e sarà comunicata con atto del Direttore dell’Ente-Parco.
5 - ORARIO DI LAVORO
L’orario di lavoro del dipendente resta confermato in 36 ore settimanali, articolato nell’orario di
servizio stabilito, sulla base della normativa vigente. In relazione alla posizione conferita il
dipendente è tenuto ad effettuare l’ulteriore prestazione oraria straordinaria necessaria per
l’espletamento dell’incarico e al conseguimento degli obiettivi, senza diritto a retribuzione per
prestazione straordinaria.
6 - VALUTAZIONE
Ai sensi dell’art. 9, comma 4, del CCNL del 31/03/1999, il risultato delle attività svolte dal
dipendente è valutato sulla base dei risultati ottenuti nello svolgimento dell’incarico affidato con
criteri definiti secondo la normativa vigente in materia. Nell’ipotesi di valutazione preliminare non
positiva, il dipendente ha diritto di essere ascoltato in contraddittorio per esprimere le proprie
controdeduzioni, eventualmente anche con l’assistenza dell’organizzazione sindacale cui il
dipendente aderisca o abbia conferito mandato o da persona di sua fiducia.
pag. 2/3
7 - REVOCA
L’incarico oggetto del presente contratto, ai sensi dell’art. 9, comma 3, del CCNL del 31/03/1999,
può essere revocato anche prima della scadenza del termine di cui al precedente punto 2, per
intervenuti mutamenti organizzativi in seno all’Ente, adottati nelle forme previste dalla legge o per
accertamento specifico di risultati negativi dell’attività del dipendente incaricato della posizione
organizzativa. Per la revoca dell’incarico si applica la stessa procedura in contraddittorio prevista al
precedente punto 5. La revoca dell’incarico comporta la perdita della retribuzione di posizione e di
risultato. Il dipendente, in tal caso, resta inquadrato nella categoria di appartenenza e viene restituito
alle funzioni del profilo di appartenenza, ai sensi dell’art. 9, comma 5, del CCNL del 31/03/1999.
8 - DISPOSIZIONI DI RINVIO
Per tutto quanto non previsto dal presente contratto verranno applicate le norme e le condizioni
contenute nel contratto individuale di lavoro precedentemente stipulato.
Il presente contratto viene redatto in carta semplice in relazione al disposto dell’art. 25 della tabella
B) allegata al D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 642.
Letto, confermato e sottoscritto, in luogo e data di cui sopra.
IL DIPENDENTE
(Arch. Andrea Porchera)
-----------------------------
IL DIRETTORE dell’Ente-Parco
(Dott. Andrea Gennai)
--------------------------------
pag. 3/3
Fly UP