...

a guardia corsa di u papa

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

a guardia corsa di u papa
A Guardia Corsa di u Papa
A GUARDIA CORSA DI U PAPA
-0-
A Guardia Corsa di u Papa
UNA GUARDIA CORSA PÈ U VATICANU
http://www.corsicanews.net/decouvrir/gardes-corses.htm
Traduttu da u francese.
Ognunu a cunnosce quella guardia sguìzzera di u Vaticanu, incaricata di prutege u santìssimu papa ma
quantu ci hè ghjente à sapè chì sta missione ùn hè sempre stata assicurata da i sullati sguìzzeri ?
Iè, pè tantu tempu sta custòdia hè stata a cura di i Corsi. È quella presenza corsa propriu in core di u
locu u più santu di u mondu cristianu mette in risaltu, frà altre cose, a lea stretta trà a Corsica è u
Cristianìsimu.
CORSICA, TERRA VATICANA
Da chì a Corsica intrattene rilazioni cù u Papatu, risale à u primu milleniu dopu Cristu, quandu chì a
Corsica era posta sott’à u guvernu di i Papi.
Durante l’VIIIu sèculu dopu Cristu, a Corsica patì d’una lotta di pudere frà i Franchi è i Lumbardi, è a
vittoria di i primi fece chì a Corsica fù data à a Santa Sedia.
Stu donu fù operatu da Peppinu u Cortu in l’annata 754, è rinnuvellatu vint’anni dopu da u figliolu
Carlumagnu.
Ma sta pruprietà serà più di lege chè di fatti postu chì tuccherà à Pisa poi à Ghjenuva ad avè a cura di u
destinu di a Corsica è di i Corsi.
Sò poche poche e fonte sopr’à l’orìgine di a presenza d’una guardia corsa da assicurà a securità di u
papa ma sò più cunnisciute e ragioni di a so fine, fattu stalvatu in un tempu di prevalenza di u scrittu
sopr’à a trasmissione urale. Ma pare quantunque accertata chì à tempu ch’ella si stabilì definitivamente
a Santa Sedia in Roma in u 1378, u papa ne custituì a guardia fendu scelta di a so ghjente frà e
pupulazioni di e terre essendu sott’à a so pruprietà, cum’è i Corsi.
Corsica, Galleria di e Carte di u Vaticanu. Roma.
-1-
A Guardia Corsa di u Papa
A GUARDIA PAPALE IN ROMA
http://it.wikipedia.org/wiki/Storia_della_Corsica
Traduttu da u talianu.
A storia di Corsica, longa seria di cunflitti è di viulenze omancu à parte si da a caduta di l’Imperu
Romanu, avia abituatu i Corsi à cunsiderà a guerra guasi cum’è un stentapane cutidianu è avia fattu di
u mistieru di l’arme unu di e principali attività scelte da i Corsi spatriati pè issi stati taliani (assai menu
ver’di a Francia) da u Medievu sin’à l'Età Muderna. À fighjà da vicinu a lista di i nomi di i capitani di
ventura taliani, omu s’accorge chì una bella parte eranu di ceppu corsu è chì parechji avianu sott’à i so
òrdini schiere sane d’isulani.
Frà tutte e squatre militare à centu per centu corse chì fora di l’isula uperavanu, a Guardia Corsa
papale fù a più famosa è quella di più longa esistenza, postu chì pluriseculare.
Malgradu l'incertezza di i ducumenti, omu face abitualmente resale à u
1378 in Roma, dopu a fine di a residenza avignunese, a custituzione d’un
corpu militare cumpostu sanu sanu di Corsi cù e funzioni di guardia di u
puntìfice è di milizia urbana.
À ciò chì pare ùn esiste ducumentu da attestà l'istituzione di stu corpu
militare in tempi più anziani, ancu sì a presenza d’una impurtante culunìa
corsa in Portu Fiumicinu è poi in Trastevere, duve a chjesa di
San’Crisògonu fù tìtulu naziunale è basìlica cimiteriale di i Corsi, hè
accertata da u IXu sèculu. Ma ùn hè mancu da scartà una presenza
urganizata di milizie corse in senu di l’armate papali assai prima di u XIVu
sèculu, tenendu à mente u forte leame di a Corsica cù Roma di quale
l’Isula diventò dipendenza ufficiale à parte si da l'VIIIu sèculu fin’à a so
entrata definitiva in l’embiu ghjenuvese.
San Crisògonu in Trastèvere. Roma
A Guardia Corsa chì fù à u serviziu di u papa di modu cuntìnuu pè guasi trè sèculi serebbe dunque nata
guasi 130 anni prima di a Guardia Sguìzzera, istituita in u 1506 è oghje quantu più cunnisciuta.
PASQUINU CORSU DI SIA
http://www.condottieridiventura.it/condottieri/c/0557 PASQUINO CORSO Di Perugia.htm
Traduttu da u talianu.
Secondu fonti di l’èpica, serebbe uriginariu di Perugia è
dettu “Corsu” per via d’esse si sempre trovu à u
cummandu di sullati corsi d’infanteria.
Si busca duie citazioni : Capitanu valurosu, Omu di
geniu.
In u 1514 battaglieghja in e Bande Nere di Ghjuvanni de
Medici.
In u 1529 hà u cummandu di 2000 sullati corsi à u
serviziu di Fiurenza.
In u 1530 passa à u serviziu di i pontìfici.
Si more di lugliu di u 1532 à metà mese.
Hè sepoltu in Roma in chjesa San Crisògonu, dichjarata
da u papatu chjesa naziunale cimiteriale di i Corsi
uspitati in a cità eterna.
Lastra funeraria à Pasquinu Corsu, culunellu di a
Guardia Corsa papale, Chjesa San Crisògonu, Roma.
-2-
A Guardia Corsa di u Papa
UNA DIPLUMAZIA PÈ U PRIMU POSTU
Issu ghjornu custì, u 20 d’aostu di u 1662
da Anton’Maria Graziani.
Traduttu da u francese.
U ponte Sistu, Roma.
Simu in Roma, u 20 d’aostu di u 1662 in dumènica. Un sèmplice azzuffu, seriu ma à principiu senza
tanta impurtanza pulìtica trà i Corsi di a guardia puntìfice è u persunale di l’imbasciata francese pressu
u papa, cresce è si sparghje in parechji quartieri di a cità sinamente à piglià e misure d’un evenimentu
maiò. In tuttu face omancu ottu morti, frà quelli un certu Aubin Copet valettu di u secretariu di
l’imbasciadore duca di Créquy, poi un dumèsticu di l’imbasciatrice è un capitanu di a guardia di
l’imbasciadore chjamatu Duboys. In più bella Luigi XIV dichjara ch’ellu si tratta quì d'« un attentatu
bestemiadore contr’à a persona di u Sgiò Duca di Créquy, imbasciadore strasurdinariu di u Rè, contr’à
quella di a Signora Duchessa di Créquy, di i so dumèstici è di u palazzu reale in core di a nazione
francese in Roma ». Rinvia u nunziu apostòlicu da Versaglia è chere scuse da l’auturità puntìfice. È
puru l’inchiesta, avviata da u papa Lisandru VIIu, mette à palesu ch’elli eranu i Francesi ad avè insultatu
i sullati corsi di u papa nant’à u Ponte Sistu, trattendu li sopratuttu di « spie di u papa ». Poi eranu vultati
sopr’à locu, in parechji, cù gattive intensioni è, ùn avendu trovu quelli ch’elli circavanu, avianu tombu un
sullatu corsu Ghjuvan’Battista d'Aiacciu chì s’era messa à l’ascosu in buttea
d’un erburistu. Amparatu u fattu, unepochi di sullati di a guardia corsa l’eranu
corsi appressu dendu li di fucilate sinamente à Palazzu Farnese (*). « Sti
Francesi, dichjarò Tumasgiu di Muru, cridianu di fà ci paura, ma paura ùn ne
aviamu ». U parapiglia ùn pianta ch’è grazia à l’interventu vigurosu d'Alfonsu
Franchi, un capitanu corsu. Numerosi seranu i testimoni romani à fà dinò elli u
resucontu di sìmuli fatti, sempre spaventati da l’assassiniu di u sullatu corsu à
mezu carrughju cummerciante. D’altronde l’altre quattru vìttime di st’affare sò
da cuntà frà a ghjente di Roma, sèmplici citatini di passaghju. Ma in tale affare
di Statu l’auturità puntìfice ùn ponu fà valè st’evidenze. Un esempiu ci vole è
dopu lampatu nove sullati corsi à u flagellu - mentre chì manc’unu frà l’omi di
l’imbasciadore hè messu in causa - , dui sullati corsi seranu cundannati à
Papa Lisandru VIIu.
morte.
U PRIMU POSTU
Ma tutta quessa ùn ci spiega per via di chè stu « gattivu affare », cum’ellu u chjama Robert Mandrou,
hè diventatu un affare di Statu. Per pudè la capì, bisogna à saltà qualchì mese in daretu. U 9 di marzu
di u 1661, Luigi XIV cunsacreghja u so nuvellu regnu è da l’iniziu vole puntellà a so preputenza in
parechji duminii, è anzituttu quellu di a diplumazia : l’imbasciadori francesi anu l’òbbligu di tene u primu
postu in e ceremonie diplumàtiche dipoi chì ultimamente a pace di i Pirennii hà cunfirmatu a
supranenza di l’arme francese nant’à e spagnole. Toccu aostu di u 1661 in Londra, i preparativi d’una
ceremonia in l’onore di l’imbasciadore venezianu porghjenu l’occasione à u raprisentante di u rè di
Francia di fà valè e so pretenzioni. Ma l’Inglesi, assennati, annullanu a ceremonia. D’ottobre ci nasce
torna durante una ceremonia in l’onore di l’imbasciadore svedese. Sta volta a corte d’Inghilterra avia
mantenutu a serata : L’azzuffu lascia sedeci morti, vale à dì ottu agenti francesi è ottu spagnoli. Tandu
Luigi XIV decide « di puntà l’affare appenuccia più luntanu chì forse ùn venerà mai più cusì bella
occasione di pudè scioglie a quistione maiò di a preputenza trà e duie curone ». Subitu subitu lampa
-3-
A Guardia Corsa di u Papa
fora l’imbasciadore spagnolu da Parigi è chere scuse. Si stinzanu e trattazioni l’inguernu sanu, ma di
marzu di u 1662 u rè ottene cù tamantu suddesfu e scuse da l’imbasciadore spagnolu durante una
ceremonia sulenne, cù ghjuramentu prestatu pè l’avvene chì, più chè mai, l’agenti spagnoli ùn
circheranu à scumpete cù i Francesi à u sugettu di a so supranenza.
U funtanone, piazza Farnese. Roma.
" UN GATTIVU AFFARE "
Ma a Curia a si pigliò cù asgiatezza à trattà un affare cunsideratu troppu cum’è un « incidente » di quelli
chì accadenu à spessu. Ci insegna quantu pocu ella l’hà ghjudicatu d’impurtanza à principiu.
Tamantu sbagliu ! Luigi XIV face accampà Avignone è u Cuntatu Venassinu (*) da unepoche di truppe è
pruclama ste duie pussessioni puntificale terra francese. L'annu dopu u Papatu hè ubbligatu à cappià.
Di maghju di u 1664 hè mandatu un legatu in Francia, u cardinale Chigi, purtendu si e scuse ufficiale di
u papa Lisandru VIIu da prisentà le à u rè durante una ceremonia in Fontainebleau chì guasi guasi pare
una penitenza.
Cusì vene imposta a preputenza di a munarchia francese. In e so Memorie, u rè a si stinzava nant’à u
sugettu di l'affare di Londra : « Ùn sò sì, dipoi l’iniziu di a munarchia, serà stalvatu qualchì evenimentu
più gluriosu per ella ». Tandu si riferisce chjaramente à l’umagiu feudale : « Custì si tratta d’un umagiu
propriu d’un altru tippu, ma da rè à rè, da curona à curona, chì ùn pò lascia nisun’dubbitu à i nostri
nemici chì a nostra curona ùn sia a prima di tutta a Cristianità ». L'affare firmava, dicia pè compie, « un
longu è durèvule sugettu di gioia ».
U trattatu di Pisa di u 12 di ferraghju di u 1664 hè di listessa andatura. I Corsi, di quale settecentu
fecianu da sullati di a Santa Sedia cù una devuzione rinumata, eranu oramai tenuti da indegni à serve i
puntìfici. In Roma fù innalzata una piràmida da ramintà u stalvatoghju mentre chì Luigi XIV, sempre fidu
à u so gustu pè a cumunicazione, fecia batte duie medaglie ramintendu l’innalzà di quella piràmida « da
punizione per l’attentatu di i Corsi ». È puru l’annu dopu parechji ufficiali di l’anziana guardia puntìfice
entrianu à u serviziu … di u rè di Francia ! Poi quattru anni dopu Clemente IX ottenia da Luigi XIV a
distruzzione di a piràmida.
Intantu settecentu Corsi ci avianu persu l’impiegu, vìttime di a « diplumazia pè u primu postu » è di
l’orgogliu reale.
(*) Palazzu Farnese : Palazzu di l’alta Rinàscita in Roma, custruitu da u cardinale Farnese in u 1517,
vicinu à u Campu di i Fiori. Sede di l’imbasciata di Francia in Italia dipoi u 1635.
(*) U Cuntatu Venassinu : Currisponde oghje à una parte di u dipartimentu francese di u Vaucluse, cù e
cità di Cavaillon, Carpentras, Vaison-la-Romaine, Avignon. Pruprietà di a Santa Sedia dipoi u 1274, u
papa Clemente Vu ci stabbilì a so sede, in Carpentras in u 1316. I papi in sèguitu si stabbilinu in
Avignon fin’à u 1377. Malgradu parechje prove di a Francia d’ingolle si u Statu puntìfice, u Cuntatu
firmò sottu à u guvernu è a prutezzione di u papa fin’à u 1791.
-4-
A Guardia Corsa di u Papa
CORSI È FRANCESI IN VIA GHJULIA
Strattu da STRADA GIULIA di Ceccarius (Roma Danesi 1940) pagine 25, 26
http://www.morelli.it/foglio/giulia/racconto.htm
Traduttu da u talianu.
Ceccarius hè u cugnome di u grande spezialistu di romanìsimu Giuseppe Ceccarelli natu in Roma u 26
di ghjennaghju di u 1889 è mortu in Roma u 17 di ferraghju di u 1972. Ghjurnalistu, circadore di a Roma
antica, hà tenutu una piazza di prima trinca in a vita culturale è pulitica di Roma, assicurendu ancu
càriche impurtanti in unepoche d’istituzioni culturale è pulitiche.
Fù in Via Ghjulia è in u circondu di u funtanone chì à u XVIIu sèculu
schiattò un tràgicu stalvatoghju, una lita frà sullati corsi di u papa è
ghjente in arme di l’imbasciadore di Francia, chì ebbe gattive
cunsequenze sopr’à e rilazioni diplumàtiche frà Parigi è Roma.
I raporti frà i Francesi è e milizie corse ùn eranu mai state di tanta
amicizia è eranu picciati ancu i cuntrasti serii durante u puntificatu di
Lisandru VIIu, cum’è causgiulelle di fuchere più grande, accatizzate dinù
da l’attitùdine di l’imbasciadore di Luigi XIV, Carlu duca di Créquy,
sdignosu è tuttu disprezzu, chì ùn perdia mai un’occasione d’offende u
guvernu pressu quale era mandatu è d’azziccà i so sbiri à mette ci a
puzza.
U 20 d'aostu di u 1662 in dumènica a maiò parte di i guardi corsi a si
scialavanu tranquilli nant’à u ponte Sistu, in i cuntorni di piazza Farnese è
pè a Trinità di i Pellegrini duve stà a so caserna.
Versu sett’ore di sera trè sullati corsi passendu pè u ponte a si piglionu cù trè Francesi vestuti cù l’àbitu
di l’imbasciata. Questi l’attaccavanu lite cù l’inghjulie, chjamendu li “ sbiri, spie di u papa ". I Corsi
rimbicconu ch’elli eranu sullati d’onore è lamponu i Francesi in daretu, minaccendu di fà li piove
l’archibusgiate.
Divisi da a folla accumpulata si, i servi di u duca di Créquy vultonu pocu tempu dopu, armati tandu, è
detenu l’assaltu à i Corsi chì, accaniti è à spade sguainate si difesenu, furzendu i pruvucadori à ritirà si
in palazzu Farnese. Pocu dopu, altri sei o sette Francesi n’ebbenu contr’à un Corsu chì stava
appughjatu à a funtana di ponte Sistu è dopu insultatu lu, u culpinu à un bracciu. In più bella vultedenu
numerosi assai pè dà si la à a caccia à l’omu, ammazzendu dui citatini nucenti, frà quale un cecu
ottantanninu, propriu vicinu à u funtanone.
U palazzu Farnese. Roma.
Pocu sussuru in Via Ghjulia, mentre chì in Roma insischita era corsa a vuciata : “ Ci nasce frà i
Francesi è i Corsi ”. I Corsi sunonu u ratachjone è si cuncolsenu à battaglione sanu, è belli decisi à a
-5-
A Guardia Corsa di u Papa
vindetta sbucconu à a corsa in piazza Farnese duve u serviturame s’era chjosu in palazzu, sparendu
l’archibusgiate da e finestre mentre chì i sullati corsi i sfidavanu ad esce à u scupertu.
In più bella rientrò l’imbasciadore in carrozzu ... è a si francò, ma dopu qualchì minutu affaccò ancu a
duchessa à mezu parapiglia, ed ebbe un servu feritu. Fatta fine s’inframessenu l’ufficiali da tene e so
truppe. Parechji funu i morti, assai i feriti è i sturduliti. L'imbasciadore rivendicò e più gravi misure è u rè
intervense cù tutta a so putenza pè esige riparazioni, dichjarendu si prontu à entre in Italia cù l’armata
da impone e so cundizioni, impatrunendu si intantu d’Avignone.
Cù u trattatu di Pisa di u 12 di ferraghju di u 1664 a Santa Sedia ebbe à sottumette si à grave càriche
finanziàrie, lachendu Castru à u duca di Parma, è fù furzata à scuse, riparazioni, è à l’innalzà d’una
piràmida in Roma propriu di fronte à l’anticu corpu di guardia di i Corsi vicinu à a Trinità di i Pellegrini, è
a Nazione corsa fù dichjarata pè u sempre incapace à u serviziu in Roma quant’è in tuttu u Statu
ecclesiàsticu cù una scritta disprezzosa chì mintuava u stalvatoghju.
Quattr’anni dopu, u Rè Cristianìssimu auturizò u lampà di quellu infame munimentu, ma fece
quantunque batte una medaglia cù a scritta : " Violatæ maiestatis monumentum abolitum. Pietas regi
optimi ".
Ma Pasquinu (*) ch’ùn dimèntica, messe in guardia : " ‘La fermi puru in cerbellu à Créquy di tene a so
famiglia, chì sì in tempi passati sò state archibusgiate, quella pròssima volta serà forca ! ".
(*) Pasquinu, una frà tante storie nascoste di Roma è di a so auto-irunia, hè a più famosa stàtula
parlante di a cità, diventata ne figura caratterìstica da u XVIu à u XIXu sèculu.
À u pede di a stàtula ma più spessu in collu s’appendianu notte tempu i pezzi di carta cù sàtare in versi
da punghje à l’appiattu i persunagi pùbblichi i più impurtanti, papi cumpresi. Eranu e cusì dette
"pasquinate", cù quale venia à gallu, ancu cù qualchì spìritu di sfida, a scuntintezza di u pòpulu in i so
cunfronti cù u pudere.
Via Ghjulia. Roma.
-6-
A Guardia Corsa di u Papa
U SÈCULU DI LUIGI XIV
Strattu da U SÈCULU DI LUIGI XIV di Voltaire (1751) capìtulu VII.
http://fr.wikisource.org/wiki/Le_Si%C3%A8cle_de_Louis_XIV_-_7
Traduttu da u francese.
Voltaire
Ùn s’agisce quì di ritrattà u rè in a so vita privata nè à l’internu di u so guvernu. (…)
Diceremu chì u pòpulu, chì dipoi ch’ellu era mortu Arrigu u Grande ùn avia più vistu un
veru rè, è chì ùn pudia pate u pudere d’un prima ministru, vense colmu di stima è di
sperenza quand’ellu vide à Luigi XIV, toccu vintidui anni, fà ciò ch’ellu avia fattu Arrigu à
cinquant’anni.
Pigliemu à Arrigu IV : S’ellu avessi avutu un prima ministru, era persu, perchè chì l’oddiu
contr’à quessu averebbe risanatu vinti contrapartiti troppu putenti. Luigi XIII, da omu
dèbule è malatu è per via di quessa marturiatu di cerbellu, senza prima ministru serebbe
trafalatu sott’à a càrica. Luigi XIV, ellu, pudia puru avè prima ministru quant’è ùn avè ne
micca, senza alcun’perìculu. Ùn ci era in Francia mancu più vistica di l’anziani partiti, ma
solu firmava un maestru è i so sugetti.
È subitu messe à palesu e so ambizioni di glorie d’ogni sorte è a so primura d’esse
cunsideratu à l’infora quant’è ch’ellu pudia esse assulutu à l’internu.
L’anziani rè di l’Auropa pretendianu l’uni da l’altri ugualità pura è schietta, ciò chì hè
robba naturale. Ma i rè di Francia avianu sempre rivendicatu a prevalenza per via di
l’antichità di a so razza è di u so reame. È sì di pettu à l’imperadori capiciuttavanu,
ghjè solu chì l’omi ùn sò guasi mai arditi abbastanza pè scambià un usu vechju. U
capirepùbblica di l'Alimania, ben’chè prìncipe elettu è pocu putente di persona, à tutti
i regnanti li pigliava a suprana senza cuntrastu per via di stu tìtulu di Cesare è
d’erede di Carlumagnu. Mancu appena a so cancelleria tedesca dava di « maiestà »
à l’altri rè. Ùn eranu chè i rè di Francia da pudè scumpete qualchì prevalenza cù
l’imperadori, postu chì avianu fundatu elli u veru imperu d’Uccidente chì in Alimania,
solu u nome l’era firmatu. Non solu avianu per elli a supranenza d’una curona
ereditaria sopr’à una dignità trascelta, ma dinò u benefiziu d’esse esciuti d’una
sterpa mai interrotta di suvrani chì regnavanu da parechji sèculi sopr’à una grande
munarchìa, bellu prima chì pè u mondu sanu manc’una di e casate chì tandu
pussedianu e curone ne fussi ghjunta à qualchì maiurezza. À u mìnimu, bramavanu
di precede l’altre putenze di l’Auropa. Secondu l’usu li si dava di « cristianìssimu »
mentre chì i rè di Spagna l’uppunianu u tìtulu di « catòlicu », è dipoi chì Carlu Quintu
avia tenutu un rè di Francia in e so prigiò di Madride, l’orgogliu spagnolu ùn era
dispostu à cuncede stu tìtulu mancu pè more. In quantu à l’Inglesi è i Svedesi chì à
l’èpica ùn vulianu cuncede sti cugnomi à nisunu, u menu pussìbule ricunniscianu
quella supranenza.
Era in Roma chì tandu quelle pretenzioni eranu cuntrastate. I papi attribuìanu i stati à
colpi di bolle è per via di quessa si cridianu ancu di più in u dirittu di decide di l’òrdine
trà e curone. A so corte, tutta di ceremònie, era u tribunale duve si ghjudicavanu tutte
ste vanità di e maiurezze. In tempi ch’ella fù più putente ch’è a Spagna, a Francia ci
avia sempre tenuta a suprana ma dipoi u regnu di Carlu Quintu, a Spagna ùn avia
tralasciatu a mìnima occasione di fà valè a so parità. L’èsitu ne firmava incertu : un
passu di più o di menu in una prucessiò, un futtogliu postu vicin’à un altare, o di fronte
à a sedia di qualchì predicadore, eranu veri trionfi è stabbilianu i tìtuli à prò di sta
prevalenza. A chimera di a lotta pè l’onori era tandu sprupusitata trà e curone, quant’è
u furore di l’affronti in duellu trà e persone.
Luigi XIV, rè di Francia
Stalvò chì à l’avenimentu d’un imbasciadore di Svezia in Londra in u 1661, u conte d'Estrades imbasciadore di
Francia è u barone di Vatteville imbasciadore di Spagna si liticonu u primu postu. U spagnolu cù più soldi è una
scorta più numerosa avia guadantu ancu a folla inglese : Prima fece tumbà i cavalli di i carrozzi francesi, dopu
custrinse a ghjente di u conte d'Estrades, feriti è spapersi, à lascià i Spagnoli viaghjà à spada in manu, da vitturiosi.
Luigi XIV, amparatu si l’inghjulia, richjamò l’imbasciadore ch’ellu avia in Madride, zirlò fora di Francia quellu di
Spagna, smesse e cunferenze chì in e Flandre si tenianu à prupòsitu di e cunfine, è mandò à dì à u sòceru u rè di
-7-
A Guardia Corsa di u Papa
Spagna Filippu IV chì a guerra averebbe da scuppià torna s’ellu ùn ricunniscessi a supranenza di a curona di
Francia è ùn riparessi quell’affrontu da qualchì sulenne cumpensazione. Filippu IV ùn volse precipità torna u so
reame in una nova guerra pè un affare di prevalenza d’imbasciadore : U 24 di marzu di u 1662 mandò u conte di
Fuentes à dichjarà a u rè in Fontainebleau davant’à tutti i ministri stranieri presenti in Francia “chì oramai i ministri
spagnoli ùn cuncurrebbenu più cù quelli francesi”. Ùn era po ricunniscenza franca è chjara di a preputenza di u rè
ma era quantunque cunfessione palesa ad alta voce di a debulezza spagnola. A corte spagnola cusì orgogliosa
matriculò assai tempu da l’inghjulia ... Dapoi, unepochi di ministri spagnoli avianu puru fattu valè l’anziane
pretenzioni è ancu ottenutu parità in Nimega (Paesi Bassi) ma oramai Luigi XIV, duru quant’è a petra, s’era buscu
una supranenza vera in l’Auropa sana, fendu mostra à l’ingiru di quant’ellu ci vulia à teme lu.
Appena surtitu ne di st’affarucciu cù tant’onori, a ci fece à marcà torna qualchì puntu in un occasione duve a so
gloria ci avia puru di menu interessu à ciò chì pare. Dipoi tant’anni passati in Italia à fà a guerra contr’à a Spagna, i
giòvani francesi s’eranu buscu quella gattiva fama da i Taliani, guardinchi è malfidenti, d’una nazione viulente. Frà
tutte e nazioni chì in l’Italia sana si sparghjianu à fiumara, tenute tutte da rùstichi da i Taliani, i Francesi eranu tenuti
da rustìchi più festaghjoli ch’è l’altri ma dinù più periculosi, ch’in ogni casa ci purtavanu l’allegria quant’è u
disprezzu, a festa quant’è l’inghjulia ... Dapertuttu eranu temuti è sopratuttu in Roma.
U duca di Créquy imbasciadore pressu u papa
avia scandalizatu i Romani da a so tamanta
supèrbia : I so dumèstici, ghjente chì ripiglianu
sempre à contu soiu è à buzeffu i gattivi mendi di
u maestru, eranu l’autori in Roma di e listesse
malfatte ch’è quelli giuvanotti scrianzati di Parigi
chì à l’èpica s’attalentavanu ogni notte ad assaltà
a vigia incaricata di a custodia di a cità.
Unepochi di tenistaffa di u duca di Créquy s’eranu
messu in tichju d’attaccà lite, à spade in manu, à
una squatra di Corsi di a guardia papale incaricata
di fà appiecà e decisioni di ghjustizia. U
battaglione di i Corsi, offesu sanu sanu è mossu in
secretu da Don Mariu Chigi u fratellu di u papa
Lisandru VIIu, chì uddiava à Créquy, lampò
A Trinità di i Pellegrini, vicinu à a caserna di a guardia corsa.
l’assediu à a casa di l’imbasciadore u 20 d’aostu
di u 1662. Tironu l’archibusgiate nant’à u carrozzu
di l’imbascadrice chì à puntu si ne rientria in palazzu, li tumbonu un pagiu è li culpinu parechji dumèstici. Puru
surtitu da Roma, u duca di Créquy lampò subitu l’accusu sopr’à u parentatu di u papa è u papa ellu stessu d’avè
favurizatu l’assassiniu. Quant’ellu pobbe, u papa fece tricà a riparazione, sicuru chì cù i
Francesi bastava à attempà è po tuttu finiscerebbe pè esse dimenticatu. Cusì urdinò
l’impiccu d’un Corsu è d’un altru sbiru quattru mesi dopu è mosse u guvernadore fora da
Roma, suspettatu ch’ellu era d’avè accunsentutu l'attentatu. Ma quantu sbiguttitu fù
d’amparà chì u rè minacciava di dà l’assediu à Roma, chì unepoche di truppe eranu digià pè
passà in Italia è ch’ellu era statu numinatu u marescialu di u Plessis-Praslin à u so
cummandu ! L'affare era diventatu bisbigliu da nazione à nazione è u rè vulia fà rispettà a
soia. U papa, prima di fà riparazione ch’omu li dumandava cherse l’interventu di tutti i
prìncipi catòlichi è fece ciò ch’ellu pobbe pè move li contr’à Luigi XIV, ma pè disgrazia e
circustanze l’eranu contru. L'Imperu era attaccatu da i Turchi mentre chì a Spagna era
impastughjata in una guerra pocu garbosa contr’à u Purtugallu.
U duca di Créquy
Invece di purtà li dannu, a corte romana ùn fece chè arrabbià u rè. U parlamentu di Pruvenza citò u papa in
ghjustizia è urdinò a manumessa sopr’à u cuntatu d’Avignone. In altri tempi da Roma serebbenu piosse e
scumunicate dopu tamanti affronti, ma quesse l’arme eranu diventate fruste è ancu ridìcule : À u papa tuccò à calà
u capu. Fù custrettu à mandà in esiliu da Roma u propriu fratellu, à mandà u nipote cardinale Chigi da legatu « a
latere » à scioglie a guardia corsa pè dà cuntentezza à u rè è à innalzà in Roma una piràmida cù una scritta chì
ripurtava l’inghjulia è a riparazione. U cardinale Chigi fù u primu legatu di a corte romana ad esse statu mandatu à
chere perdonu. Prima i legati partianu à dà e lege, à impone e dècime ... È mancu ùn bastò à u rè di fà riparà
quell’affrontu cù ceremònie puntuali è munimenti altr’è tantu (chì dopu qualchì annu, permesse a distrutta di a
piràmida), postu ch’ellu furzò a corte romana à prumette a resa di Castru è Ronciglione à u duca di Parma è à pagà
à u duca di Modena i so diritti nant’à Comachju. Cusì tirò di qualchì insulta ancu l’onore sodu d’esse u prutettore di i
prìncipi d’Italia.
(...)
-8-
Fly UP