...

OMAGGIO A LIMPIDI

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

OMAGGIO A LIMPIDI
OMAGGIO A LIMPIDI
Di Michelangelo Natale
Sì! …
Sugnu uno di li figghj tua
e mo’ ti dicu l’amuri chi riservu a ttia.
Mi dasti la vita, l’affettu e li canti belli
a li prucessiuoni cu la mamma mia.
Ricuordu la campagna stornellata
chjna di vita, gioventù e armonia
mo’ sugnu li sentera abbandunati,
sbajunanu e pe vasciu vannu via.
Sì! …
Terra mia, scusami tantu
si insiemi a tanti minda ghjvi fora,
ma ‘nta lu cuori mio aju stampati
li tanti facci e la fisionomia
di tutta chija genti affaticata
chi ‘nta la piazzetta angusta si stringia.
Certu la sorti ‘ndi portau luntanu …
E ti spinnamma di vita e cumpagnia
ma la chju’ bella cosa ti dassamma
chi nuju mai si può portare via.
Io ti dassai, Limpidi amatu,
l’anni chju’ belli di la vita mia
e ti priegu ancora , o mia terra natia:
tieniti stritta la fanciullezza mia.
Mo’! …
‘Nta li ricuordi tu restasti
e muori a puocu a puocu, prisepiuzzu mio,
ma stanni certo ca si ti serve aiutu
cu pote, certamente, vola a ttia.
Pe li parti di lu mundu si portatu
d’inta lu cuori di cu non po’ scordari
e quandu ‘nta la notte non dormimu,
subito ‘nta li rughi tua ‘ndi rifugiamu
e cuomu quando eravamo piccirighj
dinta li vrazza tua nd’addormentamu.
Ubaldo Dore’: breve commento alla poesia Omaggio a Limpidi
Riaffiora in questa poesia la nostalgia del paese natio. È un canto appassionato in cui
il poeta, adulto e lontano, dà sfogo a tutti i suoi ricordi, quelli della fanciullezza: la
campagna allegra e profumata d’altri tempi, i cinguettii degli uccelli, i canti delle
donne quando trasportavano l’uva al palmento, le stradine e la piccola piazzetta nella
quale sostavano le persone.
Ma soprattutto è una richiesta di perdono per avere, seppure per necessità, dovuto
abbandonare il luogo dove ha vissuto gli anni più belli, quelli della fanciullezza.
Terra mia, scusami tantu
si insiemi a tanti minda ghjvi (jivi) fora,
ma ‘nta lu cuori mio aju stampati
li tanti facci e la fisionomia
di tutta chija genti affaticata
chi ‘nta la piazzetta angusta si stringia.
È anche una manifestazione di amarezza, di tristezza per lo spopolamento di cui il
poeta si sente anche lui in parte responsabile. Ma proprio per questo si dichiara
pronto in qualsiasi momento a correre in soccorso, lui come i tanti che sono sparsi per
il mondo, perché a Limpidi hanno lasciato il cuore ed è Limpidi lo scrigno che
custodisce tutti i segreti dell’infanzia.
… “E muori a puocu a puocu, prisepiuzzu mio,
ma stanni ciertu ca si ti serve aiutu
cu pote, certamente, vola a ttia.
Pe li parti di lu mundu si portatu
d’inta lu cuori di cu non po’ scordare …”
… “Io ti dassai , Limpidi amatu,
l’anni chju’ belli di la vita mia
e ti priegu ancora, o mia terra natia:
tieniti stritta la fanciullezza mia. ”
La poesia è pervasa da un indescrivibile sentimento di amore e c’è tanta dolcezza di
pensiero che commuove.
Poesia in limpidese
Traduzione in italiano
Sì! …
Sugnu uno di li figghj tua
e mo’ ti dicu l’amuri chi riservu a ttia.
Mi dasti la vita, l’affettu e li canti belli
a li prucessiuoni cu la mamma mia.
Ricuordu la campagna stornellata
chjna di vita, gioventù e armonia
mo’ sugnu li sentera abbandunati,
sbajunanu e pe vasciu vannu via.
Sì! …
Terra mia, scusami tantu
si insiemi a tanti minda ghjvi fora,
ma ‘nta lu cuori mio aju stampati
li tanti facci e la fisionomia
di tutta chija genti affaticata
chi ‘nta la piazzetta angusta si stringia.
Certu la sorti ‘ndi portau luntanu …
E ti spinnamma di vita e cumpagnia
ma la chju’ bella cosa ti dassamma
chi nuju mai si può portare via.
Io ti dassai, Limpidi amatu,
l’anni chju’ belli di la vita mia
e ti priegu ancora , o mia terra natia:
tieniti stritta la fanciullezza mia.
Mo’! …
‘Nta li ricuordi tu restasti
e muori a puocu a puocu, prisepiuzzu mio,
ma stanni certo ca si ti serve aiutu
cu pote, certamente, vola a ttia.
Pe li parti di lu mundu si portatu
d’inta lu cuori di cu non po’ scordari
e quandu ‘nta la notte non dormimu,
subito ‘nta li rughi tua ‘ndi rifugiamu
e cuomu quando eravamo piccirighj
dinta li vrazza tua nd’addormentamu.
Sì! …
Sono uno dei tuoi figli
e adesso ti dico l’amore che riservo a te.
Mi hai dato la vita, l’affetto e i canti belli
alle processioni con la mamma mia.
Ricordo la campagna stornellata
piena di vita, gioventù e armonia
adesso vi sono i monticelli abbandonati,
si frantumano con l’acqua e a valle vanno via.
Sì! …
Terra mia, scusami tanto
se insieme a tante persone sono emigrato,
ma dentro il cuore mio ho impresse
le tante facce e la fisonomia
di tutta quella gente affaticata
che nella piazzetta angusta si stringeva.
Certo il destino ci portò lontano …
E ti abbiamo svuotato di vita e allegria
ma la più bella cosa ti lasciammo
che nessuno mai può portare via.
Io ti lasciai, Limpidi amato,
gli anni più belli della vita mia
e ti prego ancora, o mia terra natia:
tieniti stretta la fanciullezza mia.
Adesso! …
Dentro i ricordi tu sei rimasto
e muori a poco a poco, presepiuccio mio,
ma stanne certo che se ti serve aiuto
chi può, certamente, torna subito da te.
Per le svariate parti del mondo sei impresso
dentro il cuore di chi non può dimenticare
e quando dentro la notte non dormiamo,
subito nei tuoi rioni ci rifugiamo
e come quando eravamo fanciulli
dentro le braccia tue ci addormentiamo.
Poesia pubblicata su Altomesima Online il 19 aprile 2012
Fly UP