...

REGOLAMENTI - Enrico FERMI Liceo Scientifico Statale

by user

on
Category: Documents
1

views

Report

Comments

Transcript

REGOLAMENTI - Enrico FERMI Liceo Scientifico Statale
Piano Offerta Formativa
Sezione IV: Regolamenti
a.s.2012-13
SEZIONE IV
REGOLAMENTI
Liceo Scientifico Statale “Enrico Fermi” – Padova
1
Piano Offerta Formativa
Sezione IV: Regolamenti
a.s.2012-13
STATUTO DEGLI STUDENTI
E REGOLAMENTO APPLICATIVO
DPR n. 249 del 24/6/1998 denominato “ Statuto delle Studentesse e degli Studenti della Scuola
Secondaria” modificato dal DPR del 21 novembre 2007 n. 235.
Le parti in corsivo sono state approvate dal Consiglio d’Istituto del Liceo Scientifico “E. Fermi” con
delibera n. 33 del 14/11/2008
ART. 1 - VITA DELLA COMUNITÀ SCOLASTICA
1. La scuola è luogo di formazione e di educazione mediante lo studio, l'acquisizione delle conoscenze e
lo sviluppo della coscienza critica.
2. La scuola è una comunità di dialogo, di ricerca, di esperienza sociale, informata ai valori democratici
e volta alla crescita della persona in tutte le sue dimensioni. In essa ognuno, con pari dignità e nella
diversità dei ruoli, opera per garantire la formazione alla cittadinanza, la realizzazione del diritto allo
studio, lo sviluppo delle potenzialità di ciascuno e il recupero delle situazioni di svantaggio, in armonia
con i principi sanciti dalla Costituzione e dalla Convenzione internazionale sui diritti dell'infanzia fatta a
New York il 20 novembre 1989 e con i principi generali dell'ordinamento italiano.
Regolamento: Il Liceo “E. Fermi”, nella formulazione della propria politica scolastica,
metterà in atto iniziative per rendere effettivo il diritto allo studio dei suoi studenti, anche con
sostegno di natura economica, utilizzando progetti e opportunità offerti da Enti pubblici o
Fondazioni,o ricorrendo a fondi del proprio Bilancio.
3. La comunità scolastica, interagendo con la più ampia comunità civile e sociale di cui è parte, fonda il
suo progetto e la sua azione educativa sulla qualità delle relazioni insegnante-studente, contribuisce allo
sviluppo della personalità dei giovani, anche attraverso l'educazione alla consapevolezza e alla
valorizzazione dell'identità di genere, del loro senso di responsabilità e della loro autonomia individuale
e persegue il raggiungimento di obiettivi culturali e professionali adeguati all'evoluzione delle
conoscenze e all'inserimento nella vita attiva.
Regolamento: Il Liceo “E. Fermi”, nella pratica della normale attività didattica, metterà in
atto comportamenti, iniziative e progetti tendenti a garantire l’assoluta parità di diritti e doveri
fra ragazzi e ragazze, indirizzando lo studio e la ricerca verso la comprensione delle
“differenze”, che non devono costituire in alcun modo motivo di prevaricazione, ma di
ricchezza culturale. Particolare attenzione verrà data all’educazione al linguaggio, che
evidenzia spesso, anche in modo inconsapevole, il pregiudizio e/o il mancato riconoscimento
della dignità dell’altro.
4. La vita della comunità scolastica si basa sulla libertà di espressione, di pensiero, di coscienza e
di religione, sul rispetto reciproco di tutte le persone che la compongono, quale che sia la loro
età e condizione, nel ripudio di ogni barriera ideologica, sociale e culturale.
Regolamento: Il Liceo “Enrico Fermi”, nell’intento di favorire l’attuazione di tali principi, si
impegna ad organizzare iniziative, dibattiti, attività che concernono la dimensione etico politica, e garantiscono un approccio pluralistico ai problemi, in un’ottica generale di
educazione alla multiculturalità.
Liceo Scientifico Statale “Enrico Fermi” – Padova
2
Piano Offerta Formativa
Sezione IV: Regolamenti
a.s.2012-13
ART. 2 – DIRITTI
1. Lo studente ha diritto ad una formazione culturale e professionale qualificata che rispetti e valorizzi,
anche attraverso l'orientamento, l'identità di ciascuno e sia aperta alla pluralità delle idee. La scuola
persegue la continuità dell'apprendimento e valorizza le inclinazioni personali degli studenti, anche
attraverso un'adeguata informazione, la possibilità di formulare richieste, di sviluppare temi liberamente
scelti e di realizzare iniziative autonome
2. La comunità scolastica promuove la solidarietà tra i suoi componenti e tutela il diritto dello studente
alla riservatezza.
Regolamento: Il Liceo “Enrico Fermi”, nell’applicazione della normativa concernente i diritti
di tutti alla riservatezza, informerà gli studenti dei propri diritti e delle principali norme che
tutelano i singoli nella pratica quotidiana della vita scolastica.
3. Lo studente ha diritto di essere informato sulle decisioni e sulle norme che regolano la vita della
scuola.
Regolamento: Il Dirigente scolastico informerà gli studenti di tutte le decisioni, iniziative e
attività che li coinvolgono individualmente e collettivamente, attraverso circolari interne,
attivazione di specifiche sezioni informative nel Sito WEB del Liceo, incontri, comunicazioni
personali, distribuzione di documenti.
4. Lo studente ha diritto alla partecipazione attiva e responsabile alla vita della scuola. I dirigenti
scolastici e i docenti, con le modalità previste dal regolamento di istituto, devono attivare con gli
studenti un dialogo costruttivo sulle scelte di loro competenza in tema di programmazione e definizione
degli obiettivi didattici, di organizzazione della scuola, di criteri di valutazione, di scelta dei libri e del
materiale didattico.
Regolamento: All’inizio di ogni anno scolastico i singoli docenti presentano alle classi la
programmazione disciplinare, formulata dai Dipartimenti didattici e adattata alle
caratteristiche della classe. Gli studenti, nel rispetto delle prerogative del Docente, sono
chiamati ad esprimere il proprio parere attraverso un dialogo costruttivo. Il Docente terrà
conto delle proposte che ritiene compatibili e le inserisce nella propria programmazione.
Motiverà poi agli studenti il mancato accoglimento di altre eventuali proposte.
Con le stesse modalità ogni docente ad inizio anno presenta i criteri di valutazione e chiarisce
gli stessi dialogando con i suoi alunni.
Nel mese di maggio gli studenti sono chiamati a dare il proprio parere sui libri di testo in uso e
sui testi che i docenti ritengono di introdurre nella classe il successivo anno scolastico.
Lo studente ha inoltre diritto a una valutazione trasparente e tempestiva, volta ad attivare un processo di
autovalutazione che lo conduca a individuare i propri punti di forza e di debolezza e a migliorare il
proprio rendimento.
Regolamento: La correzione della prova scritta e la relativa valutazione devono essere
effettuate in modo da lasciare allo studente il periodo necessario per poter organizzare il
proprio lavoro di recupero e/o di approfondimento Perciò l’esito di una verifica scritta dovrà
essere comunicato nel più breve tempo possibile, entro i quindici giorni successivi, e (solo in
casi eccezionali) comunque prima della prova successiva. Allo stesso modo per le verifiche
orali lo studente dovrà essere informato al termine della lezione dell’andamento della sua
prova con la comunicazione del voto assegnato.
Liceo Scientifico Statale “Enrico Fermi” – Padova
3
Piano Offerta Formativa
Sezione IV: Regolamenti
a.s.2012-13
5. Nei casi in cui una decisione influisca in modo rilevante sull'organizzazione della scuola gli studenti
della scuola secondaria superiore, anche su loro richiesta, possono essere chiamati ad esprimere la loro
opinione mediante una consultazione; analogamente negli stessi casi e con le stesse modalità possono
essere consultati gli studenti della scuola media o i loro genitori.
Regolamento: Gli studenti richiederanno la consultazione attraverso i Rappresentanti degli
Studenti in Consiglio d’Istituto, indicando con chiarezza i contenuti della consultazione e
concordando la data col Capo d’Istituto. La richiesta va presentata per iscritto almeno cinque
giorni prima della data prevista.
6. Gli studenti hanno diritto alla libertà di apprendimento ed esercitano autonomamente il diritto di
scelta tra le attività curricolari integrative e tra le attività aggiuntive facoltative offerte dalla scuola. Le
attività didattiche curricolari e le attività aggiuntive facoltative saranno organizzate secondo tempi e
modalità che tengono conto dei ritmi di apprendimento e delle esigenze di vita degli studenti.
7. Gli studenti stranieri hanno diritto al rispetto della vita culturale e religiosa della comunità alla quale
appartengono. La scuola promuove e favorisce iniziative volte all'accoglienza e alla tutela della loro
lingua e cultura e alla realizzazione di attività interculturali.
Regolamento: Il Liceo “E. Fermi” favorirà l’applicazione delle norme di Legge nazionali
sull’argomento, facendo riferimento anche ad eventuali Convenzioni firmate fra lo Stato e le
singole Comunità, e salvaguardando la laicità dell’Istituzione scolastica, che non prevede
l’effettuazione di cerimonie religiose all’interno dell’edificio.
8. La scuola si impegna a porre progressivamente in essere le condizioni per assicurare:
a) un ambiente favorevole alla crescita integrale della persona e un servizio educativo-didattico di
qualità;
b) offerte formative aggiuntive e integrative, anche mediante il sostegno di iniziative liberamente
assunte dagli studenti e dalle loro associazioni;
c) iniziative concrete per il recupero di situazioni di ritardo e di svantaggio nonché per la prevenzione e
il recupero della dispersione scolastica;
d) la salubrità e la sicurezza degli ambienti, che debbono essere adeguati a tutti gli studenti, anche con
handicap;
e) la disponibilità di un'adeguata strumentazione tecnologica;
f) servizi di sostegno e promozione della salute e di assistenza psicologica.
9. La scuola garantisce e disciplina nel proprio regolamento l'esercizio del diritto di riunione e di
assemblea degli studenti, a livello di classe, di corso e di istituto.
Regolamento: Gli studenti hanno il diritto di riunirsi in:
- assemblea d’Istituto e/o di corso (5 ore al mese anche in diverse giornate di lezione), ad
eccezione del primo e ultimo mese di scuola.
- assemblea di classe (2 ore mensili utilizzabili anche in diverse giornate di lezione)
I rappresentanti di classe possono costituirsi in Comitato che potrà riunirsi una volta al mese
per una durata non superiore alle tre ore.
Le assemblee di classe devono essere richieste per iscritto, indicando l’ordine del giorno, la
data e l’ora, almeno tre giorni prima della data di svolgimento; quelle d’Istituto e le riunioni
del Comitato studentesco almeno cinque giorni prima.
Gli studenti possono riunirsi anche fuori dell’orario delle lezioni. Le riunioni saranno
autorizzate dalla Presidenza previa richiesta scritta che contenga:
- il motivo della riunione
- il numero indicativo dei partecipanti
- il nome o i nomi dei responsabili maggiorenni
Liceo Scientifico Statale “Enrico Fermi” – Padova
4
Piano Offerta Formativa
Sezione IV: Regolamenti
a.s.2012-13
Sono possibili riunioni congiunte tra le varie componenti che saranno richieste con la stessa
modalità.
10. I regolamenti delle singole istituzioni garantiscono e disciplinano l'esercizio del diritto di
associazione all'interno della scuola secondaria superiore, del diritto degli studenti singoli e associati a
svolgere iniziative all'interno della scuola, nonché l'utilizzo di locali da parte degli studenti e delle
associazioni di cui fanno parte. I regolamenti delle scuole favoriscono inoltre la continuità del legame
con gli ex-studenti e con le loro associazioni.
Il permesso alla costituzione delle Associazioni e al loro ingresso nella scuola sarà concesso una
tantum dal Consiglio d’Istituto e gestito per quel che riguarda modi e tempi dalla Presidenza.
Regolamento. Le associazioni ammesse devono rispondere ai seguenti requisiti:
- essere senza fini di lucro
- essere apartitiche e aconfessionali
- avere statuto chiaro ed in linea con i principi dell’art.1 dello Statuto delle studentesse e degli
studenti
- si devono impegnare a rispettare il regolamento della scuola
- impegnarsi a pulire gli ambienti in cui si riuniscono pena la decadenza del diritto di riunione.
ART. 3 – DOVERI
1. Gli studenti sono tenuti a frequentare regolarmente i corsi e ad assolvere assiduamente agli impegni
di studio.
Regolamento. Gli studenti sono tenuti a rispettare l’orario scolastico e a giustificare le
assenze. I ritardi e le assenze non giustificate si configurano come una seria infrazione al
dovere dello studente, che peserà sul voto di condotta. Egualmente nella valutazione della
condotta rientreranno il mancato svolgimento dei compiti assegnati, la disattenzione in classe o
il disturbo durante le lezioni e ogni altro comportamento che ostacola la partecipazione al
lavoro scolastico.
L’adesione ad assenze collettive non è giustificabile.
Tenuto conto che le assenze collettive incidono sull’attività didattica programmata per le
singole materie il Preside o i singoli docenti potranno richiedere che in Consiglio di classe si
discuta l’eventuale sospensione delle attività culturali integrative quando si ritiene che le
assenze collettive abbiano condizionato il completamento del programma curricolare.
2. Gli studenti sono tenuti ad avere nei confronti dei capo d'istituto, dei docenti, dei personale tutto della
scuola e dei loro compagni lo stesso rispetto, anche formale, che chiedono per se stessi.
Regolamento. Gli studenti sono tenuti ad usare tra compagni, con gli insegnanti e con tutto il
personale scolastico un linguaggio consono e adeguato ai ruoli ricoperti.
Qualora il linguaggio trascenda e diventi lesivo della dignità della persona, della sua identità
e della sua cultura l’infrazione sarà considerata aggravata, (anche al di fuori dell’ambiente
scolastico ma fra persone ad esso collegate e per motivi risalenti ai rapporti scolastici),
Qualora alla parola sopravvenga un qualsiasi tipo di aggressione fisica, tanto nei confronti dei
compagni quanto di tutto il personale scolastico, il comportamento sarà sanzionato ancora più
severamente.
Durante i compiti in classe è necessario mantenere un comportamento di correttezza che
Liceo Scientifico Statale “Enrico Fermi” – Padova
5
Piano Offerta Formativa
Sezione IV: Regolamenti
a.s.2012-13
consenta uno svolgimento sereno delle verifiche e metta tutti gli alunni sul piano di
eguaglianza, senza suggerimenti o trasmissione di informazioni in qualsiasi modo. Su richiesta
dei docenti gli studenti dovranno consegnare cellulari o qualsiasi materiale non consentito,
pena il ritiro immediato dell’elaborato e la dichiarazione da parte del docente di prova nulla..
3. Nell'esercizio dei loro diritti e nell'adempimento dei loro doveri gli studenti sono tenuti a mantenere
un comportamento corretto e coerente con i principi di cui all'art.1.
Regolamento.
Gli studenti sono tenuti a rispettare le norme fissate dalla legge in materia di salute (fumo, uso
e detenzione di sostanze psicotrope), rispetto della ‘privacy’ e sicurezza. Pertanto risulta
sanzionabile qualsiasi comportamento contrario al Regolamento scolastico e alle norme di
legge
Gli studenti sono tenuti ad avere con sé a scuola il libretto delle comunicazioni scuola-famiglia.
Se richiesti, devono consegnare a casa comunicazioni, documenti o quant’altro la Dirigenza
abbia necessità di far pervenire ai genitori.
Falsificare firme o atti e non presentare ai genitori o agli insegnanti comunicazioni
espressamente inviate si configura come una infrazione al patto che regola la vita scolastica.
L’abbigliamento degli studenti a scuola deve essere decoroso e consono ad un luogo educativo.
Gli studenti sono tenuti a rispettare gli oggetti di proprietà della scuola, dei compagni o di
qualunque altra persona li abbia depositati negli ambienti scolastici.
Impadronirsi di oggetti non propri, anche non di valore, è, oltre che un reato, una gravissima
violazione del patto che regola la vita della comunità scolastica.
Nel caso di comportamento collettivo volto a non portare alla restituzione degli oggetti
prelevati o alla non identificazione del responsabile, tutti gli alunni coinvolti potranno essere
sanzionati.
A scuola sono tassativamente vietati l’introduzione e il consumo di bevande alcoliche e di
sostanze stupefacenti e psicotrope. Gli alcolici e le altre sostanze trovate in possesso degli
studenti saranno immediatamente sequestrati.
Le uscite dalla scuola, guidate dagli insegnanti, si configurano a tutti gli effetti come attività
didattica e scolastica. Pertanto gli alunni sono tenuti a rispettare le stesse regole di
comportamento che si tengono a scuola.
E’ fatto esplicito divieto, durante le ore di lezione di fare uso di apparecchiature
elettroniche come il telefonino, i lettori musicali o video, tablet se non strettamente
connesso all’attività didattica. A tal fine si fa presente che l’uso della strumentazione è
consentito solo per poter usufruire dei libri di testo e dei materiali ad esso connessi via
rete. In casi eccezionali la strumentazione può essere usata con funzione di vocabolario o
come strumento di ricerca, ma solo dopo aver fatto esplicita richiesta al docente. E’
raccomandato di non introdurre a scuola supporti non utili a quanto prima esposto. In caso
li si porti in classe essi devono essere tassativamente lasciati spenti durante le ore svolte in
classe e durante tutte le attività collegate. L’uso improprio anche di strumenti consentiti è
oggetto di sanzioni disciplinari
La ripresa di immagini fisse o video è possibile con l’esplicito consenso dei diretti interessati.
La ripresa di foto e video non autorizzati e il loro uso illegittimo è sanzionabile.
4. Gli studenti sono tenuti ad osservare le disposizioni organizzative e di sicurezza dettate dai
regolamenti dei singoli istituti.
5. Gli studenti sono tenuti a utilizzare correttamente le strutture, i macchinari e i sussidi didattici e
a comportarsi nella vita scolastica in modo da non arrecare danni al patrimonio della scuola.
Regolamento. E’ dovere di tutti coloro che vivono nella scuola avere cura delle strutture e
degli arredi scolastici, ivi compresi la dotazione libraria, il materiale audiovisivo e
Liceo Scientifico Statale “Enrico Fermi” – Padova
6
Piano Offerta Formativa
Sezione IV: Regolamenti
a.s.2012-13
informatico, le attrezzature sportive e musicali, e quant’altro sia nella disponibilità dell’Istituto
scolastico.
Sono pertanto sanzionabili i comportamenti che provocano volontariamente o
involontariamente danni all’edificio o ai suoi arredi e l’uso improprio degli stessi.
6. Gli studenti condividono la responsabilità di rendere accogliente l'ambiente scolastico e averne cura
come importante fattore di qualità della vita della scuola.
Regolamento. Gli studenti sono chiamati a collaborare al mantenimento della pulizia degli
ambienti scolastici e a rispettare il lavoro degli addetti.
Le rappresentanze studentesche si impegnano a promuovere iniziative volte a migliorare i
comportamenti individuali e collettivi nei confronti dell’ambiente scolastico, anche con attività
qualificate mirate a sensibilizzare tutta la componente studentesca.
ART. 4 – DISCIPLINA
(nuovo testo fissato dal decreto Presidente Repubblica 21 novembre 2007 n. 235)
1. I regolamenti delle singole istituzioni scolastiche individuano i comportamenti che configurano
mancanze disciplinari con riferimento ai doveri elencati nell'articolo 3, al corretto svolgimento dei
rapporti all'interno della comunità scolastica e alle situazioni specifiche di ogni singola scuola, le
relative sanzioni, gli organi competenti ad irrogarle e il relativo procedimento, secondo i criteri di
seguito indicati.
2. I provvedimenti disciplinari hanno finalità educativa e tendono al rafforzamento del senso di
responsabilità ed al ripristino di rapporti corretti all'interno della comunità scolastica, nonché al recupero
dello studente attraverso attività di natura sociale, culturale ed in generale a vantaggio della comunità
scolastica.
3. La responsabilità disciplinare è personale. Nessuno può essere sottoposto a sanzioni disciplinari senza
essere stato prima invitato ad esporre le proprie ragioni. Nessuna infrazione disciplinare connessa al
comportamento può influire sulla valutazione del profitto.
4. In nessun caso può essere sanzionata, né direttamente né indirettamente, la libera espressione di
opinioni correttamente manifestata e non lesiva dell'altrui personalità
5. Le sanzioni sono sempre temporanee, proporzionate all’infrazione disciplinare e ispirate al principio
di gradualità nonché, per quanto possibile, al principio della riparazione del danno. Esse tengono conto
della situazione personale dello studente, della gravità del comportamento e delle conseguenze che da
esso derivano. Allo studente è sempre offerta la possibilità di convertirle in attività in favore della
comunità scolastica.
6. Le sanzioni e i provvedimenti che comportano allontanamento dalla comunità scolastica sono adottati
dal Consiglio di classe. Le sanzioni che comportano l'allontanamento superiore a quindici giorni e
quelle che implicano l'esclusione dallo scrutinio finale o la non ammissione all'esame di Stato
conclusivo del corso di studi sono adottate dal Consiglio d’Istituto.
7. Il temporaneo allontanamento dello studente dalla comunità scolastica può essere disposto solo in
caso di gravi o reiterate infrazioni disciplinari, per periodi non superiori ai quindici giorni.
8. Nei periodi di allontanamento non superiori a quindici giorni deve essere previsto un rapporto con lo
studente e con i suoi genitori tale da preparare il rientro nella comunità scolastica. Nei periodi di
allontanamento superiori ai quindici giorni, in coordinamento con la famiglia e, ove necessario, anche
con i servizi sociali e l'autorità giudiziaria, la scuola promuove un percorso di recupero educativo che
miri all'inclusione, alla responsabilizzazione e al reintegro, ove possibile, nella comunità scolastica.
9. L'allontanamento dello studente dalla comunità scolastica può essere disposto anche quando siano
stati commessi reati che violano la dignità e il rispetto della persona umana o vi sia pericolo per
l'incolumità delle persone. In tale caso, in deroga al limite generale previsto dal comma 7, la durata
dell'allontanamento è commisurata alla gravità del reato ovvero al permanere della situazione di
pericolo. Si applica, per quanto possibile, il disposto del comma 8.
9-bis. Con riferimento alle fattispecie di cui al comma 9, nei casi di recidiva, di atti di violenza grave, o
comunque connotati da una particolare gravità tale da ingenerare un elevato allarme sociale, ove non
siano esperibili interventi per un reinserimento responsabile e tempestivo dello studente nella comunità
Liceo Scientifico Statale “Enrico Fermi” – Padova
7
Piano Offerta Formativa
Sezione IV: Regolamenti
a.s.2012-13
durante l'anno scolastico, la sanzione è costituita dall'allontanamento dalla comunità scolastica con
l'esclusione dallo scrutinio finale o la non ammissione all'esame di Stato conclusivo del corso di studi o,
nei casi meno gravi, dal solo allontanamento fino al termine dell'anno scolastico
9-ter. Le sanzioni disciplinari di cui al comma 6 e seguenti possono essere irrogate soltanto previa
verifica della sussistenza di elementi concreti e precisi dai quali si desuma che l'infrazione disciplinare
sia stata effettivamente commessa da parte dello studente incolpato
10. Nei casi in cui l'autorità giudiziaria, i servizi sociali o la situazione obiettiva rappresentata dalla
famiglia o dallo stesso studente sconsiglino il rientro nella comunità scolastica di appartenenza, allo
studente è consentito di iscriversi, anche in corso d'anno, ad altra scuola.
11. Le sanzioni per le mancanze disciplinari commesse durante le sessioni d'esame sono inflitte dalla
commissione di esame e sono applicabili anche ai candidati esterni".
Regolamento
MANCANZE
ritardi non giustificati
assenze non giustificate
abbigliamento non consono
SANZIONI
Ammonizione privata o pubblica, orale e/o scritta da parte del
singolo docente o, se la mancanza è reiterata, del Dirigente
scolastico.
Ammonizione privata o pubblica, orale e/o scritta , da parte
del singolo docente o del Dirigente scolastico.
Ammonizione personale da parte del singolo docente o del
Dirigente scolastico.
mancata esecuzione delle consegne nella Ammonizione privata o pubblica, orale e/o scritta da parte del
attività di studio
singolo docente, o, se la mancanza è reiterata, del Dirigente
scolastico.
comportamento scorretto e di disturbo
Ammonizione privata o pubblica, orale e/o scritta , da parte
negli ambienti scolastici e durante le
del singolo docente, o, se la mancanza è grave e reiterata,
lezioni
del Dirigente scolastico. In caso di comportamento
continuativo attività a favore della scuola decisa dal
Consiglio di Classe.
scarsa cura della pulizia degli ambienti Ammonizione privata o pubblica, orale e/o scritta , da parte del
scolastici
singolo docente, o, se la mancanza è reiterata del Dirigente
scolastico. In caso di comportamento continuativo attività a
favore della scuola decisa dal Consiglio di Classe.
comportamento scorretto durante i Ritiro immediato dell’elaborato e dichiarazione da parte del
compiti in classe (copiatura, uso docente di prova nulla con contestuale comunicazione scritta alla
illegittimo di appunti, uso di famiglia.
apparecchiature elettroniche, ecc.)
fumo fuori dagli spazi e tempi Ammonizione privata o pubblica, orale e/o scritta, da parte del
consentiti
singolo docente o del Dirigente scolastico. In caso di
comportamento continuativo attività formative o a favore della
scuola decisa dal Dirigente scolastico
introduzione e consumo di bevande Ritiro degli alcolici. Ammonizione privata o pubblica, orale e/o
alcoliche
scritta da parte del singolo docente o del Dirigente scolastico. Se
la mancanza è continuativa attività formative decise dal Consiglio
di Classe.
mancata osservanza delle norme di Ammonizione privata o pubblica, orale e/o scritta , da parte
sicurezza
del singolo docente o del Dirigente scolastico. In caso di
comportamento continuativo attività a favore della scuola decisa
dal Consiglio di classe..
Liceo Scientifico Statale “Enrico Fermi” – Padova
8
Piano Offerta Formativa
Sezione IV: Regolamenti
a.s.2012-13
falsificazione firme o documenti
comportamento scorretto durante i
viaggi d’istruzione
Ammonizione privata o pubblica, orale e/o scritta , da parte del
singolo docente o del Dirigente scolastico.
Se la mancanza è particolarmente grave o reiterata, sospensione
da uno a tre giorni erogata dal Consiglio di classe.
Ammonizione privata o pubblica, orale e/o scritta , da parte del
singolo docente e/o del Dirigente scolastico.
Se la mancanza è grave sospensione da uno a tre giorni eroata
dalConsiglio di classe.
Ammonizione privata o pubblica, orale e/o scritta , da parte del
singolo docente o del Dirigente scolastico.
Sospensione da uno a tre giorni se l’uso è reiterato.
uso improprio di apparecchiature
elettroniche
senza
esplicita
autorizzazione
(telefonino,
lettori
musicali o video, computer palmari,
tablet)
ripresa di immagini fisse o video di Sospensione da uno a cinque giorni.
persone e cose all’interno della scuola,
senza esplicita autorizzazione
linguaggio non consono, offensivo o Ammonizione privata o pubblica, orale e/o scritta , da parte del
intimidatorio
singolo docente o del Dirigente scolastico.
In caso di comportamento continuativo o grave, attività a favore
della scuola, decise dal Consiglio di Classe
Se l’offesa è lesiva della dignità delle persone, sospensione da
uno a cinque giorni erogata dal Consiglio di Classe, e, in
aggiunta, attività formative.
diffusione di immagini riprese senza Sospensione da tre a quindici giorni se le immagini riprese non
autorizzazione
portano pregiudizio alle persone coinvolte.
Esclusione dagli scrutini e non ammissione agli Esami di Stato in
caso di gravi offese alla dignità delle persone e di pregiudizio
all’Istituzione scolastica.
atti di intimidazione o persecuzione, Sospensione da quattro a quindici giorni
anche verbali, individuali o di gruppo,
nei confronti di compagni
introduzione e consumo di sostanze Sospensione da dieci giorni a due mesi.
psicotrope e/o stupefacenti
atti di vandalismo a danno dell’edificio Sospensione da tre giorni a due mesi
e/o dei suoi arredi
furto
Sospensione da tre giorni a due mesi
atti violenti e aggressione fisica
Sospensione da dieci giorni a due mesi. Esclusione dagli scrutini
e non ammissione agli Esami di Stato in casi particolarmente
gravi.
Per tutte le sanzioni che comportino la sospensione entro i quindici giorni deve essere data la possibilità
allo studente di convertirle in attività alternative a favore della comunità scolastica.
Le attività formative devono essere strettamente legate alla mancanza per cui si è stati sanzionati e
possono prevedere attività di ricerca, di studio individuale, di approfondimento o eventualmente
anche incontri con personale competente.
ELENCO ATTIVITÀ ALTERNATIVE
Liceo Scientifico Statale “Enrico Fermi” – Padova
9
Piano Offerta Formativa
Sezione IV: Regolamenti
a.s.2012-13
•
•
•
Attività di riordino del materiale in Biblioteca, Videoteca e Fonoteca.
Attività di riordino del materiale d’uso in Palestra, nei Laboratori, in Segreteria, in Archivio.
Collaborazione nelle pulizie con i Collaboratori scolastici e tutto il Personale ATA.
•
•
•
•
Durante l’espletamento delle attività alternative, allo studente non si può richiedere
L’uso di attrezzi pericolosi
Il maneggio di detersivi
L’uso di scale a pioli
Di essere sottoposto a sforzi fisici
PROCEDURE
Le procedure previste per l’individuazione delle mancanze e l’applicazione delle relative sanzioni sono le
seguenti:
Immediato intervento di chi è testimone del fatto per porre fine ai comportamenti sbagliati,
soprattutto quando questi comportano pericolo per le persone presenti
Segnalazione della mancanza da parte di chi è vittima, o rileva il comportamento sbagliato, a chi di
competenza (lo studente al docente o al Capo d’Istituto; il personale non docente ai docenti o al
Capo d’Istituto; i docenti al Capo d’Istituto)
Informazione alla famiglia dello studente coinvolto per via telefonica, o per iscritto
Coinvolgimento del Consiglio di classe attraverso il normale canale istituzionale
Coinvolgimento del Consiglio d’Istituto nei casi più gravi
Le sedute degli Organi collegiali convocati per giudicare le mancanze e assegnate sanzioni devono
essere accuratamente verbalizzate; le sanzioni devono essere motivate con cura e comunicate alla
famiglia nei dettagli.
Il consiglio di classe offre sempre allo studente la possibilità di convertire la sospensione fino a 15
giorni in attività a favore della scuola.
Prima di applicare qualsiasi sanzione si devono ricostruire con attenzione i fatti e ascoltare chiunque sia
stato presente. L'alunno coinvolto ha diritto di esporre le proprie ragioni, assieme alla propria famiglia
se minorenne, secondo modalità concordate con l’Istituzione scolastica al fine di garantire equità e
serenità di giudizio.
Si sottolinea che alcuni dei comportamenti qui evidenziati e sanzionati si possono configurare, a
seconda della gravità, anche come reati afferenti alla responsabilità civile o penale. Ovviamente la
scuola prevede le sanzioni per la sua parte, mentre rimangono, per il resto, valide le normali
disposizioni di legge.
ART. 5 – IMPUGNAZIONI
(nuovo testo fissato dal decreto Presidente Repubblica 21 novembre 2007 n. 235 )
1. Contro le sanzioni disciplinari è ammesso ricorso, da parte di chiunque vi abbia interesse, entro
quindici giorni dalla comunicazione della loro irrogazione, ad un apposito organo di garanzia interno
alla scuola, istituito e disciplinato dai regolamenti delle singole istituzioni scolastiche, del quale fa parte
almeno un rappresentante eletto dagli studenti nella scuola secondaria superiore e dai genitori nella
Liceo Scientifico Statale “Enrico Fermi” – Padova
10
Piano Offerta Formativa
Sezione IV: Regolamenti
a.s.2012-13
scuola media, che decide nel termine di dieci giorni. Tale organo, di norma, è composto da un docente
designato dal consiglio di istituto e, nella scuola secondaria superiore, da un rappresentante eletto dagli
studenti e da un rappresentante eletto dai genitori, ovvero, nella scuola secondaria di primo grado da due
rappresentanti eletti dai genitori, ed è presieduto dal dirigente scolastico.
Regolamento. L’organo di garanzia è composto da quattro membri: un docente, uno studente, un
genitore, un rappresentante del personale non docente.Ogni rappresentante è eletto dalla componente di
cui fa parte, con regole fissate autonomamente. Le rappresentanze scolastiche provvederanno ad eleggere
anche un membro supplente. L’0rgano di garanzia deve funzionare col numero perfetto dei suoi
componenti. La presenza di soggetti direttamente o indirettamente coinvolti nel procedimento disciplinare
è incompatibile con la funzione di componente dell’organo di garanzia. Pertanto si procederà alla
sostituzione del componente che a qualsiasi titolo sia stato coinvolto nella mancanza disciplinare o
nell’irrogazione della sanzione. In caso di ulteriore incompatibilità o indisponibilità, l’organo di garanzia
potrà funzionare con la metà più uno dei componenti.
2. L'organo di garanzia di cui al comma 1 decide, su richiesta degli studenti della scuola secondaria
superiore o di chiunque vi abbia interesse, anche sui conflitti che sorgano all'interno della scuola in
merito all'applicazione del presente regolamento.
3. Il Direttore dell'ufficio scolastico regionale, o un dirigente da questi delegato, decide in via definitiva
sui reclami proposti dagli studenti della scuola secondaria superiore o da chiunque vi abbia interesse,
contro le violazioni del presente regolamento, anche contenute nei regolamenti degli istituti. La
decisione è assunta previo parere vincolante di un organo di garanzia regionale composto per la scuola
secondaria superiore da due studenti designati dal coordinamento regionale delle consulte provinciali
degli studenti, da tre docenti e da un genitore designati nell'ambito della comunità scolastica regionale, e
presieduto dal Direttore dell'ufficio scolastico regionale o da un suo delegato. Per la scuola media in
luogo degli studenti sono designati altri due genitori
4. L'organo di garanzia regionale, nel verificare la corretta applicazione della normativa e dei
regolamenti, svolge la sua attività istruttoria esclusivamente sulla base dell'esame della documentazione
acquisita o di eventuali memorie scritte prodotte da chi propone il reclamo o dall'Amministrazione.
5. Il parere di cui al comma 4 è reso entro il termine perentorio di trenta giorni. In caso di decorrenza
del termine senza che sia stato comunicato il parere, o senza che l'organo di cui al comma 3 abbia
rappresentato esigenze istruttorie, il direttore dell'ufficio scolastico regionale può decidere
indipendentemente dall'acquisizione del parere. Si applica il disposto di cui all'articolo 16, comma 4,
della legge 7 agosto 1990, n. 241.
6. Ciascun ufficio scolastico regionale individua, con apposito atto, le modalità più idonee di
designazione delle componenti dei docenti e dei genitori all'interno dell'organo di garanzia regionale al
fine di garantire un funzionamento costante ed efficiente dello stesso.
7. L'organo di garanzia di cui al comma 3 resta in carica per due anni scolastici.
ART. 5-BIS (PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ)
(nuovo testo fissato dal decreto Presidente Repubblica 21 novembre 2007 n. 235)
1. Contestualmente all'iscrizione alla singola istituzione scolastica, è richiesta la sottoscrizione da parte
dei genitori e degli studenti di un Patto educativo di corresponsabilità, finalizzato a definire in maniera
dettagliata e condivisa diritti e doveri nel rapporto tra istituzione scolastica autonoma, studenti e
famiglie.
Liceo Scientifico Statale “Enrico Fermi” – Padova
11
Piano Offerta Formativa
Sezione IV: Regolamenti
a.s.2012-13
2. I singoli regolamenti di istituto disciplinano le procedure di sottoscrizione nonché di elaborazione e
revisione condivisa, del patto di cui al comma 1.
PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA’
La Scuola si impegna a:
- creare un clima sereno e corretto, favorendo lo sviluppo delle conoscenze e delle competenze, la
maturazione dei comportamenti e dei valori, il sostegno nelle diverse abilità, l’accompagnamento nelle
situazioni di disagio, la lotta ad ogni forma di pregiudizio e di emarginazione
- realizzare i curricoli disciplinari nazionali e le scelte progettuali, metodologiche e pedagogiche
elaborate nel Piano dell’Offerta Formativa, tutelando il diritto ad apprendere
- procedere alle attività di verifica e di valutazione in modo congruo rispetto ai programmi e ai ritmi di
apprendimento, chiarendone le modalità e motivando i risultati
- comunicare con le famiglie, in merito ai risultati, alle difficoltà, ai progressi nelle discipline di studio
oltre che ad aspetti inerenti il comportamento e la condotta
- prestare ascolto e attenzione, nel rispetto della riservatezza, ai problemi degli studenti, così da
favorire l’interazione pedagogica con le famiglie.
La Famiglia si impegna a:
- instaurare un dialogo costruttivo con i docenti, rispettando la loro libertà di insegnamento e la loro
competenza valutativa
- tenersi aggiornata su impegni, scadenze, iniziative scolastiche, controllando costantemente il libretto
personale e le comunicazioni scuola-famiglia (circolari cartacee o su web), partecipando con regolarità
alle riunioni previste
- far rispettare l’orario d’ingresso a scuola e favorire la frequenza regolare e la partecipazione degli
studenti alla vita scolastica.
- verificare attraverso un contatto frequente con i docenti che lo studente segua gli impegni di studio e
le regole della scuola, prendendo parte attiva e responsabile ad essa
- intervenire, con coscienza e responsabilità, rispetto ad eventuali danni provocati dal figlio a carico di
persone, arredi, materiale didattico, anche con il recupero e il risarcimento del danno.
Lo Studente si impegna a:
- rispettare persone, regole, consegne, impegni, strutture, orari;
- mantenere la correttezza del comportamento e del linguaggio,
- avere un ruolo attivo nella vita scolastica, prestando attenzione alle proposte educative dei docenti e
dimostrando lealtà nei rapporti interpersonali.
3. Nell'ambito delle prime due settimane di inizio delle attività didattiche, ciascuna istituzione
scolastica pone in essere le iniziative più idonee per le opportune attività di accoglienza dei nuovi
studenti, per la presentazione e la condivisione dello statuto delle studentesse e degli studenti, del piano
dell'offerta formativa, dei regolamenti di istituto e del patto educativo di corresponsabilità.".
ART. 6 - DISPOSIZIONI FINALI
1. 1 regolamenti delle scuole e la carta dei servizi previsti dalle disposizioni vigenti in materia sono
adottati o modificati previa consultazione degli Studenti nella scuola secondaria superiore e dei genitori
nella scuola media.
2. Del presente regolamento e dei documenti fondamentali di ogni singola istituzione scolastica è fornita
copia agli studenti all'atto dell'iscrizione.
3. E' abrogato il capo 111 dei Titolo I del r.d. 4 maggio 1925, n. 653.
Liceo Scientifico Statale “Enrico Fermi” – Padova
12
Piano Offerta Formativa
Sezione IV: Regolamenti
a.s.2012-13
Il comportamento degli Studenti è inoltre regolato da Norme pratiche che vengono aggiornate secondo
necessità e da Comunicazioni della Presidenza su specifici argomenti.
NORME PRATICHE DI VITA SCOLASTICA
Le presenti norme definiscono il funzionamento e il comportamento all'interno dell'Istituto,
considerato come comunità di incontro, lavoro, studio, collaborazione tra le diverse componenti che vi
operano.
1
LIBRETTO SCOLASTICO
Il libretto scolastico va sempre portato con sé, non solo per le giustificazioni, ma perché costituisce il
mezzo più idoneo per le comunicazioni tra la scuola e la famiglia.
Le firme delle persone che giustificano le assenze devono corrispondere a quella apposta nella pagina
iniziale del libretto in presenza del personale addetto. Gli studenti maggiorenni si autocertificano, fatto
salvo il diritto della scuola di informare e chiedere chiarimenti alla famiglia.
2
BADGE
Il badge va sempre portato con sé, in quanto strumento che certifica l’entrata a scuola dello
studente. In caso di smarrimento deve essere data immediata comunicazione e la spesa aggiuntiva di
segreteria sarà a carico dello studente. In caso di dimenticanza, comunicazione deve essere data al
docente della prima ora, che potrà registrare la presenza, in caso di uso di registro elettronico, o
verbalizzare la mancanza nel registro di classe. Egualmente si dovrà procedere in caso di
dimenticanza delle operazioni di registrazione mediante il totem. Il mancato rispetto di queste
norme, se ripetuto e immotivato, concorre alla attribuzione del voto di condotta
2
ENTRATA
Si accede alla scuola dai tre ingressi di via Cavalletto, via Configliachi e Corso Vittorio
Emanuele II. I cancelli e i portoni saranno aperti alle ore 8,00 per dar modo a tutti di registrare la
presenza e raggiungere in tempo e senza confusione le relative aule. Tutti devono essere in classe
prima dell’inizio delle lezioni (ore 8.15).
3
RITARDI
Non sono ammessi ritardi se non per motivi eccezionali. L’ingresso in atrio di Corso Vittorio
Emanuele è ammesso entro le ore 8.20 – entro le ore 8.25 in aula - altrimenti bisogna attendere la
2° ora. Per i ritardi reiterati sarà avvertita la famiglia ed essi incideranno sul voto di condotta. A tal
fine farà testo il ritardo sanzionato dalla registrazione elettronica della entrata. E’ dunque interesse
dello studente segnalare ogni mancato funzionamento per non incorrere in sanzioni. I ritardatari in
attesa di entrare in classe alla 2° ora sosteranno nell’atrio di C.so Vittorio Emanuele. Alle 9.15 si
recheranno in classe e presenteranno giustificazione subito o entro il giorno seguente. Le entrate
successive alla seconda ora sono consentite solo per visite o analisi mediche. Per avere
l’autorizzazione all’entrata sarà necessario produrre l’attestazione dell’ambulatorio. Nei mesi di
gennaio, maggio e giugno non saranno accettati ingressi alla seconda ora o uscite anticipate se non
in presenza di richiesta accompagnata da attestazione di visita medica.
Liceo Scientifico Statale “Enrico Fermi” – Padova
13
Piano Offerta Formativa
Sezione IV: Regolamenti
a.s.2012-13
4
USCITE ANTICIPATE
La vicepresidenza può autorizzare uscite anticipate per giustificati motivi famigliari o di salute da
documentare, che devono essere esposti per iscritto negli appositi moduli-richiesta contenuti nel libretto
scolastico. Le richieste di uscita anticipata devono essere presentate il giorno prima attraverso domanda
dei genitori sul libretto da lasciare in vicepresidenza e da ritirare all'intervallo. Gli studenti minorenni
potranno uscire solo se accompagnati da un genitore; i genitori che non hanno la possibilità di prelevare
i figli in caso di necessità personali o famigliari possono autorizzare l'uscita anticipata nell’apposito
spazio del libretto personale.
In caso di improvvisa indisposizione verranno avvertite le famiglie. Agli studenti indisposti, anche se
maggiorenni, non sarà consentito lasciare la scuola se non potranno essere affidati ad un famigliare o ad
una persona di fiducia delegata.
5
ENTRATE/USCITE FUORI ORARIO
Chi per motivi di trasporto necessità di entrare o uscire fuori orario abitualmente, può richiedere in
vice-presidenza l'autorizzazione, su presentazione di regolare domanda scritta firmata dai genitori e
fotocopia degli orari del servizio pubblico a prova della richiesta.
6
ASSENZE E GIUSTIFICAZIONI
Le assenze vengono giustificate per iscritto e presentate all'insegnante della prima ora. La scuola
deve acquisire la prova che la famiglia è al corrente dell'assenza, sempre servendosi del libretto
scolastico. Gli insegnanti annotano accuratamente sul registro di classe sia le assenze sia le
giustificazioni.
Gli insegnanti possono non accettare in classe gli studenti che non abbiano la giustificazione o
studenti che abbiano giustificazioni poco chiare, e li invieranno in Presidenza o in Vice-Presidenza. I
genitori saranno avvertiti quando le assenze risultino eccessive o assumano aspetto di abitudinarietà.
Le giustificazioni per le assenze superiori ai sei giorni, dovuti a qualsiasi motivo, devono essere
accompagnate da certificato medico di buona salute escluse particolari situazioni documentabili.
Gli alunni maggiorenni possono giustificare le assenze personalmente, seguendo le modalità sopra
indicate.
7
ASSENZE COLLETTIVE
Non sono ammesse astensioni collettive dalle lezioni che verranno sempre valutate come assenze
ingiustificate.
E' tuttavia obbligo per ogni studente al rientro a scuola dimostrare, con nota del genitore nello spazio
comunicazioni da presentare all'insegnante, che la famiglia è al corrente dell'avvenuta astensione. Il
docente firmerà per presa visione e trascriverà sul registro di classe.
8
PUNTUALITÀ E PRESENZA IN CLASSE
La puntualità in classe è un dovere di ciascuno (studenti e docenti) sia all'inizio delle lezioni sia alla
ripresa dopo l'intervallo.
Gli studenti potranno allontanarsi dalla classe solo col permesso dell'insegnante; non possono
accedere ai laboratori o in sala insegnanti se non accompagnati o in presenza di insegnante o di
personale autorizzato; non possono sostare nei corridoi e nei cortili durante le ore di lezione.
Durante l'intervallo per la ricreazione (tra la terza e la quarta ora) gli studenti sono invitati a
provvedere ad un efficace ricambio di aria nelle loro aule e a mantenere un comportamento educato e
corretto.
I rapporti degli studenti tra di loro e tra studenti e docenti e non-docenti debbono essere improntati al
rispetto reciproco.
La permanenza nell'edificio in orario extrascolastico è consentita solo previa autorizzazione del DS o
di un suo delegato.
Liceo Scientifico Statale “Enrico Fermi” – Padova
14
Piano Offerta Formativa
Sezione IV: Regolamenti
a.s.2012-13
9
DENARO E OGGETTI DI VALORE
Gli studenti sono invitati a non portare a scuola denaro ed oggetti di valore e soprattutto a non
lasciarli incustoditi per evitare il ripetersi di spiacevoli sparizioni che in una comunità scolastica non
dovrebbero mai verificarsi, ma per le quali l'Istituto non può assumersi alcuna responsabilità.
10
MEZZI DI TRASPORTO PERSONALI
Moto e motorini devono essere sistemati negli appositi spazi all’esterno della scuola.
Le biciclette, se parcheggiate nei cortili, devono essere condotte a mano.
11
FUMO E PULIZIA AMBIENTI
E' vietato fumare nelle aule scolastiche, nei laboratori, nei corridoi, nei servizi, nelle palestre, negli
ambienti chiusi e nei cortili.
Si raccomandano il rispetto e la cura degli ambienti, sia interni che esterni, e dell'arredo. E' non solo
un principio di vita civile, ma anche di carattere igienico-sanitario e un segno di rispetto per il personale
addetto alle pulizie.
E’ buona norma ricordarsi di spegnere le luci prima di uscire.
12
TELEFONI CELLULARI
Non è ammesso l’uso dei telefoni cellulari nelle ore di lezione e in locali della scuola, pena il loro
sequestro. Per le comunicazioni con la famiglia la scuola ha installato un telefono a moneta nel
corridoio accanto alla Portineria.
13
RICHIESTE DEGLI STUDENTI E ASSEMBLEE
Per ogni richiesta gli studenti sono invitati a rivolgersi al DS o ad un suo collaboratore.
Circa la richiesta di assemblee si riportano le norme pratiche seguite dagli articoli che regolano il
loro svolgimento:
1) Per esigenze di organizzazione le richieste di assemblee collettive e del Comitato studentesco
vanno presentate almeno con cinque giorni di anticipo, salvo urgenze e casi eccezionali.
2) Il modulo delle richieste per le assemblee di classe va preventivamente firmato dagli insegnanti
nelle cui ore esse si svolgeranno. I docenti sono tenuti ad una sorveglianza discreta, lasciando la
possibilità agli studenti di potersi esprimere liberamente.
3) Le assemblee di norma non possono essere tenute sempre nello stesso giorno della settimana.
4) Richieste di incontri di studio o di confronto o operativi per specifiche iniziative vanno
presentate al DS con chiara indicazione dei motivi, della durata, dei partecipanti, firmate dal
promotore e/o uno studente maggiorenne che diventa responsabile del buon andamento dell’incontro
e degli eventuali danni provocati. Non potranno essere autorizzati incontri di soli minorenni.
14
VISITE GUIDATE E VIAGGI DI ISTRUZIONE
Sono programmati dai consigli di classe e organizzati dai docenti. I genitori dovranno autorizzare
ogni uscita su apposito modulo. L’autorizzazione è data dai genitori anche per i maggiorenni poiché
l’impegno economico è assunto dalle famiglie.
15
ACCESSO ALLA SEGRETERIA
Gli studenti potranno accedere alla segreteria alla fine del loro normale orario di lezione o durante
l’intervallo. Le richieste di moduli o il ritiro di certificati avverrà presso il bancone della Rotonda (Piano
Uffici) dove vi sarà una persona addetta a tale compito.
16
INCONTRI CON PRESIDE E COLLABORATORI
Per necessità urgenti Preside e collaboratori sono sempre disponibili nell'arco della mattinata, sia per i
genitori che per gli studenti.
Per richieste non urgenti , ricevono su appuntamento.
Liceo Scientifico Statale “Enrico Fermi” – Padova
15
Fly UP