...

Tempi di attesa - Azienda Ospedaliera "Ospedale Civile di Legnano"

by user

on
Category: Documents
37

views

Report

Comments

Transcript

Tempi di attesa - Azienda Ospedaliera "Ospedale Civile di Legnano"
AZIENDA OSPEDALIERA
OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO
Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso
UFFICIO ACCOGLIENZA E OSPITALITA’
Legnano tel. 0331449610 – e-mail: [email protected]
Cuggiono tel. 0297933414 – e-mail: gestioneclienticuggiono@ ao-legnano.it
Magenta tel. 0297963304 - e-mail: gestioneclienti@ ao-legnano.it
Abbiategrasso tel. 029486548 – e-mail: gestioneclientiabbiateg@ ao-legnano
TEMPI DI ATTESA
INFORMATIVA ALL’UTENZA
Primo accesso e controllo
Tempi massimi di riferimento
Classi di priorità
Febbraio 2013
Sede: Via Papa Giovanni Paolo II – C.P. 3 - 20025 Legnano - Tel. 0331 449111 - Fax 0331 595275 -Codice Fiscale e Partita IVA 12313480159
PRIMO ACCESSO E CONTROLLO PER RAZIONALIZZARE
L’ACCESSIBILITA’ AI SERVIZI SANITARI IN TERMINI DI
APPROPRIATEZZA
Si riportano di seguito la definizione di primo accesso e di visita/esame
controllo, concetti ormai consolidati in Regione Lombardia. E’ importante
suddivisione delle prestazioni tra primi accessi e controlli in fase di prenotazione
quanto le due tipologie di prestazioni hanno differenti tempi massimi di attesa
riferimento previsti dalla normativa di settore.
di
la
in
di
Primo accesso (prima visita o primo esame)
E’ l’accesso in cui il problema attuale del cittadino viene affrontato per la prima
volta e per il quale viene formulato un preciso quesito diagnostico, accompagnato
dalla esplicita dizione di “primo accesso”. Possono anche essere considerati primi
accessi quelli effettuati da pazienti noti, affetti da malattie croniche, che
presentino una fase di riacutizzazione della propria malattia o l’insorgenza di un
nuovo problema, non necessariamente correlato con la patologia cronica, tale da
rendere necessaria una rivalutazione complessiva e/o una revisione sostanziale
della terapia (in questo caso il prescrittore indicherà sulla ricetta “primo accesso”).
Visita o esame di controllo (follow up)
• Visite o accertamenti diagnostici strumentali successivi ad un
inquadramento diagnostico già concluso che ha definito il caso ed
eventualmente già impostato una prima terapia. Il problema viene rivalutato
dal punto di vista clinico e la documentazione scritta esistente viene
aggiornata. Si tratta di prestazioni finalizzate ad esempio a: seguire nel tempo
l’evoluzione di patologie croniche, valutare a distanza l’eventuale insorgenza di
complicanze, verificare la stabilizzazione della patologia o il mantenimento del
buon esito dell’intervento, indipendentemente dal tempo trascorso rispetto al
primo accesso
• Prestazioni successive al primo accesso e programmate dallo specialista che ha
già preso in carico il paziente (comprese le prestazioni di 2° e 3° livello rese a
pazienti ai quali è gia stato fatto un inquadramento diagnostico e che
necessitano di approfondimento).
• Tutte le prestazioni prescritte con l’indicazione del codice di esenzione per
patologia sull’impegnativa a meno che il prescrittore specifichi che si tratti di
un primo accesso e individui sull’impegnativa le classi di priorità U o D o una
delle aree di rischio.
TEMPI MASSIMI DI ATTESA DI RIFERIMENTO
In linea con le disposizioni regionali si individuano per il 2013 i tempi massimi di
riferimento per le prestazioni di primo accesso cui l’Azienda Ospedaliera di
Legnano dovrà attenersi garantendoli a livello aziendale, ovvero in almeno un
sito di erogazione.
I tempi sono indicati nel dettaglio nella tabella seguente.
Ad eccezione delle prestazioni di area oncologica, per le quali i tempi massimi
dovranno essere garantiti nel 100% dei casi, per le restanti prestazioni il tempo
massimo di attesa dovrà essere garantito per il 95% dei pazienti.
Prestazioni di specialistica ambulatoriale
Codifica
Descrizione
Tmax in gg Tmax in gg Tmax in gg
(area ONC) (area CV)
(area MI)
Tmax in
gg (area
Ge)
16
16
Tmax in
gg
(priorità
D)
30
30
89.7A.3
PRIMA VISITA CARDIOLOGICA
89.7A.6
PRIMA VISITA CHIRURGICA VASCOLARE
89.7A.8
PRIMA VISITA
ENDOCRINOLOGICA/DIABETOLOGICA
89.13
PRIMA VISITA NEUROLOGICA
[NEUROCHIRURGICA]
95.02
PRIMA VISITA OCULISTICA
89.7B.7
PRIMA VISITA ORTOPEDICA
89.26.1
PRIMA VISITA GINECOLOGICA
89.7B.8
PRIMA VISITA ORL
89.7C.2
PRIMA VISITA UROLOGICA/ANDROLOGICA
89.7A.7
PRIMA VISITA DERMATOLOGICA
30
30
30
30
30
30
89.7B.2
PRIMA VISITA DI MEDICINA FISICA E
RIABILITAZIONE
30
89.7A.9
PRIMA VISITA GASTROENTEROLOGICA
89.7B.6
PRIMA VISITA ONCOLOGICA
16
89.7B.9
87.37.1
87.37.2
87.41
87.41.1
PRIMA VISITA PNEUMOLOGICA
30
16
30
16
40
16
40
88.01.1
88.01.2
TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA (TC) DELL'
ADDOME SUPERIORE, SENZA E CON
CONTRASTO
16
40
MAMMOGRAFIA BILATERALE E
MONOLATERALE
TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA (TC) DEL
TORACE, SENZA E CON CONTRASTO
30
16
16
30
Codifica
Descrizione
Tmax in gg Tmax in gg Tmax in gg
(area ONC) (area CV)
(area MI)
Tmax in
gg (area
Ge)
Tmax in
gg
(priorità
D)
88.01.3
88.01.4
TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA (TC) DELL'
ADDOME INFERIORE, SENZA E CON
CONTRASTO
16
40
88.01.5
88.01.6
TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA (TC) DELL'
ADDOME COMPLETO, SENZA E CON
CONTRASTO
16
40
87.03
87.03.1
TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA (TC) DEL
CAPO, SENZA E CON CONTRASTO
40
40
88.38.1
88.38.2
TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA (TC) DEL
RACHIDE E DELLO SPECO VERTEBRALE,
SENZA E CON CONTRASTO
40
40
88.38.5
TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA (TC) DEL
BACINO
40
40
88.91.1
88.91.2
RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE (RM)
DEL CERVELLO E DEL TRONCO
ENCEFALICO, SENZA E CON CONTRASTO
16
40
88.95.4
88.95.5
RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE (RM)
DELL'ADDOME INFERIORE E SCAVO
PELVICO, SENZA E CON CONTRASTO
16
40
88.94.1
88.94.2
RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE (RM)
MUSCOLOSCHELETRICA, SENZA E CON
CONTRASTO
40
88.93
88.93.1
RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE (RM)
DELLA COLONNA, SENZA E CON
CONTRASTO
40
88.71.4
DIAGNOSTICA ECOGRAFICA DEL CAPO E
DEL COLLO
40
40
40
88.72.3
ECO(COLOR)DOPPLERGRAFIA CARDIACA a
riposo
ECO(COLOR)DOPPLERGRAFIA CARDIACA a
riposo e dopo sforzo
40
40
88.73.5
ECO(COLOR)DOPPLER DEI TRONCHI
SOVRAAORTICI
40
40
88.77.2
ECO(COLOR)DOPPLERGRAFIA DEGLI ARTI
SUPERIORI O INFERIORI O DISTRETTUALE,
ARTERIOSA O VENOSA
40
40
88.72.2
88.74.1
88.75.1
88.76.1
88.73.1
88.73.2
88.78
88.78.2
45.23
45.25
45.42
ECOGRAFIA DELL' ADDOME SUPERIORE,
INFERIORE E COMPLETO
16
40
ECOGRAFIA BILATERALE E MONOLATERALE
DELLA MAMMELLA
16
40
40
ECOGRAFIA OSTETRICA - GINECOLOGICA
40
COLONSCOPIA CON ENDOSCOPIO
FLESSIBILE, SENZA O CON BIOPSIA O
POLIPECTOMIA
16
60
SIGMOIDOSCOPIA CON ENDOSCOPIO
FLESSIBILE
16
60
45.13
45.16
89.52
ESOFAGOGASTRODUODENOSCOPIA [EGD]
SENZA O CON BIOPSIA
16
60
89.50
ELETTROCARDIOGRAMMA DINAMICO
40
40
40
40
89.41
89.43
TEST CARDIOVASCOLARE DA SFORZO CON
PEDANA MOBILE O CON CICLOERGOMETRO
40
40
95.41.1
ESAME AUDIOMETRICO TONALE
45.24
ELETTROCARDIOGRAMMA
40
40
Codifica
Descrizione
Tmax in gg Tmax in gg Tmax in gg
(area ONC) (area CV)
(area MI)
Tmax in
gg (area
Ge)
Tmax in
gg
(priorità
D)
89.37.1
89.37.2
95.09.1
SPIROMETRIA SEMPLICE O GLOBALE
40
40
ESAME DEL FUNDUS OCULI
40
93.08.1
ELETTROMIOGRAFIA SEMPLICE [EMG]
88.26
RADIOGRAFIA DI PELVI E ANCA
40
60
7
87.24
RADIOGRAFIA DELLA COLONNA
LOMBOSACRALE
7
87.44.1
RADIOGRAFIA DEL TORACE DI ROUTINE,
NAS
7
88.27
RADIOGRAFIA DEL FEMORE, GINOCCHIO E
GAMBA
7
88.72.1
ECOGRAFIA CARDIACA
88.99.2
13.41
DENSITOMETRIA OSSEA CON TECNICA DI
ASSORBIMENTO A RAGGI X - lombare,
femorale, ultradistale
INTERVENTO DI CATARATTA CON O SENZA
IMPIANTO DI LENTE INTRAOCULARE
40
40
60
180
180
Oltre a quanto già indicato per le prestazioni di area oncologica per le quali i
tempi massimi dovranno essere garantiti nel 100% dei casi, di riferimento per le
patologie oncologiche rimane l’Accordo Stato - Regioni dell’11 luglio 2002 che
prevede il rispetto di:
− 30 giorni per giungere alla diagnosi e di
− 30 giorni per iniziare la Chemioterapia, la Radioterapia, o per ottenere
l’intervento chirurgico dal momento della decisione clinica confermata dallo
specialista della struttura erogatrice.
Per le prestazioni ambulatoriali di primo accesso non previste nella tabella
sopra riportata il tempo massimo di attesa in classe D è pari a 30 giorni per le
visite ed a 60 giorni per le prestazioni strumentali.
Le visite e gli esami strumentali di controllo, che possono essere programmati
e di conseguenza effettuati in un maggiore arco di tempo, devono essere erogati
di norma entro 180 giorni e comunque nei tempi eventualmente indicati sulla
prescrizione.
LE CLASSI DI PRIORITA’
Il governo della domanda passa attraverso un ricorso appropriato ai servizi garantiti dal
SSR mediante il modello della prioritarizzazione per specifiche aree critiche di bisogno
assistenziale.
Vengono di seguito trattati i concetti di classe di priorità e di corretta modalità di
prescrizione, che sono fondamentali per ottenere la prestazione nei tempi adeguati
alle necessità cliniche del cittadino.
1. Le classi di priorità
Di seguito si riportano i criteri che, in Regione Lombardia, hanno portato per le
prestazioni di specialistica ambulatoriale, all’individuazione delle attuali classi di
priorità:
• prestazioni la cui tempestiva esecuzione condiziona in un arco di tempo molto breve
la prognosi a breve del paziente o influenza marcatamente il dolore, la disfunzione o
la disabilità;
• prestazione la cui tempestiva esecuzione non condiziona in un arco di tempo molto
breve la prognosi a breve del paziente;
• prestazione che può essere programmata in un maggiore arco di tempo in quanto
non influenza la prognosi, il dolore, la disfunzione, la disabilità o in quanto
rappresenta un accesso di follow up.
Le attuali classi di priorità con i relativi tempi d’attesa sono indicate nella tabella che
segue.
Tipologia
di Classe
prestazione
priorità
1° accesso
1° accesso
di Descrizione
U
Rischio ONC
Rischio CV
Tempo massimo di attesa
Urgente
Entro 72 ore (*)
Corrisponde
a Tempistiche previste per le diverse
livello nazionale aree di rischio
alla classe B che
indica Breve
Area geriatrica
Area materno
infantile
Differibile
1° accesso
1° accesso
Controllo
D
P
P
Programmata
Programmata
Entro 30 giorni per le visite ed entro
60 giorni per le prestazioni
strumentali, fatti salvi i tempi
diversamente specificati nelle
tabelle di pagina da 34 a 36 del
presente Piano.
Entro 180 giorni.
Di norma entro 180 giorni e
comunque
nei
tempi
eventualmente
indicati
sulla
prescrizione
(*) Le prestazioni con priorità U, per la quale è prevista l’applicazione sull’impegnativa del bollino
verde, sono da effettuarsi entro 72 ore dalla prenotazione. Solo evidenti motivi attinenti i tempi utili
per un’adeguata preparazione all’accertamento possono comportare attese che tengano conto del
tempo tecnico minimo necessario.
Vi sono poi anche le priorità per area di rischio:
• Area oncologica: in quest’area, per il 100% degli utenti, le prestazioni
ambulatoriali devono essere assicurate entro 16 giorni e i ricoveri entro 30 giorni.
E’ comunque di riferimento anche l’Accordo Stato – Regioni dell’11 luglio 2002
che prevede il rispetto di 30 giorni per giungere alla diagnosi e di 30 giorni per
iniziare la Chemioterapia, la Radioterapia, o per ottenere l’intervento chirurgico
dal momento della decisione clinica confermata dallo specialista del presidio
erogatore.
• Area cardiovascolare: in quest’area le prestazioni ambulatoriali devono essere
assicurate entro 16 giorni per le visite ed entro 40 giorni per le prestazioni
strumentali, i ricoveri entro 30 giorni.
• Area materno – infantile: i tempi d’attesa di quest’area sono in parte normati dal
D.M. 10 settembre 1998. In ogni caso, se lo specialista indica la settimana di
gravidanza entro cui effettuare la prestazione, la stessa deve essere garantita in
tale settimana. Regione Lombardia indica il tempo di attesa di 16 giorni per le
visite e di 40 giorni per le prestazioni strumentali nel caso in cui nè il DM né lo
specialista prevedano tempistiche specifiche.
• Area geriatrica: si fa riferimento all’età di 75 anni compiuti. In quest’area le
prestazioni ambulatoriali devono essere assicurate entro 16 giorni per le visite ed
entro 40 giorni per le prestazioni strumentali, i ricoveri e gli interventi per cataratta
entro 180 giorni.
Fly UP