...

26/07/2011 Il Resto del Carino – Ed. Reggio Emilia

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

26/07/2011 Il Resto del Carino – Ed. Reggio Emilia
26/07/2011
Il Resto del Carino – Ed. Reggio Emilia - Correggio
Pag. 12
12
Correggio
••
MARTEDÌ 26 LUGLIO 2011
CORREGGIO SLITTA LA CENA DI SOLIDARIETÀ PER S. MARIA
ERA PREVISTA per venerdì sera, la cena benefica a base di con tortelli
verdi e carne alla griglia organizzata dal circolo ARCI “I vizi del
Pellicano” di Fosdondo. Ma questo momento conviviale speciale, il cui
incasso sarà devoluto al comitato per il restauro del complesso di Santa
Maria della Misericordia (in via Santa Maria, a Correggio), è stato
rinviato. Gli stessi oragnizzatori spiegano che per mettere insieme la
cifra verranno organizzati almeno 5 o 6 incontri. La cena slitterà a fine
agosto-settembre. (Per info e prenotazioni: tel. 338.5450243).
SAN MARTINO L’AZIENDA STORICA IN LIQUIDAZIONE DA APRILE. CGI-CISL: “ACCELERI LA PERIZIA“
CORREGGIO
Il giudice: «Offerta d’affitto incongrua»
Capriolo Venturini, a rischio 107 posti
Via al sodalizio
con le tecnologie
di Emc Italia
E Warrant Group
amplia i servizi
SITUAZIONE DI STALLO
Al momento nessun’altra
domanda di acquisto in corso,
richiesta la cassa integrazione
a perdere clienti e fatturato, oltre
ad alimentare l’emorragia di professionalità importante». I sindacati si sono appellati anche al Ministero per non vanificare i salari
e tutelare professionalità e macchinari che, in questo caso, «sono
un tutt’uno». Già avviata la richiesta di cassa integrazione, ma
«manca ancora l’erogazione diretta». «Se la perizia viene a fatta a fine mese, perché attendere sino a
settembre? Equivale a un suicidio
— lamentano —. Chiediamo
quindi al giudice un impegno straordinario per una proposta celere». L’ultima offerta, ricevuta dal
gruppo Pozzoni Spa, è scaduta il
15 luglio. La precedente, da parte
de La Fenice, il 26 maggio. E il paradosso è che non c’è stato alcun
sentore della situazione “critica”.
«Anzi — spiegano all’unisono sindacalisti e rappresentanti della
Rsu — ci è stato richiesto un maggior impegno di produzione».
liquidazione volontaria della Capriolo-Venturini ché naviga in
pessime acque finanziare. Zaffarano parla di un’esposizione verso
le banche di circa 5 milioni di euro. Debito che, in breve, raddoppia. «Attualmente siamo in una fase di stallo. Il giudice delegato, infatti, non ha accolto l’unica offerta in campo, avanzata da un gruppo nazionale significativo nel settore grafico, ritenendola incongrua». L’esponente cigiellino ribadisce la necessità di dare continuità produttiva dell’azienda che, lavorando adesso a ranghi ridotti,
vede una trentina di dipendenti
impegnati su turnazioni di 24 ore.
Lo storico marchio produce moduli commerciali ed è legato ai
lanci pubblicitari, i clienti esigono, quindi, risposte immediate.
«Allungare i tempi equivarrebbe
FINCHÉ, una volta diramata la
notizia della voragine finanziaria,
sono stati liquidati perché «il prezzo di vendita è competitivo ma
non sostiene i costi». L’occasione
è propizia per lanciare un segnale
forte al liquidatore «poiché gli accordi procedimentali ci sono». Si
trattrebbe, quindi, di consegnare
‘chiavi in mano’ uno stabilimento
con grandi capacità professionali:
«Qualunque proposta di affitto —
rimarcano — deve contenere gli
elementi su cui ci siamo impegnati in questi mesi». Esclusa, al momento, l’ipotesi di agitazioni:
«Decideremo il da farsi con i lavoratori, non abbiamo un percorso
preconfezionato, agiamo giorno
dopo giorno». E convinti del potenziale produttivo della storica
azienda, si dicono «fiduciosi».
Alba Piazza
EMC ITALIA ha avviato
una collaborazione con
Warrant Group — che ha
sede anche a Correggio, in
corso Mazzini 11 —, leader
nel settore della
consulenza finanziaria alle
aziende allo scopo di
rendere sempre più
semplice e conveniente
per i clienti affidarsi alle
proprie soluzioni
tecnologiche. L’accordo
prevede l’offerta, da parte
di Warrant Group, di una
serie di servizi di
consulenza finanziaria e
supporto alle
organizzazioni che
intendano avvalersi delle
soluzioni tecnologiche e
dei servizi di EMC.
«In un momento di
transizione così
importante, con la
rivoluzione del cloud
computing alle porte, con
tutte le opportunità che
questa comporta, le
organizzazioni devono
potersi avvalere delle
tecnologie più avanzate
per sfruttare al meglio
queste possibilità —
commenta Giulia Scalfi,
cfo di Emc. «La
collaborazione con
Warrant Group nasce
proprio dal desiderio di
offrire a clienti e prospect
un’offerta di servizi
finanziari più ampia, per
essere in grado di
soddisfare ogni necessità e
di rendere ancor più
conveniente il passaggio al
cloud computing».
«La nostra mission
consiste nell’offrire alle
aziende una consulenza
integrata su quelli che
sono i driver necessari allo
sviluppo dell’impresa:
ossia, innovazione,
internazionalizzazione e
gestione delle risorse oltre
alla scelta della migliore
strategia finanziaria per
sostenere la realizzazione
dei progetti aziendali —
aggiunge Alfredo Maccari,
ad di Warrant Group —.
Investimenti tecnologici
adeguati in un’ottica di
lungo periodo sono
necessari per garantirsi
competitività e
flessibilità».
— SAN MARTINO IN RIO —
VALUTARE «offerte di affitto»,
propedeutiche, cioè, all’acquisto
dell’azienda «in tempi rapidi, tenendo conto della continuità lavoratativa e delle professionalità che
il passare del tempo rischia di depauperare». Obiettivo, salvaguardare 107 posti di lavoro a rischio
della storica azienda Capriolo
Venturini srl di San Martino. E’
questa la priorità assoluta dei sindacati Slc Cgil e Fistel Cisl. Ieri,
dopo mesi di trattative, hanno deciso di rendere pubblica la grave
situazione in cui versa la ditta per
sensibilizzare le istituzioni locali,
in primis il Comune e la Provincia, al fine di ottenere solidarietà,
suscitare l’interesse di eventuali
cordate e, soprattutto, caldeggiare
insieme la «necessità di accelerare
i tempi di affidamento dell’affitto
per risollevare le sorti di 136 famiglie». Al tavolo, Giuseppe Zaffarano, segretario di Slc-Cgil di Reggio, Giorgio Uriti di Fistel -Cisl,
oltre a Massimo Corbetti, Ignazia
Quattrocchi ed Enzo Mantovani,
esponenti della Rsu della Capriolo Venturini. In seguito alla messa in liquidazione dell’azienda, lo
scorso aprile, il gruppo ha lavorato alacremente — 6 le assemblee
convocate — seppur sottotraccia,
per «cambiare il destino di 107 famiglie e salvaguardare al massimo l’occupazione».
UN DRAMMA cominciato,
«dall’oggi al domani», il 20 aprile
quando in seguito a una delibera
del cda, (l’azienda conta due stabilimenti, oltre a quello sammartinese, uno a Caleppio di Settala, a
Milano, dove oggi su 93 lavoratori sono operativi 28) lo stesso consiglio d’amministrazione provvede a informare il sindacato della
AL TAVOLO I sindacalisti di Slc Cgil e Fistel Cisl con la Rsu dell’azienda
IL VICESINDACO
Borri: «Sosterremo
qualsiasi trattativa»
— SAN MARTINO IN RIO —
«SIAMO a disposizione, per
quanto ci è possibile, a
dirimirere la questione
schierandoci al fianco dei
lavoratori e dei sindacati per
qualunque trattativa,
persino dinnanzi al
Ministero, al fine di
accelerare i tempi» dichiara
a nome
dell’amministrazione
comunale sammartinese il
vicesindaco Giuseppe Borri.
«Ci accoderemo, quindi, alle
autorità locali. A partire
dalla Provincia di Reggio
che ci ha convocato per un
incontro a breve proprio per
affrontare insieme la
questione».
Sorpresi a rubare alla discarica
denunciati due operai correggesi
Il romanzo sui gitani di Marco Truzzi
si aggiudica il premio Fortunato Seminara
— CORREGGIO —
IL GIOVANE autore correggese, Marco Truzzi, con il suo
primo romanzo presentato al Salone del libro a Torino,
“Non ci sono pesci rossi nelle pozzanghere” (Instar Libri 201) si
è aggiudicato il Premio Fortunato Seminara - selezione
Opera Prima, bandito ogni anno dal circolo culturale Rhegium Julii.
Il romanzo di Truzzi, assieme a “Meglio dirselo” di Daria
Colombo (Rizzoli) ed “Elisabeth” di Paolo Sortino (Einaudi), è stato selezionato dai giovani lettori-giurati del Rhegium Julii fra gli oltre 50 romanzi partecipanti.
La premiazione avverrà il prossimo 23 agosto a Reggio Calabria. Durante la serata sarà eletto, da una giuria popolare di
50 lettori, un supervincitore.
SABATO, i carabinieri di Correggio hanno denunciato alla Procura della Repubblica presso il foro
reggiano due operai correggesi, L.D. di 35 anni, e
O.E. 38enne, con l’accusa di tentato furto aggravato in concorso. La sera precedente, i due uomini sono stati sorpresi mentre, dopo aver praticato un foro
alla rete di recinzione dell’isola ecologica situata in
via Pio La Torre, erano intenti a trafugare elettrodomestici, in particolare lavatrici, frigoriferi e pezzi di
rame. Nullo il bottino perché sono stati subito bloccati dai militari dell’Arma.
Fly UP