...

l`incredibile storia di lavinia centro victor

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

l`incredibile storia di lavinia centro victor
Bianca Pitzorno
L’incredibile storia di Lavinia
Traduzioni telematiche a cura di
Rosaria Biondi, Nadia Ponti, Giulio Cacciotti, Vincenzo Guagliardo
(Casa di reclusione - Opera)
2
INDICE.
Introduzione dell'autrice:
pagina 4
La piccola fiammiferaia:
Entra in scena la fata:
La magìa dell'anello:
Il signor Massimiliano Marsupiali:
Una strana cliente:
Eleuterio Migliavacca:
Lavinia si conquista una casa:
Vita nuova per Lavinia:
Una colazione movimentata:
Lavinia trova un amico:
Spedizione allo Zoo cittadino:
Lavinia si copre di gloria:
Lavinia commette un errore:
Una situazione disperata:
Tutto è bene quel che finisce bene:
pagina 5
pagina 7
pagina 9
pagina 10
pagina 11
pagina 13
pagina 14
pagina 16
pagina 18
pagina 20
pagina 22
pagina 23
pagina 26
pagina 28
pagina 30
3
INTRODUZIONE DELL'AUTRICE.
La storia di Lavinia e dell'anello magico è nata una vigilia di
Natale durante una cena a cui partecipavamo la mia amica Valentina
ed io, insieme ad altre persone che non è il caso nominare perché
non direttamente interessate al fenomeno "cacca".
Già da molti anni Valentina aveva l'abitudine di chiedermi storie
di cacca e di pipì, ed io gliele raccontavo. In totale ne avrò
inventate per lei una cinquantina.
Quella sera, quando terminai la storia di Lavinia, Valentina mi
disse soddisfatta: "Brava! Questa volta la hai raccontata proprio
bella. Più bella di tutte le altre".
Così, poiché nella primavera successiva Valentina stava terminando
la prima elementare e sapeva già leggere molto bene, decisi di
trasferire la storia dell'anello magico dalla tradizione orale a
quella scritta e di farne un libro per lei e per altri giovani
intenditori.
Ringrazio per l'ispirazione: Andersen per la fiammiferaia, Tolkien
per l'anello, King per lo sguardo, Voltaire perché sì e Madre
Natura per la cacca.
Si sconsiglia la lettura di questo libro alle persone troppo
schizzinose.
4
LA PICCOLA FIAMMIFERAIA.
Era la vigilia di Natale a Milano.
Per tutto il pomeriggio Piazza del Duomo e le altre vie del centro
con i loro negozi erano state percorse da una quantità incredibile
di gente che faceva a spintoni per comprare gli ultimi regali. I
milanesi passavano carichi di pacchi e pacchetti. Avevano fretta
di tornare a casa, perché già dal primo pomeriggio si era messo a
fare un freddo terribile.
Verso le cinque cominciò a nevicare. Presto la statua di Vittorio
Emanuele, al centro della piazza, fu ricoperta di neve.
"Per fortuna è già buio e i piccioni se ne sono andati a letto.
Altrimenti si congelerebbero le zampe - osservò Lavinia -. Chissà
poi dove vanno a dormire i piccioni! Forse tra le guglie del
Duomo. Ma non hanno paura, in mezzo a tutte quelle statue di
mostri e di santi?".
Anche le guglie ormai erano diventate bianche, come se fossero
fatte di zucchero filato.
La gente passava in fretta e non si accorgeva di una piccola
fiammiferaia livida di freddo che sedeva su un gradino col vestito
tutto stracciato ed offriva ai passanti le sue scatolette di
fiammiferi.
Ogni tanto qualcuno inciampava nei suoi piedini nudi. Barcollava,
cercando di mantenere l'equilibrio, diceva qualche parolaccia come
"Accidenti!" "Dannazione!" e anche peggio e finalmente si
accorgeva della bambina.
Ma invece di comprarle i fiammiferi, queste persone la coprivano
di insulti del tipo: "Ma torna a casa, disgraziata!", "Ti sembra
il posto da metterti con i tuoi stracci?", "Levati dai piedi! Se
fossi tuo padre ti riempirei di botte!".
E quando la bambina, con una vocina rauca interrotta da forti
colpi di tosse che le squassavano il petto diceva timidamente:
"Bei fiammiferi, signore! Vuole comprare i miei fiammiferi?" i
passanti disturbati rispondevano: "Tieniteli, i tuoi fiammiferi,
rompiscatole! Cosa vuoi che me ne faccia dei tuoi fiammiferi?
Credi che siamo talmente pezzenti da non possedere un accendino?".
Oppure altri si indignavano: "Io non fumo, lurida mocciosa! Ho
appena smesso e adesso ci si mette questa stracciona a farmi
ricominciare! Vergognati!".
E se ne andavano arrabbiatissimi pensando: "Ma guarda un po' se
proprio la vigilia di Natale dovevamo incontrare questa
guastafeste! Porta male incontrare una piccola fiammiferaia
affamata e infreddolita la vigilia di Natale... Adesso avremo i
rimorsi per tutto l'anno...
Lavinia, poiché era proprio lei la piccola fiammiferaia, non aveva
nessuna intenzione di procurar loro dei rimorsi e gratis per
giunta. Lei voleva soltanto vendere dei fiammiferi per guadagnare
un po' di soldi e comprarsi una cioccolata calda con la panna e i
5
biscotti, perché non mangiava da tre giorni. E magari anche un
paio di scarponcini foderati di pelliccia perché i piedi, pieni di
croste e di geloni, le facevano proprio male.
E invece nessuno, ma proprio nessuno, le comprò una sola scatola
di fiammiferi.
Verso le otto le si avvicinò un vigile urbano, tutto stretto nel
suo cappotto blu, e di malumore per il fatto di essere di servizio
quella sera invece che a casa a fare il Presepio con i suoi
bambini. Toccandola da lontano col piede, un po' schizzinoso
perché Lavinia era davvero sporca, le disse: "Non puoi vendere
puoi vendere fiammiferi senza licenza. Non puoi vendere niente. A
rigore, ti dovrei arrestare. Ma, visto che è Natale, chiuderò un
occhio. Tu, però, smamma! Hai capito? Fuori dai piedi! Scompari al
più presto. Torna a casa!".
Facile dirlo! Lavinia una casa non ce l'aveva. Era una piccola
fiammiferaia e le piccole fiammiferaie non hanno casa.
Così fu il vigile ad andarsene, soffiandosi sulle dita per
riscaldarle, e la bambina rimase sui gradini della farmacia, tutta
intirizzita, affamata, con le tasche vuote, mentre gli ultimi
compratori abbandonavano la piazza dirigendosi verso le fermate
dei tram.
L'albero di Natale regalato dal sindaco alla cittadinanza
scintillava di mille luci al centro della piazza. Ma Lavinia
sapeva che, se anche gli fosse andata vicino, quelle luci non
l'avrebbero riscaldata perché non erano fiammelle di candele, ma
lampadine a bassa tensione.
E inoltre, per avvicinarsi all'albero, avrebbe dovuto lasciare il
riparo dei portici e si sarebbe dovuta esporre alla neve che
continuava a fioccare in modo suggestivo come in una cartolina
d'auguri.
Lavinia aveva solo sette anni, ma era molto esperta riguardo a
queste cose perché, fin da quando aveva memoria, era sempre stata
una piccola fiammiferaia randagia e aveva dovuto imparare a
cercarsi da sola i ripari più convenienti.
Scese la notte. La piazza era deserta ormai. Solo le luci delle
pubblicità si muovevano dando un'illusione di vita e di calore,
invece faceva sempre più freddo.
Stringendosi addosso i suoi stracci Lavinia si raggomitolò più
stretta che poteva nell'angolo della vetrina, poggiò la testa
contro il muro e si addormentò.
6
ENTRA IN SCENA LA FATA.
Mentre Lavinia dormiva, in tutte le case della città, i bambini a
tavola guardavano il padre che tagliava il panettone e
protestavano: "No, non ne voglio! Sono pieno fin qui. Guarda che
se me ne fai mangiare anche una fettina piccola piccola, vomito!"
E i padri si scandalizzavano: "Che indecenza! Questo è un insulto
alla miseria Anche la notte di Natale devi fare tante storie per
mangiare! Pensa a quei poveri negretti affamati che darebbero
chissà che cosa per una fetta di panettone...".
Lavinia non era una negretta, ma nel sonno si lamentava lo stesso
per la fame, e avrebbe dato chissà cosa per una fetta di
panettone. Se almeno quei papà che predicavano così bene le
avessero comprato qualche scatola di fiammiferi prima di rincasare
e mettersi a tavola!
Sognava tacchini arrosto e grandi
torte, montagne di patate fritte, lasagne, polpette, salami e
zabaione. Sognava insalate russe e "hamburger col tomato" così
come li aveva visti nelle vetrine delle rosticcerie, senza potersi
mai permettere di assaggiarli.
Verso mezzanotte i sogni di Lavinia furono interrotti dalla brusca
frenata di un taxi. La bambina alzò gli occhi e vide una bella
signora scendere dalla macchina proprio sul marciapiede di fronte
a lei. Era vestita in modo poco adatto per una notte così fredda.
Aveva un abito scollato, di velo azzurro molto trasparente
(Lavinia poté notare le mutande, anch'esse azzurre); le caviglie
nude, i piedi infilati in due pantofoline di velluto, e in
testa...
...Lavinia dovette coprirsi la bocca con le mani per soffocare una
risata... In testa la donna aveva il cappello più strano che si
possa immaginare. Una specie di lungo imbuto rovesciato, tutto
decorato come un albero di Natale.
"Ce n'è di matti, in giro!" pensava Lavinia continuando a godersi
lo spettacolo, visto che ormai si era svegliata La signora pagò il
tassista che le fece cinque inchini profondissimi, uno dopo
l'altro: evidentemente aveva ricevuto una bella mancia Poi si
diresse verso Lavinia.
"Caspita! - pensò la bambina - sta a vedere che questa matta mi
compra tutte le scatole dei fiammiferi!"
Ma quando fu vicina la signora si chinò porgendo una sigaretta e
chiese: " Scusa, hai da accendere?"
"E adesso cosa le dico? - pensò Lavinia disperata - Le dico che
sì, ho i fiammiferi, ma che me li deve pagare? Non sarebbe
gentile. E poi gliene serve uno solo, non una scatola.."
Così, con un gesto da gran signora, aprì una scatola nuova, accese
un fiammifero e lo porse alla donna. Questa accese la sigaretta
senza avvicinarla alla bocca e senza aspirare, come se si
trattasse di una candela, poi tese velocemente il braccio verso
l'alto. Dalla sigaretta scaturì una fontana luminosa, uno zampillo
7
di scintille come quelle dei fuochi artificiali...
"E proprio matta - pensò Lavinia - non ha di meglio da fare a
quest'ora di notte? Non ha una casa dove andare a dormire al
caldo? Le verrà un accidente con questo vestito leggero e
scollato!"
Poi si fece coraggio e le chiese: "Scusi, signora, va forse a una
festa mascherata?"
"No, perché? - rispose la sconosciuta.
"E allora perché è vestita a quel modo? - ribatté Lavinia.
"Ma perché sono una fata, no? - rispose la donna, come se fosse la
cosa più naturale del mondo.
Lavinia pensò: "E' proprio matta. Le fate stanno solo nei libri".
Come se le avesse letto nel pensiero, la donna la osservò
pensierosa e poi disse: "Strano... Di solito le piccole
fiammiferaie si trovano nei libri di fiabe..."
Si guardarono a vicenda, diffidenti. Nessuna delle due aveva
intenzione di lasciarsi imbrogliare.
Poi la donna disse a Lavinia "Io sono vera. Prova a darmi un
pizzicotto!" E senza aspettare allungò una mano e pizzicò Lavinia
su un braccio. "Ahi! - strillò la bambina - ero io che dovevo
pizzicare te!" e le sferrò un calcio, che per la verità non le
fece molto male perché Lavinia era a piedi nudi.
"Così adesso siamo pari, - disse con calma la fata - ora siamo
certe della reciproca esistenza Lavinia, sei stata gentile e
generosa. Ti voglio ricompensare per avermi offerto gratis il tuo
fiammifero".
"Adesso mi regala un sacco di soldi! - pensò eccitata la bambina adesso mi trasporta nella reggia di un Principe che mi sposerà...
Adesso mi fa diventare bellissima... E cosa me ne faccio della
bellezza? Ah, sì, la gente pagherà per vedermi e con i soldi mi
comprerò un sacco di roba da mangiare".
"Voglio farti un regalo eccezionale, - continuò la fata - un
anello magico. Eccolo!"
Se lo tolse da una tasca del vestito di velo e lo infilò al dito
di Lavinia. Era un anellino neanche d'oro, liscio, senza nessuna
pietra.
"A cosa serve?" - chiese Lavinia speranzosa che all'aspetto
modesto corrispondesse un potere sensazionale.
La fata si mise a ridere da sola, da quella mattacchiona che era.
"A cosa serve?" insistette Lavinia.
"A trasformare le cose in cacca".
"Cosaaa?!"
"A trasformare le cose in cacca. Sei diventata sorda, per caso?"le domandò l'altra con un sorriso angelico.
8
LA MAGIA DELL'ANELLO.
Lavinia cominciò a piagnucolare. "Bel regalo! Non mi mancava che
questo anello! Sono già così disgraziata, senza casa, senza mamma,
assiderata, a pancia vuota... e tu mi vieni a fare un regalo
così!" E cercava di sfilarsi l'anello dal dito; ma quello non si
staccava più.
"E tuo per sempre - disse la fata -. Non potrai mai perderlo. Ma
guarda che non è un regalo di poco valore come pensi... Anzi! Se
userai la tua intelligenza, vedrai che col potere dell'anello
riuscirai a fare grandi cose. Solo, bisogna che aguzzi
l'ingegno...".
Mentre Lavinia, a bocca aperta, continuava a rigirarsi l'anello
intorno al dito, improvvisamente il cartellone pubblicitario che
era lì davanti diventò di color marrone, poi si afflosciò su se
stesso e diventò un mucchietto molle e
puzzolente sul
marciapiede.
"Visto? - disse la fata - hai imparato da sola come si fa.
Comunque le istruzioni per l'uso sono queste:
SE VUOI TRASFORMARE
QUALCOSA IN CACCA, LA DOVRAI FISSARE INTENSAMENTE FACENDOTI
RUOTARE L'ANELLO INTORNO AL DITO IN SENSO ORARIO. SE VORRAI CHE
TORNI ALLA CONDIZIONE ORIGINALE LA DOVRAI FISSARE GIRANDO L'ANELLO
IN SENSO INVERSO.
Attenta a non sbagliare, mi raccomando"
Con un fischio improvviso fermò un altro taxi che passava in quel
momento, vi balzò sopra e scomparve alla vista di Lavinia
Sconcertata, la piccola fiammiferaia pensò: "Ho forse sognato?"
Ma l'anello era al suo dito, e davanti a lei il mucchietto di
cacca fumava nel freddo della notte.
Allora, per controllare l'esattezza delle istruzioni, lo fissò
turandosi il naso e girò l'anello nell'altro senso. Subito il
pannello pubblicitario si drizzò al suo posto, pulito e lucente
com'era prima.
"Bene, - disse Lavinia - almeno le istruzioni erano esatte. Adesso
però devo pensare seriamente al modo migliore di usare questa
strana magìa".
9
IL SIGNOR MASSIMILIANO MARSUPIALI.
Era la notte della vigilia di Natale a Milano.
Il signor Massimiliano Marsupiali, proprietario di un elegante
negozio di calzature, non era ancora tornato a casa dove la moglie
Cunegonda e i due bambini lo aspettavano per il cenone. Come sua
abitudine il signor Marsupiali si era attardato in negozio a
contare i soldi incassati durante la giornata.
Un mucchio di soldi: perché il negozio si trovava su un lato della
piazza del Duomo e nel corso della mattina e del pomeriggio, fino
all'ora di chiusura, erano entrate migliaia di persone a comprare
scarpe, stivali, scarponcini, pantofole, come se improvvisamente
tutti i milanesi si fossero trovati scalzi e avessero avuto una
gran fretta di provvedere a ricoprirsi i piedi. Con la conseguenza
che gli scaffali del negozio erano rimasti quasi vuoti e la cassa
del signor Massimiliano Marsupiali traboccava di biglietti da
centomila lire.
I commessi erano andati a casa dopo aver messo tutto in ordine, ed
ora il signor Massimiliano se la godeva al calduccio nel negozio
deserto, sistemando le banconote in tanti mazzetti e fantasticando
su quello che avrebbe comprato dopo averne depositato la maggior
parte in banca.
10
UNA STRANA CLIENTE.
Il signor Marsupiali era lì, tutto assorto nei suoi sogni natalizi
e non si accorse della bambina che schiacciava il naso contro il
vetro della vetrina e gli faceva dei segni.
Finalmente però il toc-toc lo riscosse e gli fece alzare lo
sguardo. E immediatamente un grande rossore di rabbia gli salì dal
collo grasso alla grassa faccia. Come? Anche a quell'ora? Un'altra
di quelle maledette mendicanti? Furibondo si precipitò alla porta,
la spalancò e aggredì la bambina "Vattene subito, pezzente! Via
quelle manacce sporche dalla mia vetrina!".
La bambina tolse le mani e le allacciò dietro la schiena,
nascondendole alla sua vista, ma avanzò verso la porta del
negozio. Poggiava appena i piedini nudi e lividi sullo strato di
neve che ricopriva il marciapiede. Aveva circa sette anni, i
capelli arruffati che forse erano biondi sotto la sporcizia, e una
faccina angelica piena di croste di moccio secco e di baffi neri,
dove si era sfregata per asciugare le lacrime.
Il signor Massimiliano Marsupiali indietreggiò sotto il suo
sguardo tranquillo e si mise sulla porta come per sbarrarle il
passo.
"Cosa vuoi?" - ringhiò.
"Un paio di stivaletti foderati di pelliccia. Quelli! Numero
trentatré per favore" - disse la bambina indicando un paio di
stivali celesti su uno scaffale.
"E i soldi? Ce li hai i soldi per pagarli? - chiese aggressivo il
signor Marsupiali - E poi a quest'ora il negozio è chiuso. Fila!".
"La prego! - insistette gentilmente la bambina, - non ha visto che
sono scalza? Ho freddo e mi prenderò un raffreddore... E poi, è la
notte di Natale. Sia buono e mi dia quegli stivali..."
"Razza di impudente sfacciata! Lo sai quanto costano quelle
scarpe?"
"No, - confessò Lavinia - e non me ne importa neanche. Tanto non
ho i soldi per pagarle. Le vorrei in regalo".
"Ah, sì?! In regalo? E perché mai dovrei regalartele?"
"Perché sono scalza e fa freddo", - ripeté la bambina cercando con
lo sguardo sugli scaffali tutte le scarpe che erano rimaste.
Poche, per la verità. Sembrava che il negozio fosse stato
saccheggiato.
"Fuori! - gridò il signor Massimiliano Marsupiali -. Vattene
stracciona!" e si girò per chiudere la porta.
Ma restò di sasso vedendo sugli scaffali, al posto delle scarpe e
delle pantofole, altrettanti mucchietti di cacca.
Fuori, nella piazza, la bambina si allontanava a passettini
poggiando con precauzione i piedi nudi sulla neve.
"Torna un po' qua, disgraziata! Cosa mi hai combinato?" - le gridò
dalla soglia il signor Marsupiali, e il suo grido echeggiò
stranamente nella piazza deserta. La bambina si girò e gli
11
sorrise: "Ha cambiato dea? Bene. In fondo è la notte di Natale". E
tornò verso il negozio.
"Ma che cambiato idea! Chiamerò la polizia. Ti farò arrestare,
stracciona! Guarda cosa mi hai combinato!"
"Io? - chiese la bambina con meraviglia, - ma se non sono neppure
entrata nel negozio!"
Il signor Massimiliano Marsupiali si grattò la testa.
Evidentemente c'era qualcosa che non andava.. Ma mentre era lì
incerto, sentì l'odore della cacca alle sue spalle farsi più forte
e penetrante.
Si girò. Il cassetto del registratore di cassa, che aveva lasciato
mezzo aperto mentre contava i soldi, adesso era pieno dello stesso
materiale degli scaffali: cacca fumante e puzzolente. Anzi era
talmente pieno, che un bel po' di cacca stava traboccando sul
pavimento.
"Il guadagno di tutta una giornata..." - sussurrò diventando
pallido -. "Forse ho un incubo"
pensò. Ma l'odore era sempre più forte. La bambina gli sorrideva
dalla soglia del negozio, attenta a non mettere i piedini sporchi
sulla moquette immacolata.
"Puoi farci qualcosa, strega?" chiese il signor Marsupiali.
Stringendo le mani dietro la schiena la bambina sorrise fissando
gli scaffali. "Vorrei quegli scarponcini - disse - celesti. Numero
trentatré, per favore".
Il signor Marsupiali si girò. Sugli scaffali erano ricomparse le
scarpe.
"Ti sbatto fuori!" - stava per esclamare, ma lo sguardo gli cadde
sulla cassa. Lì c'era ancora un bel mucchio di cacca al posto del
denaro.
"Dopo che avrò le scarpe" - disse la bambina gentilmente,
leggendogli nel pensiero.
Dieci minuti dopo Lavinia, seduta sul basamento della statua di
Vittorio Emanuele, si allacciava gli scarponcini nuovi. Attraverso
la gonna lacera sentì il freddo e il bagnato della neve.
"Adesso pensiamo ai vestiti" disse fra sé, alzandosi e avviandosi
verso la Galleria.
12
ELEUTERIO MIGLIAVACCA.
Erano le tre del mattino del giorno di Natale a Milano.
Il portiere notturno dell'albergo più elegante della città,
l'Excelsior Extralusso, sonnecchiava tenendo d'occhio
svogliatamente la lucida Rolls Royce posteggiata davanti
all'ingresso a disposizione dei clienti.
Nell'atrio dell'albergo c'era stato un po' di movimento fino a
circa mezz'ora prima, quando gli ultimi nottambuli erano rientrati
dai cenoni della vigilia. Ora tutto era deserto e silenzioso.
Fuori, nella strada, cadeva la neve e sul tetto della Rolls Royce
si era formato uno strato soffice e bianchissimo. Camminando
leggera su questo tappeto bianco, una bambina apparve al portiere
notturno. Sfregandosi gli occhi l'uomo, che si chiamava Eleuterio
Migliavacca, osservò che i piedini della bambina quasi non
lasciavano traccia sulla neve.
Era una strana creatura, osservò. Indossava un paio di bellissimi
stivaletti celesti e un cappotto di pelliccia col cappuccio tirato
sulla fronte a nascondere quasi completamente un elegante berretto
a maglia. Dall'orlo della pelliccia sbucavano un paio di pantaloni
alla zuava di puro Shetland inglese - il portiere di notte questi
abiti di lusso li riconosceva al primo sguardo - e attorno al
collo si attorcigliava due o tre volte una sciarpa colorata
all'ultima moda.
Una bambina ricca, senza dubbio. Ma perché mai non si era lavata
la faccia prima di uscire? E i capelli? Quei capelli lunghi e
ricciuti erano arruffati in modo inverosimile, pieni di grumi e di
sudiciume, tanto che non si capiva di che colore fossero.
La bambina si avvicinò alla porta di vetro dell'hotel. Poggiò una
mano sulla maniglia, ed Eleuterio Migliavacca vide che le mani
erano ancora più sporche della faccia, con le unghie listate di
nero e le dita rosse e screpolate dai geloni...
"E' di quelle che perdono sempre i guanti - pensò l'uomo
indulgente -. Forse ha avuto un incidente stradale. Forse ha
perduto i genitori o la governante. Probabilmente mi chiederà di
telefonare".
Non gli passò neppure per la mente di cacciarla trattandola da
stracciona, perché gli abiti che la piccola sconosciuta indossava
non erano stracci e chi si può permettere degli indumenti così
costosi, può permettersi anche la stravaganza di lavarsi poco...
"Questi ricchi originali! - sospirò il portiere di notte Guarda un
po' come mandano in giro i loro figli!"
Si alzò rispettoso e mosse incontro alla bambina "Vuoi telefonare
direttamente a casa? - le chiese sollecito -, o preferisci che
avvisiamo la polizia femminile?"
"Niente affatto - rispose tranquilla la bambina -. Vorrei una
camera. La camera più bella che c'è in questo albergo".
13
LAVINIA SI CONQUISTA UNA CASA.
Il portiere allungò il collo, sotto la neve, per scrutare in fondo
alla strada, a destra e a sinistra, se per caso non stessero
arrivando i genitori della bambina. Ma la strada era deserta.
"Dove guardi? Non c'è nessuno. Sono sola" - disse Lavinia. Era
lei, infatti rivestita a nuovo dopo un'avventura simile a quella
vissuta per procurarsi le scarpe.
"Non possiamo ospitare bambini soli - disse il portiere - ma forse
per questa volta farò un'eccezione. Guarda, lo faccio per te e
perché oggi è Natale".
"Grazie. A proposito, tanti auguri!" - disse dolcemente Lavinia.
"Tanti auguri a te. Allora, lo sai quanto costa una camera in
questo albergo? Probabilmente sì. Ci sarai stata altre volte con i
tuoi...".
Sicuramente no - rispose Lavinia -. Non ci ho mai messo piede
prima d'ora E non mi importa niente di quanto costa una camera.
Tanto non ho un soldo in tasca per pagarla".
"Non potremmo accettare assegni da una bambina. Ma forse anche in
questo caso farò un'eccezione - disse il portiere -. Vuoi essere
così gentile da mostrarmi un tuo documento?"
"Un... cosa?"
"Una carta d'identità, un passaporto... Qualcosa dove ci sia
scritto il tuo nome".
Lavinia sbottonò la pelliccia, sbottonò i pantaloni alla zuava, e
sotto lo sguardo allibito del portiere si frugò nelle mutande,
dove aveva l'abitudine di conservare un piccolo notes e una
matita.
Prima di quella notte miracolosa, le mutande erano state l'unico
suo indumento senza strappi e buchi, e quindi ci teneva al sicuro
i suoi tesori.
Con difficoltà, tracciò con la matita alcune lettere su un foglio
del notes, lo strappò e lo tese al portiere.
"E questo cosa sarebbe?" chiese Eleuterio Migliavacca.
"Non sai leggere? - rispose la bambina - E' qualcosa con su
scritto il mio nome".
Infatti sul pezzetto di carta sporco e spiegazzato c'era scritto:
LAVINIA.
"Ma non basta tesoro mio! disse l'uomo divertito - Ci vuole un
documento ufficiale". E intanto pensava: "Questi bambini!" Anche
lui ne aveva sette a casa, il maggiore dei quali era il suo
orgoglio e la sua consolazione.
Senti un po'; - disse Lavinia spazientita - le scarpe le ho prese
senza pagare. I vestiti pure me li hanno dati senza chiedermi
nessun documento. Perché invece tu mi devi fare tante storie?"
L'uomo cominciò a guardarla con diffidenza. Senza pagare? Si
14
trattava forse di una ladra? Allora la questione cambiava aspetto,
e di molto...
"Dunque questi vestiti non sono tuoi..." - cominciò in tono
d'accusa.
"Adesso sono miei" - rispose Lavinia.
"Ma prima?"
"O bella. Prima erano del negoziante. Mica sono nata con i vestiti
addosso. E i tuoi, non li hai forse presi da un negozio?"
"Sì, ma li ho pagati!"
"Io no. Me li hanno dati e basta".
"Te li hanno regalati vorrai dire".
"Diciamo che me li hanno regalati... in cambio di un piccolo
favore".
"Senti bambina, non farmi perdere tempo. Io non ho bisogno di
nessun favore e non ti posso dare una camera per niente".
"Ah, no?" - chiese Lavinia. Sollevò la testa e fissò i due grandi
lampadari di cristallo che pendevano al centro del salone. Intanto
teneva le mani allacciate dietro la schiena.
Il portiere di notte seguì il suo sguardo e si aggrappò al bordo
del banco pensando: "Forse ho bevuto troppo spumante a casa prima
di prendere servizio".
Infatti gli sembrava che i lampadari tremolassero, cambiassero
colore... In un attimo li vide diventare marroni, mollicci,
ondeggiare sulla catena che li sosteneva, staccarsi come un frutto
troppo maturo e, splash! cadere spiaccicandosi sul bel tappeto
persiano.
Contemporaneamente un inconfondibile puzzo di cacca fresca si
diffuse in tutto il salone.
"Adesso hai bisogno anche tu di un favore" - disse Lavinia
allontanandosi con aria schizzinosa verso la colonna degli
ascensori.
"Ma... ma... - balbettava il povero Eleuterio esterrefatto cosa è
successo? Oh, Dio! Come farò a pulire prima che si svegli il
Direttore?"
"Attento a non metterci i piedi dentro" - lo ammoni Lavinia
vedendolo precipitarsi fuori dal banco per andare a prendere
stracci, acqua e scope...
Lo lasciò entrare nello sgabuzzino, poi girò al contrario
l'anello.
Quando Eleuterio tornò tutto affannato, i due lampadari pendevano
scintillanti in alto, contro il soffitto pieno di stucchi.
"Visto? - disse la bambina al portiere, che si era fermato come
colpito da un fulmine -, poco fa anche tu avevi bisogno di un
favore, ed io te l'ho fatto. Adesso mi dai la chiave della più
bella camera che c'è in questo albergo?"
"Guarda la chiave io te la do. Ma domani dovrai fare i conti col
Direttore, e credo che lui non te la lascerà passare tanto
liscia...".
15
VITA NUOVA PER LAVINIA.
Quella notte Lavinia dormi in un letto morbidissimo e caldo, con
le lenzuola pulitissime. Era talmente stanca, che non le passò
neppure per la mente l'idea di farsi un bagno prima di coricarsi
(non dimentichiamo che erano le tre di notte) e quindi sporcò ben
bene sia la federa del cuscino che le lenzuola, soprattutto dalla
parte dei piedi.
L'indomani si alzò abbastanza presto per godersi la sua stanza.
C'erano la televisione a colori, il telefono e persino uno
sportello che distribuiva le bibite. Una porta dava nel bagno,
tutto luccicante di marmi e di rubinetti dorati. Un'altra porta si
apriva su un salottino privato, con i mobili antichi e i fiori
freschi nei vasi sulla mensola del caminetto e sul tavolino della
prima colazione.
Lavinia entrò nel bagno. Si fece lo sciampo e una bella doccia e
penso: "Oggi è festa. Domani anche. Ma appena i negozi riaprono,
dovrò rifornirmi di biancheria".
Infatti le vecchie mutande, anche se prive di strappi, e la
canottiera tutta sbrindellata stonavano con gli abiti eleganti che
si era procurata la sera prima. Di calze poi non ne aveva, né
intere né rotte... D'altra parte, si è mai vista una piccola
fiammiferaia con le calze? Per fortuna aveva scelto degli
stivaletti alti e la assenza di calze non si notava.
Vestitasi, ebbe un attimo di incertezza. Non sapeva se suonare il
campanello per ordinare la colazione in camera o se scendere a
farla al ristorante dell'albergo.
Decise di scendere, perché era una bambina socievole e voleva fare
amicizia con gli altri ospiti.
Scelse un tavolino in mezzo alla sala per potersi guardare attorno
comodamente e ordinò una colazione abbondantissima: cioccolata
calda con panna, pane fresco, burro, cinque tipi di marmellata,
focaccine al miele appena cotte, uova al prosciutto, spremuta di
pompelmo, noccioline, patatine fritte, biscotti, fiocchi d'avena
col latte freddo, riso soffiato e formaggio.
Forse a voi sembrerà troppo per una prima colazione. Ma
ricordatevi che Lavinia era completamente digiuna da tre giorni,
ed erano anni che non mangiava a sazietà. La notte prima, tutta
eccitata per i risultati della magìa dell'anello, si era solo
occupata di rivestirsi da capo a piedi e per l'emozione le era
passata la fame.
Col sonno però la fame era ritornata più forte di prima ed è
logico che la piccola fiammiferaia non potesse resistere alla
tentazione di riempirsi il piatto davanti a quei carrelli ricolmi
di ogni ben di Dio.
Fra l'altro la poverina non aveva ricevuto una educazione
raffinata, quindi si buttò sul cibo con avidità, ingozzandosi per
la fretta e sbrodolandosi tutto il vestito nuovo.
16
A quel punto entrò nella sala il Direttore dell'albergo, vestito
di nero come un pinguino.
Il portiere di giorno gli aveva riferito una strana storia
raccontatagli dal portiere di notte che smontava. Ma il racconto
era stato piuttosto confuso. Il Direttore era riuscito a capire
soltanto che una bambina sconosciuta si era installata nel più
bell'appartamento dell'albergo, e che non era in grado di pagare
il conto.
Si fece indicare Lavinia, le si avvicinò con aria decisa e le
disse bruscamente: "E' vero che non hai un soldo?"
"Verissimo. Buon Natale, signore" - rispose educatamente Lavinia
col coltello a mezz'aria.
"Allora te ne devi andare!" ringhiò il Direttore ignorando gli
auguri.
"Davvero?" - chiese Lavinia, che ormai aveva imparato la lezione.
"Chiamerò la polizia, - disse il Direttore - e ti farò arrestare.
Mi devi pagare una notte e la colazione. E se non puoi pagare
andrai in prigione. Fuori i soldi!"
"Ma se le ho detto che non ne ho!" - ribatté la bambina.
"Allora smetti subito di mangiare! Lo sai quanto costa la roba che
hai ordinato? Che faccia tosta. Sputa quel formaggio! Non è tuo.
Non te lo puoi permettere!"
Lavinia sputò per terra facendo un gran rumore, e poi si mise a
piangere fragorosamente, non tanto perché fosse disperata ma
perché si divertiva a mettere il Direttore in imbarazzo.
17
UNA COLAZIONE MOVIMENTATA.
Al pianto di Lavinia, da tutti gli altri tavoli la gente si girò a
guardare incuriosita, infastidita, scandalizzata Era tutta gente
abituata ad ambienti silenziosi e raffinati e che non sopportava
simili scene.
Furibondo il Direttore afferrò la bambina per il colletto e la
sollevò dalla sedia. Ma Lavinia si afferrò alla tovaglia,
rovesciando addosso al Direttore le uova fritte, mentre tutti gli
altri piatti finivano per terra.
"Guarda cosa hai combinato!" - sibilò furibondo il Direttore.
"Oh, se è per questo!" - disse Lavinia unendo le mani e fissando
il disastro che aveva combinato. Immediatamente sulla moquette
grigio chiaro, al posto dei piatti rotti e dei cibi rovesciati,
apparve una macchia pesticciata di cacca, come se qualcuno ci
avesse camminato sopra spargendola tutto intorno.
"Cosaa?!" - esclamò il Direttore impietrito.
"E' inaudito!" - esclamarono i signori eleganti dei tavoli vicini
portandosi il tovagliolo al viso per tuffarvi il naso.
Lavinia però non era soddisfatta. Vide un cameriere che passava
reggendo alto sulla testa un vassoio di cibo. Lo fissò girando
l'anello e il vassoio fu pieno di cacca, senza che il cameriere se
ne accorgesse. Così lo depositò con gesto elegante sul tavolo dove
sedeva una ricchissima signora col suo corteggiatore.
Sul piatto la cacca fumava e puzzava che era una bellezza. La
signora dette un urlo e svenne, e il suo amico fece appena in
tempo a reggerla perché non finisse con la testa nel vassoio.
Dagli altri tavoli la gente guardava esterrefatta. Ma ormai
Lavinia usava lo sguardo come una frusta, toccando un tavolo dopo
l'altro, e su ogni piatto al posto delle vivande apparivano
mucchietti di cacca di tutte le qualità.
Gli ospiti si alzarono inferociti spingendo indietro le sedie.
"Basta! - gridavano - E' un'indecenza! Chiameremo la polizia! Vi
denunceremo all'Istituto d'Igiene! Non metteremo più piede in
questo lurido ristorante!".
Il Direttore piangeva dalla disperazione. Lavinia faceva
l'indifferente, asciugandosi il moccio e le lacrime con un angolo
della tovaglia
"Sono rovinato" - gemette il Direttore, accasciandosi sulla sedia
davanti a lei.
"Posso restare nel mio appartamento? - chiese Lavinia - Se mi
lascia restare, farò tornare tutto come prima. Guardi!".
E con uno sguardo circolare, un rapido giro di anello, in un
baleno rimise a posto piatti e tovaglie, vassoi e moquette...
persino il puzzo sparì in un attimo. La gente era rimasta allibita
come tante statue di sale.
Ma il Direttore afferrò Lavinia per un braccio: "Altro che
restare! Ti sbatto fuori immediatamente, brutta strega
18
sporcacciona. E licenzio subito quel cretino di Migliavacca che ti
ha permesso di entrare".
La aveva afferrata per il collo e la trascinava nell'atrio. Ma
Lavinia riuscì a liberarsi le mani, girò l'anello guardando in
alto ed uno degli enormi lampadari, trasformato in una montagna di
cacca, piombò addosso al Direttore, sommergendolo completamente.
"E questa non la faccio tornare come prima - disse Lavinia che si
era scansata all'ultimo secondo -. Questa te la devi levare di
dosso da solo. E ti resterà il puzzo per un bel po'. Ascoltami
bene, perché altrimenti ti riduco in cacca tutto l'albergo.
Migliavacca resta al suo posto ed io me ne vado nel mio
appartamento. E che nessuno mi disturbi, capito?".
Fu così che per Lavinia cominciò una vita nuova.
Aveva un posto confortevole dove andare a dormire, era vestita a
nuovo, poteva mangiare a volontà... Mille volte in cuor suo
ringraziò la fata dell'anello magico e fu attenta a usare il suo
dono con discrezione.
Ora che non aveva più né fame né freddo e non doveva chiedere
l'elemosina né cercare di vendere fiammiferi che nessuno voleva,
imparò a non giudicare le cose dall'apparenza.
Chi l'avrebbe mai detto infatti che un materiale disprezzato da
tutti come la cacca, potesse rivelarsi così prezioso?
19
LAVINIA TROVA UN AMICO.
Naturalmente, se avete appena un po' di sale in zucca, avrete
capito benissimo che la storia di Lavinia non può finire così.
Infatti il regalo che la fata le aveva dato in quella gelida notte
di Natale le permetteva finalmente di soddisfare i suoi bisogni
più urgenti, come vestirsi, mangiare e dormire al caldo. Però
poteva anche accontentare capricci irragionevoli, e questa
possibilità ha sempre avuto conseguenze movimentate, almeno nelle
storie dei libri.
Lavinia viveva felice al Grand Hotel Excelsior Extralusso riverita
da tutti, coccolata da Eleuterio Migliavacca che le era
riconoscente per come lei lo aveva difeso col Direttore,
evitandogli di essere licenziato. Adesso anche il Direttore era
diventato gentilissimo. Valla a capire, la gente!.
Lavinia cercava di non perdere il suo tempo. Tutte le mattine
ordinava la Rolls Royce e se ne andava al Giardino Zoologico a
chiacchierare con gli animali. Imparava da loro una quantità di
cose interessantissime riguardo ai loro paesi d'origine, ma
soprattutto imparava che tutte le bestie, chiuse nelle loro gabbie
a farsi guardare e stuzzicare dai visitatori dello zoo, erano
molto infelici.
Avevano tutte le cose che di solito mancano alle piccole
fiammiferaie: una casa dove stare al calduccio e da mangiare tutti
i giorni. Ma a loro non importava niente. Avrebbero preferito
mille e mille volte avere fame e freddo, ma essere libere.
E siccome Lavinia era convinta che ognuno deve avere ciò che
preferisce, qualunque sia l'opinione degli altri, decise di
servirsi della sua magìa per liberare i suoi amici animali.
Ma l'operazione non si presentava facile. Il piano andava studiato
con attenzione e magari discusso con qualcuno più esperto di lei.
In questo, come in molti altri casi, di una cosa soprattutto
Lavinia sentiva la mancanza di un amico. E un amico, l'anello
magico non glielo poteva procurare.
Una persona trasformata in cacca o minacciata di veder cambiare in
cacca le cose cui tiene di più, forse vi ubbidirà e vi temerà, ma
certo non vi vorrà bene. Di questo Lavinia se ne rendeva conto
perfettamente.
ln febbraio però venne a lavorare all'albergo, in qualità di
addetto all'ascensore, il figlio primogenito di Eleuterio
Migliavacca. Si chiamava Clodoveo ed era un ragazzo buffo,
magrissimo, con i denti sporgenti e le orecchie a sventola. Era
così intelligente, ma così intelligente, che aveva finito le
scuole elementari a sette anni e le medie a undici. Ma, terminata
la scuola dell'obbligo, era dovuto andare a lavorare per aiutare
la famiglia.
"Tutti mi dicevano: Bravo! Che fortuna essere così intelligente!
Bella fortuna, guarda tu! Mentre gli altri ragazzi della mia età
20
vanno a scuola e passano il resto del tempo a giocare, io per il
fatto di essere così intelligente devo far andare su e giù un
ascensore per otto ore al giorno, e nessun poliziotto può venire a
protestare con mio padre o con il Direttore, perché ho già
compiuto l'obbligo scolastico".
Lavinia non capiva bene quelle parole difficili come "obbligo
scolastico", però capiva la nostalgia del ragazzo per la scuola.
Lei non c'era mai andata e le sarebbe piaciuto moltissimo. Ma
quando mai si è sentito di una piccola fiammiferaia che va a
scuola?
Quelle poche lettere che sapeva scrivere - il suo nome per esempio
- le aveva imparate faticosamente dai cartelloni pubblicitari o
guardando la televisione nelle vetrine dei negozi di
elettrodomestici. Però le dispiaceva moltissimo essere così
ignorante.
Quindi colse al volo l'occasione che le si offriva con l'arrivo di
Clodoveo. Cominciò a passare gran parte del suo tempo in
ascensore, anche lei su e giù dal pianterreno al decimo piano.
Se non c'erano altri ospiti, Clodoveo le insegnava delle cose
divertentissime come le tabelline, l'analisi logica, gli affluenti
del Po e le poesie di Giovanni Pascoli.
Così, salendo e scendendo, anche Lavinia imparava tante cose.
21
SPEDIZIONE ALLO ZOO CITTADINO.
"Allora, - chiese Lavinia a Clodoveo - quand'è che andiamo a
liberare gli animali del Giardino Zoologico?"
"Appena ho un pomeriggio libero dal lavoro" - rispose il ragazzo.
"E quand'è che hai un pomeriggio libero?"
"Lasciami guardare l'agenda. Uhmmm... Esattamente giovedì".
Giovedì pomeriggio Lavinia e Clodoveo si incamminarono insieme
verso lo Zoo, che non era molto lontano dal Grand Hotel Excelsior
Extralusso. Strada facendo discutevano sul modo migliore di
portare a termine la loro impresa.
"Io trasformerei in cacca le sbarre delle gabbie, ed anche i
guardiani" disse Lavinia sbrigativa.
"Brava! Così gli animali, anche i più feroci, se ne andranno in
giro per la città combinando chissà quanti disastri. I carnivori
si mangeranno la gente...
"Me no. Me, non mi mangeranno, perché io sono loro amica".
"Non è un buon motivo perché divorino gli altri. E in una città
come la nostra poi gli erbivori moriranno di fame. Ti pare
giusto?"
"Tu allora cosa proponi?
"Io avrei un piano. Bisogna noi due ci nascondiamo nello Zoo e
aspettiamo la notte. Dopo chiameremo gli animali fuori dalle tane
e tu li trasformerai in cacca".
"Ma io voglio liberarli!" - protestò Lavinia.
"Aspetta. Noi due ci nasconderemo tra i cespugli e aspetteremo il
mattino. Quando arriveranno i guardiani, crederanno che le bestie
stiano ancora dormendo dentro alle loro tane, e con le loro pale
dal manico lunghissimo che passano dentro le sbarre, puliranno le
gabbie e raccoglieranno la cacca come fanno sempre per mandarla a
una ditta di concimi naturali. Mi sono informato e so che la
mettono in un furgone a chiusura ermetica che parte verso
mezzogiorno.
Prima di quell'ora noi ruberemo il furgone e lo faremo imbarcare
su una nave diretta in Africa. Ma prima tu avrai trasformato di
nuovo la cacca in animali, così quando arriveranno, se ne potranno
andare liberi verso la foresta senza fare del male a nessuno".
"Ma come farò a trasformarli di nuovo, se saranno rinchiusi nel
furgone? - si lamentò Lavinia -. Sai bene che devo guardarli,
mentre giro l'anello, altrimenti la magìa non funziona".
"Ho pensato anche a questo. Guarda, ho portato con me un trapano.
Ci servirà a fare dei buchi nel furgone perché gli animali possano
respirare durante il viaggio. Uno di questi buchi lo farò un po'
più grande, così tu potrai guardare dentro e fare la contromagìa".
"Così va bene - disse Lavinia -. Hai pensato proprio a tutto. Come
sei intelligente!".
Alle nove del mattino gli animali si imbarcarono per l'Africa, e i
due amici soddisfatti si avviarono verso il Grand Hotel Excelsior
22
Extralusso dove Clodoveo doveva riprendere il suo turno
all'ascensore.
LAVINIA SI COPRE DI GLORIA.
Mentre Lavinia e Clodoveo attraversavano piazza Cavour, sentirono
un gran frastuono. Urla disperate, la sirena dei pompieri, il
fischietto assordante dei vigili urbani, e un altro rumore più
forte, sibilante, un rombo che diventava sempre più minaccioso.
Guardarono da quella parte e videro che un grande incendio stava
divorando rapidamente una casa di cinque piani. Dalle finestre si
innalzavano fiamme altissime e dense colonne di fumo nero.
"Che bello!" - disse Lavinia fermandosi a guardare incantata
quello spettacolo insolito. (Alle piccole fiammiferaie e sempre
piaciuto molto scherzare col fuoco anche se è un gioco
pericoloso).
"Sei proprio una scema!" - la sgridò Clodoveo, prendendola per un
braccio e tirandola verso il gruppo di persone che cercavano
invano di spegnere l'incendio. C'erano i pompieri con i loro
camion rossi, le scale, gli idranti e i teloni. C'erano le
ambulanze; c'era la polizia che teneva lontano i curiosi. Ma,
nonostante i getti d'acqua potentissimi che uscivano dagli
idranti, le fiamme continuavano a salire sempre più alte,
divorando le imposte delle finestre e facendo crollare i muri e i
soffitti degli appartamenti.
"C'è qualcuno li dentro?" - chiese preoccupato Clodoveo.
"No. Fortunatamente gli inquilini si sono messi tutti in salvo"rispose un vigile urbano. Ma, come per dargli torto, da una
finestra al piano terreno si sentì il pianto improvviso di un
bambino piccolo.
Una ragazza che stava tra la folla circondata da un gruppo di
bimbetti, gettò un grido e svenne tra le braccia di un pompiere.
Era la maestra di un asilo nido che si trovava appunto al
pianterreno della casa in fiamme. Quando era stato dato l'allarme,
la ragazza aveva radunato tutti i bambini che si trovavano nella
sala giochi e li aveva fatti uscire dalla finestra, passandoli uno
ad uno nelle mani dei pompieri. I bambini si erano divertiti
moltissimo, e non ne avevano voluto sapere di andarsene a casa, ma
erano voluti restare a godersi lo spettacolo sino alla fine.
La maestra li aveva contati, e le era sembrato che ci fossero
tutti.
Si era completamente dimenticata del più piccolo, che era stato
messo a fare un sonnellino nella culla. Era un bambino di un anno
che si chiamava Ambrogio Testadiroccia e frequentava l'asilo solo
da pochi giorni. La maestra non si era ancora abituata a
comprenderlo nel numero dei suoi piccoli allievi e, non vedendolo
insieme agli altri, nel momento della fuga si era completamente
dimenticata di lui.
Adesso il piccolo Ambrogio, svegliato dal rumore e dal caldo,
23
gridava come un'aquila attaccato alle sbarre del lettino.
Sua madre, che faceva la cassiera nella pasticceria di fronte, era
arrivata di corsa e adesso gridava: "Fate qualcosa, per carità!
Qualcuno vada a salvare il mio bambino!"
Ma le fiamme erano ormai così alte che nessuno poteva più entrare
nella casa. I pompieri non poterono far altro che dirigere il
getto dei loro idranti dentro la finestra e inondare la stanza,
facendo una bella doccia al piccolo Ambrogio, che tutto inzuppato
e spaventato continuò a gridare ancora più forte. Le fiamme invece
si limitarono a oscillare leggermente e tornarono subito più alte
di prima a circondare il lettino, in un cerchio sempre più
stretto.
Lavinia osservava la scena a bocca aperta, affascinata e
paralizzata dalla paura, quando sentì un urto in mezzo alla
schiena. Era Clodoveo che la spingeva oltre lo sbarramento della
polizia, proprio sotto la finestra. "Fa qualcosa, presto! - le
ordinò, sollevandola in braccio perché potesse guardare dentro la
stanza -. Spegni il fuoco!"
"E come faccio, se non ci riescono neppure i pompieri?" piagnucolò
Lavinia.
"Usa l'anello, stupida!"
Così Lavinia fissò le fiamme che ormai sfioravano la culla, fece
girare l'anello attorno al dito, e sotto gli occhi esterrefatti
della folla le fiamme sparirono e il piccolo Ambrogio si trovò
circondato da un mare di cacca.
Visto che c'era, Lavinia dette un'occhiata anche alle finestre dei
piani alti e immediatamente le fiamme si afflosciarono sui
davanzali, cambiando colore e consistenza. All'interno, dove lo
sguardo di Lavinia non poteva arrivare, il fuoco crepitava ancora,
ma il pericolo maggiore ormai era stato scongiurato.
Il piccolo Ambrogio però non aveva ancora capito di essere in
salvo e continuava a strillare.
La sua mamma, due pompieri, un vigile urbano, un infermiere
dell'ambulanza, si erano precipitati contemporaneamente verso la
finestra. C'era anche la maestra, che qualcuno aveva fatto
rinvenire con due ceffoni.
Ma, arrivati al davanzale, tutti quanti si erano fermati di colpo
e avevano cominciato a fare i complimentosi, cercando ognuno di
far passare avanti gli altri.
"Prego, signora, vada lei! - disse gentilmente il vigile urbano
alla mamma di Ambrogio -. Non vogliamo toglierle la gioia di
stringere per prima al cuore il suo piccino!"
"Per carità - rispose la signora Testadiroccia -. Non vorrei
offendere i pompieri... Tocca a loro portare in salvo la gente in
pericolo, no?"
"Ma adesso il pericolo è cessato - dissero i pompieri -. Forse il
bambino sta male. E' meglio che sia un infermiere a occuparsi di
lui..."
"Dannazione! - gridò il capo del la polizia - decidetevi! Che
qualcuno entri e lo faccia smettere. Questo marmocchio ci sta
rompendo i timpani".
24
"Vada lei, allora!" - disse la maestra.
"Guaaah! Ghuaaaaa!" - gridava il piccolo Ambrogio disperato.
Seccata, Lavinia strappò di mano a un pompiere l'idrante e lo
diresse verso il bambino. "Che schifiltosi!" - pensava intanto fra
sé e sé. Il getto d'acqua raggiunse in pieno il lettino e il
piccolo Ambrogio fu inondato e inzuppato per la seconda volta.
"Aaahhh! aaaaah!" - gridava Ambrogio bagnato fradicio tendendo le
manine verso i suoi salvatori.
Ma l'acqua lavò via tutta la cacca e i salvatori poterono entrare
e metterlo in salvo. Con lo stesso metodo Lavinia ripulì tutta la
facciata della casa, e i pompieri salirono con le loro scale a
spegnere gli ultimi fuocherelli che erano rimasti all'interno.
E' inutile dire che Lavinia fu salutata come un'eroina e ricevette
dal sindaco una medaglia d'oro al valor civile.
La mamma del piccolo Ambrogio le giurò eterna riconoscenza e la
invitò ad andare nella sua pasticceria tutte le volte che avesse
voluto, tanto lei non l'avrebbe mai fatta pagare, neppure se si
fosse mangiata tutto il negozio.
25
LAVINIA COMMETTE UN ERRORE.
Purtroppo l'avventura dell'incendio non migliorò il carattere di
Lavinia. Anzi, la bambina cominciò a inorgoglirsi come se il
merito di quello che era capitato fosse tutto suo, e non
dell'anello o della fata che glielo aveva regalato.
Invano Clodoveo nelle sue lezioni in ascensore, cercava di farla
ragionare e le raccomandava la modestia.
A poco a poco Lavinia cominciò a trovarlo noioso. Non si
interessava più alle tabelline, ai verbi irregolari francesi, al
solfeggio e alla circonferenza del cerchio. Persino l'insiemistica
la lasciava del tutto indifferente.
Quando Clodoveo cercava di stupirla con la sua cultura, Lavinia
diceva subito: "Uffa! Cosa ti credi di essere, in fondo? Vuoi
metterti con me che ho salvato dal fuoco un bambino e una casa di
cinque piani?".
E dai, e dai, la bella amicizia tra i due si andò raffreddando.
Fra l'altro Lavinia, chissà per quale motivo, si era messa in
testa di essere bellissima. Forse perché tutti la guardavano con
interesse quando passava.
Evidentemente ciò succedeva perché la gente sapeva della sua magìa
e la considerava un essere straordinario. La bellezza c'entrava
poco, anche perché, nonostante i bei vestiti, i capelli lavati e
tutto il resto, Lavinia era esattamente la piccola fiammiferaia di
un tempo.
Ma la vanità, una volta che mette radici nella mente di una
persona, è difficile da controllare, e questo vizio procurò a
Lavinia una disavventura che poteva costarle cara.
Una mattina Lavinia si preparava ad uscire per la solita lezione
di equitazione. La Rolls Royce la aspettava con il motore già
acceso davanti alla porta del Grand Hotel.
Lavinia si fermò davanti al suo specchio per sistemarsi il
berretto da fantino. Era uno di quei ridicolissimi berretti neri
con la visiera che danno a chiunque l'aria di un papero in lutto.
Figuriamoci se poteva imbellire una bambina che era solo così
così!
Ma Lavinia, accecata dalla vanità, si fermò a lungo davanti allo
specchio, sistemandosi i riccioli dietro alle orecchie,
grattandosi il naso, leccandosi le labbra per farle diventare più
lucide e facendo tutte le smorfie e le scemenze che fanno talvolta
le donne quando si preparano ad uscire. E mentre si guardava,
pensava "Come sono bella! Sono davvero la bambina più bella di
tutta Milano!"
Nel cervello a questo punto le risuonò una voce che poi somigliava
alla voce di Clodoveo, e che diceva:
"Non montarti la testa. Sei una bambina normalissima. Ce ne sono
almeno mille, solo a Milano, più belle di te!"
"Così dunque pensa di me quel cretino di Clodoveo! - si disse
26
Lavinia che aveva riconosciuto benissimo quella vocina -. Ma io lo
so che è tutta invidia. E se avrà il coraggio di dirmelo
guardandomi in faccia, lo ridurrò in cacca... Così!" e prontamente
girò l'anello intorno al dito.
Non dimenticate che contemporaneamente si stava guardando allo
specchio. Così che la magìa dell'anello si rivolse contro di lei.
In men che non si dica la povera Lavinia si sentì le gambe molli,
tutto il corpo molle, e... splashhh!... si afflosciò sul pavimento
ridotta a un bel mucchio verdino di cacca fresca.
Tutta, era diventata cacca: la testa, la pancia, i piedi, le
unghie, i capelli, i vestiti, le scarpe. Persino quel
ridicolissimo berretto da fantino con la visiera! Tutto, tranne
l'anello, che non poteva farsi la magìa da solo, ma restava sempre
se stesso.
27
UNA SITUAZIONE DISPERATA.
Chi fosse entrato nella stanza non avrebbe più trovato alcuna
traccia di Lavinia, tranne un frustino gettato su una poltrona. E
in questo caso avrebbe pensato semplicemente che Lavinia era una
gran distratta e che se lo era dimenticato al momento di uscire.
Però, malgrado la trasformazione, Lavinia era ancora in grado di
pensare. E pensava furiosamente, cercando un mezzo per uscire da
quella sgradevole situazione. Pensava tanto, che le fumava il
cervello. Ma poiché anche il cervello era diventato cacca,
sembrava che fosse quella ad esalare vapori, e che quindi non si
trattasse di semplice cacca, ma di cacca fresca.
Lavinia sapeva che sarebbe bastato girare l'anello in senso
contrario guardandosi allo specchio per tornare come prima. Ma non
era una cosa così semplice!
Prima di tutto, poiché l'anello galleggiava in mezzo a un
materiale molle e sfuggente: impossibile quindi farlo girare nel
senso voluto.
E se anche ci fosse riuscita, era successo che, afflosciandosi, la
massa si era sparsa sul pavimento, quindi non era più in grado di
guardarsi nello specchio del cassettone che si trovava un bel po'
più in alto.
Lavinia era furibonda. Infatti riducendosi in cacca, non aveva
perduto le altre facoltà umane. Poteva guardare, sentire, pensare,
persino odorare. E questa era la cosa più tremenda, perché il
puzzo che emanava da tutto il suo nuovo corpo era davvero
fortissimo, e non se ne poteva liberare in alcun modo. Era un
puzzo così forte, che le sembrava di svenire. Ma può svenire la
cacca?
Quello che sicuramente non poteva fare era muoversi, perché non
aveva più muscoli da comandare e con tutti i suoi sforzi di
volontà, riusciva soltanto a procurare alla massa del suo corpo un
leggero tremolìo, del tutto insufficiente a far girare l'anello.
Dalla disperazione si mise a piangere. Ma dovette smettere
immediatamente perché le lacrime non facevano altro che sciogliere
ancor di più la poltiglia sul pavimento facendola scorrere in
rivoletti sotto al cassettone.
Mentre cercava di controllarsi e di trovare qualche nuova
soluzione, la porta della camera si aprì ed entrò Clodoveo tutto
arrabbiato.
"Lavinia! - chiamava - è mai possibile che tu sia sempre in
ritardo! Stai diventando davvero maleducata da un po' di tempo a
questa parte. Quel povero autista è lì che aspetta col motore
acceso da mezz'ora..."
Ma si fermò di botto sulla soglia. "O bella! La stanza è deserta!
Lavinia deve essere uscita passandomi davanti senza che me ne
accorgessi. Oppure ha attraversato l'atrio mentre io portavo
l'ascensore all'ultimo piano... Ma allora, perché non ha preso la
28
macchina? Deve aver deciso di andare a piedi e si è dimenticata di
avvertire l'autista.. La solita maleducata che se ne infischia
degli altri... Boh! Scenderò a dire all'autista che riporti la
Rolls Royce in garage...".
Intanto Lavinia da terra cercava disperatamente di farsi notare in
qualche modo per chiedergli aiuto.
Ma il cassettone era messo in modo tale da non poter essere visto
dalla porta, e quindi Clodoveo non poteva accorgersi di lei.
"Ora se ne andrà... - pensava Lavinia disperata - ed io resterò
qui fino alla fine dei secoli. Mi seccherò, morirò forse... Che
bella fine, ridotta a una cacca secca senza che nessuno sappia che
dentro ci sono io... Dentro? Non dentro. Che la cacca SONO IO,
povera me!".
E nonostante sapesse che la cosa era pericolosa si rimise a
piangere a dirotto.
Clodoveo, da parte sua, non si decideva a andarsene perché gli
sembrava che nella stanza ci fosse qualcosa di strano... Un odore,
un'atmosfera che non avrebbe saputo definire, ma che non lo
convinceva.
Così a un certo punto vide un rivoletto giallo-verdino sbucare
dietro una poltrona di pelle ed avanzare verso la porta. Fece un
salto all'indietro.
Clodoveo era un ragazzo pulitissimo e tutti i giorni si lucidava
da solo le scarpe di vernice fino a farle brillare come due
specchi. Figuratevi se se le voleva sporcare di cacca!
Quella Lavinia - esclamò indignato -. Ecco perché è uscita senza
farsi vedere. Ne ha combinata un'altra delle sue. Chissà cos'è che
ha trasformato oggi... Ma, visto che c'era poteva anche fare
l'antimagìa e ripulire la stanza, invece di lasciare questo lavoro
schifoso alle cameriere... Ma già! L'ho sempre detto, da quando si
è montata la testa non ha più rispetto per nessuno. Chissà cosa ha
trasformato in cacca questa volta".
Invano Lavinia cercava di comunicargli, dal pavimento su cui
scorreva sciogliendosi in lacrime di disperazione: "Sono io!
Questa volta ho trasformato in cacca me stessa! Aiutami, Clodoveo,
e ti prometto che diventerò umile, che tornerò modesta come quando
ero solo una piccola fiammiferaia".
Ma Clodoveo, naturalmente, non poteva sentire quel linguaggio muto
e guardava pieno di disgusto quella che era stata la sua amica
Lavinia, senza riconoscerla.
A un certo punto, trascinato dal rivoletto di lacrime, arrivò
sotto i suoi occhi anche l'anello.
"Adesso lo raccoglierà... - pensò Lavinia sollevata - lo farà
girare per guardarlo e magari la magìa funzionerà e mi farà
tornare come prima!"
Ma Clodoveo non riconobbe l'anello, e poi era un tipo schizzinoso.
"Guarda là quel pezzo di metallo mezzo coperto di cacca! - disse.
Che schifo! Preferirei morire, piuttosto che sporcarmi le dita a
raccoglierlo!".
29
TUTTO E' BENE QUEL CHE FINISCE BENE.
La situazione era arrivata a un punto morto. Da un lato c'era
Clodoveo che restava sulla soglia incerto se andarsene,
infischiandosi del disastro che aveva combinato l'amica, oppure se
ripulire in qualche modo la camera per non far arrabbiare le
cameriere.
Dall'altro c'era Lavinia che si scioglieva sempre di più sul
pavimento, si allontanava sempre di più dallo specchio e non
riusciva a farsi riconoscere da Clodoveo.
Fortunatamente, grazie alla magìa originaria, l'anello non si
poteva staccare da lei, altrimenti, trasportato dalle lacrime, si
sarebbe allontanato dalla cacca, e allora per la povera Lavinia
non ci sarebbe stato più niente da fare.
Finalmente Clodoveo prese una decisione. Il suo animo gentile
vinse sulla schizzinosità. "Non permetterò che le cameriere
debbano svolgere un lavoro così sgradevole - esclamò -. Pulirò
io!". E corse fuori in cerca degli attrezzi adatti.
A questo punto Lavinia raddoppiò le lacrime. Capiva che ormai era
perduta. Sarebbe stata lavata e dispersa con una pompa d'acqua o
comunque raccolta e gettata in un gabinetto, dove avrebbe perduto
l'anello, sarebbe annegata, chissà cosa le sarebbe successo...
Quando Clodoveo tornò nella stanza trovò che la massa di cacca, a
causa delle lacrime, si era sciolta ancora di più. "Strano...pensò -. Meno male che ho portato un sacco di segatura bello
grosso...".
Bisogna sapere che, oltre ad occuparsi dell'ascensore, Clodoveo
doveva anche portare a spasso i due cani del Direttore del Grand
Hotel. Perciò, da persona civile qual era, possedeva una bella
paletta e dei sacchi di segatura speciale con cui ogni volta
asciugava e raccoglieva le cacche dei cani. Ora intendeva usare lo
stesso metodo per ripulire la stanza.
Rovesciò dunque su Lavinia l'intero sacco di segatura, aspettò che
la cacca fosse ben assorbita, poi prese la paletta e cominciò a
passare il tutto in un grosso sacco di plastica...
Così facendo, con la paletta mosse l'anello, facendolo girare nel
senso contrario alla magìa.
"Uno specchio! Uno specchio!" - pensò con ansia Lavinia, ben
sapendo che, se non si guardava, non poteva far scattare la magìa,
e non volendo perdere quella occasione preziosa. Ma la cacca era
in terra e lo specchio era in alto, ricordate? Povera Lavinia,
essere a un passo dalla salvezza e non poterne approfittare per la
mancanza di uno specchio! Era davvero una dura punizione per la
sua vanità.
Ma avete forse dimenticato le scarpe di vernice di Clodoveo?
Quelle scarpe che tutte le mattine venivano lucidate fino a
brillare come uno specchio? Fu lì che cadde lo sguardo disperato
di Lavinia, la quale vide riflettersi sulla vernice nera la
30
paletta che raccoglieva la cacca.
Allora fissò intensamente l'immagine riflessa nella scarpa,
aspettando che l'anello girasse ancora... e l'anello girò!
Quale non fu lo spavento di Clodoveo quando Lavinia gli sbucò tra
i piedi scrollandosi di dosso la segatura!
"Ehi, tu! Da dove spunti?" chiese strabiliato.
"Dalla cacca! - rispose Lavinia trionfante - ero io la cacca,
questa volta! Meno male che hai usato la segatura e non l'acqua,
per pulire, e che hai fatto girare l'anello!".
Tutto è bene quel che finisce bene. I due ragazzi dettero aria
alla stanza per fare uscire gli ultimi residui di odore. Sebbene
la magìa avesse fatto sparire ogni traccia della cacca, entrambi
si fecero una bella doccia fregandosi col sapone e con la
spazzola.
Poi dissero all'autista che volevano andare al cinema e passarono
una bellissima serata insieme.
Ora Lavinia non si dava più tante arie. Essere stata lei stessa
cacca anche se solo per un'ora, l'aveva riempita di saggezza.
Capiva di non valere molto di più delle altre persone, e capiva
anche che l'amicizia tante volte serve più di un anello magico.
Non abbiamo più notizia di sue nuove avventure. Sappiamo che,
nonostante i consigli di Clodoveo, non si è disfatta dell'anello,
anche perché le è impossibile staccarselo dal dito. Quindi è
ancora in possesso della sua strabiliante magìa. Ma evidentemente
ha deciso, per ora, di non usarla più, e di comportarsi come una
bambina qualsiasi.
Se per caso verremo a sapere che ha ricominciato a servirsi
dell'anello magico, vi promettiamo di venirvelo a raccontare.
31
Fly UP