...

La Mindfulness nella perdita e nella preparazione alla morte

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

La Mindfulness nella perdita e nella preparazione alla morte
2013, NUMERO 11
La Mindfulness nella perdita e nella preparazione alla
morte
Francesca Solito1
1
Psicoterapeuta, Scuola di Psicoterapia Cognitiva, Grosseto
Riassunto
Il presente lavoro ha come obiettivi quelli di sottolineare il vissuto emozionale ed esistenziale di chi incontra
il cancro ed esplicitare come può la coltivazione dello stato mentale mindfulness aiutare chi sta attraversando
queste esperienze di grande sofferenza e di perdita di sé.
La ricerca esamina gli studi attuali più importanti sugli effetti degli interventi mindfulness nella malattia
oncologica. Poiché la letteratura dimostra i benefici delle pratiche mindfulness nel ridurre in maniera
significativa la sintomatologia depressiva e ansiosa e nel migliorare la qualità della vita nei pazienti con il
cancro, il presente studio ha inoltre come obiettivo quello di spiegare come i principi della mindfulness
possono rappresentare un valido aiuto anche nell’elaborazione del lutto e nelle angosce di morte.
Nell’ambito della pratica clinica la meditazione mindfulness viene applicata come sostegno al lutto ma la
ricerca in questo campo non è supportata da studi rigorosi dal punto di vista metodologico. Potrebbe dunque
essere importante da parte della ricerca scientifica dimostrarne l’efficacia, in modo da avvalorare la pratica
clinica.
Summary
The goal of the work carried out is to highlight the emotional and existential side of those who encounter
cancer and to explain how the cultivation of the state of mind :mindfulness, can help those who are going
through this kind of experience full of sorrow and loss.
This research examines the studies which are most important with regards to the effects of mindfulness in the
oncological patients. This is because literature shows how beneficial the mindfulness practice is in
significantly reducing the symptoms, both depressive and the ones related to anxiety as well as in improving
the quality of life in cancer patients.
This study has the aim of explaining how the principles of mindfulness can be a valid help even in the
processing of grief and death anguish.
In the setting of clinical practice the mindfulness meditation is used as grief support but this is not supported
by rigorous studies in the methodological point of view. Thus it could be important for scientific research to
show its efficacy so as to validate the clinical practice.
Francesca Solito, La Mindfullness nella perdita e nella
preparazione alla morte, N. 11, 2013, pp. 40-74
Psicoterapeuti in-formazione è una rivista delle scuole di
formazione APC e SPC. Sede: viale Castro Pretorio 116, Roma,
tel.
06
44704193
pubblicata
su
www.psicoterapeutiinformazione.iit
La Mindfullness nella perdita e nella preparazione alla morte
Introduzione
Il concetto di mindfulness si è diffuso nell’ambito del panorama medico e in quello
psicologico occidentale in maniera decisiva all’inizio del nuovo millennio.
Nel corso degli ultimi anni, la mindfulness è stata integrata nei modelli e nelle tecniche
della terapia cognitiva. Sono stati elaborati diversi trattamenti, strutturati e validati
empiricamente, basati sulla mindfulness e applicati con successo in un’ampia gamma di
disturbi fisici e mentali: psoriasi, stress, ansia, depressione, disturbo ossessivo compulsivo,
disturbo del comportamento alimentare, dipendenze, ecc…
Dopo aver inquadrato concettualmente il fenomeno della mindfulness, mettendo in
evidenza le radici di tale costrutto, il presente lavoro ha come obiettivi quelli di sottolineare
il vissuto emozionale ed esistenziale di chi incontra il cancro, cogliendo gli aspetti più
intimi, e di esplicitare come può la coltivazione dello stato mentale mindfulness aiutare chi
sta attraversando queste esperienze di grande sofferenza e di perdita di sé.
La ricerca esamina gli studi attuali
più importanti sugli effetti degli interventi
mindfulness nella malattia oncologica. Poiché la letteratura dimostra i benefici delle
pratiche mindfulness nel ridurre in maniera significativa la sintomatologia depressiva e
ansiosa e nel migliorare la qualità della vita nei pazienti con il cancro, il presente studio
cerca di spiegare come i principi della mindfulness potrebbero rappresentare un valido aiuto
anche nell’elaborazione del lutto e nelle angosce di morte. Verranno individuati gli stati
mentali che accompagnano frequentemente le esperienze di perdita e di morte: stati
dolorosi come la rabbia, la protesta, la disperazione, il rifiuto facendo emergere
l’importanza di coltivare uno stato mentale mindful che ci permetta di affrontare e
attraversare gli eventi dolorosi della vita rimanendo stabili, centrati, presenti momento per
momento.
Attraverso la pratica della mindfulness possiamo tendere a disattivare intenzionalmente
gli automatismi di pensiero e i comportamenti, per evitare la proliferazione mentale che
determina reazioni compulsive provocate dalla focalizzazione su esperienze spiacevoli e
dolorose. L’intera umanità condivide un destino comune, tutti prima o poi ci troveremo a
dover affrontare la malattia, la perdita e la morte, per questo il presente studio vuole
mettere in luce come i principi della mindfulness sviluppino l’arte del lasciare andare i
41
Francesca Solito
contenuti mentali dolorosi e iatrogeni, l’arte dell’accettazione per permettere l’affiorare di
qualità mentali (pazienza, imparzialità di giudizio, benevolenza, disidentificazione, stabilità
e calma) molto più utili e proficue per far fronte a eventi stressanti e dolorosi della vita.
Il concetto di mindfulness
Nell’ottica di inquadrare concettualmente il fenomeno della mindfulness può essere utile
servirsi del suo contrario: mindlessness che significa inconsapevolezza, noncuranza. La
mindlessness indica uno stato di assenza in cui comunemente ci troviamo quando siamo i
passeggeri di un viaggio in macchina e arrivati a destinazione non ci rendiamo conto di
come abbiamo fatto ad arrivare, non sappiamo descrivere la strada percorsa. Il flusso dei
pensieri nella nostra mente ci ha portato altrove, privandoci dell’esperienza del viaggio
momento per momento.
Passiamo gran parte del nostro tempo assorbiti da un’intensa attività mentale in cui
cerchiamo di valutare, pianificare, costruire idee, opinioni, giudizi sul mondo e su noi
stessi. Questa attività mentale può essere utile in alcune circostanze pratiche ma spesso ci
allontana dalla semplice esperienza diretta, a volte può diventare una vera e propria fonte di
sofferenza, come avviene tipicamente nei problemi emotivi (stress, ansia, panico,
depressione ecc.).
La parola mindfulness, traduzione inglese della parola “Sati”, in lingua Pali (la lingua
dell’antico
Canone
buddista),
letteralmente
significa
“presenza
mentale”,
“consapevolezza”. Significa anche “memoria”, intesa come ricordarsi di porre attenzione
sull’esperienza presente, con un atteggiamento di disponibilità, apertura, accettazione, con
l’obiettivo di raggiungere una consapevolezza profonda, costante e una maggiore capacità
di riconoscimento dei propri stati mentali nel “qui e ora” (Kabat-Zinn, 1994/1997).
Si tratta di coltivare la capacità di accogliere i propri stati mentali senza contrastarli, per
quelli che sono, riducendo la tendenza a giudicarli e rifiutare tutto ciò che è spiacevole.
Tale atteggiamento di accettazione consapevole è essenziale per superare le trappole
tessute dalle costruzioni mentali, infatti la mente, nel tentativo di aggrapparsi a ciò che è
gradevole e rifiutare ciò che è sgradevole finisce per farci rimanere intrappolati nella
sofferenza (Hayes & Smith, 2010). Lo scopo della consapevolezza è quello di imparare
42
La Mindfullness nella perdita e nella preparazione alla morte
come defondersi dalle proprie valutazioni verbali, previsioni, per poter vedere i fenomeni
interni ed esterni così come realmente sono.
La mente assume funzione di pura conoscenza/esperienza, non è altro che lo stato
naturale dell’essere umano, senza lasciarsi trascinare dalla proliferazione mentale, dalla
confusione, dalle recriminazioni, dai ricordi tristi o felici del passato e dalle preoccupazioni
del futuro.
Il nucleo centrale della mente è permettere al presente di essere così come è e di
permettere a noi di essere in questo presente (Teasdale, Segal &Williams 1995; Teasdale et
al. 2002).
Lo stato di mindfulness può essere coltivato e raggiunto attraverso la pratica meditativa
basata sulla respirazione, sulla postura e sulla direzione dell’attenzione.
La sfida ad appropriarsi di ogni momento della propria vita, inclusi anche i momenti di
tristezza, di sofferenza, di disperazione o di paura richiede una pratica regolare che si
rivolge alle esperienze interne del momento, come le sensazioni corporee, i pensieri e le
emozioni. Ormai numerosissimi studi neurofisiologici e clinici dimostrano che la pratica
costante della meditazione ha profondi e benefici effetti sul cervello e sulla salute fisica e
mentale (Chiesa, 2011).
La pratica della meditazione prevede un atteggiamento di accettazione non giudicante di
ogni episodio dell’esperienza presente. Tutti i fenomeni che giungono alla coscienza
durante la meditazione, come percezioni, emozioni, sensazioni, pensieri, vengono osservati
con rispetto e non vengono mai valutati come buoni o cattivi, giusti o sbagliati, veri o falsi.
Per arrivare a sviluppare tale atteggiamento è opportuno apprendere tre abilità fondamentali
grazie alla pratica quotidiana:
 Apprendere ad ancorarsi al momento presente, invece di stare mentalmente sul
passato e farsi prendere da rimpianti o vivere proiettati sul futuro e essere schiacciati da
anticipazioni catastrofiche. L’attenzione al momento presente è una caratteristica
fondamentale di un’antica pratica meditativa, chiamata “vipassana”, ripresa e rielaborata da
Jon Kabat-Zinn, medico statunitense, nel Mindfulness Based Stress Reduction Program
(MBSR) a fini terapeutici (Kabat-Zinn, 1990/2005).
43
Francesca Solito
 Apprendere a riconoscere che i pensieri sono solo pensieri e non sono dati di realtà.
Questa componente del lavoro basato sulla mindfulness non deve essere confuso con la
ristrutturazione cognitiva. Quest’ultima si prefigge di modificare le convinzioni ed i
pensieri mentre la mindfulness non agisce sui contenuti dolorosi, interni o esterni, ma sulla
relazione che abbiamo con essi. Con la pratica della mindfulness si persegue il
“decentramento” (Segal, Teasdale & Williams 2002/2006) chiamato anche “defusione”
(Hayes, 1999) o “de-identificazione dai propri pensieri”.
 Superare la tendenza ad evitare esperienze rifiutando i propri pensieri, emozioni e
sensazioni fisiche. Tale obiettivo tende al raggiungimento della consapevolezza e a
facilitare la scelta delle proprie azioni e su cosa impegnarsi. La mindfulness è un potente
stimolo per esporsi alle situazioni e circostanze generalmente evitate permettendo il
raggiungimento dei propri valori (è possibile reperire il materiale sul sito internet
http://www.mindfulnessitalia.org/mindfulness ).
Per mettere in luce in maniera semplice e con un linguaggio esplicativo ed immediato il
concetto di mindfulness si propone una “novella”:
Due bambini si erano appena incamminati nel sentiero, quando sentirono in lontananza il rumore di
un carro.
Appena lo videro spuntare dalla svolta della strada, ai loro occhi si presentò una scena davvero
strana...
sul carro, tirato da un bue, c'erano tre uomini...
Quello davanti, armato di cannocchiale, sembrava preoccupatissimo...
quello dietro si guardava alle spalle e sembrava altrettanto angosciato...
in mezzo il terzo ometto saltellava tutto allegro.
Quando il carro li raggiunse l'ometto allegro li chiamò: -"Ehi, salve! Saltate sù !"- ed essi salirono.
Gli altri due, con i loro cannocchiali, non li avevano neanche visti!
-"Ma che cosa diamine state facendo?"- domandò uno dei bambini incuriosito.
-"Oh...quello è il signor prospettiva"- disse il cuor contento indicando il tipo che guardava avanti, "non fa altro che guardare davanti a sé, fare progetti e preoccuparsi!"
-"E l'altro?"
- "L'altro è il signor retrospettiva, non fa
altro che guardare all'indietro...
e rimpiangere! "
-"E lei, signore, che cosa fa? "-continuarono i bambini rivolti a quello di mezzo.
-"Io...? Io vivo nel presente...
Qui e ora...
Guardo i fiori, gli uccelli, gli alberi...
Tutto quello che mi sta intorno...
Sono io che vi ho visto! Naturalmente anch'io guardo davanti a me con attenzione, per vedere dove sto
andando, e indietro per imparare dalle esperienze passate...
Ma vivo la vita istante per istante!
-" Perché? "- domandarono i bambini.
-" Perché domani non è ancora arrivato, e ieri è già fuggito...
44
La Mindfullness nella perdita e nella preparazione alla morte
quindi tutto ciò che abbiamo è oggi, e se non lo sappiamo cogliere, tutta la nostra vita va sprecata!
Questo giorno, ed io che lo vivo, é un avvenimento unico nell'universo...
mai accaduto prima...
e che non si ripeterà più...
Mai più!
-" E il resto del mondo non conta niente per lei?"- domandò un bambino un po' timidamente.
-"Cerco di offrirgli tutto il bene che posso, in cambio di ogni giorno che mi è dato da vivere...
Ricordate sempre che...
il presente è frutto del passato...
e seme dell'avvenire...
non dimenticatelo mai! "
Le origini della mindfulness
Il primo a sperimentare l’applicazione clinica della mindfulness è stato Jon Kabat-Zinn,
medico e ricercatore statunitense, il quale alla fine degli anni ‘70 ha dato vita al programma
Mindfulness Based Stress Reduction (MBSR) per la riduzione dello stress, alla Stress
Reduction Clinic dell’University of Massachusetts Medical Center, da lui fondata.
Jon Kabat-Zinn ha iniziato ad applicare la meditazione buddista alle pratiche
psicologiche del tempo, con lo scopo di portare sollievo ai pazienti affetti da malattie e
invalidità, per i quali la medicina ufficiale aveva dichiarato di non poter fare più niente. La
RSBM è un programma che comprende 8 incontri con cadenza settimanale della durata di
circa 2 ore e mezzo l’uno e un ritiro di 6-8 ore, richiede ai partecipanti una pratica di
meditazione formale1 di circa 45 minuti al giorno e di consapevolezza informale 2 su una o
più attività in modo da portare la pratica formale nella propria vita (Kabat-Zinn,
1990/2005).
Durante il corso, al quale partecipano dai 15 ai 40 pazienti, vengono insegnate quattro
forme specifiche di meditazione che hanno lo scopo di insegnare la consapevolezza: il body
scan (l’esplorazione del corpo), lo yoga hatha (esercizi psicofisici), la sitting meditation
(meditazione da seduti) e la walking meditation (meditazione camminata). Per poter
comprendere meglio in cosa consistono tali pratiche, si rimanda al capitolo “Le psicoterapie
1
“La pratica formale prevede l’esercizio sistematico delle pratiche meditative volte a coltivare le capacità mindfulness,
attraverso la meditazione seduta, il body scan e la meditazione camminata e può prevedere pratiche quotidiane
relativamente brevi o periodi di ritiro intensi caratterizzati da lunghe ore di meditazione formale seduta o camminata in
silenzio, ogni giorno, per una settimana, un mese o piu” (Shapiro & Carlson, 2009/2013, p. 13).
2
La pratica informale: “Si riferisce all’applicazione delle capacità di mindfulness nella vita di tutti i giorni” (Germer,
Siegel, & Fulton, 2005, p. 14), consiste nel portare nella quotidianità quello che si apprende nella pratica formale. Si
concretizza nel rivolgere un’attenzione consapevole alle attività che comunemente svolgiamo, mentre guidiamo la
macchina, cuciniamo, puliamo, leggiamo, ecc.
45
Francesca Solito
basate sulla mindfulness (MBSR e MBCT)” di Antonella Montano (2010, in Bulli e Melli,
2010).
La prima pratica che viene proposta quando i partecipanti iniziano il programma RSBM
è l’esercizio dell’uvetta che consiste nell’assaporare un acino d’uvetta. L’uva passa è un
frutto piccolo e solitamente quando lo mangiamo, lo deglutiamo senza pensarci in modo
molto veloce. I praticanti vengono invitati a osservare semplicemente l’acino nel palmo
della loro mano, osservandone la forma, il colore, le grinze sulla buccia, la consistenza,
l’aspetto che assume schiacciandolo leggermente o mettendolo controluce. Dopo i
partecipanti vengono invitati a portate l’acino sulle labbra, tra i denti e sulla lingua senza
masticarlo, rimanendo in contatto con tutte le sensazioni fisiche che via via emergono,
dovute al contatto tra l’acino e le varie parti del corpo. Infine si invitano i partecipanti a
schiacciare lentamente con i denti l’acino, rimanendo in contatto con le sensazioni che tale
gesto evoca, prima di deglutirlo. L’istruttore propone ai partecipanti di immaginare il lungo
viaggio che ha compiuto l’uvetta prima di ritrovarsi fra le loro mani: la terra, la pianta, il
sole, il vento, la pioggia che lo hanno fatto nascere e maturare, le persone che lo hanno
colto, trasportato fino a giungere in contatto con loro.
L’obiettivo di tale pratica è quello di permettere l’avvicinarsi all’esperienza della
consapevolezza e consentire di cogliere rapidamente, quasi d’impatto, il nucleo centrale
della mindfulness. Di solito le persone dopo aver partecipato a questo esercizio affermano
di aver fatto un’esperienza diversa da quella che comunemente sperimentano mentre
mangiano, dove spesso non si rendono conto della quantità di cibo ingurgitata perdendone
il sapore. Tra le esperienze che più frequentemente sono riportate c’è il rendersi conto di
quanto si è inconsapevoli delle azioni che compiamo e di quanto ci perdiamo del momento
presente.
In molti partecipanti segue un atteggiamento di apertura. Altri invece riportano di non
riuscire a rimanere con l’esperienza per più di pochi secondi e di essere portati altrove dalle
proprie rimuginazioni, dai propri giudizi anche sull’esperienza che stanno vivendo.
Testano, quanto sia difficile avere il controllo sulla propria mente, cosa che invece viene
data scontata. In questo ultimo caso, l’istruttore legittima quanto questa sia un’esperienza
46
La Mindfullness nella perdita e nella preparazione alla morte
comune e che non a caso sarà l’oggetto del corso, a cui si lavorerà con pazienza (Chiesa,
2011).
La MBSR si fonda sul modello teorico della medicina comportamentale, tale modello
crede che il modo in cui percepiamo il mondo e con cui ci relazioniamo alle esperienze può
essere in grado di modificare il nostro benessere psico-fisico (Kabat-Zinn, 1990/2005). Il
protocollo è stato utilizzato con pazienti affetti da una vasta gamma di disturbi legati al
dolore cronico e allo stress, ha dimostrato effetti positivi su un numero cospicuo di
partecipanti (Kabat-Zinn, 2010). Il programma MBSR ha stimolato discussioni fra gli
studiosi sul rapporto esistente tra mente e corpo, e sulla sua efficacia in termini di salute e
malattia.
Il programma MBSR, noto nel primo lavoro di Jon Kabat-Zinn come Stress Reduction
and Relaxation Program, aveva come bersaglio quello di trovare soluzioni alternative per
pazienti (N=51) affetti da dolore cronico, che non avevano tratto beneficio dagli approcci
tradizionali. Una volta terminato il protocollo, i partecipanti mostrarono una riduzione del
33% dell’indice di dolore e una diminuzione media del 60% nell’alterazione dell’umore;
anche la sintomatologia psichiatrica scese di oltre il 34%. I risultati misero in luce una
diminuzione
nella gravità e nella frequenza del dolore e dei disturbi dell’umore;
nell’ultimo follow up avvenuto quattro anni dopo, i miglioramenti erano rimasti stabili
(Kabat-Zinn, Lipworth & Burney, 1985). Ovviamente la mancanza di un gruppo di
controllo e l’eterogeneità dei pazienti trattati rappresentano limiti di notevole importanza
dello studio.
Questa ricerca però, ha permesso la proliferazione di un largo numero di studi apparsi su
importanti riviste scientifiche internazionali, infatti la diffusione del programma MBSR
nella gestione del dolore cronico ha suscitato un notevole interesse intorno alle applicazioni
cliniche della mindfulness (Kabat-Zinn, 1982).
E’ stato verificato che il programma MBSR riduce l’evitamento delle attività da parte
dei pazienti con dolore cronico, ridimensiona la disabilità e i sintomi depressivi e ansiosi
(Kabat-Zinn, 1982).
Come scrivono Germer, Siegel & Fulton (2005, p.8), “La mindfulness deve essere
sperimentata, per poterla conoscere”, si propone quindi un esercizio di mindfulness.
47
Francesca Solito
“Consapevolezza del respiro. Per iniziare trova un posto confortevole dove sedere
tranquillamente e assumi una posizione seduta che sia rilassata ma che al tempo stesso ti
consenta di stare dritto ed essere vigile. Focalizza la tua attenzione sul respiro, quale
oggetto primario della tua concentrazione, percepisci l’aria che entra
e che esce,
l’addome che si solleva, il contatto dell’aria con le narici. Se emergono altri fenomeni a
livello della tua coscienza, notali e riporta gentilmente la tua mente al respiro. Se ti
accorgi che si stanno verificando delle reazioni emotive, di apprezzamento o piacere per
quello che emerge nella tua mente o sentimenti di irritazione dovuti a questo, con
semplicità osserva gentilmente il piacere o l’irritazione provati e torna ancora una volta
all’esperienza del respirare” (Shapiro & Carlson, 2009/2013, p. 14).
Caratteristiche teoriche e pratiche della terapia cognitiva basata sulla mindfulness
Il Protocollo Mindfulness Based Cognitive Therapy (TCBM) è nato dall’incontro tra la
pratica di consapevolezza mindfulness (come è insegnata nel corso di Riduzione dello
Stress basata sulla Mindfulness (RSBM) di Jon Kabat Zinn) e la psicoterapia cognitiva,
nato per dare risposta al problema della ricorrenza della depressione maggiore e in seguito
adattato a numerose altre condizioni cliniche.
Una volta compreso il potente ruolo della ruminazione mentale nel mantenimento e nella
propensione alle ricadute della depressione e il ruolo positivo giocato dalla capacità di
distanziarsi dai propri contenuti mentali, gli studiosi si sono chiesti come aiutare i pazienti a
prevenire la ricaduta nelle crisi depressive. Solo nei primi anni ’90, John Teasdale della
Medical Research Council Cognition and Brain Sciences Unit di Cambridge, Mark
Williams dell’università di Oxford e Zindel Segal del Centre for Addiction and Mental
Health dell’università di Toronto, iniziarono a collaborare per trovare una terapia efficace.
Il loro interesse si orientò verso la mindfulness. All’inizio degli anni ‘90 la clinica per la
Riduzione dello Stress di Kabat-Zinn aveva iniziato a godere di una discreta fama e il
concetto di meditazione mindfulness iniziava a diffondersi anche nel panorama occidentale
(Chiesa, 2011). In quel periodo, già Marsha Linehan aveva introdotto la mindfulness
nell’ambito psicologico, stava dando vita ad una particolare terapia, alla quale ha dato il
nome di Terapia Dialettico Comportamentale, che fondeva i principi della terapia cognitiva
con quelli della consapevolezza propria della tradizione Zen. Tale terapia trattava i pazienti
48
La Mindfullness nella perdita e nella preparazione alla morte
con disturbo borderline di personalità con il decentramento cognitivo, proprio delle pratiche
di consapevolezza (Crane, 2009/2012).
Mentre stavano diventando disponibili le prime evidenze empiriche riguardo
all’efficacia della Terapia Dialettica Comportamentale, Segal, Teasdale e Williams si
avvicinarono al programma MBSR di Kabat-Zinn. Rimasero colpiti dai principi della
consapevolezza e li ritennero di estrema importanza per i soggetti a rischio di ricadute
depressive, per poter insegnare loro a prendere le distanze dai propri contenuti mentali
depressogeni. Tali contenuti si riattivano nei momenti di disforia o di lieve tristezza e
potenzialmente sono in grado di ingabbiare l’individuo nella trama della propria narrativa
personale, facendolo cadere in un nuovo episodio depressivo. Gli autori della TCBM
compresero che per poter insegnare ai pazienti a meditare, era di estrema importanza avere
una pratica personale di meditazione, solo così avrebbero potuto trasmettere agli altri
apertura, comprensione e tutte quelle qualità di consapevolezza che precedentemente
avevano fatto proprie. Compresero anche l’importanza di meditare insieme ai partecipanti
durante il corso, in modo da calarsi pienamente nella realtà del gruppo. Il protocollo di
TCBM è molto simile a quello di RSBM per quanto riguarda le pratiche meditative, esse
hanno solamente un peso diverso, ad esempio il tempo dedicato alla pratica dello yoga è
minore rispetto al programma di Kabat-Zinn.
Le pratiche di consapevolezza vengono proposte nell’arco delle otto sedute, ognuna ha
una durata di circa due ore (Segal, Teasdale & Williams, 2002/2006). La TCBM ha come
scopo principale quello di insegnare ai pazienti a decentrarsi dai propri schemi cognitivi ed
emozionali, infatti già dalla quarta seduta sono invitati a prendere consapevolezza dei
propri pensieri e delle proprie emozioni (Crane, 2009/2012). Nonostante le grandi
similitudini tra la TCBM e la RSBM, è opportuno evidenziare le differenze che esistono tra
i due protocolli: nella TCBM vi è una parte dedicata alla psicoeducazione riguardante lo
specifico disturbo a cui si applica, mentre nella RSBM tale parte si limita a fornire una
breve informazione riguardante la reazione di stress; nella TCBM si dà ampio spazio a
cercare di individuare attività che potrebbero risultare piacevoli per il paziente, essa
aggiunge agli esercizi proposti dalla RSBM una pratica chiamata “lo spazio del respiro dei
tre minuti” (Segal, Teasdale & Williams, 2002, p.186), una meditazione della durata di tre
49
Francesca Solito
minuti che all’inizio viene praticata in momenti ben precisi durante il corso della giornata e
in seguito viene utilizzata in tutte quelle situazioni di stress che l’individuo si trova a
vivere. Tale pratica può essere utilizzata prima di affrontare una situazione potenzialmente
destabilizzante o subito dopo averla affrontata, si invita il praticante a dirigere la propria
attenzione sui propri pensieri, poi sulle emozioni e infine sulle sensazioni fisiche, per il
primo minuto. Nel minuto successivo viene invitato a osservare il suo respiro e le
sensazioni che questo provoca, durante il terzo minuto gli si chiede gentilmente di rimanere
presente nell’esperienza interna ed esterna momento dopo momento (Crane, 2009/2012).
Nella Terapia Cognitiva basata sulla mindfulness la pratica della meditazione è alternata
da esercizi che derivano dalla tradizionale terapia cognitiva di tale disturbo. Attraverso il
modello ABC le persone iniziano a comprendere che il modo in cui si valuta una data
situazione influenza il nostro stato emotivo. Prestando attenzione all’evento e all’emozione
ci si rende conto di aver formulato un pensiero specifico. Attraverso la consapevolezza di
quel pensiero si arriva a comprendere il legame esistente tra pensiero e emozione. Trovarsi
in un gruppo facilita il fatto che una stessa situazione vissuta da più persone può far
scaturire reazioni ed emozioni diverse. Nelle varie sessioni il conduttore proporrà ai
partecipanti altre esercitazioni come ad esempio la lettura di pensieri automatici tipici della
depressione in modo che loro possano riconoscersi in qualche frase, con lo scopo di aiutarli
a riconoscere le proprie distorsioni cognitive (Chiesa, 2011).
Nonostante le pratiche di consapevolezza rimangano il punto focale della TCBM, si può
notare come siano inclusi nel programma anche elementi della terapia cognitiva per la
depressione, il concetto originale di mindfulness viene adattato ai bisogni e alle
caratteristiche della specifica categoria di pazienti per cui la TCBM è stata in origine
formulata (Chiesa, 2011).
L’efficacia della mindfulness nel sostegno ai pazienti con diagnosi di cancro
Quando un individuo riceve una diagnosi di malattia si spaventa, si preoccupa, piange, si
tormenta, prova una profonda angoscia sperimentando due tipi di sofferenze: una
sofferenza fisica e una sofferenza mentale. Il Buddha in uno dei suoi discorsi spiega molto
chiaramente la natura della sofferenza con la metafora della freccia: la persona viene
colpita inizialmente da una freccia che sta ad indicare la sofferenza fisica dovuta alla
50
La Mindfullness nella perdita e nella preparazione alla morte
malattia stessa, subito dopo viene colpito da un’altra freccia che simboleggia i contenuti
mentali che l’individuo attiva. Percepirà così i dolori di due frecce (Pescatori, 2009).
Di fronte alle esperienze dolorose che la vita inevitabilmente ci pone davanti esiste una
sofferenza data e poi un’altra sofferenza che corrisponde alla reazione automatica avversiva
a tale esperienza. Questa unione di sofferenza viene percepita come causata dall’evento
stesso tralasciando l’importanza che assume il modo del paziente di porsi nei confronti del
cancro.
La mente rifiuta ciò che viene sentito come spiacevole e questo non ci permette di
cogliere l’esperienza che stiamo effettivamente vivendo. La malattia mette in dubbio la
nostra illusione di stabilità, di continuità (Pescatori, 2009).
Tra le varie malattie esistenti il cancro è sicuramente la più associata a timori maggiori,
a un più elevato peggioramento della qualità di vita e a una maggiore inquietudine dovuta
alla modificazione dell’immagine di sé. Una diagnosi ti tumore
comporta alterazioni
fisiche e psicologiche che possono portare la persona a sviluppare disturbi d’ansia e
depressivi (Holland, 2003). Nell’immaginario individuale e collettivo il cancro si associa a
significati di sofferenza fisica e psichica inevitabile, di angoscia e di morte ineluttabile. Il
cancro è un evento traumatico che interviene bruscamente e improvvisamente alterando
l’equilibrio individuale e interpersonale ed evocando un clima di incertezza e
indeterminatezza (Pescatori, 2009). Si riconoscono più aree di sofferenza:

una relativa al corpo, dove quest’ultimo diventa sofferente perché invaso dal dolore,
dalla malattia, viene percepito come estraneo, inutile e incontrollabile;

una relativa alla mente, dove l’ansia e la preoccupazione che ne derivano si traducono
nel terrore di non essere più in grado di fare determinate cose, paura della confusione
mentale, paura di impazzire;

una relativa alla proiezione temporale, la persona si trova di fronte alla necessità di
modificare i propri progetti e ne consegue il crollo del senso di continuità del sé,
perdita di senso, l’impossibilità di proiettarsi nel futuro;

un’altra relativa alle relazioni, quelle familiari, sociali, professionali, si modifica il
proprio ruolo in famiglia, nel lavoro e nella società. La richiesta necessaria di
accudimento diventa senso di sconfitta, l’individuo teme di essere un peso per gli
51
Francesca Solito
altri, teme di non avere più valore, si preoccupa del futuro della sua famiglia
(Pescatori, 2009).
La mindfulness pone enfasi sul modo della mente di accogliere l’esperienza della
malattia, come la percepisce a livello sensoriale, come la interpreta a livello cognitivo e
come reagisce ad essa a livello emotivo.
Il paziente che riceve diagnosi di cancro, deve affrontare l’esperienza della perdita fisica
o del significato della prognosi che va in collisione con la nostra idea di benessere e felicità,
come stati a cui si tende costantemente. L’uomo cerca, in modo quasi reattivo, di eliminare
la sofferenza dalla propria esistenza (Harris, 2005/2010). Questo comporterà cambiamenti
profondi nella percezione di sé, del mondo, del tempo, il processo che ha come obiettivo
quello di affrontare le cose così come sono, costituisce la guarigione (Kabat-Zinn,
1990/2005).
“Vedere in questo modo porta alla guarigione. Ci aiuta a riconoscere che siamo esseri
straordinari e miracolosi, senza perdere di vista il fatto che, contemporaneamente, non
siamo niente di speciale, semplicemente parte di una totalità più ampia in costante
evoluzione, onde del mare che si sollevano e ricadono in quel breve attimo che chiamiamo
una vita” (Kabat-Zinn, 1990/2005, p.123). Jon Kabat-Zinn (1990/2005) per guarigione
intende una profonda trasformazione della visione del paziente, del suo modo di vedere e di
sentire, legata strettamente all’incontro con la propria interezza, raggiungibile attraverso la
meditazione. “Quando, nella calma di un attimo, cogliamo un lampo della nostra
completezza; quando, durante l’esplorazione del corpo o la meditazione seduta o lo yoga, ci
viviamo come interi e nello stesso tempo appartenenti a una totalità più ampia, comincia a
farsi strada un modo profondamente nuovo di affrontare i nostri problemi e la nostra
sofferenza” (Kabat-Zinn, 1990/2005, p.124). La mindfulness crea un contesto del tutto
diverso dove poter affrontare la sofferenza e i problemi, anche quando si tratta di problemi
legati alla salute, possiamo passare dal sentirci vittime degli eventi e senza speranza,
impotenti, a un senso di possibilità di accettazione, di centratura, di pace.
Spesso l’individuo quando si trova a dover affrontare il cancro, entra in una lotta contro
il suo dolore, la sua disperazione, cercando di trovare soluzioni per disfarsene per ritrovare
52
La Mindfullness nella perdita e nella preparazione alla morte
quelle sensazioni piacevoli, quello stato di quiete in cui credeva di essere nel momento
prima della diagnosi.
Nei momenti in cui si pratica la consapevolezza il paziente si può rendere conto di essere
completo, intero nel suo essere, anche se il suo corpo è dolorante o ha il cancro, anche se
non sa quanto tempo ha ancora a disposizione per vivere o quali esperienze dolorose lo
aspettano.
Le esperienze di totalità, di interezza, sono accessibili ai malati cronici come alle
persone in buona salute. Secondo Kabat-Zinn (1990/2005) nei momenti in cui il soggetto è
collegato con il suo essere, spesso prova una sensazione di essere più ampio della sua
malattia e dei suoi problemi. “Non meditiamo per far scomparire nulla. Sia che siamo
fondamentalmente sani, sia che abbiamo una malattia terminale, nessuno di noi sa quanto
tempo ha da vivere. La vita si svolge di momento in momento. La consapevolezza guarisce
insegnandoci a vivere ciascun momento il più pienamente possibile” (Kabat-Zinn,
1990/2005 p.127). Durante il corso RSBM di Jon Kabat-Zinn, una paziente con un cancro
al seno, mentre stava meditando, ebbe la sensazione di distaccarsi dalla sua malattia,
percepì che lei era una persona nella sua totalità, il cancro era solo un processo nel suo
corpo in evoluzione. Fino a quel momento si era completamente identificata con il cancro e
con la sua condizione di malata. Il fatto di rendersi conto di non essere il cancro le permise
di pensare alla sua vita con più razionalità e chiarezza, invece di farsi sopraffare dalla sua
condizione, si servì del cancro come stimolo a crescere e a vivere più pienamente il tempo
che aveva ancora davanti a sé. Invece di piangere la sua condizione e di contrastarla, di non
accettarla, riuscì ad affrontare l’esperienza nella sua realtà, si impegnò a vivere la sua vita
in modo più consapevole, il più pienamente possibile (Kabat-Zinn, 2010).
Nel libro “Vivere momento per momento” di Jon Kabat-Zinn (1990/2005) viene
esplicitata con chiarezza l’idea che la mindfulness, più che essere una tecnica, è un modo di
sperimentare la vita, incoraggia a vivere a pieno tutte le esperienze umane, anche quelle che
ci spaventano o ci fanno stare in ansia, o che ci fanno provare tensione, insicurezza,
impotenza, compresa la percezione della nostra fragilità e della nostra inevitabile mortalità.
Gli interventi basati sulla mindfulness non hanno come fine il controllo dei pensieri o la
sostituzione dei ricordi, delle immagini negative del passato con immagini positive, ma
53
Francesca Solito
promuovono l’idea di permettere a questi stati mentali, anche dolorosi, semplicemente di
esserci (Segal, Williams & Teasdale, 2002/2006).
Se il paziente riesce a elaborare il vissuto della malattia affrontando il dolore e la paura,
la voglia di vivere e di proiettarsi verso il proprio benessere riuscirà anche a elevare
paradossalmente la sua qualità di vita.
Molte donne operate al seno raccontano di aver deciso di riprendere in mano la loro vita,
di vivere in maniera consapevole ogni momento e di rivalutare tutto quello che hanno fatto
fino a quel momento, dedicandosi a se stesse con rispetto e gioia, con un atteggiamento più
autentico e positivo verso la propria esistenza. La mindfulness vuole essere un aiuto per non
soffocare le proprie emozioni, un sostegno mentre il soggetto percorre una strada
complicata ma generativa, di ricostruzione di sé e della propria immagine interiore. Può
essere molto importante venire a patti con queste emozioni senza farsi soccombere dallo
sconforto e dalla disperazione. La pratica della mindfulness offre un modo per coltivare un
rispetto profondo delle emozioni piuttosto che reprimerle, soffocarle o evitarle. Coltivare
un profondo rispetto per le emozioni significa apprezzare e avere rispettabilità verso ciò che
sta accadendo nel nostro mondo interno, momento dopo momento (Siew & Khong, 2010).
Può essere utile far sperimentare al paziente che la volontà di eliminare uno stato interno
doloroso e criticato spesso porta alla patologia, l’impegno verso questa direzione lo spinge
a investire verso scopi irraggiungibili, questo è il motivo per cui è fondamentale proporre
un percorso orientato all’accettazione piuttosto che all’eliminazione. L’evitamento
esperienziale conduce a problemi comportamentali manifesti.
Un percorso come quello messo a disposizione dagli interventi mindfulness può essere di
grande aiuto per i pazienti malati di cancro, infatti la meditazione ha dimostrato rilevanti
implicazioni cliniche per alleviare la sofferenza fisica e psicologica. L’uso di un intervento
comportamentale per pazienti oncologici, capace di migliorarne la qualità della vita, è
un’area di grande interesse per clinici e ricercatori (Ledesma e Kumano 2009). I pazienti
attraverso le pratiche di consapevolezza hanno la possibilità di imparare e fare proprio, un
diverso modo di gestire i propri vissuti emotivi, attraverso il contesto del gruppo possono
condividere la loro esperienza sentendosi meno soli a dover gestire un momento così
angosciante della loro vita.
54
La Mindfullness nella perdita e nella preparazione alla morte
Ricevere una diagnosi di cancro porta il soggetto a percepire un forte senso di
isolamento e a fare i conti con la sensazione di incertezza della propria vita, il paziente si
focalizza sul futuro e lo percepisce precario. Attraverso la consapevolezza, ha una maggiore
probabilità di superare questo stato emotivo e arrivare ad accettare la malattia in modo da
migliorare la sua vita.
Numerosi sono gli studi che hanno indagato gli effetti del programma MBSR sui
pazienti malati di tumore, i quali si trovano a dover affrontare un forte stress e possono dar
vita ad uno stato di depressione e sfiducia verso il futuro. Gli studi attualmente disponibili
rilevano che una percentuale compresa tra il 20 e il 50% di individui che hanno ricevuto
una diagnosi di cancro manifesterebbe nel periodo successivo un episodio depressivo
maggiore e un 19% svilupperebbe sintomi associati al disturbo post-traumatico da stress
(Classen et al. 2001).
In Canada è stato elaborato il primo studio volto a indagare l’efficacia della RSBM nei
pazienti oncologici (Speca, Carlson, Goodey & Angen, 2000). Tale ricerca, ha coinvolto 90
pazienti affetti da tumori di varia natura e a diversi stadi di sviluppo, in maniera casuale è
stato formato il gruppo sperimentale, il quale ha seguito il corso RSBM. A tutti i pazienti
oncologici, partecipanti allo studio, è stato somministrato un profilo sullo stato d’animo e
sui sintomi associati allo stress, prima e dopo l’intervento. Dopo aver partecipato al
programma di riduzione dello stress basato sulla mindfulness, che comprendeva
meditazione di gruppo per un’ora e mezza per sette settimane e una pratica meditativa che
si svolgeva a casa, il gruppo sperimentale ha evidenziato un miglioramento sulla
sintomatologia depressiva, ansiosa, sulla rabbia, sulla confusione e sul vigore percepito,
rispetto al gruppo di controllo. Inoltre il gruppo di meditazione manifestò una diminuzione
significativa dei sintomi collegati allo stress, i parametri presi in considerazione furono:
irritabilità emotiva, disorganizzazione cognitiva, depressione e indicatori cardiopolmonari e
gastrointestinali. Gli autori osservarono anche una correlazione significativa tra la durata
della pratica giornaliera e il miglioramento dello stress. E’ importante sottolineare il fatto
che il miglioramento osservato subito dopo il protocollo si è mantenuto largamente al
follow-up a 6 mesi dalla fine del corso (Carlson, Ursuliak, Gooddey, Angen & Speca,
2001) e dopo un anno (Carlson, Speca, Frais & Patel, 2007).
55
Francesca Solito
I risultati positivi osservati in questo studio hanno dato vita a varie ricerche, sempre più
rigorose, hanno continuato a investigare l’efficacia della RSBM o di interventi basati sulla
mindfulness largamente ispirati alla RSBM nei pazienti con il cancro. Una ricerca che ha
cercato di esaminare in modo approfondito la letteratura scientifica sull’argomento, ha
identificato 13 studi, 5 dei quali includevano un gruppo di controllo, pubblicati tra il 2007 e
2010 (Shennan, Payne & Fenlon, 2010). Due studi utilizzavano la Terapia Cognitiva basata
sulla Mindfulness (TCBM) e tutti gli altri la RSBM. La maggior parte dei partecipanti
erano donne di mezza età con tumore al seno e uomini con tumore alla prostata. Gli studi
che sono stati analizzati dimostravano un netto miglioramento sui sintomi psicologici a
seguito della partecipazione alle pratiche di consapevolezza. E’ importante mettere in luce
uno studio controllato che ha utilizzato la TCBM sui pazienti con cancro, durante il
programma è stata inclusa una psicoeducazione sull’ansia, sui sintomi depressivi e sul
dolore. Il gruppo di pazienti indirizzato a tale protocollo evidenziò miglioramento sulla
quantità di stress percepito e sui sintomi depressivi e ansiosi, tali effetti si mantennero nel
tempo, anche nel follow up a tre mesi di distanza dal termine del corso (Foley, Baillie,
Huxter, Price & Sinclair, 2010).
Risultati simili sono stati raggiunti anche nello studio di Lengacher e colleghi (2009) in
un campione di 84 donne con tumore al seno in fase di remissione, dove è stata studiata
l’evidenza clinica della RSBM. I risultati di questo studio, oltre alla riduzione dei sintomi
collegati allo stress, mostrarono un minore rimuginio sul timore di incorrere in ricadute
della malattia.
Un altro problema comune ai pazienti con il cancro è il disturbo del sonno, nonostante
sia così altamente osservabile è un aspetto poco studiato in letteratura. Una ricerca di
Linda, Carlson, Sheila & Garland (2005) ha esaminato gli effetti del programma MBSR
sulla qualità del sonno in un campione eterogeneo di 63 soggetti con il cancro. Dopo le 8
settimane in cui si è svolto l’intervento, l’insonnia si è significativamente ridotta e i
partecipanti hanno segnalato che la qualità del loro sonno era migliorata. Lo studio ha
dimostrato anche una riduzione significativa dello stress, una modifica nello stato d’animo,
specificatamente rispetto all’ansia, alla depressione, all’ostilità e alla confusione, e nella
percezione della fatica da parte dei pazienti. La meditazione mindfulness ha così dimostrato
56
La Mindfullness nella perdita e nella preparazione alla morte
dei benefici clinici per una varietà di pazienti, l’insieme di questi cambiamenti ha
modificato la qualità della loro vita.
Come i principi della mindfulness possono rappresentare un sostegno per
affrontare il lutto, la perdita e le angosce di morte
L’uomo costruisce la propria identità su ciò che ama, sugli affetti, sulle sue emozioni,
sui sentimenti, sui progetti da realizzare, su un senso di continuità e stabilità. L’incontro
con la malattia e la perdita di una persona cara ci pongono di fronte a una rottura di questa
continuità e stabilità. La malattia, la perdita e le inquietudini di morte ci tolgono la
possibilità di progettarci nel futuro, minacciano l’efficienza e l’integrità fisica e mentale,
rendendoci letteralmente dominati dalle nostre emozioni e dai nostri pensieri, alterando
l’equilibrio psicofisico raggiunto. Emergono emozioni così potenti e dolorose che mettono
in crisi il senso della propria identità (è possibile consultare il materiale sul sito internet
http://www.centromindfulness.net/appuntamenti-mindfulness/archivio/corsi/item/139quando-la-mindfulness-è-ancora-più-preziosa.html ).
Gli stati mentali che più frequentemente accompagnano le esperienze di perdita e di
morte sono la confusione, l’isolamento, il rifiuto, la collera. Tutto questo influisce sulla
percezione del dolore, diminuisce l’efficienza del sistema immunitario, lascia senza difese e
risposte di fronte al grande mistero della morte.
I principi della mindfulness possono rappresentare un valido aiuto per gli individui che si
trovano ad affrontare le angosce di morte e il profondo sconvolgimento che ne deriva.
La pratica mindfulness rappresenta un modo attraverso il quale si può coltivare
intenzionalmente la consapevolezza, sviluppando alcune abilità come quella di dirigere e
sostenere un’attenzione consapevole, una minore reattività, un maggior discernimento e
compassione, una capacità di riconoscere e disidentificarsi dalle proprie rappresentazioni
del sé (Shapiro & Carlson, 2009/2013). Tali abilità verranno prese in considerazione per
poter comprendere come possono offrire un’opportunità unica per incrementare una
consapevolezza profonda, che renda possibile affrontare il dolore emotivo dovuto al lutto e
alle angosce di morte, per “liberarsi” dalla sofferenza.
La pratica mindfulness dà vita ad un processo dinamico per apprendere a coltivare
un’attenzione discriminante, stabile, concentrata, non reattiva, e insegna ad utilizzarla in
57
Francesca Solito
modo da vedere più chiaramente ciò che emerge momento per momento. Prestare
un’attenzione profonda e penetrante significa osservare i propri stati mentali e i meccanismi
di funzionamento interni ed esterni.
L’attenzione di cui si parla racchiude in sé molte qualità come: la curiosità, l’apertura,
l’accettazione, la pazienza, l’amore, la fiducia, la gentilezza. Tali qualità, che sono
considerate le attitudini della mindfulness, non hanno come funzione quella di sostituire le
emozioni negative che emergono, ma semplicemente contenerle (Kabat Zinn, 1990/2005).
Un tipo di attenzione che non porta queste qualità attitudinali nella pratica, può
trasformarsi in un’attenzione che giudica l’esperienza interna ed esterna. Le persone spesso
reagiscono agli stimoli in modo automatico, mettendo in atto i loro modi abituali di reagire
e vecchie abitudini mentali. La nostra esperienza della realtà è spesso frutto di filtri
cognitivi che derivano dall’abitudine, sono spesso di natura condizionata e tendono ad
offrire visioni distorte della realtà. Ad esempio se abbiamo avuto una serie di esperienze
negative tenderemo a far rientrare le esperienze future all’interno di tale categoria
rischiando di non vedere e quindi perderci aspetti e risvolti positivi.
La mindfulness insegna a spostare la nostra consapevolezza sulle emozioni difficili
sottostanti alle nostre esperienze e sulle sensazioni di queste emozioni nel corpo. Grazie a
questo processo è possibile fermarsi e prestare attenzione, lasciando andare la propria
reattività abituale per poter vedere con una maggiore chiarezza e imparare a rispondere in
modo consapevole e adatto alla propria sofferenza. L’intenzione della pratica mindfulness è
quella di sviluppare equanimità3 e accettazione. “Le qualità attitudinali non aggiungono
nulla all’esperienza di per sé, piuttosto fanno virare le lenti dell’attenzione verso
accettazione, apertura, cura e curiosità (Shapiro & Carlson, 2009/2013, p. 13).
Allenando l’intenzione (cioè il perché si pratica), è possibile diventare sempre più abili
nel prestare attenzione ad ogni esperienza così come sopraggiunge. Portando
3
Equanimità: significa non-attaccamento, rappresenta il nucleo centrale della presenza mentale, intesa come
consapevolezza non giudicante. Nell’equanimità non sono presenti considerazioni, valutazioni, strategie, reazioni, essa
rappresenta uno stato di presenza a ciò che è, significa prendersi cura di quello che è già presente senza nessuna
condizione, senza nessun condizionamento (http://lameditazionecomevia.it/pensa5.htm ).
58
La Mindfullness nella perdita e nella preparazione alla morte
intenzionalmente qualità come la pazienza e la compassione 4, decade la tendenza a cercare
sempre esperienze positive e respingere quelle negative, liberandosi dall’attaccamento e dal
desiderio di cambiare il presente. Chi ha esperienza di un evento doloroso come una
malattia, la morte prossima di una persona significativa, o un lutto, ha sicuramente
sperimentato la difficoltà di accettare la propria sofferenza e l’evento in sé. La pratica della
mindfulness permette lo sviluppo della compassione, iniziando a incontrare se stessi e le
proprie esperienze con gentilezza, riconoscendo gli effetti negativi dell’autocritica (Shapiro
& Carlson, 2009-2013). Tale processo consente di entrare in sintonia con noi stessi e
rappresenta il primo passo per entrare in sintonia anche con gli altri, ad esempio con
qualcuno che sta attraversando il nostro stesso dolore. Questo ci porta a riconoscere che la
nostra sofferenza non è unica, si può comprendere che tutti gli esseri viventi fanno tale
esperienza. Possiamo diventare capaci di incontrarci con accettazione e compassione
perseguendo il desiderio di alleviare in noi stessi e negli altri il dolore.
La pratica mindfulness, grazie all’accettazione e alla comprensione del fatto che nessuno
è immune dalla sofferenza in quanto insita nella condizione umana, aiuta a sviluppare la
compassione per se stessi. Potrebbe essere importante per una persona che ha subito un
lutto vedersi “vittima” dell’accaduto in modo da potersi occupare di se stesso con amore,
disponibilità e gentilezza, riducendo emozioni come la rabbia o il senso di colpa per
qualcosa che avrebbe potuto fare e non ha fatto o semplicemente per essere ancora vivo
mentre la persona amata no, emozioni molto comuni nell’esperienza di perdita.
Inoltre può essere importante imparare ad osservare con chiarezza la propria esperienza
senza tentare di modificarla perché è dal modo in cui una persona percepisce e costruisce le
proprie esperienze che dipende la sua realtà. Partendo da una prospettiva consapevole ci si
rende conto che la sofferenza nasce proprio dalle nostre reazioni e giudizi su ciò che ci
accade e anche dalla nostra opposizione a ciò che è presente.
Molto spesso le persone che si trovano ad affrontare le angosce di morte tendono a
resistere alle proprie emozioni, alla propria sofferenza, ma l’attenzione consapevole della
4
Compassione: “La compassione viene spesso definita come la capacità di unire due qualità: la capacità di provare
empatia per la propria e l’altrui sofferenza unita al desiderio di poter fare qualcosa per alleviare questa sofferenza (Shapiro
& Carlson, 2009/2013, p. 22).
59
Francesca Solito
mindfulness offre un modo diverso di relazionarsi al dolore, per poter incontrare senza
fuggire, situazioni difficili e imprescindibili della propria natura umana.
Uno dei primi obiettivi perseguiti dalla pratica è quello di far diventare la persona
consapevole della sua tendenza alla “resistenza” verso le cose così come sono, facendo in
modo che possa rendersi conto che l’esperienza spiacevole è presente anche se non ci piace
(Shapiro & Carlson, 2009/2013).
La mindfulness cerca di sviluppare l’intuizione secondo la quale la sofferenza esiste
perché resistiamo a quello che ci sta accadendo, desideriamo che le cose siano diverse da
quello che sono realmente. Il dolore provato per una malattia o per una perdita è ciò che ci
è accaduto e proprio perché è la realtà non può essere evitato o negato. La sofferenza è il
risultato della nostra reazione, del nostro modo di porci nei confronti di questa realtà. Può
essere importante comprendere che quello che è accaduto non può essere modificato e
resistergli non fa altro che aggravare la propria sofferenza (Shapiro & Carlson, 2009/2013).
Gli insegnamenti della mindfulness conducono ad un’accettazione radicale di quanto si è
verificato nella propria esistenza, dal momento che è già qui.
La mindfulness parte dal presupposto che poiché siamo esseri umani sperimentiamo una
vasta gamma di stati emotivi, prendendo questo come fondamento base, insegna a
riconoscere le emozioni e ad avere cura di ognuna di queste. Quando la persona rifiuta la
propria esperienza, spende molte energie per eliminare pensieri ed emozioni negative in
modo da evitare ciò che già si è verificato. L’approccio mindful incoraggia e cerca di
sviluppare fiducia nel fatto che qualunque cosa possa essere affrontata, il primo passo
consiste nell’osservare quello che è già presente, riconoscere che cosa ci sta accadendo e
iniziare ad accettarlo così come accade. Vedere il problema con chiarezza aiuta a reagire
con una maggiore efficacia e saggezza (Shapiro & Carlson, 2009/2013).
Un altro principio fondamentale della mindfulness è l’impermanenza, la verità che tutto
cambia. Questa rappresenta una delle prime intuizioni che emerge quando si pratica la
meditazione (Shapiro & Carlson, 2009/2013). Per una persona che si trova ad affrontare un
grande sconvolgimento, come la mancanza di una persona significativa, riconoscere che
tutto è in costante mutamento e che tendenzialmente siamo portati a vivere come se tutto
fosse permanente e statico, può offrire un mezzo utile per contestualizzare e sperimentare in
60
La Mindfullness nella perdita e nella preparazione alla morte
modo diverso ciò che è accaduto. L’approccio mindfulness indica che la sofferenza nasce
da questa visione erronea secondo la quale le cose sono permanenti. Gli uomini soffrono
perché resistono all’impermanenza, si aggrappano alle esperienze, alle cose, alle persone.
L’intuizione dell’impermanenza, che riconosce la natura mutevole dell’esperienza, può
essere liberatoria per i pazienti. La mindfulness parte dal far sperimentare la natura
transitoria dei nostri pensieri, delle emozioni e delle sensazioni fisiche. Il presupposto è
quello di far verificare al paziente come le sue stesse emozioni di ansia, di paura
assomiglino ad un’onda che dopo la tempesta si assesta. La tristezza può crescere di
intensità ma c’è un momento in cui inizia a scemare, spesso i pazienti tendono ad
identificarsi con il loro stato emotivo credendo di essere sempre depressi. Ascoltando il
loro corpo possono rendersi conto di come la propria esperienza cambia di momento in
momento.
Secondo l’insegnamento della mindfulness si può riposare nella natura mutevole delle
cose, facendo esperienza dell’emergere delle proprie sensazioni ed emozioni e del loro
acquietarsi con maggiore equanimità e chiarezza (Pescatori, 2009).
Con un buon impegno nella pratica le persone possono imparare a prendersi cura delle
loro esperienze interne ed esterne senza giudicarle, lasciandole andare, accettandole con
pazienza e fiducia, con la mente del principiante, con curiosità e gentilezza, rispondendo
con consapevolezza e chiarezza, invece di reagire in modo automatico e abituale. Tutte
queste qualità sono un elemento essenziale della pratica della consapevolezza e tenerle a
mente è parte integrante della pratica (Kabat-Zin, 1990/2005).
Secondo la teoria5 di Shapiro, Carlson, Austin & Freedman (2006), la pratica di
mindfulness porta ad uno spostamento di prospettiva, chiamato ripercezione: si intende la
capacità di osservare i contenuti della nostra coscienza senza lasciarsi coinvolgere. La
persona grazie alla mindfulness diventa capace di disidentificarsi dai contenuti della propria
coscienza (pensieri, emozioni, giudizi) e di osservare la propria esperienza con più
obiettività. Inizia così a comprendere che la consapevolezza delle proprie sensazioni,
5
Shapiro, Carlson, Austin, & Feedman (2006) hanno sviluppato un modello della mindfulness composto da tre elementi:
intenzione, attenzione, attitudine, con l’obiettivo di spiegare la natura di tale pratica di consapevolezza. Intenzione,
attenzione e attitudine sono le tre componenti fondamentali della mindfulness, sono aspetti di un unico processo ciclico in
cui tendono ad alimentarsi in modo reciproco.
61
Francesca Solito
pensieri ed emozioni è diversa dalle sensazioni, pensieri ed emozioni stessi (Kabat-Zin,
1990/2005). Questo spostamento di prospettiva, facilitato dalla mindfulness, porta a
comprendere che “questo dolore non sono io”, “questi pensieri non sono me”, “questa
depressione non sono io”.
Quando si assiste una persona che sta per lasciare la propria vita o quando si affronta un
lutto il rischio è quello di essere travolti da emozioni forti, come ad esempio la paura, ma se
il soggetto diventa consapevole del fatto che sta provando un’emozione di paura, questo
potrebbe aiutarlo a comprendere che una parte di sè non è portata via dalla paura, proprio
perché la sta osservando, tanto da essersi accorto della sua presenza (Ostaseski, 2012). Tale
processo è simile al concetto di defusion di Hayes, Strosahl & Wilson (1999), che pone
l’attenzione sul cambiamento della relazione con i pensieri piuttosto che sul contenuto
stesso del pensiero. Attraverso il processo della ripercezione ci lasciamo condizionare
molto meno dai pensieri che sorgono, ad esempio una persona che soffre per la morte del
marito e si è completamente identificata con il suo stato di abbattimento e depressione,
tenderà a reagire in modo disfunzionale alimentando tale stato. La ripercezione permette di
fare un passo indietro, permette di guardare la propria tristezza e depressione e di vederla
per quello che è, uno stato emotivo che nasce e che si riduce con il tempo. Questo non
significa che scomparirà per sempre, ma sperimentando l’impermanenza dei fenomeni
mentali, si consegue una maggiore tolleranza degli stati interni spiacevoli (Shapiro &
Carlson, 2009/2013).
Il beneficio che ne deriva è maggiore libertà, non essere dominati dalle risposte
comportamentali automatiche ma diventare capaci di utilizzare la propria ansia o paura
come fonte di informazione per elaborare una strategia di coping efficace (Shapiro &
Carlson, 2009/2013).
La letteratura è ricca di prove che dimostrano l’efficacia dell’esposizione per il
trattamento di molti disordini (Barlow & Craske, 2000). La mindfulness è efficace nei casi
di dolore cronico perché porta i soggetti a fare esperienza delle proprie sensazioni fisiche,
eliminando i pensieri catastrofici che esse provocano, allo stesso modo, la pratica delle
abilità mindfulness, potrebbe aiutare le persone che soffrono per la perdita di una persona
significativa, portandoli ad esperire le sensazioni dolorose senza una reattività eccessiva.
62
La Mindfullness nella perdita e nella preparazione alla morte
Per uno psicoterapeuta cognitivista questo significa distogliere l’attenzione dal problema
secondario, cioè da cosa si dice il paziente su quello che gli accade e cosa fa per risolvere il
problema (De Silvestri, 1982). Ri-percepire potrebbe permettere al soggetto di tollerare una
vasta gamma di pensieri ed emozioni realizzando che le proprie sensazioni corporee e
pensieri non sono così schiaccianti o spaventosi (Shapiro & Carlson, 2009/2013). Stando
accanto consapevolmente agli stati emotivi negativi, è possibile imparare che non abbiamo
bisogno di temere o evitare simili sensazioni e che queste
emozioni, come sono
sopraggiunte, alla fine passano (Segal, Teasdale & Williams, 2002).
Impegnandosi nella pratica, le persone possono praticare l’accettazione, la gentilezza e
l’apertura mentale anche quando quello che accade nella loro esperienza è profondamente
spiacevole e va contro ai loro desideri e aspettative. La mindfulness sviluppando attitudini
come la pazienza, la compassione, l’attenzione, l’apertura,
conduce a rinunciare alla
tendenza a cercare continuamente esperienze positive respingendo quelle dolorose.
Lutti e perdite sono una delle principali cause di sofferenza. La perdita di una persona
cara è un evento naturale con il quale tutti ci confrontiamo nella nostra vita. Anche le
reazioni alla morte di una persona significativa: il pianto, la disperazione, la sofferenza, il
disagio sono reazioni emotive e comportamentali normali, naturali (Perdighe & Mancini,
2010).
“Soffrire per la morte di una persona cara è come essere gettati in un fiume in piena, in
balia di emozioni potenti e contraddittorie” (Ostaseski, 2011, p. 61). Il lutto si manifesta a
ondate, le persone quando ne sono coinvolte spesso hanno la sensazione di aver passato un
momento piacevole ma un attimo dopo, un ricordo, un’immagine che attraversa la mente
può farli sentire sommersi dal dolore. L’uomo ricerca strategie, soluzioni per superare o
gestire tale condizione, quando l’unica cosa da fare è arrendersi (Ostaseski, 2011).
Le persone spesso soffrono, perché confondono fatti o eventi con problemi da risolvere.
Le complicazioni nel processo di accettazione6 nascono perché si tende a trattare un
particolare evento come una questione aperta, a cui trovare una soluzione (mi arrabbio con
6
“Accettare è un processo che in sé, per definizione, implica una dinamica interna di “resistenza” e rifiuto, intendendo
con ciò il desiderio del soggetto di non credere, di non volere che l’evento oggetto dell’accettazione si sia verificato. In
questo senso accettare significa prendere atto di qualcosa che non si può far altro che accettare, ovvero prendere atto di un
63
Francesca Solito
il destino e cerco una risposta al senso di ingiustizia per la mia perdita, ritengo il lutto
insopportabile e tento di capire come eluderlo) (Perdighe & Mancini, 2010).
La malattia e il lutto non sono problemi da risolvere ma esperienze, fatti. L’unica cosa
da fare è vivere il dolore, abbracciarlo, non si supera ma si attraversa, non è possibile
individuare un modo giusto di vivere il lutto, non è possibile rintracciare percorsi o tempi
definiti secondo i quali il lutto si sviluppa e si conclude ma ci sono fasi ben riconoscibili.
Tra gli autori e i clinici che si sono occupati di lutto durante il XX secolo, da Freud in
poi, c’è accordo nel ritenere che il processo di elaborazione del lutto attraversa alcune fasi
che riguardano le dinamiche mentali delle persone che si trovano a dovere affrontare una
perdita significativa (Freud, 1989; Kubler-Ross 1990; Parkes, 1980).
Frank Ostaseski (2011), una delle voci principali nel campo dell’assistenza consapevole
al fine vita, nel suo libro Saper accompagnare ha elaborato un modello di descrizione sul
processo del lutto, concettualmente in linea con le fasi individuate dalla dottoressa
Elisabeth Kubler Ross. Nell’esperienza di perdita, si riconoscono tre fasi (Ostaseski, 2011):

Accusare il colpo. Durante questa prima fase il dolore è intenso e coinvolge sia la mente
che il corpo, entrambi negano l’evento anche se si tratta di una morte annunciata. La nostra mente
non è in grado di accettare la realtà, la realtà di aver perso una persona che amiamo. Allo shock e
all’incredulità si sostituiscono il rimpianto e il senso di colpa, nel momento in cui avremmo bisogno
di accudimento e gentilezza ci puniamo autocriticandoci con pensieri del tipo: “Non sarei dovuta
allontanarmi un attimo prima del suo ultimo respiro; avrei dovuto portarlo prima in ospedale …”. In
altri casi predomina una rabbia irrefrenabile, verso qualcuno, verso i medici, verso Dio, verso il
destino. Questo è un periodo di disorientamento dove non è possibile occuparsi di tutte le cose di
cui ci occupavamo prima, la nostra mente non ce la fa, abbiamo bisogno di aiuto. Dalle
testimonianze si evidenziano episodi in cui la persona sofferente seguendo la sua necessità di
comunicare con la persona morta prende il telefono per chiamarla, temendo poi di essere impazzita,
mentre invece sono esperienze caratteristiche di questa prima fase.

Vivere la perdita. Questa fase può durare mesi o anni, la perdita non è circoscritta nel tempo
ma è continuativa. Si continua a piangere la persona cara quando vorremmo condividere con lei una
gioia, di fronte a decisioni importanti o nella quotidianità di un istante che ci attiva ricordi. In
fatto, togliendo al fatto tutte le connotazioni di “problema”, cosa che implicherebbe una soluzione” (Perdighe & Mancini,
2010 p.127).
64
La Mindfullness nella perdita e nella preparazione alla morte
questo momento prendiamo grande consapevolezza del ruolo che la persona svolgeva nella nostra
vita, la sensazione di fragilità caratterizza questa fase.

La distensione. La morsa del dolore si allenta, il miscuglio di emozioni e la loro intensità si
attenua ed è possibile non sentirsi sopraffatti da dolore come accadeva precedentemente. Questo
non significa tornare alla vita di prima perché l’esperienza del lutto modifica inevitabilmente la
nostra identità, non significa essere disposti a lasciare andare la persona cara, ma significa arrivare
alla conclusione che la morte non mette fine alla relazione. L’altro non viene più percepito come
una persona esterna, si interiorizza la relazione, si ha la percezione che ci accompagni ovunque,
come se sentissimo la sua voce che guida le nostre scelte, che ci permette di confrontarci ancora con
lei. Tutto questo ci consente di rivolgere pienamente le nostre energie nella quotidianità.
Le emozioni irrefrenabili che affiancano il lutto hanno il potere di sopraffarci ed è per
questo che è importante riconoscerle, pensarle, concederci di sentire il dolore. L’esperienza
del lutto se orientata verso la consapevolezza, può portarci alla comprensione della verità
assoluta dell’impermanenza e questo può portarci a vivere più pienamente, accettando più
rischi proprio per la certezza della brevità della vita (Ostaseski, 2011).
Frank Ostaseski, nel suo libro “Saper Accompagnare” (2011), propone una meditazione
guidata sul lutto: invita i partecipanti a chiudere gli occhi e a riportare alla mente una
persona cara scomparsa. Si cerca di ricordare momenti trascorsi in compagnia di
quest’ultima in modo da evocarla nel cuore e nella mente, pensare e richiamare il suono
della sua voce, il suo odore, il suo modo di fare. Mentre i soggetti seguono le istruzioni
devono cercare di essere consapevoli delle sensazioni provate nel corpo e a livello affettivo.
L’obiettivo è quello di osservare, accogliere tutto ciò che si presenta senza rifiutare nulla e
sentire che effetto fa stare in compagnia della persona cara. Si chiede al partecipante di fare
caso alle sensazioni fisiche che compaiono nel corpo, come tensione, pressione nel petto,
irrigidimento muscolare e si consiglia di lasciare andare, di lasciare che tutto accada. Si
suggerisce di cogliere ed essere consapevole delle emozioni che emergono: gioia, tristezza,
rimpianto, affetto, mantenendosi in contatto con l’emozione provata.
Si fa poi immaginare di parlare direttamente alla persona con lo scopo di comunicare,
esprimere, qualcosa che non è mai stata detta o qualcosa che può essere importante ripetere.
Quando si subisce una perdita, soprattutto nel caso in cui un sentimento di amore ci lega a
quella persona, frequentemente c’è la necessità di tirare fuori qualcosa che ci sta molto a
65
Francesca Solito
cuore. Ostaseski (2011) invita colui che medita, a rispondere alle domande che seguono,
rivolgendosi direttamente alla persona amata:
1.
In questo momento, cosa provate veramente per questa persona?
2.
Cosa vi manca di più?
3.
Cosa vorreste chiederle?
4.
In questo momento, cosa vi preme dirle, soprattutto?
Qualsiasi risposta deve essere accolta perché si è originata spontaneamente e
naturalmente nella mente del soggetto. Il significato di tale meditazione risiede nel fatto che
il lutto investe totalmente l’uomo e il dolore che si sperimenta non si supera, si può solo
vivere interamente ed esserne trasformati. Nessuno può sottrarsi dall’esperienza della
sofferenza e della morte, propria o altrui, e per poter diventare compagni compassionevoli
nel viaggio della vita è importante familiarizzare con il territorio (Ostaseski, 2011).
Quando stiamo accanto a qualcuno che soffre, se ci permettiamo di entrare in uno stato
emotivo di empatia, questo stato si approfondisce e diventa compassione. La compassione è
un’espressione della presenza, significa non sottrarsi dalla infinita angoscia che ci suscita
l’altro, significa stare lì accanto alla persona, in silenzio, a vivere quel momento. La
compassione è un modo in cui la presenza risponde alla sofferenza (Ostaseski, 2012).
A questo punto può essere opportuno, per poter dare un maggior spessore a quanto detto
sopra, fare un breve accenno a come la nostra società si confronta e si relaziona con la
finitezza della vita per comprendere quanto l’approccio della mindfulness possa
rappresentare un modo per aprirsi, per prendere confidenza con tale esperienza e per
sentirsi meno impressionati e spaventati.
La società occidentale tende a ignorare o evitare la morte, nel nostro mondo ricco di
benessere e progresso, il dolore, la sofferenza, il morire sembrano non farne parte, esistono
potenzialmente ma si tende a nasconderli, a far finta che in realtà non facciano parte della
vita. Provoca troppo dolore pensare alla morte quindi si tende ad allontanarsi, ad evitare ciò
che potrebbe farci scontrare con la precarietà della vita e di conseguenza con le emozioni di
angoscia, solitudine, disperazione, dolore fisico e psicologico (Ostaseski, 2011).
Un atteggiamento inconsapevole, comune a noi esseri umani è il fatto che la morte
sembra non interessarci in prima persona, la morte sembra esistere solo come esperienza
66
La Mindfullness nella perdita e nella preparazione alla morte
che accade agli altri. Quando essa ci colpisce, crolla la nostra convinzione di essere speciali
(Cardinali, 1997). Questo atteggiamento contribuisce a una crescente inquietudine nei
confronti della morte, il tentativo disperato di non accettare l’impermanenza delle cose ci fa
tralasciare aspetti importanti, rischiando di perdere la visione d’insieme. Ogni giorno
facciamo progetti a breve e a lungo termine, rincorriamo sogni e facciamo di tutto per
realizzarli, ci impegniamo per arrivare a dei risultati senza tenere in considerazione il fatto
che potremmo anche non raggiungerli, la nostra attenzione si rivolge su mille cose senza
prendere in considerazione l’unico appuntamento certo della nostra vita.
L’uomo prende consapevolezza della morte quando questa dimensione che sembra
essere così lontana da noi stessi, entra nel nostro mondo in modo repentino, quando
perdiamo una persona significativa, come ad esempio un genitore. Solo in questo caso la
morte si sente vicina, si ha improvvisamente coscienza della finitezza della vita e questo ci
fa sentire disarmati, indifesi di fronte a qualcosa su cui non abbiamo alcun potere
(Ostaseski, 2011).
La morte rappresenta un “mistero” che non può essere risolto e ciò che può aiutarci è
coltivare una disponibilità al non sapere. Questo significa essere testimoni di qualcosa che
non può essere chiarito ma solo vissuto. Stando nel non sapere si può scoprire l’umiltà
nello stare con domande che non hanno risposta (Ostaseski, 2012).
Quando un individuo è particolarmente grave ed è chiaro il fatto che sia destinato a
morire, evoca negli altri molte ansietà, questo può condurre a isolarlo, a confinarlo in
istituti o ospedali. La morte è così tanto impressionante, terrificante da condurci ad affidarci
alle strutture in modo da essere meno coinvolti nell’esperienza che sta vivendo l’altro
essere umano, il suo aspetto esteriore ci ricorderebbe e ci farebbe avere ben presente i nostri
limiti, la nostra non-onnipotenza, la nostra vera natura e di conseguenza la nostra stessa
mortalità (Kubler_Ross, 1999).
Frank Ostaseski, fondatore e direttore dello Zen Hospice Project di San Francisco (il
primo e più grande hospice buddhista in America), ha creato un ambiente accogliente dove
assistere pazienti terminali. Nasce nel 1987 con lo scopo di favorire, incoraggiare
disponibilità, sensibilità e compassione nell’assistenza alle persone che stanno affrontando
gli ultimi momenti della loro vita. Lo Zen Hospice Project nasce dal presupposto che vi sia
67
Francesca Solito
una connessione fra chi coltiva la “mente che ascolta”, impegnandosi nella pratica
meditativa, e chi in fase terminale abbia particolarmente necessità di quel profondo ascolto.
Il beneficio che viene tratto da questa assistenza è reciproco in quanto i professionisti e i
volontari lavorano su loro stessi per una disponibilità empatica, seguono una formazione
mirata per coltivare saggezza, compassione e prendendosi cura degli altri si prendono cura
anche di loro stessi, un’occasione per conoscersi meglio.
Nello Zen Hospice Project lo scambio di aiuto è visibile: familiari, volontari, pazienti e
medici crescono insieme di fronte alla morte. Si propone un modello innovativo dove l’idea
cardine è un’assistenza consapevole.
Frank Ostaseski, insieme alla sua equipe si è preso cura di più di tremila persone e i loro
familiari, il suo lavoro ha ispirato laboratori esperienziali, programmi educativi,
conferenze, numerosi articoli. L’importanza di tale approccio ha avuto un effetto dilagante
in quanto i numerosi volontari che sono stati formati nello Zen Hospice Project hanno
portato al di fuori la loro esperienza, promuovendo o dirigendo a loro volta centri di cure
palliative.
La consapevolezza della morte può dare valore e pienezza ad ogni nostra azione, a ogni
istante della nostre vite. Quando consideriamo la realtà della nostra morte, prendiamo i
nostri pensieri e noi stessi un po’ meno sul serio, ci apriamo alla gentilezza, alla
compassione, alla generosità. Essere disposti a prendere in considerazione il carattere
precario della vita, a guardare in faccia la morte, può farci accorgere di quanto la vita sia
preziosa (Levine, 1998/2007).
L’attaccamento alla vita infatti, diventa più evidente quando l’ipotesi della morte diventa
più consapevole, è come se l’uomo comprendesse che esista una variabile tempo in cui è
possibile seguire i propri valori, concretizzare i propri desideri e aspettative. Non sono
poche le testimonianze di persone che hanno sconfitto una malattia, in cui emerge
chiaramente la percezione di riuscire a valorizzare la propria esperienza solo dopo aver
preso in considerazione l’idea che potesse in qualche modo finire. In tali situazioni
l’intensità della vita, l’intensità di ciò che facciamo, proviamo e pensiamo si avverte
maggiormente, la percezione che abbiamo è che la vita sia più presente perché la morte in
sé è più presente, il nostro mondo percettivo ne ha fatto esperienza. Quando vediamo la
68
La Mindfullness nella perdita e nella preparazione alla morte
morte a portata di mano iniziamo a capire qualcosa sulla vita (Ostaseski, 2011; Levine,
1998/2007).
Il rapporto che abbiamo con la morte dipende dal nostro rapporto con il dolore, con noi
stessi, con le persone che amiamo e con quanti ci amano, con i nostri valori fondamentali
(Ostaseski, 2011; Levine, 1998/2007).
Familiarizzare con la nostra sofferenza personale permette di aprirsi alle nostre ferite,
alla nostra gioia, alla nostra impotenza, spesso pensiamo alla perdita come ad un evento
particolare ma se guardiamo più a fondo ci rendiamo conto di quanto questa ci accompagni
nella nostra vita, proprio perché il dolore lo sperimentiamo inevitabilmente ogni giorno
(Ostaseski, 2011).
La mindfulness aiuta a non sfuggire la sofferenza, insegna a fermarsi e ad ascoltare in
modo da lasciarsi incuriosire dall’esperienza. Se questo accade si può iniziare a
comprendere che la sofferenza degli altri non è molto diversa dalla nostra. Da questo
momento di comprensione nasce la compassione, il soffrire con gli altri. Possiamo arrivare
alla compassione solo se ci siamo avvicinati a noi stessi con una certa tenerezza (Ostaseski,
2012).
Conclusioni
Nella psicoterapia, la mindfulness, ha profondamente influenzato i principi della terapia
cognitiva, tanto da essere ritenuta la terza generazione della Psicoterapia CognitivoComportamentale.
I più importanti approcci psicoterapici di terza generazione sono l’ACT (Acceptance and
Commitment Therapy) e la DBT (Dialectical Behaviour Therapy), entrambi basati sulla
mindfulness, l’elemento di novità è l’atteggiamento di apertura e accettazione nei confronti
delle proprie esperienze interne.
L’accettazione viene considerata uno strumento di cambiamento, partendo dal dato di
realtà che non è possibile vivere una vita orientata al raggiungimento dei propri valori e
scopi senza sperimentare sofferenza, dolore, perdita e vulnerabilità. I terapeuti partono dal
fatto che non si può scindere il dolore dall’esistenza (Bulli & Melli, 2010, in Bulli e Melli,
2010).
69
Francesca Solito
Accettazione non è sinonimo di rassegnazione, talvolta si può pensare che gli approcci
di terza generazione incoraggino a stare chiusi nel proprio dolore, in contatto con gli eventi
interni negativi. L’obiettivo principe degli approcci di terza generazione è quello di aiutare
i pazienti a riconoscere che la lotta contro le proprie esperienze interne indesiderate,
comporti inevitabilmente una vita insoddisfacente (Bulli & Melli, 2010, in Bulli e Melli,
2010).
Indipendentemente dal proprio credo religioso, dall’ateismo e l’agnosticismo, la
preghiera di Tommaso Moro riassume in modo accurato e preciso la nuova impostazione
della terza generazione di Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale: “Signore dammi la
forza di cambiare le cose che posso modificare e la pazienza di accettare quello che non
posso cambiare e la saggezza per distinguere la differenza fra le une e le altre.”
Interiorizzare tale atteggiamento porterebbe a liberare le nostre energie e le nostre risorse
per orientarle verso il cambiamento di ciò che è possibile modificare, in linea con i nostri
scopi e valori personali.
In alcuni paesi europei, come l’Inghilterra, la pratica della mindfulness è integrata e
insegnata all’interno del Sistema Sanitario Nazionale, è inoltre consigliata come valida
fonte di aiuto per la salute psicofisica da istituti internazionali come NICE 7 (National
Institute of Clinical Excellence).
In Italia esistono varie associazioni che consapevoli dei grandi benefici che la pratica
meditativa ha sulla qualità di vita personale e relazionale degli individui, si sono ispirati
alla ricerca e ai lavori di Jon Kabat Zinn e collaboratori. Il loro fine è quello di sviluppare la
pratica e l’integrazione della mindfulness in ambito clinico, in ambito esistenziale, in
ambito formativo-didattico e in ambito sociale, in modo da favorirne lo sviluppo in Italia.
Come si può evincere dal presente lavoro, le ricerche esistenti in letteratura dimostrano
l’efficacia della mindfulness nell’aiutare a convivere con la malattia oncologica.
Attualmente pratiche di mindfulness vengono utilizzate in ambito clinico anche come
7
L’Istituto Nazionale per la Salute e l’Eccellenza Clinica (NICE) è stato istituito nel 1999, ha come obiettivo quello di
migliorare la qualità dei trattamenti e delle cure del sistema sanitario nazionale. Inoltre cerca di risolvere l’incertezza su
quali farmaci, trattamenti e procedure rappresentino la cura migliore e offrano il miglior rapporto qualità-prezzo per il
sistema sanitario nazionale. Questo istituto introduce i migliori metodi per promuovere una vita sana, il benessere e
prevenire le malattie. Si rivolge alle autorità locali, al sistema sanitario nazionale e a tutti coloro che lavorano per
promuovere la salute nel settore pubblico, privato, nelle comunità e nel volontariato.
70
La Mindfullness nella perdita e nella preparazione alla morte
sostegno per l’elaborazione del lutto, ad esempio il Centro Italiano Studi Mindfulness
(CISM), organizza seminari o “incontri residenziali”, rivolti a chi desidera fare un lavoro
personale sul lutto e la perdita, per chi vuole elaborare le proprie esperienze di morte e
anche per chi lavora con malati terminali e vuole acquisire strumenti per
l’accompagnamento consapevole alla morte.
Risulta dunque evidente che nell’ambito della pratica clinica la meditazione mindfulness
sia largamente applicata al lutto e alle angosce di morte, ma la ricerca in questo campo non
è supportata da studi che interessano una popolazione precisa di pazienti e che utilizzano
procedure metodologiche e misurazioni oggettive. Si ritiene di conseguenza auspicabile che
la ricerca scientifica ne dimostri l’efficacia, attraverso studi rigorosi dal punto di vista
metodologico, in modo da supportare e avvalorare la pratica clinica.
Bibliografia
Barlow, D. H., & Craske, M. G. (2000). Mastery of anxiety and panic (3rd ed.). San Antonio, TX: Harcourt
Brace.
Bruce, A., & Davies, B. (2005). Mindfulness in Hospice Care: Practicing Meditation-in-Action. Qualitative
Health Research, vol.15 No. 10.
Bulli, F. & Melli, G. (2010). La Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale: tra passato, presente e futuro. In:
Bulli, F. & Melli, G. (Eds.). Mindfulness & Acceptance in psicoterapia: La terza generazione della
Terapia Cognitivo-Comportamentale. Firenze: Eclipsi.
Bulli, F. & Melli, G. (Eds.) (2010). Mindfulness & Acceptance in psicoterapia: La terza generazione della
Terapia Cognitivo-Comportamentale. Firenze: Eclipsi.
Cardinali, F. (1997). Il vivere e il morire: Incontri e domande nell’esperienza di uno psicoterapeuta. Terapia
Familiare. n. 53. APF-Roma. Retrived from the Web September 13, 2012.
http://www.itfa.it/docs/biblio/vivmor97.htm .
Carlson, L. E., Ursuliak, Z., Goodey, E., Angen, M., & Speca, M. (2001). The effects of a mindfulness
meditation-based stress reduction program on mood and symptoms of stress in cancer outpatients: 6
moonth follow-up. Supp Care Canc, 9, 2, 112-123.
Carlson, L. E., Speca, M., Patel, K. D., & Goodey, E. (2002). Mindfulness-based stress reduction in relation
to quality of life, mood, symptoms of stress and levels of cortisol, dehydroepiandrosterone sulfate
(DHEAS) and melatonin in breast and prostate cancer outpatients. Psychosomatic Medicine, 65, 571581.
Carlson, L. E., Speca, M., Faris, P., & Patel, K. D. (2007). One year pre-post intervention follow-up of
psychological, immune, endocrine and blood pressure outcomes of mindfulness-based stress reduction
(MBSR) in breast and prostate cancer outpatients. Brain Behavioral Immunology, 21 (8), 1038-1049.
Chiesa, A. (2011). Gli interventi basati sulla mindfulness: Cosa sono, come agiscono, quando utilizzarli.
Roma: Giovanni Fioriti Editore.
Classen, C., Butler, L.D., Koopman, C., Miller, E., DiMiceli, S., & Giese-Davis, J. et al. (2001). Supportiveexpressive group therapy and distress in patients with metastatic breast cancer: a randomized clinical
intervention trial. Arch Gen Psychiatry, 58, 5, 494-501.
71
Francesca Solito
Crane, R. (2009). Mindfulness-Based Cognitive Therapy. The CBT Distinctive Features Series. (Trad. it.
Ottaviani, C. (a cura di), La terapia cognitiva basata sulla mindfulness: Caratteristiche distintive,
FrancoAngeli, Milano, 2012).
De Silvestri, C. (1982). Il problema secondario. In Chiari, G. & Nuzzo, M. L. (a cura di) Le prospettive
comportamentale e cognitiva in psicoterapia. Roma: Bulzoni.
Foley, E., Baillie, A., Huxter, M., Price, M., & Sinclair, E. (2010). Mindfulness-based cognitive therapy for
individuals whose lives have been affected by cancer: a randomized controlled trial. J Consult Clin
Psychol 78, 1, 72-79.
Freud, S. (1989). Lutto e malinconia, in Opere, vol. 8.Torino: Boringhieri.
Germer, C. K., Siegel, R. D., & Fulton, P. R. (Eds.). (2005). Mindfulness and psychotherapy. New York:
Guilford Press.
Grossman, P., Nemman, L., Schmidt, S., & Walach, H. (2003). Mindfulness-based stress reduction and
Health benefits: A meta-analysis. Journal of Psychosomatic Research, 55, 1-9.
Harris, R. (2010). La trappola della felicità: Come smettere di tormentarsi e iniziare a vivere. Trento:
Erickson.
Hayes, S. C., & Smith, S. (2005). Get Out of your Mind and Into your Life. Oakland: New Harbinger
Publications, Inc. (trad. it. Smetti di soffrire, inizia a vivere: Impara a superare il dolore emotivo, a
liberarti dai pensieri negativi e vivi una vita che vale la pena di vivere, FrancoAngeli, Milano, 2010).
Hayes, S. C., Strosahl, K. D., & Wilson, K. G. (1999). Acceptance and Commitment Therapy: An Experiental
Approach to Behavior Change. New York: Guilford Press.
Holland, J. C. (2003). American Cancer Society Award lecture. Psychological care of patients: psychooncology’s contribution. J Clin Oncol 21, 23 Suppl, 253s-265s.
Kabat-zinn, J. (1982). An outpatient program in behavioral medicine for chronic pain patients based on the
practice of mindfulness meditation: Theoretical considerations and preliminary results. General
Hospital Psychiatry, 4, 33-47.
Kabat-Zinn, J., Lipworth, L., & Burney, R. (1985). The clinical use of mindfulness meditation for the selfregulation of chronic pain. Journal of Behavioral Medicine, 11, 333-352.
Kabat-Zinn, J. (1990). Full catastrophe living: Using the wisdom of your body and mind to face stress, pain,
and illness. New York: Dell Publishing. (Trad. it. Vivere momento per momento: Sconfiggere lo stress,
il dolore, l’ansia e la malattia con la saggezza di corpo e mente, Corbaccio Editore, Milano, 2005).
Kabat-Zinn, J. (1994). Wherever you go, there you are: mindfulness meditation in everyday life. Hyperion,
New York. (Trad. it. Dovunque tu vada ci sei già: Una guida alla meditazione, Tea pratica, Milano,
1997).
Kabat-Zinn, J., & Santorelli, S. (2010). Maindfulness-Based Stress Reduction (MBSR). Professional
Education and Training.
Kubler-Ross, E. (1990). La morte e il morire. Assisi: Cittadella.
Ledesma, D., & Kumano, H. (2009). Mindfulness-based stress reduction and cancer: a meta-analysis.
Psychooncology 18, 6, 571-579.
Lengacher, C. A., Johnson-Mallard, V., Post-White, J., Moscoso, M. S., Jacobsen, P. B., & Klein, T. W. et al.
(2009). Randomized controlled trial of mindfulness-based stress reduction (MBSR) for survivors of
breast cancer. Psychooncol 18, 12, 1261-1272.
Levine, S. (1998). Who dies?. New York: Dell Publishing. (Trad. it Chi muore? Quando si muore? Cuneo:
Edizioni Sensibili alle Foglie, 2007).
Linda, E., Carlson, L. E., Sheila, N., & Garland, S. N. (2005). Impact of mindfulness-Based Stress reduction
(MBSR) on Sleep, Mood, Stress and Fatigue Symptoms in Cancer Outpatients. International Journal
of Behavioral Medicine. Vol. 12, No. 4, 278-285.
72
La Mindfullness nella perdita e nella preparazione alla morte
Mackenzie, M.J., Carlson, L.E., Munoz, M., & Speca, M. (2007). A qualitative study of self perceived effects
of mindfulness based stress reduction (MBSR) in a psychosocial oncology setting. Stress and Health
23, 1, 59-69.
Montano, A. (2010). Le psicoterapie basate sulla mindfulness (MBSR e MBCT). In: Bulli, F. & Melli, G.
(Eds.). Mindfulness & Acceptance in psicoterapia: La terza generazione della Terapia CognitivoComportamentale. Firenze: Eclipsi.
Ostasesky, F. (2011). Saper accompagnare: Aiutare gli altri e se stessi ad affrontare la morte. Milano: Oscar
Mondadori.
Ostaseski, Frank. Teleconferenza Italiana, L’incontro con il mistero sulla soglia della morte, 3 aprile 2012.
Parkes, C. M. (1980). Il lutto: Studi sul cordoglio negli adulti. Milano: Feltrinelli.
Perdighe, C., & Mancini, F. (2010). Il lutto. Dai miti agli interventi di facilitazione dell’accettazione.
Psicobiettivo vol. XXX. FrancoAngeli.
Pescatori, Bianca. La coltivazione dello stato mentale mindfulness come aiuto nel ridurre la sofferenza nella
malattia oncologica. In: II Convegno Nazionale, La sofferenza nella malattia. Quale terapia per quale
dolore. Aula Magna Pocchiari, Istituto Superiore di Sanità, Roma,12-13 novembre, 2009.
Segal, Z. V., Teasdale, J. D., & Williams, J. M. G. (2002). Mindfulness-based cognitive therapy for
depression. A new approach to preventing relapse. New York: Guiford Press. (Trad. it. Giommi, F. (a
cura di), Mindfulness. Al di là del pensiero, attraverso il pensiero. Torino: Bollati Bornghieri, 2006).
Shapiro, S. L. & Carlson, L. E. (2009). The art and Science of Mindfulness. American Psychological
Association. Trad It. Crisafi, N. & Mele, S. L’Arte e la Scienza della mindfulness, in B. Pescatori & L.
Vistarini (Eds). Padova: Piccin Nuova Libraria S.p.a (2013).
Shennan, C., Payne, S., & Fenlon, D. (2010). What is the evidence for the use of mindfulness-based
interventions in cancer care? A review. Psychooncology.
Siew, B., & Khong, L. (2010). Mindfulness: A Way of Cultivating Deep Respect or Emotions. Springer
Science+Business Media, LLC.
Smith, E. J., Richardson, J., Hoffman, C., & Pilkington, K. (2005) Mindfulness-based stress reduction as
supportive therapy in cancer care: Systematic review. Journal of Advanced Nursing, 52, 315-327.
Speca, M., Carlson, L. E., Goodey, E., & Angen, M. (2000). A randomized, wait-list controlled clinical trial:
the effect of a mindfulness meditation-based stress reduction program on mood and symptoms of stress
in cancer outpatients. Psychosom Med 62, 5, 613-622.
Teasdale, J. D., Segal, Z.V., & Williams, J. M. G. (1995). How does cognitive therapy prevent depressive
relapse and why should attentional control (mindfulness) training help? Behav Res Ther 33, 1, 25-39.
Teasdale, J. D., Moore R. G., Hayhurst, H., Pope, M., Williams, S., & Segal, Z.V. (2002). Metacognitive
awareness and prevention of relapse in depression: empirical evidence. J consult Clin Psychol 70, 2,
275-287.
Theobald, D. E. (2004). Cancer pain, fatigue, distress, and insomnia in cancer patients. Clin Cornerstone 6
Suppl 1D, S15-21.
A te, per l’amore che hai saputo darmi
e per il profondo amore che hai saputo meritarti.
Nel mio viaggio…tu mi accompagni,
oggi, ancora più di prima.
A mia madre
73
Francesca Solito
F r a n c e sc a S o l it o
P s i c o l o g a - P s ic o t e r a p e u t a, G r os s e t o
S p e c i a l i z z at a a G r os s et o , t r a i n i n g G r a g na n i - P e r d i g h e
e-mail: [email protected]
Per comunicare con l’autore potete scrivere alla mail
personale, se fornita, o a quella della rivista:
[email protected]
Psicoterapeuti in-formazione è una rivista delle scuole di formazione APC
(Associazione di Psicologia Cognitiva) e SPC (Scuola di Psicoterapia Cognitiva).
Sede: viale Castro Pretorio 116, Roma, tel. 06 44704193 pubblicata su
www.psicoterapeutiinformazione.it
74
Fly UP