...

Oscar Wilde RACCONTI PER RAGAZZI IL PRINCIPE FELICE Nel

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

Oscar Wilde RACCONTI PER RAGAZZI IL PRINCIPE FELICE Nel
Oscar Wilde
RACCONTI PER RAGAZZI
IL PRINCIPE FELICE
Nel punto più alto della città, su un'alta colonna, stava la statua del Principe
Felice. Era tutto coperto di sottili lamine di oro preziosissimo, come occhi
aveva due zaffiri lucenti, e un grande rubino brillava sull'impugnatura della
spada.
Era molto ammirato da tutti.
"E' bello come una banderuola - notò un membro del Consiglio della Torre che si
vantava di essere un esperto d'arte, - ma non è altrettanto utile" aggiunse,
temendo che la gente potesse pensare che era una persona dotata di scarso senso
pratico.
"Perché non assomigli al Principe Felice? - domandava una mamma al suo bambino
che era solito piangere per niente. - Il Principe Felice non si sogna neppure di
piangere per qualcosa".
"Mi fa piacere che ci sia qualcuno al mondo che è sempre felice" mormorò un uomo
deluso dalla vita alzando lo sguardo sulla magnifica statua.
"Sembra proprio un angelo" dissero i ragazzi della Carità mentre uscivano dalla
cattedrale con le loro lucenti mantelline scarlatte e i lindi grembiulini.
"Come lo sapete? - disse il Maestro di Matematica. - Non ne avete mai visto
uno".
"Ah, ma noi li vediamo, nei nostri sogni" risposero i bambini; e il Maestro di
Matematica corrugò le sopracciglia e li guardò con molta severità, perché non
approvava che i bambini sognassero.
Una notte volò sulla città un piccolo Rondone.
I suoi amici erano partiti per l'Egitto sei settimane prima, ma lui era rimasto
indietro, perché si era innamorato della più bella Canna del fiume.
L'aveva incontrata all'inizio della primavera mentre volava lungo il fiume
inseguendo una farfalla gialla, ed era stato così attratto dalla sua esile
figura che si era fermato a parlarle.
"Posso amarti?" chiese il Rondone, a cui piacevano le maniere spicce, e la Canna
gli fece un profondo inchino. Così volò più volte intorno a lei, toccando
l'acqua con le sue ali, e formando leggeri increspature. Questo era il suo modo
di fare la corte, e continuò per tutta l'estate.
"E' una passione ridicola - squittirono le altre Rondini, - quella non ha
denaro, ma solo troppi parenti".
In verità il fiume era pieno di canne. Poi, quando arrivò l'autunno, le altre
rondini volarono via.
Dopo che le compagne se ne furono andate, egli si sentì solo, e cominciò a
stancarsi della sua innamorata.
"Non c'è conversazione - disse egli, - e io ho paura che sia una civetta, perché
sta sempre ad amoreggiare con il Vento".
E certamente, ogni qualvolta soffiava il Vento, la Canna faceva il più grazioso
degli inchini.
"E poi ha la stoffa della casalinga - continuò il Rondone, - mentre io amo
viaggiare, e mia moglie, di conseguenza, dovrebbe viaggiare anche lei".
"Vuoi venire con me?" le chiese alla fine; ma la Canna scosse la testa poiché
era molto affezionata alla sua casa.
"Ti sei preso gioco di me" gridò lei.
"Io parto per le Piramidi. Arrivederci!" e volò via.
Volò tutto il giorno, e di notte arrivò in città.
"Dove mi poserò? - si domandò il Rondone. - Spero che la città possa ospitarmi".
Detto questo, vide la statua sull'alta colonna.
"Mi metterò là - disse ad alta voce, - è una posizione bellissima, ben esposta
all'aria aperta".
Così il Rondone scese tra i piedi del Principe Felice.
"Ho un letto d'oro" disse tra sé, guardandosi attorno, e si preparò per dormire;
ma aveva appena messo la testa sotto l'ala, che una grossa goccia d'acqua cadde
su di lui.
"Che cosa curiosa! - pensò. - Non c'è neppure una nuvola nel cielo, le stelle
sono chiarissime e lucenti, eppure sta piovendo.
Il clima nel nord dell'Europa è veramente capriccioso. La Canna amava la
pioggia, ma il suo era puro egoismo".
Poi un'altra goccia cadde.
"A che serve una statua se non ti ripara dalla pioggia? - disse. - Devo cercare
una cappa di camino" e si decise a volare via.
Ma prima che aprisse le ali, una terza goccia cadde, ed egli guardò in su, e
vide... ah! che cosa vide?
Gli occhi del Principe Felice erano pieni di lacrime, e le lacrime scivolavano
giù dalle guance d'oro. La sua faccia era così bella nella luce lunare che il
piccolo Rondone si sentì impietosire.
"Chi sei?" chiese.
"Io sono il Principe Felice".
"Perché allora stai piangendo? - continuò il Rondone. - Mi hai completamente
bagnato".
"Quando ero vivo e avevo un cuore da uomo - rispose la statua, - io non sapevo
cosa fossero le lacrime perché vivevo nel Palazzo di Sans-Souci, dove alla
tristezza non era permesso di entrare.
Durante la giornata giocavo con i miei compagni nel giardino, e di sera mi
lanciavo nelle danze nel Grande Salone. Intorno al giardino c'era un alto muro,
ma io non mi sono mai preoccupato di chiedere cosa ci fosse al di là perché
tutto quello che stava intorno a me era bellissimo. I miei cortigiani mi
chiamavano il Principe Felice, e felice lo ero veramente, se il piacere
significa anche felicità. Così io vissi e così io morii. E ora che sono morto mi
hanno sistemato qui, così in alto che posso vedere tutte le brutture e le
miserie della mia città, e sebbene il mio cuore sia fatto di piombo non posso
far altro che piangere".
"Che cosa? Non è solido oro?" disse tra sé il Rondone. Era troppo educato per
fare osservazioni ad alta voce.
"Lontano da qui - continuò la statua con una profonda voce musicale, - lontano,
in una piccola via, c'è una povera casa. Una delle finestre è aperta, e
attraverso essa posso vedere una donna seduta al tavolo. La sua faccia è magra e
consumata, e ha mani arrossate e ruvide, che portano i segni delle punture
dell'ago, poiché è una ricamatrice. Sta ricamando alcune passiflore sui guanti
di satinche le più graziose damigelle della Regina indosseranno al prossimo
ballo di corte. In un letto nell'angolo della stanza c'è un ragazzino ammalato.
Ha la febbre, sta chiedendo qualche arancia. Sua madre non ha nient'altro da
dargli che l'acqua del fiume, e è per questo che lei sta piangendo.
Rondine, rondine, rondinella, le porterai il rubino dell'impugnatura della mia
spada? I miei piedi sono fissati a questo piedistallo e non posso muovermi".
"Sono attesa in Egitto" disse il Rondone.
"Starai con me una notte, vuoi essere il mio messaggero? Il ragazzo ha sete, e
sua madre è così triste..." replicò il Principe.
"Non credo mi piacciano i ragazzi - rispose il Rondone, - l'estate scorsa,
mentre volavo sul fiume, due ragazzi malvagi, i figli del mugnaio, lanciavano
sempre i sassi contro di me.
Non mi hanno mai colpito, naturalmente; noi rondini voliamo troppo bene perché
ci raggiungano, e inoltre io provengo da una famiglia famosa per la sua agilità;
comunque, è irrispettoso da parte di un ragazzo comportarsi in così".
Ma il Principe Felice sembrava così triste che il piccolo Rondone ne fu
dispiaciuto.
"Fa molto freddo qui - gli disse, - ma io starò con te questa notte, e sarò il
tuo messaggero".
"Grazie, piccolo Rondone" disse il Principe.
Così il Rondone prese il grande rubino dalla spada del Principe, e volò via con
questo nel becco sopra i tetti della città.
Passò vicino alla torre della cattedrale, con gli angeli di marmo bianco
scolpiti.
Vicino ad un palazzo sentì la musica di una sala da ballo. Una bellissima
ragazza uscì sul balcone con il suo spasimante.
"Che meraviglia le stelle - le disse lui, - meraviglioso il potere dell'Amore!"
"Spero che il mio vestito sia pronto in tempo per il ballo di Stato - intervenne
la ragazza, - ho ordinato che vi venissero ricamate alcune passiflore; ma la
ricamatrice è così pigra!" Passò sopra al fiume, e vide le lanterne appese al
bompresso delle navi. Passò sopra il Ghetto, e vide i vecchi ebrei che
contrattavano tra loro, e pesavano il denaro sui loro bilancini di rame.
Alla fine il Rondone arrivò alla povera casa e guardò all'interno.
Il ragazzo si agitava nel suo letto per la febbre e la madre si era addormentata
perché troppo stanca. Balzò dentro e lasciò il grande rubino sul tavolo, dietro
al ditale per cucire. Quindi volò gentilmente intorno al letto, facendo
leggermente vento al capo del ragazzo con le sue ali.
"Che frescura - disse il ragazzo, - mi sento meglio" e cadde in un delizioso
torpore.
Quindi il Rondone tornò dal Principe Felice, e gli raccontò cosa aveva fatto.
"E' curioso - notò il volatile, - ma ora mi sento abbastanza caldo, anche se fa
freddo".
"Senti caldo perché hai compiuto una buona azione" commentò il Principe.
E il piccolo Rondone cominciò a riflettere fino a quando si addormentò. Pensare
lo aiutava sempre a prendere sonno.
Quando il giorno spuntò, egli volò lungo il fiume e fece un bagno.
"Che fenomeno strano! - esclamò il Professore di Ornitologia, che stava passando
sul ponte. - Una rondine in inverno!" e scrisse una lunga relazione
sull'episodio per il locale quotidiano.
La relazione ebbe grande risonanza e venne citata da tutti, tanto era piena di
parole che nessuno capiva.
"Questa notte partirò per l'Egitto" disse il Rondone pieno di entusiasmo davanti
a questa prospettiva. Visitò tutti i monumenti della città, e si posò a lungo
sulla cima del campanile.
Dovunque egli andasse, i passeri si rallegravano, dicendosi l'un l'altro:
"Che uccello strano, diverso dagli altri!".
Così trascorse una piacevole giornata. Quando la luna spuntò, ritornò dal
Principe Felice.
"Posso farti qualche favore in Egitto? - gli domandò. - Sto partendo".
"Rondine, rondine, rondinella - disse il Principe, - starai con me una notte di
più?" "Mi aspettano in Egitto - rispose il Rondone, domani le mie amiche
voleranno fino alla seconda cateratta. L'ippopotamo nuota tra i giunchi e su un
trono di granito siede il dio Memnon. Tutte le notti guarda le stelle, e quando
la stella del mattino brilla, egli lancia un grido di gioia, poi fa silenzio. A
mezzogiorno i leoni dalla bionda criniera scendono a bere fino al bordo
dell'acqua. Essi hanno occhi come berilli verdi e il loro ruggito è fragoroso
come il rumore della cateratta." "Rondine, rondine, rondinella - disse il
Principe, - lontano dalla città io vedo un giovane uomo in una soffitta. Egli è
piegato sopra un tavolo coperto di carte, e in un grosso bicchiere al suo fianco
c'è un mazzo di violette bianche e rosse. I suoi capelli sono castani e crespi,
e le sue labbra sono rosse come una melagrana, e ha occhi grandi e sognanti. Sta
tentando di scrivere una commedia per il Direttore del Teatro, ma fa troppo
freddo per continuare ancora. Non c'è fuoco nel camino, e la fame lo fa
barcollare".
"Starò con te una notte ancora - replicò il Rondone, che aveva veramente un
grande cuore, - gli porterò un altro rubino?" "Eh, non ho più rubini ora sospirò il Principe, i miei occhi sono tutto quello che mi resta. Sono fatti di
rari zaffiri, e vennero portati dall'India mille anni fa. Strappamene uno e
portaglielo. Lo venderà a un gioielliere, e comprerà cibo e legna da ardere,
così finirà il lavoro". "Caro Principe - disse il Rondone, - non posso farlo" e
cominciò a piangere.
"Rondine, rondine, rondinella - insistette il Principe, - fai come ti dico".
Così il Rondone strappò l'occhio del Principe, e volò via verso la soffitta dove
abitava il giovane scrittore.
Fu abbastanza facile entrare, dato che c'era un buco nel tetto.
Il giovane teneva la testa fra le mani, perciò non sentì il battito delle ali
dell'uccello, e quando alzò gli occhi trovò il bellissimo zaffiro tra le
violette bianche e rosse.
"Sto cominciando ad essere apprezzato esclamò, - questo è da parte di un grande
ammiratore. Ora io posso finire il mio lavoro" e nel suo sguardo passò
finalmente la felicità.
Il giorno seguente il Rondone volò sul porto. Si posò sull'albero maestro di un
grande vascello e guardò i marinai che trasportavano grandi casse fuori dalla
stiva per mezzo di corde di canapa.
"Oh, issa!" urlavano appena una cassa veniva su.
"Sto andando in Egitto" gridò il Rondone, ma nessuno lo capì, e, quando la luna
spuntò, volò dal Principe Felice.
"Sono venuto a salutarti" gli disse.
"Rondine, rondine, rondinella - supplicò il Principe, - starai con me ancora una
notte?" "E' inverno - rispose il Rondone, - e la fredda neve scenderà ben
presto. In Egitto il sole è caldo sui palmeti verdi, e il coccodrillo si allunga
pigramente nella palude. Le mie compagne stanno costruendo un nido nel Tempio di
Baalbec, e le colombe rosa e bianche stanno guardandoli e tubano fra loro.
Caro Principe, io devo lasciarti, ma non ti dimenticherò, e la prossima
primavera ti porterò due bellissimi gioielli in cambio di quelli che hai ceduto.
Il rubino sarà più rosso di una rosa rossa, e lo zaffiro sarà blu come il grande
mare".
"Nella piazza giù in basso - lo interruppe il Principe Felice, - c'è una piccola
fiammiferaia . Ha lasciato cadere i fiammiferi nel fango, e sono tutti rovinati.
Suo padre la picchierà se lei non porterà a casa un po' di denaro, e per questo
sta piangendo. Non ha scarpe né calze, e la sua testolina è scoperta. Strappami
l'altro occhio, e daglielo, così suo padre non la picchierà".
"Starò con te un'altra notte - sospirò il Rondone, - ma non posso strapparti un
altro occhio. Diventeresti cieco".
"Rondine, rondine, rondinella - disse il Principe,- fai come ti dico".
Così il Rondone strappò l'altro occhio al Principe.
Poi passò, volando impetuoso, vicino alla fiammiferaia, e fece scivolare il
gioiello nel palmo della sua mano.
"Che splendido pezzo di vetro" esclamò la ragazzina; e corse a casa ridendo.
Quindi il Rondone tornò dal Principe.
"Ora sei cieco - gli disse, - starò con te per sempre".
"No, Rondinella - disse il povero Principe, - devi volare in Egitto".
"Starò con te per sempre" insisté il Rondone, e dormì ai piedi del Principe.
Tutti i giorni che seguirono il Rondone si sedette sulla spalla del Principe e
gli raccontò quello che aveva visto di strano nelle terre dove era stato. Gli
parlò degli ibis rossi, che stavano in lunghe file sulle rive del Nilo,
trasportando pesci rossi nel becco; della Sfinge, che è vecchia come il mondo, e
vive nel deserto, e conosce ogni cosa; dei mercanti, che camminano lentamente al
fianco dei loro cammelli, portando rosari d'ambra nella mano; del re della
Montagna della Luna, che è nero come l'ebano, e adora una grossa sfera di
cristallo; e del grande serpente verde che dorme tra le palme, e ha venti preti
che lo nutrono di torte al miele; e dei Pigmei che navigano su un grande lago a
bordo di una vasta foglia piatta, e sono sempre in guerra con le farfalle.
"Caro Rondone - disse il Principe, - tu hai visto cose meravigliose, ma più
meravigliosa di tutto è la sofferenza di un uomo e di una donna. Non c'è mistero
tanto grande quanto la miseria. Vola sulla mia città, piccola Rondine, e dimmi
cosa vedi laggiù".
Così il Rondone volò sulla grande città e vide i ricchi che si divertivano nelle
loro bellissime case, mentre i mendicanti chiedevano l'elemosina davanti ai loro
portoni. Volò sui vicoli bui e vide la faccia smunta dei bambini affamati che
osservavano tristemente la strada desolata. Sotto l'arco del ponte due ragazzini
stavano distesi l'uno nelle braccia dell'altro nel tentativo di difendersi dal
freddo.
"Che fame!" si lamentavano di tanto in tanto.
"Non potete stare qui" gridò loro la guardia, e i due se ne andarono, vagabondi
sotto la pioggia.
Allora il Rondone tornò indietro per raccontare al Principe quello che aveva
visto.
"Io sono coperto di oro prezioso - disse il Principe, - prendilo, foglia per
foglia, e portalo ai poveri; gli uomini sono sempre convinti che l'oro dia la
felicità".
Il Rondone staccò foglia dopo foglia l'oro del quale era rivestito il Principe,
fino a che egli non apparve del tutto scuro e grigio.
Foglia dopo foglia l'oro preziosissimo venne portato ai poveri, e la faccia dei
bambini si fece colorita, e iniziarono a ridere e a giocare nella strada.
"Ora abbiamo il pane!" gridarono.
Poi allora scese la neve, e dopo la neve arrivò il gelo. Le strade sembrava
fossero fatte d'argento tanto erano cristalline e luccicanti; lunghi ghiaccioli
pendevano dalle grondaie delle case, le persone indossavano le pellicce, e i
bambini portavano berretti scarlatti e pattinavano sul ghiaccio.
Il povero Rondone sentiva sempre più freddo, ma non avrebbe mai lasciato il
Principe, lo amava troppo. Beccò un po' di mollica davanti al negozio del
panettiere senza essere visto, e tentò di mantenersi al caldo battendo
continuamente le ali.
Ma infine capì che la morte si stava avvicinando.
Gli restò la forza per andare una volta ancora sulla spalla del Principe.
"Arrivederci, caro Principe! - mormorò. - Permettete che vi baci la mano?" "Sono
felice che tu stia partendo per l'Egitto disse il Principe, - sei rimasto troppo
a lungo con me; ma vorrei che tu mi baciassi sulle labbra, perché io ti amo".
"Non è in Egitto che sto andando - disse il Rondone, - sto per entrare nella
Casa della Morte. La Morte è la sorella del Sonno, non è vero?" Baciò il
Principe Felice sulle labbra, e cadde al suolo morto.
In quel momento uno strano scricchiolio si sentì arrivare da dentro la statua,
come se qualcosa si fosse rotto. In effetti il cuore di piombo si era spezzato
proprio in due.
Certamente era stato il gelo.
La mattina dopo, di buon'ora, il Sindaco si trovò a passeggiare nella piazza,
sotto la statua, accompagnato dal Consigliere della Torre. Quando passarono
davanti alla colonna guardarono in su e il primo disse:
"Cielo! Com'è malvestito il Principe Felice!".
"Che aspetto miserabile!" replicò il secondo, che era sempre d'accordo con il
Sindaco; e salirono sul piedistallo per controllare meglio.
"Il rubino è caduto dalla spada, il Principe non ha più gli occhi e non è più
ricoperto d'oro - esclamò il Sindaco, - è poco meglio di un mendicante!" "Un po'
meglio di un mendicante" ribadì il Consigliere della Torre.
"E c'è anche un uccello morto ai suoi piedi! continuò il Sindaco.
- Dobbiamo dichiarare pubblicamente che all'uccello non era stato accordato il
permesso di morire qui".
E il Segretario Comunale redasse un bando.
Quindi la statua del Principe Felice venne abbattuta.
"Poiché non è più bella a vedersi, non è più nemmeno utile" disse il Professore
d'Arte dell'Università.
Quindi venne fusa in una fornace, e il Sindaco riunì il Consiglio per decidere
che cosa si dovesse farne del metallo ottenuto.
"Naturalmente, dobbiamo costruire un'altra statua - egli disse, - e sarà la mia
effigie".
"No, sarà la mia" disse ognuno dei Consiglieri, e cominciarono tutti a
protestare. L'ultima volta che li ho sentiti parlare stavano ancora discutendo a
chi andava dedicata la statua.
"Che strana cosa! - disse il capo fabbrica agli operai della fonderia. - Questo
cuore di piombo spezzato non riesce a fondersi.
Dovremo gettarlo via".
Così egli lo buttò tra i rifiuti, proprio dove giaceva anche il Rondone morto.
"Portami le due cose più preziose che ci sono nella città" disse Dio ad uno dei
suoi Angeli; e l'Angelo gli portò il cuore di piombo e l'uccello morto.
"Hai scelto bene - disse, lodandolo, Dio, - perché nel mio giardino in Paradiso
questo uccellino canterà per sempre, e nella mia città d'oro il Principe Felice
sarà il simbolo della mia gloria".
L'USIGNOLO E LA ROSA
"Ha detto che ballerà con me se le porto rose rosse esclamò il giovane Studente,
- ma in tutto il mio giardino non c'è nemmeno una rosa rossa".
Dal suo nido nel folto della Quercia l'Usignolo lo sentì e guardò attraverso le
foglie e si stupì.
"Nemmeno una rosa rossa nel mio giardino! - ripeté e i suoi begli occhi si
riempirono di lacrime. - Oh! Da che misere cose dipende la felicità! Ho letto
tutto quello che i saggi hanno scritto, e possiedo ogni segreto della Filosofia;
ma ora, poiché mi manca una rosa rossa, la mia vita è rovinata." "Ecco, dunque,
un vero innamorato! - disse l'Usignolo. - Notte dopo notte ho cantato per lui,
anche se non lo conoscevo: notte dopo notte ho raccontato la sua storia alle
stelle e, finalmente, lo vedo. I suoi capelli sono scuri come il bulbo del
giacinto, e le sue labbra sono rosse come la rosa che bramerebbe avere; ma la
passione ha reso il suo viso pallido come avorio e il dolore ha impresso il suo
sigillo sulla sua fronte".
"Il Principe darà un ballo domani sera - mormorò il giovane Studente, - e il mio
amore ci andrà. Se le porterò una rosa rossa, lei danzerà con me fino all'alba.
Se le porterò una rosa rossa, la potrò tenere tra le mie braccia e lei appoggerà
il suo capo sulla mia spalla e la sua mano stringerà la mia. Ma non c'è nemmeno
una rosa rossa nel mio giardino, cosicché io siederò da solo e lei mi passerà
vicino. Non si curerà di me e il mio cuore sarà spezzato".
"Ecco, dunque, un vero innamorato! - disse l'Usignolo. - Per ciò di cui io
canto, lui soffre: ciò che è gioia per me, per lui è sofferenza. Certamente
l'amore è una cosa meravigliosa. E' più prezioso di uno smeraldo e più raro del
più splendido opale. Le perle e i granati non riescono a comprarlo, e nemmeno si
riesce a trovarlo al mercato. Non può essere acquistato dai mercanti, né può
essere pesato su un bilancino per l'oro".
"L'orchestra siederà sul palco - disse il giovane Studente, - e suonerà, e il
mio amore ballerà al ritmo dell'arpa e del violino.
Danzerà con leggerezza, senza nemmeno toccare il pavimento e i cortigiani si
affolleranno nei loro vestiti variopinti attorno a lei. Ma con me non ballerà:
non ho una rosa rossa da donarle".
Detto questo si gettò sull'erba e si coprì il volto con le mani e pianse.
"Perché sta piangendo?" chiese una piccola Lucertola verde, correndo accanto a
lui agitando la coda in aria.
"Perché, insomma?" chiese una Farfalla, mentre volava in un raggio di sole.
"Perché, insomma?" sussurrò una Margherita alla sua vicina con voce bassa e
sottile.
"Sta piangendo per una rosa rossa" rispose l'Usignolo.
"Per una rosa rossa! - esclamarono. - Che cosa ridicola!" E la piccola
Lucertola, davvero cinica, gli rise in faccia.
Ma l'Usignolo capì il segreto dispiacere dello Studente e rimase silenzioso,
appollaiato su un ramo della Quercia, pensando al mistero dell'Amore.
Improvvisamente, aprì le sue ali marroni e si librò nell'aria.
Passò attraverso il boschetto come un'ombra, e come un'ombra volò attraverso il
giardino.
Al centro di un'aiuola cresceva un bellissimo Cespuglio di rose, e quando lo
vide gli volò sopra, posandosi su di un piccolo ramo.
"Dammi una rosa rossa - esclamò, - e ti canterò la mia canzone più dolce".
Ma il Cespuglio scrollò il capo.
"Le mie rose sono bianche - rispose, - bianche come la schiuma del mare, e più
bianche della neve sulle montagne. Ma vai da mio fratello che cresce vicino alla
vecchia meridiana, e forse lui ti darà quello che desideri".
Così l'Usignolo volò sopra il Cespuglio di rose che cresceva vicino alla vecchia
meridiana.
"Dammi una rosa rossa - esclamò, - e ti canterò la mia canzone più dolce".
Ma il Cespuglio scosse la testa.
"Le mie rose sono gialle - rispose, - gialle come il capelli della ninfa marina
che siede vicino al trono d'ambra, e più gialle dell'asfodelo che spunta nel
prato prima che il giardiniere giunga con la sua falce. Ma vai da mio fratello
che cresce vicino alla finestra dello Studente, e forse lui ti darà quello che
desideri".
Così l'Usignolo volò sopra il Cespuglio di rose che cresceva vicino alla
finestra dello studente.
"Dammi una rosa rossa - esclamò, - e ti canterò la mia canzone più dolce".
Ma il Cespuglio scosse la testa.
"Le mie rose sono rosse - rispose, - rosse come le zampe della colomba e più
rosse dei grandi ventagli di corallo che ondeggiano nelle caverne dell'oceano.
Ma l'inverno ha gelato le mie vene, e il gelo ha fatto cadere i miei germogli, e
la tempesta ha spezzato i miei rami, e io non avrò più rose per quest'anno".
"Una sola rosa rossa mi basta - insistette l'Usignolo, - solo una rosa rossa!
Non c'è nessun modo per averla?" "C'è un modo - disse il Cespuglio, - ma è così
terribile che non oso parlartene..." "Dimmelo - replicò l'Usignolo, - non ho
paura!" "Se vuoi una rosa rossa - proseguì il Cespuglio, devi costruirtela con
il tuo canto alla luce della Luna, e colorarla col sangue del tuo cuore. Devi
cantare per me con il petto squarciato da una spina. Devi cantare tutta la notte
e la spina deve straziare il tuo cuore e il tuo sangue, il tuo fluido vitale,
deve scorrere nelle mie vene, diventando il mio".
"La morte è un caro prezzo da pagare per una rosa rossa - si lamentò l'Usignolo,
- e la Vita è cara a tutti. E' bello stare nel folto degli alberi e seguire il
corso del Sole sul suo carro dorato e della Luna sul suo cocchio di perle. Dolce
è il profumo del biancospino e dolci sono le campanule che si nascondono nella
valle e l'erica che cresce sulla collina. Però l'Amore è più bello della Vita, e
cos'è il cuore di un piccolo uccellino paragonato al cuore di un uomo?" Così
l'usignolo distese le sue alucce marroni per il volo e s'innalzò in aria. Passò
il giardino sfiorandolo come un'ombra e come un'ombra volò dentro il folto del
boschetto.
Il giovane Studente stava ancora disteso sull'erba, come lo aveva lasciato, e le
lacrime non si erano ancora asciugate nei suoi splendidi occhi.
"Stai allegro - disse l'Usignolo, - stai allegro: avrai la tua rosa rossa. Te la
costruirò con il mio canto alla luce della Luna e la colorerò con il sangue del
mio cuore. Tutto quello che ti chiedo in cambio è che tu sia un buon innamorato
poiché l'Amore è più saggio della Filosofia, benché essa sia saggia e più forte
della stessa Forza, la quale è tuttavia potente. Le ali dell'Amore sono colore
di fiamma e colore di fiamma è il suo corpo. Le sue labbra sono dolci come il
miele e il suo alito è profumato come l'incenso".
Lo Studente alzò la testa dall'erba per ascoltare, ma non poté capire quello che
l'Usignolo gli stava dicendo dato che conosceva solo le cose che sono scritte
nei libri.
Ma la Quercia comprese e si sentì triste, perché che amava molto il piccolo
Usignolo che aveva costruito il suo nido nel folto dei suoi rami.
"Cantami un'ultima canzone - sussurrò, - mi sentirò molto triste quando tu non
ci sarai più".
Così l'Usignolo cantò per la Quercia e la voce gli uscì dalla gola come acqua
che sgorga da un vaso d'argento.
Quando concluse il suo canto lo Studente si alzò e tirò fuori di tasca un
quaderno e una matita.
"E' bella - disse a se stesso, mentre usciva dal folto del boschetto - e questo
non si può negarlo; ma avrà del sentimento?
Ho paura di no. In effetti è come la maggior parte degli artisti:
è solo apparenza, apparenza senza sincerità. Non si sacrificherebbe per gli
altri. Lei pensa solo alla musica e tutti sanno che le arti sono egoiste. Però
bisogna ammettere che ha una bella voce. Che peccato che tutto questo non
significhi niente o, comunque, non porti nessun beneficio pratico". Si diresse,
dunque, verso la sua stanza. Si gettò sul suo lettuccio e cominciò a pensare al
suo amore; dopo poco si addormentò.
E quando la Luna iniziò a splendere in cielo, l'Usignolo volò dal Cespuglio di
rose e gettò il suo petto contro una spina. Tutta la notte cantò con il petto
contro la spina e la fredda, pallida Luna si sporse ad ascoltare il suo canto.
Tutta la notte cantò, e la spina penetrò sempre più profondamente nel suo petto,
e il suo sangue, il suo fluido vitale, fuggì da lui.
Dapprima cantò della nascita dell'Amore nel cuore di un ragazzo e una ragazza. E
sul ramo più alto del Cespuglio di rose spuntò un fiore meraviglioso, petalo
dopo petalo, man mano che una canzone seguiva l'altra. Era pallido, all'inizio,
come la bruma che cala sulla riva del fiume nel primo mattino, e colore
dell'argento, come le ali dell'aurora. Come l'ombra di una rosa in uno specchio
d'argento, come l'ombra di una rosa in uno stagno, così si colorò il fiore che
cresceva sul ramo più alto del Cespuglio.
Ma il Cespuglio disse all'Usignolo di premere più forte contro la spina che gli
trafiggeva il petto. "Premi più forte, piccolo Usignolo! - incitò il Cespuglio.
- O il Giorno si alzerà prima che la Rosa sia spuntata".
Così l'usignolo premette più forte e sempre più alta salì la sua canzone mentre
cantava della nascita della passione nell'animo di un uomo e una donna.
E un delicato flusso di colore tinse i petali del fiore, simile al rossore che
coglie il volto del fidanzato mentre bacia la sua promessa. Ma la spina non
aveva ancora raggiunto il suo cuore e per questo motivo il centro dei petali
rimaneva bianco: solo il sangue del cuore di un Usignolo può arrossare il cuore
di una rosa.
E ancora il Cespuglio disse all'Usignolo di premere più forte contro la spina.
"Premi più forte, piccolo Usignolo! - incitò il Cespuglio. - O il Giorno si
alzerà prima che la Rosa sia spuntata".
Così l'usignolo premette più forte e la spina trafisse il suo cuore: sentì una
fitta dolorosa. Amaro, amaro fu il dolore e la sua canzone salì sempre più
forte: cantava dell'Amore che è reso perfetto dalla Morte, dell'Amore che non
può morire in una tomba.
E la meravigliosa rosa divenne cremisi, il colore del cielo ad oriente. Cremisi
la ghirlanda dei petali e rosso rubino il cuore del fiore.
Ma la voce dell'Usignolo divenne più debole e le sue piccole ali cominciarono a
sbattere: un velo gli annebbiò la vista. Sempre più debole saliva la sua canzone
e cominciò a sentire qualcosa che gli soffocava la voce in gola.
Quindi cantò un'ultima volta. La Luna bianca l'ascoltò e si dimenticò dell'alba
incombente, indugiando in cielo. La rosa rossa l'ascoltò e fu scossa da una
specie di estasi, aprendo i suoi petali alla fresca brezza del mattino. L'eco
portò il suo canto alla sua caverna purpurea sulle colline e svegliò i pastori
dai loro sogni. Il suo canto galleggiò attraverso i canneti del fiume e arrivò
fino al mare.
"Guarda, guarda! - esclamò il Cespuglio. - La rosa ora è spuntata".
Ma l'Usignolo non rispose perché giaceva morto nell'erba alta, con una spina
piantata nel petto.
E a mezzogiorno lo Studente aprì la sua finestra e guardò fuori.
"Che fortuna incredibile! - esclamò. - Ecco una rosa rossa! Non ne ho mai vista
una uguale in tutta la mia vita. E' così bella che sono sicuro che deve avere un
lungo nome latino". Si sporse e la colse.
Si mise quindi il cappello e andò alla casa del Professore con la rosa in una
mano.
La Figlia del Professore era seduta sulla soglia di casa ed era intenta a
dipanare dall'arcolaio una matassa di seta azzurra. Il suo cagnolino era
accoccolato ai suoi piedi.
"Hai detto che avresti danzato con me se ti avessi portato una rosa rossa cominciò lo Studente. - Eccoti la rosa più rossa del mondo. L'appunterai vicino
al tuo cuore stasera e mentre balleremo ti dirà quanto ti amo".
Ma la ragazza aggrottò le ciglia.
"Ho paura che non si adatti al mio vestito rispose, - e, inoltre il Nipote del
Ciambellano mi ha mandato dei veri gioielli e tutti sanno che i gioielli valgono
molto di più dei fiori".
"Ebbene, parola mia, sei proprio ingrata" replicò lo Studente arrabbiato,
gettando la rosa in strada. Il fiore cadde in un rigagnolo e la ruota di un
carro la schiacciò.
"Maleducato! - esclamò la ragazza. - Sei proprio maleducato. E dopo tutto chi
sei? Solo uno Studente. In verità non credo nemmeno tu abbia fibbie d'argento
alle scarpe come il Nipote del Ciambellano." Detto così, si alzò e rientrò in
casa.
"Che cosa sciocca è l'Amore! - esclamò lo Studente. Non vale la metà della
Logica: non dimostra niente, fa sperare in eventi che non succedono mai e fa
credere cose che non sono vere. In effetti è poco utile, mentre in quest'epoca
tutto deve essere utile.
Tornerò alla Filosofia e studierò la Metafisica".
Così egli ritornò alla sua stanza, tirò fuori un vecchio libro polveroso e si
mise a leggerlo.
IL GIGANTE EGOISTA
Ogni pomeriggio, appena uscivano dalla scuola, i bambini avevano l'abitudine di
andare a giocare nel giardino del Gigante.
Era un grazioso e vasto giardino, con erba soffice e verde. Qua e là sull'erba
c'erano bellissimi fiori che sembravano stelle, e dodici alberi di pesco che in
primavera fiorivano di bianco e rosa, e in estate davano frutti succosi. Gli
uccelli si posavano sugli alberi e cantavano così dolcemente che i bambini
interrompevano i loro giochi per ascoltarli.
"Come siamo felici qui!" gridarono gli uni agli altri.
Un giorno il Gigante tornò. Era stato a visitare suo fratello, l'Orco di
Cornovaglia, e si era trattenuto con lui per sette anni.
Dopo sette anni aveva detto tutto quanto aveva da dire e si era deciso a
ritornare nel suo castello. Quando arrivò, vide i bambini che giocavano nel
giardino.
"Che cosa state facendo laggiù?" gridò con voce burbera, e i bambini scapparono
via.
"Il mio giardino è mio! - proclamò il Gigante. - Chiunque può capirlo, e non
permetterò a nessun altro di giocarci". Così vi costruì un alto muro
tutt'intorno, e mise un cartello:
VIETATO L'INGRESSO
I TRASGRESSORI SARANNO PERSEGUITI A TERMINI DI LEGGE
Era veramente egoista quel Gigante.
I poveri bambini ora non avevano un posto dove giocare. Provarono a giocare
sulla strada, ma la strada era veramente sporca e piena di polvere e sassi
acuminati, e a loro non piaceva. Erano soliti gironzolare intorno alle mura
invalicabili dopo l'orario di lezione, parlando tra loro dello stupendo giardino
all'interno.
"Come eravamo felici lì!" si dicevano.
Poi arrivò la Primavera, e in tutto il paese spuntarono deliziosi fiorellini sui
quali svolazzavano gli uccellini novelli. Soltanto nel giardino del Gigante
Egoista era ancora inverno. Gli uccelli non si preoccupavano di cantare perché
non c'erano i bambini, e gli alberi si dimenticarono di fiorire. Un solo
bellissimo fiore mise la sua testolina fuori dall'erba, ma quando vide il
cartello fu così dispiaciuto per i bambini che si infilò nuovamente nella terra,
e ritornò a dormire. I soli contenti furono la Neve e il Gelo.
"La Primavera ha dimenticato questo giardino esclamarono, - cosicché noi potremo
viverci tutto l'anno".
La Neve coprì l'erba con il suo grande mantello bianco, e il Gelo dipinse
d'argento tutti gli alberi. Quindi invitarono il Vento del Nord a stare con
loro, ed egli venne. Era avvolto in una pelliccia, e ruggì dal mattino alla sera
nel giardino, e abbatté i comignoli.
"Questo è un posto piacevolissimo - disse, - dobbiamo invitare la Grandine".
E la Grandine arrivò. Ogni giorno per tre ore questa crepitò sul tetto del
castello finché non ebbe rotto la maggior parte delle tegole, e allora si mise a
correre senza mai fermarsi intorno al giardino, più forte che poteva. Era
vestita di grigio, e il suo alito era di ghiaccio.
"Non capisco proprio come mai la Primavera tardi così tanto ad arrivare - disse
il Gigante Egoista guardando dalla finestra il suo giardino freddo e coperto di
neve, - spero che il tempo possa cambiare presto".
Ma la Primavera non arrivò, e nemmeno l'Estate.
L'Autunno portò frutti dorati in tutti i giardini ma non in quello del Gigante.
"E' troppo egoista" disse l'Autunno. Così là era sempre Inverno, e il Vento del
Nord, la Grandine, il Gelo, la Neve danzavano qua e là fra gli alberi.
Una mattina il Gigante stava disteso nel suo letto, sveglio, quando sentì una
musica dolcissima. Gli sembrò così dolce che pensò dovessero essere i musicanti
che passavano. In realtà era soltanto un piccolo fanello che cantava davanti
alla finestra, ma era da tanto tempo che non sentiva cantare un uccello nel suo
giardino, che quella gli sembrò la musica più soave del mondo.
Allora la Grandine smise di ballargli sulla testa, e il Vento del Nord cessò di
ruggire, e un delizioso profumo entrò attraverso i battenti aperti.
"Credo che sia veramente arrivata la Primavera" disse il Gigante; e saltò giù
dal letto per guardar fuori.
Che cosa vide?
Vide una scena stupenda. Da un piccolo buco nel muro i bambini si erano
insinuati nel giardino, e stavano seduti sui rami degli alberi. Su ogni albero
che poteva vedere c'era un bambino. E gli alberi erano così felici di avere di
nuovo i bambini con loro, che si ricoprirono di germogli, e agitavano
delicatamente i rami sulla testa dei bambini. Gli uccelli stavano volando qua e
là cinguettando allegramente, e i fiori occhieggiavano tra l'erba verde e
ridevano. Era una scena deliziosa: solo in un angolo era ancora inverno. Era
l'angolo più lontano del giardino e lì un bambino stava dritto in piedi. Era
così piccolo che non riusciva a raggiungere i rami degli alberi, e vi girava
tutt'intorno, piangendo amaramente.
Il povero albero era ancora coperto di neve e gelo, e il Vento del Nord soffiava
e ruggiva tutt'intorno.
"Sali, bambino!" disse l'albero, e piegò i rami più che poté; ma il ragazzo era
troppo piccolo.
E il cuore del Gigante a quella vista si squagliò immediatamente.
"Come sono stato egoista! - esclamò. - Ora so perché la Primavera tardava a
venire. Metterò quel povero bambino in cima all'albero, e destinerò per sempre
il mio giardino ai giochi dei bambini".
Era davvero molto dispiaciuto per quello che aveva fatto.
Così scese furtivamente e aprì senza rumore il portone di fronte, uscendo dal
giardino. Ma quando i bambini lo videro si spaventarono talmente che scapparono
via, e nel giardino ritornò l'Inverno. Soltanto il bambino più piccolo non fuggì
perché aveva gli occhi così pieni di lacrime che non poté vedere il Gigante
avvicinarsi. E il Gigante gli si avvicinò da dietro, lo prese gentilmente per
mano e lo sollevò sull'albero. E l'albero fece immediatamente sbocciare i fiori,
e gli uccelli si posarono cantando sui rami, e il bambino tese le braccia e le
gettò al collo del Gigante e lo baciò. E gli altri bambini, quando videro il
Gigante che non era più cattivo come un tempo, tornarono di corsa e con loro
tornò la Primavera.
"Bambini, il giardino è vostro ora" disse il Gigante, e prese una grande scure e
abbatté il muro. E alle dodici, quando la gente uscì per andare al mercato,
trovò il Gigante che giocava con i bambini nel giardino più bello che avessero
mai visto.
Tutto il giorno giocarono e la sera tornarono dal Gigante a salutarlo.
"Ma dov'è il vostro piccolo compagno? - domandò. - Il bambino che ho messo
sull'albero". Il Gigante lo amava più di tutti gli altri perché era stato lui a
baciarlo.
"Non lo sappiamo - risposero i bambini, - è andato via".
"Dovete dirgli di stare tranquillo e di venire domani" disse il Gigante. Ma i
bambini risposero che non sapevano dove abitava, e che non l'avevano mai visto
prima di allora; e il Gigante si sentì molto triste.
Tutti i pomeriggi, quando la scuola terminava, i bambini venivano a giocare con
il Gigante. Ma il bambino che il Gigante amava non si fece mai più vedere. Il
Gigante era gentilissimo con tutti i bambini, eppure quel suo piccolo primo
amico gli mancava moltissimo, e chiedeva spesso sue notizie.
"Come vorrei vederlo ancora!" era solito ripetere.
Passarono gli anni, e il Gigante divenne molto vecchio e debole.
Non poteva più partecipare ai giochi, così, seduto su una grande poltrona, si
limitava ad osservarli e ad ammirare il giardino.
"Ho tanti fiori bellissimi ma i fiori più belli di tutti sono i bambini"
esclamava ogni tanto.
Una mattina d'inverno guardò fuori dalla finestra mentre si vestiva. Ora non
odiava più l'Inverno, perché sapeva che era semplicemente la Primavera
addormentata, e sapeva che i fiori si stavano solo riposando.
Improvvisamente si strofinò gli occhi e guardò con meraviglia. Era certamente
una visione incredibile. Nell'angolo più nascosto del giardino c'era un albero
completamente coperto di fiori bianchi. I suoi rami, dai quali pendevano frutti
d'argento, erano interamente d'oro, e sotto c'era il bambino che il Gigante
aveva amato.
Il Gigante corse al piano inferiore, con il cuore colmo di gioia, e uscì in
giardino.
Attraversò velocemente il prato e si diresse verso il bambino.
Quando arrivò vicino al suo viso, si fece rosso dall'ira, e chiese:
"Chi ha osato ferirti?".
Sulle palme delle mani del bambino c'erano i segni di due chiodi, e i segni di
due chiodi erano anche sui suoi piedini.
"Chi ha osato ferirti? - gridò il Gigante. - Dimmelo affinché io possa prendere
la mia grande spada e ucciderlo".
"No! - rispose il bambino. - Queste sono le ferite dell'Amore".
"Chi sei tu?" domandò il Gigante, mentre uno strano timore lo prendeva, e si
inginocchiò davanti al bambinetto.
Il bambino sorrise al Gigante e gli disse:
"Tu una volta mi hai permesso di giocare nel tuo giardino, oggi verrai con me
nel mio giardino, che è il Paradiso".
E quando i bambini, quel pomeriggio, vennero a giocare trovarono il Gigante che
giaceva morto sotto l'albero, tutto coperto di fiori bianchi.
Fly UP