...

Carta europea

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

Carta europea
CARTA EUROPEA
DEL FAMILIARE
CHE SI PRENDE CURA
DI UN FAMILIARE
NON AUTOSUFFICIENTE
Proposta da
COFACE
HANDICAP
2007
Introduzione
La Carta europea del familiare che si prende cura di un familiare non autosufficiente si
pone in riferimento ai grandi testi internazionali già redatti o in corso di redazione (sotto
l'egida delle Nazioni Unite, del Consiglio d'Europa, dell'Unione Europea, del Forum
Europeo per le Persone Disabili) concernenti la vita, la dignità, i diritti e la piena
cittadinanza delle persone disabili e delle loro famiglie.
Fa seguito al progetto "Sostegno al familiare che si prende cura di un familiare non
autosufficiente” portato avanti dalle organizzazioni membri di COFACE-Handicap durante
gli anni 2005-2006.
Questa Carta è concepita come uno strumento di riferimento che verrà proposto alle
varie organizzazioni rappresentative delle persone in situazioni di disabilità e dipendenza
e delle loro famiglie all'interno dell'Unione Europea e delle istanze ufficiali dell'Unione.
Questa Carta permette di contribuire alla conciliazione della vita familiare e professionale
grazie ad una scelta libera e consapevole del familiare che si prende cura di un familiare
non autosufficiente ed in conformità con gli obiettivi della strategia di Lisbona.
1- Definizione del familiare che si prende cura di un familiare non autosufficiente
Il familiare che si prende cura di un familiare non autosufficiente: è “la persona non
professionista che viene in aiuto, in via principale, in parte o totalmente ad una persona
non autosufficiente, che dipende dal suo entourage per quanto riguarda le attività della
vita quotidiana. Questo aiuto in via continuativa può essere prodigato in modo più o meno
continuo e può assumere varie forme, in particolare: cure infermieristiche, sanitarie, cure
personali, accompagnamento all'educazione e alla socializzazione, pratiche
amministrative, coordinazione, vigilanza continua, sostegno psicologico, comunicazione,
attività domestiche, ecc.”
2- Scelta del Familiare che si prende cura di un familiare non autosufficiente
La persona disabile non autosufficiente deve sempre avere la possibilità di scegliere il
suo assistente familiare non professionista all'interno della sua famiglia o del suo
entourage. Se non è in grado di esprimere la sua scelta, li va communque assicurato un
familiare che li assicuri l’assistenza necessaria per raggiungere la migliore qualità di vita.
Reciprocamente, il familiare che si prende cura di un familiare non autosufficiente deve
poter scegliere di svolgere il suo ruolo di aiuto a tempo pieno o parziale, conciliando
eventualmente questo ruolo con un'attività professionale.
Questa scelta deve essere libera e consapevole, e deve poter essere rivista in ogni
momento.
3- Solidarietà familiare
In via generale, la famiglia è un luogo privilegiato di sviluppo delle persone non
autosufficienti.
La solidarietà familiare deve svilupparsi in complementarità e in buona armonia con la
solidarietà nazionale.
4- Solidarietà nazionale
La scelta da parte della persona non autosufficiente di un aiutante familiare non
professionista e la solidarietà all'interno della famiglia non esonerano in alcun modo le
Autorità Pubbliche Nazionali, Regionali e Locali dai loro obblighi di solidarietà nei
confronti della persona aiutata e di chi la aiuta.
Questa solidarietà deve tradursi in un ufficiale riconoscimento sociale, oltre ai diritti sociali
e qualsiasi tipo di sostegno.
L'aiuto fornito potrebbe consistere inoltre nel riconoscimento e attribuzione di un
contributo finanziario legale.
5- Posizione della persona che si prende cura di un familiare non autosufficiente
nei sistemi sanitari
La posizione di familiare che si prende cura di un familiare non autosufficiente deve
essere riconosciuta e tenuta in considerazione come tale in tutte le politiche sanitarie e di
protezione sociale.
Questo riconoscimento sociale deve “ufficializzare” il ruolo del familiare che si prende
cura di un familiare non autosufficiente.
Il familiare che si prende cura di un familiare non autosufficiente ha diritto a delle
infrastrutture di cura, assistenza ed a varie reti di sostegno morale e psicologico su cui
appoggiarsi.
6- Status ufficiale del Familiare che si prende cura di un familiare non
autosufficiente
Il familiare (che si prende cura di un familiare non autosufficiente), nell'ambito della sue
prestazioni assistenziali, deve beneficiare dei diritti sociali e dei mezzi per accompagnare
la persona disabile non autosufficiente in qualsiasi attività della vita sociale.
Le prestazioni assistenziali del familiare che si prende cura di un familiare non
autosufficiente dovrebbero avere un riconoscimento giuridico ed economico alfine di
attuare una pari opportunità in materia di:
occupazione e lavoro: pianificazione dei tempi di lavoro,dei congedi e delle ferie,
misure per il mantenimento del posto di lavoro e per un reinserimento nel posto di
lavoro dopo un periodo di sospensione, mantenimento dei regimi di protezione
sanitaria, sociale e pensionistici;
accessibilità universale: a tutti i servizi (trasporti, alloggio, cultura, struttura
d'inquadramento, comunicazione, ecc.) anche mediante un integrazione
economica;
pensione: tramite riconoscimento del suo status di familiare che si prende cura di
un familiare non autosufficiente, (riconoscimento del lavoro di cura);
accreditamento del lavoro di cura convalida delle acquisizioni tramite il
riconoscimento della sua esperienza nella funzione di aiuto.
7- Qualità della vita
La qualità della vita della persona assistita e quella del suo aiutante familiare devono
essere interdipendenti. Pertanto è opportuno sviluppare ogni politica di prevenzione
(malattia, fatica, stress, burnout, lavoro eccessivo, esaurimento, ecc.) che permetta al
familiare che si prende cura di un familiare non autosufficiente di essere pienamente in
grado di rispondere ai bisogni della persona aiutata.
L’aiutante familiare e la persona aiutata devono poter essere supportati da una rete di
servizi e di strutture di zona autorizzate ed abilitate.
8- Diritto all'intervento di sollievo
Questo diritto è una necessità fondamentale e può tradursi in supporto, rinforzo puntuale
in caso di emergenza, servizi sostituivi e/o centri di accoglienza temporanea di qualità,
per una durata più o meno lunga a seconda il bisogno (vacanze, riposi, salute, ecc.).
9- Informazione/Formazione
Il familiare che si prende cura di un familiare non autosufficiente deve essere informato
dei suoi diritti e doveri.
Il familiare (che si prende cura di un familiare non autosufficiente) deve avere accesso a
tutte le informazioni che facilitino il compimento del suo ruolo.
Deve anche aver accesso a tutte le informazioni specifiche che mirano ad una migliore
qualità della sua funzione di aiutante familiare.
Le autorità pubbliche devono mettere in atto un sistema di formazione in pieno concerto
con le organizzazioni rappresentative(ONG, sindacati,parti sociali e datori di lavoro).
10-Valutazione
La valutazione deve essere continua e coinvolgere sia l’assistito che il suo assistente
familiare, oltre alle autorità pubbliche:
Valutazione dei bisogni sia della persona aiutata che della persona che aiuta.
Valutazione dei servizi resi a scadenza regolare e/o su richiesta: spetta alle
autorità pubbliche sorvegliare il corretto adempimento e la qualità
dell'accompagnamento della persona aiutata, e formulare le necessarie
raccomandazioni.
Valutazione durante tutto il corso dell’assistenza in vista di un eventuale diverso
orientamento operativo assistenziale.
Tutte le persone coinvolte devono obbligatoriamente intervenire alle procedure di
valutazione personalmente o farsi rappresentare da una persona delegata da loro,
considerando che la persona non autosufficiente e il familiare sono i primi esperti dei loro
bisogni e delle risposte adatte a soddisfarli.
COFACE Handicap
17, rue de Londres – B-1050-BRUXELLES – Tel: +32(0)2 511 41 79 – Fax: 514 4773
[email protected] – www.coface.org
Fly UP