...

Tutto ciò che avresti sempre voluto sapere sui sistemi a ricircolo d

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Tutto ciò che avresti sempre voluto sapere sui sistemi a ricircolo d
Tutto ciò che avresti
sempre voluto sapere sui
sistemi a ricircolo d’acqua
Sistemi più utilizzati
Stabilità del pH
Analisi dei problemi
Consigli per la coltivazione
055272_AQUA_Ital_gec.indd 1
21-09-2005 18:08:09
Tutto ciò che avresti sempre voluto sapere sui sistemi a ricircolo d’acqua
Coltivare in assenza di terra
I sistemi di coltura idroponica sono sempre
più di moda e lo diventeranno ancora
di più in futuro. Questi sistemi trovano
applicazione sia su piccola che su larga
scala e la loro gestibilità diretta, sommata
ad una corretta nutrizione, permette di
ottenere un’alta produttività.
Con l’introduzione di apparecchiature
di misurazione sempre più perfezionate
ed i miglioramenti tecnologici il futuro
dell’idroponica non potrebbe essere più
positivo. Sono già stati progettati sistemi
per il rifornimento di cibo agli astronauti
durante possibili missioni su Marte.
Che cos’è la coltura idroponica?
La parola idroponica deriva dal greco hydro (acqua) e ponos (lavorare) e
significa letteralmente ‘acqua lavora’.
I primi sistemi idroponici risalgono all’antichità: i giardini pensili di Babilonia e i
giardini galleggianti degli Aztechi in Messico sono in effetti i primi sistemi idroponici
in cui l’afflusso continuo d’acqua permetteva loro di coltivare cibo durante tutto
l’anno.
Le basi dei moderni sistemi di coltivazione idroponica sono state gettate tra il
1865-1895 dagli scienziati tedeschi Von Sachs e Knop quando, durante le loro
ricerche, scoprirono che le piante hanno bisogno di un certo numero di elementi
nutritivi per il loro sviluppo.
I primi sistemi di coltura idroponica vennero sviluppati negli anni Trenta con
successo nello stato americano della California dal Dr. Gericke.
Durante la Seconda guerra mondiale questi sistemi vennero utilizzati per rifornire
i soldati americani di verdure fresche. Negli anni Settanta e Ottanta i sistemi
idroponici vennero impiegati con finalità commerciali per la produzione di fi ori
e verdura.
L’idroponica è....
...Un metodo di coltivazione in assenza
di terra, nel quale tutte le sostanze nutritive vengono disciolte e somministrate
direttamente nell’acqua. Si possono
distinguere i ‘veri’ sistemi idroponici,
nei quali non si utilizza un substrato per
la coltivazione (NFT, aeroponica) dai
sistemi idroponici nei quali si fa uso di
substrati (lana di roccia, perlite, cocco,
argilla espansa, torba). Il tipo di nutrimento da somministrare dipende dal
tipo di sistema. Principalmente i sistemi
si suddividono tra chiusi e aperti.
Nei sistemi di coltivazione aperti (runto-waste) viene apportato continuamente nutrimento fresco nel substrato
ed eliminato attraverso il drenaggio.
Nei sistemi chiusi o a ricircolo il
nutrimento non viene drenato ma
raccolto e nuovamente somministrato
alle piante. Questo sistema è pratico
soprattutto quando si coltiva in assenza
di substrato o con un substrato a bassa
ritenzione idrica (argilla espansa,
perlite).
Nelle colture idroponiche è molto
importante che il nutrimento contenga tutti gli elementi indispensabili
alla pianta nella giusta proporzione.
La giusta proporzione dipende dal
tipo di sistema di coltivazione. Quale
sistema sia il più adatto dipende
dalle preferenze e dall’esperienza del
coltivatore.
cAnna ©
Colture idroponiche, vantaggi e svantaggi
Vantaggi
Sistemi aperti (run-to-waste)
Sistemi chiusi (a ricircolo)
Il nutrimento viene somministrato continuamente alla pianta.
Non è necessario il drenaggio.
Adatto anche per la coltivazione con acqua
di rubinetto dura (EC di 0,75 o superiore).
Maggiore perdita di acqua e nutrimento.
Svantaggi
Nutrimento
La soluzione nutritiva in eccesso (drenaggio)
deve essere eliminata.
CANNA Substra
Molta aria per le radici.
Le malattie si possono trasmettere attraverso la soluzione nutritiva in tutto il sistema.
I valori pH e EC nel nutrimento devono
essere maggiormente controllati.
CANNA Aqua
1
055272_AQUA_Ital_gec.indd 2
21-09-2005 18:08:18
Tutto ciò che avresti sempre voluto sapere sui sistemi a ricircolo d’acqua
Sistemi diversi
Nutrien film Technique
Aereoponica
I sistemi NFT (Nutrient Flow Technique) sono stati
introdotti per la prima volta negli anni Settanta.
Il primo sistema NFT è stato progettato in
Inghilterra ad opera di Allen Cooper. Nei sistemi
NFT le radici vengono continuamente irrigate da
un leggero strato di soluzione nutritiva mediante
un sistema di canalette. Il nutrimento rimanente
viene raccolto in un serbatoio e nuovamente
somministrato alla pianta.
Anche i bancali NFT sono spesso usati per
questo tipo di coltivazione. Questo metodo si
attiene allo stesso principio dei primi progetti di
sistemi di canalizzazione. Per ottenere un movimento di flusso sufficiente della soluzione nutritiva, la canaletta deve essere opportunamente
inclinata (circa 1%). In una costruzione a tunnel
la portata deve essere di circa 1 litro al minuto.
Non capisco cosa vuol dire. Fare attenzione che
la massa delle radici nella parte inferiore del
tubo non diventi troppo voluminosa!
In caso contrario si corre il rischio che la soluzione
nutritiva scorra solo sullo strato più superficiale
delle radici non consentendo che la soluzione
nutritiva raggiunga la parte più interna delle
radici. Questo può comportare un appassimento più rapido delle piante e carenze nutritive. Per prevenire l’eccessivo infoltimento della
massa radicale si consiglia di utilizzare un tubo di
lunghezza massima di 9 metri e con un diametro
min. 30 cm.
La coltura aereoponica è stata
introdotta alcuni anni dopo la
NFT (1982) e proviene originariamente da Israele. In questo
sistema
la soluzione nutritiva
viene continuamente nebulizzata
a livello radicale attraverso dei
nebulizzatori. Più piccole sono le
goccioline, migliore è il contatto
tra la soluzione nutritiva e la
radice di conseguenza migliora
anche l’assimilazione dell’acqua
e delle sostanze nutritive.
Visto che le radici crescono
praticamente sospese nel vuoto,
l’aria è sempre disponibile a
sufficienza nelle radici.
Gli svantaggi maggiori dei sistemi
aeroponici sono i costi di acquisto
delle apparecchiature (relativamente alti) e la suscettibilità ai
guasti. Lasciando uno strato di
acqua sul fondo dell’area di
nebulizzazione si evita che in caso
di guasti le piante rimangano
senz’acqua.
2
3
Copyright: Esoteric Hydroponics
Copyright: Esoteric Hydroponics
4
1
I primi segnali di avvertimento di carenze
nutritive in sistemi NFT sono spesso visibili nelle
piante situate alla fine del flusso di scorrimento
(le piante più in basso) perché le piante all’inizio
e a metà del flusso hanno assimilato già le
sostanze nutritive.
Osservando attentamente queste piante si
possono individuare e correggere in anticipo
eventuali carenze di nutrimento aumentando
la portata e/o la densità (EC) del flusso.Accanto
alle carenze nutritive anche la carenza di
ossigeno è notabile.. A causa della mancanza
di ossigeno le radici si colorano di marrone e la
capacità di assimilazione delle sostanze nutritive
e dell’acqua diminuisce.
Durante la fruttificazione e in situazioni di stress
la possibilità di carenze di ossigeno è maggiore.
L’utilizzo di enzimi che stimolano la divisione delle
radici diminuisce la quantità di resti di radici nel
sistema e favorisce la vitalità delle piante. In
generale il rinsecchimento delle radici è un fatto
frequente e, fino a quando rimangono radici
bianche e sane a sufficienza, non c’è motivo di
farsi prendere dal panico.
Copyright: Esoteric Hydroponics
Copyright: Esoteric Hydroponics
Sistemi a flusso e riflusso
Nei sistemi a flusso e riflusso le piante si trovano in una vasca in cui periodicamente viene pompata la soluzione nutritiva. Il substrato e le radici poste
nella vasca si imbevono della soluzione nutritiva finché questa successivamente viene nuovamente espulsa nella cisterana. Il continuo rimescolarsi della
soluzione nutritiva dovuto ai processi di immissione e deflusso rende l’ambiente
di coltivazione e la soluzione stessa ricchi di ossigeno. Al fine di evitare l’asfissia
radicale dovuta a carenze di ossigeno, l’ambiente che contiene le radici non
deve essere saturo d’acqua per troppo tempo.
Come linea guida si tenga presente che il pompaggio e deflusso non
devono durare più di 30 minuti. La frequenza di irrigazione dipende dal
substrato inerte utilizzato e il volume delle radici delle piante. I granuli
di argilla espansa hanno una bassa ritenzione idrica e devono essere
irrigati più spesso di sistemi con ad esempio lana di roccia (che trattiene
maggiormente l’acqua).
Sistemi a gocciolamento
I sistemi a gocciolamento sono ancora i
sistemi idroponici più utilizzati al mondo
per via della loro semplicità. Un orologio
controlla una pompa ad immersione.
Quando la pompa viene attivata
dall’orologio, automaticamente la soluzione nutritiva viene distribuita alla base
di ogni pianta mediante piccoli gocciolatori. La soluzione nutritiva in eccesso viene
quindi nuovamente raccolta nel serbatoio
sottostante e riutilizzata. In questo sistema
le piante si trovano in un substrato inerte
e, come per il sistema di flusso e riflusso,
occorre avere un’altra frequenza di
irrigazione.
2
055272_AQUA_Ital_gec.indd 3
21-09-2005 18:08:24
Tutto ciò che avresti sempre voluto sapere sui sistemi a ricircolo d’acqua
La pratica
Come coltivare in sistemi a ricircolo
La coltivazione senza terra offre grandi
vantaggi al coltivatore. I principali
vantaggi sono: una gestibilità, un
consumo efficiente di acqua e nessun
substrato di rifiuto (NFT).
Rispetto alla coltivazione su substrati con
una grande capacità di assorbimento
di nutrimento e acqua, come per
esempio il terriccio o il cocco, con
i sistemi a ricircolo occorre prestare
maggiore attenzione al nutrimento e
alle piante. Visto che le piante coltivate
con questi metodi non hanno accesso
a riserve nutritive aggiuntive, le variazioni
nella soluzione nutritiva hanno un effetto
immediato. La reazione delle piante
alla variazione della soluzione nutritiva è incredibilmente veloce: in caso
di assenza d’acqua una pianta sana
può appassire entro un solo giorno. Le
piante e la soluzione nutrivita devono
Lo svantaggio è che occorre gestirli
maggiormente in quanto nei sistemi
a ricircolo i mutamenti si verificano
repentinamente, il nutrimento ha un
influsso diretto sul raccolto e viceversa.
Interventi tardivi o scorretti possono avere
direttamente effetti negativi.
essere quindi tenute sotto controllo
costantemente. Per ottenere un buon
risultato finale occorre ovviamente un
buon nutrimento. I seguenti fattori sono
importanti per una buona nutrizione nei
sistemi a ricircolo:
• la composizione minerale del nutrimento
• il contenuto del serbatoio del nutrimento
• il grado di acidità della soluzione
nutrivita (pH)
• la concentrazione del nutrimento
(EC)
• la temperatura (acqua e aria)
• la qualità dell’acqua
Concentrazione del
nutrimento (EC)
In Nimbin Australia le rane vivono
in serbatoi di nutrimento.
cAnna ©
Serbatoio del nutrimento
Il serbatoio del nutrimento per i sistemi a
ricircolo d’acqua deve essere controllato regolarmente e se necessario
la soluzione deve essere ritoccata
o cambiata per evitare carenze o
accumuli di sali.
La frequenza di ricambio dipende
dall’intensità di coltivazione e dalla
grandezza del serbatoio. Il serbatoio deve avere una capienza di
almeno 5 litri per pianta . Maggiore
è la disponibilità dei nutrimento per
le piante minore è la fluttuazione dei
valori EC e pH.
In genere il nutrimento deve essere
sostituito ogni 7 –14 giorni. Se ciò non
avviene in tempo, l’equilibrio tra le
diverse sostanze nutritive potrebbe
essere gravemente danneggiato.
Sostanze nutritive come il calcio,
magnesio, il solfato di sodio e il cloruro
sono le prime ad accumularsi.
Questo può avvenire senza che il
valore EC aumenti! Le sostanze nutritive
azoto e fosfato sono le prime ad essere
consumate e questo può creare delle
carenze che sono visibili nelle foglie più
grandi come ingiallimenti (carenza di
azoto) o macchie violacee (carenza
di fosfato).
L’accumulo di sodio e di cloruro
possono rallentare la crescita.
Durante gli intervalli tra un cambio di
soluzione nutritiva e l’altro, il serbatoio
deve essere rabboccato fino al livello
iniziale. Iniziare a riempire quando si
raggiunge il livello di utilizzo del 25% fino
al 50% del serbatoio.
Il valore EC misura la concentrazione dei
sali minerali disciolti nell’acqua e quindi è
anche una misura per la quantità totale di
sostanze nutritive presenti nella soluzione.
Nel caso dei sistemi a ricircolo è meglio
non farvi affidamento ciecamente! Infatti
determinate sostanze nutritive si accumulano nel nutrimento mentre altre ne
vengono estratte.
Si consiglia di iniziare con un valore EC che
non superi 0,8 - 1,0 il ms/s devalore dell’EC
dell’acqua di rubinetto e di aumentarlo
durante la coltivazione secondo necessità
fino a un massimo di 1,3 -1,7 al di sopra del
valore EC dell’acqua di rubinetto. È necessario effettuare regolarmente misurazioni
del pH e dell’EC della soluzione nutritiva
e osservare le piante per poter intervenire
in tempo e in modo adeguato (se necessario).
Le oscillazioni di pH tra il 6,2 e il 5,2 sono
perfette, vedere il grafico “variazioni
di pH con nutrimento Aqua”.
Non intervenire troppo presto!
È meglio rabboccare con una soluzione
che contenga circa il 50% in meno di
sostanze nutritive rispetto alla soluzione
iniziale.
In situazioni di forte evaporazione
come in caso di temperatura elevata e
bassa umidità dell’aria, è consigliabile
utilizzare dell’acqua di rubinetto. In
questo modo la pianta può trasudare
più facilmente senza che il valore EC
della soluzione nutritiva aumenti eccessivamente.
Visto che il nutrimento deve essere
ricambiato regolarmente non si può
parlare di un sistema chiuso in senso
proprio. Mediante filtri di osmosi
invertita si possono prelevare i sali
accumulati come il sodio e il cloruro
per diminuire la frequenza di ricambio
della soluzione.
cAnna ©
3
055272_AQUA_Ital_gec.indd 4
21-09-2005 18:08:29
Tutto ciò che avresti sempre voluto sapere sui sistemi a ricircolo d’acqua
Grado di acidità (pH)
Una buona stabilità pH
Una buona stabilità del pH è di grande
importanza per ottimizzare la disponibilità
del nutrimento alla pianta.
nutrimento a causa delle sostanze di
rifiuto relativamente più basiche (che
aumentano il pH) che vengono eliminate
dalle radici.
Se si confrontano i sistemi di coltivazione
a ricircolo con i sistemi “run-to-waste”, nei
primi il valore pH oscilla maggiormente e
quindi deve essere tenuto più controllato.
Durante la fase di fioritura avviene il
contrario: le radici delle piante eliminano acidi e quindi diminuisce il pH del
nutrimento.
Questo è dovuto all’influenza diretta che
i prodotti di rifiuto delle radici esercitano
sul pH della soluzione nutritiva. Tale influenza dipende dalla fase di crescita,
dalle le condizioni della pianta, dalla
composizione del nutrimento e dell’acqua
utilizzata.
La
composizione
del
nutrimento
determina in larga misura se le radici
della pianta elimineranno più sostanze
acide o basiche.
L’utilizzo di un nutrimento adeguato ai
diversi stadi di crescita (vegetativo o
fioritura) aiuta a mantenere il più possibile
la stabilità del pH.
Durante la fase di crescita le piante
tendono ad aumentare il pH del
Composizione del
nutrimento
Variazione di Ph
La composizione dell’acqua concorre a
determinare il livello di pH durante la coltivazione. I nutrimenti preparati con acqua
ad alto contenuto di sali minerali disciolti
(acqua dura) hanno un pH che tende a
salire dopo la preparazione e acidificazione
della soluzione nutritiva. Preparando un
nutrimento con un pH più basso (5,2-5,3) si
neutralizza più bicarbonato e gli aumenti di
pH si verifi cano meno velocemente. Con
acque a basso contenuto salino (acqua
dolce o ad osmosi inversa) si hanno invece
diminuzioni di pH. Questo succede perché
il pH dell’acqua dolce ha una minore
stabilità rispetto a quello dell’acqua dura e
questa è anche la ragione per cui in zone di
acqua dolce (o in presenza di filtri ad osmosi
inversa) il nutrimento deve essere preparato
con un pH più alto (5,8-6,2).
Le piante di sono in grado di influire
attivamente sulla soluzione nutritiva. Disturbi nell’assimilazione del
nutrimento, per esempio durante
malattie fungine, possono portare ad
un calo del pH del nutrimento fino a
un valore inferiore a 3.
Un altro fenomeno si verifica nel caso
di carenza di ferro per cui la pianta
diminuisce attivamente il pH per
mettere a disposizione più ferro.
Si consiglia quindi di non mantenere
il pH continuamente ad un valore
costante. Con un nutrimento
adeguato e un pH tra 5,2 e 6,2 non
dovrebbero presentarsi problemi.
Se per alcuni giorni il pH dovesse
mantenersi più basso di 5,0 o più
alto di 6,4 si consiglia di correggerlo
manualmente. Se con il nutrimento
Vega il pH scende troppo durante
un ciclo di dodici ore, si consiglia
di passare al nutrimento Flores (il
nutrimento Flores ha un effetto meno
acidificante e inoltre bisogna dire
che la pianta riceve un ottimo nutrimento per la fioritura).
pH troppo bassi si possono correggere con CANNA pH+ (Pro).
Confronto tra pH e disponibilità di elementi nutritivi
90
80
70
60
50
Valore nutrizionale ( % )
In soluzioni nutritive con un pH basso alcuni
elementi nutritivi come il ferro e il manganese, ma anche il velenoso alluminio si
sciolgono meglio, e quindi le radici possono
assorbirne in maggiore quantità e, se
presenti in eccesso, possono provocare
danni. Nel caso il pH sia troppo basso è
saggio aumentare il pH con un prodotto
alcalino contenente bicarbonato. In
questo modo non solo si aumenta il pH ma
anche la riserva di stabilità della soluzione
nutritiva.
4
Azoto
Fosfato
Calcio
Solfato
Calcio
Magnesio
Ferro
Manganese
Boro
Rame
Zinco
4,5
Oscillazioni del pH con Aqua
5
5,5
6
cAnna ©
Molibdeno
6,5
7
7,5
8
8,5
pH
Stabilità del pH
Usando il nutrimento CANNA Aqua si previene una variazione eccessiva
del pH.
cAnna ©
Tempo in settimane
In diversi test di misurazione condotti quotidianamente sui dei valori pH
e EC e sul’ analisi settimanale condotta sul nutrimento hanno mostrato
che il il pH durante tutto il ciclo di coltivazione oscilla tra 5,2 e 6,2 (esclusi
i primi giorni). Negli intervalli non è stato necessario correggere il pH.
pH ad autoregolazione
4
055272_AQUA_Ital_gec.indd 5
21-09-2005 18:08:34
Tutto ciò che avresti sempre voluto sapere sui sistemi a ricircolo d’acqua
Qualità dell’acqua
Composizione
La qualità dell’acqua può costituire un grande
ostacolo per il raggiungimento di buoni risultati
in sistemi di coltivazione a ricircolo. Molti problemi di qualità dell’acqua sono comunemente
dovuti agli alti contenuti di bicarbonato, sodio,
cloruro e metalli pesanti come zinco, ferro o
manganese. Un alto valore EC nell’acqua può
essere sintomo di alte concentrazioni di sodio o
cloruro e può causare problemi (EC maggiore
di 0,75). Alte concentrazioni di sodio e cloruro
nell’acqua possono essere ridotte mediante un
filtro ad osmosi inversa. L’acqua proveniente da
pozzi o trasportata in condutture di zinco può
contenere alte concentrazioni di metalli pesanti.
L’acqua di sorgente o di superficie può contenere inquinamento organico e residui di pesticidi
che possono influire negativamente sulla crescita
della pianta.
Il rapporto tra i diversi elementi nutritivi non è mai stato così importante
come nei sistemi a ricircolo nei quali la pianta influisce direttamente sulla
composizione del nutrimento. Non tutte le sostanze nutritive vengono assimilate facilmente dalla pianta. Il potassio (K) per esempio viene assimilato più
facilmente del calcio. In una soluzione nutritiva a ricircolo per esempio, la
concentrazione del potassio diminuirà mentre quella del calcio andrà ad
accumularsi.
Un altro elemento importante del nutrimento è la forma di somministrazione dell’azoto. Quando l’azoto viene somministrato in forma di nitrato,
l’assimilazione del potassio e del calcio sarà stimolata e allo stesso tempo il
pH della soluzione nutritiva aumenterà; nel caso invece che l’azoto venga
somministrato in forma di ammonio, sarà vero il contrario.
Il modo più facile per prevenire problemi di nutrimento è utilizzare fertilizzanti già pronti che abbiano una composizione adatta alla coltivazione in
sistemi a ricircolo. A questo scopo CANNA ha prodotto una linea specifica
di nutrienti: CANNA Aqua.
cAnna ©
cAnna ©
Malattie e infestazioni
Il grande vantaggio dell’idroponica è
l’utilizzo di substrati inerti sterili dove sono
quindi assenti malattie e parassiti. Ciò non
vuole comunque dire che tali substrati
non siano soggetti a malattie. Essendo
assenti i microrganismi concorrenti, le
malattie e patologie introdotte si possono
sviluppare più velocemente e un fungo
portatore di malattie può contagiare
tutte le piante diffondendosi attraverso
l’acqua in circolazione.
Spesso causa anche l’ingiallimento delle
foglie e le nervature si colorano di rosso.
Il Fusarium è noto sia come specie debole
che come specie forte e aggressiva. La
specie di Fusarioum debole può creare
problemi di evaporazione alla pianta con
conseguente avvizzimento. Le specie più
aggressive causano una colorazione
marrone delle nervature fino in cima alla
pianta. Inoltre possono rendere legnosa
la base dello stelo.
Per creare un microclima salutare si
possono aggiungere microrganismi utili
per frenare la diffusione di malattie.
Alcuni esempi di microrganismi positivi
sono Bacillus Subtillus e Trichoderma
Harazium. Questi microrganismi sono in
grado di produrre antibiotici ed enzimi
che ostacolano lo sviluppo di malattie
fungine. Le malattie fungine Pythium e
Fusarium sono le patologie più frequenti
in sistemi di ricircolazione (per altre
informazioni vedere il bollettino informativo di CANNA sul Fusarium e Pythium).
Pythium è un tipo di fungo che si insinua
nelle radici e rende difficile l’assorbimento
di acqua e sostanze nutritive. Comporta
ingrossamenti della radice e le estremità
delle radici si diventano marroncino.
Purtroppo non esistono mezzi efficaci
per eliminare le malattie fungine. Si
sconsiglia l’uso di pesticidi chimici perché
costituiscono un rischio per i prodotti, i
consumatori e l’ambiente. Le malattie
fungine sono difficili da combattere
una volta che si sono sviluppate. Per
questo motivo è quindi molto importante
prendere tutte le possibili precauzioni
per prevenirle o soffocarle sul nascere.
A questo scopo è possibile adottare
alcuni accorgimenti nella tecnica di
coltivazione: Il Pythium si sviluppa più
velocemente a temperature superiori
ai 25°C. Tenendo la temperatura della
soluzione nutritiva attorno ai 20°C, si
impedisce la crescita del Pythium. Fare
attenzione che la temperatura non
scenda al di sotto dei 15°C per evitare
un’eccessiva diminuzione della capacità
di assorbimento delle radici. Inoltre le
malattie fungine non amano gli ambienti
asciutti e quindi è importante evitare gli
aumenti eccessi dell’umidità dell’aria di
notte e mantenere una buona aerazione
per prevenire il formarsi di zone di alta
umidità tra le piante.
Una buona igiene è il mezzo migliore per
combattere le contaminazioni fungine.
Le spore dei funghi si diffondono
facilmente attraverso i vestiti e la pelle.
Evitare perciò di frequentare in uno
stesso giorno diverse stanze se si sospetta
la presenza di malattie fungine. La
diffusione può anche avvenire attraverso
materiale infetto (per esempio vasi in cui
sono presenti le spore dei funghi). Per
ogni coltivazione procurarsi le materiale
di base pulito! Anche le talee acquistate
possono essere portatrici e origine di
malattie. Acquistarle solo da fornitori
di fiducia o utilizzare quelle di propria
produzione.
Bollettino informativo: Nessun prodotto,
ma informazioni specifiche sui problemi.
5
055272_AQUA_Ital_gec.indd 6
21-09-2005 18:08:38
Tutto ciò che avresti sempre voluto sapere sui sistemi a ricircolo d’acqua
Temperature
Una buona temperatura dell’aria è
importante per la vitalità delle piante.
Per prestazioni ottimali la temperatura
dell’aria deve essere di almeno 20°C.
Al di sopra dei 30°C si possono verificare dei problemi con le specie più
sensibili alle alte temperatura specialmente se accompagnate da una bassa
umidità dell’aria. Per evitare problemi la
temperatura deve mantenersi tra i 20 e
i 30°C. Per un buono sviluppo radicale
la temperatura della soluzione nutritiva deve essere sufficientemente alta
(20-25°C). Al di sotto dei 15°C la capacità
di assorbimento delle radici diminuisce
rapidamente, il trasporto del nutrimento
si blocca e quindi diminuisce il raccolto.
La crescita della pianta si rallenta e si crea
un apparato radicale meno fine (meno
ramificazioni e meno capillari). La colorazione violacea dei piccioli, nervature
principali e stelo sono i primi sintomi visibili
riconducibili a temperature troppo basse.
In caso di basse temperature prolungate
si possono creare anche malformazioni
alle foglie. Le basse temperature sono
l’ostacolo maggiore all’assimilazione
di nitrato, fosfato, magnesio, potassio,
ferro e manganese. Se sussistono grandi
differenze di temperatura tra il periodo di
buio e quello di luce possono crearsi dei
problemi non appena le luci vengono
accese. In quel momento le foglie
vengono riscaldate e procedono
all’evaporazione. Le radici sono invece
troppo fredde per assorbire acqua a
sufficienza. La pianta quindi avvizzisce e
può appassirsi. Provare ad evitare il più
possibile grandi differenze di temperature tra notte e giorno (minimizzando i
gradi di differenza). Il mantenimento di
una temperatura delle radici ottimale è
condizione per un buon risultato finale.
Un apparecchio di riscaldamento per
acquari dotato di termostato è un modo
economico per gestire la temperatura.
Quale substrato devo utilizzare per un sistema a ricircolo?
Relazione tra valori nutrizionali dei substrati e gli alimenti
100
95
90
85
80
75
Valore nutrizionale ( % )
I sistemi a flusso e riflusso e i sistemi a gocciolamento
possono essere utilizzati in combinazione con un
substrato. La gran parte dei nutrienti per sistemi a
ricircolo danno per scontato l’uso di un substrato
inerte, cioè un substrato che non estrae o aggiunge
nutrimento alla soluzione nutritiva. La terra non è un
substrato inerte perché contiene sostanze nutritive
che, se presenti anche nella soluzione nutritiva potrebbero portare ad un eccesso di alcuni elementi. Con il
cocco succede invece l’opposto esso assorbe determinati elementi dalla soluzione nutritiva. Se si utilizza
un sistema a ricircolo in combinazione con questo
substrato questo porterà a carenze nutrizionali.
I substrati inerti sono l’argilla espansa e la lana di
roccia. Questi substrati non contengono o assorbono
sostanze nutritive dalla soluzione nutritiva. Riportiamo
qui sotto alcuni dati in forma schematica.
70
65
60
55
50
45
40
35
30
25
20
15
10
5
0
-5
-10
-15
-20
-25
Substrato
Acqua
Nutrimento
Sistemi su terreno
Substrato
Acqua
Nutrimento
Sistemi su cocco
Substrato
Acqua
Nutrimento
Sistemi a ricircolo
SUBSTRA verso AQUA
azotati di alta qualità direttamente assimilabili, chelati di ferro e
oligoelementi EDDHA di qualità superiore.
Substra è una sostanza nutriente che viene utilizzata già da anni in
sistemi di ricircolo. Ora è stata introdotta Aqua, una sostanza nutriente
che presenta alcuni vantaggi per la coltura in sistemi a ricircolo. Il pH di
Aqua non necessita di correzioni durante la fase di crescita della pianta
se il pH iniziale è stato fissato a 5,2. Il pH rimane successivamente tra 5,2 e
6,2. Riportiamo qui sopra un grafico che illustra i risultati di alcune ricerche
estese eseguite dal reparto di ricerca di CANNA.
AQUA FLORES
NUTRIMENTO CANNA AQUA
CANNA Aqua è stato creato per essere utilizzato in sistemi di ricircolo ed
è composto in modo tale che il pH rimanga stabile per un lungo arco
di tempo. Accanto a ciò CANNA Aqua contiene silicio, humus e acidi
fulvici ed estratti di alghe che provvedono a migliorarne le prestazioni. Le
sostanze nutritive CANNA hanno un effetto biotopico. Vengono assimilate
in modo naturale dal sistema biologico della pianta e assicurano un
equilibrio ottimale ed una resistenza maggiore nelle cellule della pianta.
AQUA VEGA
Nella prima fase della crescita si pongono le basi per
una fioritura e un raccolto abbondanti. Una crescita
sana e forte è caratterizzata da una crescita vitale di
gemme da uno sviluppo radicale sovrabbondante.
Aqua Vega è stato creato specificatamente per
soddisfare le necessità delle piante. Aqua Vega rende
possibile l’assorbimento totale di sostanze nutritive e la
penetrazione d’acqua direttamente dall’inizio della
crescita grazie alle sue grandi quantità di elementi
Nella fase di fioritura abbondante della pianta è
assolutamente necessario che tutte le sostanze nutritive
necessarie siano disponibili direttamente nella giusta
quantità. Aqua Flores stimola la crescita del frutto e
contiene tutti gli elementi indispensabili per la fase di
fioritura. Per portare un esempio, durante la fioritura
la pianta ha bisogno di meno azoto ma d’altro canto
ha una necessità maggiore di potassio e fosforo.
Aqua Flores è ricco di questi elementi e di speciali
oligoelementi chelati che favoriscono un assorbimento
diretto e hanno come risultato una fioritura perfetta.
INTEGRATORI
CANNA Aqua consente al coltivatore di
somministrare esattamente la giusta quantità
di sostanze nutritive durante la fase di crescita e fioritura di piante dalla crescita rapida.
Altri prodotti CANNA come Rhizotonic (per lo
sviluppo delle radici), Cannazym (enzimi che
garantiscono un substrato impeccabile) e PK
13-14 (per la stimolazione della fioritura) danno
maggiore supporto durante le diverse fasi di sviluppo della pianta. La
combinazione di questi prodotti CANNA consente alla pianta una crescita
e fioritura ottimali e assicurare un’alta resa.
6
055272_AQUA_Ital_gec.indd 7
21-09-2005 18:08:42
Tutto ciò che avresti sempre voluto sapere sui sistemi a ricircolo d’acqua
Consigli di coltivazione
Conservare le sostanze nutrienti
in un luogo buio
La luce scompone i chelati del ferro! Per
questo motivo il contatto tra la soluzione
nutritiva e la luce ultravioletta deve
essere evitato.
La luce causa inoltre anche la crescita
di alghe nella vasca della soluzione nutritiva. Questo può comportare ostruzioni
al sistema di irrigazione e, visto che le
alghe possono assorbire o combinare le
sostanze nutritive, si possono verificare
carenze nutritive.
Risciacquare l’argilla espansa
L’argilla espansa può contenere alte concentrazioni di sale. Risciacquando i granuli
con acqua questo sale nocivo può essere
eliminato. Un vantaggio aggiuntivo è che
vengono eliminate che anche le particelle di
polvere che possono provocare ostruzioni al
sistema di irrigazione.
Non puntare tutto su un solo
cavallo
Se si gestisce la distribuzione del nutrimento con due pompe si evita che
le piante rimangano completamente
all’asciutto nel caso una pompa sia difettosa.
Preparazione del nutrimento
La preparazione lo eliminerei della soluzione nutritiva va eseguita tendendo
conto dei seguenti fattori: iniziare la
preparazione in base al valore EC,
misurarlo e determinare se occorre alzarlo
o abbassarlo in base alle condizioni riportate sulle istruzioni per l’uso. Solo successivamente è possibile (se necessario)
regolare il pH con prodotto apposito
(per es. CANNA pH- o pH+). Provare a
raggiungere il valore pH ottimale con
un solo tentativo in quanto l’utilizzo
eccessivio di prodottipH- o pH+ disturba
la concentrazione di bicarbonato e
quindi anche la capacità di riserva
di stabilità dell’acqua. Inoltre questo
influisce anche sulla relazione tra i diversi
elementi di nutrimento e di conseguenza
si possono causare carenze nutrizionali.
La somministrazione di pH- (o pH+)
può essere prevenuta diluendo prima
il pH- con dell’acqua prima di iniziare
l’acidificazione.
Aria e pH
Se sono presenti pompe di aerazione
nella cisterna del nutrimento occorre
considerare che queste possono aumentare il pH nella cisterna.
Crescita radicale
Tenere sotto controllo la crescita delle radici
per evitare che si sviluppino all’interno dei
foridi drenaggio e che ostruiscano il sistema
impedendo il ricircolo dell’acqua.
Schema di coltivazione CANNA Aqua
Aqua
A QUALITY PRODUCT FROM HOLLAND
Crescita
Inizio radicazione
Fase vegetativa
crescita veloce
Fioritura
Fase generativa (di fioritura) Crescita stagnante
Primi segni di sviluppo floreale (comparsa di boccioli)
Fase generativa
Tutti i rami portano dei
piccoli fiori
Fase generativa
Ingrandimento del fiore
Ultimi 7-14 giorni
* ulteriore ingrandimento
del fiore e maturazione
Durata
(+/-)
(settimane)
luce al
giorno
(ore)
Aqua Vega
(ml/10L)
Aqua Flores
(ml/10L)
Rhizotonic
(ml/10L)
Cannazym
(ml/10L)
PK 13/14
(ml/10L)
EC
1
18
10 - 30
-
40
-
-
0.2 - 0.6
1-3
12
30 - 50
-
10-20
25
-
0.6 - 1.0
1-2
12
-
50 - 65
5
25
-
1.0-1.3
1
12
-
50 - 60
5
25
15
1.1-1.4
2-3
12
-
50 - 65
5
25
-
1.0-1.3
1-2
12
-
-
-
50(*)
-
0
Questo schema di coltivazione CANNA Aqua è stato creato grazie all’esperienza pratica di molti coltivatori in tutto il mondo. Questo non significa che lo schema sia
adatto a tutte le varietà di piante. Accanto ad un buono schema di coltivazione, il successo di un raccolto dipende anche da altri fattori tra cui: la luce, l’umidità,
la temperatura della soluzione nutritiva e la qualità dell’aria. Questi sono tutti importanti fattori per la realizzazione di una buona coltivazione e non vengono presi in
considerazione nello schema.Ivalori EC consigliati si basano su acqua di rubinetto con un EC di 0,0 mS/cm. Quando l’acqua ha un valore EC di 0,5 automaticamente
il valore EC consigliato nella tabella dovrà essere aumentato di 0,5. Aggiunte di Cannazym nell’ultima settimana sono consigliabili quando il substrato viene riutilizzato.
Cannazym può essere aggiunto continuamente nella soluzione nutritiva (fattore di diluizione 1:400). Il valore EC massimo è 2,8 mS/cm. Il pH consigliato è 5,2-6,2.
CANNA, una fonte di informazioni
www.canna.com
055272_AQUA_Ital_gec.indd 8
© cAnna
P751030/001
Se questo opuscolo è stato di tuo interesse, anche le seguenti informazioni possono interessarti: Opuscolo generale di CANNA, Bollettino
informativo di CANNA, e gli opuscoli dei prodotti CANNA di CANNA Aqua, Rhizotonic, Cannazym e PK 13-14.
21-09-2005 18:08:49
Fly UP