...

LAVORO E PERMESSO DI SOGGIORNO

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

LAVORO E PERMESSO DI SOGGIORNO
LAVORO E PERMESSO DI SOGGIORNO
Permessi di soggiorno
Lavoro
Tutti coloro che desiderano soggiornare in
Svizzera per una durata superiore a tre mesi
dovranno ottenere un permesso
di
soggiorno. Quest’ultimo si richiede presso
l’ufficio del controllo degli abitanti/ufficio
della popolazione del suo comune di
residenza.
Le condizioni di accesso al mercato del lavoro dipendono dal paese di origine : paesi
dell’unione europea (UE). O paesi terzi.
I cittadini dei paesi dell’UE sono al beneficio
di accordi bilaterali. Per loro è possibile circolare in Svizzera, cambiare datore di lavoro e
muoversi liberamente. Sono esclusi i cittadini della Bulgaria e della Romania, per i quali
esistono ancora delle restrizioni. I cittadini di
paesi terzi ottengono un permesso di lavoro
solo se sono altamente specializzati e in funzione delle esigenze dell’economia svizzera.
Ecco i principali titoli di permessi
di soggiorno che è possibile ottenere :
Permesso di corta durata / L
Permesso di soggiorno / B
Permesso di residenza / C
Permesso di frontaliere / G
Le persone che entrano in Svizzera tramite
una richiesta d’asilo ottengono uno dei
seguenti permessi:
permesso (B) o (C) di rifugiato riconosciuto
Permesso N per richiedente d’asilo
Permesso F per gli ammessi provvisori
Per chiunque, prima di iniziare il lavoro, è
necessario ottenere un permesso di
soggiorno e di lavoro andando ad
annunciarsi presso l’ufficio del controllo
degli abitanti / ufficio della popolazione del
comune di residenza.
Riconoscimento dei diplomi
I permessi L sono concessi sulla base di un
permesso di lavoro per un anno massimo e
per gli studenti.
I permessi B sono validi da 1 a 5 anni secondo
la nazionalità del richiedente e sono rinnovabili.
I permessi C si ottengono dopo 10 anni di soggiorno regolare in Svizzera con un permesso B
o dopo 5 anni in determinate condizioni, in
particolare se l’integrazione è sufficiente.
Alcuni permessi consentono la mobilità geografica. Tutti i permessi consentono la mobilità professionale e il ricongiungimento familiare.
Il riconoscimento dei diplomi acquisiti all’estero è possibile.
Per la formazione professionale, la competenza è dell’Ufficio federale della formazione
professionale e della tecnologia.
Per formazioni universitarie, l’organo competente è la Conferenza dei rettori delle università svizzere.
Sulla base dell’esperienza professionale
acquisita (in Svizzera o all’estero), è anche
possibile far riconoscere le proprie competenze e ottenere cosi una validazione
degli apprendimenti acquisiti. I diversi
rami professionali devono organizzarsi per
eseguire questa convalida. È possibile
ottenere più ampie informazioni presso il
suo datore di lavoro, il suo sindacato o
all’ufficio dell’orientamento scolastico e
professionale del Vallese Romando.
In caso di perdita del posto di lavoro
Protezione contro i licenziamenti
In caso di perdita del posto di lavoro, è possibile, in determinate condizioni, usufruire
delle prestazioni dell’assicurazione disoccupazione.
Per questo, deve aver lavorato in Svizzera,
o secondo determinate condizioni, in un
paese dell’Unione europea o dell’EFTA,
almeno per 12 mesi nei 2 anni precedenti la
perdita di lavoro. Annunciarsi al più presto
presso l’ufficio regionale di collocamento
(ORP) della sua zona.
Sindacati, lavoro in nero
Per più ampie informazioni :
www.vs.ch/chomage
Stipendio e sicurezza sociale
Non c’è alcun salario minimo in Svizzera.
Gli stipendi sono definiti secondo il settore
di attività.
L’onere delle detrazioni del dipendente,
operati sugli stipendi lordi sono dell’ordine
di 12-18% del salario lordo (ca. 20-25% imposta alla fonte). I contributi principali
delle assicurazioni sociali sono: vecchiaia
(AVS), invalidità (AI), perdita di guadagno
(APG), disoccupazione (AD), incidente
(LAA), assegni familiari (FAA) e Legge
sulla Previdenza Professionale (LPP).
In caso di controversia/conflitto con il datore
di lavoro, di licenziamento, mobbing, ecc,
prendere contatto con il servizio della protezione dei lavoratori e delle relazioni di
lavoro. È anche possibile ottenere una consulenza e un aiuto per le pratiche, da un sindacato.
Nel caso di lavoro in nero, lei non è protetto
dalle assicurazioni sociali e non sarà
indennizzato in caso di perdita di lavoro,
malattia, infortunio o invalidità. Inoltre, lei
lavora illegalmente. Quindi non accetti un
lavoro non dichiarato.
Fly UP