...

in pdf - Comune di Borgio Verezzi

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

in pdf - Comune di Borgio Verezzi
Venerdi 23 marzo 2012
Fondazione Luzzati - Teatro della Tosse di Genova
IDIOTA, un tradimento (da F. Dostoevskij)
Con Enrico Campanati
Regia Carmen Giordano
Una produzione del Teatro della Tosse, nata dall’incontro tra una giovane regista e un attore di
grande esperienza, storica colonna del nostro teatro. Ancora una volta il Teatro della Tosse,
coerentemente con la sua storia, dà spazio ai giovani. In questo caso si tratta di due donne:
Carmen Giordano, regista trentenne, che si è già messa in luce nel corso di questi ultimi anni
come uno dei nomi più interessanti e originali del teatro italiano, e Maria Paola Di Francesco,
scenografa e costumista.
Carmen Giordano in questo spettacolo si misura con uno dei testi più importanti e complessi
della letteratura mondiale, rivisitandolo, trasformandolo e tradendolo coraggiosamente. Il
capolavoro di Dostoevskij è in realtà solo una suggestione, un punto di partenza da cui
cominciare. Lo spettacolo prende presto una sua direzione, alla ricerca di un idiota moderno in
bilico tra finzione e realtà.
Il protagonista del secondo grande romanzo di Dostoevskij, “L'idiota”, pubblicato nel 1869, è il
principe Myskin, ultimo erede di una grande famiglia decaduta. E’ un personaggio altruista,
onesto e leale, con una candida fiducia verso il prossimo e inesperto della vita. Queste sue
caratteristiche si scontrano con una società malata e crudele, dove il suo atteggiamento
tollerante e ingenuo è considerato da “idiota”.
“Idiota, un tradimento” da F. Dostoevskij già dal titolo gioca a carte scoperte, mettendo in
risalto
“il tradimento” del testo originale. Il nuovo Idiota appare all’improvviso scendendo dall’alto,
forse da una stella lontana, da un pianeta morente oppure dal nostro inconscio, e si muove
nello spazio sospeso e metallico di un parco giochi metropolitano. Un piccolo luogo
circoscritto, che può diventare un microcosmo privato, che accoglie i nostri pensieri.
Il protagonista interagisce con gli spettatori cambiando di volta in volta registro e toccando
temi seri ed altri solo apparentemente stupidi. Alla fine come il principe Myskin, anche il nuovo
idiota e il pubblico vogliono tornare a uno stato di purezza infantile, di idiozia, rifiutando il male
del mondo, poiché questa è l’unica autodifesa possibile.
Enrico Campanati assesta al suo personaggio una dolcezza e una poesia stralunata, mentre il
testo e la regia di Carmen Giordano si sviluppano in più direzioni. Si evidenzia come sia
impossibile non essere idioti davanti all’amore, agli affetti e alle passioni della vita. Si mette alla
berlina chi deride la stupidità, chi osa sbeffeggiare la sana e sacrosanta inettitudine davanti alle
emozioni della vita, e chi si prende la licenza di considerare sciocchi gli ostinati ricercatori
della bellezza. E soprattutto l’Idiota, prima di ritornare dal suo mondo misterioso, ci insegna
come sia impossibile non essere felici.
NOTE DI REGIA
“L’Idiota” di Dostoevskij è il pre – testo di questo spettacolo. Il punto da cui partiamo per
prendere il largo e andare alla deriva, alla ricerca di un idiota contemporaneo. Regia e
drammaturgia camminano di pari passo in questo viaggio, in un’atmosfera sospesa al limite tra
il reale e il surreale, la lucidit{ e il delirio, il fatto e l’allucinazione. Lo spazio sospeso e metallico
di un parco giochi metropolitano, diventa un pianeta, una stella, un non – spazio che accoglie il
nostro uomo. Tutto nasce dall’incontro con gli spettatori, primo approdo di questo viaggio. È
nell’incontro con gli altri che l’Idiota si svela in una sequenza di immagini svincolate dalla
narrazione canonica. Gli oggetti, i suoni, le facce, la luce mettono in moto ricordi di vita vissuta
o fantasie? Possiamo credere a quest’individuo? Possiamo fidarci delle sue parole? Non lo
sappiamo. Restiamo in bilico, spaesati come dopo certi sogni che sappiamo essere tali, eppure
al risveglio hanno il potere di sconvolgerci ancora. Non possiamo non credere alla nostra
idiozia, alle nostre debolezze, allo scarto tra il pensiero e l’azione che ci rende ridicoli davanti
alle scelte, all’amore, a chi si aspettava che dicessimo o facessimo qualcosa, ma noi non
l‘avevamo capito.”
Carmen Giordano
CARMEN GIORDANO
Carmen Giordano nasce a Foligno (PG) il 24 agosto del 1980. Nel 2005 consegue la laurea in
Lettere Moderne presso l’Universit{ degli Studi “La Sapienza” di Roma con la valutazione di 110
con lode. Nel 2006 si diploma in Regia Teatrale presso la “Scuola D’Arte Drammatica Paolo
Grassi” di Milano con il massimo dei voti. Nel suo percorso formativo e professionale collabora
con importanti esponenti della realtà teatrale italiana. Ne citiamo alcuni: Gabriele Amadori di
cui è aiuto regista per lo spettacolo “Monk, la metafora della follia”. Cesare Lievi di cui è aiuto
regista per lo spettacolo “Sette Porte” di Botho Strauss. Paolo Rossi di cui è assistente alla
Regia e alla Drammaturgia per “Il Matrimonio di Don Chisciotte”. Sergio Maifredi di cui è aiuto
regista per lo spettacolo “Io mi chiamo Isbjorg. Io sono un leone” presso il Teatro della Tosse
di Genova. Lo spettacolo è stato premiato come miglior lavoro straniero al Premio Ubu 2005.
Renata Molinari con la quale collabora in qualit{ di regista e drammaturga nell’ambito del
Festival di Teatro Mitteleuropeo MITTELFEST 2005 diretto da Moni Ovadia. Tonino Conte con
cui lavora presso il Teatro della Tosse di Genova dal 2006 al 2008, in qualità di aiuto regista. La
collaborazione con il Maestro genovese, la porta ad approfondire differenti tipologie di
allestimento. Spazia dallo spettacolo itinerante all’aperto per i borghi della Liguria ( Note di
Notte, tournee estiva 2007), all’evento – spettacolo in luoghi non teatrali (La Mia Scena è
Genova, nella basilica sconsacrata di Sant’Agostino), al recital o teatro – canzone in Poeti VS
Cantautori, agli spettacoli per ragazzi con i burattini di Emanuele Luzzati (Canta, canta,
cantastorie, voce narrante di Tullio Solenghi, musiche originali di Ivano Fossati e Oscar
Prudente). Serena Sinigaglia di cui è assistente per il Seminario “Io”, per lo spettacolo “La
cimice” di Majakovskij e per “Napoli non si misura con la mente” film spettacolo girato presso
la RAI di Napoli, in cui è assistente alla regia e assistente alla produzione. Nel settembre 2007
fonda la Compagnia di Ricerca e Pratica Teatrale Macelleria Ettore_ teatro al kg, di cui è regista
e direttrice artistica. Firma la regia e la drammaturgia dello spettacolo d’esordio “La Porta
Aperta”. Lo spettacolo è finalista al premio per la Nuova Drammaturgia Nuove Espressioni
2008 e vincitore di PREVISIONI 08 – Giovani Proposte per la Scena Milanese. La produzione
successiva è “Cechov #01”, di cui è autrice e regista. Il nuovo progetto di ricerca della
compagnia Macelleria Ettore_ teatro al kg è “NIP (Not Important Person)” un osservatorio
sulla realtà che fonde i seguenti linguaggi: performance, video e musica.
ENRICO CAMPANATI
Nato a Genova si diploma alla Scuola del Teatro Stabile di Genova. Partecipa all’esperienza di
Teatro Aperto ’74, insieme ad Antonello Pischedda, Tullio Solenghi, Mara Baronti, Marco
Sciaccaluga, Franco Carli, e a Gran Teatro, con Carlo Cecchi. Dalla stagione 1975–1976 collabora
stabilmente con il Teatro della Tosse sia come attore che come regista. Fra i numerosi
spettacoli citiamo Gargantua Opera di Tonino Conte (1976-77), I Corvi di Henry Becque (197980), Eva Peron di Copi per la regia di Tonino Conte (1985-86), Il frigorifero e Loretta strong di
Copi per la regia di Nicolas Brandon (1988-89), I Persiani di Eschilo (1997-98), Recitar Cantando,
e poi ancora Candido (2008) e 2984 (2009) regia E. Conte. Come regista ha messo in scena
Agor{ nell’Agor{ (1994-95), I tre nasoni (200001), Il silenzio di Genova (2003-04), Inferno
(2009). Per Chance eventi dirige Butterfly Bazar, Un canto di Natale, Opera Magica, in scena
all’Auditorium del Teatro Carlo Felice, e ancora Opera magica, Il mare negli occhi e Gli stranieri
portano fortuna. Per l’Opera ha lavorato al Teatro Carlo Felice; ricordiamo, per citare un
esempio, Il Pipistrello di Johann Strauss, regia di Filippo Crivelli.
MARIA PAOLA DI FRANCESCO
Nasce a Lanciano il 25/01/84. Consegue il diploma di laurea di primo livello in Scenografia,
presso l’Accademia di Belle Arti di Brera, con votazione di 110/110 con lode. Specializzanda in
Scenografia e Costume per lo Spettacolo presso l’Accademia di Belle Arti di Brera, Milano.
Parallelamente al percorso formativo, svolge numerosi lavori come Scenografa e Costumista.
Ne citiamo alcuni: realizzazione scene per “Il loro onore si chiama vilt{”, tratto da “Prospettive
sulla guerra civile” di Hans Enzensbeger, con Massimo De Francovich, regia di Serena Sinigaglia,
in scena al festival “Dedica” di Pordenone (Marzo 2010). Scenografa e costumista per “Cechov
#01”, regia di Carmen Giordano, coproduzione di Macelleria Ettore_teatro al Kg e Nuovo Spazio
Arte OFF - TrentoSpettacoli (Gennaio 2010). Costumista per “Hayez regista d’Opera”, regia di
Giacomo Agosti, Accademia di Belle Arti di Brera (dicembre 2009). Scenografa per “Il Turco in
Italia” di G. Rossini, regia di Francesco Micheli, Direttore Giovanni Battista Rigon, Teatro
Olimpico di Vicenza, produzione delle settimane musicali del Teatro Olimpico (Giugno 2009).
Assistente alla scenografia per “La Cimice” di Vladimir Majakovskij, regia di Serena Sinigaglia,
scene di Maria Spazzi, produzione del Piccolo Teatro di Milano (Maggio 2009). Realizzazione
scene, costumi e video per la “Sirenetta” di C. Andersen, regia di Francesco Micheli, produzione
dell’Associazione Culturale Sconfinarte e Teatro Dal Verme di Milano (Marzo 2008). Assistente
al disegno luci per “Don Giovanni” di W. A. Mozart, regia di Francesco Micheli, direttore Nicola
Paszkowski, luci di Bruno Ciulli, Teatro Poliziano di Montepulciano, produzione della
Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano (Gennaio 2008). Dal 2009 fa parte
di Macelleria Ettore_ teatro al kg di cui è scenografa e costumista. Nel 2010 fonda e lavora
presso TOTORO ALLESTIMENTI , laboratorio di progettazione e realizzazione scene, costumi,
oggetti ed elementi di arredo, che ha sede a Milano.
Fly UP