...

sarai una piccola martire

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

sarai una piccola martire
SARAI UNA
PICCOLA MARTIRE
a cura di Alberto Lombardoni
Copyright. Divieto assoluto di riproduzione senza il consenso dell'autore.
NELL’ORA DELLA TUA MORTE VERRO’ ANCORA
Il 31 maggio 1944, durante l’ultima apparizione, la
Madonna aveva rivolto queste parole alla piccola
Adelaide Roncalli, che allora aveva solo sette anni:
“Cara figliola, mi spiace doverti lasciare, ma la
mia ora è passata, non sgomentarti se per un po'
non mi vedrai. Pensa a quello che t'ho detto;
nell'ora della tua morte verrò ancora. In questa
valle di veri dolori sarai una piccola martire. Non
scoraggiarti, desidero presto il mio trionfo. Prega
per il Papa e digli che faccia presto, perché voglio essere premurosa per tutti in
questo luogo. Qualunque cosa mi si chiederà, lo intercederò presso mio Figlio. Sarò
la tua ricompensa se il tuo martirio sarà allegro. Queste mie parole ti saranno di
conforto nella prova. Sopporta tutto con pazienza che verrai con me in paradiso.
Quelli che volontariamente ti faranno soffrire, non verranno in paradiso se prima
non avranno riparato e si saranno pentiti profondamente nel cuore. Sta’ allegra che
ci rivedremo ancora piccola martire”.
Quel 31 maggio, a Ghiaie di
Bonate, un paesino allora
sconosciuto della provincia
di Bergamo, erano presenti
oltre 350.000 persone, una
folla immensa che aveva
sfidato i pericoli dei tanti
bombardamenti. Si era in
pieno conflitto mondiale.
Non mi soffermo a raccontare in dettaglio quanto è avvenuto nel
maggio del 1944. Si può leggere con tutta calma nel primo
volume del mio libro “Non mi hanno voluta!” (Ed. Segno).
Ci furono due cicli di apparizioni,
con un intervallo di una settimana:
nove apparizioni dal 13 al 21 maggio
1944 e quattro apparizioni dal 28 al
31 maggio.
Apparve la Madonna ma anche la Sacra Famiglia. Tra il
maggio e l’agosto del 1944, accorsero a Ghiaie di Bonate
più di tre milioni di pellegrini. Se a Fatima, un solo
prodigio solare fu sufficiente per convincere le autorità
della veridicità dei fatti, a Ghiaie di Bonate non
bastarono sei grandi fenomeni, avvenuti di fronte a
centinaia di migliaia di persone per persuadere gli
increduli curiali di Bergamo. Eppure “il sole girava”
eccome!
Durante le apparizioni e nei giorni successivi, si registrarono
circa trecento guarigioni, di cui un’ottantina che furono
considerate “non ordinarie” e degne di attenzione. Paralitici,
ciechi, muti, malati affetti da tubercolosi ossea, da mali incurabili
guarirono per intercessione di quella Madonna, tanto avversata
soprattutto da una certa frangia del Clero. Non l’hanno voluta!
Sono trascorsi settant’anni da allora. Per Adelaide Roncalli
sono stati anni di grande sofferenza, di isolamento, di paura,
di incomprensione… e anche di rimpianti per aver dovuto
negare le apparizioni sotto le minacce e gli inganni di un
terribile inquisitore, don Luigi Cortesi, che aveva voluto ad
ogni costo dimostrare il contrario di tutto per distruggerle. E
pensare che sono le uniche al mondo che riguardano la
famiglia. Per la veggente di Ghiaie, fu un vero calvario,
come aveva profetizzato la Madonna nel maggio 1944.
ADELAIDE È TORNATA
AL PADRE
Ora Adelaide Roncalli, la veggente di Ghiaie, non c’è più. Colpita da un male
incurabile che non le lasciava speranza, si è spenta alle tre di domenica mattina 24
agosto 2014. “Vieni, vieni” furono le sue ultime parole, dice l’attuale parroco di
Ghiaie, don Davide Galbiati, “voleva raggiungere la meta. Per tutta la vita ha
inseguito lo sguardo di Dio e finalmente l’ha incrociato”.
E nel momento della morte avrà senz’altro rivisto Maria che il 31 maggio del 1944 le
aveva promesso che l'avrebbe portata con sé al termine della sua vita terrena.
Una vita di nascondimento, nell’assoluto riserbo lontana dai riflettori, in obbedienza
alla Chiesa e soprattutto senza rancori per coloro che gli hanno inflitto dolori e grandi
dispiaceri. Adelaide non è stata un’indemoniata, una “bugiarda tradita dal cupo
genio del male”, con “un’anima complessa e anfrattuosa, un nodo di vipere, uno
scrigno custodito da sette draghi” come la tacciò l’insidioso inquisitore, don Luigi
Cortesi! È stata, invece, una grande figura di donna, che ha saputo vivere con forte
dignità questo dono che il cielo le aveva dato. Senza mai vendersi al facile business,
senza cercare l'adorazione delle folle o atteggiarsi a guida spirituale. Dote rarissima
nel mondo dei veggenti. Per questo merita che sia ricordata.
Anche nella sua ultima comparsa in pubblico, il 6 aprile 2014 per
l’inaugurazione della chiesa parrocchiale restaurata di Ghiaie di
Bonate, Adelaide si era tenuta in disparte. Non voleva
assolutamente essere notata. Era già segnata dalla sofferenza, ma
era serena. In quell’occasione ebbe un incontro riservato con il
Vescovo di Bergamo, mons. Francesco Beschi, presente alla
cerimonia. “È stato il giorno più bello della mia vita”, confidò a
un suo famigliare. Non si sa che cosa avvenne veramente durante
quell’incontro .
I FUNERALI DI ADELAIDE
Adelaide aveva chiesto di essere seppellita a
Ghiaie di Bonate, proprio nel paesino nel
quale, settant’anni fa, nel maggio 1944, le
erano sia la Madonna sia la Sacra famiglia. È
stata esaudita. Il feretro è arrivato in paese
nel primo pomeriggio di lunedì 25 agosto
2014. La gente lo aspettava sul sagrato della
chiesa parrocchiale ma, a grande sorpresa, il
corteo di macchine si è diretto prima alla
Cappelletta delle apparizioni, nella frazione
Torchio. La bara è stata posata proprio sul punto, dove erano avvenute le apparizioni,
per un momento di preghiera e di raccoglimento, sotto la guida del parroco.
Dopo circa tre quarti d’ora, il feretro è stato trasferito in paese
presso la chiesina della Madonna di Lourdes che si trova di
fianco all’Oratorio dove avevano allestito la camera ardente. È
stato subito un continuo accorrere di gente, sotto un cielo
nuvoloso. Nell'intimo dei cuori di molti che hanno accarezzato la
sua bara, Adelaide è già beata per il tanto bene che ha lasciato a
tutti. Tanti sono gli episodi che fanno riflettere su questa
bambina e donna dall'animo buono e caritatevole. Non mi
soffermo a elencare le personalità, i sacerdoti, le suore e i prelati
che sono giunti a Ghiaie
per rendere l’ultimo saluto alla defunta.
Persino Paolo Brosio, impegnato in Toscana, si
è affrettato a recarsi a Ghiaie per pregare
accanto al feretro. E l’afflusso della gente è
aumentato di ora in ora, tanto che si sono
formate code sotto la pioggia battente, in attesa
di poter entrare a pregare nella camera ardente.
Vista l’imponente partecipazione, nel pomeriggio di martedì 26 agosto, il parroco,
don Galbiati, ha deciso di far trasferire la bara direttamente nella chiesa parrocchiale
per permettere a tutti di sostare con più tranquillità a pregare. A sera tardi, la chiesa
era ancora gremita all’inverosimile.
Fortunatamente, il giorno seguente, mercoledì 27 agosto, è finalmente apparso il sole.
Man mano si avvicinava l’ora dei funerali, l’assalto delle “troupe” televisive e dei
giornalisti è diventato più pressante. I funerali si sono svolti alle 15.00, officiati dal
parroco e da una ventina di sacerdoti. Numerosa la presenza delle suore, soprattutto
quelle appartenenti all’ordine
delle Suore Sacramentine, che
sono sempre state vicine ad
Adelaide e che hanno sofferto
con lei il drammatico momento
della sua svestizione da novizia.
Alla fine delle esequie, l’uscita
del feretro è stata salutata con
prolungati applausi. È stato un
continuo spingersi per giungere
vicino alla bara e dare un’ultima carezza alla signora Adelaide.
Poi, si è formato un lungo corteo di
oltre duemila persone che si è snodato
per la strada che porta, in salita, al
cimitero di Ghiaie di Bonate. Silenzio,
preghiere e grande commozione.
Prima della tumulazione della bara, la nipotina di
Adelaide ha letto una preghiera scritta dalla nonna.
Dopo, inaspettatamente, ha preso la parola don
Martino Campagnoni (del Patronato San Vincenzo di
Clusone), diretto testimone dei Fatti di Ghiaie del
1944, parlando della visione che Adelaide ebbe il 21
maggio 1944.
“Simboleggiava la famiglia! Ditemi oggi dov’è finita la famiglia?
Io spero che anche i sacerdoti guardino meno le polemiche e più alla
Madonna!”– sono parole di don Martino –.
Ora, Adelaide ha finalmente raggiunto la pace e riposa nel luogo dove sono sepolti
anche i suoi genitori.
C’È QUALCHE
SEGNO DI
APERTURA?
Poche settimane dopo il colloquio riservato di Adelaide con il Vescovo, malgrado
fossero ancora in vigore le limitazioni del decreto “non costa” del 1948, a grande
sorpresa di tutti, è stata esposta una maestosa pala d’altare alla Cappelletta delle
apparizioni. Dal 1° maggio 2014, troneggia sull’altare, l’opera imponente della
pittrice Balzarini, raffigurante proprio l’apparizione alla piccola Adelaide della
Madonna con i due colombi in mano.
Ho scoperto recentemente che,
nel lontano 1975, la veggente
aveva dato in custodia quel
grande quadro al parroco di
Ghiaie, don Italo Duci, affinché,
“in momenti migliori”, fosse
esposto alla Cappelletta delle
apparizioni.
Tre anni dopo, nel 1978, quel dipinto fu purtroppo oggetto di una contesa legale fra
Padre Raschi, il professor Walter De Giuseppe, don Italo Duci e Adelaide Roncalli.
Fu stabilito che la vera proprietaria del quadro era la signora Adelaide. Prima di
morire, Adelaide ha finalmente potuto gioire nel vedersi realizzare un suo lontano
desiderio. Ma qual è il significato di questo avvenimento?
Un’improvvisa e inaspettata apertura? Chissà!
Ricordo che, da alcuni anni, il
parroco di Ghiaie di Bonate,
don Davide Galbiati è già stato
autorizzato a dire la messa alla
Cappelletta, quando vuole, soprattutto nel mese di Maggio.
Alla Cappelletta, il flusso dei pellegrini è continuo, di giorno ma anche di notte.
E non è tutto! Corrono voci sempre più insistenti che,
un paio di anni fa, l’attuale vescovo di Bergamo,
mons. Francesco Beschi, abbia istituito, fuori diocesi,
una Commissione “imparziale” formata da religiosi e
laici, con il compito di rileggere tutto l’incartamento
sui Fatti di Ghiaie.
Se esiste questa Commissione, si spera che possa
veramente esaminare “con coscienza”, “con pazienza”
e “con rigore” tutti i documenti e le testimonianze
disponibili, ma anche l’ampia documentazione
pubblicata nel mio sito dedicato alla Regina della
Famiglia: www.madonnadelleghiaie.it.
Sarebbe veramente auspicabile che la signora Adelaide avesse lasciato qualche scritto
chiarificatore, qualche diario. Chissà se l’avrà fatto?
Nell’aprile del 1949, Adelaide Roncalli – aveva allora 12
anni – era stata accompagnata a Roma per essere ricevuta in
udienza privata da Papa Pio XII. L’incontro avvenne il 7
aprile di quell’anno, in Vaticano. Ma perché il Papa si era
degnato di ricevere una fanciulla che era stata bollata come
“bugiarda” e indemoniata” da certi curiali di Bergamo? Era
forse per quella profezia riguardante la salvezza del Papa?
Infatti, il 28 maggio 1944, la Madonna aveva detto alla
piccola Adelaide: “Prega per il Santo Padre che passa
momenti brutti; da tanti è maltrattato, e molti attentano alla
sua vita. Io lo proteggerò ed Egli non uscirà dal Vaticano”.
Il 13 maggio del 1960, Adelaide Roncalli scriverà a Papa San Giovanni XXIII:
“Santità, sono trascorsi ormai sedici anni da quei giorni benedetti in cui apparve la
Sacra famiglia e, specialmente, la Madonna. Ho avuto, e continuo, il mio calvario
per le avversità contro queste apparizioni di Ghiaie di Bonate, ma dentro il mio
cuore vive solo un ardente desiderio, che le apparizioni di Ghiaie di Bonate portino il
loro frutto dovuto. … Ora non mi resta che pregare perché dalla Vostra Paterna
Bontà ne venga la sospirata disposizione perché si cominci ad avere un po’ di culto
sul luogo benedetto, questa è la grazia che imploro con tutta l’anima. Per me non
chiedo nulla, sono ormai abituata, per grazia di Dio, a vivere la Santa Volontà del
Signore, ed attendo fiduciosa l’ora del Paradiso…”.
Purtroppo, Adelaide
non potrà incontrare
il Papa Buono.
Ma San Giovanni XXIII non rimarrà inattivo.
L’8 luglio 1960, in una lettera indirizzata a mons. Battaglia, vescovo di Faenza,
riguardante “l’affare Ghiaie”, il Santo Padre puntualizzerà: “Ciò che vale in
«subiecta materia» è la testimonianza della veggente: e la fondatezza di quanto
ancora asserisce a 21 anni ed in conformità alla sua prima asserzione a 7 anni: e
ritirata in seguito alle minacce, alle paure dell'inferno fattele da qualcuno. Mi pare
che insista quel terrore di quelle minacce…”.
Perché nessuno ha tenuto conto di quanto ha scritto il Papa Buono?
Possibile che quella lettera “non abbia alcun valore”?
E gli altri Papi, come si sono comportati?
Adelaide avrà avuto in questi decenni l’opportunità di essere
ricevuta in Vaticano? Una domanda interessante…
Ma questo è un altro capitolo.
LA SOLENNE
RIAFFERMAZIONE
Comunque nel corso degli anni, Adelaide non ha mai smesso di affermare
coraggiosamente la veridicità delle apparizioni. Ma obbedienza, non significa totale
remissione. Il 20 febbraio 1989, ha deciso di rilasciare questa solenne riaffermazione
di fronte a un notaio di fiducia:
“Io sottoscritta Roncalli Adelaide nata a
Ghiaie di Bonate Sopra (Bg) il 23 aprile 1937,
nel quarantacinquesimo anniversario torno a
dichiarare, come già più volte ho fatto in
occasioni precedenti, che sono assolutamente
convinta di aver avuto le apparizioni della
Madonna a Ghiaie di Bonate dal 13 al 31
Maggio 1944 quando avevo sette anni. Le
vicende da me dolorosamente vissute da
allora, le offro a Dio e alla legittima autorità
della Chiesa, alla quale sola appartiene di
riconoscere o no quanto in tranquilla
coscienza e in sicuro possesso delle mie
facoltà mentali ritengo essere verità. In fede
Adelaide Roncalli”.
UN’ONDATA DI MISTICISMO
Concludo con le toccanti parole del bergamasco Ferruccio Rodigari,
scritte al Direttore del “Giornale del Popolo”, il 30 marzo 1954:
“Quando una ragazzina di sette anni mette a soqquadro il mondo, scosso da un
conflitto immane, e riesce a far interessare di sé perfino Hitler, in tutt'altre faccende
affaccendato, mi sembra che sia un po’ troppo facile e comodo e semplice definirla
solo una «bimba bugiarda».
In quell'epoca io mi trovavo a Genova, la quale era quotidianamente martoriata dal
rosario gigante dei bombardamenti a tappeto. Nei rifugi, ove fatalmente
trascorrevamo tutte le notti, erano certo più ormai le bestemmie, le imprecazioni, le
lamentele, le esecrazioni che le preghiere e le implorazioni. Eppure bastò l'annunzio
dei fatti di Ghiaie per portare in quei rifugi in quelle gallerie, ove l'umanità
sofferente era ormai certo più vicina alla disperazione che alla speranza, un'ondata
di gioia, di fiducia, di ansia di salvezza, di preghiera, di bontà che sembravano ormai
cancellate per sempre dalla vita quotidiana.
Noi bergamaschi eravamo circondati, interrogati, tormentati da domande di ogni
genere, perché tutti volevano sapere, perché tutti speravano di poter sentire dalla
voce di quelli che a Bonate erano stati, quella parola di conforto, di speranza, di
fiducia nelle forze del cielo che ormai erano le sole che potessero far cessare un così
immane flagello, tanto dolore, tanta sofferenza, tanto pianto, tanto lutto.
Nessun apostolato della preghiera riuscirà mai a scatenare sull’Italia e sull'Europa
un'ondata di misticismo e di fervore, una crociata di preghiere come quelle che la
bugiarda Adelaide riuscì a scatenare allora, e ci sarebbe pertanto da dire: Beate le
tue bugie, Adelaide, se per esse tanti peccatori hanno ritrovato le smarrite vie del
cielo... Siamo in troppi cristiani che pensano, che si domandano se Adelaide è stata
bugiarda prima o se, invece, bugiarda l'hanno fatta diventare gli interrogatori di
quarto grado, cui è stata sottoposta una bambina che non poteva certo reggere alle
prese con la dialettica di chi, dall'alto di tutta la sua sapienza, s'era proposto di
distruggere il mito della Madonna delle Ghiaie”.
Sono parole significative e commoventi che dovrebbero far riflettere tanti!
Io, non ho mai conosciuto di persona la veggente rispettando la sua volontà e la sua
riservatezza, ma mi è sempre stata familiare avendone sondato a fondo la sua storia
personale e tutte le peripezie che ha vissuto. Qualche segnale però mi è giunto
indirettamente in questi anni. Un giorno, per esempio, mi ha fatto sapere da interposta
persona che seguiva attentamente tutto il mio lavoro di ricerca, mi spronava a
continuare e assicurava che mi avrebbe sempre ricordato nelle sue preghiere.
RIPOSA IN PACE!
Fly UP