...

Raccontiamoci con le parole-Progetto plesso Guardia Vomano

by user

on
Category: Documents
5

views

Report

Comments

Transcript

Raccontiamoci con le parole-Progetto plesso Guardia Vomano
PROGETTO DIDATTICO
RACCONTIAMOCI…
CON LE PAROLE
SCUOLA DELL’INFANZIA
GUARDIA VOMANO
A.S. 2015/16
“Educare è come seminare: il
frutto non è garantito e non è
immediato, ma se non si semina
è certo che non ci sarà raccolto”.
CARLO MARIA MARTINI
Premessa
L’obiettivo del progetto è quello di favorire, attraverso proposte ludiche organizzate,
l’incontro con la lingua scritta e la scoperta delle diverse modalità di comunicazione e
rappresentazione del linguaggio ancor prima di iniziare a scrivere e a leggere.
Tale progetto ha la finalità di valorizzare la personalità di ogni individuo, con
particolare riguardo ai bambini con difficoltà e far acquisire ai bambini fiducia nelle
proprie capacità comunicative, espressive, linguistiche e relazionali, favorendo lo
sviluppo del pensiero e del ragionamento. L’arricchimento del linguaggio verbale e
non è condotto attraverso il racconto, le filastrocche, i giochi imitativi e la
conversazione regolata dall’adulto e dall’interazione con i coetanei. Saranno quindi
sviluppate le competenze cognitive, linguistiche, espressive, comunicative per
giungere alla padronanza del sistema fonetico e alla costruzione e arricchimento del
sistema semantico-lessicale”. Pertanto verrà chiesto ai bambini di 5 anni di portare a
scuola un quadernone e un piccolo astuccio con matita, gomma, temperino, proprio
per iniziare a gestire autonomamente il proprio materiale scolastico.
FINALITA’
1) Sviluppare le competenze cognitive, linguistiche, espressive, comunicative dei bambini
per giungere alla padronanza del sistema fonetico e alla costruzione e
all’arricchimento del sistema semantico-lessicale;
2) Potenziare la conoscenza della lingua nelle sue varie forme al fine di agevolare gli
apprendimenti nei diversi campi d’esperienza.
TRAGUARDI DI SVILUPPO
Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio
lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati;
Sperimenta rime e filastrocche, inventa nuove parole, cerca
somiglianze e analogie tra i suoni e i significati;
Si avvicina alla lingua scritta, esplora e sperimenta prime forme di
comunicazione attraverso la scrittura.
OBIETTIVI SPECIFICI
BAMBINI 3 ANNI:
- Sperimentare tecniche grafico-pittoriche;
- Esprimersi attraverso attività grafico-pittoriche;
- Esprimere verbalmente e rappresentare graficamente parti di una semplice
storia;
- Leggere, comprendere semplici immagini;
- Ascoltare e comprendere un racconto;
- Drammatizzare storie;
- Verbalizzare e riconoscere i personaggi di una storia;
- Esprimere nei diversi linguaggi verbali e non sentimenti, sensazioni e stati
d’animo;
- Effettuare una semplice conversazione;
- Arricchire il proprio lessico;
- Memorizzare semplici filastrocche;
- Scoprire il libro e il suo contenuto;
- Riconoscere la successione ordinata: giorno-notte;
- Riconoscere i principali concetti topologici;
- Riconoscere la differenza tra suoni e rumori;
-
Prendere consapevolezza del proprio corpo, nominare le sue parti e scoprirne
le potenzialità;
- Imitare movimenti osservati;
- Eseguire semplici percorsi.
BAMBINI 4 ANNI:
- Ascoltare, comprendere e drammatizzare una storia;
- Esprimere verbalmente una storia ascoltata;
- Comprendere domande inerenti la struttura di un semplice racconto
(personaggi, ambiente, finale);
- Individuare, descrivere e rappresentare graficamente i personaggi principali di
una storia;
- Arricchire il proprio lessico;
- Dimostrare capacità di ascolto e di intervento appropriato nelle conversazioni;
- Esprimere la propria opinione all’interno di una conversazione;
- Collaborare attivamente con adulti e coetanei;
- Sviluppare la propria creatività e fantasia;
- Conoscere il libro e il suo contenuto;
- Collaborare alla realizzazione di una storia e di un libro
- Distinguere e collocare eventi nel tempo;
- Inventare storie ed esprimerle attraverso la drammatizzazione, il disegno, la
pittura e altre attività manipolative, utilizzando materiali , tecniche espressive e
creative e tecnologiche
- Scoprire il paesaggio sonoro attraverso attività di percezione produzione
musicale utilizzando voce, corpo e oggetti.
BAMBINI 5 ANNI:
- Ascoltare, comprendere e rielaborare un racconto anche attraverso la lettura
delle immagini;
- Comprendere il giusto ordine di una storia proposta in sequenze;
- Arricchire il lessico conoscendo il significato delle parole;
- Riferire con vocaboli appropriati le varie esperienze di vita e situazioni
ascoltate, viste o vissute;
- Usare creativamente il linguaggio verbale e non per stabilire rapporti
interpersonali;
- Inventare semplici filastrocche o storie;
- Avviare alla rilevazione della struttura sonora delle parole:
onomatopeici;
- Imparare a ritmare la scansione ritmica delle parole;
- Avviare alla scomposizione delle parole in sillabe e al loro conteggio;
suoni
- Avviare al riconoscimento della composizione delle parole: parole lungheparole corte;
- Avviare alla composizione –scomposizione delle parole ;
- Familiarizzare con la lingua scritta;
- Fare sequenze ritmiche di grafismi;
- Conoscere il libro, la sua struttura e il contenuto;
- Sviluppare la propria capacità creativa attraverso la fantasia;
- Esprimersi con il linguaggio corporeo seguendo anche dei ritmi;
- Collocare correttamente nello spazio se stesso, oggetti e persone;
- Individuare le posizioni di oggetti e persone nello spazio, usando termini come
avanti/dietro, sopra/sotto, destra/sinistra ecc…;
- Raggruppare, ordinare,classificare oggetti e materiali secondo criteri diversi e
identificarne alcune proprietà;
- Collocare le azioni quotidiane nel tempo della giornata, della settimana e del
mese;
- Partecipare all’attività proposta eseguendola correttamente;
- Collaborare alla realizzazione di un progetto comune nel rispetto delle regole.
PERCORSO METODOLOGICO
Giochiamo e familiarizziamo con suoni e rumori attraverso giochi
corporei:
- Stop musicale ;
- Giochi di coordinamento con strutture ritmiche;
- Riproduzione dei rumori attraverso suoni onomatopeici(splash,cra-cra,
patapunf);
- Individuazione delle parole “strane” che riproducono rumori di oggetti o versi
di animali;
Giochiamo con le parole scritte e le lettere:
- Andare caccia di parole calde-fredde, allegre-tristi…
- Riconoscere la forma delle parole, differenziando le lunghe e le corte;
- Rilevare la successione temporale di fatti ed eventi;
- Scoprire le parole che si trasformano come per magia ( bosco- boscolandia);
- Cercare parole che ci dicono CHI E’,COS’E’, COM’E’, o COSA FA;
- Cercare parole, paroline e parolone che trasformandosi,cambiano il significato
(matto, mattino, mattone)
- Giocare ad ascoltare bene i suoni e con la voce scandire le sillabe
accompagnati dal battito delle mani e dei piedi;
- Scrivere il proprio nome, cercare e ritagliare le lettere che lo compongono sui
quotidiani;
- Trasformare le lettere che compongono il proprio nome in un disegno;
- Giocare con le vocali attraverso brevi racconti;
- Trovare le parole che iniziano per…
- Giocare con le rime.
- Attività di pregrafismo con l’utilizzo di un quaderno operativo.
TEMPI
L’intero anno scolastico, con modalità diverse secondo l’organizzazione delle
sezioni.
SPAZI
All’interno della
sezione si struttureranno angoli attrezzati nei quali i bambini
avranno a disposizione libri, giornali di varia natura, depliant, manifesti per toccare le
parole scritte e attivare ipotesi
di lettura. Lettere su lavagna magnetica, gessi,
lavagna murale, lettere di cartone, sillabe, strisce di carta, fogli di varia misura, colori
vari, forbicine, colla,tempera, plastilina, radioregistratore, computer per un primo
approccio al multimediale.
VALUTAZIONE E DOCUMENTAZIONE
Osservazione, conversazione, verbalizzazioni, interviste, rielaborazione graficopittorica, realizzazione di libri di diverso formato, quadernoni operativi, cartelloni,
albums grafici –fotografici-verbali .
Principali criteri di valutazione del lavoro educativo didattico saranno:
- L’interesse;
- La curiosità;
- Il coinvolgimento dei bambini;
- La competenza dimostrata negli elaborati individuali e di gruppo;
- La competenza linguistica richiesta nelle specifiche situazioni;
- La capacità di eseguire le consegne date rispettando tempi e modi indicati
Notaresco lì, 23 Ottobre 2015
Insegnante referente
Di Marco Giovanna
Fly UP