...

il lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

il lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche
PREMESSA
L’opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze
pubbliche.
delle amministrazioni
Una cospicua parte è dedicata al concorso, che costituisce la principale procedura con la quale le
pubbliche amministrazioni assumono personale.
Una parte è dedicata alle assunzioni di personale senza concorso e una ai rapporti di lavoro
flessibili.
Un approfondimento è dedicato all’inserimento delle persone disabili nelle pubbliche
amministrazioni.
Nella parte finale si trovano un elenco di siti di approfondimento e la normativa di riferimento.
Informagiovani – Comune di Brescia
1
INDICE
CENNI INTRODUTTIVI
pag. 3
IL CONCORSO
- Introduzione
- Definizione
- Requisiti generali di accesso
- Come informarsi sull’esistenza di un concorso
- Il bando
- La compilazione della domanda
- Le prove d’esame
- L’esito del concorso e la graduatoria
- Alcuni suggerimenti
pag. 4
ASSUNZIONI SENZA CONCORSO
- Avviamento al lavoro tramite liste art. 16
- Chiamata numerica
- Chiamata diretta nominativa
pag. 7
L’INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI
NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
- Il collocamento mirato
- Modalità di avviamento al lavoro nel settore pubblico
pag. 9
IL LAVORO FLESSIBILE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
pag. 11
- Introduzione
- Contratto a tempo determinato
- Contratto di formazione e lavoro
- Somministrazione
- Collaborazione coordinata e continuativa e incarichi di consulenza libero professionali
SITI DI APPROFONDIMENTO
- Lavorare in divisa
- Lavorare nella scuola
pag. 13
NORMATIVA DI RIFERIMENTO
pag. 15
Informagiovani – Comune di Brescia
2
CENNI INTRODUTTIVI
Il pubblico impiego è il rapporto di lavoro che lega un soggetto alla pubblica amministrazione.
Le Amministrazioni pubbliche sono costituite da tutte le amministrazioni dello stato, compresi:
- istituti e scuole di ogni ordine e grado e le istituzioni educative
- aziende e amministrazioni dello Stato ad ordinamento autonomo
- Regioni, Province, Comuni e Comunità montane
- Istituzioni universitarie
- Istituti autonomi di case popolari
- Camere di commercio industria, artigianato e agricoltura
- enti pubblici non economici nazionali, regionali e locali
- Aziende ed enti del Servizio sanitario nazionale
Il rapporto di lavoro pubblico è un rapporto di lavoro speciale, perché intercorre tra una pubblica
amministrazione e un soggetto privato. Questa peculiarità trova fondamento nelle norme costituzionali che si
riferiscono alla figura del dipendente pubblico.
Agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni si accede mediante concorso, salvo i casi stabiliti dalla legge.
Questa norma (art. 97, co. 3 Cost. It.) costituisce la regola generale su cui si basa l’instaurazione di un
rapporto di impiego con la pubblica amministrazione.
Esistono peraltro eccezioni, cioè casi in cui il rapporto di impiego non è subordinato a un concorso (vedi
capitolo “Assunzioni senza concorso”).
Inoltre, dagli anni ’90 si è assistito a una progressiva riconduzione della disciplina del rapporto di lavoro
pubblico al diritto privato. In particolare, il D.Lgs n. 165/2001 (“Norme generali sull’ordinamento del lavoro
alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche”) che costituisce il testo unico di riferimento, insieme alle
modifiche apportate in anni recenti, prevede che le amministrazioni pubbliche possano avvalersi delle forme
contrattuali di assunzione flessibile e che incarichi di funzioni dirigenziali possano essere conferiti a tempo
determinato e con contratto di diritto privato.
Le assunzioni di personale da parte di una pubblica amministrazione possono essere a tempo indeterminato o
a tempo determinato.
Le assunzioni a tempo indeterminato servono a coprire l’organico; il lavoro flessibile, invece, mira a
migliorare la funzionalità dell’organizzazione, il cui fabbisogno è determinato dalle attività istituzionali che
la pubblica amministrazione è chiamata a svolgere.
Ciò è esplicitato nell’art. 49 della L. 133/2008, che nel primo comma afferma la regola generale: “per le
esigenze connesse con il proprio fabbisogno ordinario le pubbliche amministrazioni assumono
esclusivamente con contratti di lavoro subordinato a tempo indeterminato”; e nel secondo comma prevede
che “per rispondere a esigenze temporanee ed eccezionali le amministrazioni pubbliche possono avvalersi
delle forme contrattuali flessibili di assunzione e di impiego del personale previste dal codice civile e dalle
leggi sui rapporti di lavoro subordinato nell’impresa”.
Informagiovani – Comune di Brescia
3
IL CONCORSO
Introduzione
Nonostante l’avvicinamento del rapporto di lavoro pubblico a quello privato (vedi paragrafo “Cenni
introduttivi”) l’accesso al pubblico impiego conserva la specialità legata alla natura pubblica del datore di
lavoro. Questo si vede innanzitutto nelle modalità di assunzione, la cui regola generale è fissata dall’art. 97,
comma 3 della Costituzione: “Agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni si accede mediante concorso,
salvo i casi stabiliti dalla legge”. Uniformandosi alla norma costituzionale, l’art. 35 della legge quadro sul
pubblico impiego prevede che l’assunzione nelle pubbliche amministrazioni avvenga:
a) tramite procedure selettive, volte all’accertamento della professionalità richiesta; ciò tanto per le
assunzioni a tempo indeterminato, quanto per quelle a tempo determinato
b) mediante avviamento degli iscritti nelle liste di collocamento secondo l’art. 16 della legge n.
56/1987
c) mediante chiamata numerica per le assunzioni obbligatorie previste dalla legge n. 68/1999
d) mediante chiamata diretta nominativa per moglie e figli di personale di forze dell’ordine
deceduto in servizio e vittime di terrorismo e criminalità organizzata.
In questo capitolo ci occuperemo esclusivamente delle procedure selettive; gli altri casi sono trattati nel
paragrafo “Assunzioni senza concorso”.
Il rapporto di lavoro pubblico si costituisce con la sottoscrizione di un contratto individuale e non è più
previsto il giuramento di fedeltà allo Stato.
Definizione
Il concorso pubblico è la procedura ordinaria con cui gli enti pubblici reclutano il personale dell’organico. È
una procedura selettiva, volta all’accertamento della professionalità richiesta per il ruolo che il lavoratore
ricoprirà.
Esistono varie tipologie di concorso:
per titoli ed esami: prevede l’attribuzione di un punteggio per il curriculum scolastico e professionale, al
quale si sommano i punteggi ottenuti con le prove d’esame
per soli esami: la selezione avviene unicamente in base al punteggio riportato nelle prove
per soli titoli: non prevede prove d’esame, perché il punteggio è attribuito unicamente in base al curriculum
alle pubblicazioni, alle esperienze professionali
corso-consorso: prevede una pre-selezione di candidati per l’ammissione a un corso finalizzato alla
formazione dei selezionati
pubblica selezione: consiste nello svolgimento di prove selettive finalizzate all’accertamento della
professionalità richiesta dalla qualifica
Requisiti generali di accesso
Per accedere al pubblico impiego occorre possedere una serie di requisiti generali:
- essere cittadino italiano o dell’Unione Europea
- godere dei diritti civili e politici
- idoneità fisica a ricoprire l’impiego
- possedere il titolo di studio richiesto
- essere maggiorenni (non esistono più limiti di età, salvo casi specifici)
- non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego nella Pubblica Amministrazione
- non aver riportato condanne penali che impediscano la costituzione di un impiego con la pubblica
amministrazione
- essere in regola con le norme riguardanti il servizio militare
- avere conoscenza dell’uso di apparecchiature informatiche e di almeno una lingua straniera
Per alcuni impieghi, le cui competenze istituzionali riguardano la sicurezza dello Stato, la polizia e la
giustizia, sono richieste anche buona condotta e qualità morali.
Gli ulteriori requisiti particolari sono indicati di volta in volta nel bando di concorso.
Informagiovani – Comune di Brescia
4
Come informarsi sull’esistenza di un concorso
La legge quadro sul pubblico impiego afferma che le procedure di reclutamento nelle pubbliche
amministrazioni si conformano a principi di adeguata pubblicità della selezione.
Gli strumenti attraverso i quali è data adeguata pubblicità generalmente sono:
- pubblicazione sull’albo pretorio dell’ente
- pubblicazione nella sezione concorsi del portale istituzionale dell’ente
- pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana, sezione gare e concorsi
(www.gazzettaufficiale.it)
- pubblicazione sul Bollettino ufficiale della regione (consultabile sui portali regionali)
La Gazzetta ufficiale e il bollettino regionale sono consultabili in copia cartacea nelle biblioteche comunali.
Informazioni sui concorsi locali vengono generalmente fornite dagli informagiovani.
Il web, risorsa importante per la ricerca del lavoro, lo è anche per le selezioni del pubblico impiego. Esistono
molti siti che presentano una rassegna di concorsi aperti, modalità di partecipazione, esercizi per prepararsi
ecc. Tali portali possono essere reperiti facilmente digitando la parola concorsi in un motore di ricerca.
La pubblicazione di un concorso sulla Gazzetta ufficiale non è obbligatoria, perciò raccomandiamo di non
limitarsi alla sua consultazione. In generale, nessuna delle fonti indicate (eccetto l’albo pretorio per il singolo
ente) è esaustiva e pertanto la ricerca dei concorsi deve avvenire utilizzandole in sinergia.
Il bando
Il bando è l’atto con il quale la pubblica amministrazione esprime la volontà di procedere ad assunzione di
personale.
Nel bando si trovano tutte le informazioni necessarie per partecipare al concorso:
- ente emanatore
- posti messi a concorso
- professionalità e categoria contrattuale
- requisiti generali di ammissione
- requisiti specifici
- trattamento economico
- modalità di presentazione della domanda e documenti da allegare
- date e luogo di svolgimento delle prove o modalità con le quali il condidato verrà informato
- contenuti delle prove
- titoli valutabili (nel caso di concorsi per titoli ed esami o per soli titoli)
- eventuale riserva di una quota di posti agli aventi diritto
Nel bando è sempre indicato un recapito dell’ufficio concorsi dell’ente al quale rivolgersi per ogni dubbio o
chiarimento.
Quasi sempre è annesso uno schema di domanda, da compilare e consegnare, generalmente allegando un
curriculum.
Copia del bando può essere scaricata direttamente dal portale dell’ente emanatore, oppure può essere
richiesta direttamente all’ente.
Consigliamo di leggere il bando con molta attenzione in ogni sua parte, sia per capire se si possiedono tutti i
requisiti di ammissione, sia per conoscere scadenze e adempimenti richiesti.
In alcuni casi la partecipazione al concorso comporta il versamento di una tassa, il cui mancato pagamento
entro i termini di presentazione della domanda produce l’esclusione dal concorso.
La compilazione della domanda
La domanda di partecipazione a un concorso deve essere redatta in carta semplice con scrittura chiara,
utilizzando uno schema allegato al bando e dichiarando, sotto la personale responsabilità, i propri dati
personali. In alcuni casi è richiesto che si utilizzi un modulo a lettura ottica da ritirare nell’ufficio preposto.
La domanda deve essere datata e firmata (non è richiesta l’autenticazione della firma). E’ molto importante
evitare errori e omissioni, perché possono comportare l’esclusione dal concorso stesso.
La domanda di partecipazione ha efficacia di autocertificazione e di autodichiarazione e dispensa dal
presentare il titolo di studio e altra documentazione (la pubblica amministrazione si riserva di richiederne
copia al candidato vincitore). L’autenticità delle dichiarazioni rese è garantita dalla sottoscrizione di fronte
all’addetto a ricevere la domanda, oppure mediante trasmissione in allegato di un documento d’identità
valido.
Informagiovani – Comune di Brescia
5
Nel bando sono indicati i termini (data e ora) e le modalità di presentazione della domanda. Normalmente la
domanda può essere presentata:
- tramite consegna a mano all’ufficio preposto indicato nel bando stesso
- tramite raccomandata con avviso di ricevimento all’indirizzo indicato nel bando
- (nel caso si sia titolari di un indirizzo) tramite posta elettronica certificata (PEC) all’indirizzo
indicato nel bando
Sono causa di esclusione dal concorso.
- il mancato rispetto dei termini di presentazione
- la mancanza di uno dei requisiti indicati nel bando
- la mancata apposizione della firma
Le prove d’esame
Generalmente le prove d’esame sono tre e consistono in due prove scritte, delle quali una a contenuto
teorico-pratico, e una prova orale. Se le domande pervenute sono molte, l’ente che bandisce il concorso può
fare espletare una prova di preselezione.
La prova scritta può consistere in un elaborato, un questionario, un test a risposta multipla o in prove
attitudinali, riferite ad abilità quali ragionamento verbale, ragionamento astratto, velocità, precisione.
La prova orale consiste in un colloquio sulle materie della prova scritta, con l’aggiunta di eventuali altre
materie e dell’accertamento della lingua straniera e delle competenze informatiche più diffuse.
Il diario delle prove può essere contenuto già nel bando, oppure essere comunicato ai candidati.
L’indicazione esaustiva delle materie sulle quali vertono le prove d’esame si trova riportata nel bando di
concorso.
Per le persone disabili è prevista la possibilità di sostenere le prove d’esame con ausili e tempi aggiuntivi in
rapporto alla specifica disabilità.
Le prove si considerano superate se è stato conseguito un punteggio minimo di 21/30. Il superamento di ogni
prova è necessario per poter essere ammessi a quella successiva.
L’esito del concorso e la graduatoria
I candidati che abbiano superato tutte le prove con un punteggio minimo di 21/30 sono considerati idonei ai
posti messi a concorso. Il punteggio finale è dato dalla somma dei voti ottenuti con le prove d’esame e dal
punteggio attribuito ai titoli (nel caso di concorsi per titoli ed esami).
I candidati che hanno riportato i punteggi più alti sono i vincitori del concorso, fino ad esaurimento dei posti
banditi. Tutti gli altri idonei concorrono a formare una graduatoria triennale a cui l’ente può fare riferimento
per reclutare personale con analoghe mansioni.
I vincitori del concorso vengono assunti dall’ente e, superato il periodo di prova, entrano nel ruolo organico
acquisendone diritti e doveri.
Alcuni suggerimenti
• Leggere molto attentamente il bando di concorso e conservarlo
• Per prepararsi alle prove, in commercio si trovano molte pubblicazioni inerenti i concorsi pubblici,
acquistabili nelle librerie più fornite o specializzate e reperibili spesso anche nelle biblioteche.
Facendosi consigliare, è preferibile utilizzare pubblicazioni con una lunga tradizione nel settore.
• La normativa di settore, la cui conoscenza spesso viene richiesta nel bando, è reperibile
frequentemente sul portale dell’ente
• Ricordare di presentarsi alle prove d’esame muniti di un documento d’identità valido.
Informagiovani – Comune di Brescia
6
ASSUNZIONI SENZA CONCORSO
Avviamento al lavoro tramite liste art. 16
Le pubbliche amministrazioni e gli enti pubblici non economici possono effettuare assunzioni, sia a tempo
determinato che a tempo indeterminato, di personale per il quale non è richiesto il titolo di studio superiore a
quello della scuola dell’obbligo e a condizione che sia in possesso della professionalità eventualmente
richiesta e dei requisiti previsti per l’accesso al pubblico impiego. Ciò è previsto dall’art. 16 della Legge n.
56/87.
La pubblica amministrazione interessata può procedere al reclutamento del personale da avviare a selezione
sia autonomamente, diffondendo l’informazione attraverso un avviso pubblico affisso nel proprio albo per
almeno 5 giorni lavorativi, dandone contestualmente comunicazione al Centro per l’impiego competente e
utilizzando anche i mezzi di informazione, sia tramite il Centro per l’impiego di appartenenza, presentando
una specifica richiesta di avviamento a selezione.
Le regioni provvedono a definire le modalità per la formazione delle graduatorie e le procedure di
avviamento.
Le persone interessate a partecipare alle selezioni tramite il Centro per l’impiego devono iscriversi presso le
apposite liste (dette comunemente “liste dell’art. 16” con riferimento alla norma sopracitata) presso il centro
per l’Impiego di riferimento.
I requisiti per potersi iscrivere sono i seguenti:
- avere assolto l’obbligo scolastico
- essere maggiorenni
- possedere i requisiti per accedere al pubblico impiego
- essere iscritti al Centro per l’impiego di competenza
Una volta iscritti, bisogna tenere monitorati settimanalmente gli avvisi pubblici di selezione che gli enti
fanno pervenire al Centro per l’impiego. Il monitoraggio può avvenire recandosi presso il Centro per
l’Impiego, oppure tramite il suo portale o ulteriori fonti di informazioni, ad esempio molti Informagiovani
ricevono settimanalmente le richieste e provvedono a metterle a disposizione degli utenti.
L’avviso pubblico contiene una serie di indicazioni sulla offerta di lavoro: il numero di lavoratori da
assumere, la sede, i requisiti, la tipologia del rapporto di lavoro e la durata, le mansioni, il trattamento
economico, i contenuti e le modalità delle prove di idoneità.
Ci si candida recandosi al Centro per l’impiego nel giorno settimanale individuato dal centro stesso.
Possono essere avviati alla selezione tutti coloro che sono privi di occupazione, e anche le persone occupate
limitatamente alle offerte di lavoro a tempo indeterminato.
Il CPI provvede a formare la graduatoria per l’avviamento, sulla base di questi tre parametri
- anzianità di disoccupazione (1 punto per ogni mese di anzianità maturato, fino a un massimo di 24
punti
- carico familiare (i punti variano secondo la tipologia dei carichi)
- età anagrafica (1 punto per ogni anno)
La graduatoria compilata dal CPI adottando i criteri sopra indicati, si riferisce alle adesioni pervenute per
ogni singola offerta e viene resa pubblica.
Vengono avviati alla selezione tutti i candidati aventi i titoli indicati dall’Ente che hanno dato la loro
disponibilità per quell’offerta.
A questo punto, l’ente pubblico provvede a convocare i candidati per sottoporli alle prove di idoneità
secondo l’ordine di graduatoria. Si tratta di prove attitudinali correlate alla qualifica e al profilo
professionale. Le prove attitudinali si svolgono in un luogo aperto al pubblico e mirano a verificare l’idoneità
del candidato a svolgere le mansioni della qualifica, senza comparazione con gli altri candidati.
Gli avviati a selezione per un lavoro a tempo determinato che, senza giustificato motivo, non si presentino
alle prove selettive, rinuncino all’opportunità di lavoro o rifiutino il lavoro dopo le prove, non possono
partecipare ad altre selezioni a tempo determinato nei tre mesi successivi.
Gli avviati a tempo indeterminato che, senza giustificato motivo, non si presentino alle prove selettive,
rinuncino all’opportunità di lavoro oppure rifiutino il lavoro, perdono lo stato di disoccupazione e non
possono rendere dichiarazione che attesti la disponibilità allo svolgimento di lavoro nell’intera Regione per
un periodo di tre mesi.
I lavoratori risultati inidonei non possono partecipare a una selezione presso la medesima amministrazione
per un periodo di tre mesi.
Informagiovani – Comune di Brescia
7
Costituisce giustificato motivo: malattia, infortunio, servizio militare/civile, richiamo alle armi, maternità,
congedo parentale, limitazione della mobilità personale, contratto di lavoro dipendente, attività di lavoro
autonomo, corso di formazione professionale, tirocinio.
Per urgente necessità la Pubblica Amministrazione può procedere all’assunzione diretta di lavoratori per
rapporti di lavoro di durata non superiore ai trenta giorni, dandone comunicazione al CPI.
Chiamata numerica
Per le assunzioni obbligatorie delle persone indicate dalla legge n. 68/1999 (persone in età lavorativa affette
da minorazioni fisiche, psichiche o sensoriali e portatori di handicap intellettivo, che comportino una
riduzione della capacità lavorativa superiore al 45%, persone invalide del lavoro con un grado di invalidità
superiore al 33 per cento, accertata dall’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e
le malattie professionali, persone non vedenti o sordomute, persone invalide di guerra, invalide civili di
guerra e invalide per servizio) le amministrazioni e gli enti pubblici procedono per chiamata numerica degli
iscritti nelle liste di collocamento, previa verifica della compatibilità dell’invalidità con le mansioni da
svolgere.
Chiamata diretta nominativa
L’assunzione di coniuge e figli del personale di forze armate, forze dell’ordine, corpo nazionale dei vigili del
fuoco e personale della polizia locale deceduto nell’espletamento del servizio, nonché delle vittime di
terrorismo e criminalità organizzata, avvengono per chiamata diretta nominativa.
Informagiovani – Comune di Brescia
8
L’INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI NELLA PUBBLICA
AMMINISTRAZIONE
Il collocamento mirato
Per collocamento mirato si intende il processo orientato a favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro
delle categorie protette, in base alla legge n. 68/1999. L’obiettivo della legge è l’integrazione sociolavorativa delle persone disabili attraverso una serie di strumenti tecnici e di supporto che permettono di
valutare adeguatamente le persone con disabilità nelle loro capacità lavorative e di inserirle nel posto adatto a
loro.
Il collocamento mirato prevede una serie di strumenti per conseguire le sue finalità, quali:
- supporto per un’adeguata valutazione delle persone
- incentivi per le aziende
- sperimentazioni attraverso riqualificazioni e tirocini
- convenzioni con le aziende
I soggetti interessati al collocamento mirato sono:
a)
diversamente abili con minorazioni fisiche, psichiche o sensoriali e portatori di handicap intellettivo
che comportino una riduzione della capacità lavorativa superiore al 45%
b)
invalidi del lavoro con grado di invalidità superiore al 33%
c)
non vedenti e sordomuti
d)
invalidi di guerra, invalidi civili di guerra, invalidi per servizio
e)
orfani e coniugi superstiti di deceduti per causa di lavoro, di guerra, di servizio e soggetti equiparati
f)
profughi italiani rimpatriati e vittime del terrorismo
L’Ufficio collocamento mirato e i Centri per l’impiego gestiscono le attività a favore delle persone disabili ai
sensi della legge n. 68/99. L’iscrizione alle liste dell’Ufficio Collocamento Mirato tramite il Centro per
l’Impiego di zona consente quindi di usufruire dei servizi di inserimento al lavoro promossi dalla Provincia.
Modalità di avviamento al lavoro nel settore pubblico
I datori di lavoro possono essere enti pubblici e aziende private, che sono tenuti ad avere alle loro dipendenze
i lavoratori appartenenti alle categorie sopra citate nella seguente misura:

7% del totale dei lavoratori, se occupano più di 50 dipendenti;

due lavoratori, se occupano da 36 a 50 dipendenti;

un lavoratore, se occupano da 15 a 35 dipendenti; per i datori di lavoro privati appartenenti a questa
categoria tale obbligo si applica solo nel caso di nuove assunzioni.
Al fine di adempiere all’obbligo di assunzione, le pubbliche amministrazioni e gli enti pubblici non
economici possono ricorrere alle seguenti modalità:
- riserva nei concorsi
- chiamata numerica;
- chiamata nominativa mediante convenzione.
Riserva nei concorsi pubblici
Per le assunzioni tramite concorso, nel caso l’ente sia obbligato all’assunzione di persone disabili, i disabili
partecipanti alla procedura selettiva hanno diritto alla riserva dei posti nella misura del 50% dei posti messi a
concorso.
I bandi di concorso devono prevedere speciali modalità di svolgimento delle prove di esame per consentire ai
disabili di concorrere in condizione di parità con gli altri candidati.
Nei bandi di concorso per il pubblico impiego è stato abolito il requisito di sana e robusta costituzione fisica;
tra i requisiti può essere indicata solamente idoneità fisica a ricoprire l’impiego.
I disabili che abbiano conseguito l’idoneità nei concorsi pubblici possono essere assunti, ai fini
dell’adempimento dell’obbligo, anche se non versino in stato di disoccupazione e oltre il limite dei posti ad
essi riservati nei concorsi.
Chiamata numerica
La chiamata numerica degli iscritti nelle liste dell’Ufficio per il collocamento mirato è tuttora possibile per
gli enti pubblici.
Informagiovani – Comune di Brescia
9
In questo caso l’assunzione avviene in base all’ordine della graduatoria e alla qualifica richiesta, previa
verifica, da parte del datore di lavoro, della compatibilità dell’invalidità con le mansioni da svolgere.
Questo tipo di chiamata è prevista limitatamente alla copertura di posti corrispondenti alle categorie A e B1,
per l’accesso alle quali non è previsto il concorso pubblico e si effettua, presentando richiesta, direttamente
all’ufficio collocamento mirato della provincia, specificando ruolo giuridico, qualifica richiesta e tipologia
del contratto individuale.
Chiamata nominativa mediante convenzione
La legge n. 68/99 ha previsto la possibilità per gli Enti pubblici di stipulare apposita convenzione di
inserimento lavorativo o di integrazione lavorativa. Attraverso la convenzione la quale l’ente pubblico
definisce un programma articolato e graduale mirante al conseguimento degli obblighi occupazionali.
L’assunzione mediante convenzione è limitata alla copertura di posti corrispondenti alle categorie per
l’accesso alle quali non è previsto il concorso pubblico e avviene tramite l’Ufficio del collocamento mirato.
Informagiovani – Comune di Brescia
10
IL LAVORO FLESSIBILE
NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
Introduzione
Mentre le assunzioni a tempo indeterminato servono a coprire l’organico, il lavoro flessibile nella pubblica
amministrazione ha l’obiettivo di migliorarne la funzionalità organizzativa.
L’art. 49 della legge n. 133/2008 (che ha sostituito l’art 36 del DLgs n. 165/2001) afferma che “per
rispondere a esigenze temporanee ed eccezionali le amministrazioni pubbliche possono avvalersi delle forme
contrattuali flessibili di assunzione e di impiego del personale previste dal codice civile e dalle leggi sui
rapporti di lavoro subordinato nell’impresa, nel rispetto delle procedure di reclutamento vigenti”. Per lavoro
flessibile si intendono tutte le possibilità di utilizzare una lavoratore diverse dal rapporto di lavoro a tempo
indeterminato.
Contratto a tempo determinato
Le pubbliche amministrazioni che possono ricorrere al contratto di lavoro a tempo determinato sono:
amministrazioni dello Stato, Regioni, Province, Comuni, enti di ricerca e Università. (il settore Pubblica
istruzione sui contratti a tempo determinato ha una disciplina separata).
All’impiego a tempo si accede mediante concorso. Non sono previsti limiti di età per partecipare; il bando di
concorso individua i soggetti a cui la ricerca è rivolta tramite una serie di requisiti.
Al lavoratore assunto con contratto a termine si applica il principio di non discriminazione rispetto agli
assunti a tempo indeterminato e ha diritto a ferie, tredicesima, tfr ecc.
Contratto di formazione e lavoro
È un contratto a causa mista che dura da uno a due anni, convertibile alla scadenza in contratto a tempo
indeterminato, se si superano le selezioni previste dall’ente pubblico per quella specifica figura
professionale. Mira a una specifica formazione e può essere stipulato:
- per acquisire professionalità elevate (24 mesi)
- per agevolare l’inserimento professionale mediante un’esperienza lavorativa che consenta di acquisire le
competenze specifiche richieste dal contesto lavorativo (12 mesi)
E’ rivolto ai giovani tra i 16 e i 32 anni che abbiano adempiuto l’obbligo scolastico. Può essere a tempo
pieno o parziale.
A questo contratto si applicano le regole per il lavoro dipendente, perciò la retribuzione e l’orario di lavoro
devono rispettare la disciplina legislativa e i contratti collettivi di settore.
Somministrazione
Il contratto di somministrazione consiste nella fornitura di personale da parte di un’agenzia per il lavoro
(operatore abilitato a svolgere questo servizio attraverso l’autorizzazione rilasciata dal Ministero del Lavoro
a un soggetto terzo, detto utilizzatore, presso il quale il lavoratore svolge la sua attività.
Questa tipologia di contratto, molto usata nel settore privato, può trovare applicazione anche nella pubblica
amministrazione. Il lavoratore somministrato è inserito nella struttura dell’amministrazione, ma è dipendente
dell’agenzia. La prestazione lavorativa viene svolta nell’interesse dell’amministrazione, sotto la sua
direzione e il suo controllo; il lavoratore somministrato ha diritto allo stesso trattamento economico e
normativo dei lavoratori pubblici di pari livello e mansioni, tuttavia al personale somministrato utilizzato
dalle pubbliche amministrazioni non è possibile applicare direttamente la normativa riguardante il
dipendente pubblico; nel capitolato di appalto e nel contratto di somministrazione vengono perciò inserite
apposite clausole.
Le pubbliche amministrazioni non possono ricorrere all’utilizzo dello stesso lavoratore con più tipologie
contrattuali per un periodo superiore al triennio.
E’ vietato l’utilizzo di somministrazione per lavoratori che esercitano il diritto di sciopero, presso unità
produttive che nei 6 mesi precedenti abbiano proceduto a licenziamenti collettivi di lavoratori che
esercitavano le stesse mansioni, da parte di amministrazioni che non abbiano effettuato la valutazione dei
rischi.
Informagiovani – Comune di Brescia
11
L’ente pubblico seleziona l’agenzia alla quale conferire l’incarico di somministrare lavoro tramite procedure
a evidenza pubblica. Per conoscere quali agenzie sono state selezionate consigliamo di rivolgersi al settore
personale dell’ente presso il quale si è interessati a lavorare. L’indirizzario delle agenzie per il lavoro può
essere reperito sul portale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali www.cliclavoro.gov.it
(>informati>albo informatico).
Collaborazione coordinata e continuativa e incarichi di consulenza libero professionali
L’art. 46 della legge n. 133/2008 prevede che “per esigenze cui non possono far fronte con personale in
servizio, le pubbliche amministrazioni possono conferire incarichi individuali, con contratti di lavoro
autonomo, di natura occasionale o coordinata continuativa, a esperti di particolare e comprovata
specializzazione anche universitaria”; si prescinde da quest’ultima per incarichi professionali conferiti a
iscritti in albi o ordini e per lavoratori che operino nel campo dell’arte e dell’artigianato.
La norma restringe la possibilità della pubblica amministrazione di fare ricorso a queste tipologie di contratti
ai casi in cui:
- l’amministrazione abbia preliminarmente accertato l’impossibilità oggettiva di utilizzare le risorse del suo
organico
- la prestazione lavorativa sia di natura temporanea e altamente qualificata
- siano preventivamente determinati durata, luogo, oggetto e compenso della collaborazione.
La collaborazione coordinata e continuativa - co.co.co.- Appartiene alla tipologia del lavoro parasubordinato,
cioè quel lavoro prestato per l’erogazione di un’opera continuativa prevalentemente personale e non a
carattere subordinato. E’ una tipologia di rapporto lavorativo che deve caratterizzarsi per l’elevata autonomia
e professionalità del collaboratore, affinché non venga eluso in principio generale per cui al lavoro pubblico
si accede tramite concorso. Pertanto, obiettivi specifici, durata del rapporto, oggetto e compenso devono
essere determinati nel contratto.
Il collaboratore titolare del contratto non è parte dell’organico dell’ente o azienda, il rapporto di lavoro non è
di tipo subordinato e non può essere trasformato in un rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato.
Per accedere alle collaborazioni ci si può rivolgere al settore personale dell’ente per verificare quali
opportunità ci siano e consegnare il proprio curriculum (meglio in formato europeo).
Gli incarichi di lavoro autonomo sono generalmente conferiti a professionisti con comprovata esperienza che
esercitano professioni intellettuali per le quali è richiesta l’iscrizione a albi o ordini (es. avvocati, medici,
commercialisti, geometri), a professionalità particolari (es. esperti in informatica, grafici) e a professionisti
che lavorano nel campo dell’artigianato o dell’arte.
Gli incarichi vengono conferiti indicendo una selezione pubblica, nella quale sono indicati i requisiti e le
modalità di presentazione della candidatura. La scelta avviene mediante l’attribuzione di un punteggio
conferito sulla base del curriculum e dell’esperienza professionale.
Informagiovani – Comune di Brescia
12
SITI DI APPROFONDIMENTO
Alcuni settori della pubblica amministrazione presentano peculiarità con riferimento alle procedure di
assunzione del personale e ai requisiti del personale stesso. In particolar modo, ciò avviene nell’ambito della
difesa/polizia e della pubblica istruzione
Con riferimento a tali ambiti, rimandiamo perciò ad approfondimenti sui portali dei ministeri di riferimento.
Lavorare in divisa
Le forze armate sono l’insieme delle componenti militari dello Stato. Sono quattro: Esercito, Marina
Militare, Aeronautica Militare, Arma dei Carabinieri. Il personale appartenente alle forze armate e ai corpi
armati dello Stato assume la denominazione di militare.
I corpi armati sono formazioni composte da civili o da militari, nella maggior parte dei casi forze di polizia,
dotate di armi e organizzate gerarchicamente come un corpo militare ma non facenti parte dell’esercito,
Le forze di polizia sono cinque: la Polizia di Stato, l’Arma dei Carabinieri, il Corpo della Guardia di Finanza,
la Polizia penitenziaria e Corpo forestale dello stato. Le forze di polizia possono essere utilizzate anche per il
servizio di pubblico soccorso.
Aeronautica militare
www.aeronautica.difesa.it
Arma dei carabinieri
www.carabinieri.it
Corpo forestale dello Stato
www.corpoforestale.it
Esercito Italiano
www.esercito.difesa.it
Guardia di Finanza
www.gdf.gov.it
Marina Militare
www.marina.difesa.it
Polizia di Stato
www.poliziadistato.it
Polizia penitenziaria
www.polizia-penitenziaria.it
Corpo Nazionale dei vigili del fuoco
www.vigilifuoco.it
Lavorare nella scuola
L’educazione e l’istruzione pubblica rappresentano uno dei comparti più complessi e ampi della pubblica
amministrazione. Di seguito elenchiamo le principali figure impiegate nel settore:

educatore di asilo nido/coordinatore pedagogico di asilo nido

insegnante nella scuola dell’infanzia

insegnante nella scuola primaria

insegnante nella scuola secondaria di 1° grado e 2° grado

insegnante di religione

insegnante di sostegno

personale A.T.A.

direttore dei servizi generali amministrativi

dirigente scolastico
Informagiovani – Comune di Brescia
13
Per approfondimenti sulla figura dell’educatore e del coordinatore in servizi nido comunali rimandiamo alla
consultazione della nostra scheda “Lavorare nei nidi d’infanzia” pubblicata sul portale
www.comune.brescia.it/informagiovani
Per approfondimenti sulla figura dell’insegnante nella scuola dell’infanzia rimandiamo alla consultazione
della
nostra
scheda
“Lavorare
nelle
scuole
dell’infanzia”
pubblicata
sul
portale
www.comune.brescia.it/informagiovani
Per approfondimenti sulle altre figure, informazioni sull’accesso al lavoro e i concorsi pubblici, rimandiamo
alla consultazione dei principali siti di riferimento:
- Ministero dell’istruzione (MIUR) www.miur.it
- Portali degli uffici scolastici regionali e territoriali
- Gazzetta Ufficiale (www.gazzettaufficiale.it)
- Bollettini Ufficiali Regionali (consultabili sui rispettivi portali regionali).
www.cliclavoro.gov.it
Portale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali che fornisce a cittadini, aziende e operatori
(pubblici e privati) supporto per seguire le evoluzioni del mercato del lavoro e la normativa.
www.miur.it
Portale del Ministero dell’Istruzione, dell’Università, e della Ricerca
Utile per reperire i concorsi per reclutamento del personale della scuola e dell’università
www.giustizia.it
Portale del ministero della Giustizia. Utile per conoscere i concorsi nella magistratura.
www.salute.gov.it
Portale del Ministero della salute. Alla voce “Servizio sanitario nazionale” sono indicati gli indirizzi delle
strutture sanitarie ospedaliere, ambulatoriali, residenziali/semiresidenziali e gli indirizzi delle Asl di tutta
Italia, con link ai rispettivi siti.
www.gazzettaufficiale.it
Portale della Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. Nella sezione IV serie speciale-concorsi (che esce
ogni martedì e venerdì) si trovano molti concorsi pubblici sia su scala nazionale che locale. Le pubblicazione
degli ultimi 60 giorni sono consultabili gratuitamente on line.
Informagiovani – Comune di Brescia
14
NORMATIVA DI RIFERIMENTO
DLgs. 165/2001 “Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni
pubbliche”.
L. 133/2008 art. 46 “Riduzione delle collaborazioni e consulenze nelle pubbliche amministrazioni”; art. 49
“Lavoro flessibile nelle pubbliche amministrazioni”.
L. 56/1987 art. 16 “Disposizioni concernenti lo Stato e gli enti pubblici”
L. 68/1999 “Norme per il diritto al lavoro dei disabili”
Informagiovani – Comune di Brescia
15
Stampato dal Settore Giovani, Sport e Innovazione del Comune di Brescia
Redazione a cura di Tempo Libero Società Cooperativa Sociale - ONLUS
Edizione ottobre 2012
Informagiovani – Comune di Brescia
16
Fly UP