...

Posto di lavoro (ideale) cercasi

by user

on
Category: Documents
6

views

Report

Comments

Transcript

Posto di lavoro (ideale) cercasi
storia di copertina
IL MIRAGGIO DEL BEST PLACE TO WORK SESTA PUNTATA
Posto di lavoro
(ideale) cercasi
L’inchiesta si sposta dietro le quinte degli studi d’affari. E rivela che
le cinque linee guida (retribuzioni, possibilità di carriera, formazione,
benefit e work-life bilance) rappresentano gli ingredienti di una ricetta
quasi sempre incompleta. Promozioni e bocciature sono parziali. Fa la
differenza la voglia di dare un contributo di trasparenza
di Maria Buonsanto
L’
inchiesta sul best
place to work è giunta alle battute finali.
Dopo aver ascoltato
le versioni ufficiali
del racconto best place (vedi a fine
articolo le tabelle riassuntive), il
sesto capitolo del viaggio - forse
il più atteso – è scritto con il contributo di chi lavora nelle retrovie.
Un esercito abitualmente “invisibile”, ma che sarà sempre meno
un fattore secondario, e sempre di
più una variabile competitiva dello
studio. Un esercito che spende anche 11 o 12 ore al giorno negli studi, ma senza partecipare agli utili.
Condividendone, però, il rischio
d’impresa: licenziamenti, riduzioni retributive e tagli ai bonus sono
solo alcune delle ripercussioni della crisi in cui versa anche il settore
legale. Per la prima volta, quindi, To-

tTopLegal Luglio/Agosto 2012
pLegal è andato a sbirciare dietro
le quinte dei patinati studi d’affari,
per scoprire come vengono gestiti.
Le informazioni raccolte in questi
mesi (a partire da febbraio, quando
l’inchiesta ha cominciato a prendere corpo), sono state confrontate ed elaborarle nelle pagine che
seguono. Un passo coraggioso e
doveroso, mai tentato in Italia, per
storia di copertina
È una variabile che spesso (ma non
sempre) è indice di soddisfazione.
Sicuramente, rivela la presenza
in quello studio di professionisti
(che, con ogni probabilità, saranno protagonisti del ricambio generazionale) pronti all’apertura
e alla disclosure dei dati (anche i
più sensibili), per andare oltre il
corporativismo, liberandosi da regole e consuetudini non efficienti,
e cercare un nuovo equilibrio associativo.
Vanno evidenziati due risultati
apprezzabili: la trasparenza e disponibilità del nutrito gruppo di
professionisti che ha partecipato
all’inchiesta, senza gloria né oneri
o onori (dato l’anonimato delle risposte) e la sostanziale congruenza tra le informazioni ufficiali (almeno quelle che gli studi hanno
voluto diffondere) e quelle ufficiose del dietro le quinte.
Tanti gli interrogativi proposti. I professionisti si sentono valorizzati al meglio dagli studi in
cui esercitano? C’è meritocrazia?
La crescita remunerativa è proporzionata al lavoro richiesto? Da
“dietro le quinte” emerge una risposta banale, quanto semplice:
non solo ogni studio, ma addirittura ogni dipartimento è una realtà a sé stante. Con un minimo
comune denominatore: chi sceglie
di lavorare in uno studio d’affari
sa quello a cui va incontro. Orari
estenuanti, competizione accesissima e vita privata ridotta ai minimi termini sono tutti aspetti su cui
la maggior parte degli intervistati è
pronta a soprassedere. «Non sono
tutti vampiri – sintetizza un professionista -. I principali studi d’affari contano centinaia di persone,
quindi, ce n’è per tutti i gusti. Non
perché si tratta di studi legali, ma
perché sono campioni umani ad
alta concentrazione di ambizione».
Ed è proprio l’ambizione il fattore che determina maggiormente
il grado di soddisfazione per uno
studio: retribuzioni e avanzamento
di carriera sono gli aghi che fanno
pendere la bilancia dei consensi.
Ma il best place to work sembra
ancora un’isola che non c’è. Un miraggio, però, di cui alcuni studi già
iniziano a tracciare i contorni.
© Kurhan - Fotolia.com
scardinare le logiche corporative e
costruire regole chiare, trasparenti e condivise. Quindi, per trovare non solo le situazioni critiche,
bensì per individuare benchmark
e modelli che funzionano davvero. Anche se, com’era prevedibile,
la formula magica del best place
si è rivelata una ricetta cui manca
sempre un ingrediente. «La coperta – è il commento di uno degli intervistati – sembra sempre troppo
corta. Tutto sta nel capire quale
parte del corpo si vuole lasciare
scoperta».
Opportunità di fare carriera,
remunerazioni e benefit stellari,
formazione a tutto campo, bilanciamento tra vita lavorativa e vita
personale: ad almeno uno di questi
elementi si deve essere pronti a rinunciare se si vuole prendere parte
al gioco. Oltre a queste variabili di
base, è stato poi individuato un parametro qualitativo su cui elaborare un teorico meccanismo premiante che ha consentito di dividere i 29 studi dell’indagine in tre
gruppi. Il parametro è il numero di
commenti raccolti dietro le quinte.
TopLegal Luglio/Agosto 2012
t 
storia di copertina
MOLTI COMMENTI,
PER QUALCUNO
TORMENTI
a tutti i livelli»). Tutti gli intervistati concordano nel dire che il
trainee percepisce 27/30mila euro
l’anno dopo l’iscrizione all’Albo
si passa ad una fascia compresa tra 40/55mila per progredire a
step di circa 10mila euro l’anno.
La discrezionalità è praticamente assente anche nell’attribuzione
del bonus, che non deriva da performance personali, ma da quelle
complessive dello studio. «Una
circolare annuale – spiegano gli
intervistati - comunica il bonus,
computato in termini percentuali
rispetto allo stipendio annuale. E
la percentuale è uguale per tutti
(secondo quanto riferito, la cifra
non ha mai superato il 12,5% ndr).
Il che riduce la rivalità».
Cleary Gottlieb
È l’insegna che in assoluto ha visto
la maggiore partecipazione all’inchiesta best place, nonostante tutti gli intervistati sottolineassero
«il divieto, imposto dal network,
di avere rapporti autonomi con la
stampa». Ed è, con Clifford Chance e Linklaters, l’unica in cui tutti
i commenti raccolti combaciano
al 100% sia tra loro sia con le informazioni ufficiali fornite dallo
studio.
La fotografia scattata da “dietro
le quinte” a Cleary è quella di una
firm che pretende molto - «tutti
per entrare devono essere in possesso di un master conseguito in
America, a Londra o a Bruxelles»
-, ma dà altrettanto. Aspetti particolarmente apprezzati sono: coesione interna; governance chiara; buone prospettive di crescita;
estrema tutela della diversità;
possibilità di esprimere la propria
professionalità come singolo e non
necessariamente come brand. C’è
poi chi sottolinea: « È uno studio
realmente aperto alla formazione,
tanto che il 90% dei professionisti
ha portato o porta avanti anche
una carriera universitaria». È l’unica insegna in cui tutti gli intervistati dichiarano di sentirsi “liberi professionisti” e qualcuno addirittura “imprenditore”. Aspetto
negativo? «Fino al conseguimento
del master si permane in una sorta
di limbo».

tTopLegal Luglio/Agosto 2012
Anche Clifford Chance guadagna
una medaglia per il pieno riscontro tra il racconto best place ufficiale e quello ufficioso. Immediata
responsabilizzazione delle nuove
leve, possibilità di scegliere se lavorare o meno su un deal («È così
che ci si sente davvero dei liberi professionisti»), ottimo lavoro
di squadra, un consistente budget destinato alla formazione, un
chiaro percorso di carriera («che
potrebbe portarti in dieci anni
© Mike Kiev - Fotolia.com
Indiscrezioni sulle retribuzioni
Trasparenza anche sul fronte retribuzioni («È un lockstep puro
Clifford Chance
alla partnership»), opzioni di flex
e part-time. Sono alcune delle caratteristiche più apprezzate da chi
lavora nella law firm. Per cui «sapere quando si entra ma non sapere quando si esce» è considerato lo
scotto “non tanto caro” da pagare
per rimanere nell’insegna, definita
«uno studio che richiede predisposizione al sacrificio e la consapevolezza che devi guadagnarti
ogni giorno la tua poltrona».
Linklaters
Giudicato dagli interpellati «uno
degli ambienti lavorativi migliori
quanto a trasparenza», lo studio
dimostra disclosure sia in termini
di governance sia di retribuzioni
(«almeno fino all’ottava fascia»).
Linklaters detiene, insieme a Cleary e Clifford, il primato per cui
tutti gli intervistati, chiamati a
rispondere sulle cinque direttrici
del best place (carriera, retribuzioni, formazione, benefit e worklife balance), hanno dato le stesse
risposte. È l’unico studio in cui
a tutti coloro che entrano come
praticanti viene garantita la possibilità di rotazione nei tre dipartimenti (Capital markets, Banking
& finance e Corporate M&A). Una
volta completata la rotazione sta
all’associate, conseguito il titolo,
storia di copertina
scegliere il dipartimento. Aspetto
più apprezzato? «C’è molta esposizione verso il cliente». Quello negativo? «Quando si entra non è un
mistero che le possibilità di arrivare alla partnership siano davvero
limitate. Ragion per cui per molti
è solo una buona scuola in cui formarsi e un trampolino di lancio
per diventare soci di altri studi».
Indiscrezioni sulle retribuzioni
Ufficialmente l’insegna si era riservata di non rispondere, “per policy interna”, sul capitolo retribuzioni. Che internamente, invece,
sono pubbliche: si parte da 25mila
euro come praticante e si passa a
45mila come avvocato, per poi crescere tra i 10mila e i 15mila euro
l’anno.
Orrick
Lo studio, dall’analisi fatta su un
campione parziale dei professionisti (è bene precisarlo), si posiziona
tra quelli più accessibili in termini
di commenti rilasciati. Ma, a differenza dei primi tre, è anche tra
quelli in cui emergono maggiori
discordanze tra gli aspetti dichiarati e le interviste. Tra i commenti: «Pecca di limitate possibilità
di crescita professionale»; «non ci
sono pari opportunità di accesso
alla partnership». Particolarmente curioso l’episodio raccontato da
un professionista: «Ci aveva lasciato abbastanza perplessi leggere di
convenzioni con palestre», come
riportato dal numero di TopLegal
sui benefit aziendali (aprile 2012).
Nella realtà, solo dopo l’annuncio
di questo sondaggio dietro le quinte sul sito di TopLegal, «è stata diffusa una email in cui si comunicava l’attivazione di una convenzione
con una palestra vicino all’ufficio».
Coincidenza? In ogni caso, il peggior difetto sembra essere un altro.
«Si sente molto poco – a detta dei
più – l’appartenenza a un network
internazionale».
Indiscrezioni sulle retribuzioni
Rispetto a quanto dichiarato dallo
studio le remunerazioni sembrerebbero più basse (18mila euro per
un trainee, circa 30mila per un associate di primo livello)
Pirola Pennuto Zei
Chiarezza e trasparenza sembrano
essere le parole chiave della vita in
Pirola. Nel bene e nel male. Tanto nella comunicazione ufficiale,
quanto nel dietro le quinte. Il dente degli intervistati duole sul lato
compensi, ritenuti «decisamente
sotto la media». Entrando da praticante si inizia con circa 800 euro
al mese, per poi crescere gradualmente. Ma non di molto. «Economicamente c’è uno squilibrio marcato tra quanto richiesto e quanto
dato» è il commento unanime. In
realtà, confrontando i ritmi lavorativi in Pirola con quelli sostenuti
in altri studi, risultano essere abbastanza sotto la media («da contratto si devono lavorare 8 ore al
giorno, anche se alla fine si arriva
sempre a 9/10»). Altro problema
riscontrato è «una sorta di “discriminazione” degli avvocati, a favore
dei commercialisti, nella “corsa” al
partenariato». Cosa che dipende
anche dal fatto che «difficilmente
i partner legali hanno mandati tali
da permetterti di arrivare ai 2 milioni di euro richiesti per l’equity».
Scarsa gerarchia, clima informale,
estrema preparazione dei partner,
organizzazione e responsabilizzazione anche dei più giovani sono,
invece, gli aspetti più apprezzati.
Roedl & Partners
Se, nel corso dell’indagine ufficiale, Roedl non ha brillato per meriti particolari, dalle voci raccolte
dietro le quinte lo studio emerge
come uno di quelli in cui ufficiale e
ufficioso coincidono maggiormente. Gli aspetti positivi più marcati
sono: «Un bonus che rappresenta
un’ottima variabile sui compensi»;
«un ambiente gerarchico in cui,
però, la gerarchia non è fatta pesare»; «la possibilità di confrontarsi
con i diretti responsabili, con la
certezza che in media più del 50%
del problema comunicato verrà
recepito», «opzioni part-time per
chi ha famiglia» e «la possibilità
di avere un proprio portafoglio
clienti». Peggior difetto? «È difficile andare al di là della staccionata
e diventare i padroni della casa. E
non risultano chiari i criteri utilizzati per deciderlo». D’altronde, in
linea con la trasparenza dimostrata nella comunicazione ufficiale,
lo stesso studio interpellato a riguardo aveva risposto che «tutto
si riduce alla domanda se si vuole
avere e si ritiene adatto il collaboratore in questione come partner
dello studio».
Simmons & Simmons
«Uno studio che ti permette di
dormire tranquillo». È così che
Simmons viene percepito dai suoi
professionisti. Partner con elevate
doti umane, coinvolgimento a 360
gradi dei junior nelle operazioni,
un ambiente sereno e cordiale, assenza di ostruzionismo, la certezza che «lo studio, anche quando
reputa di dover fare a meno di un
collaboratore, lo aiuterà a ricollocarsi sul mercato con un’uscita
paracadutata». Sono le caratteristiche più apprezzate della firm.
TopLegal Luglio/Agosto 2012
t 
storia di copertina
Che, invece, è criticata per la bassa
disclosure sulle politiche di accesso alla partnership e remunerative. «Le fasce esistono solo per le
figure junior – è un commento -,
dopodiché cala il silenzio e diventa
una questione di negoziazione individuale».
Indiscrezioni sulle retribuzioni
Dai circa 800 euro mensili di chi
entra con uno stage semestrale, si
passa ai 15mila euro annui del praticante. Conseguito il titolo, i compensi salgono a 36-40mila euro
per arrivare a circa 100-120 prima
dell’accesso alla partnership.
IN MEDIO
(NON SEMPER)
STAT VIRTUS
Bonelli Erede Pappalardo
Un approccio estremamente business oriented, in cui l’imperativo è
«mantenere in ogni practice una
qualità alta, paragonabile ai livelli
dello studio boutique, anche se per
farlo devi rinunciare ad avere una
vita extralavorativa». È questa,
stando alle interviste, la caratteristica principe dello studio Bonelli
Erede Pappalardo, con cui si apre
la carrellata delle realtà che hanno
avuto un numero medio di commenti. Descritto come una struttura piramidale, ma molto mobile,
il cui funzionamento è spiegato ai
professionisti al loro ingresso, nel
momento in cui si riceve l’offerta
scritta indicante compenso e livello d’inquadramento. Nonostan-

tTopLegal Luglio/Agosto 2012
te da molti punti di vista si possa
definire un sistema meritocratico
– si evince da commenti come «di
imboscati ce n’è pochi» e «professionisti della stessa età sono inquadrati in livelli molto diversi a
seconda del loro valore» -, il bonus
è attribuito in maniera discrezionale e «dipende sostanzialmente
dalla segnalazione fatta dal socio
di riferimento». Difetti peggiori?
«Non ci sono orari. Quando si esce
alle 22 si è contenti. Andare oltre è
normale».
Carnelutti
Dai racconti dietro le quinte, il
dato più interessante che emerge è
che Carnelutti è l’unico studio italiano in cui gli intervistati ritengono le retribuzioni “giuste”, nonostante non siano tra le più alte sul
mercato. Indice, probabilmente,
di un buon equilibrio tra quanto
richiesto e quanto dato. «Ottimi
i rapporti umani, anche se i ritmi
di lavoro sono abbastanza sostenuti», commenta un collaboratore.
«Buone le possibilità di crescita
professionale – dice un altro professionista -, grazie all’immediata
responsabilizzazione dei più giovani e alla possibilità di svolgere
master/secondment
retribuiti».
Pecca? «Certo non si può dire che
ci sia un pieno riconoscimento del
lavoro degli associate. Basta dare
uno sguardo al sito per rendersi
conto che questa categoria di professionisti neanche compare (nella
sezione “people” vengono elencati
solo partner e of counsel ndr)».
Chiomenti
«La pazienza paga» è il motto
da avere in mente se si lavora in
Chiomenti. Uno studio che pre-
mia dedizione e abnegazione con
la possibilità di un’effettiva crescita professionale. Da un lato, dalle
interviste, emerge che per i primi
cinque anni «si è bassa manovalanza». Un professionista rivela:
«Credo sia l’unico studio in cui
esiste un livello Zero, di cui nessuno capisce il perché, che individua
un periodo che intercorre tra lo
stage e il praticantato». Dall’altro
lato, però, c’è l’assoluta certezza
che «solo chi è cresciuto in Chiomenti può aspirare a diventarne
socio». Tesi suffragata dallo stesso studio che, tra i criteri cardine
dell’ammissione alla partnership,
annovera una «indiscussa e comprovata fedeltà alle regole di studio». Tanto che c’è chi si lamenta
che «si tende a premiare più gli
“esecutori altamente qualificati”
di chi fa davvero business». Estrema competenza dei professionisti
ed elevata competizione sono i
due aspetti più marcati nei commenti dei professionisti interpellati. Aspetti che si traducono in
«scarsi rapporti umani» e «veglie
al fortino che si protraggono fino
all’1-2 del mattino».
Indiscrezioni sulle retribuzioni
Nonostante Chiomenti non avesse
comunicato i dati relativi alle retribuzioni, dall’indagine emerge che
il praticante dovrebbe percepire
intorno ai 12mila euro l’anno, che
diventano 40mila una volta conseguito il titolo di avvocato. Salendo
di fascia, invece, aumenta il peso
della parte variabile (giudicata da
un intervistato «ancorata a sistemi
aleatori»).
De Berti Jacchia
Uno studio d’affari in cui si respira l’aria dell’attività a conduzione
familiare. È questo l’asso nella manica di De Berti Jacchia Franchini
Forlani. Gli aspetti più apprezzati
sono: ottimi rapporti personali («il
rispetto è alla base delle relazioni,
senza però diventare formalismo»);
ritmi di lavoro che consentono di
avere una vita extralavorativa («si
rimane in studio solo se c’è davvero qualcosa da fare ed è difficile superare le 20.00»); buona organizzazione del lavoro con ampi margini
di autonomia e grande attenzione
alla formazione («è davvero uno
studio che ti permette di diventare
un buon avvocato»). Difetto? «Le
retribuzioni. Nell’ultimo anno a
causa della crisi nessuno ha visto
aumenti e sono stati tagliati i bonus».
cora: «Buona valorizzazione delle
professionalità, anche di quelle più
giovani». Sono questi gli aspetti su
cui punta Dla Piper. Le criticità?
C’è chi dice che «si tratta a tutti
gli effetti di una piccola media impresa con tutti gli svantaggi che
ciò comporta: standard e procedure da rispettare». Affermazione
suffragata da chi dice di sentirsi
«più un dipendente che non un libero professionista». Non manca
neanche chi si lamenta degli elevati standard richiesti: «Parlando
di billable hours – è un commento
-, la media va dalle 1.500 (quando
si entra) alle 1.800 (da associate).
Obiettivi non facili da raggiungere in un momento come quello
attuale».
Dla Piper
Freshfields
«Ottimo rapporto tra i professionisti e con i partner, rinsaldati dalle molte attività finanziate dallo
studio (viaggi di gruppo, attività
ricreative, aperitivi, etc…)». E an-
Non è tutto oro quello che luccica
in casa Freshfields. Dalle dichiarazioni ufficiali dello studio, la firma
magic circle sembrava candidata
al podio degli studi migliori in
© olly - Fotolia.com
storia di copertina
cui lavorare. Ottime remunerazioni, attenzione alla formazione,
bonus da capogiro e policies per
la gestione delle risorse umane.
Tutti elementi che, in effetti, hanno trovato riscontro nei commenti
dei professionisti interpellati. Ma
il racconto dietro le quinte svela
anche qualche punto debole, come
«uno scarso riconoscimento umano e professionale, che ti fa sentire
come un pollo da batteria»; «una
gestione del lavoro anarchica,
senza reali punti di riferimento»;
«poca responsabilizzazione delle
risorse junior»; «un ambiente non
semplice da gestire»; «una scarsa attenzione al fattore D, tanto
che nessuno dei 21 partner è una
donna». Caratteristica più apprezzata? «La possibilità di diventare
soci anche se non si hanno clienti,
l’importante è saper mantenere il
business e non necessariamente
generarne di nuovo, perché molto
arriva dal network».
Gianni Origoni Grippo
Uno studio in cui si può parlare di
due corsi: prima e dopo il 20092010. Un momento di discontinuità in cui da best place to work,
Gianni Origoni Grippo Cappelli &
Partners ha iniziato a «patire una
mancanza di chiarezza». Anche se
alcuni professionisti rivelano che
si tratta di «una finta non trasparenza, visto che alla fine tutti conoscono le policies dello studio,
seppur queste non vengano esplicitamente rese pubbliche». Per un
intervistato, «in Gianni tanti sono
cresciuti molto meno di quanto
avevano investito e in alcuni casi si
è avuta una riduzione dello stipendio». Per un altro: «È uno studio
che richiede un investimento personale e professionale di alto livel-
TopLegal Luglio/Agosto 2012
t 
storia di copertina
difficile. Basti pensare che finora
non era previsto neanche un riconoscimento per l’origination»), un
approccio romanocentrico e poca
trasparenza («non si conoscono le
regole del gioco per capire l’attribuzione di bonus e il passaggio al
livello successivo»; «le retribuzioni vanno negoziate»; «per l’accesso alla partnership si possono fare
solo ipotesi, non suffragate da alcuna informazione»).
Hogan Lovells
Lombardi Molinari
Uno studio che ti fa sentire in una
botte di ferro. È questo il pregio
riconosciuto dai collaboratori di
Hogan Lovells. Alcuni commenti
sono: « È cresciuto con ritmi sostenibili e, quindi, non ha risentito
della crisi»; «è in grado di mantenere i costi di struttura senza chiedere sacrifici economici ai collaboratori». Il problema più marcato,
invece, sembra essere quello di
una «gestione poco internazionale e troppo all’italiana», con scarsa organizzazione («le funzioni si
sovrappongono»; «è uno studio
destrutturato»; «non c’è una direzione unitaria»; «fare carriera è
Lo studio dai più è indicato come
«the place to be» per crescita professionale, grazie all’importanza e
complessità delle operazioni trattate: «Si ha possibilità di confrontarsi con il restructuring più spinoso e il contenzioso più stimolante».
Per anni la maggiore lamentela
su Lombardi Molinari e Associati
ha riguardato, invece, la possibilità di fare carriera. «L’accesso alla
partnership sembrava un miraggio», commenta un professionista.
«Diventare socio sembrava scritto nella pietra», dice un altro. Lo
studio, però, ha dato seguito alla
pressione interna con un’ondata di
© Sergej Khackimullin - Fotolia.com
lo. Quindi, le aspettative di crescita sono altissime, ma capita spesso
che vengano deluse». E ancora:
«Siamo dipendenti neanche tanto
ben retribuiti - lamenta un professionista -, costretti a sopportare il
rischio d’impresa, dato che i nostri
stipendi dipendono dal fatturato,
pur non partecipando agli utili».
Aspetto più apprezzato? «La possibilità di confrontarsi con i migliori
professionisti sul mercato».
promozioni che ha disteso gli animi. Lavorare il sabato non è un optional, ma un must se si vuole avere
la possibilità di incontrare i name
partner. Difetti peggiori? «Lo studio non sta provvedendo a “delombardizzarsi” e già si intuisce che il
problema del ricambio generazionale avrà un effetto dirompente».
E ancora: «Si respira un’aria molto tradizionale, formale e austera.
E questo ha di sicuro un impatto
negativo in termini di best place to
work».
Indiscrezioni sulle retribuzioni
Le remunerazioni? «Non adeguate
all’importanza dell’insegna», secondo alcuni. Si parla, a detta degli
intervistati, di 12mila euro l’anno
all’ingresso, che diventano 20mila
conseguito lo scritto e 36mila con
l’ottenimento del titolo. A queste
cifre, però, non si aggiunge alcuna
parte variabile, non essendo previsti i bonus.
Nctm
La chiave di lettura dei racconti dietro le quinte è lo “spirito di
gruppo”, che rappresenta un’arma
a doppio taglio per Nctm. Infatti, se da una parte si concretizza
in una gestione che, nelle singole
sedi, porta a un’estrema coesione.
Dall’altra, ne discende un’eccessiva competizione tra sedi diverse,
percepite come “altro da sé”. A sottolineare il primo aspetto, commenti come «a Roma è stato creato un unico piano dove lavorano
tutti i praticanti, il che permette di
fare amicizia con i tuoi pari, non
vederli come nemici e avere un approccio soft alla realtà dei grandi
studi». E ancora: «Siamo molto
seguiti dal punto di vista psicologico: in ogni momento delicato e

tTopLegal Luglio/Agosto 2012
storia di copertina
di passaggio si fanno dei colloqui
individuali per tastare l’umore dei
collaboratori». Rappresenta l’altro
lato della medaglia, invece, «l’eccessiva competizione tra le sedi di
Roma e Milano per chi lavora meglio e di più. Che si manifesta persino in occasione dei minitornei
sportivi organizzati dallo studio, i
quali anziché momenti di incontro
si rivelano occasioni di scontro stile “Mezzogiorno di fuoco”».
Pavia e Ansaldo
Confrontando le interviste dietro
le quinte con quanto dichiarato
dallo studio, c’è una sostanziale
corrispondenza per Pavia e Ansaldo. Retribuzioni, bonus, possibilità
di secondment e numero minimo
di billable hours (1.500) coincidono con quelli ufficiali. Certo, con
alcune eccezioni. «In linea teorica – commenta un professionista
- quando origini un mandato è
previsto un bonus origination. Ma
alla teoria non sempre corrisponde
la prassi». Un altro dice: «Annualmente c’è un incontro con i partner. Ma sta a te spingere per capire
a che punto sei». Secondo l’indagine, inoltre, «in passato è capitato
che non ci fossero né aumenti né
bonus». L’aspetto peggiore? «Un
flusso informativo quasi assente» e «mancanza di trasparenza».
Aspetti compensati dal fatto che
c’è un «ottimo rapporto di fiducia
con partner e colleghi» e «ritmi di
lavoro estremamente sostenibili».
Pedersoli & Associati
Poca trasparenza e nulla di predeterminato e formale. Sono questi
gli aspetti peggiori individuati dai
collaboratori di Pedersoli & Associati. Per cui «a causa della non

tTopLegal Luglio/Agosto 2012
disclosure diventa difficile fare
una pianificazione del proprio potenziale sviluppo». Una certezza?
«Una politica molto stretta circa il
superamento dell’esame di Stato:
se si stenta a passarlo si è fuori».
Le decisioni vengono prese dall’alto («i soci decidono e, se si è fortunati, comunicano le loro decisioni.
Ma molte volte si va semplicemente per fatti concludenti»). Difetti
controbilanciati dall’assenza della figura classica del dominus, un
buon clima di lavoro e la possibilità di confrontarsi direttamente
con i senior partner «bypassando
ogni filtro».
Indiscrezioni sulle retribuzioni
Secondo le stime derivanti dall’indagine, in media un praticante dovrebbe percepire circa 1.500 euro
al mese, che diventano 3mila una
volta conseguito il titolo. Nessuna
trasparenza sui compensi dei senior.
nativo a quello di partner («che
rappresenta non un momento intermedio, ma permanente»), i cui
criteri di accesso risultano poco
chiari. C’è attenzione alle politiche di genere. Anche se, «poiché
da Londra non è stata approvata
la partnership part-time, alcune
professioniste non sono diventate
socie, ma of counsel, per poter lavorare con orari ridotti e gestire la
maternità».
Indiscrezioni sulle retribuzioni
Le retribuzioni di Allen & Overy
(non comunicate per policy dallo
studio), secondo le stime dettate
dalle interviste dovrebbero aggirarsi intorno ai 1.500 euro al mese
per i trainee, che passano a 35mila
euro annui una volta ottenuto il
titolo e arrivano a 160-170mila a
livello senior associate.
Baker & McKenzie
Allen & Overy
Uno studio che «vuole davvero essere fucina per la crescita di talenti
interni» e in cui «nessun aspirante
socio teme che il suo posto verrà scippato da un lateral hire». È
l’aspetto più apprezzato dai professionisti di Baker & McKenzie.
Insieme a «un numero minimo di
ore da billare non irraggiungibile
(1.375)».
Un ambiente giovane, «di pari per
quanto gerarchico», è la fotografia
delineata dietro le quinte dai professionisti di Allen & Overy, con
cui si apre la terza fascia di studi
per volumi di indicazioni giunte
dal back stage. Nella firm magic
circe, però, «è scarsa la possibilità di fare carriera, anche a causa
dell’eliminazione della figura del
salary partner in favore dei soli
equity». Ancora presente, invece,
è quella del counsel, status alter-
Indiscrezioni sulle retribuzioni
Anche se, ufficialmente, lo studio
americano non comunica i dati
inerenti le retribuzioni, le stime
derivanti dall’indagine indicano:
1.500- 2.000 euro al mese in ingresso; 3.200-4.000 conseguito
l’esame. Forbici che, a detta degli
intervistati, dipendono dalle esperienze maturate e dalla sede d’inserimento. E proprio questa discrezionalità rappresenta la pecca
POCHI…MA BUONI?
© Andres Rodriguez - Fotolia.com
storia di copertina
maggiore dello studio. Unitamente
a «un’accentuata differenza tra le
retribuzioni romane e quelle milanesi, a scapito delle prime».
d’Urso Gatti e Bianchi
Il leitmotiv del dietro le quinte di
d’Urso è un minimo comun denominatore di molti studi: la mancanza di trasparenza sulle retribuzioni. Insieme a «una conduzione
dello studio formale, da studio tradizionalista italiano, anche se l’uso
del tu è abbastanza diffuso (salvo
con i partner in cui lo scarto generazionale è più marcato)». Una
formalità che, però, non intacca il
buon clima di lavoro e la sensazione che «lo studio - sottolinea un
intervistato - si prenderà cura di te
con la diligenza del buon padre di
famiglia. E difficilmente ti metterà
alla porta».
Dewey (oggi Grimaldi)
Anche se lo studio ha cessato di
esistere come Dewey, oltre 100 professionisti si sono riuniti nell’insegna Grimaldi. E, a detta degli intervistati, la sensazione è che ben
poco sia cambiato nelle quattro
direttrici del best place (carriera,
retribuzioni, formazione, benefit
e work-life balance). Anche perché
«la gestione è sempre sembrata abbastanza slegata dal network». C’è
comunicazione e trasparenza sul
proprio lavoro, tanto che è possi-
bile relazionarsi direttamente con
la parte contabile dello studio per
conoscere le ore billate e quelle pagate dal cliente. Questo clima di fiducia e di responsabilizzazione dei
professionisti, però, si scontra con
una scarsa comunicazione interna. Gli appunti, su questo fronte,
vanno alle informazioni non condivise in merito al passaggio sotto
il brand Grimaldi (per quanto l’eccezionalità dell’operazione magari
giustificasse qualche linea in più di
riservatezza). Si lavora per obiettivi e ci sono ampi margini di gestione del lavoro - «raramente mi
è capitato di lavorare nei fine settimana», dichiara un intervistato
-, il che «permette di sentirsi liberi
professionisti».
Grande Stevens
Un ambiente easy e cordiale, basato sul mutuo rispetto («a prescindere dal ruolo ricoperto»), ampia
autonomia nella gestione del proprio lavoro e politiche di governance chiare sono le armi vincenti
di Grande Stevens. Uno studio in
cui – a detta degli intervistati -,
«premia solo la resa sul lavoro».
Che, in termini di accesso alla
partnership si traduce in «non c’è
alcun premio alla seniority, conta
solo il fatturato, che non può essere inferiore al milione di euro».
Indiscrezioni sulle retribuzioni
L’attenzione al fatturato dimostra-
ta in sede di accesso alla partnership si rispecchia anche in una
generosità nei premi economici.
Oltre a un fisso mensile, che per il
primo anno da associate è di 2.500
euro al mese («proseguendo il percorso è demandato alla contrattazione individuale sulla base dei
risultati raggiunti»), Grande Stevens assegna due premi: il bonus
produzione (due a cadenza semestrale, «equivalenti a una tredicesima e una quattordicesima») e un
generosissimo bonus origination
di cui possono godere anche i più
giovani, che si attesta tra il 70 e il
90 per cento del valore del mandato originato.
Latham & Watkins
Uno studio in cui «la storia italiana
si deve ancora scrivere» data la sua
recente costituzione (2008). Per
cui è difficile fare un’analisi ponderata delle best practice in Latham & Watkins. Riferendosi, per
esempio, all’accesso alla partnership si riscontra una discrepanza
tra quanto detto ufficialmente e
quanto rilevato ufficiosamente. Se
la firm indica come “normale” l’assenza di soci ex collaboratori (proprio data la recente costituzione),
per i professionisti «le attese sono
state deluse». Alcuni commenti
sono: «Era atteso un giro interno
di nomine a partner, che non c’è
stato»; «per chi è entrato nel gruppo dei fondatori l’obiettivo, ad oggi
deluso, era di raggiungere in tempi
brevi la partnership»; «difficile diventare soci visto che la piattaforma internazionale ha deciso di far
accedere alla partnership i professionisti di sedi in cui gli utili sono
più alti». Situazione aggravata da
«una soglia di ore billate richieste
decisamente sopra la media (1.900,
TopLegal Luglio/Agosto 2012
t 
storia di copertina
SOGLIE ECONOMICHE RICHIESTE
Studio
Fatturato per l’equity
Carnelutti
1.000.000
Dla Piper
500.000
Macchi di Cellere Gangemi
400-500.000
Pavia e Ansaldo
500.000
Pirola Pennuto Zei & Associati
2.000.000
Tonucci & Partners
500.000
Valori in euro - Fonte: elaborazioni TopLegal su dati forniti dagli studi
di cui 100 possono essere cumulate in attività pro bono)». Aspetti
compensati da «un approccio alla
crescita conservativo, tipico di chi
nasce in un periodo di crisi, che
consente di sentirsi relativamente
staffati».
Indiscrezioni sulle retribuzioni
I compensi sono articolati in fasce
e in lockstep per i soci. Il praticante percepisce 35mila euro l’anno,
che diventano 37.500 il secondo,
mentre l’associate di primo livello
45mila. Il bonus è determinato a
livello network e varia dalle 2 alle
3 mensilità.
Legance
Nonostante le dimensioni considerevoli dello studio (si parla di
una struttura composta da 159
professionisti), Legance è una
delle insegne in cui si è registrato
minore riscontro dal back stage.
Dato nettamente contrastante con
l’estrema apertura dimostrata, invece, dallo studio. Che aveva fornito con dovizia di particolari tutte le informazioni richieste sulle
cinque best practice affrontate in
questi mesi dall’inchiesta. Informazioni che trovano riscontro nei
pochi dati raccolti in via ufficiosa.

tTopLegal Luglio/Agosto 2012
Particolare enfasi è data dalle risorse più junior alla «possibilità di
lavorare da subito su grandi operazioni».
Macchi di Cellere Gangemi
Il clima che si respira in studio, a
detta degli intervistati, vale a Macchi di Cellere Gangemi un bel 10 e
lode. Ecco alcuni commenti: «Un
ottimo ambiente di lavoro, in cui
la componente umana ha la meglio
sulle ambizioni e la competitività
professionale»; «le persone non
sono fintamente cordiali, ma cordiali veramente» e «non ci si deve
guardare costantemente le spalle».
Questo crea un forte senso di appartenenza. D’altronde lo stesso
studio aveva indicato «la capacità d’integrazione con il gruppo»
come uno dei criteri fondamentali
per decidere l’accesso alla partnership. L’altro lato della medaglia?
«Stipendi non in linea con quelli
di altri studi d’affari con lo stesso
posizionamento sul mercato».
Toffoletto De Luca Tamajo
Non sarà il best place to work in
termini assoluti, lo è senz’altro
quanto a informatizzazione, che
permette una gestione snella e
semplice del lavoro. Tanto che alcuni professionisti definiscono
Toffoletto De Luca Tamajo «uno
studio basato sulla tecnologia».
Ottima anche la formazione interna. Pecca? Non c’è rotazione nelle
squadre. «Quando si entra – dice
un associate – si viene assegnati a un team e non c’è possibilità
di cambiare». Altro elemento non
apprezzato, «l’ambiente formale
e gerarchico, tipico dell’impostazione italiana vecchio stampo». In
accordo con quanto comunicato
ufficialmente dallo studio, «la remunerazione d’ingresso è di circa
18mila euro l’anno, mentre quella
per il primo anno di associate sale
a 30mila». Meno trasparente diventa, invece, il percorso remunerativo successivo.
Tonucci & Partners
Uno studio in cui, a detta degli intervistati, il name partner rappresenta «fonte d’ispirazione» e «il
principale motivo per cui non si
potrebbe lavorare in un luogo migliore». Alcuni commenti sulle caratteristiche più apprezzate in Tonucci & Partner sono: «Buona gestione del lavoro»; «autonomia dei
tempi e dei clienti, tanto che sembra veramente di essere liberi professionisti e non dipendenti dello
studio»; «ottimo rapporto con il
name partner, che è agli antipodi
della tipica figura dello squalo che
controlla h24 quanto si sta lavorando, ma capisce che nella vita oltre il
lavoro c’è altro»; «i tanti momenti di incontro organizzati durante
l’anno, dai week-end sciistici alla
partecipazione alla Lawyer’s Cup
passando per i numerosi aperitivi
di studio». Lato negativo? «Da Tonucci non si può certo sperare di
diventare ricchi». TL
storia di copertina
PROSPETTIVE DI CARRIERA
Studio
Allen & Overy
Avvocati
Soci
% soci su
avvocati
Soci ex
collaboratori
% soci
ex collaboratori
su totale soci
71
14
19,7
11
78,6
Baker & McKenzie
120
19
15,8
18
94,7
Bonelli Erede Pappalardo
250
61
24,4
38
62,3
Carnelutti
97
18
18,6
13
75,0
Chiomenti
280
60
21,4
54
90,0
Cleary Gottlieb Steen & Hamilton
80
10
12,5
9
90,0
Clifford Chance
70
19
27,1
15
78,9
De Berti Jacchia Franchini Forlani
70
24
34,3
15
62,5
Dewey & LeBoeuf
108
32
29,6
9
28,1
Dla Piper
129
37
28,7
9
24,3
d’Urso Gatti e Bianchi
70
24
34,3
16
66,7
Freshfields Bruckhaus Deringer
90
20
22,2
11
55,0
358
69
19,3
51
73,9
Grande Stevens
30
7
23,3
5
71,4
Hogan Lovells
74
18
24,3
6
33,3
Latham & Watkins
46
11
23,9
3
27,3
Legance
159
29
18,2
0
0,0
Linklaters
70
8
11,4
1
12,5
Lombardi Molinari e Associati
70
24
34,3
12
50,0
Macchi di Cellere Gangemi
94
33
35,1
20
60,6
250
49
19,6
25
51,0
75
18
24,0
5
27,8
137
32
23,4
24
75,0
77
34
44,2
5
14,7
135
25
18,5
25
100,0
Roedl & Partners
60
6
10,0
4
66,7
Simmons & Simmons
61
16
26,2
12
75,0
Toffoletto De Luca Tamajo
55
18
32,7
9
50,0
135
25
18,5
7
28
Gianni Origoni Grippo Cappelli & Partners
Nctm
Orrick, Herrington & Sutcliffe
Pavia e Ansaldo
Pedersoli & Associati
Pirola Pennuto Zei & Associati
Tonucci & Partners
Note metodologiche: per avvocati si intende chi ha superato l’esame di Stato; il numero soci include sia i salary sia gli equity; quando
si parla di soci ex collaboratori ci si riferisce a chi ha effettuato un percorso di crescita interna dalla data di costituzione dell’attuale
studio; tutti i dati sono aggiornati a febbraio 2012, salvo per Chiomenti e Grande Stevens (maggio 2011) - Fonte: elaborazioni TopLegal
su dati forniti dagli studi
TopLegal Luglio/Agosto 2012
t 
storia di copertina
NELLE TASCHE DEGLI AVVOCATI

Studio
Retribuzione
praticante
Retribuzione
primo anno
da associate
Retribuzione
decimo anno
(pre-equity)
Bonus
(% sul
compenso
annuo)
%HQHÀW
Dotazioni
Allen & Overy
N/A
N/A
N/A
N/A
Taxi,
Ass. Viaggio
Computer,
Blackberry,
Knowledge
Manag., Crm
Baker
& McKenzie
N/A
N/A
N/A
N/A
Ristoranti,
Palestra,
Telefono
Computer,
Blackberry,
Knowledge Manag.,
Crm
Bonelli Erede
Pappalardo
25.000
45.000
180.000/
200.000
N/A
Laptop
Computer,
Blackberry,
Knowledge Manag.
Carnelutti
6.000/
18.000
25.000/
30.000
100.000
ÀQRDO
40%
Ristoranti,
Palestra,
Telefono
Computer,
Blackberry,
Knowledge
Manag.
Chiomenti
N/A
N/A
N/A
N/A
Ass. Sanitaria
Computer,
Blackberry,
Knowledge Manag.
Cleary Gottlieb
Steen & Hamilton
N/A
N/A
N/A
N/A
Telefono,
Ristoranti,
Mensa,
Palestra
Computer,
Blackberry,
Knowledge Manag.,
Crm
Clifford Chance
N/A
N/A
N/A
ÀQRDO
40%
Ass. Medica,
Ristoranti,
Telefono, Mutui
E Finanziamenti
Agevolati
Computer,
Blackberry,
Knowledge
Manag., Crm,
Lavoro Da Remoto
De Berti Jacchia
Franchini Forlani
12.000/
14.000
30.000
100.000
16,60%
Nessuno
Computer,
Blackberry
Dewey & LeBoeuf
N/A
N/A
N/A
N/A
Ristoranti,
Telefono
Computer,
Blackberry
Dla Piper *
21.000/
23.000
30.000/
35.000
114.000/
137.000
N/A
Ristorante,
Telefono
Computer,
Blackberry,
Knowledge Manag
d’Urso Gatti
e Bianchi
N/A
N/A
N/A
N/A
Ristoranti,
Telefono
Computer,
Blackberry,
Knowledge Manag
)UHVKÀHOGV
24.000
42.000
N/A
N/A
Ristoranti,
Palestra,
Telefono
Computer,
Blackberry,
Knowledge Manag.,
Crm, Collegamento
Remoto
Gianni Origoni
Grippo Cappelli
& Partners *
12.000
32.000
135.000
N/A
Ristoranti,
Telefono,
Laptop, Garage
Presso Studio
Computer,
Blackberry,
Knowledge Manag.,
Crm, Collegamento
Remoto
Grande Stevens *
20.000
35.000
N/A
N/A
Auto, Telefono
Computer,
Blackberry, Crm
tTopLegal Luglio/Agosto 2012
storia di copertina
Studio
Retribuzione
praticante
Retribuzione
primo anno
da associate
Retribuzione
decimo anno
(pre-equity)
Bonus
(% sul
compenso
annuo)
%HQHÀW
Dotazioni
Hogan Lovells
18.000
40.000
160.000
ÀQRDO
20,8%
Ristoranti,
Palestra,
Telefono
Computer,
Blackberry,
Knowledge Manag.,
Crm
Latham & Watkins
N/A
N/A
N/A
N/A
Ass. Sanitaria,
Telefono,
Ristoranti
Computer,
Blackberry,
Knowledge Manag.,
Crm
Legance
26.000
32.000
180.000
ÀQRDO
16,6%
Blackberry,
Ristoranti
Computer,
Telefono,
Knowledge Manag.,
Crm
Linklaters
N/A
N/A
N/A
N/A
Ass. Sanitaria,
Telefono,
Ristoranti, Taxi,
Tassa Iscr. Albo
Computer,
Blackberry,
Knowledge Manag.,
Crm
Lombardi Molinari
e Associati
N/A
N/A
N/A
N/A
Nessuno
Computer,
Blackberry,
Knowledge Manag
Macchi di Cellere
Gangemi
6.000
12.000
100.000
ÀQRDO
25%
Ristoranti
Computer,
Blackberry
Nctm
N/A
N/A
N/A
N/A
Telefono,
Mensa
Computer,
Blackberry,
Knowledge Manag
Orrick
15.000/
30.000
35.000
180.000/
200.000
N/A
Ristoranti,
Palestra,
Telefono
Computer,
Blackberry,
Knowledge Manag.,
Crm
Pavia e Ansaldo
18.000
36.000/
42.000
100.000/
120.000
ÀQRDO
16,6%
Palestra,
Telefono
Computer,
Blackberry,
Knowledge Manag
Pedersoli
& Associati
N/A
N/A
N/A
ÀQRDO
16,6%
Telefono
Blackberry
Pirola Pennuto
Zei & Associati
17.000
26.000
120.000/
150.000
minimo
30%
Ass. Medica,
Ristoranti,
Telefono,
Mensa
Computer,
Blackberry,
Knowledge Manag.,
Crm
Roedl & Partners
N/A
N/A
N/A
N/A
Ass. Infortunio,
Ristoranti,
Palestra,
Auto, Telefono
Computer,
Blackberry,
Knowledge Manag.,
Crm
Simmons
& Simmons
N/A
N/A
N/A
ÀQRDO
20%
Ass. Infortuni,
Ristorante,
Telefono
Computer,
Blackberry,
Knowledge Manag.,
Crm
Toffoletto
De Luca Tamajo
18.000
32.000
N/A
N/A
Telefono,
Ass. Medica
Knowledge Manag.,
I-Phone, I-Pad,
Wikilex, Easy Lex
Tonucci
& Partners
12.000
24.000
90.000
ÀQRDOOҋ
8.3%
Telefono
Computer,
Blackberry
Dati aggiornati a marzo 2012 - *Dati aggiornati a maggio 2011
TopLegal Luglio/Agosto 2012
t 
storia di copertina
IL DO UT DES PER I GIOVANI AVVOCATI

Studio
Voto di laurea richiesto
Assunzione
dei costi
di formazione
post-laurea
Secondment
Allen&Overy
Non inferiore a 110
Sì
Sì
Baker&McKenzie
Non inferiore a 110
Sì
Sì
Bonelli Erede Pappalardo
N/A
Sì
Sì
Carnelutti
Non inferiore a 110
No
Sì
Chiomenti
Non inferiore a 110
Sì
Sì
Cleary Gottlieb Steen & Hamilton
N/A
Sì
Sì
Clifford Chance
Non inferiore a 105
Sì
Sì
De Berti Jacchia Franchini Forlani
Non inferiore a 105
Sì
Sì
Dewey & LeBoeuf
Non inferiore a 110
Sì
Sì
Dla Piper
Non inferiore a 110
Sì
Solo se richiesto
dal cliente
D’Urso Gatti e Bianchi
Non inferiore a 105
Sì
Sì
Freshfields
Non inferiore a 105
Sì
Sì
Gianni Origoni Grippo Cappelli & Partners
Non inferiore a 110
Sì
Sì
Grande Stevens
110/110 e lode
Sì
Sì
Hogan Lovells
Non inferiore a 105
Sì
Sì
Latham & Watkins
110/110 e lode
Sì
Sì
Legance
Non inferiore a 105
Sì
Sì
Linklaters
Non inferiore a 110
Sì
Sì
Lombardi Molinari e Associati
Non inferiore a 105
Sì
Sì
Macchi di Cellere Gangemi
Non inferiore a 105
Sì
Solo se richiesto
dal cliente
Nctm
Non inferiore a 105
Sì
Sì
Orrick
Non inferiore a 105
Sì
Sì
Pavia e Ansaldo
110/110 e lode
Sì
Non c’è una policy
Pedersoli & Associati
Non inferiore a 110
Sì
Non c’è una policy
Pirola Pennuto Zei & Associati
Non inferiore a 105
Sì
Sì
Roedl & Partners
Non inferiore a 100
Parzialmente
No
Simmons & Simmons
Non inferiore a 110
Sì
Sì
Toffoletto De Luca Tamajo
Superiore a 100
Sì
Sì
Tonucci & Partners
Non inferiore a 110
Sì
Sì
tTopLegal Luglio/Agosto 2012
storia di copertina
QUANDO LE ESIGENZE PRIVATE SONO RETRIBUITE
STUDIO
Malattia
Ferie
Maternità
(n° giorni)
Part-Time
(previsto)
Allen&Overy
Sì
30
Sì
Sì
Baker&McKenzie
N/a
N/a
Sì
Sì
Bonelli Erede Pappalardo
Sì
Sì
Sì
N/a
Carnelutti
Sì
< 26
Sì
Sì
Chiomenti
N/a
30
N/a
No
Cleary Gottlieb Steen & Hamilton*
Sì
Sì
Sì
Sì
Clifford Chance*
Sì
< 26
Sì
Eccezione
De Berti Jacchia Franchini Forlani
Sì
No
Sì
No
Dewey & LeBoeuf
Sì
< 26
Sì
Sì
Dla Piper*
Sì
< 26
Sì
No
D’Urso Gatti e Bianchi*
Sì
30
Sì
Sì
)UHVKÀHOGV
Sì
< 26
Sì
Sì
Gianni Origoni Grippo Cappelli & Partners*
Sì
26
Sì
Eccezione
Grande Stevens
Sì
< 26
Sì
No
Hogan Lovells*
Sì
< 26
Sì
Sì
Latham & Watkins*
Sì
< 26
Sì
Sì
Legance
Sì
26
Sì
Sì
Linklaters*
Sì
25-30
Sì
Sì
Lombardi Molinari e Associati
Sì
No
Sì
No
Macchi di Cellere Gangemi
Sì
No
Sì
Eccezione
Nctm
Sì
N/a
Sì
Eccezione
Orrick
Sì
26
Sì
Sì
Pavia e Ansaldo
Sì
No
Sì
No
Pedersoli & Associati
Sì
N/a
Sì
Sì
Pirola Pennuto Zei & Associati
Sì
30
Sì
Sì
Roedl & Partners
Sì
< 26
Sì
Sì
Simmons & Simmons*
Sì
26
Sì
Sì
Toffoletto De Luca Tamajo
Sì
< 26
Sì
Sì
Tonucci & Partners*
Sì
30
Sì
No
*Altri strumenti indicati: Cleary Gottlieb Steen & Hamilton: paternità, opzioni di settimana corta per perseguire la carriera accademica; Clifford Chance: paternità,
congedo matrimoniale, special leave per gravi problemi familiari; Dla Piper: special leave per licenza matrimoniale; d’Urso Gatti e Bianchi - Simmons & Simmons
- Tonucci & Partners: codice etico; )UHVKÀHOGVnomina di un socio responsabile della gender diversity; Gianni Origoni Grippo Cappelli & Partners: rispetto altre
festività religiose; Hogan Lovells: comitati per il rispetto diversità; Latham & Watkins: paternità; Linklaters: lo studio è socio fondatore di Parks e Valore D
TopLegal Luglio/Agosto 2012
t 
Fly UP