...

Perché mi accomiato dall`Isola

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

Perché mi accomiato dall`Isola
Perché mi accomiato dall’Isola
Lettera aperta di mons. Antonio Livi
Stimatissimi e carissimi confratelli Giovanni e Ariel,
vi scrivo, con preghiera di pubblicare questa mia sulla
vostra splendida rivista telematica (alla quale ho
collaborato agli inizi con tanto entusiasmo), allo scopo di
consentire ai vostri innumerevoli lettori di conoscere i veri
motivi per cui non ritengo di poter continuare a
collaborare con voi in questa sede. Anche dopo aver
manifestato a più riprese il mio dissenso e il mio disagio
per la linea editoriale che l’Isola di Patmos aveva assunto
negli ultimi tempi, ho visto tale linea sistematicamente
confermata e le mie ragioni non comprese o comunque
non accettate. L’Isola di Patmos non può più essere, per
me, lo strumento con il quale ritenevo di poter svolgere
coerentemente il mio impegno di ri-orientamento
dell’opinione pubblica cattolica in questo momento
storico. I criteri di questo mio impegno sono esposti nel
documento programmatico dell’Unione apostolica “Fides
et ratio” per la difesa scientifica della verità cattolica
(vedi www.fidesetratio.it), che voi, cari confratelli, ben
conoscete. Tali criteri esigono la costante vigilanza sul
linguaggio, senza la quale si finisce per confondere ancora
di più l’opinione pubblica cattolica. A questo risultato, per
me negativo, si è giunti con gli ultimi vostri articoli, a
causa della non accurata e costante distinzione tra:
1
1) la verità divina, ossia quella rivelata da Dio
stesso nella Storia della salvezza (la divina
rivelazione, proposta infallibilmente dalla
Chiesa) e la verità umana, ossia quella che
l’uomo può raggiungere con le sue risorse
naturali (esperienza, scienza, testimonianza).
2) la dottrina della Chiesa, che nel suo nucleo
essenziale è il dogma (il quale evolve in modo
omogeneo lungo la storia ed esige da parte dei
credenti una fede assoluta e incondizionata) e
le sue molteplici interpretazioni e
applicazioni (che costituiscono la teologia e la
pastorale), il cui valore aletico è sempre
ipotetico e relativo.
3) le interpretazioni legittime, che sono tutte
quelle che il magistero della Chiesa non ha
dichiarate incompatibili con la verità rivelata
(anche se la critica teologica può considerarle
scientificamente inconsistenti e quindi
materialmente erronee), e le interpretazioni
illegittime, ossia quelle che sono state
condannate dalla Chiesa e quindi vanno
considerate, da parte dell’opinione pubblica
cattolica, come vere e proprie eresie da
respingere senza indulgenze o compromessi.
4) La qualità teologica di una dottrina, più o
meno accettabile o criticabile in relazione con
la verità dogmatica, e la qualità morale di
una singola persona in relazione con la sua
condotta privata o con gli orientamenti politici
del gruppo di appartenenza.
2
Oggi, nella pubblicistica teologica, soprattutto se animata
da intenti apologetici o polemici, tali distinzioni non
vengono mai prese nella dovuta considerazione, anche
perché l’ideologia del modernismo è riuscita a imporre
surrettiziamente in ogni ambiente cattolico, persino tra i
“tradizionalisti”, il fideismo teologico, e con esso il
pregiudizio anti-metafisico e il disprezzo della logica.
Invece di ricorrere all’argomentazione rigorosamente
teologica, che sempre deve orientare i fedeli ai
“documenti” della fede, si ricorre alla retorica, per esaltare
o denigrare le persone singole o i gruppi. Invece di
confermare a ogni passo la sostanziale razionalità della
“fides qua creditur” e le premesse razionali della “fides
quae creditur”, si fa appello al sentimento, al senso
religioso, al senso di appartenenza, alla “ricerca di senso”,
alla cosiddetta «esperienza di fede» (che semanticamente è
un ossimoro, e teologicamente è uno dei capisaldi del
modernismo). Invece di ricordare che la vera e unica
missione della Chiesa è di portare la salvezza di Cristo a
ogni singola persona di ogni luogo e di ogni momento
storico, si vaneggia di “progresso” o di “conservazione” in
riferimento alla dialettica storica, nell’ambito della quale il
“Regno” non è più «in mezzo a noi e dentro di noi» ma
altrove, nel passato o nel futuro impersonale. Contro la
deriva fideistica, che è la morte della teologia dogmatica,
io ho sempre lottato come ho potuto, ma finora non ho mai
visto alcun cambiamento positivo nella pubblicistica
teologica,
sostenuta
peraltro
dalla
“sudditanza
piscologica” che gran parte dell’episcopato mondiale ha
nei confronti dei teologi di ispirazione rahneriana.
Capirete il mio disappunto nel ritrovare tracce di questa
3
mentalità anche negli ultimi articoli apparsi sull’Isola di
Patmos a firma di don Ariel e di padre Cavalcoli. Si tratta,
beninteso, di scritti per tanti versi condivisibili e a anche
(per quanto riguarda padre Cavalcoli) davvero magistrali,
ma orientano l’opinione pubblica cattolica in una
direzione opposta a quella che io da sempre mi prefiggo,
in quanto non rispettano i miei criteri di rigore teologico e
di responsabilità pastorale nei confronti del lettori. Per
questo – non certamente per altri futili o inconfessabili
motivi - mi accomiato dall’Isola.
Faccio riferimento, molto brevemente, all’ultimo articolo
di don Ariel, dove le nozioni – necessariamente distinte e
da distinguere – di “rivelazione divina”, di “tradizione
apostolica”, di “magistero ecclesiastico”, di “formule
dogmatiche” e di “teologia ecclesiale” (che, ripeto, va
intesa rigorosamente come mera ipotesi di interpretazione
scientifica del dogma) e infine di “atto di fede” (come
adesione libera e consapevole alla fede della Chiesa) sono
tutte indistintamente mescolate assieme e inserite in un
quadro storicistico, dove persino le formule dogmatiche
dei concili ecumenici (ad esempio il Filioque) vengono
legate a interessi politici del momento. Io non ritengo che
la fede del popolo di Dio possa essere incrementata dal
rilevamento (ovvio) di commistioni di potere o
ideologiche negli atti di magistero della Chiesa: deve
essere incrementata piuttosto dal ribadire che questi atti –
nel loro contenuto dottrinale – sono garantiti dallo Spirito
di Cristo stesso, perché è Cristo in persona, Lui che è
l’unico nostro Maestro, colui al quale crediamo tramite il
magistero della Chiesa. Sempre nell’articolo cui mi
4
riferisco, don Ariel Levi esalta giustamente la «teologia in
ginocchio», ma senza ricordare che questa espressione è
stata usata da papa Begoglio per esaltare l’opera teologica
di Walter Kasper (che a me non pare né pia né ortodossa)
ed è usata dai modernisti per denigrare la tradizione
teologica classica, che annovera veri e propri mistici
canonizzati come tali (sant’Agostino, sant’Anselmo
d’Aosta, san Buonaventura, san Tommaso d’Aquino).
Come se non bastasse, l’amico don Ariel - che dice di
apprezzare il mio trattato su Vera e falsa teologia – di
fatto lo squalifica totalmente con la sua assurda polemica
contro la “metafisica astratta”, incapace di comprendere la
storia (ma la storia è il divenire, e la metafisica studia
appunto il divenire degli enti nella loro concretezza
esisteziale, riportando il loro essere partecipato alla sua
Causa prima, che è l’Essere non-diveniente).
Faccio riferimento, infine, anche all’articolo di padre
Cavalcoli. In esso il mio stimato confratello e amico
sostiene la causa nobilissima della “pace nella Chiesa”, ma
per fare ciò stabilisce una suggestiva (dal punto di vista
retorico) simmetria tra gli errori dei modernisti e quelli dei
“lefebvriani”. Ora, tale pretesa simmetria può servire a
giustificare il fatto che l’Isola si sia dedicata ultimamente
a criticare aspramente, oltre ogni misura, soltanto i
cosiddetti “tradizionalisti” (omologandone alcuni ai
“lefebvriani”): ma non serve affatto a dare rigore
scientifico,
in
senso
propriamente
teologico,
all’argomentazione pastorale. Infatti, i “lefebvriani” non
5
costituiscono, teologicamente parlando, una categoria
comparabile a quella dei modernisti. Ossia, mentre il
modernismo è - formalmente come dottrina - un’eresia
(anzi, il «coacervo di tutte le eresie», ebbe a dire san Pio
X), che la Chiesa ha individuato all’inizio del Novecento
e, dopo averle dato questo specifico nome, ha condannato
con un documento dottrinale avente valore dogmatico
(l’enciclica Pascendi dominici gregis), nulla di tutto ciò è
avvenuto con la Fraternità di San Po X, il suo fondatore e i
suoi seguaci. La Chiesa, ai tempi di papa Paolo VI, ha
comminato delle gravissime pene canoniche alla persona
di mons. Marcel Lefebvre, colpevole di aver consacrato
dei vescovi senza l’autorizzazione della Santa Sede e di
aver dato luogo, così, a un vero e proprio scisma. Ma né il
papa dell’epoca né quelli che gli sono succeduti, fino a
Benedetto XVI che ha tentato in vari modi di fari
“rientrare” lo scisma, hanno promulgato dei documenti nei
quali si individua una dottrina eretica cui si debba dare il
nome di “lefrebvismo”. Certo, un teologo può rinvenire
nei discorsi e nelle iniziative ecclesiastiche di mons.
Marcel Lefebvre una dottrina incompatibile con il dogma
dell’infallibilità del magistero, sia quando formula dei
dogmi che quando si esprime con un magistero solenne e
universale, come è stato per il Vaticnao II, che mons.
Marcel Lefebvre (il quale pure aveva partecipato ai lavori
del Concilio e ne aveva firmato i documenti finali) aveva
in alcuni punti ritenuto i contraddizione con la Tradizione,
ossia con l’insegnamento del magistero precedente. Ma
questa legittima considerazione teologica non autorizza
porre l’ipotetico contenuto ereticale dell’ideologia di
questi tradizionalisti sullo stesso piano delle eresie
6
formalmente condannate dalla Chiesa, perché ciò genere
inevitabilmente una gravissima confusione dottrinale. Tra
le eresie o dottrine erronee formalmente condannate dalla
Chiesa (facilmente riscontrabili nell’Enchiridion del
Denzinger e anche in documenti del magistero recente,
come l’enciclica Fides et ratio di san Giovanni Paolo II)
non mi risulta esserci il “lefebvrismo” o qualcosa di
analogo. Padre Cavalcoli (come chiunque altro, me
compreso) ha tutto il diritto e il dovere pastorale di mettere
in guardia i fedeli dal dare credito a posizioni dottrinali
che sembrano negare la validità delle «riforme nella
continuità dell’unico soggetto Chiesa»: ma finché tali
posizioni non si configurano, non come mera mancanza di
rispetto e di obbedienza ma come una vera e propria
dottrina, e finché tale dottrina non è formalmente
dichiarata eretica dalla Chiesa, non la si può equiparare –
per esigenze di simmetria retorica – al modernismo. La
critica teologica resta un legittimo e anche opportuno
giudizio personale che necessariamente va presentato con
il suo intrinseco carattere di mera ipotesi (carattere che
compete a ogni tesi teologica che aggiunga qualcosa a ciò
che è dogma) e quindi non si può presentare come verità
di fede senza disorientare i fedeli.
Se in merito a queste distinzioni (che taluni, come lo
stesso padre Ariel, continuano a ritenere sottigliezze
astratte non meritevoli di considerazione) mi dissocio
persino da un eminente teologo come padre Cavalcoli è
perché il trascurarle rende meno efficace, a mio avviso, la
sua benemerita opera di chiarificazione dottrinale e di
pacificazione all’interno della comunità dei credenti. Io ho
7
cercato invano di indurre i miei venerati confratelli
dell’Isola di Patmos a non insistere ulteriormente con
questa condanna indiscriminata di tanti cattolici,
ecclesiastici e laici, che non si adeguano al “concilio dei
media” o addirittura nemmeno, in certi casi, al “concilio
dei Padri”. Invano ho chiesto ai miei confratelli di salvare
posizioni dottrinali di singoli teologi i quali criticano
(legittimamente, almeno fino a che non incorrono in eresia
o in formale disobbedienza) l’opportunità di alcuni
provvedimenti disciplinari (per esempio in campo
liturgico) o alcune indicazioni pastorali (per esempio in
campo di rapporti ecumenici istituzionali oppure in campo
politico-religioso). Il mio criterio, espresso anche in
articoli sull’Isola di Patmos, era di distinguere nei fatti tra
la doverosa denuncia di ciò che è evidentemente contrario
alla fede della Chiesa alla legittima critica (rispettosa
delle persone) di legittime opinioni diverse dalle nostre.
Questo criterio non è accettato, e io lo applico
dissociandomi dall’Isola di Patmos mentre allo stesso
tempo confermo la mia amicizia affettuosa per i miei
illustri confratelli e il mio doveroso rispetto per la linea
editoriale che con loro la rivista ha assunto: la considero
pienamente legittima, ma non posso accettare che i lettori
pensino che sia anche la mia.
Io soffro per la confusione dottrinale che affligge la
Chiesa ai nostri giorni, e ne vedo la causa soprattutto nello
strapotere ideologico dei modernisti, la cui insistente
polemica contro il dogma ha portato interi episcopati a
contestare ufficialmente la dottrina vera del Vaticano II
(quella delle costituzioni dogmatiche Sacrosanctum
8
concilium, Dei Verbum e Lumen gentium e quella del
decreto Presbyterorum Ordinis), così come hanno
dichiarato “superata” o addirittura “perniciosa” la dottrina
dei papi che hanno governato la Chiesa nel post-concilio:
papa Paolo VI con la Sacerdotalis coelibatus e la
Humanae vitae, papa Giovanni Paolo II con la Familiaris
consortio e con il decreto dogmatico circa
l’inammissibilità del conferimento del sacramento
dell’Ordine alle donne). Mi sembra doveroso dedicare i
miei interventi soprattutto ad arginare il disorientamento
che tali prese di posizioni, anarchiche ed ereticali, hanno
prodotto in seno al popolo di Dio, ricordano a tutti che
cosa tutti debbono credere per la salvezza (i dogmi della
fede, che non sono stati ancora contraddetti o aboliti e mai
lo saranno, quali che siano le opinioni teologiche
dominanti) e a che cosa tutti debbono obbedire (le norme
canoniche riguardanti le istituzioni ecclesiastiche e
l’amministrazione dei sacramenti).
21 febbraio 2015
9
Fly UP