...

LA MIA CASA PROFUMERÀ DI LEGNO E DI FIORI…

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

LA MIA CASA PROFUMERÀ DI LEGNO E DI FIORI…
la classe VB della scuola primaria di Via Brunacci
presenta
LA MIA CASA PROFUMERÀ DI LEGNO E DI FIORI…
i bambini si raccontano uguali e diversi
A cura di
Arcangela Mastromarco e Alberto Fiorio
Autori dei testi: Ahmed Elakbawy, Alberto Rosano, Dafne Bonfardeci, Dalila Tafuro,
Daniele Tambara, Elena Gardini, Elena Moretti, Fabio Gomez, Huiting Zhang, Magdeline
Dominguez Rosario, Martina Angarola,
Merna Zoghby, Mirela Yakimova, Noel John
Lazaro, Riccardo Felloni, Stefano Custode Maldonado, Vincenzo Mora Villegas, Wei Zhu
Zhang
A cura di:
di: Arcangela Mastromarco e Alberto Fiorio
Coordinamento:
Coordinamento: Loredana Facchinetti, Ginetta Latini
Foto, impaginazione e progetto grafico:
grafico Alberto Fiorio
Scuola: Primaria di via Brunacci, Istituto Comprensivo Thouar-Gonzaga, Milano
N.B. Il libro si è ispirato alle idee e ai suggerimenti di tante persone, perciò
Grazie! a:
a:
-
Duccio Demetrio,
Demetrio professore della cattedra di “Teorie e pratiche autobiografiche”,
Università degli Studi di Milano-Bicocca (Il gioco della vita. Kit autobiografico.
Trenta proposte per il piacere di raccontarsi, Guerini e Associati, 1999)
-
Graziella Favaro,
Favaro responsabile del Centro COME di Milano e componente del
Comitato Scientifico dell’Osservatorio Nazionale per l’Integrazione degli alunni
stranieri e per l’Educazione Interculturale (Amici venuti da lontano, Nicola Milano
Editore 1996; Alfabeti interculturali, Guerini e Associati, 2000)
-
Ilaria Moroni e il suo libro Bambini e adulti si raccontano. Formazione e ricerca
autobiografica a scuola, Franco Angeli, 2006
-
Alessandro Albertini e Quartopiano Studi per Diversi amici diversi , Fatatrac, 1992
-
Associazione Pace e Dintorni per la mostra “Gli altri siamo noi” alla cui ideazione ha
partecipato anche la nostra scuola
-
Al Progetto “Costruire
“Costruire la mente multiculturale” del prof. Luigi Anolli,, Alessia Agliati,
Linda Confalonieri, Olivia Realdon, Valentino Zurloni (Luigi Anolli, La mente
multiculturale, Laterza, 2006)
-
Bruno Bozzetto per il cartone animato Tulilem, Dedicato ai bambini che vengono da
lontano
… e a tutti i libri, i film, gli spettacoli,
spettacoli, i progetti,
progetti, le esperienze, i lavori ecc. che le maestre
ci hanno proposto in cinque anni di scuola elemen
elementare.
tare.
1
AI BAMBINI
Caro lettore, cara lettrice,
vuoi imparare a capire chi sei, che cosa ti piace, cosa non ti piace per niente, che cosa
farai da grande e cosa desideri per il tuo futuro?
Vuoi parlare dei tuoi ricordi, dei tuoi pensieri, della scuola, dei viaggi, dei tuoi compagni?
A volte ti senti uguale, a volte completamente diverso da tutti, sei triste e sei allegro e
non sai perché.
Allora vieni con noi. La VB di via Brunacci ti aiuterà a scoprire il passato, il presente e …
il futuro!
Vogliamo dedicare questo libro a Pelagie, una bambina che qualche anno fa ha
frequentato la nostra scuola. Quando è arrivata dalla Costa D’Avorio, non sapeva
leggere e scrivere, ma ha imparato in fretta perché voleva dire queste cose
a sua nonna:
Cara nonna,
spero che tu sei contenta e felice e che stai bene. Per piacere mi mandi le cose
buonissime del mio paese: dibò, igname, gombò, agutì, bolù.
Io saluto mia sorella Ammi e mio fratello.
Cara nonna io voglio vederti, venire vicino a te e sentire il tuo profumo. Sarebbe
bello salutare mio nonno Deni. Ho dimenticato la mia mamma. Quando io vengo nel
mio paese forse non la riconosco più.
Mio padre sta bene. Lui vuole affittare una casa più grande. Nella nuova casa
dormirò nella stanza, adesso dormo nel salone piccolo.
Per piacere mandami le scarpe e i miei vestiti che sono rimasti a casa tua.
Saluto la tua prima figlia e la mia piccola cugina Petè Petè.
A Milano sono diventata grande. Ho imparato l’italiano e le mie maestre sono molto
gentili. Io ho tanti amici.
Io vorrei farti assaggiare la pasta italiana e la merendina mars. A Petè Petè vorrei
regalare un astuccio con le matite colorate e i pennarelli.
Ti abbraccio forte
Pelagie Larissa
2
AGLI INSEGNANTI
I bambini di solito non si mettono a raccontare con ordine, come farebbe un adulto, i
fatti e le emozioni importanti della loro vita. Hanno dei modi “per dire”, o per tacere, il
loro mondo interiore, i ricordi, le nostalgie, le paure, le speranze ecc. La narrazione può
cominciare però nei modi più strani e inattesi. Per Victor, un alunno del Salvador, il
racconto è iniziato dalla scoperta della propria vergogna a confessare il suo piatto
preferito: il garrobo (l'iguana). Dopo aver appreso che in Italia si mangiano le rane, le
anguille, le lumache ecc., non ha più smesso di parlare e di raccontare le meraviglie del
suo paese.
Abbiamo pensato e sperimentato da molti anni alcune proposte che servono a
incoraggiare il racconto, la riflessione, soprattutto sull’esperienza del viaggio, del
cambiamento, del vivere sospesi tra due mondi e due culture. Sono strumenti didattici
concreti che permettono l'osservazione in classe delle emozioni, degli atteggiamenti, delle
reazioni del bambino straniero inserito nel gruppo italiano, e del bambino italiano nei
confronti dell'inserimento del compagno straniero.
Abbiamo utilizzato i suggerimenti del metodo autobiografico e inventato strumenti
particolari come i “sollecitatori interculturali”1 per stimolare nei bambini, stranieri e
italiani, reazioni evocate da materiali e proposte di animazione che generino una
dissonanza cognitiva di carattere interculturale.
Lo scopo è quello di incuriosire, di abituare al confronto e soprattutto di incoraggiare la
narrazione di chi spesso tace perché non ha le parole per dire, o perché non sa quanto
siano importanti e preziose per tutti le esperienze e i vissuti di “chi ha attraversato un
ponte sospeso tra due sogni”.
1
per saperne di più sui “sollecitatori interculturali” Cfr. capitolo V, Didattica e ricerca
interculturale, pagg. 111-146 in D. Demetrio, G. Favaro, Bambini stranieri a scuola, La Nuova Italia
1997
3
WEI ZHU
Io mi chiamo Wei Zhu, vengo dalla Cina, dalla città di
Wenzhou. Sono arrivato in Italia da circa 2 anni.
Il mio nome è fatto di due parole: wĕi che vuol dire
“grande” e zhù che vuol dire “aiutare”.
L’ha scelto il mio piccolo zio, il fratello minore di mio
padre che si chiama Quan Pien. Mio nonno e mio padre
non trovavano un nome e allora lo hanno chiesto al mio
piccolo zio. Lui ha cercato nel dizionario cinese e alla
fine ha trovato il nome giusto.
I miei genitori mi chiamano solo Wei Zhu, mio nonno in
Cina invece mi chiama Ā Zhù. La “ā” prima del nome
vuol dire affetto e confidenza.
In italiano il mio nome è Angelo e anche questo lo ha
scelto il mio piccolo zio. A me non piace per niente
perché non voglio un secondo nome.
Ecco il mio acrostico:
W afer: dolce come un biscotto
E state: la stagione che mi piace di più
I ntelligente: in matematica
Z oo: perché mi piacciono gli animali
H urrà!: ha vinto la mia squadra preferita!
U ffa!: quando devo scrivere i testi in italiano
4
1. I0 MI CHIAMO
Io mi chiamo ____________________________________________________________
Spiega il significato del tuo nome __________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
Chi l’ha scelto? Racconta… _______________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
Come ti chiamano a casa? Hai un nomignolo, un soprannome, un nome segreto?
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
Ti piacerebbe un nome diverso? Quale e perché? _____________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
Usa tutte le lettere del tuo nome per descriverti
(parola difficilissima: scrivi un acrostico)
acrostico
5
MARTINA
Io sono Martina, sono nata a Milano. Mi
piace andare in vacanza in Sardegna perché
lì abita mia nonna, in un paesino che si
chiama “La Caletta”.
Io sono speciale perché, quando ballo la
danza classica, mi sento come una libellula
che prende il volo. Sono anche molto
sincera e affettuosa.
Se fossi un oggetto, vorrei essere una
chitarra che suona una musica dolcissima.
Se fossi un animale, vorrei essere un delfino
che nuota negli oceani e agita la coda
facendo molta schiuma.
Se fossi un luogo, vorrei essere un’enorme
spiaggia con la sabbia bianca, con tante
conchiglie colorate con varie sfumature.
Se fossi un personaggio importante, vorrei essere una ballerina famosa che danza
in tutti i teatri del mondo.
Per 1/4 io sono insicura (lo so che essere insicuri è una cosa brutta), per metà sono
permalosa, per 3/4 attenta alle altre persone e tutta intera sono molto socievole.
Per me sono cose belle i sogni, la musica, la danza, e invece sono cose brutte le
bugie e l’odio.
Quando sono felice canto e ballo per casa.
Quando sono arrabbiata urlo e non parlo per una settimana con la persona con
cui ho litigato.
Quando sono triste, per sfogarmi, piango con il cuscino fra le braccia.
6
2. IO SONO
Come me non c’è nessuno, io sono speciale perché… _________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
Io sono in tanti modi. Scegli 4 di questi aggettivi per descriverti o altri che ti
sembrano più adatti:
TIMIDO – OTTIMISTA – AFFETTUOSO – SICURO – PREPOTENTE – GENEROSO –
ALLEGRO – SERIO – PERMALOSO – INDIPENDENTE – PESSIMISTA – AVARO
DISTRATTO – TRANQUILLO – INSICURO – CORAGGIOSO – NERVOSO –
CHIACCHIERONE – COLLABORATIVO – MUSONE – SIMPATICO – DISPETTOSO
SOGNATORE – SILENZIOSO – SOCIEVOLE – CURIOSO – PIGRO – ECC.
Per
¼ __________________________________________________________________
Per metà _______________________________________________________________
Per
¾
_________________________________________________________________
Tutto intero ____________________________________________________________
Che cosa faccio quando sono…
• Felice _______________________________________________________________
_____________________________________________________________________
• Arrabbiato/a__________________________________________________________
_____________________________________________________________________
• Triste _______________________________________________________________
_____________________________________________________________________
Se fossi un oggetto, un animale, un luogo, un personaggio importante, vorrei
essere…
•
un oggetto: __________________________________________________________
• un animale: __________________________________________________________
• un luogo: ____________________________________________________________
• un personaggio importante: ____________________________________________
7
huI
huIting
Vengo da Wenzhou, sono la cugina di Wei Zhu. Sono arrivata
a Milano quasi tre anni fa. Quando Wei Zhu non sapeva
l’italiano io l’ho aiutato.
Io parlo italiano, cinese e cinese dello Zhejiang che è la mia
regione.
Con i miei genitori, i fratelli, i parenti, gli amici cinesi e anche
con mio cugino Wei Zhu, io parlo cinese di Zhejiang. A scuola
e nei negozi parlo italiano.
Mi piace parlare cinese, perché io sono cinese e penso in
cinese, ma anche in italiano.
Le prime parole che ho imparato in italiano sono “Buongiorno”
e “Buonasera” perché quando sono arrivata a Milano andavo
sempre al negozio di mia zia, e tutte le persone che entravano
dicevano “Buongiorno” o Buonasera”.
Per me tre parole facili sono “io, mia, ciao” perché le dico
sempre e invece per me sono difficili ” ristorante, ippopotamo, confezione”. Prima
non sapevo dirle, adesso sì.
Parlare tante lingue può servire per trovare lavoro, per fare i documenti, andare
in Comune, aprire un negozio. Io vorrei imparare il francese perché mi piace e
vorrei andare a Parigi.
Nella mia classe ci sono queste lingue-dialetti: arabo, bulgaro, cinese, cinese dello
Zhejiang, concani (India), egiziano, ferrarese, filippino, hindi (India), inglese,
italiano,
macedone,
milanese,
napoletano,
ispanoamericano.
8
serbo,
siciliano,
spagnolo
3. IO parlo
Quali lingue-dialetti parli? ________________________________________________
________________________________________________________________________
Come parli con i tuoi genitori, i fratelli, i parenti, gli amici ecc.? ________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
Quale lingua preferisci e perché? __________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
Le prime parole che hai imparato __________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
3 parole facili ___________________________________________________________
3 parole difficili _________________________________________________________
Parlare tante lingue può servire a __________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
Nella mia classe ci sono queste lingue-dialetti _______________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
Ecco come si dice “CIAO” in altre lingue. Indovina quali. Collega con una freccia
HOLA
HELLO
NĬ HĂO
O
OI
NAMASTE
BUNĂ
BUN
SALAM
PRYVÍT
Portoghese
Cinese
Hindi
Rumeno
Arabo
Ucraino
Inglese
Spagnolo
Scrivi delle parole straniere che conosci ____________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
9
MAgdelinE
MAgdelinE
Io sono Magdeline, sono nata a Napoli, ma la mia
famiglia è dominicana. Ho molta nostalgia di mio fratello
maggiore, Francesco, che è rimasto a vivere a Santo
Domingo.
Io imparo leggendo, studiando, scrivendo e ascoltando
con attenzione la maestra, durante la lezione, quando
vado in gita con la mia classe e vedo tante cose nuove.
Io faccio fatica a imparare le parole difficili di cui non
capisco il significato quando la maestra non spiega tanto
bene un esercizio che bisogna fare.
Ho imparato tante cose che non sapevo, come scrivere,
leggere,
colorare
e
una
cosa
importante,
parlare
l’italiano, ascoltando, guardando, facendo delle cose
che mi suggerivano dei miei amici.
Ho imparato con insegnanti, adulti amici e compagni di
scuola. Tante persone che già sanno tutto questo.
Mi piacerebbe imparare a sciare e soprattutto andare a cavallo. Nella mia città,
Bayaguana, che si trova nella Repubblica Dominicana, il 24 dicembre c’è una festa in
cui tutti vanno in giro a cavallo a trovare amici e parenti.
Voglio imparare con amici, insegnanti o genitori, l’importante è che sappiano fare bene
quello che io voglio imparare.
Quella volta che ho capito che stavo imparando… Quando ho capito che stavo
imparando a scrivere il mio nome ero proprio contenta perché ero ancora piccola e
avevo avuto la capacità di scriverlo. Anche la prima volta che dovevo imparare una
poesia a memoria e sono riuscita a ricordarmela tutta. Ero un po’ emozionata perché
la dovevo dire davanti a tutti i miei compagni che non conoscevo ancora tanto bene
come ora, perché ero arrivata da poco in questa nuova scuola.
10
4. IO imparo
Io imparo…
Come? _________________________________________________________________
________________________________________________________________________
Quando? _______________________________________________________________
________________________________________________________________________
Io faccio fatica a imparare…
Cosa? __________________________________________________________________
________________________________________________________________________
Quando? _______________________________________________________________
________________________________________________________________________
Ho imparato…
Cosa? __________________________________________________________________
________________________________________________________________________
Come? _________________________________________________________________
________________________________________________________________________
Mi piacerebbe imparare…
Cosa? __________________________________________________________________
________________________________________________________________________
Con chi? _______________________________________________________________
________________________________________________________________________
Quella volta che ho capito che stavo imparando…
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
11
Alberto
Mi chiamo Alberto, sono nato a Milano, ma mia madre è
colombiana. L’anno scorso sono andato in Colombia: è un
paese bellissimo, pieno di sole e di mare.
Secondo me il bambino della vignetta a pag. 13, per sbaglio,
ha tirato storto e ha rotto la vetrina.
Una volta ho sbagliato a giudicare mia sorella: l’ho accusata
di aver fatto cadere il mio game boy e poi invece ho
scoperto che era stato mio padre.
Secondo me le maestre devono dare “Ottimo” solo ai
bambini che se lo meritano.
Io penso che sia giusto portare il grembiule a scuola così
non ci sporchiamo.
Per me saltare l’intervallo per punizione non è giusto,
perché è l’unico momento in cui possiamo giocare a scuola.
La scuola dovrebbe insegnare più “Arte” perché ora si fa
poco. La mia classe ha partecipato al progetto della Pinacoteca di Brera.
I bambini dovrebbero stare più
attenti in classe perché altrimenti
non imparano.
I grandi, a volte, ti sgridano senza
alcun motivo.
DISEGNO DELLA
MENTE CHE PENSA
12
5. IO penso
?
Secondo te, che cos’è successo? ___________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
E invece… (Guarda la vignetta capovolta: le apparenze possono ingannare…)
Una volta ho sbagliato a giudicare una persona…
_____________________________________________________
_____________________________________________________
_____________________________________________________
_____________________________________________________
Sono d’accordo/Non sono d’accordo
1. Le maestre devono dare “Ottimo” a tutti gli alunni.
Sono d’accordo
Non sono d’accordo
__________________________________________________________________
2. A scuola bisogna indossare il grembiule.
Sono d’accordo
Non sono d’accordo
__________________________________________________________________
3. Saltare l’intervallo è una punizione giusta.
Sono d’accordo
Non sono d’accordo
__________________________________________________________________
Le mie idee
•
La scuola dovrebbe ___________________________________________________
•
I bambini dovrebbero _________________________________________________
•
I grandi /gli adulti _____________________________________________________
Disegna su un foglio la mente che pensa
13
merna
Io sono Merna, sono nata ad Assiut. Torno spesso
in Egitto a trovare i miei parenti. Quando c’è il sole
mi viene in mente il mio paese perché lì non piove
mai.
Nella foto sotto ci sono io da piccola nella mia
nuova culla. Ero molto arrabbiata perchè dovevano
fotografarmi e io non volevo stare ferma. Mi hanno
fatto questa foto il primo giorno che sono arrivata
a Milano con la mia famiglia (mio padre, mia madre
e mio fratello maggiore Gerols). Quando sono
arrivata era proprio il giorno del matrimonio di mia
zia e perciò mi hanno vestito in modo molto
elegante. Il vestito che indosso in questa foto me
lo aveva regalato mia nonna Henna l’ultimo giorno,
prima di lasciare l’Egitto.
Questa foto mi piace perchè è l’unica che ho
con quel vestito bellissimo.
Ogni volta che la guardo mi vengono in mente i
miei nonni, il mio paese e tutti i ricordi
dell’Egitto.
Questo vestito poi l’ha messo anche mia sorellina
Alessandra che adesso ha quattro anni. Quando
le hanno messo il mio vestito, io ero un po’
contenta e un po’ gelosa.
14
6. IO in una foto
Ho scelto questa foto dal mio album
In questa foto __________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
Questa foto mi piace perché ______________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
15
fabio
Sono nato a Margao Goa, nell’India del sud.
L’estate scorsa sono tornato nel mio paese.
Io non ho paura dei serpenti.
L’oggetto che “mi porta nel passato” è una noce di
cocco. Il mio papà l’aveva raccolta da terra quando
era caduta dalla palma ed era rimasta lì per due
giorni. Quando io e la mamma siamo venuti in Italia,
il papà ha voluto portarla a Milano.
Mio padre l’ha data mia a madre e mia madre l’ha
data a me.
Questa noce ce l’ho da quando sono nato. Prima
ero in India e adesso sono in Italia.
La tengo su uno scaffale.
Ogni tanto la guardo perché è bella e lucida e,
siccome la polpa si è seccata, quando la agito fa “tuc tuc”.
Ho scelto questo oggetto perché mi
ricorda il mio paese.
Io penso che ci vorrei tornare per
sempre perché mi piace il suo mare.
16
7. un oggetto mi porta
nel passato
Disegna o inserisci una foto
Che cos’è? _____________________________________________________________
________________________________________________________________________
Chi te lo ha dato? _______________________________________________________
________________________________________________________________________
Da quanto tempo ce l’hai? ________________________________________________
________________________________________________________________________
Dove lo tieni? ___________________________________________________________
________________________________________________________________________
Che cosa ci fai? _________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
Perché hai scelto quest’oggetto? __________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
17
Elena m.
Io sono Elena e sono nata a Milano. Faccio ginnastica
artistica da tre anni e mi piace tanto. Prima ero figlia
unica, ma da nove mesi ho finalmente una sorellina che si
chiama Alessia.
Il primo giorno di scuola elementare, quando sono entrata
in classe, non volevo fare niente. Però mi sono tenuta
tutto dentro e non ho detto niente alla mia mamma, né a
nessuno. Poi ho visto che si facevano delle cose molto
divertenti e mi è piaciuto. Quando si facevano cose nuove
ero curiosa e non vedevo l’ora di impararne altre.
Sto bene a scuola quando si fa lezione e si imparano cose
nuove, perché altrimenti mi annoio a ripetere quello che
so già.
Mi piace anche quando andiamo in mensa: si parla e si
mangia
tutti
insieme.
Mi
piace
anche
il
momento
dell’intervallo, perché si può fare quasi tutto quello che si vuole.
Sto male a scuola quando mi prendono in giro e quando non capisco niente di un
argomento. Non sono contenta anche quando fanno degli scherzi poco gradevoli.
Ad esempio, mi ricordo alla festa di Halloween che c’erano i ragni di plastica!
Mi piace studiare geografia e scienze. Mi piacciono geometria, storia e religione.
E poi mi piace andare in palestra.
Non mi piace fare lingua e inglese.
Sono bravina in lingua e grammatica, mi sento abbastanza brava in storia. So
colorare bene e sono brava ad avere delle idee quando si fanno dei progetti.
18
8. io a scuola
Il primo giorno di scuola. Racconta… ______________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
Sto bene a scuola quando ________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
Sto male a scuola quando ________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
Materie che mi piacciono ________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
Materie che non mi piacciono ____________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
Sono bravo/a ___________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
19
LA Classe
Nella nostra classe sono arrivati molti nuovi compagni, ma molti sono anche andati
via.
A un compagno appena arrivato diamo 5 consigli:
1. Essere gentile (usare le parole e non le mani)
2. Farsi degli amici
3. Essere regolare nel fare i compiti e nello studio
4. Aiutarsi a vicenda e intervenire nelle conversazioni quando è il momento
5. Collaborare nella vita di classe.
Un bambino che entra in una nuova classe può sentirsi a disagio perché per lui o
lei tutto è nuovo. Può provare della vergogna perché non conosce nessuno e non
conosce le regole del comportamento.
Andando in una nuova classe si potrebbero provare queste sensazioni: un po’ di
mal di pancia per la paura, tremore alle mani e alle braccia, guardarsi intorno
stupiti e curiosi. Forse si cercherebbe di non disturbare, quasi di scomparire, per
non farsi notare. La cosa migliore sarebbe partecipare ai giochi durante
l’intervallo per fare amicizia con qualcuno.
20
9. un nuovo compagno
Un giorno nella mia classe è arrivato un nuovo compagno/a che veniva da un’altra
scuola, da un’altra città, o da un altro paese.
Dai cinque consigli che possono aiutarlo/la a inserirsi e a stare bene nella tua
classe
1. _____________________________________________________________________
_____________________________________________________________________
2. _____________________________________________________________________
_____________________________________________________________________
3. _____________________________________________________________________
_____________________________________________________________________
4. _____________________________________________________________________
_____________________________________________________________________
5. _____________________________________________________________________
_____________________________________________________________________
Secondo
te
che
cosa
pensa
un
bambino
che
entra
in
una
nuova
classe?__________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
Immagina di andare tu in una nuova classe __________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
21
riccardo
Mi chiamo Riccardo e sono nato a Milano. I0
amo
tutti
gli
sport:
sci,
basket,
nuoto,
snowboard ecc. Mi piace molto anche andare in
montagna.
Se tutti fossero come me, la vita sarebbe noiosa.
Se tutti venissero a basket o in piscina con me,
sarebbe veramente poco divertente! A scuola si
parlerebbe sempre con gli stessi pensieri e degli
stessi argomenti e tutti avrebbero le stesse
conclusioni, anche sulle cose più piccole. Ci
sarebbe un unico punto di vista e anche i giochi
sarebbero noiosi perché tutti avrebbero le stesse
fantasie.
Aspetti positivi:
positivi siamo tutti uguali, e se
un
compagno scopre una cosa, la scoprono anche gli
altri, perché i pensieri viaggiano insieme.
Aspetti negativi:
negativi non si acquisiscono notizie e conoscenze nuove e diverse da
quelle che hanno tutti. La situazione generale sarebbe piuttosto noiosa.
Tutti diversi:
diversi è la situazione normale. Tutti sono miei amici con le loro
caratteristiche e i loro punti di vista. È interessante e piacevole vivere in una
classe come la mia, dove ognuno porta se stesso con il proprio modo di essere.
Aspetti
Aspetti positivi:
positivi ci si arricchisce e ci si diverte perché c’è una grande varietà di
pensieri e modi di fare.
Aspetti negativi:
negativi a volte, essendo molto diversi, si fa fatica a capirsi e a mettersi
d’accordo. Dopo, però, si è più amici di quelli che non hanno fatto nessuna fatica
per trovare un accordo.
22
10.
tutti uguali
tutti diversi
Nella tua classe siete tutti uguali: stessa faccia, stessi
vestiti, stessa altezza, stessa lingua. Come sarebbe una
giornata nella tua classe immaginaria di “tutti uguali”?
Racconta …
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
Aspetti positivi
Aspetti negativi
__________________________________
__________________________________
__________________________________
__________________________________
__________________________________
__________________________________
__________________________________
__________________________________
__________________________________
__________________________________
Nella tua classe vera siete tutti diversi. Com’è una
giornata nella tua classe? Racconta…
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
Aspetti positivi
Aspetti negativi
__________________________________
__________________________________
__________________________________
__________________________________
__________________________________
__________________________________
__________________________________
__________________________________
__________________________________
__________________________________
23
daniele
Mi chiamo Daniele, sono nato a Vigevano e sono un
appassionato di gatti. I miei si chiamano Ciukù,
Camomilla, detta Millina, e Juditta, con la j.
Mi piace il basket.
Io la storia di Rostin l’ho continuata così:
Un giorno la nonna (che viveva ancora nel suo paese) gli
telefonò e lui le disse:
«Nonna, se sapessi come sono diventato grande: adesso
so leggere, scrivere e fare i conti e ho imparato una
nuova lingua. Qui si mangiano cose buone come la pizza
e le cotolette alla milanese, però a me mancano tanto i
biscotti che fai tu. Ho nostalgia di te e del nonno e
vorrei che anche tu fossi qui a Milano.»
Dopo molti anni Rostin tornò nel suo paese e sulla
spiaggia trovò la stessa conchiglia che gli chiese: «Com’è cambiata la tua vita? Sei
stato bene a Milano?»
Rostin rispose: «Sì, sono stato bene. Ho conosciuto posti, amici e persone nuove.
Ho studiato e trovato un buon lavoro, però ho deciso di tornare a vivere qui
perché non riesco a vivere senza vedere questa meravigliosa spiaggia.»
24
11. rostin a milano
C’ era una volta un bambino che si chiamava Rostin.
Un giorno andò al mare e trovò una conchiglia. Se la portò
all'orecchio e ascoltò. La conchiglia gli disse: “Tra qualche
giorno partirai e andrai in un paese lontano”.
Il bambino arrivò a Milano. La mamma lo iscrisse a scuola dove
incontrò tanti cari amici. Imparò l'italiano e fu sempre
promosso.
Un giorno la nonna (che viveva ancora nel suo paese) gli telefonò
e lui le disse: <<__________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
______________________________________________________________________>>
Dopo molti anni Rostin tornò nel suo paese e sulla spiaggia trovò la stessa
conchiglia che gli chiese: <<________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
______________________________________________________________________>>
Rostin rispose: <<_________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
______________________________________________________________________>>
25
dafne
Mi chiamo Dafne e sono nata a Milano. Suono il violino e
presto farò un concerto con un’orchestra di bambini e
ragazzi. L’orchestra si chiama appunto “Under 13”.
Questa è la mia storia del basilisco:
Un giorno un basilisco, un animale veramente strano,
decise che era ora di entrare a far parte di un gruppo di
animali che avesse qualche sua caratteristica. Pensò di
provare con le giraffe e così si avventurò nella savana e lì
le trovò.
“Posso entrare nel vostro branco?”
“Beh! Dovresti essere molto più alto di così. Per noi sei
come un topolino.”
Il basilisco, un po’ deluso, si allontanò e andò alla ricerca
dei cervi. Li trovò e chiese con voce un po’ tremante: “P
p potrei e e entrare nel v v vostro br br branco?”
Ma i cervi gli risposero in modo altezzoso: “Tu che hai un
corpo così tozzo e l’agilità di un ippopotamo!”
Ancora una volta il basilisco si allontanò molto triste, iniziò a correre e arrivò a un
laghetto. Si accucciò e restò lì per il resto della notte.
Al mattino si avvicinò un leone che gli chiese, con molta naturalezza, se voleva
entrare a far parte del suo branco. Ovviamente il basilisco accettò, e dopo un
mese, tutti i leoni lo ammiravano per le sue maestose corna che usava sempre per
cacciare, per il suo manto tigrato con il quale attirava le zebre e per il suo fascino
speciale. Infatti tutte le leonesse del branco cadevano alle sue zampe.
Il basilisco-leone era un portento e tutti gli animali lo ammiravano e, anche quelli
che prima lo detestavano, si pentirono di averlo cacciato.
26
12.
1. Ritaglia
da
vecchie
il basilisco
riviste
tanti
animali diversi.
2. Tagliali in pezzi, dividendoli per parti
del corpo (tutte le teste insieme,
tutte le zampe insieme ecc.).
3. Mescola i pezzi di ogni gruppo.
4. Prendi un pezzo per gruppo, a caso.
5. Ora
monta
l'animale
che
puoi
formare con i pezzi presi.
Quando il tuo animale è pronto, immagina che cosa succederebbe se cercasse di
entrare in un gruppo di animali che hanno una sola delle sue caratteristiche.
Ad esempio, se questo animale volesse entrare in
un gruppo di leoni, o di zebre, o di cervi ecc.,
come reagirebbero quegli animali?
___________________________________________
___________________________________________
___________________________________________
___________________________________________
___________________________________________
___________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
27
dalila
Io sono Dalila e sono nata a Londra perché i miei
genitori erano lì per lavoro.
Mi piace leggere di tutto. Durante l’intervallo
preferisco rimanere in classe a leggere o a
disegnare invece di andare in cortile.
Ho un fratello di 4 anni, Lorenzo, e una sorellina
di 3 mesi che si chiama Francesca.
Io la storia delle cinque mele diverse l’ho
conclusa così:
“Le mele decisero di regalare i loro semi a un
bambino. Il bambino tagliò le mele a metà, prese i
semi e li piantò. Con una metà delle mele fece una
ratatouille, invece seppellì in giardino l’altra metà
delle mele che ormai era appassita.
Mentre le piantine di mela crescevano, il bambino
mangiava la ratatouille.
Un bel giorno crebbero cinque meravigliosi alberi da cui spuntarono fiori mai visti
prima. I fiori, che erano dei sette colori dell’arcobaleno, non appassivano mai e,
quando pioveva, facevano venire un arcobaleno in miniatura che splendeva solo
nel giardino del bambino”.
28
13.
diversi amici diversi
Da cinque semi diversi, nacquero cinque
meli diversi. Ogni albero diede un frutto
diverso.
Le cinque mele furono colte ancora
acerbe perché potessero frequentare la
scuola. Divenute mature, volevano realizzare qualcosa di buono, prima di
appassire. Una mela aveva qualche problema di buccia, un’altra si era ammaccata
da piccola e una, poi, era “sorella siamese”. Proprio belle erano solo due: poche
per abbellire un centro tavola.
Frulla che ti rifrulla, venne loro in mente il frullato alla frutta. Mai e poi mai
avrebbero confuso i loro profumi spappolandosi in un frullato.
E nella marmellata? Troppo appiccicosa. Appiccicoso per appiccicoso, meglio una
bella torta! Cosa? Questo sì sarebbe ficcarsi nei pasticci! E nel forno? Troppo
caldo. Di contorno a un bell’arrosto? No, le cinque mele non volevano
sottomettersi a nessuno. Ecco allora un’idea straordinaria…
Come finirà la storia delle cinque mele diverse? Continua tu __________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
Il finale dell’autore
29
ahmed
Io sono Ahmed e sono nato a El Menoufia, in Egitto.
So scrivere bene in arabo. Ho appena fatto l’esame al
consolato egiziano, ma non so ancora se sono stato
promosso.
Mi piace molto viaggiare e prendere l’aereo.
Quando sono in vacanza in Egitto vado al mare a
Aleskandria e in giro a fare gite con la mia famiglia.
Da grande vorrei fare il pilota d’aereo.
Per me sono cibi strani le budella, il fegato, la lingua e il
cuore, la trippa, la testa del capretto al forno, la coda
di bue ecc.
Per me sono cibi buonissimi il cous cous, il mahchi (riso
dentro foglie di vite), la pasta al sugo, la pizza, il purè
di patate, l’insalata di pomodori, le cotolette e le polpette.
Per me sono invece disgustosi la minestra di verdura, le uova sode fredde, le
zucchine, il formaggio molle, la pasta con l’aglio, i piselli.
30
14.
ti piace l’iguana?
Un cibo che è buonissimo in un posto, può essere considerato disgustoso in un
altro… Per esempio, per il nostro amico Victor che viene da El Salvador l’iguana è
squisita e invece non vuole mangiare gli spaghetti perché gli fanno venire in mente
i vermi! Ecco che cosa dice chi ha mangiato l’iguana: “L’iguana ha un sapore
delicato perché si nutre di frutti (avocado, jocote, tiuilote ecc.), di foglie di
alberi, di piante di fagioli. Ha il sapore del coniglio di montagna, ma è più delicato.
Non ha molta carne, per cui si rosicchiano ben bene le ossa”.
Ti vengono in mente altri cibi “strani”? _____________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
Secondo te dove si mangiano questi cibi?
___________
____________
RANE
LUMACHE
___________
____________
FORMAGGIO COI VERMI
ANGUILLE
___________
PESCE PALLA
____________
AGNELLO ARROSTO
Guarda la soluzione
Cibi buonissimi per me
______________________________
______________________________
______________________________
______________________________
Cibi disgustosi per me
______________________________
______________________________
______________________________
______________________________
31
stefano
Sono appena stato in Ecuador per un mese e non
volevo più tornare in Italia, ma poi ho pensato alla
mia classe. Ho cambiato casa e adesso abito
lontano,
ma
siccome
voglio stare
con
i
miei
compagni, per venire a scuola prendo un autobus e
due tram.
Se dovessi andare a vivere in un altro paese, e avessi
una valigia speciale, porterei con me la mia famiglia,
la mia casa e tutto quello che c’è dentro.
Tutte le cose che vorrebbero i miei genitori per farli
felici: case, soldi e regali per tutti i parenti in
Ecuador.
Nella valigia metterei anche i miei amici, quelli che
conosco da più tempo, da quando ero piccolo.
Mi porterei dei ricordi dell’Italia come il Castello
Sforzesco di Milano e il Colosseo di Roma. Mi porterei anche tutti i bei posti
dove sono andato a “Scuola natura” con la mia classe, come Pietra Ligure e
Malcesine.
Invece lascio i brutti ricordi come quando ho fatto qualche disastro a casa mia, o
ho rotto qualcosa a cui la mia mamma teneva tanto.
Tutti quelli che mi hanno fatto del male, come insultare me o la mia famiglia,
accusarmi ingiustamente di qualcosa che io non ho fatto.
Lascio anche tutte le persone che fanno delle promesse e non le mantengono mai
e quelle che non si rendono conto che stanno facendo delle cose cattive.
32
15.
la valigia
Domani devi lasciare l’Italia per andare a vivere in un altro paese. Hai una valigia
speciale in cui puoi mettere dentro proprio tutto quello che vuoi.
Che cosa porti con te?
_______________________________________________________________
_______________________________________________________________
_______________________________________________________________
_______________________________________________________________
_______________________________________________________________
_______________________________________________________________
_______________________________________________________________
_______________________________________________________________
_______________________________________________________________
_______________________________________________________________
_______________________________________________________________
_______________________________________________________________
_______________________________________________________________
Che cosa lasci?
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
33
mirela
Sono nata a Pernik, in Bulgaria. Appena finisce la
scuola, parto e passo tutte le vacanze nel mio paese,
anche quelle di Natale.
Io mi immagino che da una parte del ponte ci sia un
mondo normale, come il nostro, con tutte le case, i
palazzi, le auto, i lavoratori, i commercianti, i bambini
ecc.
Invece dall’altra parte del ponte mi immagino il nostro
futuro, un mondo pieno di fantasia.
Io vivo nel mondo normale, ma un giorno io e le mie
amiche abbiamo sentito parlare del mondo dell’altro
lato del ponte. Abbiamo deciso di attraversarlo e così,
arrivate al ponte sospeso, abbiamo deciso di passare
dall’altra parte.
C’era una porta grandissima. Quando abbiamo aperto
la porta, grazie a un bottone, siamo rimaste a bocca aperta. Era tutto diverso dal
nostro mondo. I vestiti erano tutti molto colorati, c’erano tanti parchi con
tantissimi giochi che non avevamo mai visto. Li abbiamo provati tutti.
Spesso spuntavano degli arcobaleni meravigliosi, solo che non erano veri, ma si
trattava di immagini proiettate nel cielo.
Era quasi tutto meccanizzato. Nessuno camminava a piedi, ma su nastri
trasportatori.
La cosa che ci ha colpito di più erano le fontane che si trovavano dappertutto.
Se immergevi nell’acqua qualcosa di rotto o di vecchio, tornava su come nuovo,
però le persone no.
34
16.
il ponte sospeso
Questo è un ponte sospeso.
Che cosa c’è da una parte?
E dall’altra?
Lo attraversi?
Racconta… _____________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
35
vincenzo
Io sono nato a Messina, ma mia madre viene
dall’Ecuador. Mio nonno faceva il pastore e per
questo a me piacciono gli animali domestici come
il cane, il cavallo e il gatto. Il mio sport preferito
è il ciclismo, infatti vado molto in bicicletta.
Faccio 10-50 volte il giro del mio isolato.
La mia famiglia è molto numerosa. Tra parenti
lontani e vicini saremo una trentina.
Davanti alla porta chiusa provo due stati
d’animo diversi, paura di aprirla e curiosità di
vedere che cosa c’è dietro.
Apro
e
trovo
una
grande
foresta:
alberi
giganteschi da cui pendono frutti enormi che
hanno un gusto dolce e salato insieme, un po’
come la focaccia con la marmellata. Un frutto
così basterebbe a dar da mangiare a cento persone.
Gli animali di questa foresta sono gommosi e di tutti i colori e perciò saltellano e
giocano continuamente tra loro. Non sono né grandi, né piccoli, ma giusti, della
mia stessa misura.
Non vedo persone, ma penso che ci sono, nascoste da qualche parte, perché
sento dei rumori, come dei passi molto leggeri. È bella questa foresta, ma siccome
mi sembra di essere solo, me ne torno a casa perché non c’è nessuno con cui
giocare.
36
17.
la porta chiusa
C’è una porta chiusa: che cosa ci sarà dietro?
Una sorpresa?
Apri la porta e…
Racconta… _______________________________
__________________________________________
__________________________________________
__________________________________________
__________________________________________
__________________________________________
__________________________________________
__________________________________________
__________________________________________
__________________________________________
__________________________________________
__________________________________________
__________________________________________
__________________________________________
__________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
37
Noel john
Io sono nato a Milano, invece i miei genitori vengono
dalle Filippine. Gioco a basket e mi piacciono i cani. Il
mio
si
chiama
Chaby.
Quest’estate
torno
nelle
Filippine: non ci vado da due anni.
Se fossi il capitano di una nave, andrei subito nelle
Filippine a trovare i miei parenti e i miei cugini.
Andrei con la mia famiglia, tutti i miei compagni e le
maestre.
Mi fermerei in India perché ho un amico di origine
indiana e sono curioso di conoscere il suo paese.
Manila, la capitale delle Filippine, è un luogo bellissimo
perché ci sono tante persone che vanno sempre in giro
per negozi, o perché c’è una festa. C’è sempre molto
rumore e allegria. Per strada puoi comprare di tutto:
pesce, frutta e verdura, gelati, riso, giochi ecc.
Le persone portano in testa cesti pieni di cose. Nelle Filippine ci sono dei frutti
buonissimi e certi, come il rambutan, esistono solo nel mio paese.
Ci sono due tipi di taxi: quelli grandi sembrano dei piccoli autobus, tutti decorati
con scritte, luci, bandierine ecc. Quelli piccoli invece sono delle moto con
attaccate delle specie di automobiline.
I bambini vanno a scuola da soli, anche se è lontano, e indossano la divisa.
D’estate a Manila si fa una corsa di bufali che mi piace tantissimo.
38
18.
io capitano
Sei il capitano di una nave.
Dove vai con la tua nave?
_________________________
_________________________
_________________________
_________________________
_________________________
_________________________
_________________________
_________________________
_________________________
_________________________
Con chi? _______________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
Dove ti fermi? __________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
Un luogo bellissimo… ____________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
39
Elena g.
g.
Sono Elena e sono nata a Segrate.
Fra pochi giorni nascerà il mio cane. La mamma è la
barboncina di una signora che ha un negozio di
animali. Era il mio desiderio più grande. Fra due
mesi potrò portarlo a casa mia. Suono il piano da un
anno e mi piace molto. Mi mette allegria.
Io da grande abiterò in montagna in una casetta di
legno a due piani. Nella mia casetta i mobili saranno
tutti di legno pregiato, e in ogni stanza ci sarà un
buon profumo di legno e fiori. Avrà il camino, in
modo che quando è inverno, io mi possa scaldare
vicino al fuoco. La casa sarà vicino a un bosco per
raccogliere fiori e funghi, e vicino a un laghetto per
poter pescare.
Mi sposerò con un ragazzo alto e bello, con capelli
castani e occhi verdi, che sia sempre buono, gentile
e affettuoso con me. Che mi rispetti e mi ami per
quello che sono.
Farò la scienziata. Andrò in giro per il mondo a
esplorare luoghi sconosciuti, cose mai viste e
animali strani. Cercherò una cura per le malattie
che non si possono guarire e aiuterò le persone in
difficoltà.
I miei amici (spero) saranno quelli della mia infanzia
e mi vedrò con loro il fine settimana e andrò con
loro in vacanza.
40
19.
io da grande
Chiudi gli occhi e immagina come
sarai da grande.
Disegna
Abiterò…
__________________
_____________________________
_____________________________
_____________________________
_____________________________
_____________________________
_____________________________
_____________________________
_____________________________
Con chi ______________________
_____________________________
_____________________________
_____________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
Il mio lavoro ____________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
I miei amici _____________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
41
20. altre idee
Non siamo riusciti a fare entrare nel libro tutte le esperienze, i giochi, i lavori che
abbiamo fatto nei cinque anni di scuola elementare.
Se hai voglia, ti consigliamo di provare anche queste proposte, e poi di
aggiungerne altre che invece hai inventato tu o la tua classe.
•
Il pianeta senza giochi:
giochi immagina di dover compiere una missione su un pianeta
lontano dalla Terra, i cui abitanti sono tristi e annoiati perché da piccoli non
hanno mai giocato, ma si sono fin da subito comportati come degli adulti. La tua
missione consiste proprio nell’insegnare agli abitanti di questo pianeta a giocare.
Proponi loro alcuni giochi che ti piacciono. Spiega bene le regole e soprattutto fai
capire loro che cosa ti piace di questi giochi e perché li trovi così divertenti.
•
Il giorno perfetto:
perfetto un giorno potrebbe arrivare, oppure forse è già arrivato, “il
giorno perfetto”! Prova a descrivere come sarebbe il giorno considerato da te
perfetto e ideale, cioè il giorno in cui si realizza tutto quello che vorresti. Dove
sei? Cosa succede ? C’è qualcuno insieme a te? Chi è ? Come ti senti?
•
I 5 sensi: mi ricordo quella volta che ho visto, sentito, toccato, gustato,
annusato…
•
Il labirinto: come ne esci, grazie a chi, a quali trucchi…
•
Il palloncino e il messaggio:
messaggio scrivi un messaggio, attaccalo ad un palloncino e fallo
volare in alto nel cielo. Che cosa scrivi?
•
Paure/desideri:
Paure/desideri costruisci due scatole una per le paure, una per i desideri…
•
La mia famiglia:
famiglia vi presento la mia famiglia (Io assomiglio a… Con mia madre io …
Con mio padre io… Io sono simile ai miei genitori… Io sono diverso dai miei
genitori… Mia madre mi dice sempre che… Mio padre mi dice sempre che… I miei
nonni…)
•
La storia di Cappuccetto Rosso raccontata dal lupo: fai parlare il lupo e cerca di
immaginare il suo punto di vista.
•
Ecc. ecc.
42
INDICE
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.
11.
12.
13.
14.
15.
16.
17.
18.
19.
20.
21.
22.
23.
24.
25.
26.
27.
28.
29.
30.
31.
32.
33.
34.
35.
36.
37.
38.
39.
40.
41.
42.
Autori
Ai bambini
Agli insegnanti
WEI ZHU
Io mi chiamo
MARTINA
Io sono
HUITING
Io parlo
MAGDELINE
Io imparo
ALBERTO
Io penso
MERNA
Io in una foto
FABIO
Un oggetto mi porta nel passato
ELENA M.
Io a scuola
LA CLASSE
Un nuovo compagno
RICCARDO
Tutti uguali, tutti diversi
DANIELE
Rostin a Milano
DAFNE
Il basilisco
DALILA
Diversi amici diversi
AHMED
Ti piace l’iguana?
STEFANO
La valigia
MIRELA
Il ponte sospeso
VINCENZO
La porta chiusa
NOEL JOHN
Io capitano di una nave
ELENA G.
Io da grande
Altre idee
43
Fly UP