...

Guida Informativa per cambiare Conto Corrente

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

Guida Informativa per cambiare Conto Corrente
I Soggetti del Servizio
Guida Informativa
per cambiare Conto Corrente
- Servizio Trasferibilità (Conto Corrente, Bonifico e RID)
“Banca Nuova”: Banca dove il cliente ha aperto il conto (nuovo conto)
sul quale trasferire i servizi di pagamento.
“Banca Originaria” (Vecchia): Banca dove il cliente ha il conto da
chiudere o dal quale vuole trasferire i servizi di pagamento.
Conto di Pagamento: Rapporto di conto corrente attraverso il quale il
consumatore può disporre o ricevere pagamenti.
Cliente Consumatore: Persona fisica che utilizza i servizi del fornitore
di servizi di pagamento per scopi estranei all’attività economica e
professionale.
Il Servizio Trasferibilità
Il Servizio di Trasferibilità consente al cliente consumatore di trasferire i
servizi propri del conto di pagamento Bancario da una Banca (“Banca
Originaria”) ad un’altra (“Banca Nuova”) presso la quale possiede o apre
un nuovo conto di pagamento Bancario, all’interno del proprio Paese,
ricevendo la necessaria assistenza dalla “Banca Nuova” e dalla “Banca
Originaria”.
Il servizio si applica a:
-
Pag. 1 di 7
Conti correnti
Addebiti diretti continuativi (RID)
Bonifici Permanenti
Bonifici ricorrenti in accredito
Pag. 2 di 7
Cosa fare per:
Cambiare il Conto di Pagamento
1. Apri il nuovo conto nella “Banca Nuova”
Quando apri un nuovo conto la Banca ti fornirà copia del contratto
contenente tutti i riferimenti in merito alle condizioni del conto e al suo
funzionamento. Leggi questo documento attentamente. Esso rappresenta
una guida operativa per l’uso del tuo conto.
Insieme al contratto di conto riceverai indicazione delle spese previste
per ciascun servizio Bancario. I prezzi indicati devono essere quelli
realmente applicati.
Chiedi gli identificativi del conto, che riassumono il tuo nuovo numero
di conto ed altri rilevanti dettagli. Ricorda che puoi sempre fotocopiarli.
Ricordati di utilizzare gli identificativi del conto per comunicarli alle
controparti che dovranno disporre ordini automatici di pagamento a tuo
favore (stipendio, pensione…) e per rilasciare autorizzazioni di addebito
diretto o bonifico di addebiti permanenti sul nuovo conto (tasse, affitto,
assicurazione…).
Richiedi il libretto degli assegni o le carte di pagamento di cui hai
bisogno. Chiedi alla Banca quanto tempo devi aspettare per poter
utilizzare gli assegni e le carte di pagamento.
Chiudere il Conto di Pagamento presso la “Banca Originaria”
(Vecchia)
Se desideri chiudere il rapporto di conto di pagamento presso la “Banca
Originaria”, chiedi la chiusura del tuo vecchio conto solo dopo aver aperto
il nuovo conto ed aver richiesto il trasferimento dei pagamenti automatici
sul nuovo conto.
Ricordati che, per chiudere un conto, hai l’obbligo di:
- Aver verificato che tutte le richieste di pagamento siano state
eseguite e che tutti i pagamenti in addebito e in accredito
automatici siano stati trasferiti sul nuovo conto (la “Banca
Originaria” NON procederà alla chiusura del conto se dovesse
avere saldo negativo).
- Aver restituito alla “Banca Originaria” le carte di pagamento
(Bancomat, Carta di Credito, ecc…) emesse ed a rischio di tale
istituto e addebitabili esclusivamente sul conto in chiusura e gli
assegni del conto corrente non utilizzati.
Nel caso in cui non facessi fronte a tali obblighi, non decorrono i termini
entro i quali la “Banca Originaria” è tenuta a chiudere il conto e che
vengono comunicati nel contratto di conto corrente da te sottoscritto al
momento dell’apertura.
2. Trasferisci tutti i tuoi pagamenti automatici sul tuo nuovo conto
La Banca impiegherà un po’ di tempo prima di completare il
trasferimento e i pagamenti potranno continuare ad arrivare sul tuo
vecchio conto: ricorda quindi di mantenervi i fondi necessari.
Pag. 3 di 7
Pag. 4 di 7
Obblighi della “Banca Nuova”
Obblighi della “Banca Originaria”
Puoi utilizzare la tua Nuova Banca come “Primo Punto di contatto” e
come intermediaria nei contatti con la tua Vecchia Banca, in questo modo
ti assicurerai che il trasferimento avvenga in maniera semplice e
tempestiva.
La “Banca Nuova”, se individuata quale “Primo punto di contatto”, in
base a quello che chiederai, si occuperà di:
-
contattare la “Banca Originaria”;
- richiedere alla “Banca Originaria” di fornire l’elenco dei RID e degli
ordini di Bonifico Permanenti e Ricorrenti presenti sul vecchio Conto;
-
fornirti una copia di tale elenco;
-
chiedere alla “Banca Vecchia”
permanenti di bonifico” ed i RID;
di
revocare
gli
“ordini
- fornirti un modello per comunicare le nuove coordinate ai soggetti
interessati (come ad esempio nel caso al tuo datore di lavoro);
- comunicare a tutte le aziende creditrici le nuove coordinate RID
Bancarie del consumatore;
- attivare sul nuovo conto gli “ordini di bonifico permanenti” e le
autorizzazioni di addebito diretto, eventualmente chiedendoti delle
informazioni aggiuntive;
richiedere alla “Banca Originaria” la chiusura del vecchio conto ed
il trasferimento del saldo sul nuovo conto.
La “Banca Originaria” ha dei precisi obblighi, finalizzati ad agevolare la
trasferibilità del tuo conto, delle disposizioni di Bonifico o dei tuoi RID.
Dovrà infatti:
fornire un elenco con le informazioni utili ad identificare gli “ordini
di bonifico permanenti” e le autorizzazioni di addebito diretto sul “vecchio”
conto;
revocare gli “ordini di bonifico permanenti” e le autorizzazioni di
addebito diretto;
trasmettere, per i 12 mesi successivi al trasferimento, i bonifici
pervenuti sul vecchio conto alla Nuova Banca;
trasferire il saldo positivo del “vecchio” conto sul “nuovo” conto;
chiudere il “vecchio” conto, fatti salvi eventuali problemi che
dovessero presentarsi (come ad esempio un saldo di conto negativo o la
mancata restituzione delle carte di pagamento), nel qual caso il
consumatore sarà contattato direttamente;
fornire gratuitamente al cliente o alla Nuova Banca, se individuata
quale principale Punto di Contatto, tutte le informazioni necessarie alla
trasferibilità (purché non risalenti ad oltre 13 mesi antecedenti e
elettronicamente reperibili).
Ti ricordiamo che gli obblighi di informativa sono relativi esclusivamente
alle informazioni disponibili presso la “Banca Originaria”.
Per tutte le altre informazioni è tua responsabilità fornire alla “Banca
Nuova” le necessarie informazioni mancanti o contattare direttamente le
terze controparti interessate per la comunicazione delle nuove
coordinate del conto. La tua “Banca Nuova” è comunque disponibile per
supportarti in tale attività.
Se siamo noi, la tua “Banca Nuova”, richiedi i Moduli per i Servizi di
Trasferibilità alla tua Filiale di riferimento.
Pag. 5 di 7
Pag. 6 di 7
Commissioni e spese
Eventuali commissioni per i servizi di trasferibilità devono essere
indicate nella documentazione di trasparenza relativa al conto corrente e
saranno appropriate ed in linea con i costi sostenuti.
La “Banca Originaria” non imporrà commissioni per la chiusura del
vecchio conto e per l’accesso alla documentazione informativa sulla
trasferibilità e dalle informazioni personali che si rendono necessarie per
eseguire la trasferibilità, se tali informazioni sono disponibili attraverso una
procedura automatica e non risalenti ad oltre 13 mesi prima.
In ogni caso nessun costo sarà posto a carico del consumatore dalle
banche in conseguenza di errori delle Banca nel processo di trasferibilità.
Tempi di esecuzione
Chiusura del conto: Verificato che non vi sia un saldo negativo e che
siano stati restituiti gli assegni non utilizzati e le carte di pagamento, la
“Banca Originaria” è tenuta alla chiusura del conto entro i termini indicati
nelle condizioni contrattuali.
Trasferimento servizi di pagamento: la “Banca Nuova” è tenuta
all’attivazione dei servizi di pagamento sul nuovo conto entro 10 giorni
dalla ricezione delle informazioni da parte della “Banca Originaria”. La
“Banca Originaria” è tenuta a fornire le informazioni richieste per via
telematica dalla “Banca Nuova”, su tuo mandato, entro 3 giorni dalla
ricezione; se invece la richiesta è cartacea, la “Banca Nuova” dovrà fornire
le informazioni tempestivamente, compatibilmente con la propria
operatività.
Reclami
In caso di reclami in merito al rispetto, da parte della nostra Banca, dei
principi espressi nella presente Guida puoi scrivere all’Ufficio Reclami, con
lettera indirizzata per posta ordinaria a “Cassa di Risparmio di Ravenna
S.p.A. – Ufficio Reclami, Piazza Garibaldi 6, 48121 Ravenna”, inviata per
posta elettronica alla casella [email protected] o consegnata alla Tua
filiale. Se non sarai soddisfatto o non dovessero risponderti entro 30
giorni, puoi anche rivolgerti:
- all’Arbitro Bancario Finanziario (www.arbitroBancariofinanziario.it);
- al Conciliatore Bancario Finanziario (www.conciliatoreBancario.it),
anche in assenza di preventivo reclamo.
Pag. 7 di 7
Fly UP