...

Proverbi Mesagnesi - design by Direktor.it

by user

on
Category: Documents
525

views

Report

Comments

Transcript

Proverbi Mesagnesi - design by Direktor.it
Ecco a voi qualche proverbio o modo di dire caratteristici della
nostra terra!
Per cominciare un…BRINDISI!
Stu brindisi lu facimu cu lu novellu! Mbivimu alla bona salute di
tutti li LETTORI ti stu situ bellu (Questo brindisi lo facciamo
con il vino novello!Beviamo alla buona salute di tutti i lettori di
questo sito bello);
Po’ tici ca l’arcipreviti è pacciu!(Poi dici che l’arciprete è pazzo:lo
dice chi ha ragione);
Vagnu’, ma vi stà protunu li mani?(Ragazzi ma vi stanno
prudendo le mani?: si dice a chi non sta mai fermo con le mani);
Quiddi portunu pulici pi la capu (quelli portano grilli per la
testa);
E ccè mangiatu culi ti iaddina?(Sembra che ha mangiato culo di
gallina:Si dice quando qualcuno parla in modo logorroico)
Quando zappi e quando puti, no si vetunu niputi (qundo zappi e
quando poti non si vedono nipoti);
C’è caccia lu cipponi? L’ua! …Ognunu a casa sua (Cosa nasce nei
vigneti?L’uva!...Ognuno a casa sua!)
L’ua malvasia si cogghi cu l’allegria(l’uva malvasia si raccoglie
con allegria)
Lu scarparu vai sempri squazatu (il calzolaio va sempre scalzo);
Lu pinzieri campa la casa (la preoccupazione fa andare avantila
casa);
Lu mbovi chiama curnutu lu ciucciu (il bue chiama cornuto l’asino);
La cucuzza si coci ‘ntra l’acqua sua stessa (la zucchina si cuoce
nell’ acqua sua stessa);
Fatti pecura ca lupu ti mangia (se ti fai pecora ci sarà sempre il
lupo che ti mangia);
La morti ti lu purpu è la cipodda (la morte del polipo è la
cipolla);
A ddò nni mangiunu cincu nni mangiunu setti (dove c’è posto per
cinque stringendosi ce ne può essere anche per sette);
E nnà fritti purpi! (ne hai fritti di polpi: si può dire di uno che ha
parecchie esperienze…);
Ci ti puerti buenu, quandu ti nsuri ti fazzu passari ti nanti casa
mia;
S’è futtutu Filippu e lu panaru (si è fregato tutto:si dice di
persona alquanto ingorda);
Nà! Quandu parli ti lu tiaulu spuntunu li corni (quando parli del
diavolo spuntano le corna),
Picca, malitietti e subbutu!(pochi maledetti e subitio…i soldi);
E ccè ti criti ca so pettuli? (non credere siano pettole! Per dire
qunto sia difficile fare una cosa);
Ddani no nni cati spica (lì non cade la spiga: la situazione non è
vantaggiosa);
Ntra la votti piccinna stai lu vinu buenu (nella botte piccola c’è il
vino buono);
Pinnuli ti cucina e sciruppu ti cantina (pillole in cucina e sciroppo
in cantina);
Ci uè viti nu mbriacu veru, sobbra allu toci nci menti lu mieru(se
vuoi vedere un ubriaco vero, anche col dolce accompagna il vino);
Megghiu na facci tosta che na masseria (è meglio avere faccia
tosta che avere parecchi soldi);
Fatti vecchia e no muriri ca no spicci t’imparari: (c’è sempre tempo
per imparare);.
Fani comu ti fannu ca no’ ci voli maestria (fai come ti fanno che
non ci vuole maestria);
Fani beni alli puerci ca nci pierdi puru li gnandi (fare del bene a
chi non lo merita e apprezza, è fatica sprecata);
Lavari la capu alli puerci (lavare la testa ai porci è una cosa
alquanto inutile);
Fatti vecchia e no muriri ca no spicci ti’mparari (non si è grandi
abbastanza per smettere di imparare);
Lu uecchi ti lu patrunu ‘ngrossa lu cavaddu (se qualcosa ti
appartiene ne hai più cura);
Lu uecchi veti e mangia (anche l’occhio vuole la sua parte);
Lu puercu voli sempre la gnanda (se uno si fissa su qualcosa, ne
parla sempre);
Ci pecora ti faci, lupu ti mangia (se ti mostri debole, gli altri se
ne approfittano);
Ci a ogni petra ttuppi e cati, vai sempri cu li musi scasciati (forse
è meglio non attaccarsi sempre alle cose);
Ungi l’assu ca la rota camina (se di una cosa ti prendi cura è
meglio);
Fani bbeni e scorditi, fani mali e rricorditi (non pensare alle buone
azioni che fai, ma a quelle cattive);
A ci camina llecca, a ci si ferma secca (è uno sprono a muoversi,
perché stando fermi non si realizza mai niente!);
Ci si ffessa sctatti a casa tua (se non produci niente, anche
intellettualmente, stattene per i fatti tuoi);
Vai acchiandu lu pilu ‘ntrà l’ovu (si dice di persona decisamente
pignola);
A ci cosi e scosi no perdi tiempu (chi è scrupoloso non
necessariamente perda tempo);
A ci teni e ddai, in paradisu si ni vai (chi è generoso andrà in
paradiso);
Parlari è arti lieggia (dire è facile, fare è difficile);
Carta canta, villanu tormi (scripta manent, verba volant);
Sobbra la tigna la capu malata (ad un guaio se ne aggiunge un
altro);
Quando nnu uai s’infila ‘ntrà nna casa, no ssi n’essi mai (a volte il
destino s’accanisce sempre con le stesse persone);
Puru li pulici portunu la tossi: a volte parla chi dovrebbe stare
zitto;
Fly UP