...

il male di vivere

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

il male di vivere
IL MALE DI VIVERE: TESTIMONIANZE
LETTERARIE, STORICHE, ECONOMICHE E
SOCIALI.
Istituto Professionale di Stato “L. Einaudi”
Lamezia Terme
Davoli Maria Grazia
Il «mal di vivere» ha da sempre accompagnato l’uomo fin dalla sua origine. L'uomo,
infatti, cerca di dare un senso alla sua esistenza e quando non ci riesce soffre. Già
nell'Antichità i medici descrivevano pazienti colpiti da sindromi depressive e
proponevano rimedi a base di sostanze estratte dalle piante per guarirli. I filosofi
s'interrogavano sull'ambivalenza di tali "affezioni dell'anima", caratterizzate da
stanchezza, malinconia, noia, inquietudine, spleen, nichilismo, nausea, angoscia e
depressione. Il mal di vivere ha preso forme diverse nel corso dei secoli, tutte sempre
legate al malessere della condizione umana e ha ispirato i più grandi autori della
cultura occidentale.
1
Eugenio Montale “ IL POETA DEL MALE DI VIVERE”
“Avendo sentito sin dalla nascita una totale disarmonia con la realtà che mi circondava,
la materia della mia ispirazione non poteva essere che quella disarmonia”: così
sosteneva Montale in un'intervista del 1951, mettendo a fuoco il tema centrale della
sua poesia, ossia il conflitto con la realtà da cui si sente “come assediato”. La
partecipazione viva e sofferta ai momenti più tragici della nostra storia, le guerre
mondiali, il Fascismo e le forti tensioni politiche degli anni Settanta sono all’origine del
chiuso senso di angoscia e del desolante pessimismo di Montale sulla condizione umana,
di quel “male di vivere” che tuttavia va al di là dei concreti e specifici eventi storici e
assume valore universale. Il male montaliano non è personale, autobiografico, ma
cosmico. L’uomo intravede qualcosa che sembra annunciargli un’ idea di fuga o di
salvezza, uno spiraglio finalmente aperto. E allora s'illude di aver accesso a una vita
meno opprimente, e di conoscere la verità, il senso di un’esistenza che gli risulta
noiosa e assurda.
La poesia di Montale si distingue per la fortissima tensione intellettuale, alla ricerca
di una spiegazione che chiarisca il legame esistente tra le cose e la collocazione stessa
dell’uomo. Montale si sofferma sulle cose perché esistono, ma non riesce ad andare
oltre, a cogliere, come vorrebbe, una realtà dietro le apparenze. Talora sembrerebbe
emergere una possibilità legata alla concretezza degli oggetti, ma subito essa svanisce
nella negazione. Non c’è dunque, per Montale, una spiegazione possibile per l’esistente:
tutto è “un delirio d’immobilità”. Al poeta non si prospetta alcuna possibile scelta, se
non la consapevolezza della propria dignità umana e lo sforzo di sopravvivere
nell’immobile caos dell’universo. Come già per Leopardi, anche per Montale gli uomini
sono oppressi dall’indifferenza della natura, che solo a tratti si “commuove” e sembra
rivelarsi e concedere momenti di felicità. Quest' atteggiamento si affaccia già, nella
prima raccolta Ossi di seppia (1925), il cui titolo è emblematico dell’aridità della vita
umana e di una poesia-relitto, unico e scabro dono lasciato agli uomini.
2
I simboli montaliani e il “Correlativo oggettivo”
Alla radice del pensiero negativo di Montale sta la speculazione filosofica
novecentesca, che elabora una visione del mondo caratterizzata dal nichilismo e
dall’isolamento dell’uomo nella storia. Tuttavia, nelle sue opere il riferimento esplicito
alla storia, ai fatti e alle persone concrete non è mai presente e il poeta trasfigura il
proprio sentimento in una serie di immagini e di simboli che lo esprimono in forme
mediate e allusive.
I simboli della poesia di Montale sono spesso tratti dal repertorio del secondo
Ottocento, oltre che da Pascoli e D’annunzio. Essi evocano stati d’animo e momenti
dell’esistenza individuale in cui pare specchiarsi la vita di tutti gli uomini: per esempio,
il mare rappresenta la vita autentica; l’agave ancorata allo scoglio, simboleggia la
tensione sempre frustrata, verso la vita che pare negarsi agli uomini; il girasole, che
sembra protendersi verso la luce, è un altro simbolo del desiderio di pienezza vitale
che anima la vita umana e che è destinato a rimanere frustrato. Si è parlato, a
proposito dei simboli montaliani, di “correlativo oggettivo”, con un riferimento alla
teoria del poeta anglo-americano T.S . Eliot. Eliot sostiene che la poesia si basa su
immagini che acquistano un significato simbolico perché il poeta riesce a renderle
evocative di un certo sentimento o di un certo stato d’animo; tali immagini non hanno
semplicemente un valore soggettivo, individuale: il poeta,infatti, riesce a conferire
loro un significato universale e a comunicare idee e sentimenti al lettore. La tecnica
del correlativo oggettivo che Eliot applica, si distingue da quella che Montale utilizza
negli Ossi di seppia e nelle raccolte successive: nelle immagini monta liane non si
avverte l’accentuato intellettualismo proprio del poeta inglese ed è più evidente il
richiamo ai poeti di fine Ottocento, alla poesia di Dante e degli stilnovisti.
Nella raccolta, Le occasioni (1939), l’accento si sposta sul momento dell’attesa degli
“stati di grazia”; le occasioni che si manifestano come frammenti di ricordi, spesso
legati a una figura femminile e stimolati dalla presenza di un oggetto. Con La bufera e
altro (1956) la visione negativa del mondo e il male di vivere passano dalla dimensione
esistenziale
e metafisica a quella storica, legata agli orrori della guerra. In
opposizione all’estetica del poeta-vate di D’Annunzio, Montale sceglie un linguaggio
scabro, petroso, incisivo, che si colloca nella tradizione di Dante e Foscolo; il registro
è quello quotidiano, ma di una quotidianità alta e asciutta, lontana dal sottotono dei
crepuscolari. A partire dagli anni Sessanta, Montale cambia direzione. Satura rivela la
ricerca di uno stile prosastico, discorsivo e aderente al parlato: vi prevale un tono
3
piano, affabile, ironico e disincantato, che ha suggerito l’accostamento ai modi di
Gozzano e alla sua visione del mondo distaccata e amaramente divertita.
L’attività di Montale si può suddividere in tre fasi:

Nella fase ligure (Ossi di seppia), il suo punto di riferimento è D’Annunzio.

Nella fase fiorentina (Le occasioni, La bufera e altro), il suo punto di
riferimento è la poesia ermetica.

Nella fase finale (Satura e oltre) il suo punto di riferimento è la poesia
crepuscolare.
4
“Ossi di seppia”
E’ il libro d’esordio di Montale, pubblicato nel 1925 nelle edizioni di
Piero Gobetti. Nel 1928 usciva la seconda edizione. Il titolo della
raccolta s'ispira alla tradizione ottocentesca, che aveva visto
nascere la poesia della desolazione e della negatività del mondo. Il
poeta decise di intitolarlo “Ossi di seppia” per il modo scabro,
petroso, incisivo di scrivere.
Rari sono i momenti di grazia, attraverso i quali s'intravede la
possibilità di una vita diversa che si manifesta con un’immagine
naturale o anche di un ricordo, spesso legato al tempo incorrotto
dell’infanzia. I temi elaborati da Montale si basano su numerosi riferimenti letterari e
filosofici.
Un primo ambito di riferimento è di tipo locale, ligure, legato a figure
femminili.
Un secondo ambito di riferimento è costituito dalle opere di Pascoli e D’annunzio.
Montale non attribuisce alla poesia il compito di esaltare la pienezza vitale e l’eros, ma
quello di dichiarare una condizione di disarmonia e di disagio. L’opera di Montale è in
sintonia con quella dei maggiori scrittori del primo Novecento.
“Spesso il male di vivere ho incontrato”
Questa poesia è compresa nella sezione “Ossi di seppia” e tratta un tema importante
nella lirica montaliana, il “male di vivere”, l’angoscia dell’esistere o la sua mancanza di
significato.
Da questo profondo malessere Montale da alcuni esempi concreti, in cui si riscontra un
crudele incepparsi delle cose: il “rivo” che non può più scorrere, la “foglia” che si
accartoccia, il “cavallo stramazzato”. Una divina Indifferenza presiede a tutto questo,
o lascia che tutto accada, senza soccorrere, senza provvedere.
Spesso il male di vivere ho incontrato:
era il rivo strozzato che gorgoglia,
era l’incartocciarsi della foglia
riarsa, era il cavallo stramazzato.
5
Bene non seppi, fuori del prodigio
che schiude la divina Indifferenza:
era la statua nella sonnolenza
del meriggio, e la nuvola, e il falco alto levato.
Nota metrica: due quartine di endecasillabi, con l’eccezione dell’ultimo verso, che è
un doppio settenario, rimati ABBA CDDA.
La prima strofa del testo è dedicata al tema del male di vivere, che il poeta esprime
nel primo verso e di cui poi fornisce tre esempi concreti: il primo riguardante la natura
inanimata (il rivo), il secondo il mondo vegetale (la foglia), il terzo il mondo animale (il
cavallo). Le tre immagini rappresentano tre correlativi oggettivi.
La seconda strofa ha una struttura simile alla prima; il poeta dapprima presenta il
tema (il prodigio, l’illuminazione improvvisa che rompe l’indifferenza della natura e
costituisce l’unico bene della vita) e poi fornisce tre esempi concreti: la statua, la
nuvola e il falco.
6
Virginia Woolf: “STREAM OF CONSCIOUSNESS”
Virginia Woolf is one of the most important artists of
the nineteenth century. She was born in London in 1882.
Her father was a literary critic, Leslie Stephen, and
her mother came from an aristocratic background.
When Virginia was thirteen her mother died and she
suffered a nervous breakdown, which was to mark the
beginning of the mental instability.
In 1904, after the death of her father, she moved to Bloomsbury in central London
where, along with her brother Toby and her sister Vanessa, she founded a circle of
intellectuals known as the “Bloomsbury Group”. Its members included the writer
Forster, the art critics Bell and Fry and Leonard Woolf, whom she married in 1912.
In 1915 she published her first novel, “The Voyage Out” and in a moment of mental
anguish, she attempted suicide. In 1917 she and her husband founded the “Hogarth
Press” which was to publish most of Virginia Woolf’s books.
Her most important works were: Night and Day, Mrs. Dalloway, To the Lighthouse,
Orlando and The Waves. In 1941, Virginia Woolf drowned herself in the river Ouse.
Writers like James Joyce and Virginia Woolf were brilliant exponents of techniques
that tried to represent James’s idea of “stream of consciousness”, the process of
interior thought and memory. The most important technique they used is called
“interior monologue”. We can distinguish between two different of interior
monologue, direct and indirect.
 Direct interior monologue refers to the direct presentation of a
character’s stream of consciousness without the guiding presence of an author
or narrator.
 Indirect interior monologue refers to the indirect presentation of a
character’s thoughts filtered through the voice of an anonymous third person
narrator.
7
“TO THE LIGHTHOUSE”
This novel, published in 1927, is considered her masterpiece.
The setting is in Scotland, the Isle of Skye, but draws
inspiration from the landscape of Cornwall, where the family
had
a
home
in
Talland
House.
The
novel
is
strongly
autobiographical.
It is divided into three sections: the first, "Window", which is
also the longest, is the story of a summer’s day of the Ramsays, who are on holiday
with their eight children and some guests. The day is dominated by the desire of
James, the youngest child, to visit the lighthouse. But the trip is postponed, due to
bad weather conditions.
The second section, “Time passes”, record with brevity, the deaths of Mrs. Ramsay,
her son Andrews (a victim of the First World War) and her daughter Prue. Mr.
Ramsay without his wife is adrift with no one to comfort him and has profound doubts
about his value as a man.
In the final section, "The Lighthouse", Mr. Ramsay designed the trip to the
lighthouse with his son James and his daughter Camilla. The book ends with the image
of Lily that draws the last vertical line on a canvas.
One of most interesting aspects of this novel is the treatment of time. The first part
is the longest in the book but describes only one day. This is because the characters’
interior time, their stream of consciousness, is used brilliantly by Woolf's novel to
represent the distance between chronological time and interior time.
Woolf does not use the traditional controlling narrator who tells us what characters
are thinking and feeling, but instead takes the point of view of the characters
themselves. She explains that the task of the writer is the need to represent mental
processes as they take place and, in the “moment being”. Three main images dominate
the symbolism "To the lighthouse": the lighthouse, the journey and the sea. Woolf's
style is very poetic, and just like the sea, gives an idea of fluidity.
8
Charles Baudelaire: « POÈTE MAUDIT »
Charles Baudelaire est l'un des poètes les plus représentatifs du XIXe siècle. Aveclui est naît la poésie moderne. Il est né à Paris le 9 avril 1821 et mort le 31 août 1867
à Paris.
À travers la poésie Baudelaire cherche:
1. une résolution de ses conflits intérieurs;
2. un moyen de connaissance du monde.
L’ œuvre de Baudelaire est étroitement liée à l'histoire de sa vie, qui commence avec
la mort de son père, quand le poète avait six ans. Sa mère se remarie avec le
commandant Aupick que Charles déteste. Rebelle à toute autorité, il sera placé au
Lycée de Lyon, puis au Lycée Louis- Le- Grand. Ses fréquentations équivoques
inquiètent sa famille et on l’embarque pour un voyage en Orient.
A son retour, Baudelaire, majeur et en possession d'une belle fortune héritée de son
père, dilapide son argent en menant la vie d'un dandy élégant et raffiné. Il fréquente
Jeanne Duval, qui le rend syphilitique, a recours à la drogue et à l’alcool. En 1857, il
publie « Les Fleurs du Mal ». Le recueil fait scandale: le tribunal condamne six parties
du recueil pour immoralité, et pour cela il doit payer une amende.
Frappée par la misère et la maladie, Baudelaire meurt en 1867.
Il a écrit:

des essais, dont: « Les Paradis artificiels »;

des critiques d’art, dont: « Art Romantique » ;

des recueils de poèmes, dont: « Les Fleurs du Mal ».
9
Le « poète maudit » désigne en général un poète qui, incompris dès sa jeunesse,
rejette les valeurs de la société, se conduit de manière provocante, dangereuse,
asociale ou autodestructrice, rédige des textes d'une lecture difficile et, en général,
meurt avant que son génie ne soit reconnu à sa juste valeur. On peut définir, donc,
Baudelaire comme un poète maudit.
Baudelaire définit ainsi ses contradictions: « Il y a dans tout homme et à toute heure
des désirs simultanées, l'un vers Dieu, et l'autre vers Satan », c'est à dire le désir
vers l'infini et vers le corps: le corps tend au fini et à la mort et l’âme à l’infini ou à
Dieu.
L’impossibilité d’attendre l’infini provoque chez le poète un profond dégout de vivre,
une souffrance qu’ il désigne sous le nom de « Spleen ». C'est une angoisse
existentielle, l'incapacité à accepter sa condition, la difficulté de vivre.
10
« LES FLEURS DU MAL »
Publié en 1857,
le recueil est considéré comme son chef-
d'œuvre. Il s'agit d'un recueil de 127 poèmes. Baudelaire
considère « Les Fleurs du Mal », comme le livre de sa vie.
Il écrit: « Dans ce livre atroce, j'ai mis toute ma pensée, tout
mon cœur, toute ma religion, toute ma haine ».
Le titre de « ce livre » surprend pour les deux termes
contradictoires: la fleur, symbole de pureté et de beauté et le
mal qui évoque l’idée de péché. Le poète voulu « extraire la
beauté du mal ».
L'architecture de « Les Fleurs du Mal » reflète

différentes étapes de sa vie jusqu'à la mort.
Le recueil est divisé en six parties:
1. SPLEEN ET IDÉAL. Dans cette partie le poète illustre la dualité de la
condition humaine. Spleen ou dégoût de lui-même et Idéal ou l'aspiration à
l'infini.
2. TABLEAUX PARISIEN le poète observe comment vivent les autres hommes à
Paris: métropole « atroce et sublime », il voit que les autres vivent sa même
angoisse.
3. LE VIN. Il cherche alors une fuite de la réalité pour oublier la tristesse et
l'angoisse de son existence, à travers les « paradis artificiels ».
4. LES FLEURS DU MAL. Le poète cherche à extraire la beauté du mal, à
connaître sa véritable nature et à trouver les réponses à ses désirs profonds,
sans jamais y parvenir.
5. LA RÉVOLTE. Mais le poète ne réussit pas à comprendre le mystère de la
création et à trouver des répons a son exigence de félicité. Il se révolte contre
Dieu et invoque Satan.
6. LA MORT: est le dernier refuge, le néant, la fin de la tragédie de l'homme.
À la fin du recueil, le conflit entre Spleen et Idéal, ne trouve pas de solution.
Il ne reste que désir et, peut-être, l’attente.
11
IL MALE DI VIVERE NELLA STORIA: Il Nazismo
Alla fine degli anni ’20 i traumi prodotti dalla Prima guerra mondiale sembravano
essere superati: l’indebitamento pubblico e l’inflazione andavano riassorbendosi, la
distensione franco-tedesca apriva una prospettiva di pace e di relazioni stabili, e il
sistema produttivo statunitense continuava ad espandersi in modo sostenuto.
La Germania, grazie alla sua capacità produttiva e alle garanzie fornite dai governi
conservatori che si erano succeduti, attira ingenti capitali americani. Il Trattato di
Locarno
del
1925 dà
un
impulso
alla ripresa.
Tuttavia, la forte dipendenza dell'economia tedesca dagli investitori e dalle banche
americane, che furono travolte dalla crisi economica statunitense del 1929, si avvertì
anche sull'economia tedesca travolgendo le banche e facendo fallire le imprese più
deboli.
La crisi economica che dovette affrontare la Germania a causa delle pesanti
riparazioni di guerra dovute ai paesi vincitori e le nuove difficoltà che subentrarono
con il crollo delle borse americane del '29 favorirono l'ascesa del Partito
Nazionalsocialista di Hitler che raccoglieva il malessere e l'insoddisfazione di coloro
che si sentivano umiliati dai
trattati
di
pace.
Nel 1923 Hitler tentò un colpo di Stato, il cosiddetto Putsch di Monaco. I nazisti
marciarono verso il Ministero della Guerra bavarese, intendendo rovesciare il governo
separatista di destra della Baviera e da lì marciare su Berlino. Hitler fece
affidamento principalmente sull'aiuto degli ex combattenti delusi dalla Repubblica di
Weimar (democrazia liberale, che durò dal 1919 al 1933) riuniti nelle organizzazioni
paramilitari dei "Corpi Franchi", ma il colpo di mano fallì ed egli fu condannato per alto
tradimento.
Durante la Repubblica di Weimar si radicalizzarono le opposizioni sia a destra che a
sinistra: i nazionalisti volevano un potere conservatore mentre i comunisti sostenevano
la rivoluzione socialista; entrambe le forze si stavano coalizzando in funzione antirepubblicana.
Il primo ministro Bruning fu la causa del disfacimento della repubblica poiché emanò
12
una serie di decreti legge per aggirare la prassi parlamentare e rafforzare così il
potere esecutivo. Proprio in seguito alla bocciatura di un decreto presidenziale
rassegnò le dimissioni e vennero indette delle nuove elezioni che decretarono il forte
successo del partito di Hitler, in cui molti, ormai, vedevano l’unica forza in grado di
risollevare le sorti economiche e sociali della
Germania.
Il 30 gennaio 1933 ad Hitler venne affidato il comando della cancelleria, questo
determina la fine della Repubblica di Weimar.
Soppressi i giornali si creò una polizia ausiliaria. L’ incendio che il 27 febbraio 1933
distrusse il Reichstag fu il pretesto che servì ad Hitler per eliminare gli articoli della
Costituzione garanti della libertà civile e personale; nel giro di poco tempo il Führer,
abolì tutti i partiti di Weimar. Dal 14 luglio dello stesso anno venne dichiarato lo Stato
totalitario e tutti coloro che volevano proseguire un’attività politica differente dal
Nazismo furono costretti ad emigrare. Furono proprio questi ultimi a creare i primi
centri di opposizione al Nazismo.
Tra gli oppositori di Hitler ci furono anche i cattolici. Nel '33 il Führer firmò un
accordo con Pio XII ma non lo rispettò mai e proseguì nel suo tentativo di eliminare
ogni elemento estraneo allo Stato-Partito e quindi anche i partiti cattolici stessi. Il 29
giugno del '34, durante quella che viene chiamata La notte dei lunghi coltelli, Hitler
eliminò tutti i suoi oppositori, primo fra tutti Rhom, il capo delle SA (squadre
d’assalto). In quella occasione si ritiene che tra le 77 e le 400 persone furono
assassinate.
Nei primi anni del potere di Hitler la politica contro gli ebrei fu moderata, ma a
partire dal '35, con la legge di Norimberga, essi vennero privati anche della
cittadinanza tedesca e vennero dichiarati estranei alla Comunità Nazionale. La
soluzione finale al problema ebraico venne messa in atto solo durante la seconda
guerra mondiale, quando gli ebrei riempirono i campi di concentramento.
Dal ‘33 l’economia, subordinata del tutto alla politica, si basò essenzialmente sul
riarmo totale in vista della guerra. Lo scopo primario della politica agraria fu quello di
conseguire l’autosufficienza alimentare. La vita economica venne progressivamente
militarizzata con lo scopo di raggiungere l'autarchia e preparare il paese alla guerra
ormai imminente.
La politica estera del Führer perseguì quanto era scritto
nel Mein Kampf.
Il MEIN KAMPF (la Mia Lotta) fu scritto da Hitler
durante i suoi nove mesi di carcere, quando fu
condannato per aver tentato un’insurrezione armata a
13
Monaco. Nel libro viene teorizzata l’ideologia nazista propria del suo “Partito
Nazionalsocialista Tedesco dei Lavoratori”.
Il “Mein Kampf” fu diviso da Hitler in venticinque punti; tra di essi, ve ne sono
quattro fondamentali:
1) La dottrina della razza: dove il Führer delinea le differenze biologiche e
aristocratiche della specie ariana ribadendo l’importanza nel preservarla.
2) Il complotto mondiale ebraico: paragonando gli inglesi agli ebrei, Hitler li
definisce fautori di una politica volta a distruggere l’economia e la politica della
Germania, per questo, spiega, che è necessario eliminare dal suolo tedesco di tutti
gli ebrei.
3) Il principio del Führer: “il Führer è il capo assoluto di tutto il movimento e tutti i
comitati sono sottoposti al suo comando. Egli è colui che decide e le sulle sue spalle
gravano tutte le responsabilità. Chi è vigliacco non è adatto a fare il fuhrer: solo
l’eroe ne ha la vocazione”.
4) Lo spazio vitale: Hitler rivendicava per il suo popolo il ripristino dei confini del
1914, dopo il ”torto” subito a Versailles nel 1919, aggiungendo però che quest’ultimi
sarebbero stati insufficienti lo stesso per tutte le persone di lingua tedesca.
Gli aspetti positivi restano pressoché sul vago.
Nel “Mein Kampf”, Hitler afferma che lo Stato nazionale può solo conservare la razza
e lo Stato, a tutti i costi, deve attivarsi per mantenerla pura. Qui si innestano dunque
i principi dell’eugenetica, solo chi è sano deve generare figli, e dell’antisemitismo, per
cui gli ebrei, visti come parassiti nocivi che infestano la razza ariana, vanno eliminati
per “difendere” la specie. In sintesi l’idea fulcro del nazionalsocialismo è quella della
superiorità della razza germanica su tutte le altre.
14
L’OLOCAUSTO
Il significato letterale della parola “Olocausto” è “holos = totale kaustos = bruciato"
ma, è "Shoah", il termine più corretto per indicare la "soluzione finale": lo sterminio
degli ebrei.
La parola olocausto iniziò a essere usata dopo che Hitler divenne cancelliere della
Germania, intorno al 1933. Questo nuovo periodo, comunque, non era rivolto solo allo
sterminio degli ebrei, ma anche agli oppositori politici, gli zingari, gli omosessuali, i
monarchici, i comunisti e tutti coloro che erano indegni di vivere una vita “normale”,
come i ritardati mentali, i quali venivano sterminati direttamente nei centri di cura.
Ma ci fu un accanimento soprattutto contro gli ebrei, perché costituivano una minaccia
contro la purezza della razza ariana. Essi venivano considerati come razza inferiore, e
quindi da
sterminare.
Il simbolo dei nazisti diventò la Svastica, collegato ad una nozione di presunta
superiorità razziale. Secondo Hitler comunque non bastava solo sterminare la razza
ebrea, ma bisognava eliminare tutto ciò che si poteva ricondurre a loro, come le loro
città e
la
loro
cultura.
“Arbeit macht frei” era la scritta sopra il cancello del più famoso e importante campo
di concentramento, tradotto significa “il lavoro rende liberi”. Il campo venne istituito
nel 1940 sotto il comando di Rudolf Hoss. Piano piano con l’aiuto dei primi deportati
furono costruiti cucine, caserme, magazzini, strade e tratti ferroviari ma, ben presto,
il campo non fu più abbastanza grande per contenere tutti i deportati, così vennero
costruiti
altri
campi
vicini:
Auschwitz
ll
e
Auschwitz
lll.
Gli individui che erano forti erano costretti a lavorare duramente, ma chi era malato o
non abbastanza forte era destinato subito alla morte; questo succedeva agli anziani ai
malati
e
ai
bambini.
Si poteva morire in vari modi: nelle camere a gas, per sperimentare nuovi medicinali
(blocco
10),
per
fatica,
per
fame
o
per
iniezioni
di
Fenolo.
Nel blocco 10 regnava uno degli uomini più malvagi dell’intero campo, il Dott. Mengele.
Nel blocco 20 invece ai prigionieri veniva somministrato il fenolo, iniettandolo
direttamente nel cuore con una siringa, cosicché la persona moriva dopo pochi minuti.
Nelle camere a gas, inizialmente usati per lo sterminio dei musulmani, molte persone
testimoniarono che il dott. Mengele attendeva i nuovi arrivi per selezionarli, e usava le
mani
per
indicare
la
sorte
di
essi,
destra
vita,
sinistra
morte.
Questo veniva deciso agli appelli, durante i quali i prigionieri dovevano stare in piedi
per ore e nudi prima di essere selezionate. I più deboli erano destinati alle camere a
gas.
15
I “condannati” portati all’interno di quelle che sembravano innocue docce venivano
gasati e privati dei gioielli, protesi, degli oggetti preziosi e nel caso delle donne dei
capelli.
Dopo i corpi venivano caricati su montacarichi e portati al piano terra, dove c’erano i
forni crematoi. Dire quante persone morirono nei campi, ma soprattutto a Auschwitz è
difficile, poiché le persone non venivano registrate, ma svanirono semplicemente
dentro quella che gli stessi nazisti definivano "notte e nebbia" ("Nacht und Nebel").
Secondariamente, i nazisti distrussero molti dei registri prima di abbandonare
Auschwitz:
Evadere da Auschwitz era molto difficile e se qualcuno ci riusciva i nazisti
effettuavano
delle
decimazioni
feroci
su
chi
rimaneva
nel
campo.
Il 16 Gennaio 1945, quando le armate russe puntavano decisamente in direzione di
Cracovia, il campo fu sgombrato. Quando i sovietici liberarono il campo si scoprì che le
SS avevano cercato di far sparire le tracce dei loro crimini distruggendo i documenti
del campo e facendo saltare i forni crematori e le camere a gas. Tutti coloro che
potevano camminare furono avviati, a marce forzate, verso altri campi. Fu un'altra
ecatombe. Migliaia di uomini e di donne furono abbattuti a colpi di mitra, quando non
riuscivano più a muoversi.
16
IL MALE DI VIVERE NELLA SOCIETA’: LE CONSEGUENZE
DRAMMATICHE DELLA CRISI ECONOMICA.
Negli ultimi tempi l’attenzione dei media si è concentrata sui numerosi casi di suicidio
imputabili alle difficili condizioni economiche che si protraggono ormai da quattro
anni: la mancanza di lavoro o l’incapacità di saldare i debiti della propria azienda, porta
i lavoratori (siano essi dipendenti o autonomi) e gli imprenditori alla disperazione e
spesso
al
suicidio.
È facile scivolare nella depressione quando si perde il filo della propria vita. Uomini e
donne che nel giro di pochi mesi diventano “poveri”. Padri di famiglia che non sanno
come dare un futuro ai propri figli. Quando l’economia va male, tutto si complica. I
disagi aumentano e c’è chi si ammala. Ci si può chiedere quali possano essere i pensieri
e le inquietudini di chi, oppresso dai debiti o disperato per il lavoro perduto, decida di
compiere il gesto estremo, nella convinzione che farla finita è meglio di continuare a
vivere
in
condizioni
indegne.
Personalmente penso che la disperazione non derivi solo da un problema economico ( i
debiti da pagare, la famiglia da mantenere), o psico-sociale ( il disagio di essere
disoccupato, la vergogna di essere considerato un fallito), quanto dalla solitudine che
caratterizza questi momenti, quando ci si rende conto di non avere sostegni, ed essere
zoppi di fronte ai drammi della vita. Questo momento storico, e in particolare questa
crisi, mostra chiaramente quanto siamo tutti soli e quindi più fragili, incapaci di
condividere,
soprattutto
in
famiglia,
i
momenti
di
difficoltà
e
di
vuoto.
L’uomo nasce dipendente dagli altri non solo a livello biologico, ma anche psicologico e
sociale e solo le relazioni, in particolare, quelle di amicizia e di amore permettono la
realizzazione della persona. Come diceva John Donne in una sua famosa poesia,
17
“Nessun
uomo è
un’
isola”.
Stiamo vivendo in un periodo di grave crisi economica. Le cause sono molteplici, ma
possono essere sintetizzate in tre principali:
1. I debiti dello stato: il debito è costituito dai vari tipi di “titoli di Stato”
emessi dallo Stato a garanzia di prestiti da cittadini, banche, altri Paesi. Oggi
l’Italia è meno credibile (è stata degradata dalle agenzie che valutano la
capacità dei debitori di restituire i prestiti) e per farsi prestare soldi deve
offrire interessi sempre più alti. Il che accresce i debiti, e si comincia a temere
che non potremo pagarli. Ma per fortuna c’è ancora qualche via d’uscita.
2. L’economia che non cresce: poiché la gente non ha denaro disponibile da
spendere, quindi le aziende chiudono e aumenta la disoccupazione.
3. la scarsa credibilità dei governanti, che hanno affrontato la crisi tardi, in
modo incerto e poco coerente.
Alla base di tutto c’è il debito accumulato dallo Stato italiano che ha raggiunto i 1.900
miliardi di euro, cioè il 120% della ricchezza prodotta dal nostro Paese in un anno, il
cosiddetto Pil.
Così come sono tre le cause della crisi, sono tre anche i possibili rimedi:

la diminuzione del debito;

la crescita economica;

un governo credibile e capace di imporre a tutti, in modo equo, i sacrifici
necessari per ridurre il debito e riavviare l’economia.
Sono
due
le
strade.
Entrambe
dure
e
dolorose:
i
tagli
e
le
tasse.
Rinviati i tagli ai costi della politica (province, indennità parlamentari ecc.) la forbice
del governo si è abbattuta soprattutto sugli enti locali,la sanità, i ministeri.
Ma, secondo gli esperti, i tagli sono ancora troppo pochi.
Con le tre manovre fatte dal governo tra giugno e settembre si sono soprattutto
aumentate le tasse (la parola più esatta sarebbe “tributi”, che comprendono tasse e
imposte): ticket sanitari, aumenti dell’Iva, tassa sulla benzina, sui giochi, eliminazione
delle agevolazioni fiscali.
Tutti dicono che oggi il primo obiettivo è rilanciare la crescita economica del Paese.
Ma come si può fare? In primo luogo con la lotta all’ evasione fiscale, alla corruzione e
alla mafia che taglieggia sia lo Stato che i singoli cittadini, con il cosiddetto “pizzo”.
Una strada è anche il rilancio della ricerca e dell’istruzione, perché, sia pure in tempi
18
non immediati, la ricerca crea innovazione e l’innovazione crea ricchezza, come
dimostrano le tecnologie che hanno trainato la crescita economica mondiale negli
ultimi decenni: dal Web, ai
nano materiali,
ai
cellulari.
Il Pil italiano, cioè il valore complessivo dei beni e dei servizi prodotti nel nostro
Paese, è cresciuto dello 0,1% e dello 0,3 negli ultimi 2 trimestri. Potrebbe sembrare
anche se per poco, un dato positivo. In realtà non è così. “L’economia è una torta che
lievita e continua a crescere” e la popolazione, cioè noi, deve dividersi la torta. Il
nostro stipendio, i servizi di cui fruiamo, la spesa che facciamo ogni giorno... tutto ciò
che consumiamo contribuisce a definire la misura della nostra fetta.
Aumentando la popolazione, cresce la fetta che spetta a ciascuno e diventa sempre più
sottile. Importante quindi è conoscere la dimensione della singola fetta, cioè il
cosiddetto “Pil pro capite”: quanto spetta a ciascuno dei cittadini italiani.
In Italia la popolazione cresce così le fette di Pil disponibili per ogni italiano calano.
Gli stipendi non aumentano, lo Stato ha meno risorse per l’istruzione, la sanità, la
difesa del territorio
e
così
via.
Un altro modo per rilanciare lo sviluppo è il taglio di alcune tasse, soprattutto quelle
sul lavoro. Il perché è ovvio: tassare il lavoro significa ridurre ulteriormente i redditi
delle famiglie e deprimere la loro capacità di acquisto. Eliminando l’evasione fiscale si
ridurrebbe drasticamente il deficit annuale dello Stato e questo risolverebbe molti
problemi della crisi. Il primo dovere di un cittadino è quello di pagare le tasse,
ovviamente. Chi le paga onestamente, poi, può “costringere” anche gli altri a farlo
chiedendo regolarmente scontrino, ricevuta o fattura quando acquista un bene o un
servizio. La perdita del posto di lavoro infligge una ferita alla propria identità, mette
alla prova l’autostima e la fiducia nel supporto degli altri. Molto dipende dalla
possibilità di trovare altre vie per rimettersi in gioco e dal non sentirsi isolati, quando
si subisce tale esperienza
traumatica.
Le generazioni colpite dalla crisi sono, soprattutto i giovani, che si affacciano al
mondo del lavoro, che si sentono privati del futuro e dell’impossibilità a fare progetti.
Ma anche quella dei cinquantenni che rischiano di perdere il lavoro in modo definitivo e
quindi il proprio ruolo di referente per la generazione successiva. Penso che, in questo
contesto, la
solidarietà, il valore della propria umanità, il sentimento dell'amicizia
sono gli ingredienti essenziali per non far prevalere isolamento, solitudine e vissuti
persecutori. Risulta fondamentale il sentirsi parte di un gruppo che condivide gli
stessi problemi e che vive quotidianamente le stesse difficoltà, per evitare di vivere
emarginati.
19
GIOVANI TRA ALCOOL E DROGA
Il disagio e la voglia di evasione dei giovani trovano spesso sfogo nella droga e
nell’alcol, che portano danni tremendi ai ragazzi, spesso non consapevoli dei pericoli a
cui vanno incontro. La modernità, la tecnologia, l’avanguardia hanno creato e diffuso
mille e più comodità. Si gode di tutto, al giorno d’oggi e, specie ai giovani, non manca
niente, dall’utile al superfluo. Dal cibo ai vestiti, alla scolarizzazione; dai mass media ai
computer, ai cellulari. E quella che nei primi tempi è una moda da seguire e da
rincorrere a tutti i costi, passato il grande boom, diviene una noiosa abitudine.
E l’abitudine, si sa, genera “dolore” che sfocia in apatìa, in insoddisfazione, in senso di
incompletezza.
È un paradosso che, in un epoca in cui si ha tutto, la noia riesca a predominare e si
cerchino alternative futili e dannose. Eh, già è proprio questo che fanno giovani e
giovanissimi: tentano ogni strada per trovare vie d’uscita, vie di fuga. Vogliono evadere
da tutto un mondo che gli va troppo stretto, che li rinchiude, li imprigiona, li soffoca.
Queste sono parole che ricorrono spesso nei loro stessi modi di esprimersi e di
comunicare. D’altra parte è vero che l’adolescenza è una fase turbolenta, instabile,
discontinua, in cui si effettua una continua autocritica, ci si sente persi, si ha bisogno
di costruirsi un’identità che non è ancora ben definita, ma il modo per risolvere la
conflittualità interiore non lo si trova nell’assunzione di droghe o, peggio, nell’alcol. No,
non è questa la maniera. Eppure, i giovani sono convinti che bere, fumare o assumere
sostanza stupefacenti, li possa aiutare, soprattutto a “veder chiaro” in se stessi. Eh,
sì, sono proprio i ragazzi del Duemila, ansiosi di crescere e ritrovarsi adulti, sfidano
loro stessi
“imbottendosi” di sostanze che, in realtà, possono solo danneggiarli e
acuire il loro senso di disagio, la loro insoddisfazione, ed il loro “male di vivere”.
Su cento adolescenti, trenta fumano (e sono in maggior numero le donne); un altro
30% divide il proprio tempo libero tra bar e discoteche, un buon 20% rimane ad
annoiarsi davanti alla televisione e il 16% si ubriaca per “trovare un’altra dimensione”.
20
E, per andare “fuori di testa”, un altro buon 40% assume droghe non sempre leggere.
Magari partono proprio dagli alcolici per poi approdare alla marijuana, alla cocaina o
agli acidi. E, oltre alle percentuali, un altro dato che desta sconcerto è che a fare
maggior uso di queste sostanze, come per le sigarette, sono le ragazzine. Maggiore
instabilità d’animo, voglia di emulazione dei loro compagni maschi, dimostrazione di non
essere “inferiori”, maggiore conflittualità nei loro rapporti con mamma e papà,
inconsapevolezza della pericolosità di codeste sostanze o semplice curiosità di vedere
cosa si
prova?
Sembrano esserci tutti questi elementi in quello che spinge i giovani a stordirsi. Ma
principalmente, la spinta sarebbe data dalla voglia di comunicare con maggiore
scioltezza, di provare una sensazione di benessere, di agiatezza, di felicità. Felicità!
Altra caratteristica, altro elemento che sembra essere la vetta più ambita da
raggiungere per
gli
adolescenti.
Che importa dei rischi che si corrono? Secondo alcuni sondaggi, i giovani
ammetterebbero tranquillamente di fare uso di alcol e di droghe, essendo ben
consapevoli dei
loro
effetti.
Non solo, ma conoscerebbero abbastanza bene anche la loro composizione. E,
oltretutto, si reputerebbero “maturi” al punto da saper scegliere di drogarsi e di
sbronzarsi, specialmente se in compagnia.
21
DOMINIO
Si definisce “Dominio” o “campo d’esistenza” l’insieme dei valori che possono essere
attributi alla variabile indipendente X, in modo tale che possono essere eseguiti tutti i
calcoli presenti nell’espressione analitica della funzione.
Esempio:
R.F.
C.E. R - {
}
PURA ( 2 soluzioni opposte)
√
√

Se la funzione è intera
il campo d’esistenza è tutto R.

Se la funzione è intera con indice dispari
tutto R, mentre con indice pari √
il campo d’esistenza è
√
bisogna risolvere la disequazione
.

Se la funzione è fratta (come nell’esempio) il campo d’esistenza è tutto R
tranne i numeri che fanno diventare 0 il denominatore.
CONCETTO DI LIMITE
Asintoto verticale
FORMULA GENERALE:
(
)
Può dare:


(
(
)
)
e nel punto
la funzione ha una discontinuità di 3ª
specie.
Esempio:
R.F
C.E= R- {
}
22
√
√
√
(
)
(
(
)
)
Asintoto orizzontale
FORMULA GENERALE:
( )
Può dare:

(
)

( )
( )
1.
(
è
)
2.
3. 0=
(
)
Esempio:
=
23
BIBLIOGRAFIA
Eugenio Montale: Moduli e modelli letterari, Alberto Dendi e Stefano Re
Virginia Woolf: Literary Landscapes
Il Nazismo: http://www.studenti.it/video-lezioni/storia/il-nazismo.html
La crisi che ha portato al male di vivere:
http://www.repubblica.it/salute/medicina/2012/05/25/news/crisi_e_disoccupazion
e-35855918/
http://www.campariedemaistre.com/2012/05/normal.html
Giovani tra alcool e droga: http://scuola.repubblica.it/articolo/giovani-tra-alcole-droga/6846/?id_articolo=586
Dominio e limiti: Lineamenti di matematica, Marzia Re Fraschini e Gabriella Grazzi
24
Fly UP