...

Vi raccontiamo cosa sta succedendo al Comune di

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

Vi raccontiamo cosa sta succedendo al Comune di
Vi raccontiamo cosa sta succedendo al Comune di Pisa.....
Solo a seguito delle numerose richieste da parte della RSU, Lunedì 2 Maggio si è tenuto un
incontro con l’Amministrazione per discutere
 della nuova macrostruttura approvata dalla Giunta con delibera n.64/2016
 del piano delle esternalizzazioni annunciato sulla stampa locale dall'Assessore Eligi,

del piano occupazionale: in sintesi il futuro del Comune di Pisa, dei servizi e del personale.
L’Amministrazione ci ha così informati:
a)
nel 2018 andranno in pensione circa 5 dirigenti e che la linea dell’Amm.ne è quella di non
sostituirli. L’unica previsione di assunzione sarebbe quella di un Dirigente tecnico.
b) Considerato l’elevato numero di pensionamenti in categoria D e la volontà
dell’Amministrazione di rafforzare tale categoria si prevedono nel 2016 7 assunzioni (4
amm.vi e 3 tecnici); nel 2017 4 (2 amm.vi e 2 P.M.); nel 2018 2 amm.vi. Prima verranno
scorse le graduatorie vigenti e solo dopo l’Amm.ne provvederà ad indire un bando.
c)
Nei prossimi anni vi saranno decine di pensionamenti in varie categorie e vista
l’impossibilità di sostituire in toto il personale (perla legge di stabilità che prevede una sola
assunzione su 4 che vanno in pensione) l’Amministrazione ha deciso una graduale
esternalizzazione dei seguenti servizi: Educativi; Cultura (Biblioteca) in particolare le
attività relative al banco prestiti, alla catalogazione; Impianti Sportivi (l’attività di custodia);
Cimiteri: forno crematorio, manutenzione ordinaria e straordinaria; lux perpetua. Per i
servizi demografici (la parte relativa ai certificati) si provvederà a far accedere il cittadino
via web;
Questo è il quadro presentato dall’Amministrazione, quadro sul quale la RSU è totalmente in
disaccordo.
Ragioniamo: Ci dicono che non vogliono più sostituire i Dirigenti ma poi, contraddicendosi,
vogliono assumere un Dirigente tecnico. (?)
Nel rafforzamento della categoria D intravediamo un ulteriore incremento di Posizioni
organizzative. Potrebbero essere anche giustificate, ma c’è un piccolo particolare, contrariamente
alla Dirigenza, la posizione organizzativa è finanziata con il fondo del salario accessorio di tutti i
dipendenti. La RSU da anni chiede un decremento o di portale fuori dal fondo. Questa partita è tutta
aperta ad iniziare dal contratto decentrato 2016.
L’Amministrazione giustifica questo scelte come “scelte obbligate” conseguenti alla leggi emanate
dal governo. E’ evidente che chi conosce un po’ di storia del Comune di Pisa, non può che ricordare
che la linea delle esternalizzazioni/privatizzazioni nasce molti anni fa non come “scelta obbligata”,
ma come scelta consapevole per abbassare i costi del lavoro. L’esempio eclatante sono i sevizi
educativi che nel corso degli anni hanno subìto un forte decremento di personale educativo ed
ausiliario. La prima esternalizzazione forse è avvenuta nel 1998. C’erano già le leggi così
stringenti? No, era solo una scelta con l’obiettivo chiaro di “alleggerire il Comune”.
La Biblioteca inaugurata solo due anni fa, con tante celebrazioni e promesse (non ultima la
dotazione di 20 dipendenti suddivisi in due turni che è stata subito disattesa) viene invece in parte
esternalizzata. Ci domandiamo se a questa Giunta interessi davvero la Cultura quella vera, quella
dei libri, del sapere, dell’incontro, dell’Agorà, quella che riattiva le menti. Ma forse la cultura per
l'amministrazione comunale è quella dei fuochi. Dei continui mercatini? Dello stravolgimento in
notti bianche di tradizioni come quella della Luminaria?
E che dire dei Cimiteri? Lì dovrebbe essere assunto personale altamente qualificato in grado di
accogliere, di assistere il cittadino in uno dei momenti più delicati della vita e invece si è
esternalizzato e si continua ad esternalizzare anche “il dolore”. Anche per i Cimiteri, chi ha
memoria, ricorda negli anni si è investito poco o nulla in termini di personale, di formazione, si è
lasciato andare, gli stanziamenti pubblici per ammodernare il forno crematorio saranno finalizzati
ad una gestione privata.
Noi non condividiamo questo processo, e per questo non ci sentiamo burocrati, né arretrati. E’ sotto
gli occhi di tutti cosa ha portato l’innovazione: tagli ai lavoratori, al lavoro, all’istruzione, alla
sanità. Nel frattempo non esiste alcun piano di formazione e riqualificazione del personale, si vive
alla giornata, ma in gioco sono non solo i\le dipendenti, ma i servizi alla città
Noi non ci stiamo.
RSU COMUNE DI PISA
Pisa, 5 maggio 2016
Fly UP