...

Verso un`autentica unione economica e monetaria

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

Verso un`autentica unione economica e monetaria
IT
CONSIGLIO EUROPEO
IL PRESIDENTE
Bruxelles, 26 giugno 2012
EUCO 120/12
PRESSE 296
PR PCE 102
VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA
Relazione del presidente del Consiglio europeo
Herman Van Rompuy
Mi pregio di trasmetterLe la relazione che ho preparato in stretta cooperazione con i
presidenti della Commissione, dell'Eurogruppo e della Banca centrale europea.
La relazione indica una prospettiva per il futuro dell'Unione economica e monetaria e il
modo in cui possa meglio contribuire alla crescita, all'occupazione e alla stabilità. La
relazione propone di progredire, nel corso del prossimo decennio, verso un'architettura
dell'UEM più forte, basata su quadri integrati per il settore finanziario, le questioni di
bilancio e la politica economica. Tutti questi elementi dovrebbero essere suffragati dal
rafforzamento della legittimità e della responsabilità democratica.
La presente relazione non intende essere un piano definitivo: essa individua gli elementi
costitutivi e suggerisce un metodo di lavoro. Mi aspetto nondimeno che raggiungeremo
un'intesa comune sul futuro dell'UEM nella riunione che terremo a fine settimana. La
situazione attuale richiede un attento esame dei lavori futuri che saranno necessari nel
medio e lungo termine. Sono pronto a proseguire, in collaborazione con i presidenti della
Commissione, dell'Eurogruppo e della Banca centrale europea, i lavori intesi alla
presentazione al Consiglio europeo di dicembre 2012 di proposte particolareggiate relative
al graduale passaggio ad un'autentica Unione economica e monetaria, associando
strettamente gli Stati membri durante tutto il processo.
Attendo con vivo interesse le discussioni che terremo giovedì sera e venerdì.
STAMPA
Dirk De Backer - Portavoce del Presidente - ( +32 (0)2 281 9768 - +32 (0)497 59 99 19
[email protected] http://www.consilium.europa.eu/
EUCO 120/12
1
IT
VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA
1.
CONSOLIDAMENTO DELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA
L'Unione economica e monetaria (UEM) è stata istituita per portare prosperità e stabilità in
tutta Europa. È la pietra angolare dell'Unione europea. Oggi l'UEM si trova di fronte ad
una sfida fondamentale: la necessità di essere rafforzata per assicurare il benessere
economico e sociale.
La presente relazione, elaborata dal presidente del Consiglio europeo in collaborazione con
il presidente della Commissione, il presidente dell'Eurogruppo e il presidente della Banca
centrale europea, mira a definire una prospettiva per l'UEM al fine di assicurare stabilità e
prosperità duratura, proponendo un'architettura forte e stabile nei settori finanziario, di
bilancio, economico e politico, a fondamento della strategia per la crescita e l'occupazione.
Sfide
Una prospettiva efficace deve affrontare le sfide a lungo termine poste all'UEM. La zona
euro è eterogenea e l'elaborazione di politiche a livello nazionale è il metodo più efficace
per molte decisioni economiche. Tuttavia, le politiche nazionali non possono essere decise
isolatamente se i loro effetti si propagano rapidamente alla zona euro nel suo insieme.
Pertanto, tali politiche nazionali devono riflettere appieno le realtà dell'appartenenza ad
un'unione monetaria. È essenziale mantenere un adeguato livello di competitività,
coordinamento e convergenza per assicurare una crescita sostenibile senza grandi squilibri.
In tale modo vi dovrebbe essere spazio per una combinazione appropriata di politiche con
la politica monetaria unica nel perseguimento della stabilità dei prezzi.
Tuttavia, per garantire la stabilità e la crescita della zona euro, gli Stati membri devono
agire e coordinarsi in base a norme comuni. Devono esservi modi per assicurarne il rispetto
in caso di effetti negativi su altri membri dell'UEM. Questo è necessario per garantire il
livello minimo di convergenza richiesto ai fini dell'efficace funzionamento dell'UEM.
EUCO 120/12
2
IT
Nel complesso, una più stretta integrazione dell'UEM richiederà una più forte base
democratica e l'ampio sostegno dei cittadini. Per questo motivo, è essenziale che già il
processo di realizzazione di tale prospettiva sia basato su un'ampia consultazione e
partecipazione. Integrazione e legittimità devono andare di pari passo.
La prospettiva per il futuro della governance dell'UEM esposta nella presente relazione è
incentrata sugli Stati membri della zona euro in quanto qualitativamente distinti in virtù
della condivisione di una valuta. Nondimeno, il processo di approfondimento dell'unione
economica e monetaria dovrebbe essere caratterizzato da apertura e trasparenza ed essere
pienamente compatibile con il mercato unico in tutti i suoi aspetti.
Prospettiva
La relazione propone una prospettiva per un'UEM stabile e prospera fondata su quattro
elementi costitutivi essenziali:
§ Un quadro finanziario integrato per garantire la stabilità finanziaria soprattutto nella
zona euro e ridurre al minimo il costo dei fallimenti delle banche per i cittadini europei.
Un quadro di questo tipo eleva la responsabilità per la vigilanza a livello europeo ed
offre meccanismi comuni per la risoluzione bancaria e la garanzia dei depositi dei
clienti.
§ Un quadro di bilancio integrato per garantire una politica di bilancio sana a livello
nazionale ed europeo, che includa coordinamento, processo decisionale comune,
attuazione più incisiva e passi commisurati verso un'emissione comune del debito.
Questo quadro potrebbe altresì comprendere varie forme di solidarietà di bilancio.
§ Un quadro integrato di politica economica con meccanismi sufficienti a garantire che
siano in atto politiche nazionali ed europee volte a promuovere crescita sostenibile,
occupazione e competitività, compatibili con il corretto funzionamento dell'UEM.
§ Assicurare la necessaria legittimità e responsabilità democratica del processo
decisionale nel quadro dell'UEM, in base all'esercizio congiunto di sovranità in ordine
alle politiche comuni e alla solidarietà.
Questi quattro elementi costitutivi offrono un'architettura coerente e completa che dovrà
essere realizzata nel corso del prossimo decennio. Tutti e quattro gli elementi sono
necessari per la stabilità e prosperità a lungo termine nell'UEM e richiederanno molto altro
lavoro, comprese, a un dato momento, eventuali modifiche ai trattati UE.
EUCO 120/12
3
IT
II.
ELEMENTI COSTITUTIVI ESSENZIALI
1.
Un quadro finanziario integrato
La crisi finanziaria ha rivelato carenze strutturali nel quadro istituzionale per la stabilità
finanziaria. Affrontarle è particolarmente importante per la zona euro in considerazione
delle interdipendenze profonde generate dalla valuta unica. Tuttavia, occorre procedervi
preservando nel contempo l'unità e l'integrità del mercato unico nel settore dei servizi
finanziari. Pertanto, un quadro finanziario integrato dovrebbe estendersi a tutti gli Stati
membri dell'UE pur consentendo specifiche differenziazioni tra gli Stati membri che
appartengono alla zona euro e quelli che non vi appartengono con riguardo a talune parti
del nuovo quadro prevalentemente collegate al funzionamento dell'unione monetaria e alla
stabilità della zona euro anziché al mercato unico.
Muovendo dal corpus unico di norme, un quadro finanziario integrato dovrebbe avere due
elementi centrali: un sistema unico europeo di vigilanza bancaria e un quadro comune di
garanzia dei depositi e di risoluzione.
Una vigilanza integrata è indispensabile per garantire l'efficace applicazione delle norme
prudenziali, del controllo dei rischi e della prevenzione delle crisi in tutta l'UE. Occorre
che l'attuale architettura si evolva il prima possibile in direzione di un sistema unico
europeo di vigilanza bancaria, dotato di un livello europeo e di un livello nazionale. La
responsabilità finale spetterebbe al livello europeo. Tale sistema garantirebbe l'efficacia
della vigilanza bancaria in tutti gli Stati membri dell'UE tanto nel ridurre la probabilità di
fallimenti delle banche quanto nel prevenire la necessità di interventi da parte di garanzie
di deposito o fondi di risoluzione congiunti. A tal fine, al livello europeo sarebbero
conferiti autorità di vigilanza e poteri di intervento preventivo applicabili a tutte le banche.
Il coinvolgimento diretto di tale livello varierebbe a seconda delle dimensioni e della
natura delle banche. Sarebbero valutate a fondo le possibilità previste dall'articolo 127,
paragrafo 6, del TFUE concernente l'attribuzione alla Banca centrale europea di
competenze di vigilanza sulle banche della zona euro.
Sulla scorta delle proposte attuali e future della Commissione occorre portare avanti i
lavori sulla garanzia dei depositi e la risoluzione:
EUCO 120/12
4
IT
Un sistema europeo di garanzia dei depositi potrebbe introdurre una dimensione europea
nei sistemi nazionali di garanzia dei depositi per le banche oggetto di vigilanza europea.
Ciò rafforzerebbe la credibilità delle disposizioni in vigore e fornirebbe un'importante
garanzia che i depositi ammissibili di tutti gli istituti di credito siano sufficientemente
assicurati.
Un sistema di risoluzione europeo finanziato principalmente da contributi delle banche
potrebbe fornire assistenza nell'applicazione delle misure di risoluzione alle banche oggetto
di vigilanza europea, al fine di permettere una liquidazione ordinata degli istituti
irrecuperabili e in tal modo proteggere i fondi dei contribuenti.
Il sistema di garanzia dei depositi e il fondo di risoluzione potrebbero essere posti sotto il
controllo di un'autorità comune di risoluzione. Un quadro di questo tipo ridurrebbe
notevolmente l'esigenza di ricorrere effettivamente al sistema di garanzia. Nondimeno,
perché un sistema di garanzia dei depositi sia credibile, è necessario l'accesso a un
sostegno finanziario solido. Pertanto, per quanto riguarda la zona euro, il meccanismo
europeo di stabilità potrebbe fungere da sostegno di bilancio per l'autorità preposta alla
risoluzione e alla garanzia dei depositi.
2.
Verso un quadro di bilancio integrato
La crisi finanziaria e del debito ha evidenziato elevati livelli di interdipendenza in
particolare all'interno della zona euro. Il corretto funzionamento dell'UEM richiede non
soltanto la rapida e risoluta attuazione delle misure già concordate nell'ambito del quadro
rafforzato di governance economica (segnatamente il Patto di stabilità e crescita e il trattato
sulla stabilità, sul coordinamento e sulla governance), ma anche un'evoluzione qualitativa
verso un'unione di bilancio.
Nel contesto, all'interno della zona euro, di una maggiore condivisione delle decisioni sui
bilanci commisurata alla condivisione dei rischi, sono essenziali meccanismi efficaci per
prevenire e correggere politiche di bilancio non sostenibili in ciascuno Stato membro. A tal
fine, si potrebbero fissare di comune accordo limiti massimi relativi al saldo di bilancio
annuale e ai livelli di debito pubblico dei singoli Stati membri. Su questa base, l'emissione
di titoli di debito pubblico oltre il livello convenuto di comune accordo dovrebbe essere
motivata e approvata in via preventiva. Il livello della zona euro sarebbe in seguito nella
posizione di richiedere modifiche delle dotazioni di bilancio in caso di violazione delle
norme di bilancio, tenendo presente la necessità di garantire l'equità sociale.
EUCO 120/12
5
IT
In una prospettiva di medio termine, si potrebbe valutare l'emissione di debito comune
come elemento di tale unione di bilancio subordinato ai progressi nell'integrazione di
bilancio. Si potrebbero valutare misure verso l'introduzione di responsabilità sovrane in
solido, a condizione che sia definito un quadro solido per la disciplina di bilancio e la
competitività, al fine di evitare il rischio morale e promuovere la responsabilità e
l'osservanza. Il processo verso l'emissione di debito comune dovrebbe essere graduale e
basato su criteri, facendo sì che la condivisione delle decisioni sui bilanci sia
accompagnata da passi commisurati verso la condivisione dei rischi. Sono state proposte
diverse opzioni per una parziale emissione di debito comune, quali la condivisione di taluni
strumenti di finanziamento a breve termine su base limitata e con riserva, oppure il rinnovo
graduale in un fondo di rimborso del debito. Si potrebbero prevedere inoltre varie forme di
solidarietà di bilancio.
Un'unione di bilancio a pieno titolo comporterebbe lo sviluppo di una maggiore capacità a
livello europeo in grado di gestire le interdipendenze economiche e, in prospettiva, lo
sviluppo di un organismo di bilancio a livello della zona euro, quale un ufficio del tesoro.
Inoltre dovranno essere definiti il ruolo e le funzioni appropriate di un bilancio centrale,
comprese le sue articolazioni con i bilanci nazionali.
3.
Verso un quadro integrato di politica economica
In un'unione economica le politiche nazionali dovrebbero essere orientate verso la crescita,
forte e sostenibile, e l'occupazione, promuovendo nel contempo la coesione sociale. Una
maggiore integrazione economica è necessaria anche per favorire il coordinamento e la
convergenza nei diversi settori politici tra i paesi della zona euro, per affrontare gli
squilibri e garantire la capacità di adattarsi agli shock e di competere in un'economia
mondiale globalizzata. Ciò è fondamentale per il buon funzionamento dell'UEM e
costituisce un complemento essenziale dei quadri finanziario e di bilancio.
Sulla base dei principi enunciati nel semestre europeo e nel Patto euro plus, è importante
agevolare l'attuazione del quadro per il coordinamento delle politiche, onde assicurare che
politiche non sostenibili mettano a rischio la stabilità dell'UEM. Un siffatto quadro sarebbe
particolarmente importante per orientare le politiche in settori come quello della mobilità
dei lavoratori o del coordinamento in campo tributario.
Ove necessario, potrebbero essere adottate misure intese a rafforzare la capacità politica e
amministrativa delle istituzioni nazionali e a promuovere la titolarità nazionale delle riforme,
una condizione essenziale per l'efficace attuazione di riforme che promuovano la crescita.
EUCO 120/12
6
IT
4.
Rafforzare la legittimità e la responsabilità democratica
Le decisioni sui bilanci nazionali sono al centro delle democrazie parlamentari europee.
Orientarsi verso un processo decisionale in campo fiscale ed economico caratterizzato da
una maggiore integrazione tra i paesi richiederà pertanto meccanismi forti che garantiscano
la legittimità e la responsabilità delle decisioni comuni. È essenziale creare consenso nei
confronti delle decisioni adottate a livello europeo aventi un impatto importante sulla vita
quotidiana dei cittadini.
Sarà fondamentale lo stretto coinvolgimento del Parlamento europeo e dei parlamenti
nazionali, nel rispetto del metodo comunitario. Il protocollo n. 1 del TFUE sul ruolo dei
parlamenti nazionali nell'Unione europea offre un quadro adeguato per la cooperazione
interparlamentare.
III.
PROSSIME TAPPE – PROPOSTA DI METODO DI LAVORO
Occorre lavorare ulteriormente all'elaborazione di una tabella di marcia specifica e
circoscritta nel tempo finalizzata al conseguimento di un'autentica Unione economica e
monetaria.
Il presidente del Consiglio europeo, in stretta collaborazione con il presidente della
Commissione, il presidente dell'Eurogruppo e il presidente della Banca centrale europea,
potrebbe presentare una relazione al Consiglio europeo di dicembre. Saranno organizzate
regolarmente consultazioni informali con gli Stati membri e le istituzioni dell'UE. Una
relazione intermedia potrebbe essere presentata nell'ottobre 2012.
EUCO 120/12
7
IT
Fly UP