...

Diagnosi di 4 colpi di stato

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

Diagnosi di 4 colpi di stato
La guerra dei vent’anni
DIAGNOSI DI QUATTRO COLPI DI STATO
Non si sono visti né carri armati né militari, né cortei di
gente in rivolta nelle strade, ma come chiamare il
capovolgimento della volontà espressa liberamente dai
cittadini alle elezioni senza passare di nuovo dalle urne?
Non c’è che una risposta: si è verificato un colpo di stato.
Come sostenere che c’è ancora la democrazia in un Paese
in cui il governo eletto dai cittadini viene sostituito con un
altro governo che gli elettori neppure conoscono?
Si è cominciato nel 1964 con la costituzione di Magistratura
Democratica, una corrente della magistratura di sinistra vicina al
PCI. Nel 1968 la corrente si divide. Una parte resta col PCI
un’altra parte si riferisce invece agli extra parlamentari di sinistra.
Questa corrente si dà una missione che poggia su un assioma. “Il
popolo ha diritto alla democrazia ma la democrazia è garantita
solo se al potere c’è la sinistra. Se il popolo, da solo, non riesce a
darsi la democrazia si deve creare una via giudiziaria al socialismo
contro il capitalismo borghese, da realizzarsi appunto attraverso
l’uso “alternativo” del diritto da parte dei magistrati militanti”.
1
Si è rafforzato il potere delle procure nel 1989 con la
creazione della “Polizia Giudiziaria” totalmente dipendente dalle
stesse procure.
Si è continuato con la cancellazione nel 1993 dell'art.68
della Costituzione ad opera del cosiddetto “Parlamento degli
inquisiti”.
I padri costituenti avevano voluto l’art. 68 come bilanciamento
della totale autonomia di cui gode l'ordine giudiziario, proprio per
evitare che gli eletti dal popolo - e con essi la democrazia e la
libertà - fossero senza difesa contro un uso politico della
giustizia. A quel tempo, sotto la spinta mediatico-giudiziaria quel
Parlamento sotto attacco, invece di reagire, si consegnò nelle
mani dei propri carnefici, ponendo le basi per un potere senza
limite dei magistrati politicizzati.
“Mani pulite” è stata la prima volta in cui la democrazia è
stata sospesa nel nostro Paese.
“Tangentopoli” fu un “golpe in guanto di velluto”. L'allora
pentapartito aveva ottenuto alle elezioni del 1992 la maggioranza
dei voti: i magistrati milanesi, diversi dei quali hanno poi fatto
carriera politica nel campo della sinistra, hanno selettivamente e
scientificamente decapitato i partiti di governo, risparmiando la
sinistra DC e il PCI, perché funzionali al loro disegno politico e
inoltre il Mis e la Lega perché ininfluenti.
2
“Mani pulite” ha messo in atto alcuni metodi di
persecuzione che ancora oggi avvelenano la vita pubblica italiana:
1) La gogna mediatico-giudiziaria. Allora per la prima volta
si applicò la fuoriuscita pilotata a giornalisti compiacenti di
documenti coperti da segreto istruttorio. In questo modo i processi
e le sentenze venivano e vengono ancora anticipate sui giornali
amici, quelli più letti e dunque più influenti in Italia e all'estero.
Intercettazioni e verbali di interrogatori adeguatamente
selezionati garantiscono una condanna definitiva da parte della
pubblica opinione senza alcun diritto di difesa e senza alcuna
possibilità di recuperare la dignità perduta.
Di questo trattamento io sono stato in questi venti anni il
destinatario principale. E, ovviamente, sono stato l'unico
condannato per una frase pubblicata da “Il Giornale” di una
intercettazione coperta da segreto istruttorio che non avevo mai
sentito. (Fassino: “Allora abbiamo una banca”).
2) Per completare l'opera, cioè per fare di fatto un vero e
proprio “colpo di Stato” con parvenza democratica, mancava un
tassello: far vincere la sinistra alle successive elezioni. Così il
Parlamento nel 1993 approvò una nuova legge elettorale, il
Mattarellum, disegnata sulle esigenze della sinistra. Grazie a
quella legge, infatti, con solo un terzo dei voti la sinistra
3
avrebbe avuto il 70% dei seggi in Parlamento. Un risultato
abnorme, che avrebbe garantito loro almeno venti anni di potere
incontrastato.
Non è finita così e tutti voi sapete il perché! Ci abbiamo
pensato noi!
Nessuno racconta mai questa verità. Nessuno mette in
sequenza quanto è successo in quegli anni e che poteva uccidere
la democrazia in Italia pur in una parvenza di assoluta
legalità. Eppure così è successo.
Il sottoscritto grazie al voto di milioni di italiani impedì che
scattasse la trappola perfetta contro la libertà.
Da allora in poi, Magistratura Democratica mi ha dichiarato
guerra e io ho dovuto sperimentare su di me tutti gli effetti
negativi del mio azzardo.
La magistratura militante si è accanita contro di me,
come è evidente a tutti coloro che non siano animati da
pregiudizio. Me ne hanno fatte di tutti i colori. Sono stato colpito
nei miei affetti, nella mia reputazione, sul versante aziendale,
economico, personale. Sono stato intercettato e spiato a casa mia.
Sono stato oggetto sino ad oggi di 57 processi.
4
Ma il punto non sono io. Il punto è che l'attacco contro di
me ha comportato un attacco al potere democratico senza
precedenti in un Paese libero. Perché, lo ripeto, in una
democrazia non ci sono alternative: il potere o è democratico,
cioè sono i cittadini a scegliere chi governa, o non lo è.
In questi ultimi vent’anni, in almeno quattro occasioni la
democrazia, la volontà espressa liberamente dai cittadini è
stata annullata: nel 1992/1993, nel 1994, nel 2011 e nel 2013.
1) Nei primi due anni 1992/93 la democrazia è stata sospesa.
I 5 partiti democratici, come ho già ricordato, che ci avevano
governato per cinquant’anni, sono stati eliminati dalla scena
politica e con loro i loro leaders. Si era aperta così la strada ad una
conquista definitiva del potere da parte della sinistra.
2) 1994. Nel novembre 1994 il Corriere della Sera mi
recapita in prima pagina un avviso di garanzia mentre sto
presiedendo a Napoli il Vertice mondiale delle Nazioni Unite
contro la criminalità organizzata.
Risultato: questa azione, alla quale seguì l'iniziativa
dell'allora Capo dello Stato nei confronti di Bossi (gli disse: “Non
vedi che Berlusconi è caduto nel baratro? Se non lo lasci subito
5
finirai nel baratro anche tu!”), provocò l'uscita della Lega dalla
maggioranza e la fine del governo eletto dai cittadini.
Un colpo di mano senza precedenti, basato su una falsa
accusa, dalla quale sette anni dopo fui dichiarato innocente.
Intanto però l'obiettivo era stato raggiunto. Il leader del
centrodestra azzoppato, il governo alternativo alla sinistra
distrutto, l'alleanza dei moderati frantumata, in modo tale che
quando riuscimmo ad avere nuove elezioni nel 1996 la sinistra
potè vincere (pur avendo preso in totale meno dei nostri voti)
grazie appunto alla mancata alleanza con la Lega.
E, dal 1994 fino a oggi, sono stato costretto, e sono costretto
ancora oggi, a sottrarre tantissimo tempo ed energie alla mia
azione di premier o di leader dell'opposizione per difendermi
dalle molteplici accuse di reato inventate dai P.M. politicizzati
di Magistratura Democratica.
Come ho già ricordato, sono 57 i processi che ho dovuto
subire dal 1994 e da allora sono stato obbligato a passare i
pomeriggi del sabato, della domenica e del lunedì con i miei
avvocati per preparare le udienze della settimana seguente. In
totale ad oggi sono state più di 2700 le udienze che mi hanno
riguardato.
6
Dopo la nostra vittoria del 2008, dopo uno straordinario
inizio di attività di governo, con i successi di Napoli, di Alitalia,
dei soccorsi in Abruzzo dopo il terremoto e dopo il mio discorso
del 25 aprile 2009 a Onna, si registrò un gradimento del 75,3%
degli italiani nei miei confronti. La sinistra tutta, politica e
giudiziaria, si mise in allarme (“questo vince anche le prossime
elezioni”!) e si decise un cambiamento di strategia.
Si tentò innanzitutto di rovesciare la volontà popolare
imprimendo un salto di qualità alla gogna mediatica nei miei
confronti.
Con una iniziativa senza precedenti in un Paese democratico,
il Presidente del Consiglio fu posto sotto sorveglianza per mesi,
schedando e intercettando ogni persona che transitava per le sue
abitazioni private. Il frutto delle intercettazioni fu poi affidato ai
giornali amici delle procure, i quali portarono un ignobile
attacco alla mia sfera privata e alla mia reputazione pubblica.
Contemporaneamente, l'ambizione personale di Gianfranco
Fini veniva solleticata dai media e dagli interventi del Quirinale
con lusinghe e promesse: quelle di essere lui il premier se si
fosse costituita una diversa maggioranza col venir meno della
maggioranza eletta dai cittadini. Così nell'estate 2010 Fini fondò
“Futuro e libertà”, abbandonando il Popolo della Libertà e
7
costituendo una forza parlamentare passata con l’opposizione di
sinistra. Tentò di portare a sinistra 55 nostri deputati. Ne
fermammo 21, ne trovammo altri 12 che formarono il gruppo dei
cosiddetti “Responsabili” e così solo per un soffio, Fini non fu in
grado di far cadere il governo il 14 dicembre 2010.
Da quel momento, per tutto il 2011, il nostro governo fu
sottoposto a ripetuti tentativi di “seduzione” di nostri
parlamentari per farli passare dall’altra parte. (In questo caso,
ovviamente, nessuno ha subito processi per corruzione!)
In Europa intanto Merkel e Sarkozy non accettavano che il
sottoscritto si opponesse allo strapotere di chi voleva imporre agli
altri Paesi direttive e ricette economiche (Tobin tax, buco
dell’ozono, fiscal compact) assolutamente controproducenti.
Si mise poi in atto l’imbroglio degli spread… Dopo questo
attacco portato al nostro Paese con la messa in vendita di titoli del
nostro debito pubblico per svariati miliardi, l’Unione Europea ci
chiese dei provvedimenti di emergenza.
Ma al Colle non piaceva che il nostro governo tenesse duro
nonostante tutto e contro tutti e ci impedì di varare per decreto
legge le misure che ci chiedevano dall’ Europa, e quindi a
Cannes, al G20, dovetti presentarmi a mani vuote senza una
risposta immediata alle richieste dell’Europa.
8
La conclusione è nota!
Fu incentivata e realizzata la defezione di alcuni nostri
deputati “storici”, e noi rimanemmo con una maggioranza di due
soli deputati.
Il Presidente della Repubblica, che già da giugno
organizzava un governo tecnico e si incontrava al Quirinale con
Monti e Passera, “mi convinse”, diciamo, a rassegnare le
dimissioni e io dovetti accettare la nascita del “governo dei
tecnici”, col capovolgimento della volontà dei cittadini espressa
con il voto. Una negazione della democrazia, perché o sono i
cittadini a scegliere chi governa, oppure non è più democrazia.
Un giurista tedesco definì questa manovra “A quiet coup d’Etat”.
2013. La quarta azione contro la democrazia è stata
completata nel corso dell’ultimo anno (MD + PD).
In primo luogo è stato perfezionato il metodo giudiziario.
Visto che i PM non bastavano a garantire la mia condanna, si è
pensato di comporre anche i collegi giudicanti con magistrati tutti
di estrema sinistra, tre su tre.
Nel processo diritti Mediaset, i collegi giudicanti furono
addirittura presieduti da magistrati che si erano distinti
9
partecipando a manifestazioni pubbliche contro di me e i miei
governi.
In primo e in secondo grado furono rifiutati 171 testimoni a
mio favore, vanificando del tutto il mio diritto alla difesa.
Dopo la condanna di primo grado, si è proceduto con una
velocità tale che tra la sentenza di primo grado e il
pronunciamento della Cassazione sono passati meno di otto mesi,
un record assoluto.
Infine, (dopo il solito articolo bene informato del Corriere
della Sera, che il 9 luglio 2013 avvertiva circa i possibili rischi di
prescrizione di parte del processo al primo di agosto) con uno
stratagemma, quello di asserire che la prescrizione sarebbe
maturata appunto il 1° di agosto invece che il 26 dicembre come
era nei fatti, la Cassazione fissò l’udienza il 30 luglio affidandomi
ad un Collegio feriale “ad hoc”. Fui sotratto così al mio giudice
naturale, cioè alla terza sezione penale della Cassazione
competente per i reati tributari, la Sezione che già il 6 marzo 2013
aveva confermato il mio proscioglimento sugli stessi fatti, solo
riferiti ad anni diversi.
La sezione cosiddetta “feriale” della Cassazione composta ad
hoc con giudici “giusti”, emise la sua sentenza di condanna il
primo di agosto.
10
Pochi minuti dopo la sentenza, il segretario del PD
annunciava in televisione che avrebbero dato immediatamente
corso ad una Procedura di decadenza dal Senato nei miei confronti
e che mi avrebbero applicato le sanzioni previste dalla legge
Severino, per le quali dovevo decadere dal
mio ruolo di
senatore ed essere incandidabile per sei anni.
Il resto è noto.
1°) Il Senato ha accelerato le procedure per votare la mia
decadenza. (Invece che 14 mesi per i casi precedenti, un record di
2 mesi e mezzo)
2°) Si sono ignorate le osservazioni di sette costituzionalisti
(quattro
di
sinistra)
che
sollevavano
forti
dubbi
sulla
costituzionalità della legge Severino e dei contenuti dei suoi
decreti attuativi. Si violò così l’obbligo imposto dall’Europa di
rivolgersi alla Corte di Strasburgo per l’interpretazione autentica
della legge nazionale in caso di contrasto con una legge europea
sovraordinata.
3°) Si è violata la Costituzione (art. 25) e i diritti sanciti dalla
Convenzione europea dei diritti dell’uomo (art. 7), applicando
retroattivamente contro di me le sanzioni della decadenza e
della incandidabilità per 6 anni.
4°) Per di più, e per non farsi mancare nulla, si è stravolto il
regolamento del Senato, votando a voto “palese” anziché a
11
scrutinio segreto, come da regolamento e come da prassi, una
prassi risalente allo Statuto Albertino del 1848 e mai contraddetta.
Questo è ciò che incredibilmente è stato messo in atto
Magistratura Democratica e Partito Democratico, con un
disegno scientificamente progettato e realizzato.
Per questo, quando dico che la malattia che sta
devastando la democrazia italiana si chiama “uso politico della
giustizia” io non faccio che rendere un servizio alla verità.
(Siamo estremisti per questo? Forse sì! Perché amiamo all’estremo
la libertà e non ci rassegniamo all’idea di vivere in uno Stato a
democrazia limitata).
Così è stato eliminato per via giudiziaria e grazie alla
violazione di due prassi parlamentari e di due leggi il nemico di
vent’anni,
l’ostacolo
che
per
vent’anni
si
è
opposto
democraticamente alla conquista definitiva del potere da parte
della sinistra.
Sappiamo che lo Stato di diritto si fonda sulla rigorosa
divisione dei poteri, quello legislativo e quello esecutivo – che
devono basarsi su libere elezioni – e l’ordine giudiziario, che deve
essere “terzo” rispetto agli altri poteri e autonomo da essi.
12
Ma oggi la componente di sinistra della magistratura,
Magistratura democratica, non è “terzo” ma è il primo potere
in Italia.
Un anomalo soggetto politico, che prende posizione non
solo su ogni legge riguardante la giustizia ma anche sulla politica,
a partire dall’impeachment di Cossiga per arrivare all'azione
contro i governi Berlusconi, praticando quell’uso “alternativo”
del diritto che si consentono per compiere quella che considerano
la loro missione: “Aiutare
il popolo a darsi la democrazia
spianando la via della sinistra al potere”.
Oggi sono convinti di aver realizzato il loro obiettivo,
eliminando dal Parlamento il loro principale avversario degli
ultimi venti anni.
Domando: E’ ancora democratico un Paese dominato dal
predominio arbitrario di un nucleo di magistrati collocato nel
cuore dello Stato, dotato di un enorme potere, non sottoposto
di fatto a nessun controllo, del tutto autoreferenziale e per
niente legittimato da una elezione democratica?
L’unica colpa che mi si può attribuire, oggi come nel 1994, è
stata quella di aver saputo vincere le elezioni e di aver resistito
negli anni di opposizione.
13
Se non fossi sceso in campo io (certo, con il mio conflitto di
interesse, evidente e perciò controllabile proprio perché sotto gli
occhi di tutti) la democrazia italiana sarebbe stata dominata da
un fortissimo sistema di potere politico, giudiziario, finanziario e
mediatico.
La mia presenza in campo, sostenuta dal voto di milioni di
italiani, ha svolto un ruolo decisivo per la democrazia italiana,
consentendo che si svolgesse negli ultimi vent’anni una partita
equilibrata nella quale si sono alternate al governo coalizioni
di centrodestra e coalizioni di centrosinistra. Oggi, invece è in
gioco la nostra democrazia.
Noi viviamo una fase fra le più gravi e drammatiche dal
dopoguerra ad oggi.
In questo momento si sommano insieme
una gravissima e tuttora irrisolta crisi finanziaria,
una gravissima crisi economica e sociale con percentuali
tragiche per ciò che riguarda l’occupazione giovanile,
una crisi del sistema istituzionale, fatto per vietare e non per
decidere
una crisi del sistema dei partiti che sono colpiti
dall’antipolitica e dai loro stessi errori.
14
In questa situazione l’uso politico della giustizia ha un
impatto devastante perché radicalizza parossisticamente lo
scontro, con il rischio che esso si concluda alla fine senza né vinti
né vincitori, ma con un collasso etico politico ed economicosociale.
È nostro dovere impegnarci a fondo per superare questo
stato di cose.
Non per Silvio Berlusconi, non per il nostro movimento
politico, non per un vantaggio di parte.
Dobbiamo farlo per ridare vigore alla politica, forza alla
democrazia e rispetto alla volontà dei cittadini.
Il nostro impegno è indispensabile, in una sola parola, per
difendere la nostra libertà!
15
Fly UP