...

Guittone d`Arezzo Amor m`à priso e incarnato tutto

by user

on
Category: Documents
385

views

Report

Comments

Transcript

Guittone d`Arezzo Amor m`à priso e incarnato tutto
Lezione profilo 7 • La poesia nell’Italia centrale
Guittone d’Arezzo, Amor m’à priso e incarnato tutto
VOLUME 1
Le origini e il Duecento
Guittone d’Arezzo
Amor m’à priso e incarnato tutto
Opera: Rime
Punti chiave:
Metro: sonetto
La signoria d’Amore
Il dialogo con Amore
Q
uello che segue è il primo di una serie di 86 sonetti amorosi che, secondo il critico Lino Leonardi, formerebbero un vero e proprio canzoniere organico. Si tratta di un sonetto d’amore del Guittone
“prima maniera”, cioè del Guittone poeta cortese: la
situazione descritta è canonica e presenta l’amante
completamente soggiogato da Amore, che infierisce
su di lui.
4
Amor m’à priso e incarnato tutto,
e a lo core di sé fa posanza,
e di ciascuno menbro tragge frutto,
dapoi che priso à tanto di possanza.
8
Doglia, onta, danno àme condutto
e del mal meo mi fa ’ver disïanza,
e del ben di lei spietato m’è ’n tutto:
sì meve e ciascun c’ama à ’n disdegnanza.
11
Spessamente il chiam’e dico: «Amore,
chi t’à dato di me tal signoraggio,
ch’ài conquiso meo senno e meo valore?».
14
Eo prego che·tti facci meo messaggio
e che vadi davante ’l tuo signore
e d’esto convenente lo fa’ saggio.
Guittone d’Arezzo, Canzoniere. I sonetti d’amore del codice laurenziano,
a cura di L. Leonardi, Einaudi, Torino 1994.
Schema metrico: sonetto con schema
ABAB, ABAB; CDC, DCD. Si notino la rima
equivoca ai vv. 1 e 7 (tutto) e le rime ricche
ai vv. 2 e 4 (posanza : possanza) e 12 e 14
(messaggio : saggio, che è anche una rima a eco).
1. priso: catturato, forma siciliana; incarnato: compenetrato.
2-4. e… possanza: e nel cuore stabilisce la
sua dimora (di sé fa posanza, “si posa”) e
trae vantaggio (frutto) da ciascun membro
del corpo, visto che (dapoi che) ha preso
tanto potere (possanza).
5-8. Doglia… disdegnanza: mi ha (àme)
portato dolore (doglia), vergogna (onta),
danno e mi fa avere desiderio (desïanza)
del mio male, mentre riguardo al bene di
lei è totalmente spietato con me: in questo modo disprezza (à ’n disdegnanza)
me e qualsiasi altro amante (ciascun
c’ama); onta e danno è una coppia di termini di stampo provenzale molto presente nella poesia guittoniana. L’immagine di
Amore disdegnoso nei confronti dei suoi
“sudditi” (gli innamorati) è topica.
9. Spessamente: spesso.
10. signoraggio: dominio.
11. ch’ai… valore?: che hai conquistato il
G. Langella, P. Frare, P. Gresti, U. Motta
letteratura it Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori
1
mio intelletto e il mio vigore? Amore soggioga totalmente l’amante, giacché si impossessa delle sue capacità intellettive
(senno) e della sua forza fisica (valore).
12. messaggio: messaggero; il poeta si rivolge al proprio componimento; facci: forma consueta nella lingua antica per il
congiuntivo presente; si veda anche il vadi del verso successivo.
13. signore: Amore.
14. e… saggio: e rendilo edotto (saggio) di
questa situazione; convenente (“cosa”,
“fatto”, “situazione”) è un provenzalismo.
Tutti i diritti riservati © Pearson Italia S.p.A.
Lezione profilo 7 • La poesia nell’Italia centrale
Guittone d’Arezzo, Amor m’à priso e incarnato tutto
VOLUME 1
Le origini e il Duecento
IN PRIMO PIANO
I temi e il contesto
ANALISI DEL TESTO
Guittone tuttavia ha ben presente anche un autore minore, Percivalle Doria, che inizia una delle sue due canzoni con il verso
Amore m’àve priso.
Tra i provenzali e i siciliani In questo come in altri componimenti di Guittone sono presenti molte tracce della poesia
d’amore precedente, in particolare del caposcuola siciliano Giacomo da Lentini – la cui lezione Guittone mostra di aver assimilato profondamente – e dei trovatori.
Canonica nell’ambito della produzione cortese è la situazione
qui presentata da Guittone: Amore, che, secondo la tradizione, si è installato nel cuore del poeta, domina totalmente
l’amante (chi t’à dato di me tal signoraggio… ?), trattenendolo in una situazione di dolore e angoscia, senza però la gratifica della corresponsione da parte della donna (vv. 5-7).
Oltre all’immagine di Amore, che ha in disdegnanza gli innamorati, sono in linea con la tradizione precedente anche molti termini presenti nel sonetto (per esempio priso, incarnato,
disianza, signoraggio, conquiso ecc.) e alcune dittologie (onta e danno oppure senno e valore) diffuse anche nei trovatori. Riguardo all’avvicinamento a Giacomo da Lentini, si confronti poi il primo verso di questo sonetto di Guittone con la
canzone Madonna, dir vi voglio, dove troviamo, al verso 2, como l’amor m’ha priso e, al verso 75, come ’incarnato tutto.
La struttura L’inizio del sonetto ha un tono descrittivo, che
perdura nelle due quartine, dove il poeta presenta la propria
situazione sconfortante. Nella prima terzina il poeta si rivolge direttamente ad Amore, con una domanda in discorso
diretto che rappresenta un modus poetandi abbastanza diffuso nella lirica d’amore: così il registro passa da descrittivo ad allocutivo (Leonardi). Infine, la seconda terzina contiene un invito al sonetto stesso di fare da messaggero presso Amore,
che è signore tanto del poeta quanto del componimento.
Questa prassi di terminare rivolgendosi al componimento stesso – affinché diventi messaggero del poeta presso la donna,
presso Amore o presso un signore feudale – è molto diffusa
nella lirica provenzale; per esempio, il trovatore Aimeric de
Peguilhan, che ha passato molti anni nell’Italia settentrionale,
chiude una sua canzone scrivendo: Canzone, come chi corre
leggero e lieve / dirigiti al re che è tuo signore e mio.
SPAZIO
Per tornare al testo
COMPETENZE
Comprensione e analisi
1. Come viene espresso il dominio di Amore sul cuore del poeta? Quali effetti produce?
2. Guittone sostiene che Amore ha potere sia sul suo senno, sia sul suo valore: che cosa indicano questi due termini?
3. A chi si rivolge il poeta nella seconda terzina? Che cosa chiede?
4. Il sonetto recupera immagini e termini tipici della poesia provenzale e siciliana: esplicita i principali.
Approfondimenti
5. Il sonetto può essere interpretato come emblematico di tutta la poesia di Guittone? Motiva la tua risposta. (circa 10 righe)
G. Langella, P. Frare, P. Gresti, U. Motta
letteratura it Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori
2
Tutti i diritti riservati © Pearson Italia S.p.A.
Fly UP