...

IN QUEI GIORNI LONTANI by Mr MATGO LAW

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

IN QUEI GIORNI LONTANI by Mr MATGO LAW
IN QUEI GIORNI LONTANI
by Mr MATGO LAW
Molti appassionati di shar pei mi dicono: “Hai salvato la razza dall'estinzione”. Onestamente
rispondo che è stata una casualità il mio incontro con gli shar pei a metà degli anni 60.
Sinceramente, come possono gli sforzi di una sola persona salvare una razza in via di
estinzione?
Vi racconterò quali sono state le maggiori difficoltà che ho incontrato a quei tempi
nell'allevare shar pei.
LE DIFFERENZE DI ASPETTO
Il mio interesse è nato quando incontrai il primo shar pei, così decisi di osservare il maggior
numero di cani possibile che vivevano nei villaggi, nelle arene dei combattimenti e nei
mercati all'aperto...sorprendentemente vidi una grande varietà di shar pei o cani somiglianti
agli shar pei, con differenti tipi di teste, taglie, colori e tipo di pelo. Ricordo un maschio fulvo
legato alla catena davanti ad un negozio di Macau, aveva una testa enorme, prognato, basso
sugli arti con un corpo che ricordava un bulldog, ma con un tipico pelo da shar pei!
In quegli anni molti shar pei venivano usati dai loro proprietari per combattere e
scommettere. A nessuno di questi signori importava l'aspetto del cane, purchè lottasse duro
e vincesse le scommesse. Allo scopo di combattere e vincere i proprietari accoppiavano gli
shar pei con cani che avessero un background da combattenti, come Staffordshire Bull
Terrier, Bulldog, Bullmastiff, Boxer.....con lo stupido intento di creare una macchina da
combattimento invincibile. In questo modo gli Shar Pei di razza pura si estinguevano
lentamente lasciando il posto a cani somiglianti agli Shar Pei nelle arene dei combattimenti.
Odio i combattimenti fra cani dalla prima volta che ne vidi uno. Che orrore vedere il sangue
uscire dalla testa, dalle orecchie....quei poveri cani erano lavati nel sangue!
Al di la dei combattimenti gli shar pei avevano un carattere eccellente. Lo Shar Pei è
indipendente, disciplinato, amante della pulizia, devoto alla famiglia, con una forte memoria,
riservato con gli estranei (ha bisogno di qualche tempo per fare amicizia)....il carattere dei
Cinesi appartenenti alle vecchie generazioni. Ottime caratteristiche per essere il migliore
amico dell'uomo e membro della famiglia.
Nella mia mente si è accesa la lampadina, gli Shar Pei meritano molto di più dei
combattimenti. Così ho iniziato a fare piani per allevare e far rinascere questa razza.
NESSUN PEDIGREE O ALTRO TIPO DI REGISTRAZIONE.
Gli Shar Pei usati per i combattimenti non erano, naturalmente registrati. La registrazione
non era una priorità per i loro proprietari. Senza nessun tipo di registrazione si poteva
giudicare quanto “buono” fosse un soggetto solo guardandolo.....l'apparenza generale, la
sostanza così come apparivano. Questo Shar Pei avrebbe potuto avere un Bulldog come
nonno, o un Boxer nella sua genalogia, non si poteva saperlo.Qualche volta era possibile
vedere la madre di un cucciolo o sapere, per sentito dire, chi fosse il padre. Le uniche
caratteristiche che era possibile giudicare e valutare e su cui poter fare affidamento per
iniziare a pianificare un allevamento erano quelle che si potevano vedere.
Di conseguenza solo i cuccioli nati da un accoppiamento “di prova” potevano dirti quanto
buona o cattiva fosse la genealogia dei genitori. Alcuni risultati inaspettati comparvero in
diverse cucciolate e dovettero essere abbattuti. La parte più crudele di questo lavoro.
LIMITATO NUMERO DI RIPRODUTTORI
Pedigree a parte, la regola aurea nella scelta dei riproduttori è la compensazione di pregi e
difetti del maschio e della femmina. A quei tempi era generalmente difficile trovare buoni
soggetti in entrambi i sessi. Molti Shar Pei avevano un numero tale di difetti che li
escludevano dalla riproduzione. In generale era molto difficile trovare un buon riproduttore
disponibile. Alcuni difetti in cani che per il resto erano rappresentativi della razza venivano
tollerati e i soggetti inseriti in piani di allevamento, difetti quali orecchie troppo grandi,
lingue non correttamente pigmentate, temperamento troppo aggressivo......
Ci sono stati alcuni difetti cui ho fatto particolare attenzione....muso appuntito, muso troppo
largo e corto, prognatismo, coda attaccata bassa, temperamento inappropriato.
Nei primi tempi in cui ho allevato occorreva una buona dose di fortuna, molto tempo e sforzi
per ottenere buoni soggetti da accoppiare e buoni cuccioli. Quando ciò succedeva e nasceva
un buon cane, inbreeding e linebreeding erano pratiche usuali al fine di fissare i tratti
migliori nella linea di sangue in un periodo relativamente breve. Nondimeno, questo tipo di
accoppiamenti devono essere utilizzati con la massima attenzione.
In quei giorni, accanto ai miei piani di allevamento per la rinascita dello Shar Pei avevo un
altro sogno: che un giorno, in futuro questi combattenti potessero sfilare orgogliosamente
accanto a tutti gli altri cani di razza pura nei rings delle esposizioni, gareggiando alla pari
degli altri per le loro bellissime caratteristiche.......NON PIU' PER COMBATTERE.
Fly UP