...

corte costituzionale l`autonomia negoziale nel fine vita

by user

on
Category: Documents
1

views

Report

Comments

Transcript

corte costituzionale l`autonomia negoziale nel fine vita
CORTE COSTITUZIONALE
SERVIZIO STUDI
STAGE 2015
L’AUTONOMIA NEGOZIALE NEL FINE VITA
***
a cura di L. E. Perriello
gennaio 2016
STU 291
L’AUTONOMIA NEGOZIALE NEL FINE VITA
SOMMARIO
1. Il testamento biologico: precisazioni terminologiche. Il consenso informato quale
elemento essenziale del contratto con il medico e presupposto di legittimità del
suo intervento. La dimensione individuale e collettiva del diritto alla salute:
l’efficacia immediatamente precettiva dell’art. 32 Cost. Dalla negazione
dell’autonoma risarcibilità del danno alla salute all’unitarietà e atipicità della
lesione delle situazioni esistenziali. ..................................................................................... 7
2. Il contenuto dell’autodeterminazione anticipata: la discussa disponibilità della
vita umana. Il superamento del dogma della volontà in àmbito sanitario
attraverso la meritevolezza della scelta esistenziale. Il divieto di eutanasia e di
accanimento terapeutico. La natura negoziale delle direttive anticipate e la
rilevanza dell’autonomia a contenuto non patrimoniale. L’efficacia di
disponibilità unisoggettiva insita nell’atto di disposizione del proprio corpo. Il
carattere non vincolante, né meramente persuasivo, delle direttive anticipate: la
necessaria contestualizzazione. ......................................................................................... 12
3. L’infondatezza della distinzione tra capacità giuridica e capacità d’agire nel
contesto delle situazioni non patrimoniali. La capacità di intendere e di volere
quale requisito sufficiente di validità. L’inadeguatezza della prescrizione della
forma scritta: la valorizzazione dell’identità del paziente. ............................................ 18
4. La carenza di una legislazione sul fine vita: il margine di apprezzamento dello
Stato. La non persuasività degli argomenti addotti a sostegno dell’inutilità di
una legge. La rivalutazione dei princípi rispetto alle regole nell’apertura e
complessità dell’ordinamento. L’auspicata responsabilizzazione della dottrina
in chiave non positivistica e la sottoposizione del giudice al «diritto». ......................... 21
5
1. Il testamento biologico: precisazioni terminologiche. Il consenso informato quale
elemento essenziale del contratto con il medico e presupposto di legittimità del suo
intervento. La dimensione individuale e collettiva del diritto alla salute: l’efficacia
immediatamente precettiva dell’art. 32 Cost. Dalla negazione dell’autonoma
risarcibilità del danno alla salute all’unitarietà e atipicità della lesione delle
situazioni esistenziali.
Nell’àmbito del fine vita l’autonomia negoziale si esplica nel testamento biologico, definito come
quel «documento con il quale una persona, dotata di piena capacità, esprime la sua volontà circa i
trattamenti ai quali desidera o non desidera essere sottoposto nel caso in cui, nel decorso di una
malattia o a causa di traumi improvvisi non fosse in grado di esprimere il proprio consenso o il proprio
dissenso informato» 1.
L’inadeguatezza dell’espressione «testamento biologico», mutuata dall’inglese living will, è stata
evidenziata in relazione alle differenze funzionali con il negozio testamentario2. Il testamento
biologico produce i suoi effetti in un momento in cui l’autore è ancóra in vita, seppur nella fase
terminale; di qui, sarebbe preferibile ricorrere a termini diversi, quali «dichiarazioni» o «direttive»
anticipate di trattamento.
Non convince, per contro, l’osservazione che l’irriducibilità del testamento biologico al testamento
tout court dipenda dall’aver quest’ultimo un’efficacia tipicamente patrimoniale, in quanto dispositiva
di diritti e doveri per il tempo successivo alla morte del testatore 3. Il testamento, invero, tutela
soprattutto la persona del de cuius, consentendo la sopravvivenza dell’anima attraverso la disciplina
delle proprie sostanze e, piú in generale, dei propri rapporti giuridici, anche non patrimoniali4.
Solo in tale prospettiva il termine «testamento» può risultare appropriato, ravvisando in esso il
carattere di discorso o, in senso letterario, di monologo, destinato ad essere attuato in un momento in
cui l’autore non ha alcuna possibilità di controllarne l’esecuzione 5.
L’attuazione del testamento biologico rimanda all’alleanza terapeutica tra il medico e il paziente, la
quale deve improntare tutte le fasi del trattamento sanitario. Se il malato pienamente capace è in grado
di instaurare un dialogo consapevole con il medico riguardo ai trattamenti cui intende o meno
sottoporsi, nel momento in cui avvenga la perdita di coscienza il consenso informato del paziente è
recuperato attraverso la rilevanza giuridica di quanto anticipatamente consacrato nelle direttive 6.
1
Parere del Comitato Nazionale di Bioetica 18 dicembre 2003, intitolato «Dichiarazioni anticipate di
trattamento», consultabile su http://presidenza.governo.it/bioetica/testi/ Dichiarazioni_anticipate_trattamento.pdf
(ultima visita 23 dicembre 2015).
2
G. BONILINI, Testamento per vita e amministrazione di sostegno, in AA.VV., Testamento biologico:
riflessioni di dieci giuristi, Milano, 2006, p. 189 ss., 191-192; D. CARUSI, Tutela della salute, consenso alle cure,
direttive anticipate: l’evoluzione del pensiero privatistico, in Riv. crit. dir. priv., 2009, 1, p. 7 ss., 17 ss.; S.
RODOTÀ, Perché laico, Roma-Bari, 2010, p. 83; ID., La vita e le regole: tra diritto e non diritto, Milano, 2006, p.
252.
3
Il rilievo è di G. FERRANDO, Testamento biologico, in Enc. dir., Ann. VII, 2014, p. 990 ss.
4
Sul testamento come risposta all’aspirazione umana all’immortalità dell’anima e, dunque, emanazione del
diritto di personalità, cfr. G.W. LEIBNITZ, Nova methodus discendae docendaeque iurisprudentiae (1667), 12, p.
XX; A. ROSMINI, Filosofia del diritto, Intra, 1865, p. 574 ss., 579; H. AHRENS, Corso di diritto naturale o di
filosofia del diritto, trad. it. di A. Marghieri, 2, Napoli, 1872, p. 296 ss., 298.
5
P. RESCIGNO, La scelta del testamento biologico, in AA.VV., Testamento biologico: riflessioni, cit., p. 15
ss., 16-17.
6
Si veda il parere del Comitato Nazionale di Bioetica 18 dicembre 2003, cit., per il quale le dichiarazioni
hanno il compito «di rendere ancora possibile un rapporto personale tra il medico e il paziente proprio in quelle
situazioni estreme in cui non sembra poter sussistere alcun legame tra la solitudine di chi non può esprimersi e la
solitudine di chi deve decidere».
7
Il principio del consenso informato, quale manifestazione dell’adesione consapevole del paziente al
trattamento sanitario, è stato assunto dalla Corte costituzionale quale criterio ispiratore dell’attività
medica. Esso sintetizza due diritti fondamentali: il diritto all’autodeterminazione (art. 13 Cost.) e il
diritto alla salute (art. 32 Cost.) 7. La persona ha il diritto – non il dovere – di curarsi, in quanto
l’esigenza di salute non può determinare una lesione della libertà di autodeterminarsi in ordine alle
scelte esistenziali relative al proprio benessere. Il paziente non è piú destinatario inerte della cura
medica, ma ne è attivo protagonista, poiché il trattamento è sempre frutto di un percorso concordato
con il medico, sul quale incombe il dovere di colmare l’asimmetria informativa.
In tale prospettiva, il consenso informato non è soltanto elemento essenziale del contratto concluso
con il medico8, ma è anche presupposto di legittimità del suo intervento 9. Il medico che non abbia
acquisito il consenso del paziente, dopo averlo adeguatamente informato, incorre in responsabilità
contrattuale per il danno alla salute patito, anche se l’intervento sia stato correttamente eseguito
secundum legis artis, ma il paziente deve fornire la prova che, ove compiutamente informato, avrebbe
7
Corte cost., 23 dicembre 2008, n. 438, con nota di R. BALDUZZI e D. PARIS, Corte costituzionale e consenso
informato tra diritti fondamentali e ripartizione delle competenze legislative, in Giur. cost., 2008, 6, p. 4945. Il
consenso informato riceve una tutela multilivello. La Convenzione sui diritti dell’uomo e la biomedicina, firmata
ad Oviedo il 4 aprile 1997, ratificata dall’Italia con l. 28 marzo 2001, n. 145 (sebbene non risulti ancóra
depositato, presso il Consiglio d’Europa, lo strumento di ratifica), prevede, all’art. 5, che «un intervento nel
campo della salute non può essere effettuato se non dopo che la persona interessata abbia dato consenso libero e
informato». La Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea, sottoscritta a Nizza il 7 dicembre 2000,
sancisce, all’art. 3, che «nell’ambito della medicina e della biologia devono essere in particolare rispettati: il
consenso libero e informato della persona interessata». Quanto alla legislazione nazionale, la legge istitutiva del
servizio sanitario nazionale prevede che «gli accertamenti ed i trattamenti sanitari sono di norma volontari» (art.
33, l. 23 dicembre 1978, n. 833). Specifiche applicazioni sono previste in tema di procreazione medicalmente
assistita (art. 6, l. 19 febbraio 2004, n. 40) e di attività trasfusionali (art. 3, l. 21 ottobre 2005, n. 219). Il principio
del consenso informato è altresí consacrato nell’art. 35 del codice di deontologia medica. In dottrina, cfr. F.
DASSANO, Il consenso informato al trattamento terapeutico tra valori costituzionali, tipicità del fatto di reato e
limiti scriminanti, Torino, 2006; D. MORANA, A proposito del fondamento costituzionale per il consenso
informato ai trattamenti sanitari: considerazioni a margine della sent. n. 438 del 2008 della Corte
costituzionale, in Giur. cost., 2008, p. 4970 ss.; C. CORAGGIO, Il consenso informato: alla ricerca dei principi
fondamentali della legislazione statale, in Giur. cost., 2008, p. 4981 ss.; G. MARINI, Il consenso, in S. RODOTÀ e
P. ZATTI (a cura di), Trattato di biodiritto. Ambito e fonti del biodiritto, Milano, 2010, p. 361 ss.; M. GRAZIADEI,
Il consenso informato e i suoi limiti, in L. LENTI, E. PALERMO FABRIS e P. ZATTI (a cura di), Trattato di
biodiritto. I diritti in medicina, Milano, 2011, p. 191 ss.; N. CALLIPARI, Il consenso informato nel contratto di
assistenza sanitaria, Milano, 2012, p. 9 ss.; A. CILENTO, Oltre il consenso informato. Il dovere di informare
nella relazione medico-paziente, Napoli, 2014, p. 9 ss.
8
La legge istitutiva del servizio nazionale (l. 23 dicembre 1978, n. 833) ha consolidato l’idea del contratto tra
assistito e amministrazione sanitaria, concluso all’atto dell’accettazione per il ricovero o per la cura: F.
GALGANO, Contratto e responsabilità contrattuale nell’attività medica, in Riv. trim., 1984, 3, p. 710 ss.
L’obbligo a contrarre a carico dell’amministrazione fa sí che il diritto soggettivo del paziente alla fruizione del
servizio diventi diritto al contratto avente ad oggetto il servizio, azionabile secondo le norme della responsabilità
contrattuale. Sulla natura contrattuale del rapporto tra paziente e medico o struttura sanitaria, cfr. altresí R. DE
MATTEIS, La responsabilità medica. Un sottosistema della responsabilità civile, Padova, 1995; P.G. MONATERI,
Le fonti delle obbligazioni. La responsabilità civile, in Tratt. dir. civ. Sacco, Torino, 1998, p. 751 ss.; U.
RUFFOLO e B. GRAZZINI, Il problema della responsabilità medica, in U. RUFFOLO (a cura di), La responsabilità
medica. Le responsabilità contrattuali ed extracontrattuali, per colpa ed oggettive, del medico e degli enti
sanitari, privati e pubblici, Milano, 2004, p. 5 ss.; G. ALPA, La responsabilità civile. Parte generale, Milano,
2010, p. 883 ss.
9
Se manca il consenso dell’interessato, il prelievo di sangue, pur necessario per le indagini genetiche
nell’àmbito di un procedimento per la dichiarazione giudiziale di paternità, non può essere effettuato: Cass., 24
febbraio 1997, n. 1661, in Fam. dir., 1997, p. 105. Similmente, v. Cass., 15 settembre 2008, n. 23676, in Resp.
civ. prev., 2009, 10, p. 2108, per la quale è legittimo il dissenso all’emotrasfusione manifestato dal testimone di
Geova.
8
verosimilmente rifiutato l’intervento, non potendo altrimenti ricondursi all’inadempimento
dell’obbligo di informazione alcuna rilevanza causale sul danno 10.
Tutto ciò investe una nuova dimensione del diritto alla salute, che è concepito non piú nella sua
portata esclusivamente pubblicistica – come interesse della collettività – ma, ora e sempre di piú, come
diritto fondamentale della persona, pienamente operante nei rapporti tra i privati 11.
All’art. 32 Cost. non si attribuisce un ruolo programmatico, di mero indirizzo per il legislatore
futuro – come vorrebbe un’angusta lettura delle norme costituzionali, che ne neghi l’applicabilità
diretta nei rapporti privatistici – bensí un’efficacia immediatamente precettiva e costitutiva di una
posizione giuridica direttamente tutelata dalla carta costituzionale12. La salute non si esaurisce nel
diritto all’assistenza sanitaria, la cui lesione può farsi valere nei confronti della pubblica
10
L’aggravamento dell’onere probatorio a carico del paziente è imposto da Cass., 9 febbraio 2010, n. 2847,
in Foro it., 2010, 7-8, I, c. 2113, per la quale il risarcimento per gli effetti lesivi o mortali subiti a séguito di un
intervento necessario, correttamente eseguito, non potrebbe fondarsi soltanto sull’inadempimento, da parte del
medico, dell’obbligo informativo, dal momento che difetterebbe l’ulteriore e necessaria prova del nesso di
causalità tra la mancata acquisizione del consenso e il pregiudizio alla salute. Ulteriori precisazioni sono offerte
da Cass., 6 giugno 2014, n. 12830, in Resp. civ. prev., 2014, 4, p. 1362, secondo la quale, ove si tratti di un
trattamento non necessario (nella specie, un intervento di chirurgia estetica), la circostanza che il risultato
perseguito dal paziente non sia normalmente declinabile in termini di tutela della salute fa presumere che il
consenso non sarebbe stato prestato se l’informazione fosse stata data e rende, pertanto, superfluo l’accertamento
del nesso di causalità da cui, invece, non si può prescindere quando l’intervento sia volto alla tutela della salute e
la stessa risulti pregiudicata da un intervento pur necessario e correttamente eseguito. Sul punto, si vedano
altresí, nella giurisprudenza piú recente, Cass., 28 luglio 2011, n. 16543, in Giust. civ., 2013, 5-6, I, p. 1169;
Cass., 27 novembre 2012, n. 20984, in Riv. it. med. leg., 2013, 3, p. 1497; Cass., 31 luglio 2013, n. 18334, in
Resp. civ. prev., 2014, 2, p. 569; Cass., 11 dicembre 2013, n. 27751, in Guida dir., 2014, 6, p. 97; Cass., 13
febbraio 2015, n. 2854, ivi, 2015, 21, p. 68. In dottrina, sulla responsabilità medica per violazione del consenso
informato, cfr. A. DONATI, Consenso informato e responsabilità da prestazione medica, in Rass. dir. civ., 2000,
1, p. 1 ss.; M. GORGONI, Ancora dubbi sul danno risarcibile a seguito di violazione dell’obbligo di informazione
gravante sul sanitario, in Resp. civ. prev., 2010, p. 1014 ss.; A. DI MAJO, La responsabilità da violazione del
consenso informato, in Corr. giur., 2010, p. 1201 ss.; E. ROSSI, Profili giuridici del consenso informato: i
fondamenti costituzionali e gli ambiti di applicazione, in A. D’ALOIA (a cura di), Il diritto alla fine della vita.
Principi, decisioni, casi, Napoli, 2012, p. 77 ss.; M.F. LO MORO, Mancato consenso informato e responsabilità
del medico, in Danno resp., 2013, p. 1119 ss.; P. RESCIGNO, Il consenso informato. Responsabilità civile della
struttura sanitaria e del medico, in AA.VV., La responsabilità medica, Milano, 2013, p. 91 ss.; A. CILENTO,
Oltre il consenso informato, cit., p. 71 ss.
11
Sulla duplice dimensione del diritto alla salute, individuale e soggettiva l’una (la salute come
«fondamentale diritto dell’individuo»), sociale e oggettiva l’altra (la salute come «interesse della collettività»),
cfr. Corte cost., 26 luglio 1979, n. 88, in Rass. dir. civ., 1980, p. 190 ss.; Corte cost., 22 giugno 1990, n. 307, in
Foro amm., 1991, p. 640; Corte cost., 18 aprile 1996, n. 118, in Giur. cost., 1996, p. 1006; Corte cost., 26
febbraio 1998, n. 27, in Foro amm., 1999, p. 565; Corte cost., 22 giugno 2000, n. 226, in Foro it., 2001, I, c. 5;
Corte cost., 16 ottobre 2000, n. 423, ivi, 2001, I, c. 4. In dottrina, sull’interpretazione costituzionale del diritto
alla salute, cfr. L. MONTUSCHI, Sub Art. 32, in Comm. cost. Branca, Bologna-Roma, 1976, p. 146 ss.; A.
SANTOSUOSSO, Dalla salute pubblica all’autodeterminazione: il percorso del diritto alla salute, in M. BARNI e
A. SANTOSUOSSO (a cura di), Medicina e diritto, Milano, 1995, p. 75 ss.; P. VERONESI, Salute e
autodeterminazione: i principi costituzionali, in D. CARUSI, S. CASTIGLIONE e G. FERRANDO (a cura di), Rifiuto
di cure e direttive anticipate. Diritto vigente e prospettive di regolamentazione, Torino, 2012, p. 55 ss.; G.M.
FLICK, La salute nella Costituzione italiana: un diritto fondamentale, un interesse di tutti, in AA.VV., La
responsabilità medica, cit., p. 15 ss.; P. MEZZANOTTE, Tutela della salute tra compiti pubblici, autonomia
privata e principio di sussidiarietà, in M. SESTA (a cura di), L’erogazione della prestazione medica tra diritto
alla salute, principio di autodeterminazione e gestione ottimale delle risorse sanitarie, Santarcangelo di
Romagna (Rn), 2014, p. 45 ss.
12
Le fasi che hanno portato all’attuale interpretazione dell’art. 32 Cost., da norma meramente programmatica
a norma immediatamente precettiva, sono ben scandite da R. ROLLI e A. PINNA, Il diritto alla salute, in M.
SESTA e V. CUFFARO (a cura di), Persona, famiglia e successioni nella giurisprudenza costituzionale, Napoli,
2006, p. 3 ss., 5-6.
9
amministrazione, ma assume una rilevanza anche nei rapporti intersoggettivi, quale parametro della
liceità e della meritevolezza dell’attività umana 13.
L’interesse della collettività, se può giustificare l’imposizione di una misura sanitaria anche senza il
consenso dell’interessato, giammai potrebbe delegittimare la tutela risarcitoria conseguente alla
lesione dell’interesse individuale alla salute. In tale direzione, la giurisprudenza costituzionale
riconosce il diritto all’indennizzo per il danno derivante da complicanze di tipo irreversibile a causa di
vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni e somministrazione di emoderivati (art. 1, l. 25 febbraio 1992, n.
210), anche a coloro che si siano sottoposti a vaccinazioni non obbligatorie ma fortemente
raccomandate dalle autorità sanitarie 14.
La salute non è un bene autonomamente tutelato, ma è una situazione giuridica inscindibile rispetto
al valore della persona umana. Ciò impone una lettura dell’art. 32 Cost. in maniera non separata
rispetto alla clausola generale di tutela della persona (art. 2 Cost.) 15. Sí che la salute non si esprime
solo nell’integrità fisica della persona, ossia nell’assenza di malattia, bensí coinvolge una dimensione
complessiva di benessere psico-fisico del soggetto, non avulsa dalle circostanze culturali, sociali e
ambientali 16. Trattasi di una visione identitaria e storicizzata della salute, che non è piú correlata allo
standard oggettivo dell’uomo sano, ma si parametra necessariamente all’esperienza individuale. Il
contenuto del diritto si relativizza nel tempo.
La salute diviene, cosí, un aspetto non statico ma dinamico e funzionale della persona, che non può
esaurirsi nello schema formale del diritto soggettivo, investendo piuttosto una serie atipica e
potenzialmente illimitata di situazioni giuridiche.
Il collegamento della salute con la persona appare di fondamentale importanza, perché induce a
superare una ristretta visione della responsabilità civile legata alla patrimonialità dell’interesse leso,
nonché a rivedere la netta demarcazione tra responsabilità contrattuale ed extra-contrattuale.
E’ noto, infatti, che l’art. 2059 c.c., che àncora la risarcibilità del danno non patrimoniale
all’espressa previsione di legge, ha ricevuto a lungo un’interpretazione ostativa al ristoro della lesione
di situazioni giuridiche esistenziali.
13
In tal senso, v. P. PERLINGIERI, Il diritto alla salute quale diritto della personalità, in Rass. dir. civ., 1982,
p. 1020 ss. e ora in ID., La persona e i suoi diritti. Problemi del diritto civile, Napoli, 2005, p. 101 ss., 104-105
(da cui si cita), il quale chiosa che la salute «è nozione esprimibile non soltanto dal punto di vista strettamente
sanitario, ma anche da quello comportamentale, sociale ed ambientale».
14
Cosí, Corte cost., 26 aprile 2012, n. 107, in Giur. cost., 2012, 2, p. 1452, sul rilievo decisivo che «in un
contesto di irrinunciabile solidarietà, […] la misura indennitaria appare per se stessa destinata non tanto, come
quella risarcitoria, a riparare un danno ingiusto, quanto piuttosto a compensare il sacrificio individuale ritenuto
corrispondente a un vantaggio collettivo».
15
P. PERLINGIERI, Il diritto alla salute, cit., pp. 104-106, e ivi ulteriori riferimenti.
16
Sulla dimensione identitaria del diritto alla salute, cfr. P. ZATTI, Dimensioni e aspetti dell’identità nel
diritto privato attuale, in AA.VV., L’identità nell’orizzonte del diritto privato, Padova, 2007, p. 1 ss.; ID.,
Rapporto medico-paziente e “integrità” della persona, in Nuova giur. civ. comm., 2008, 12, II, p. 403 ss.; V.
DURANTE, La salute come diritto della persona, in S. CANESTRARI, G. FERRANDO, C.M. MAZZONI, S. RODOTÀ e
P. ZATTI (a cura di), Trattato di biodiritto. Il governo del corpo, Milano, 2011, p. 579 ss. Per la nota distinzione
tra l’essere vivi, in senso biologico, e l’avere una vita, in senso biografico, si veda J. RACHELS, La fine della vita.
La moralità dell’eutanasia, Torino, 1989, p. 11 ss. In giurisprudenza, v., di recente, Cons. St., 2 settembre 2014,
n. 4460, in Foro amm., 2014, 9, p. 2229, ove si legge che «la nozione statica e “medicale” di salute, legata cioè
ad una dimensione oggettiva e fissa del benessere psico-fisico della persona, deve cedere il passo ad una
concezione soggettiva e dinamica del concreto contenuto del diritto alla salute, che si costruisce nella continua e
rinnovata dialettica medico-paziente, di modo che tale contenuto, dal suo formarsi, al suo manifestarsi sino al
suo svolgersi, corrisponda effettivamente all’idea che di sé e della propria dignità, attraverso il perseguimento
del proprio benessere, ha il singolo paziente per realizzare pienamente la sua personalità, anzitutto e soprattutto
nelle scelte, come quelle di accettare o rifiutare le cure, che possono segnarne il destino». Anche la Costituzione
dell’Organizzazione mondiale della sanità definisce la salute come «uno stato di completo benessere fisico,
mentale e sociale», non consistente solo «in un assenza di malattia o d’infermità».
10
Influenzata dalla bipartizione del sistema risarcitorio in danni patrimoniali, risarcibili ai sensi
dell’art. 2043 c.c., e danni non patrimoniali, risarcibili ai sensi dell’art. 2059 c.c., la giurisprudenza
qualificava come non patrimoniale il danno alla persona, tra cui anche il danno alla salute,
assoggettandone la risarcibilità alla tipicità prevista dalla seconda disposizione 17. Il danno non
patrimoniale si riteneva risarcibile solo in quanto danno morale soggettivo, consistente nell’ingiusto
turbamento dello stato d’animo o nello stato di angoscia transeunte ingenerato dal fatto illecito
previsto dalla legge penale come reato (art. 185 c.p.). Viceversa, le conseguenze di natura patrimoniale
della lesione della salute (si pensi alla perdita o diminuzione della capacità lavorativa, alle spese
mediche) erano risarcibili ai sensi dell’art. 2043 c.c. Ne derivava la negazione dell’autonoma
risarcibilità del danno alla salute, con la conseguenza aberrante di negare la tutela risarcitoria a
soggetti incapaci di produrre reddito.
Dopo un travagliato iter, la giurisprudenza ha riconosciuto l’autonoma rilevanza della
menomazione dell’integrità psicofisica della persona in sé considerata, indipendentemente
dall’attitudine a produrre ricchezza, risarcibile quale danno biologico ai sensi del combinato disposto
dell’art. 32 Cost. e dell’art. 2043 c.c. 18
In tempi recenti, si è attribuita unitarietà al danno non patrimoniale, il quale non è suscettibile di
parcellizzazione in sottocategorie diversamente etichettate, aventi piuttosto una funzione meramente
descrittiva. In caso contrario, si sottoporrebbe la risarcibilità del danno non patrimoniale all’atipicità,
in spregio alla lettera dell’art. 2059 c.c. 19
Il nuovo corso della giurisprudenza, se da un lato si apprezza per l’aver ricondotto ad unitarietà il
danno non patrimoniale, dall’altro sembra censurabile nella parte in cui ne condiziona la risarcibilità
alla tipicità contemplata dall’art. 2059 c.c. In un ordinamento, come il nostro, fondato sulla clausola
generale della tutela della persona, non ha senso discorrere di atipicità per la lesione di interessi
patrimoniali, risarcibili ai sensi dell’art. 2043 c.c., e tipicità, o addirittura tassatività, per la lesione di
interessi non patrimoniali. Una simile visione spezzerebbe la necessaria unitarietà del valore della
persona. Appare, piuttosto, convincente l’interpretazione che riconduce la risarcibilità della lesione di
qualsiasi interesse giuridicamente rilevante, sia patrimoniale che non patrimoniale, all’art. 2043 c.c.,
residuando all’art. 2059 c.c. un àmbito di applicazione limitato al danno morale soggettivo da reato, sí
da ammettere la risarcibilità del danno non patrimoniale anche in assenza di ipotesi tassativamente
predeterminate 20.
17
Cfr. Ass. Padova, 10 dicembre 1984, in Giur. it., 1985, II, c. 350; App. Palermo, 18 settembre 1985, in Riv.
giur. circol. trasp., 1986, p. 794; Trib. Roma, 31 ottobre 1985, ivi, 1986, p. 546.
18
Sulla risarcibilità del danno biologico si vedano, ex plurimis, Cass., 6 giugno 1981, n. 3675, con nota di G.
ALPA, Danno biologico e diritto alla salute davanti alla Corte di Cassazione, in Giust. civ., 1981, I, p. 1905 ss.;
Cass., 3 aprile 1990, n. 2761, in Giust. civ. Mass., 1990, 7; Cass. 29 settembre 1999, n. 10762, in Giust. civ.
Mass., 1999, p. 2027; Cass., 21 maggio 2001, n. 6895, in Giust. civ. Mass., 2001, p. 1016; Cass., 5 luglio 2001,
n. 9090, in Resp. civ. prev., 2001, p. 1224; Cass., 27 giugno 2007, n. 14852, in Arch. giur. circol., 2007, 12, p.
1289.
19
Cass., Sez. un., 11 novembre 2008, n. 26972, con nota di P.G. MONATERI, Il pregiudizio esistenziale come
voce del danno non patrimoniale, in Resp. civ. prev., 2009, 1, p. 38 ss. La sentenza appare altresí significativa
per la statuizione che il danno non patrimoniale da inadempimento contrattuale può essere domandato con
un’unica azione ex contractu, qualora l’inadempimento abbia leso diritti inviolabili della persona, senza la
necessità di ricorrere all’artificio del cumulo delle azioni. La pronuncia delle Sezioni unite è stata anticipata dalle
note sentenze «gemelle» del 2003: Cass., 31 maggio 2003, nn. 8827 e 8828, in Foro it., 2003, I, cc. 2272 ss. e
2275 ss., per le quali la tutela risarcitoria della persona va ricondotta al sistema bipolare del danno patrimoniale e
non patrimoniale, quest’ultimo comprensivo del danno biologico in senso stretto, del danno morale soggettivo
come tradizionalmente inteso e dei pregiudizi diversi ed ulteriori, purché costituenti conseguenza della lesione di
un interesse costituzionalmente protetto.
20
In tal senso, v. P. PERLINGIERI, L’art. 2059 c.c. uno e bino: una interpretazione che non convince, in Rass.
dir. civ., 2003, 3, p. 775 ss.; ID., L’onnipresente art. 2059 c.c. e la “tipicità” del danno alla persona, ivi, 2009, 2,
11
2. Il contenuto dell’autodeterminazione anticipata: la discussa disponibilità della vita
umana. Il superamento del dogma della volontà in àmbito sanitario attraverso la
meritevolezza della scelta esistenziale. Il divieto di eutanasia e di accanimento
terapeutico. La natura negoziale delle direttive anticipate e la rilevanza
dell’autonomia a contenuto non patrimoniale. L’efficacia di disponibilità
unisoggettiva insita nell’atto di disposizione del proprio corpo. Il carattere non
vincolante, né meramente persuasivo, delle direttive anticipate: la necessaria
contestualizzazione.
La visione del consenso informato come sintesi del diritto alla salute e all’autodeterminazione, in
collegamento con il valore della persona umana, induce a svolgere una riflessione sul contenuto del
testamento biologico.
Il dibattito sull’estensione dell’autodeterminazione anticipata è aperto, tra quanti discorrono di
indisponibilità della vita, o di una parziale disponibilità, e quanti, invece, esaltano l’assoluta libertà del
soggetto in relazione alla propria esistenza. Il nodo della questione è se la persona possa rifiutare
anche trattamenti salvavita tra cui, in particolare, l’idratazione e l’alimentazione artificiale. Se taluni
sottolineano l’irrinunciabilità di azioni mediche di sostegno vitale, che assolverebbero una funzione
non curativa ma meramente facilitativa dello svolgimento delle funzioni vitali, finché il sostegno sia
ben recepito dall’organismo e non si configuri quale accanimento terapeutico 21, altri, invece, rilevano
che, a prescindere dalla natura terapeutica o sanitaria, trattasi pur sempre di trattamenti invasivi della
sfera fisica, illeciti se non consentiti 22.
p. 520 ss.; E. CAPOBIANCO, Lesione di interessi esistenziali della persona e loro risarcibilità: il c.d. danno
esistenziale. Il contributo della «Rassegna di diritto civile», in P. PERLINGIERI (a cura di), Temi e problemi della
civilistica contemporanea. Venticinque anni della Rassegna di diritto civile, Napoli, 2005, p. 123 ss.; A.
FLAMINI, Danno biologico e danno non patrimoniale: percorsi e ricorsi, in Studi in memoria di Elio Fanara,
Milano, 2008, p. 555 ss.; E.A. EMILIOZZI, Il danno alla persona. Profili sistematici e ricostruttivi, Napoli, 2008;
F. TESCIONE, Per una concezione unitaria del danno non patrimoniale (anche da contratto) oltre l’art. 2059 c.c.,
in Rass. dir. civ., 2009, 2, p. 530 ss.; A. MALOMO, Responsabilità civile: unitarietà della persona umana e
aticipità delle situazioni da tutelare, in Corti salernitane, 2011, 3-4, p. 127 ss.; S. DEPLANO, Danno alla persona
e responsabilità civile (Cass., 11 novembre 2008, n. 26972), in G. PERLINGIERI e G. CARAPEZZA FIGLIA (a cura
di), L’«interpretazione secondo Costituzione» nella giurisprudenza. Crestomazia di decisioni giuridiche, II,
Napoli, 2012, p. 505 ss., per il quale la pronuncia delle Sezioni unite del 2008 non è condivisibile là dove
«statuisce di effettuare una “interpretazione costituzionalmente orientata” dell’art. 2059 c.c., nel riconoscere
anche alla Costituzione il valore di “legge” che determina la risarcibilità del danno non patrimoniale, affermando
di preservare cosí la tipicità prevista dalla previsione normativa. I giudici, infatti, piú che un’interpretazione
costituzionalmente orientata, sembrano, al contrario, realizzare una lettura della Costituzione alla luce di una
disposizione codicistica, non a caso definita “di rinvio”». In giurisprudenza, cfr. Corte cost., 14 luglio 1986, n.
184, in Giust. civ., 1986, I, p. 2324, per la quale «l’art. 2043 c.c., correlato all’art. 32 Cost., va necessariamente
esteso fino a comprendere il risarcimento, non solo dei danni in senso stretto patrimoniali ma (esclusi […] i
danni morali subiettivi) tutti i danni che, almeno potenzialmente, ostacolano le attività realizzatrici della persona
umana». Nello stesso senso, v. Cass., 7 giugno 2000, n. 7713, in Foro it., 2001, I, c. 187.
21
In tal senso, v. P. MOROZZO DELLA ROCCA, Capacità di volere e rifiuto delle cure, in Eur. dir. priv., 2014,
2, p. 387 ss., 450. Similmente, v. G. IADECOLA, Note critiche in tema di “testamento biologico”, in Riv. it. med.
leg., 2003, 3-4, p. 473 ss., 479 ss., il quale precisa che il paziente non potrebbe esercitare il diritto di morire
dinanzi al medico, essendo costui titolare di una posizione di garanzia della salute del malato affidato alle sue
cure.
22
Cfr. G. FERRANDO, Testamento biologico, cit., pp. 1015-1016; G. CRICENTI, Il diritto di rifiutare le cure.
Critica delle distinzioni irrilevanti, in Eur. dir. priv., 2011, 3, p. 681 ss. Piú diffusamente, sulla questione se
l’idratazione e l’alimentazione forzata siano qualificabili come trattamenti medici, v. P. VERONESI, Il corpo e la
Costituzione, Milano, 2007, p. 228 ss. In giurisprudenza, v. Cass., 16 ottobre 2007, n. 21748, in Giust. civ., 2007,
11, I, p. 2366, per la quale «deve escludersi che il diritto alla autodeterminazione terapeutica del paziente
12
Dal punto di vista della morale cattolica, la vita è sacra e, dunque, indisponibile. Per l’uomo la vita
è un dono di Dio, sí che non può disporne. L’uomo possiede una natura ontologica data da Dio,
rispetto alla quale, piú che decidere, risulta deciso 23.
Di là da qualsiasi riflessione morale sull’indisponibilità della vita, un punto fondamentale va subito
chiarito. L’autodeterminazione, perché sia espressione della dignità dell’uomo, non deve tradursi nel
capriccio o nell’arbitrio, pena il ritorno al dogma della volontà come valore da tutelare ad ogni costo.
L’autodeterminazione non deve esercitarsi soltanto in maniera non illecita, vale a dire non contraria a
norme imperative, all’ordine pubblico o al buon costume, ma deve altresí esplicarsi in un’attività
meritevole di tutela per l’ordinamento. In qualsiasi esercizio di autodeterminazione vi deve essere il
riscontro della meritevolezza insita nella dignità umana, altrimenti l’autonomia diventa puro arbitrio.
Sí che un gesto che risolve la propria esistenza, sia pur lecito – è noto che l’ordinamento non sanziona
il tentativo di suicidio, ma solo il suicidio assistito – non appare meritevole24.
Ciò induce a superare l’imperialismo della volontà in àmbito sanitario, insito in quelle logiche
«proprietarie» del diritto all’autodeterminazione, che ricostruiscono il diritto di disporre della propria
salute alla stregua di un diritto di proprietà. L’atto di disposizione di una situazione esistenziale,
invero, non può affatto equipararsi al negozio con cui si dispone di una situazione proprietaria 25: basti
incontri un limite allorché da esso consegua il sacrificio del bene della vita»; e Cass., 15 settembre 2008, n.
23676, cit., secondo la quale «va riconosciuto al paziente un vero e proprio diritto di non curarsi, anche se tale
condotta lo esponga al rischio stesso della vita». Nel parere del Comitato nazionale per la bioetica 24 ottobre
2008, intitolato «Rifiuto e rinuncia consapevole al trattamento sanitario nella relazione paziente-medico»,
consultabile su http://presidenza.governo.it/bioetica/pareri_abstract/rifiuto_rinuncia_consapevole_paziente_
medico_24102008.pdf (ultima visita 23 dicembre 2015), sono emerse posizioni divergenti sulla possibilità di
rifiutare trattamenti salva-vita.
23
Cfr. G. CRICENTI, Il diritto di rifiutare le cure, cit., p. 681 ss., il quale osserva che vi sono eccezioni al
principio della indisponibilità della vita nella stessa morale cattolica, al riguardo citando il martire che sacrifica
la vita in vista di un bene superiore; la teoria del doppio effetto, secondo cui l’azione che abbia due effetti, uno
positivo e l’altro negativo, non è proibita se l’effetto negativo è previsto ma non voluto; ed infine, la distinzione
tra mezzi proporzionati e mezzi sproporzionati, i primi moralmente obbligatori, i secondi elettivi.
Sull’indisponibilità della vita nel magistero della Chiesa, si veda altresí M. CANONICO, Eutanasia e testamento
biologico nel Magistero della Chiesa cattolica, in Dir. fam. pers., 2010, 1, p. 335 ss. Sull’idea della sacralità
della vita in chiave secolarizzata, v. R. DWORKIN, Il dominio della vita. Aborto, eutanasia, libertà individuale,
Milano, 1994.
24
Sulla limitatezza dell’autodeterminazione e l’oggettivizzazione della dignità umana, cfr. P. PERLINGIERI, Il
diritto alla salute, cit., p. 126, il quale ricorda che «il filone culturale del personalismo non costituisce un ritorno
al dogma della volontà individuale ed egoistica: esso si completa e si integra con il solidarismo. […] Al centro
dell’ordinamento, infatti, è la persona non come volontà di realizzarsi libertariamente ma come valore da
preservare e da realizzare anche nel rispetto di se stesso»; C. CASTRONOVO, Autodeterminazione e diritto
privato, in Eur. dir. priv., 2010, 4, p. 1037 ss., il quale, premesso che l’autodeterminazione non compare nella
teoria classica del negozio giuridico come determinazione della volontà volta a produrre effetti giuridici, avverte
che l’autodeterminazione non può obliterare altri valori costituzionali, tra cui il diritto alla vita, che pure sottende
tutti i diritti, altrimenti diventerebbe un valore non credibile perché proverebbe troppo; L. BALESTRA,
L’autodeterminazione nel «fine vita», in Riv. trim., 2011, 4, p. 1009 ss.; P. MOROZZO DELLA ROCCA, Capacità di
volere, cit., 2014, 2, p. 402, il quale, avverso l’imperialismo della volontà, auspica la costruzione di un diritto
all’autodeterminazione che non può avere ad oggetto l’autoannientamento della persona ma le diverse modalità
dell’essere, secondo una concezione oggettiva della dignità umana «il cui contenuto è […] rimesso alla capacità
dell’interprete di tradurvi l’assiologia immanente nell’ordinamento giuridico senza distorcerla secondo la propria
personale visione delle cose».
25
P. PERLINGIERI, Il diritto alla salute, cit., p. 127; A. NICOLUSSI, Al limite della vita: rifiuto e rinuncia ai
trattamenti sanitari, in Quad. cost., 2010, 2, p. 269 ss. La configurabilità del diritto sul proprio corpo come
diritto proprietario è in voga soprattutto negli Stati Uniti: G. CRICENTI, I diritti sul corpo, Napoli, 2008, p. 138
ss.
13
solo pensare che il consenso al trattamento sanitario deve essere personale ed attuale, ed è revocabile
in qualsiasi momento 26.
L’autonomia è, dunque, tutelata, purché rivendichi la dignità della persona. La ragione per cui la
persona non può decidere di non vivere non va individuata nelle norme, di origine precostituzionale,
che vietano gli atti di disposizione del proprio corpo quando cagionino una diminuzione permanente
dell’integrità fisica (art. 5 c.c.) oppure che sanzionano l’omicidio del consenziente (art. 579 c.p.) 27.
Ragionare in questi termini significherebbe invertire la gerarchia delle fonti, interpretando la
Costituzione alla luce delle disposizioni codicistiche, peraltro fondate sulla tutela del patrimonio piú
che della persona 28.
Né vale il richiamo a visioni religiose che proclamino l’indisponibilità della vita, che pur
potrebbero scontare l’obiezione di una loro estraneità ad una discussione laica sul fine vita.
Risolutivo appare, piuttosto, il rilievo che la negazione della propria esistenza è un atto sí lecito ma
non meritevole di tutela, in quanto contrario alla dignità umana. La valutazione di non illiceità
dell’atto, vale a dire non contrarietà a norme imperative, ordine pubblico e buon costume, non è affatto
sovrapponibile al diverso controllo di meritevolezza. La meritevolezza non si identifica con la
liceità 29, né con la volontà di giuridicizzare il rapporto 30 o con l’assenza di dannosità verso terzi 31, ma
implica una valutazione positiva dell’atto alla luce dell’assiologia dell’ordinamento 32.
26
In àmbito sanitario, il consenso non costituisce accordo, ma assenso, ossia una manifestazione di volontà
che non si coniuga con un’altra volontà, con la conseguenza che esso non crea un vincolo, ma soltanto
un’autorizzazione per il medico: C. CASTRONOVO, Autodeterminazione, cit., p. 1053. Sui requisiti del consenso
negli atti a contenuto non patrimoniale, si veda L. DI BONA, I negozi giuridici a contenuto non patrimoniale,
Napoli, 2000, p. 64 ss.
27
In tal senso, invece, C. CASTRONOVO, Autodeterminazione, cit., p. 1051, per il quale dall’art. 5 c.c. è
possibile ricavare meglio che da altri luoghi normativi l’inesistenza di un diritto al suicidio.
28
Come osserva G.M. FLICK, A proposito di testamento biologico: spunti per una discussione, in Pol. dir.,
2009, 4, p. 509 ss., 519-520. Sul punto, v. anche C. CASONATO, Consenso e rifiuto di cure in una recente
sentenza della Cassazione, in Quad. cost., 2008, 3, p. 545 ss., 551-554.
29
Sulla coincidenza tra liceità e meritevolezza, cfr. G. GORLA, Il contratto. Problemi fondamentali trattati
con il metodo compativo e casistico, I, Milano, 1954, p. 199 ss.; G.B. FERRI, Causa e tipo nella teoria del
negozio giuridico, Milano, 1966, p. 172 ss., 345 ss.; ID., Ancora in tema di meritevolezza dell’interesse, in Riv.
dir. comm., 1979, p. 1 ss.; A. GUARNIERI, Meritevolezza dell’interesse e utilità sociale del contratto, in Riv. dir.
civ., 1994, I, p. 799 ss.; V. ROPPO, Il contratto, in Tratt. Iudica-Zatti, Milano 2001, pp. 424-425; M. GAZZARA,
Considerazioni in tema di contratto atipico, giudizio di meritevolezza e norme imperative, in Riv. dir. priv.,
2003, p. 55 ss.
30
F. GAZZONI, Atipicità del contratto, giuridicità del vincolo e funzionalizzazione degli interessi, in Riv. dir.
civ., 1978, I, p. 62 ss.
31
F. DI MARZIO, Il contratto immeritevole nell’era del post-moderno, in ID., Illiceità, immeritevolezza,
nullità, Napoli, 2004, p. 141 ss.
32
L’atto meritevole di tutela non è semplicemente l’atto lecito, ma l’atto che attua l’ordine giuridico dei
valori. Sul punto, cfr. L. LONARDO, Meritevolezza della causa e ordine pubblico, Napoli-Camerino, 1978, p. 28
ss.; M.A. URCIUOLI, Liceità della causa e meritevolezza dell’interesse nella prassi giurisprudenziale, in Rass.
dir. civ., 1985, p. 752 ss.; P. PERLINGIERI, Il diritto civile nella legalità costituzionale secondo il sistema italocomunitario delle fonti, Napoli, 2006, p. 334 ss.; F. CRISCUOLO, Autonomia negoziale e autonomia contrattuale,
in Tratt. dir. civ. CNN, diretto da P. Perlingieri, Napoli, 2008, p. 189. In giurisprudenza, v. Cass., 19 giugno
2009, n. 14343, in Vita not., 2009, 3, p. 1441, la quale, dopo aver richiamato la distinzione tra liceità e
meritevolezza, ha ritenuto nulla la clausola di un contratto di locazione che vietava l’ospitalità non temporanea di
persone estranee al nucleo familiare anagrafico, sul rilievo che una simile clausola confligge «con
l’adempimento dei doveri di solidarietà che si può manifestare attraverso l’ospitalità offerta per venire incontro
ad altrui difficoltà e [può] altresí confliggere con la tutela dei rapporti sia all’interno della famiglia fondata sul
matrimonio sia di una convivenza di fatto tutelata in quanto formazione sociale, o con l’esplicazione di rapporti
amicizia». Per la disamina di un caso giurisprudenziale riguardante un contratto non meritevole, nonché per
ulteriori riferimenti, si veda I. PRISCO, Squilibrio del regolamento e immeritevolezza del contratto, in G.
PERLINGIERI e G. CARAPEZZA FIGLIA (a cura di), L’«interpretazione secondo Costituzione», II, cit., p. 345 ss.
Nel senso, invece, che la meritevolezza non assurge a strumento di controllo di validità dell’autonomia
14
Ciò, ovviamente, non comporta che l’individuo abbia un dovere di vivere, dal momento che
l’ordinamento non può imporre trattamenti sanitari che non siano giustificati anche da un interesse
collettivo legato alla salute pubblica (art. 32 Cost.).
La persona, in definitiva, ha un diritto di vivere ma non un diritto di morire. Inequivocabile è la
giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo, là dove avverte che l’art. 2 C.e.d.u., che
riconosce il diritto alla vita, non può essere interpretato nel senso di conferire l’opposto diritto alla
morte; nemmeno potrebbe fondare un diritto all’autodeterminazione inteso come diritto di preferire la
morte alla vita 33.
Occorre, in ogni caso, sgombrare il campo da qualsiasi possibile confusione tra eutanasia e
accanimento terapeutico. È evidente che con le direttive anticipate la persona non possa optare per
l’eutanasia, ossia esprimere la volontà che, ove si trovi in uno stato di incoscienza dovuto ad una
malattia o ad un trauma improvviso, le sia somministrato un farmaco idoneo a cagionare la morte. Per
contro, il paziente, sia cosciente, sia incosciente, quest’ultimo attraverso lo strumento delle direttive
anticipate, è legittimato a rifiutare l’accanimento terapeutico, ossia la somministrazione di trattamenti
da cui non possa ragionevolmente attendersi un beneficio per la salute del malato o un miglioramento
della qualità della vita. Se, infatti, l’eutanasia non appare meritevole di tutela nel nostro ordinamento,
il rifiuto dell’accanimento terapeutico costituisce un legittimo e meritevole esercizio di autonomia ove
espresso nelle direttive anticipate, in quanto impone il valore della dignità umana nei confronti di cure
che appaiono sproporzionate rispetto al fine ultimo del beneficio per la salute.
L’accanimento terapeutico è, del resto, vietato sia dalla deontologia medica 34, sia dalla morale
cristiana 35. La persona che si oppone all’accanimento terapeutico, anche in via anticipata, non esercita
un diritto di morire, secondo una manifestazione di volontà che, per quanto detto, non sarebbe
meritevole, ma il diverso diritto a che la sua vita non sia protratta artificialmente mediante trattamenti
sproporzionati 36.
Ricostruita l’estensione dell’autodeterminazione nel fine vita in questi termini, non può dubitarsi
dell’inquadramento delle direttive anticipate tra i negozi giuridici non patrimoniali. Le direttive
anticipate sono un atto con funzione precettiva nei confronti del personale sanitario, predisponendo un
regolamento della relazione di cura, attraverso la manifestazione del consenso o del rifiuto nei
confronti di determinati trattamenti sanitari. Esse, dunque, dettano la regola dispositiva volta ad
incidere sugli effetti che l’atto è destinato a produrre, sia pure entro i limiti previsti dall’ordinamento37.
negoziale, ma serve semplicemente a tracciare i binari entro cui l’autonomia può operare: M. BIANCA, Alcune
riflessioni sul concetto di meritevolezza degli interessi, in Riv. dir. civ., 2011, 6, I, p. 789 ss.
33
Trattasi del caso Pretty c. Regno Unito 29 aprile 2002, in Foro it., 2003, IV, c. 57.
34
Art. 16 del nuovo codice di deontologia medica, approvato il 18 maggio 2014.
35
Cfr. M. CANONICO, Eutanasia e testamento biologico, cit., p. 335 ss., il quale, citando il Magistero
ecclesiastico espresso da Giovanni Paolo II, Lett. enc. Evangelium vitae, 25 marzo 1995, n. 65, ricorda che
dall’eutanasia «va distinta la decisione di rinunciare al cosiddetto accanimento terapeutico […]. Si dà certamente
l’obbligo morale di curare e di farsi curare, ma tale obbligo deve misurarsi con le situazioni concrete; occorre,
cioè, valutare se i mezzi terapeutici a disposizione siano oggettivamente proporzionati alle prospettive di
miglioramento. La rinuncia a mezzi straordinari o sproporzionati non equivale al suicidio o all’eutanasia;
esprime, piuttosto, l’accettazione della condizione umana di fronte alla morte».
36
Cfr. P. D’ADDINO SERRAVALLE, Atti di disposizione del corpo e tutela della persona umana, Napoli, 1983,
p. 99 ss., per la quale il rifiuto alla prosecuzione artificiale della vita costituirebbe esercizio non già del diritto di
morire, incompatibile con il nostro sistema di valori, bensí del diritto alla vita intesa non come sopravvivenza,
ma come possibilità di attuare la propria personalità. Ne deriverebbe una diversa valutazione dell’omicidio del
consenziente, sanzionabile solo qualora la richiesta di porre fine alla vita non sia espressione del diritto alla
propria vita naturale.
37
T. PASQUINO, Autodeterminazione e dignità della morte, Padova, 2009, p. 83 ss.
15
All’asserita natura negoziale non può opporsi la non completa coincidenza tra effetti voluti ed
effetti giuridici: il negozio giuridico può produrre – anzi produce normalmente – effetti che non siano
voluti dall’autore. Elemento essenziale del negozio è, allora, l’efficacia innovativa e dispositiva,
idonea, cioè, a creare nuove situazioni giuridiche in capo agli interessati, incidendo sul preesistente
regolamento di interessi 38.
Sembra che qualsiasi negazione della natura negoziale e contestuale riferimento alla categoria
dell’atto giuridico in senso stretto39 siano dovute all’obsoleta diffidenza verso il contenuto non
patrimoniale del negozio, all’errata idea che il negozio possa riguardare solo il patrimonio e non la
persona. La patrimonialità è un requisito strutturale dell’obbligazione e del contratto, storicamente
mutevole, che delimita l’àmbito delle norme applicabili a tali fattispecie. La negoziabilità, viceversa, è
categoria concettuale piú ampia, coincidente con la meritevolezza degli interessi, anche esistenziali,
perseguiti dalle parti 40.
Il negozio giuridico ha oggi acquisito spazi inediti proprio nell’àmbito delle situazioni esistenziali,
tradizionalmente ritenute aliene all’autonomia privata. Può notarsi, anzi, che se nella sfera
patrimoniale l’autonomia subisce sempre piú intense intrusioni dovute all’emersione di nuovi stati (si
pensi, per tutti, allo status di consumatore), nelle situazioni personali l’autonomia ha ridefinito il
rapporto tra medico e paziente, sostituendosi come espressione di libertà individuale a quella che
prima era una mera discrezionalità tecnica41.
L’atto di disposizione del proprio corpo, in tale contesto, non ha piú l’efficacia tipica dell’art. 5
c.c., vale a dire l’attribuzione del diritto del disponente ad un soggetto antagonista, bensí assume il
significato, del tutto peculiare, di disponibilità unisoggettiva, nel senso di conferire ad altri un potere
decisionale che altrimenti non si avrebbe 42. La titolarità del diritto sul corpo resta in capo al
disponente, ma il negozio attribuisce ad altri la legittimità di disporne.
38
Cfr. L. DI BONA, I negozi giuridici, cit., p. 231 e ivi ulteriori riferimenti critici all’orientamento che
individua nella completa volontarietà degli effetti il discrimine tra i negozi e gli atti giuridici in senso stretto.
39
Sul punto, si veda P. MOROZZO DELLA ROCCA, Capacità di volere, cit., p. 432, il quale sostiene la natura
non negoziale della direttiva anticipata sul rilievo che essa «non impone prestazioni positive, ma solo impedisce
o limita l’esercizio di un’attività altrimenti dovuta o comunque sottoposta ad un vaglio di mera discrezionalità
tecnica da parte del medico, senza nel contempo vincolare l’autore della dichiarazione». Similmente, v. P.
D’ADDINO SERRAVALLE, Atti di disposizione, cit., p. 126 ss., per la quale il consenso al trattamento non assolve
una funzione dispositiva, perché non produce una modificazione del mondo del diritto, conseguente alla
creazione di un regolamento impegnativo di interessi o alla modifica della situazione dell’agente.
40
Sulla rilevanza dell’autonomia negoziale a contenuto non patrimoniale e l’identificazione della
negoziabilità non con la patrimonialità o la contrattualità, ma con la meritevolezza dell’assetto di interessi, cfr.
M.A. URCIUOLI, Autonomia negoziale e diritto all’immagine, Napoli, 2000; L. DI BONA, I negozi giuridici, cit.,
p. 219 ss.; ID., Rapporti a contenuto non patrimoniale e vincolatività del consenso, Pesaro, 2005; G. RESTA,
Autonomia privata e diritti della personalità, Napoli, 2005; P. PERLINGIERI e M.A. URCIUOLI, Atti a contenuto
non patrimoniale, in P. PERLINGIERI, Manuale di diritto civile, 7ª ed., Napoli, 2014, p. 649 ss. Sulla necessità di
funzionalizzare anche i rapporti patrimoniali al rispetto della dignità della persona, il che non implica una
riduzione quantitativa della loro tutela, ma una tutela qualitativamente diversa, cfr. C. DONISI, Verso la
«depatrimonializzazione» del diritto privato, in Rass. dir. civ., 1980, p. 644 ss.; P. PERLINGIERI,
«Depatrimonializzazione» e diritto civile, ivi, 1983, p. 1 ss., ora in ID., Scuole, tendenze e metodi. Problemi del
diritto civile, Napoli, 1989, p. 175 ss.; M. PENNASILICO, L’operatività del principio di conservazione in materia
negoziale, in Rass. dir. civ., 2003, p. 702 ss.; ID., Legalità costituzionale e diritto civile, ivi, 2011, 3, p. 840 ss. In
senso critico, v. A. DE CUPIS, Sulla «depatrimonializzazione» del diritto privato, in Riv. dir. civ., 1982, II, p. 482
ss.
41
C. CASTRONOVO, Il negozio giuridico dal patrimonio alla persona, in Eur. dir. priv., 2009, 1, p. 87 ss.,
107.
42
Cfr. C. CASTRONOVO, Il negozio giuridico, cit., p. 102 ss., il quale osserva che l’atto di disposizione del
proprio corpo «ha la persona come punto di partenza e di arrivo, come autore dell’atto e come destinatario
dell’effetto. Pure nella scelta di morire non si dispone del proprio corpo in favore di altri; e però se ne dispone in
termini integrali e definitivi, attribuendo ad altri non la titolarità, che è inalienabile, bensí i poteri che con parola
16
Se le direttive anticipate costituiscono un peculiare negozio a contenuto non patrimoniale,
dall’efficacia non attributiva ma di disponibilità unisoggettiva, allora non vale richiamare una loro
vincolatività nei confronti del personale sanitario, sotto la suggestione dell’art. 1372 c.c., che sancisce
la forza di legge del contratto tra la parti.
Non c’è dubbio che la volontà espressa anticipatamente nelle direttive è di per sé carente di
attualità, se si intende correttamente l’attualità come possibilità di riesaminare le proprie convinzioni
nel momento in cui richiedono un’attuazione. A fronte di un evento improvviso che determini uno
stato di incoscienza e di impossibilità di esprimere una volontà consapevole, le direttive anticipate, che
non siano state revocate, soltanto formalmente potranno dirsi attuali. La previsione della revocabilità
in qualsiasi momento del testamento biologico non consente, infatti, di affermarne la perdurante
attualità. Non serve obiettare che la volontà anticipata è attuale perché il disponente non abbia
esercitato il potere di revoca 43.
Nondimeno, l’assenza di attualità delle direttive anticipate non consente di ridurle a criterio
meramente orientativo. Occorre, dunque, rifuggire dall’estremo dell’assoluta vincolatività per il
medico, come se la direttive fossero un contratto, ma anche dall’estremo opposto della mera
persuasività. Il medico non è di certo sottoposto ad un obbligo di meccanica esecuzione della volontà
espressa anticipatamente: ciò svilirebbe non soltanto la sua autonomia professionale 44, ma anche la
necessità di accertare la corrispondenza tra la situazione ipotizzata dal paziente e quella concretamente
verificatasi 45.
La volontà anticipata deve essere sempre contestualizzata alla stregua di un giudizio che non può
non tener conto del lasso temporale che interviene tra il momento dell’espressione della volontà e il
momento in cui questa va attuata. In tale lasso, la scienza medica non sta a guardare, ma progredisce
secondo esiti spesso imprevisti o oggettivamente imprevedibili, i quali, viceversa, ove previsti o
conosciuti, avrebbero sensibilmente mutato il quadro di riferimento a disposizione dell’autore delle
direttive.
che suona brutta nel contesto, possiamo chiamare di gestione», e che «tutto questo può dirsi emblematicamente
riassunto nella categoria del consenso informato», atto negoziale unilaterale che non si limita a neutralizzare
l’antigiuridicità, bensí si esercita come potere di controllo circa il se di un’attività devoluta ad un potere altrui. Di
attitudine innovativa o dispositiva dell’atto di disposizione del corpo discorre L. DI BONA, I negozi giuridici, cit.,
p. 224, osservando che il titolare del diritto all’integrità dispone della propria situazione imprimendo sulla stessa
una configurazione giuridica nuova, un diverso assetto regolamentare. Il consenso elimina l’antigiuridicità
dell’intervento medico e lo rende meritevole di tutela, il che costituisce un mutamento nel diritto e del diritto.
43
In tal senso, v. P. MOROZZO DELLA ROCCA, Capacità di volere, cit., p. 440, il quale contesta l’attualità
della volontà espressa nelle direttive, ritenendo piú corretto discorrere di prossimità. Sottolinea la carenza di
attualità delle direttive anche G. IADECOLA, Note critiche in tema di “testamento biologico”, cit., p. 482.
44
Per una valorizzazione dell’autonomia e della responsabilità del medico il quale, con il consenso del
paziente, individua e applica i presidi diagnostici e terapeutici piú adatti, fondando la sua decisione su aggiornate
acquisizioni scientifiche, v. Corte cost., 26 giugno 2002, n. 282, in Foro it., 2003, I, c. 294. Il medesimo
principio è espresso dagli artt. 4 e 13 del codice di deontologia medica.
45
Sulla necessità di contestualizzare le direttive, v. G. FERRANDO, Testamento biologico, cit., p. 1015.
Similmente, v. E. PALMERINI, Cura degli incapaci e tutela dell’identità nelle decisioni mediche, in Riv. dir. civ.,
2008, 3, II, p. 363 ss., 377-379. In senso parzialmente contrario, si esprime A. BELLELLI, Decisioni di fine vita e
disposizioni anticipate di trattamento, in Nuova giur. civ. comm., 2011, 2, p. 85 ss., 88, per la quale ove la
persona si trovi in stato di coma vegetativo permanente o di lesioni cerebrali irreversibili, la decisione anticipata
di rifiutare determinati trattamenti spetterebbe esclusivamente all’interessato, in quanto atto di disposizione della
propria dignità, di fronte al quale il medico «deve fare un passo indietro». Viceversa, ove il paziente si trovi in
uno stato di incapacità transitoria, la disposizione anticipata non sarebbe vincolante per il medico, il quale
«dovrà analizzare la complessità della situazione concreta e valutare la rilevanza degli interessi suscettibili di
essere irrimediabilmente compromessi». Il distinguo non è del tutto persuasivo. Non si vede perché la persona
che si trovi in stato di incapacità irreversibile debba decidere in completa solitudine. Inoltre, non si comprende
perché la decisione del paziente in stato di incapacità transitoria non costituisca parimenti espressione della
propria dignità.
17
Si restituisce cosí un ruolo di dignità al medico, il quale non appare titolare di un potere arbitrario
di discostarsi dal testamento biologico, ma è tenuto a rispettarlo contestualizzandolo. Il pieno rispetto
delle direttive anticipate porterà ad una loro inattuazione tutte le volte in cui il medico accerti la
discrepanza tra quanto ipotizzato dal paziente e quanto effettivamente verificatosi, nonché nel caso in
cui i progressi della medicina siano stati di tale entità che, ove previsti o conosciuti dall’autore delle
direttive, avrebbero indotto una decisione diversa.
Del resto, il medico che accerta che la volontà espressa anticipatamente dal paziente non può
essere attuata perché priva di effettività, non fa altro che rispettare la volontà del paziente 46.
3. L’infondatezza della distinzione tra capacità giuridica e capacità d’agire nel contesto
delle situazioni non patrimoniali. La capacità di intendere e di volere quale
requisito sufficiente di validità. L’inadeguatezza della prescrizione della forma
scritta: la valorizzazione dell’identità del paziente.
Gli eccessi del pancontrattualismo hanno avuto ripercussioni anche nella definizione dei requisiti di
capacità e di forma per la conclusione di valide direttive anticipate. Si è, infatti, osservato che, in
considerazione dell’importanza degli effetti del negozio in questione – concernenti la sfera piú intima
della persona – la forma di capacità che dovrebbe qualificare lo stato soggettivo del dichiarante non
potrebbe essere la naturale capacità di intendere e di volere, dovendo ricorrere altresí la legale capacità
di agire 47.
Può obiettarsi che la distinzione tra capacità giuridica e capacità d’agire ha la sua origine, ed
esprime una ratio ragionevole, nel contesto delle situazioni giuridiche patrimoniali, là dove la capacità
d’agire è requisito di validità del contratto e, piú in generale, del negozio a contenuto patrimoniale, in
quanto esprime la capacità di valutare la convenienza economica dell’atto. Una simile distinzione, per
contro, non può condividersi nel campo delle situazioni esistenziali, dal momento che la persona è tale
a prescindere dalla capacità d’agire, e finanche dalla capacità di intendere e di volere.
Riguardo agli interessi esistenziali della persona, non ha senso distinguere tra l’aspetto statico della
titolarità del diritto (capacità giuridica) e l’aspetto dinamico del suo esercizio (capacità d’agire)48.
Riconoscere la titolarità astratta del diritto senza la possibilità di esercitarlo si risolve nella negazione
del diritto. La persona, dunque, è necessariamente titolare del diritto a contenuto non patrimoniale e, al
contempo, legittimata ad esercitarlo. La dicotomia tra capacità giuridica e capacità d’agire vale per le
sole situazioni patrimoniali.
46
L. BALESTRA, L’autodeterminazione, cit., p. 1028.
In tal senso, cfr. T. PASQUINO, Autodeterminazione, cit., p. 98; D. CARUSI, Per una deliberazione autoesaminata. Idee per una legge sul «testamento biologico», in Ragion pratica, 38, 2012, p. 307 ss., 317-318, il
quale propone la soglia dei sedici anni.
48
Sulla non scindibilità della titolarità e dell’esercizio delle situazioni esistenziali, e il superamento, in tale
contesto, della distinzione tra capacità giuridica e capacità d’agire, si veda P. STANZIONE, Capacità e minore
d’età nella problematica della persona umana, Napoli, 1975; ID., Diritti fondamentali dei minori e potestà dei
genitori, in Rass. dir. civ., 1980, p. 471 ss.; F.D. BUSNELLI, Capacità ed incapacità di agire del minore, in Dir.
fam. pers., 1982, p. 54 ss.; M. GIORGIANNI, In tema di capacità del minore di età, in Rass. dir. civ., 1987, p. 103
ss.; M. BUSSANI, P. CENDON, L. GHEDINI e A. VENCHIARUTTI, I diritti della personalità dei minori: titolarità ed
esercizio, in Riv. crit. dir. priv., 1990, p. 773 ss.; M. DOGLIOTTI, Eclissi della capacità, in Dir. fam. pers., 1986,
1, p. 237 ss.; ID., Che cosa è l’interesse del minore?, ivi, 1992, 4, p. 1093 ss.; F. RUSCELLO, Potestà genitoria e
capacità dei figli minori: dalla soggezione all’autonomia, in Vita not., 2000, 1, I, p. 57 ss.; G. LISELLA, Capacità
di agire, in Enc. bioetica e scienza giuridica, diretta da Sgreccia e Tarantino, III, Napoli, 2010, p. 19 ss.
47
18
Appare, pertanto, ragionevole ritenere sufficiente la capacità naturale ai fini dell’espressione di
valide ed efficaci direttive anticipate 49. Tale capacità potrebbe sussistere ancor prima del compimento
della maggiore età; viceversa, il soggetto maggiorenne, ma incapace di intendere e di volere, non può
validamente definire la propria sorte terapeutica per il tempo in cui non sarà piú cosciente, perché qui
manca quella minima capacità di discernimento che consente di assumere una decisione con adeguata
consapevolezza.
Al contempo, non convince l’idea di imporre la forma scritta per la stesura delle direttive. Secondo
taluni, soltanto la forma scritta garantirebbe la certezza e la serietà dell’intento. La volontà negoziale,
inoltre, richiederebbe una forma tanto piú rigida quanto maggiore è la libertà di cui è espressione, il
che si manifesta emblematicamente nei negozi in cui la volontà della parte forte rischia di prevalere e
di diventare soggezione per la parte debole 50.
Altri si spingono fino ad ipotizzare la competenza del medico di famiglia a ridurre per iscritto le
direttive, delineando a carico del sanitario un complesso sistema di doveri di informazione e di
accertamento della genuinità e consapevolezza dell’intento51.
Di là da qualsiasi formalismo, piú o meno rigido, rilevano l’identità della persona, i suoi
comportamenti, le sue abitudini di vita, la sua cultura, i valori in cui crede, che rimangono tali anche
quando sopravvenga la mancanza della capacità di discernimento. Una simile considerazione impone
la massima valorizzazione della «voce» del paziente, anche là dove non trovi espressione in forma
scritta, e quand’anche si tratti di una volontà presunta 52.
Dirimente non è un asserito principio di libertà delle forme, che pure è stato contestato53, bensí
l’idea che, attesa l’inscindibilità di qualsiasi negozio giuridico nella sua forma e nel suo contenuto, la
disciplina della forma non può che essere delineata nel contesto della disciplina del contenuto del
49
Cosí, P. RESCIGNO, La scelta del testamento biologico, cit., pp. 21-22, per il quale non varrebbe opporre
che le direttive anticipate cesserebbero di produrre effetti nel caso in cui la capacità naturale venga
successivamente meno. Una simile obiezione dovrebbe valere anche per le disposizioni patrimoniali contenute
nel testamento, mentre è noto che il testamento resta efficace anche nel caso in cui il suo autore perda
successivamente la capacità di intendere e di volere.
50
In tal senso, C. CASTRONOVO, Il negozio giuridico, cit., pp. 108-109. Per la forma scritta si esprime anche
F. GAZZONI, Sancho Panza in Cassazione (come si riscrive la norma dell’eutanasia, in spregio al principio di
divisione dei poteri), in Dir. fam. pers., 2008, 1, p. 107 ss., 115-116.
51
D. CARUSI, Per una deliberazione auto-esaminata, cit., pp. 312-313.
52
Cfr. Cass., 16 ottobre 2007, n. 21748, cit., ove si è deciso che il giudice può autorizzare il tutore
dell’interdetto, che giace in uno stato vegetativo, ad interrompere i trattamenti sanitari che lo tengono
artificialmente in vita, ivi compresa l’idratazione e l’alimentazione artificiale, sempre che: a) la condizione di
stato vegetativo sia accertata come irreversibile, secondo riconosciuti standard scientifici, b) l’istanza sia
espressiva della «voce» del paziente, tratta dalla sua personalità, dal suo stile di vita, dai suoi convincimenti. Per
un commento alla pronuncia, v. A. SANTOSUOSSO, La volontà oltre la coscienza: la Cassazione e lo stato
vegetativo, in Nuova giur. civ. comm., 2008, 1, p. 1 ss.; M. AZZALINI, Tutela dell’identità del paziente incapace e
rifiuto di cure: appunti sul caso Englaro, ivi, 2008, 10, p. 331 ss.; F. GAZZONI, Sancho Panza in Cassazione, cit.,
p. 107 ss.
53
Si allude alla contestazione del principio di libertà delle forme contenuta in N. IRTI, Idola liberatatis. Tre
esercizi sul formalismo giuridico, Milano, 1985, p. 19 ss. L’A. osserva che l’unica norma sulla forma è l’art.
1325, n. 4, c.c., che prescrive la nullità del contratto per violazione della forma ad substantiam, mentre non
sarebbe ravvisabile una norma che sancisca un principio di libertà. Non potendosi configurare un rapporto di
regola ed eccezione tra due norme, l’art. 1325 c.c. sarebbe suscettibile di applicazione analogica. Da una norma
prescrittiva di forma non potrebbe togliersi l’esistenza di un principio generale. Contra P. PERLINGIERI, Forma
dei negozi e formalismo degli interpreti, Napoli, 1987, p. 40 ss., il quale esprime un dissenso sul metodo, in
quanto norme sono non soltanto le regole, ma anche i princípi. Non può attribuirsi natura eccezionale ad una
norma secondo un confronto meramente strutturale e descrittivo con un solo principio o una sola regola, ovvero
secondo una contrapposizione positivo-negativo, presenza-assenza. Eccezionale è la norma che risulta tale
all’esito di un confronto con l’intero ordinamento.
19
singolo negozio – che, qui, tende alla realizzazione di interessi esistenziali, irriducibili in rigidi
schematismi – e dell’ordinamento globalmente considerato54.
Si è proposto, in tale direzione, di prevedere, tra le forme per la valida espressione di disposizioni
anticipate, oltre all’atto pubblico e alla scrittura privata autenticata o olografa, le «dichiarazioni orali o
manifestazioni di volontà realizzate attraverso altre procedure adeguate ai mezzi espressivi del
disponente, purché raccolte dal medico responsabile della cura o documentate attraverso registrazione
video da cui risulti la data delle disposizioni»55. Le disposizioni espresse in altra forma, cosí come la
volontà presunta del paziente che emerga da dichiarazioni o da condotte di cui si abbia certa
conoscenza, non sono giuridicamente irrilevanti, ma devono essere tenute in considerazione dal
medico responsabile e da chiunque assista la persona incapace, come fondamento delle decisioni
terapeutiche, in quanto esprimano «in modo inequivoco le convinzioni e preferenze della persona
stessa con riguardo al trattamento medico nella fase finale della sua esistenza», e ciò al fine di
«assicurare alla persona il pieno rispetto di quanto caratterizza la sua identità».
La scelta lessicale per qualificare il comportamento del medico dinanzi alla volontà espressa o
presunta del paziente non è casuale. Se, in presenza di direttive, il medico è tenuto al «pieno rispetto»
delle stesse – si badi, «rispetto» e non «vincolo», che alluderebbe ad un obbligo di stretta e rigida
esecuzione di precetti – in assenza di una volontà manifestata anticipatamente, il medico dovrà «tenere
in considerazione, come fondamento delle decisioni terapeutiche» l’identità del paziente, il che
impone al sanitario di inserire un input fondamentale nel processo decisionale 56.
54
P. PERLINGIERI, Forma dei negozi, cit., p. 41.
Il riferimento è all’art. 23 della «Prova di testo normativo sulla relazione di cura. Princípi, consenso,
urgenza medica, rifiuto e interruzione di cure, dichiarazioni anticipate», in P. ZATTI, Per un diritto gentile in
medicina. Una proposta di idee in forma normativa, in Nuova giur. civ. comm., 2013, II, p. 1 ss.
56
Cfr. art. 21 della «Prova di testo normativo sulla relazione di cura», in P. ZATTI, Per un diritto gentile in
medicina, cit. Stante la difficoltà per il giudice di raggiungere un sereno convincimento sulla volontà del malato
in assenza di prove documentali, taluni alludono a qualsiasi forma da cui risulti chiaramente la manifestazione di
volontà dell’interessato (portando, come esempio, il video memorizzato su un supporto magnetico); tale forma,
in ogni caso, sarebbe non ad substantiam, bensí ad probationem: T. PASQUINO, Autodeterminazione, cit., p. 138.
55
20
4. La carenza di una legislazione sul fine vita: il margine di apprezzamento dello Stato.
La non persuasività degli argomenti addotti a sostegno dell’inutilità di una legge.
La rivalutazione dei princípi rispetto alle regole nell’apertura e complessità
dell’ordinamento. L’auspicata responsabilizzazione della dottrina in chiave non
positivistica e la sottoposizione del giudice al «diritto».
Occorre, a questo punto, interrogarsi sulla necessità di un intervento legislativo in materia. Com’è
noto, manca una legge statale che disciplini le direttive anticipate, sebbene registri di testamenti
biologici siano stati istituiti in diversi Comuni italiani 57. Un maldestro tentativo di dare un impianto
organico al tema del fine vita, peraltro connotato da un contenuto fortemente ideologico e illiberale, è
naufragato nel dibattito parlamentare58.
Il Friuli-Venezia Giulia, recentemente, è stata la prima Regione ad aver istituito il registro
regionale per le libere dichiarazioni anticipate di trattamento sanitario (Dat). La legge, tuttavia, è stata
impugnata dal Governo dinanzi alla Consulta, denunciando, in particolare, la violazione della sfera di
competenza legislativa esclusiva statale in materia di ordinamento civile e la sfera di competenza
legislativa concorrente statale in materia di sanità pubblica, nonché la lesione del principio di
uguaglianza 59.
In un panorama dottrinale in cui molti esortano il legislatore ad intervenire sul tema 60, l’inutilità di
una legge sul testamento biologico è stata, in maniera del tutto isolata, denunciata con argomenti
empirici che, tuttavia, non appaiono decisivi. Si è detto che sarebbe mistificatorio pensare che una
legge avrebbe risolto un caso come quello Englaro, ove il paziente non aveva lasciato espresse
disposizioni, trattandosi, dunque, di ricostruire la sua volontà presunta. L’esistenza di una legge sul
testamento biologico, peraltro, non potrebbe impedire di attribuire rilievo all’identità della persona, al
cospetto di un paziente che non abbia lasciato direttive; l’unico effetto sarebbe quello di restringere le
possibilità di accertare la volontà presunta. Al contempo, si citano statistiche che dimostrerebbero
57
Una dettagliata mappa delle iniziative locali sui registri del testamento biologico è disponibile sul sito:
http://www.associazionelucacoscioni.it/mappa-delle-iniziative-sul-registro-del-testamento-biologico
(ultima
visita 12 dicembre 2015).
58
Il riferimento è al ddl C.2350, intitolato «Disposizioni in materia di alleanza terapeutica, di consenso
informato e di dichiarazioni anticipate di trattamento», approvato dal Senato il 26 marzo 2009 e dalla Camera,
con emendamenti, il 12 luglio 2011, infine trasmesso al Senato per l’approvazione definitiva. La fine anticipata
della legislatura ha determinato la decadenza della proposta legislativa. Critiche verso il ddl sono state espresse
da piú parti; v., ex plurimis, A. BELLELLI, Decisioni di fine vita e disposizioni anticipate di trattamento, cit., p.
85 ss.; D. CARUSI, Per una deliberazione auto-esaminata, cit., p. 307 ss.
59
Legge del Friuli-Venezia Giulia, 13 marzo 2015, n. 4, impugnata dal Governo con ricorso n. 55 del 2015,
pubblicato in Gazzetta Ufficiale 24 giugno 2015, n. 25. A séguito del ricorso, la Regione ha modificato il
provvedimento contestato mediante l. 10 luglio 2015, n. 16, la quale, tuttavia, è stata nuovamente impugnata dal
Governo con ricorso n. 87 del 2015, pubblicato in Gazzetta Ufficiale 11 novembre 2015, n. 45. La disciplina
regionale prevede la possibilità per il cittadino di presentare all’Asl la dichiarazione anticipata della volontà di
essere o meno sottoposto a trattamenti sanitari in caso di malattia o lesione cerebrale che cagioni una perdita di
coscienza definibile come permanente e irreversibile secondo i protocolli scientifici riconosciuti a livello
internazionale. Nella dichiarazione anticipata, l’interessato può nominare uno o piú fiduciari, per l’interlocuzione
e il contraddittorio con il servizio sanitario regionale concernente la dichiarazione medesima.
60
Cfr. M. AZZALINI, Le disposizioni anticipate del paziente: prospettiva civilistica, in Trattato di biodiritto.
Il governo del corpo, cit., p. 1935 ss., 1958 ss.; P. ZATTI, Le «disposizioni del paziente»: ci vorrebbe un
legislatore, in Nuova giur. civ. comm., 2009, 7-8, II, p. 313 ss. Anche il Documento approvato dal Consiglio
Nazionale della Federazione Nazionale Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (FNOMCeO), riunitosi a
Terni il 13 giugno 2009, invoca l’intervento del legislatore con un «diritto mite», che non invada, cioè,
l’autonomia del paziente e quella del medico.
21
come negli Stati Uniti – ove alla legislazione dei singoli Stati si affianca anche una disciplina federale
– il ricorso alle Dat è stato, negli anni, del tutto irrisorio 61.
E’ pacifico che lo Stato abbia un margine di apprezzamento nel disciplinare le questioni del fine
vita, sia quanto alla possibilità di interrompere i trattamenti artificiali di sostegno vitale, sia quanto al
bilanciamento tra il diritto alla vita e quello all’autodeterminazione 62.
Sembra, tuttavia, che nel tema che qui interessa – dove le peculiarità della persona per identità,
cultura, età, religione, tipo di malattia rilevano al punto da richiedere una disciplina quanto piú
adeguata al caso concreto – imporre una disciplina legislativa precisa e puntuale finirebbe per
schiacciare tali peculiarità, ledendo l’uguaglianza sostanziale, che impone di trattare situazioni diverse
in maniera diversa.
Di fronte ad un Parlamento, come il nostro, che non legifera sul tema, occorre rivalutare i princípi
rispetto alle regole. Il positivismo giuridico ci ha illuso che le norme giuridiche si esaurissero in regole
precise, puntuali e dettagliate le quali, nella velleità di prevedere tutte le ipotesi possibili, rivelano
invece una limitatezza di fondo 63.
Il giurista ha, ora, a che fare con l’esplosione di un sistema ordinamentale complesso e, soprattutto,
aperto: complesso, perché si articola in fonti diverse, che non si identificano piú esclusivamente con lo
Stato; aperto, in quanto integrato e coordinato con le fonti internazionali e comunitarie. L’abbandono
della chiusura nazionalista e statalista rispetto alle fonti esterne, già espresso dall’art. 11 Cost., è stato
confermato dalla nuova formulazione dell’art. 117, comma 1, Cost.
Norme, dunque, non sono soltanto le regole. Norme sono anche i princípi presenti nella carta
costituzionale, nelle consuetudini e nelle convenzioni internazionali, nel diritto comunitario,
costituendo parte integrante e inscindibile dell’ordinamento giuridico italiano. Tali princípi esprimono
valori, cui bisogna ispirarsi, attraverso l’interpretazione assiologica, per dare risposte a casi concreti
che, nell’assenza di una norma di dettaglio, non possono restare senza tutela. Asserire che se il
Parlamento non legifera si annullerebbe la tutela dei diritti fondamentali, significherebbe negare la
Costituzione, che non è affatto un mero programma politico, bensí è fonte direttamente applicabile.
L’inerzia del legislatore non può tradursi in un vuoto di tutela 64.
61
Per tali rilievi, v. A. SIMONCINI e O. CARTER SNEAD, Persone incapaci e decisioni di fine vita (con uno
sguardo oltreoceano), in Quad. cost., 2010, 1, p. 7 ss., 22-24.
62
Il punto è ben sottolineato dalla Corte europea dei diritti dell’uomo nel recente caso Lambert e altri c.
Francia, del 5 giugno 2015, consultabile in inglese su http://hudoc.echr.coe.int/eng?i=001-155352 (ultima visita
19 dicembre 2015). La Corte precisa che spetta ai singoli Stati l’organizzazione del processo volto all’assunzione
di una decisione sull’interruzione del trattamento, compresa l’individuazione della persona legittimata a prendere
la decisione finale, con la precisazione, tuttavia, che la decisione deve fondarsi sul consenso del paziente,
quand’anche questi sia impossibilitato ad esprimere la propria volontà. Per un primo commento alla pronuncia,
v. C. CASONATO, Un diritto difficile. Il caso Lambert tra necessità e rischi, in Nuova giur. civ. comm., 2015, 9,
II, p. 489 ss. La medesima Corte, in un altro caso recente riguardante il divieto di suicidio assistito e di eutanasia
nel Regno Unito, Nicklinson e Lamb c. Regno Unito, del 23 giugno 2015, disponibile in inglese su
http://hudoc.echr.coe.int/eng?i=001-156476 (ultima visita 19 dicembre 2015), ha ribadito che gli Stati sono liberi
di determinare se la competenza ad assumere decisioni che rientrano nel loro margine di apprezzamento spetti al
Parlamento, al Governo o alla Magistratura. Nel Regno Unito, il divieto di suicidio assistito e di eutanasia è il
risultato di una precisa scelta parlamentare, sí che costringere le corti ad esprimersi nel merito di un ricorso
avverso tale divieto potrebbe avere l’effetto di imporre su di esse un ruolo istituzionale non contemplato
dall’ordine costituzionale interno. La Corte conclude che il Parlamento è il luogo piú adatto per una scelta in
materia, in considerazione del suo impatto etico, filosofico e sociale.
63
Per una critica serrata al positivismo giuridico e la rivendicazione della rilevanza giuridica dei princípi, v.
R. DWORKIN, Taking Rights Seriously, Cambridge (Ma), 1977.
64
Sul punto, v. in particolare R. ROMBOLI, Il caso Englaro: la Costituzione come fonte direttamente
applicabile dal giudice, in Quad. cost., 2009, 1, p. 91 ss., 92, il quale osserva che «le continue innovazioni
prodotte dall’evoluzione dei risultati raggiunti dalla scienza e dalla tecnologia impongono una ineliminabile
mediazione giudiziaria, anche declinando in maniera diversa le categorie giuridiche tradizionali per rispondere
22
I valori fondamentali della persona umana, della sua dignità, della salute, dell’autodeterminazione,
della solidarietà fanno parte non soltanto della nostra Costituzione, ma del costituzionalismo europeo
che, prendendo le mosse da una logica esclusivamente mercantilistica – quella sottesa al Trattato di
Roma del 1957, che istituí la Comunità Economica Europea – si è evoluto verso una concezione
personalistica e solidaristica, ove i diritti e le libertà fondamentali sanciti nella Carta di Nizza hanno lo
stesso valore giuridico dei Trattati (art. 6 Tratt. UE). E della svolta personalistica ha preso atto anche
la Corte di Giustizia 65.
L’armonizzazione dei sistemi degli Stati Membri in chiave depatrimonializzata ha determinato la
riscoperta dei princípi e l’introduzione, nell’ermeneutica giuridica, dell’interpretazione comparativa, di
cui ha fatto ampio uso anche la nostra giurisprudenza nel dare risposte ai problemi del fine vita 66.
Tutto ciò non può che portare ad una responsabilizzazione della giurisprudenza e della dottrina,
perché ragionino in maniera non del tutto positivistica, nel senso che ove la norma di dettaglio manchi,
la soluzione non potrà che essere rinvenuta nei princípi 67.
Dal canto suo, il giudice non è sottoposto soltanto alla legge, se si intende per essa la legge formale
dello Stato e delle Regioni. Una simile interpretazione del principio di legalità di cui all’art. 101 Cost.
non terrebbe conto dell’apertura e della complessità dell’ordinamento. Il giudice, piuttosto, è
sottoposto al «diritto» 68, come del resto sancisce anche la Costituzione tedesca 69. E il diritto non è
alle specifiche vicende individuali, “alle quali non ci si può sottrarre senza negare giustizia a chi la chiede”
(Rodotà, Se la legge regola la vita e la morte, in la Repubblica, 18 settembre 2008 […])». In senso analogo, v.
D. CARUSI, Rifiuto di cure e direttive anticipate: diritto vigente e prospettive di regolamentazione, in Pol. dir.,
2011, 4, p. 695 ss., 704.
65
Sin da Corte giust., 12 novembre 1969, c. 29/69, Erich Stauder c. Stadt Ulm-Sozialamt, in Racc., 1969, p.
419 ss., è stato affermato che i diritti fondamentali della persona fanno parte dei princípi generali del diritto
comunitario, di cui la Corte garantisce l’osservanza. Piú di recente, cfr. Corte giust., 14 ottobre 2004, c. 36/02,
Omega Spielhallen und Automatenaufstellungs GmbH c. Oberbürgermeisterin der Bundesstadt Bonn, in Racc.,
2004, p. I-9641 ss., la quale ha stabilito che «il diritto comunitario non osta a che un’attività economica
consistente nello sfruttamento commerciale di giochi di simulazione di omicidi sia vietata da un provvedimento
nazionale adottato per motivi di salvaguardia dell’ordine pubblico perché tale attività viola la dignità umana».
66
L’uso del metodo comparativo è alla base della decisione della Suprema Corte nel caso «Englaro», Cass.,
16 ottobre 2007, n. 21748, cit., in cui si fa esplicito riferimento all’art. 1111-10 del code da la santè publique
francese, inserito dalla L. 22 aprile 2005, n. 370, alla sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo del 29
aprile 2002, nel caso Pretty c. Regno Unito, ed alla sentenza 26 giugno 1997 della Corte Suprema degli Stati
Uniti, nel caso V. e altri c. Q. e altri. Per una rassegna delle soluzioni offerte in altri ordinamenti, v. C.H. BARON,
The Right to Die: Themes and Variations, in Trattato di biodiritto. Il governo del corpo, cit., p. 1841 ss.
67
Cfr. P. ZATTI, Consistenza e fragilità dello ius quo utimur in materia di relazione di cura, in Nuova giur.
civ. comm., 2015, 1, II, p. 20 ss., in particolare 24 ss., il quale indica, come ostacolo all’applicazione dei princípi
enunciati dalla Corte costituzionale e dalla Cassazione, «la vecchia cultura del giurista-leguleio e del burocrate
amministrativo, che replica modelli validi – quando lo sono – per strutture di servizi che non hanno a che fare
con l’intima essenza della persona». L’A. riconosce che il diritto vigente della relazione di cura è adeguato, a
livello di princípi, alla scopo di creare un ambiente di certezza in cui la buona prassi sia favorita, benché «in
diversi punti, questo buon diritto non è dotato, per ragioni legate al nostro sistema, di certezza inconfutabile nella
navigazione giudiziale». Fortemente critico verso i princípi appare F. GAZZONI, Sancho Panza in Cassazione,
cit., p. 122, nota 29.
68
Significativo, in tal senso, è l’insegnamento di Corte cost., 5 febbraio 1998, n. 11, in Giur. it., 1998, p.
2123, la quale osserva che «spetta al giudice del caso concreto, attraverso l’esercizio pieno dei poteri di
interpretazione della legge e del diritto […] risolvere conformemente alla Costituzione il problema che la rilevata
lacuna normativa in ipotesi determina». Similmente, v. Corte cost., 26 settembre 1998, n. 347, in Giur. it., 1999,
p. 461, per la quale in una «situazione di carenza legislativa, spetta al giudice ricercare nel complessivo sistema
normativo l’interpretazione idonea ad assicurare la protezione [dei] beni costituzionali». In dottrina, v. G.M.
FLICK, A proposito di testamento biologico, cit., p. 510, il quale mette in guardia dai «colpi d’ascia del
legislatore, per vedere confermate le proprie certezze», ritenendo fondamentale il bilanciamento tra i valori
compiuto dal giudice, in concreto e caso per caso, nel quadro dei princípi definiti dalla legge.
69
Il riferimento è all’art. 20, comma 3, della Legge fondamentale per la Repubblica federale tedesca, ai sensi
del quale «la legislazione è soggetta all’ordinamento costituzionale, il potere esecutivo e la giurisdizione sono
23
esclusivamente la legge: il diritto è cultura, identificandosi anche con le fonti extra ordinem e i
princípi del sistema italo-comunitario.
Il giudice che abbia una cultura moderna non si arresterà di fronte alla mancanza di un articolo di
legge, ma troverà, in un ordinamento complesso, che dialoga con fonti di provenienza e ranghi
eterogenei, la soluzione piú ragionevole, proporzionata e adeguata rispetto al caso concreto, in cui non
rileverà mai un soggetto astratto, ma una persona con la sua identità, che è anche la sua storia, la sua
cultura e i valori in cui crede 70.
soggetti alla legge e al diritto», secondo la traduzione curata da Roberto Zanon per il sito del Consiglio regionale
Veneto (http://www.consiglioveneto.it/crvportal/BancheDati/costituzioni/de/zGermania_sin.pdf) (ultima visita
23 dicembre 2015), sulla scorta della traduzione italiana pubblicata in E. PALICI DI SUNI PRAT, F. CASELLA e M.
COMBA (a cura di), Le Costituzioni dei Paesi dell’Unione Europea, della versione francese curata da C.
AUTEXIES per conto dell’Ufficio stampa e informazione del Governo federale tedesco e della versione inglese
pubblicata in S.E. FINER, V. BOGDANOR e B. RUDDEN (a cura di), Comparing Constitutions, Oxford, 1998.
70
In un contesto in cui il giudice è chiamato a decidere su questioni del fine vita, taluni hanno denunciato la
lesione del principio di divisione dei poteri: F. GAZZONI, Sancho Panza in Cassazione, cit., p. 121 ss. In realtà, la
soggezione del giudice alla legge non significa automaticamente soggezione al legislatore. La giurisdizione non
è un’attività dichiarativa, ma sostanzialmente creativa: A. RIDOLFI, Rifiuto delle terapie mediche e testamento
biologico in Italia: aspetti problematici e spunti critici, in Pol. dir., 2011, 4, p. 599 ss., 603 ss. È, altresí,
significativo che la Corte costituzionale, nel respingere il ricorso proposto dal Parlamento per conflitto di
attribuzione nel caso «Englaro», ha affermato che «l’ammissibilità di un conflitto avente ad oggetto atti
giurisdizionali sussiste solo quando sia contestata la riconducibilità della decisione o di statuizioni in essa
contenute alla funzione giurisdizionale, o si lamenti il superamento dei limiti, diversi dal generale vincolo del
giudice alla legge, anche costituzionale, che essa incontra nell’ordinamento a garanzia di altre attribuzioni
costituzionali» e che «un conflitto di attribuzione nei confronti di un atto giurisdizionale non può ridursi alla
prospettazione di un percorso logico-giuridico alternativo rispetto a quello censurato, giacché il conflitto di
attribuzione non può essere trasformato in un atipico mezzo di gravame avverso le pronunce dei giudici»: Corte
cost., 8 ottobre 2008, n. 334, in Giur. cost., 2008, 5, p. 3713. Sui limiti dell’attività creativa dei giudici, v. A.
BARBERA, «Nuovi diritti»: attenzione ai confini, in L. CALIFANO (a cura di), Corte costituzionale e diritti
fondamentali, Torino, 2004, p. 19 ss.
24
Fly UP